Apri il menu principale

Gustavo Alfaro

allenatore di calcio ed ex calciatore argentino
Gustavo Alfaro
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Boca Juniors
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1988-1992Atlético de Rafaela126 (6)
Carriera da allenatore
1992-1995 Atlético de Rafaela
1995 Patronato
1996-1997 Quilmes
1998-2000 Atlético de Rafaela
2001 Belgrano
2001-2002 Olimpo
2003-2004 Quilmes
2005 San Lorenzo
2006-2008 Arsenal Sarandí
2008-2009 Rosario Central
2009 Al-Ahli
2010-2014 Arsenal Sarandí
2015 Tigre
2016-2017 Gimnasia La Plata
2017-2018Huracán
2019-Boca Juniors
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 gennaio 2019

Gustavo Julio Alfaro (Rafaela, 14 agosto 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista, attuale tecnico del Boca Juniors.

CarrieraModifica

CalciatoreModifica

Centrocampista, dal 1988 al 1992 vestì la maglia dell'Atlético de Rafaela, di cui fu capitano e con cui vinse il titolo nazionale nel 1989. Si ritirò precocemente, all'età di 30 anni, per concentrarsi sulla carriera di allenatore.

AllenatoreModifica

Intraprese la carriera di allenatore già nei primi anni '90, guidando Atlético de Rafaela e Patronato. Poi guidò il Quilmes e sedette ancora sulla panchina dell'Atlético de Rafaela. Nel 2001 assunse la guida dell'Olimpo, guidandolo alla vittoria del campionato di Primera B Nacional Apertura 2001 e alla conseguente promozione in Primera División.

Nel 2003 guidò alla promozione il Quilmes, dove rimase anche nella stagione seguente (2003-2004), raggiungendo il quarto posto e poi il sesto, qualificando così la squadra alla Coppa Libertadores 2005 e alla Coppa Sudamericana 2004. Nel 2005 visse un'esperienza molto negativa sulla panchina del San Lorenzo, per poi passare ad allenare l'Arsenal Sarandí verso la fine del 2006. Alfaro aiutò l'Arsenal a concludere per due volte al quinto posto il campionato, qualificando la compagine di Sarandí alla Coppa Libertadores per la prima volta nella storia del club. La squadra si qualificò anche alla Coppa Sudamericana 2007, dove batté i campioni d'Argentina del San Lorenzo nel turno preliminare, guadagnando un posto negli ottavi di finale, dove contro i brasiliani del Goiás vinse per 3-2 in Brasile e pareggiò per 1-1 al ritorno, superando il turno. Fu la prima vittoria contro un club estero in partite ufficiali per l'Arsenal, che raggiunse poi la finale della competizione, provocando l'esonero di vari tecnici delle squadre affrontate, tra cui quello di Daniel Passarella, dimessosi dalla guida tecnica del River Plate dopo l'eliminazione contro l'Arsenal in semifinale. Nella finale della Coppa Sudamericana la squadra pareggiò per 4-4 contro i messicani dell'América, vincendo il titolo per la regola dei gol fuori casa.

Nella stagione 2007-2008 Alfaro fu sostituito da Daniel Garnero. Nell'ottobre 2008 fu nominato allenatore del Rosario Central. Nel 2009 allenò i sauditi dell'Al-Ahli, alla cui guida rimase per quattro mesi, prima delle dimissioni rassegnate il 20 novembre per ragioni personali.

Il 17 maggio 2010 fu ufficializzato il suo ritorno all'Arsenal Sarandí. Alfaro fu ingaggiato per la stagione seguente insieme agli assistenti Sergio Chiarelli, Carlos González e Claudio Cristofanelli. Il 24 giugno 2012 vinse il primo titolo nazionale della sua carriera di allenatore e nella storia del club, il Clausura 2012.

Nel 2014, malgrado le ottime premesse e il prestigioso palcoscenico della Coppa Libertadores, la squadra ottenne risultati negativi fino ad aprile e Alfaro annunciò che si sarebbe dimesso alla fine di giugno. Il tecnico fu tuttavia esonerato dall’incarico meno di dodici ore dopo queste dichiarazioni e sostituito con Martín Palermo.

Nel settembre 2014 si accordò con il Tigre, che allenò fino al 2016, quando fu ingaggiato dal Gimnasia La Plata. Nel 2017 si accasò all'Huracán, che nella prima stagione guidò al quarto posto in campionato, assicurandosi la partecipazione alla fase a gironi della Coppa Libertadores 2019.

Nel dicembre 2018 si è svincolato dall'Huracán e ha firmato per il Boca Juniors.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

Olimpo: 2001 (A)
Arsenal Sarandí: 2011-2012 (C)
Arsenal Sarandí: 2012
Boca Juniors: 2018
Arsenal Sarandí: 2012-2013

Competizioni internazionaliModifica

Arsenal Sarandí: 2007

Collegamenti esterniModifica