Apri il menu principale
Stadio Brianteo
Stadio Brianteo 2014.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Franco Tognini
20900 Monza (MB)
Inizio lavori1982
Inaugurazione1988
CoperturaTribuna Centrale e Distinti Inferiori (8 327 posti)
Pista d'atleticaAssente
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 x 68 m
ProprietarioComune di Monza
GestoreAssociazione Calcio Monza
ProgettoGiorgio Battistoni
Uso e beneficiari
CalcioMonza
(1988-)
Renate
(2010-2011)
Tritium
(2011-2013)
Giana Erminio
(2014-2015)
Milan Femm.
(2019-)
Rugby a 15Aironi
(2011)
Capienza
Posti a sedere18568 (omologati 7499)
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°34′58″N 9°18′29″E / 45.582778°N 9.308056°E45.582778; 9.308056

Lo stadio Brianteo è un impianto sportivo di Monza. Inaugurato nel 1988, ospita gli incontri interni del Monza e, dalla stagione 2019-2020, quelli del Milan femminile.[1]

È stato anche utilizzato per il rugby in occasione di incontri sia nazionali che internazionali, per concerti e per altre manifestazioni d'intrattenimento (partite del cuore o eventi di solidarietà).

Indice

StoriaModifica

Lo stadio Brianteo, situato alla periferia nord-est del capoluogo brianzolo, sostituisce il piccolo stadio Gino Alfonso Sada, situato in centro a ridosso della stazione. I lavori di costruzione sono partiti dopo un lungo e sofferto dibattito cittadino e sono durati a lungo a causa delle difficoltà tecniche nella costruzione della struttura che sorregge la copertura della tribuna e delle modifiche al progetto in corso d'opera. Inizialmente, infatti, era prevista una pista d'atletica, che però è stata eliminata durante i lavori.

Lo stadio venne inaugurato il 28 agosto 1988 in occasione della partita di Coppa Italia contro la Roma, terminata con il punteggio di 2-1 in favore dei brianzoli (per la cronaca, le reti furono segnate da Casiraghi, Giannini e Mancuso).

DescrizioneModifica

 
La veduta esterna della tribuna "Angelo Scotti".

Il Brianteo ha una capienza di 18.568 posti. È composto da una Tribuna Centrale Coperta (in ricordo di Angelo Scotti)[2], che può contenere oltre 5.000 posti a sedere, con seggiolini: al centro è presente la Tribuna Autorità, la Tribuna Stampa (intitolata alla memoria di Claudio Parma, giornalista e tifoso biancorosso scomparso il 3 luglio 2008) e 4 gabbiotti per lo speaker e i telecronisti. Di fronte alla Tribuna Centrale si trova il settore dei Distinti, diviso tra coperti e scoperti, per un totale di quasi 8.000 posti a sedere sui gradoni. Le curve sono più basse della tribuna e dei distinti, per un totale di 2.900 posti ciascuna: la Curva Sud (intitolata a Davide Pieri, giovane tifoso monzese deceduto nel dicembre del 1998) e la Curva Nord (solitamente destinata ai tifosi ospiti). L'impianto è dotato di un potente impianto di illuminazione. Recentemente sono stati ristrutturati gli spogliatoi e la sala stampa ed è stato aperto un bar sotto la tribuna centrale. Il settore dei Distinti è momentaneamente chiuso e la provvisoria omologazione dello stadio è di 7.499 posti (comunicato del 10 aprile 2019)[3]. Il Brianteo da settembre avrà l'impianto di illuminazione a led tali da consentire i giochi di luce come l'Allianz Stadium di Torino e la Tribuna Centrale "Angelo Scotti" ricoperta con tutti i seggiolini nuovi rossi e bianchi con quest'ultimi che andranno a formare la scritta AC Monza.

Lo Stadio Brianteo è così suddiviso:

  • Tribuna Centrale "Angelo Scotti"
  • Curva Sud "Davide Pieri"
  • Distinti Coperti/Scoperti
  • Curva Nord (Settore ospiti)

Record di spettatoriModifica

CalcioModifica

RugbyModifica

CalcioModifica

Serie AModifica

Nonostante il Monza non sia mai approdato in Serie A, al Brianteo è stato disputato l'incontro di massima serie Atalanta-Ascoli dell'8 settembre 1991, a causa dell'indisponibilità dello Stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo. L'incontro si conclude sull'1-1, reti di Pergolizzi per i marchigiani e di Perrone per i lombardi[5].

Incontri della nazionale italiana Under-21Modifica

La Nazionale Italiana di Calcio Under-21 disputò un'amichevole contro l'Inghilterra nell'anno 2001 (poi rinviata per nebbia).

RugbyModifica

Le finali del Super 10 di rugbyModifica

Dal 2006 al 2008 il Brianteo ospitò la finale di tre edizioni consecutive del campionato italiano di rugby, il Super 10; in tutte e tre le edizioni fu presente il Benetton Treviso, in due di esse il Calvisano e in una il Viadana. La finale 2005-06 registrò 9.300 spettatori[6], quella del 2006-07 11.350[7] e quella del 2007-08 11.976[4].

Finale 2005-06Modifica

Monza
27 maggio 2006
Benetton Treviso  17 – 12CalvisanoStadio Brianteo (9.300 spett.)
Arbitro:  Carlo Damasco (Napoli)

Finale 2006-07Modifica

Monza
19 maggio 2007
Benetton Treviso  28 – 24
(d.t.s.)
ViadanaStadio Brianteo (11.350 spett.)
Arbitro:  Giulio De Santis (Roma)

Finale 2007-08Modifica

Monza
7 giugno 2008
Calvisano  20 – 3Benetton TrevisoStadio Brianteo (11.976 spett.)
Arbitro:  Carlo Damasco (Napoli)

Heineken CupModifica

La squadra rugbistica degli Aironi ha disputato le partite casalinghe della Heineken Cup (la Coppa d'Europa di rugby) allo stadio Brianteo nell'anno 2011. Ecco gli incontri:

Incontri della nazionale italianaModifica

La Nazionale Italiana di Rugby giocò contro le Isole Figi nel 2005.

Football americanoModifica

Superbowl italianoModifica

Vi si è giocato più volte il Superbowl italiano:

ConcertiModifica

NoteModifica

  1. ^ LA PRIMA SQUADRA FEMMINILE È PRONTA AL VIA!, su acmilan.com, 25 luglio 2019.
  2. ^ Intitolata la tribuna al tifoso Angelo Scotti monza1912.it
  3. ^ Aumentata la capienza dello stadio monza1912.it
  4. ^ a b Andrea Buongiovanni, Calvisano padrone, è capitale d'Italia, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 2008. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  5. ^ Serie A 1991-1992 Rsssf.com
  6. ^ Carlo Gobbi, Treviso, tricolore di testa, in La Gazzetta dello Sport, 28 maggio 2006. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  7. ^ Simone Battaggia, Finale thrilling: Treviso si gode il 13º scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 20 maggio 2007. URL consultato il 2 febbraio 2010.

Altri progettiModifica