Michael Andretti

pilota automobilistico statunitense
Michael Mario Andretti
Michael Andretti 2007 Michigan.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1, CART, IndyCar
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1993
Scuderie McLaren
Miglior risultato finale 11º (1993)
GP disputati 13
Podi 1
Punti ottenuti 7
Carriera nella Champ Car
Stagioni 1983-1992, 1994-2002
Mondiali vinti 1 (1991)
GP disputati 317
GP vinti 42
Pole position 32
il campionato era allora denominato CART
 

Michael Mario Andretti (Bethlehem, 5 ottobre 1962) è un ex pilota automobilistico statunitense di origini italiane, che ha partecipato a un solo campionato di Formula 1 dopo avere colto numerose vittorie in America. È figlio di Mario Andretti e padre di Marco Andretti.

CarrieraModifica

Gli inizi e i primi successiModifica

Dopo una carriera di successo nei kart, vincendo 50 delle sue 75 gare in otto anni, Andretti è passato alle auto da corsa. Ha ottenuto la licenza statunitense nel 1980, partecipando al campionato di Formula Ford della divisione nord-est della SCCA nel 1981, dove vince il campionato con sei gare vinte. Ha anche partecipato a numerose gare di Formula Vee in eventi SCCA regionali. Nel 1982 vince sei gare su undici di Super Vee, diventando campione. Ha anche vinto la gara di apertura della stagione Super Vee 1983 prima di passare alla Formula Atlantic, e dove vince il suo secondo titolo vincendo la FIA Formula Mondial North American Cup la stagione successiva. Anche se ha fatto il suo debutto nell'automobilismo internazionale alla 24 Ore di Le Mans del 1982, gli fu negata l'opportunità di correre, poiché la Mirage M12, la macchina con la quale doveva correre insieme a suo padre, fu squalificata 80 minuti prima dell'inizio della gara. La partnership padre e figlio si ripropose l'anno successivo, insieme a Philippe Alliot nella con una Porsche 956, piazzandosi al terzo posto. Andretti ha anche corso al fianco di suo padre nella 6 Ore di Riverside, insieme a A.J. Foyt e Preston Henn, con una Porsche 935 senza concludere la gara. Il duo padre e figlio parteciparono alla 24 Ore di Daytona del 1984, con una Porsche 962, che ha fatto il suo debutto in gara. Ottennero la pole position, ma non conclusero la gara a causa della rottura del motore.

 
Andretti al GP d'Europa 1993

CARTModifica

Dopo questi risultati nel 1984 passa al campionato CART. Contemporaneamente prende anche parte alla 24 Ore di Le Mans, in cui giunge terzo. Sempre nello stesso anno vince il premio come miglior esordiente. Nel 1986 vince la sua prima gara e conclude secondo in campionato, così come nel 1987. Andretti dovrà aspettare fino al 1991 per vincere il titolo, con ben 9 vittorie su 18 gare. Nel 1992 conclude invece secondo.

Ha fatto il suo debutto nel campionato CART nel 1983, correndo per la Kraco Enterprises. Andretti ha firmato di nuovo per Kraco per il 1984, dove ha ottenuto cinque terzi posti e ha concluso la sua stagione da rookie al settimo posto. Nella 500 Miglia di Indianapolis, è arrivato quinto e ha condiviso il premio Rookie of the Year con Roberto Guerrero. Vince la sua prima gara in IndyCar nel 1986 nel Gran Premio di Long Beach. La stagione sarà caratterizzata dalla battaglia a due per il titolo di campione, tra Michael e Bobby Rahal. Andretti andò in testa in classifica con la sua vittoria nella Miglia di Milwaukee. Una settimana dopo, nella festa del papà , Michael era in testa all'ultimo giro a Portland, quando la sua March-Cosworth 86C ha esaurito il carburante, permettendo a suo padre, Mario, di batterlo di soli 0,07 secondi. È stato uno dei finali più scioccanti nella storia di IndyCar e al photofinish (fino al 1997). Con Rahal che continua a vincere gare, le prestazioni continue di Andretti permettono a Rahal di avere solo nove punti di vantaggio in classifica con due gare rimanenti. Andretti ha ottenuto una vittoria chiave a Phoenix . Entrando nel finale di stagione al Tamiami Park, Andretti era a soli tre punti da Rahal, ma nessuno dei due piloti è stato un fattore in gara, con Andretti che si è ritirato per la rottura di semiasse.

In una gara unica con l'Alfa Corse, ha preso parte alla gara inaugurale del World Touring Car, nella 500 Miglia di Monza. In coppia con Alessandro Nannini hanno concluso al 16º posto. Tornato nel CART, ha continuato con Kraco nel 1987 e, come nel 1986, il campionato si contendeva tra Andretti e Rahal. Michael vince la 500 Miglia del Michigan, colmando il distacco in classifica da Rahal. Con una vittoria dominante al Nazareth Speedway, le sue speranze in campionato sono rimaste vive, ma Rahal conquista il campionato alla gara successiva. Andretti vince nell'ultima gara al Tamiami Park. Finisce secondo per la seconda stagione consecutiva. Nel giugno 1987, Michael si unì alla Hendrick Motorsport con una Chevrolet Corvette GTP nella 500 km di Mid-Ohio, questa volta affiancato da suo cugino, John Andretti, dove concludono all'11º posto.

Dopo la sconfitta di Porsche alla 24 Ore di Daytona del 1988, la Porsche ha sviluppato la 962C per la 24 Ore di Le Mans per Mario, Michael e John. Sono stati tremendamente competitivi nella prima metà della gara, fino a quando l'auto della famiglia Andretti ha avuto bisogno di piccole riparazioni prima di passare ai cinque cilindri, finendo al sesto posto. Michael e Mario si uniscono alla Busby Racing per la 24 Ore di Daytona del 1989 , sempre con la Porsche 962, ma si ritirano per problemi ai freni.

La stagione CART 1988 fu un anno magro per Michael. Rimase con Kraco, vincendo una sola gara, nella Marlboro Challenge.

Il 1989 vide un cambio di squadra, con Michael che passò alla Newman-Haas, per affiancare il padre. Vince due gare durante la stagione chiudendo al terzo posto in classifica. La stagione 1990 vide Al Unser Jr. diventare campione, ma Michael giocò il ruolo di diretto concorrente per tutta la stagione: Michael vince cinque gare e ottiene quattro pole. Nella penultima gara della stagione a Nazareth, Unser è costretto al ritiro, dando ad Andretti un'enorme opportunità di colmare il divario. Andretti ha ottenuto solo un sesto posto e non ha potuto colmare il divario. Unser ha lasciato Nazareth con 27 punti di vantaggio, sufficienti per aggiudicarsi il campionato. Andretti conclude ancora una volta secondo.

Per la 24 ore di Daytona del 1991, Michael partecipa assieme al padre e al fratello Jeff Andretti, al volante di una Jochen Dauer Racing (iscritta come Porsche 962). Si classificarono quinti, nonostante non avessero terminato la gara.

Andretti ha ottenuto un grande successo nel titolo vincendo la CART PPG Indy Car World Series del 1991 per Newman-Haas Racing. Ha vinto un totale di otto delle 17 gare, otto pole e ha condotto più della metà dei giri durante la stagione, ma Rahal ha comunque portato la battaglia per il campionato fino all'ultima gara della stagione. La stagione di Andretti è iniziata lentamente, registrando ritiri nei due eventi di apertura, poi lo straziante secondo posto all'Indy 500. Ha recuperato da questo, vincendo quattro delle ultime cinque gare della stagione e con il ritiro di Rahal a Laguna Seca, ha navigato verso il titolo. Il giorno prima aveva vinto per la seconda volta la Marlboro Challenge, come wildcard.

Rimanendo con Newman/Haas per il 1992, la stagione di Michael è iniziata lentamente, ma poi vince tre gare su quattro a metà stagione. Nonostante abbia ottenuto altre due vittorie nel corso dell'anno, incluso il finale di stagione a Laguna Seca, Rahal lo ha battuto di nuovo per il titolo per soli quattro punti. Lascia il CART per andare in Formula 1 alla fine dell'anno, con il suo posto che viene preso dal campione del mondo di Formula 1 in carica, Nigel Mansell, che vincerà il titolo CART 1993 nella sua stagione da rookie.

Per quattro stagioni tra il 1989 e il 1992, Michael ha avuto suo padre come compagno di squadra alla Newman/Haas. Insieme, hanno stabilito una serie di primati, tra cui la prima fila padre-figlio, per la Dana 200 del 1986 per Special Olympics a Phoenix, e il primo dei 15 podi padre-figlio nella Cribari Wines 300K del 1984 a Laguna Seca, di cui l'ultimo avvenne quasi un decennio dopo nel Gran Premio Daikyo IndyCar del 1992, lungo le strade di Surfers Paradise .

Una strana curiosità legata a Michael Andretti durante gli anni nel CART è la sfortuna alla 500 Miglia di Indianapolis. Ha condiviso il titolo di Rookie of the Year con Guerrero nel 1984, quando è arrivato quinto. Tuttavia, nel 1991, ha condotto con 12 giri rimanenti, ma è arrivato secondo, dietro a Rick Mears. I due hanno offerto memorabili sorpassi esterni negli ultimi giri per il primo posto alla prima curva. L'anno successivo, 1992, ha dominato la gara, conducendo quattro quinti dei giri, ma, con 11 giri rimanenti dopo aver tenuto un vantaggio di due giri, la sua pompa del carburante si è guastata e la sua auto si è fermata per inerzia. Si è classificato al 13º posto. Si è ritirato anche nel 1989, nel 1995 e nel 2003. Andretti detiene il record per la maggior parte dei giri condotti nella Indy 500 senza aver ottenuto una vittoria.

Durante la stagione di F1, Andretti ha guardato la 500 Miglia di Indianapolis del 1993 su un televisore. Durante la gara, la sua ex squadra, con Nigel Mansell alla guida, è stata superata da Emerson Fittipaldi alla ripartenza a meno di 10 giri dalla fine, con il brasiliano che vinse la corsa. Anche se non era in gara, Andretti ha considerato l'edizione del 1993 un evento mancato dichiarando: "Voglio dire una cosa, lui (Mansell) ha fatto bene a essere in testa, ma in nessun modo Emerson e [Arie] Luyendyk mi avrebbero superato in quella ripartenza, te lo posso garantire".

Formula 1Modifica

I primi contatti di Michael con il mondo della Formula 1 avvennero nel 1991, quando effettuò due brevi test con la McLaren. A seguito di tali test, Ron Dennis offrì un contratto di collaudatore ad Andretti, in modo da mantenere sul pilota statunitense una sorta di opzione. La trattativa riprese nella seconda metà del 1992, quando la McLaren aveva perso i motori Honda per il 1993, e non era sicuro che Senna sarebbe rimasto. Nel settembre del 1992, Michael Andretti firmò un contratto per correre con la McLaren nel 1993, con un'opzione per ulteriori due stagioni. La FIA in seguito limitò le possibilità di effettuare test nel corso della stagione, cosa che avrebbe limitato la possibilità di Michael di conoscere le piste europee. Inoltre, la McLaren ottenne dalla Ford solo una fornitura "clienti" di motori V8, quindi un livello di sviluppo precedente a quello usato, ad esempio, dalla Benetton.

Il suo compagno di squadra fu Senna, che inizialmente non doveva partecipare, ma decise poi di prendere parte al mondiale, firmando inizialmente accordi per le singole gare, poi per il resto della stagione. I test iniziali con la nuova vettura manifestarono qualche problema di elettronica, e Michael decise di rientrare negli Stati Uniti, dove avrebbe mantenuto la sua residenza, viaggiando di volta in volta nei paesi dove si sarebbero disputate le gare.

In Sudafrica una qualifica non brillante venne seguita da problemi in partenza e da un ritiro dopo pochi giri. In Brasile venne coinvolto in un incidente con Berger alla partenza, volando in aria all'esterno della prima curva, ed anche a Donington non superò il primo giro, uscendo di pista sul bagnato. A Imola ebbe un incidente in qualifica, imitato dal compagno di squadra pochi minuti dopo, ed in gara lottò con Wendlinger, per poi uscire di pista per problemi al bilanciamento dei freni.

In Spagna ottenne finalmente i primi punti, con un quinto posto. Tuttavia, la sua prestazione è stata criticata dall'ex campione del mondo, James Hunt, in quanto Andretti fu doppiato dal suo compagno di squadra Senna. A Monaco una pessima partenza lo fece finire nelle retrovie. Costretto ad una sosta per la sostituzione del musetto e doppiato, finì poco fuori dai punti. A questo punto della stagione c'erano molti dubbi sul suo rendimento, soprattutto perché il confronto veniva fatto con Senna, vincitore di tre Gran Premi. In Canada problemi di elettronica in qualifica ed in gara impedirono un risultato positivo, ma in Francia ottenne un altro punto con un sesto posto.

A Silverstone, finì nuovamente fuori alla prima curva, ed anche in Germania dopo pochi giri un contatto con Berger lo costrinse al ritiro. In Ungheria Michael pareva finalmente in grado di ottenere un buon risultato, ma un guasto al controllo elettronico dell'acceleratore lo mise di nuovo fuori gara.

La mancanza di risultati portò la McLaren a non rinnovargli il contratto per il 1994, mentre a Hakkinen venne garantita la possibilità di correre tre gare come titolare. Senna aveva confermato di voler terminare la stagione, quindi ad Andretti rimasero solo due gare da disputare, in Belgio ed in Italia. La prima gara non fu diversa dalle altre, con problemi elettronici e di adattamento alla pista, con un risultato finale fuori dai punti. I primi giri a Monza parevano confermare questo stato di cose, con una sosta dopo un testacoda, e la ripartenza al 20º posto, doppiato. Il ritmo fu però ottimo, e grazie anche ad alcuni ritiri davanti a lui, riuscì ad ottenere il terzo posto, il migliore risultato della sua carriera in Formula 1.

Andretti non ha mai preso completamente confidenza con la McLaren MP4/8. Aspetti altamente tecnici come le sospensioni attive e il controllo della trazione hanno ostacolato le abilità di Andretti così come le partenze da fermo. Alcuni addetti ai lavori hanno anche evidenziato che la scelta di restare negli Stati Uniti, piuttosto che trasferirsi a tempo pieno in Europa, fosse anche un fattore che contribuiva alla sua mancanza di successo in Formula Uno. All'epoca, il responsabile dei progetti speciali della McLaren, Tyler Alexander, amico di lunga data della famiglia Andretti, aveva esortato Michael a trasferirsi in Inghilterra poiché sapeva che i tempi erano cambiati da quando Mario aveva corso nel 1978.

Secondo il figlio di Michael, Marco, la McLaren avrebbe "sabotato" il padre per sostituirlo con il collaudatore della squadra Mika Häkkinen, che avrebbe richiesto uno stipendio più basso. Andretti, infatti, ha avuto ancora problemi nelle prove libere nel Gran Premio d'Italia, e sia lui che Senna sono finiti in testacoda con problemi di bilanciamento dei freni all'inizio della gara. Per tutta la stagione, Senna ha avuto problemi di affidabilità simili ad Andretti, principalmente di natura elettronica, in particolare a Imola, in Canada, in Ungheria e in Gran Premio del Belgio 1993, anche se Häkkinen, in Giappone. ha eguagliato il terzo posto di Andretti, mentre Senna ha vinto sia il Gran Premio del Giappone che il Gran Premio d'Australia. Secondo Häkkinen in un'intervista molto successiva, Andretti si stava recando in Europa dagli Stati Uniti e non era abbastanza presente in Europa quando era necessario eseguire i test, consentendo a Häkkinen di mostrare costantemente la sua velocità e costruire un rapporto con la squadra. Häkkinen ha anche detto che l'approccio mentale di Andretti era del tutto sbagliato, e non si rendeva conto del tipo di incredibili sacrifici necessari per avere successo in Formula Uno.

Il ritorno alla CARTModifica

 
Michael e Marco Andretti alla 500 Miglia di Indianapolis

Andretti è tornato alle corse IndyCar dopo un anno d'assenza con la Target Chip Ganassi Racing, che si rivelò un grande successo. Ha continuato a vincere nella prima gara nella serie al Gran Premio FAI Indycar australiano del 1994, intorno al circuito di Surfers Paradise Street nel Queensland, in Australia, dopo aver condotto ogni giro lungo la strada. Quella vittoria ha anche ottenuto la prima vittoria di Reynard in CART al loro debutto. Anche se la stagione non è andata come avrebbe voluto, Michael vinse al Molson Indy Toronto , ottenendo una quarta vittoria record.

Nel 1995, è tornato alla Newman/Haas Racing . Con una sola vittoria a Toronto, ha avuto una stagione continua, segnando punti in ogni round che ha portato Andretti a conquistare il quarto posto in classifica. La stagione successiva, finisce secondo alle spalle di Jimmy Vasser, in una stagione segnata dalla morte di Jeff Krosnoff e dalla nascita della Indy Racing League, ottenendo la vittoria in cinque gare. Newman/Haas ha iniziato una nuova collaborazione con Swift che non ha avuto molto successo nel triennio 1997-1999. Nel 2000 il team ha utilizzato il telaio Lola e Michael vinse sia a Motegi, e a Toronto.

Michael tentò ancora una volta di vincere alla 24 Ore di Le Mans nel 1997, affiancato dal padre e da Olivier Grouillard. A seguito di un incidente nella notte, i tre sono stati costretti al ritiro con la loro Courage C36. Sarà l'ultima partecipazione di Michael alla 24 ore di Le Mans.

Nel 2001 passa al Team Green poiché voleva provare a vincere la 500 Miglia di Indianapolis, in quanto la Newman/Haas si è rifiutato di partecipare all'evento della Indy Racing League. Andretti ha corso su una terza vettura del Team Green con la sponsorizzazione della Motorola. Ha condotto la gara per 16 giri e finché la gara non fu sospesa per pioggia. Se la gara non fosse stata ripresa, sarebbe stato il vincitore. La bandiera rossa, però, non fu esposta al momento e la gara riprese. Una gomma forata e una piccola collisione ai box con l'eventuale vincitore Hélio Castroneves lo ha rallentato con Andretti che si dovette accontentare del 3º posto. A luglio è stato annunciato che Michael aveva acquistato il Team Green e intendeva trasferire l'intera operazione (che è stata ribattezzata Andretti Green Racing) alla IRL.

La sua carriera nel CART si è conclusa nel 2002, anno in cui ha conquistato la sua quarantaduesima e ultima vittoria in carriera nel Grand Premi di Long Beach, piazzandosi al terzo posto per vittorie di tutti i tempi nel campionato automobilistico dietro a suo padre, Mario Andretti (52 vittorie) e A.J Foyt (67 vittorie).

Andretti è, insieme ad Al Unser, Jr. il pilota per maggior numero di vittorie in una stagione CART/IndyCar con otto vittorie (1991). Durante tutta la sua permanenza in IndyCar, ha mantenuto un record consistente e impressionante, finendo nella top ten del campionato in 17 occasioni.

Dopo il ritiroModifica

Dopo aver gareggiato nella 500 Miglia di Indianapolis del 2003, Andretti si ritirò dalle corse IndyCar a tempo pieno. Ha guidato la gara per 28 dei primi 94 giri prima che un guasto al collegamento dell'acceleratore lo mettesse nuovamente fuori dai giochi. Quell'anno ha acquistato nella squadra "Team Green" gestita dai fratelli Kim e Barry Green in CART . Divenne Andretti Green Racing e per il 2003 la squadra passò alla Indy Racing League IndyCar Series.

Il team ha conquistato due titoli consecutivi della IndyCar Series nel 2004 e nel 2005, rispettivamente con Tony Kanaan e Dan Wheldon, vincendo 11 delle 17 gare, inclusa la 500 Miglia di Indianapolis. Il 2007 ha rafforzato l'eredità di Andretti, quando Dario Franchitti ha conquistato il titolo con la Andretti Green Racing, il suo terzo titolo della serie in quattro stagioni, e la sua seconda vittoria nella 500 Miglia di Indianapolis.

Andretti è tornato alla guida per la 500 Miglia di Indianapolis del 2006 per assistere lo sviluppo di suo figlio, Marco, un rookie della IndyCar per la stagione '06. Michael ha condotto la gara a quattro giri dalla fine, prima di finire al secondo posto dietro a suo figlio un giro dopo. Ha continuato a finire terzo, mentre Marco ha mancato di poco la vittoria della 500 dopo essere stato superato poco prima della linea di traguardo all'ultimo giro dal tre volte campione IndyCar, Sam Hornish, Jr.

Dopo aver qualificato la sua vettura all'11º posto per la 500 Miglia di Indianapolis 2007, Andretti è arrivato 13º. Ha poi annunciato che questa sarebbe stata la sua ultima 500 Miglia Di Indianapolis come pilota. È il pilota che ha guidato il maggior numero di giri (431) senza vincere la gara. Ha gareggiato in 16 Indy 500, con un secondo posto nel 1991, ma ha conducendo la gara nove volte.

Nel 2012, correndo sotto il nome di Andretti Autosport , hanno riportato a casa il campionato IndyCar Series 2012 . Michael è stato non solo il proprietario del team, ma anche lo stratega delle quattro vittorie in gara di Ryan Hunter-Reay. Hunter-Reay ha anche conquistato la 500 Miglia di Indianapolis 2014, con una vittoria ravvicinata su Hélio Castroneves.

All'inizio del 2018 ha collaborato con la Walkinshaw Racing di Ryan Walkinshaw e la United Autosports di Zak Brown per creare Walkinshaw Andretti United che gareggia nel Campionato Supercars.

Altre attivitàModifica

Nel 1996, Andretti ha investito in una concessionaria Toyota nel suo stato natale della Pennsylvania.

Tra le sue apparizioni personali, Andretti è apparso come concorrente nella stagione 5 della serie televisiva reality The Celebrity Apprentice, che ha debuttato nel febbraio 2012. Andretti si è unito allo show come sostituto dell'ultimo minuto per suo figlio Marco, che ha abbandonato quando l'amico di Marco, Dan Wheldon, morì durante l'IZOD IndyCar World Championship del 2011, accaduto ore prima dell'inizio delle riprese di Apprentice. Andretti è stato eliminato nel quarto episodio, dopo una presentazione per i dirigenti Buick della Buick Verano.

Nel marzo 2012, Andretti Sports Marketing ha assunto il ruolo di promotore della gara Milwaukee Mile IndyCar. L'azienda ha anche promosso l'Indy Grand Prix della Louisiana , il Miami ePrix e gli eventi del Global RallyCross Championship a Washington e New York.

FamigliaModifica

Michael Andretti è figlio del campione del mondo di Formula 1 Mario Andretti. È stato sposato dal 1985 al 1996 con Sandra Spinozzi, dalla quale ha avuto due figli, Marco (anche lui impegnato nelle corse americane) e Marissa. Sposatosi nuovamente nel 1997 con Leslie Wood, ha un altro figlio, Lucca. Nel 2004 ha nuovamente divorziato e si è risposato per la terza volta nel 2006 con la modella di Playboy Jodi Ann Paterson, dalla quale ha avuto due gemelli, Mario e Miati (Mia), nati nel 2014.

Dinastia AndrettiModifica

Michael è fa parte della Dinastia Andretti. È il figlio della leggenda delle corse di Formula 1, CART e NASCAR, Mario Andretti. Suo fratello, Jeff Andretti ha gareggiato in IndyCar. Lo zio di Michael, Aldo Andretti, è stato un pilota a ruote scoperte fino a quando un incidente non ha posto fine alla sua carriera agonistica. Il figlio di Aldo, John Andretti (cugino di primo grado di Michael) ha corso in IndyCar prima di diventare un regolare NASCAR. È tornato alla IndyCar nel 2007, 2008, 2009, 2010 e 2011, dove ha corso nella Indy 500. Anche l'altro figlio di Aldo, Adam è un pilota di auto da corsa, e nel 2005, il figlio di Michael, Marco, ha iniziato la sua carriera in Indy Racing. La famiglia Andretti è diventata la prima famiglia ad avere cinque parenti (Michael, Mario, Marco, Jeff e John) che gareggiano nella stessa serie (CART/ Champ Car /IndyCar).

Risultati in F1Modifica

1993 Scuderia Vettura                                 Punti Pos.
McLaren MP4/8 Rit Rit Rit Rit 5 8 14 6 Rit Rit Rit 8 3 7 11º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Premi e riconoscimentiModifica

Michael è stato inserito nel 2002, nella National Italian American Sports Hall of Fame , ed è stato inserito nella Motorsports Hall of Fame of America nel 2008, nella Long Beach Grand Prix Walk of Fame nel 2010, nella Canadian Motorsports International Division Hall of Fame nel 2012 e nell'Indianapolis Motor Speedway Hall of Fame nel 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16411253 · ISNI (EN0000 0000 3270 8768 · LCCN (ENn91101663 · WorldCat Identities (ENlccn-n91101663