Fábián Marozsán

tennista ungherese
(Reindirizzamento da Fabian Marozsan)

Fábián Marozsán (Budapest, 8 ottobre 1999) è un tennista ungherese.

Fábián Marozsán
Fábián Marozsán nel 2023
Nazionalità Bandiera dell'Ungheria Ungheria
Altezza 193[1] cm
Peso 75[1] kg
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 23-18 (56.1%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 37º (8 aprile 2024)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 3T (2024)
Bandiera della Francia Roland Garros Q2 (2023)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 1T (2023)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 2T (2023)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 4-6 (40%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 444º (16 gennaio 2023)
Ranking attuale ranking
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 15 aprile 2024

I suoi migliori ranking ATP sono il 37º posto in singolare nell’aprile 2024 e il 444º in doppio nel gennaio 2023.[1] Ha fatto il suo esordio nel circuito maggiore arrivando al quarto turno agli Internazionali d'Italia 2023, torneo Masters 1000 in cui ha clamorosamente sconfitto in due set il nº 2 del mondo Carlos Alcaraz. Il debutto nella squadra ungherese di Coppa Davis risale al 2021.

Biografia modifica

Tra gli juniores modifica

Gioca nell'ITF Junior Circuit tra il 2014 e il 2017 e vince solo tornei minori, 3 in singolare e 3 in doppio. Non entra mai nei tabelloni dei tornei maggiori e non va oltre la 53ª posizione del ranking mondiale juniores.[2]

2016-2020, inizi tra i professionisti e primi titoli ITF modifica

Fa la sua prima apparizione tra i professionisti nel 2016 in un torneo ITF di doppio e nel 2017 non ottiene risultati di rilievo. Inizia a giocare con continuità nel maggio 2018 e a luglio disputa la sua prima finale in un torneo ITF slovacco di doppio. Anche il primo titolo in carriera arriva in doppio, nel maggio 2019 in un ITF M15 di Piešťany. Nel prosieguo della stagione vince altri 4 tornei ITF di doppio e a dicembre si aggiudica il primo titolo in singolare in un M15 di Adalia. Nel 2020 i suoi migliori risultati sono le due finali ITF raggiunte in doppio.

2021-2022, esordio in Coppa Davis, primo titolo Challenger e top 200 modifica

Nel 2021 vince altri tre tornei ITF in singolare e uno in doppio. A novembre supera per la prima volta le qualificazioni in un torneo dell'ATP Challenger Tour a Bergamo, si spinge in semifinale e viene sconfitto da Cem Ilkel dopo il successo nei quarti sul nº 107 del mondo Dennis Novak. A fine mese il suo esordio nella squadra ungherese di Coppa Davis in occasione delle fasi finali e perde sia i due incontri disputati in doppio che quello in singolare.

Nel marzo 2022 vince il suo primo incontro in Coppa Davis nel doppio della qualificazione persa 3-2 contro l'Australia. Quello stesso mese disputa e vince il suo ultimo torneo ITF all'M25 di Loulé, e chiude l'esperienza nella categoria dopo averne vinti 6 in singolare e 5 in doppio. Ad agosto vince il primo titolo Challenger a Banja Luka sconfiggendo in finale Damir Džumhur per 6-2, 6-1, successo con cui fa il suo ingresso nella top 200 del ranking, alla 185ª posizione. A fine anno perde la finale al Challenger di Bratislava contro Márton Fucsovics.

2023, vittoria su Alcaraz, quarti di finale a Shanghai, due titoli Challenger e 61º al mondo modifica

Nel 2023 fa le sue prime esperienze nel circuito maggiore, e vince in totale un solo incontro nei primi quattro tornei di qualificazione disputati, tra cui quello degli Australian Open. A febbraio vince il doppio e viene sconfitto in singolare nella sfida di Davis persa contro la Francia. Il mese dopo si aggiudica il suo secondo titolo Challenger al torneo di Adalia con il successo in finale su Sebastian Ofner e porta il best ranking alla 128ª posizione mondiale. Continua l'ascesa a maggio, quando supera le qualificazioni e debutta nel tabellone principale di un torneo del circuito maggiore al Masters 1000 degli Internazionali d'Italia; vince i suoi primi incontri ATP eliminando Corentin Moutet e la testa di serie nº 32 Jiří Lehečka. Al terzo turno consegue la vittoria più prestigiosa da inizio carriera sconfiggendo clamorosamente in due set il nº 2 del mondo Carlos Alcaraz, prima di cederein tre set alla testa di serie nº 15 Borna Ćorić. Il mese successivo si aggiudica il Challenger di Perugia sconfiggendo in finale Edoardo Lavagno; a fine torneo entra per la prima volta nella top 100, alla 91ª posizione mondiale.

Supera per la prima volta le qualificazioni in una prova del Grande Slam a Wimbledon ed esce di scena al primo turno. Nel periodo successivo raggiunge il secondo turno all'ATP di Umago, due semifinali Challenger e sale all'82º posto mondiale. Vince il primo incontro del Grande Slam agli US Open superando al quinto set il nº 55 ATP Richard Gasquet e viene eliminato al secondo turno da Adrian Mannarino. Dimostra di essere competitivo sul cemento anche a Shanghai, dove non perde alcun set contro Rinderknech, la testa di serie nº 11 de Minaur, Lajović e accede per la prima volta ai quarti in un Masters 1000 sconfiggendo in tre set il nº 9 del mondo Casper Ruud; viene eliminato da Hubert Hurkacz dopo aver vinto il primo set e i risultati ottenuti gli consentono un balzo di 26 posizioni nel ranking, sale alla 65ª e due settimane dopo raggiunge la 61ª. Torna a mettersi in luce nell'ultimo torneo stagionale raggiungendo i quarti di finale al Sofia Open, dove elimina Roberto Bautista Agut e perde in tre set contro Jan-Lennard Struff.

2024, quarti di finale a Miami e 37º nel ranking modifica

La prima vittoria del 2024 è quella contro Gaël Monfils all'Auckland Open e viene sconfitto al secondo turno da Ben Shelton. Viene eliminato al terzo turno degli Australian Open da Taylor Fritz dopo i successi sul rientrante Marin Čilić e sul quotato Francisco Cerúndolo. Riprende l'ascesa in classifica con i risultati conseguiti nei primi Masters 1000 stagionali, a Indian Wells elimina il nº 24 ATP Nicolas Jarry e perde al quarto turno contro Alcaraz. Raggiunge i quarti al Miami Open con le vittorie sui top 10 Holger Rune e Alex de Minaur, viene sconfitto da Alexander Zverev e due settimane dopo si trova al 37º posto mondiale.

Statistiche modifica

Tornei minori modifica

Singolare modifica

Vittorie (8) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
ITF (5)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 dicembre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Ronald Slobodčikov 7-5, 6-4
2. 7 marzo 2021   M15 Bratislava, Bratislava Cemento   Jonathan Eysseric 6-2, 3-0 rit.
3. 5 settembre 2021   M15 Žilina, Žilina Terra rossa   Bastián Malla 1-6, 6-3, 6-1
4. 19 settembre 2021   M15 Zlatibor, Zlatibor Terra rossa   Marko Tepavac 6-4, 2-1 rit.
5. 20 marzo 2022   M25 Loulé, Loulé Cemento   Lucas Miedler 6(6)-7, 6-1, 6-3
6. 28 agosto 2022   Banja Luka Challenger, Banja Luka Terra rossa   Damir Džumhur 6-2, 6-1
7. 12 marzo 2023   Antalya Challenger, Adalia Terra rossa   Sebastian Ofner 7-5, 6-0
8. 18 giugno 2023   Internazionali di Perugia, Perugia Terra rossa   Edoardo Lavagno 6–2, 6–3
Finali perse (7) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
ITF (6)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 7 luglio 2019   M15 Belgrado, Belgrado Terra rossa   Marko Miladinović 3-6, 3-6
2. 21 luglio 2019   M15 Piešťany, Piešťany Terra rossa   Lukáš Klein 1-6, 6-4, 1-6
3. 13 ottobre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Máté Valkusz 2-6, 5-7
4. 20 ottobre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Lorenzo Musetti 5-7, 2-6
5. 25 aprile 2021   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Christopher Heyman 2-6, 6-4, 2-6
6. 22 agosto 2021   M15 Bratislava, Bratislava Terra rossa   Máté Valkusz 6-3, 1-6, 4-5 rit.
7. 13 novembre 2022   Slovak Open, Bratislava Cemento (i)   Márton Fucsovics 2-6, 4-6

Doppio modifica

Vittorie (6) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (0)
ITF (6)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 11 maggio 2019   M15 Piešťany, Piešťany Terra rossa   Péter Nagy   Raphael Baltensperger
  Matvej Chomentovskij
7-6(2), 6-0
2. 1 giugno 2019   M25 Gyula, Gyula Terra rossa   Gábor Borsos   Aleksandr Igošin
  Evgenij Tjurnev
7-6(7), 2-6, [12-10]
3. 19 ottobre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Máté Valkusz   Vladimir Korolev
  Ronald Slobodčikov
7-5, 6-2
4. 9 novembre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Péter Fajta   Stefano Battaglino
  Riccardo Bonadio
7-6(5), 3-6, [14-12]
5. 7 dicembre 2019   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Máté Valkusz   David Jordà Sanchis
  Niklas Schell
6-3, 7-5
6. 24 aprile 2021   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Péter Fajta   Emiliano Maggioli
  Oleksandr Ovčarenko
7-5, 7-6(3)
Finali perse (5) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (0)
ITF (5)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 28 luglio 2018   Slovakia F1, Trnava Terra rossa   Matthew Kandath   Petr Michnev
  Tadeas Paroulek
6(1)-7, 7-6(8), [7-10]
2. 8 settembre 2018   Serbia F5, Zlatibor Terra rossa   Martin Fekiač   Caio Silva
  Thales Turini
4-6, 2-6
3. 22 febbraio 2020   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Péter Nagy   Călin Manda
  Oleg Prihodko
6-2, 6(3)-7, [8-10]
4. 28 febbraio 2020   M15 Antalya, Adalia Terra rossa   Péter Nagy   Jonáš Forejtek
  Michael Vrbenský
3-6, 4-6
5. 22 gennaio 2022   M25 Vilnius, Vilnius Cemento (i)   Péter Fajta   Ivan Ljutarevič
  Denis Jevsejev
4-6, 6(4)-7

Vittorie contro giocatori top 10 modifica

Stagione 2023 2024 Totale
Vittorie 2 2 4
# Giocatore Ranking Evento Superficie Turno Punteggio
2023
1.   Carlos Alcaraz 2   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa 3T 6–3, 7–6(4)
2.   Casper Ruud 9   Shanghai Masters, Shanghai Cemento 4T 7–6(3), 3–6, 6–4
2024
3.   Holger Rune 7   Miami Open, Miami Cemento 2T 6–1, 6–1
4.   Alex de Minaur 10   Miami Open, Miami Cemento 4T 6–4, 0–6, 6-1

Note modifica

  1. ^ a b c (EN) Fábián Marozsán - Overview, su atptour.com.
  2. ^ (EN) Fabian Marozsan Juniors Singles Overview, su itftennis.com.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica