Apri il menu principale
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Calcio Padova.
A.C. Padova
Stagione 2008-2009
AllenatoreItalia Carlo Sabatini,

poi Italia Attilio Tesser,

poi Italia Carlo Sabatini
PresidenteItalia Marcello Cestaro
Lega Pro Prima Divisione4º posto, promozione in serie B al termine dei play-off
Coppa ItaliaQuarto turno
Maggiori presenzeCampionato: Rabito (34)
Miglior marcatoreCampionato: Varricchio (10)

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti il Calcio Padova nella stagione 2008-2009.

StagioneModifica

Reduce da un buon campionato in cui aveva sfiorato l'accesso ai play-off, nella stagione 2008-09 il Padova gioca il suo undicesimo campionato di Lega Pro (ex Serie C) – di cui 9 in Prima Divisione (l'ottavo consecutivo in Prima Divisione dalla stagione 2001-2002) e 2 in Seconda Divisione – e prende parte insieme ad altre squadre di Lega Pro e Serie D alla Coppa Italia con le squadre di Serie A e B (come nell'edizione 2005-06).

Il 17 settembre 2008, dopo un avvio non incoraggiante in campionato dove racimola due punti in tre partite, viene eliminato dal Catania al quarto turno di Coppa Italia per 4-0 dopo che aveva eliminato il Pontedera, il Piacenza e il Chievo, presentandosi così al quarto turno insieme al Ravenna come le uniche 2 squadre non appartenenti alla A o alla Serie B.

Il 12 gennaio 2009, dopo il pareggio per 0-0 contro il Legnano e la conseguente contestazione dei tifosi, la società esonera il direttore sportivo Mauro Meluso e l'allenatore Carlo Sabatini. Al loro posto vengo chiamati Doriano Tosi (nuovo direttore sportivo) e Attilio Tesser (nuovo allenatore). Il 22 febbraio, dopo aver raccolto solo 4 punti in 5 partite, Tesser viene esonerato e viene richiamato Carlo Sabatini,[1] il cui ritorno sembra risvegliare la squadra, che da quel momento risale la china. Un filotto di cinque vittorie consecutive permette ai biancoscudati di raggiungere i play-off di Prima Divisione con il quarto posto in classifica.

Il 17 maggio il Padova affronta nella semifinale play-off il Ravenna, pareggiando 1-1 all'Euganeo e vincendo per 2-1 fuori casa, dopo 90 minuti intensi, con i gol di Pătraşcu su punizione e Falsini. Nella finale d'andata arriva il pareggio interno per 0-0 contro la Pro Patria, dove i veneti sbagliano anche un rigore con Rabito. Nella gara di ritorno, resa difficile dall'inferiorità numerica nel secondo tempo per l'espulsione di Di Venanzio, arriva la vittoria per 2-1 con doppietta di Antonio Di Nardo ed il Padova torna così in Serie B dopo undici anni di assenza[2].

RosaModifica

StatisticheModifica

NoteModifica

  1. ^ Carlo Sabatini torna a sedere sulla panchina del Padova, in padovacalcio.it, 22 febbraio 2009. URL consultato il 10 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2012).
  2. ^ Un'impresa leggendaria, fuori casa e in dieci Totò schianta i bustocchi, in Il Mattino di Padova, 22 giugno 2009. URL consultato il 6 settembre 2012.
  3. ^ In prestito dal ChievoVerona con diritto di riscatto della comproprietà a fine stagione
  4. ^ Rescinde il contratto
  5. ^ Rescinde il contratto il 27 aprile
  6. ^ Rescinde il contratto a causa di una cardiopatia ipertrofica asimmetrica
  7. ^ Rescinde il contratto che sarebbe terminato il 30 giugno 2009
  8. ^ In prestito dal Sassuolo con diritto di riscatto della comproprietà a fine stagione
  9. ^ In prestito al Monza a titolo temporaneo fino a giugno
  10. ^ In prestito dal Piacenza con diritto di riscatto della comproprietà a fine stagione
  11. ^ In prestito alla Sangiovannese fino al termine della stagione
  12. ^ Sostituito da Attilio Tesser il 12 gennaio e reintegrato il 22 febbraio
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio