Apri il menu principale
PFK CSKA
Calcio Football pictogram.svg
CSKA Sofia logo.svg
Soldati, I Rossi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 900px background HEX-F72B0D five pointed star HEX-F72B0D White circle.svg Rosso
Dati societari
Città Sofia
Nazione Bulgaria Bulgaria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Bulgaria.svg BFS
Campionato Prima Lega
Fondazione 1948
Rifondazione2016
Presidente Bulgaria Grisha Ganchev
Allenatore Inghilterra Nestor Jevtić
Stadio Bălgarska Armija
(22.015 posti)
Sito web www.cska.bg
Palmarès
Titoli nazionali 31 Campionati bulgari
Trofei nazionali 20 Coppe di Bulgaria
4 Supercoppe di Bulgaria
Si invita a seguire il modello di voce

Il Profesionalen Futbolen Klub CSKA[1] (in bulgaro: Професионален Футболен Клуб ЦСКА?), meglio noto internazionalmente come CSKA Sofia, è una società polisportiva bulgara con sede nella città di Sofia. Comprende il PFC CSKA Sofia, squadra di calcio, il CSKA Sofia e il CSKA Sofia, squadre di pallavolo maschile e femminile, e il PBK CSKA Sofia, squadra di pallacanestro.

Il PFC CSKA Sofia gioca le partite casalinghe nello stadio Bǎlgarska Armija.

Nel suo palmarès può vantare la conquista di 31 campionati bulgari, 20 Coppe di Bulgaria e 4 Supercoppe nazionali. A livello internazionale i massimi risultati sono state due semifinali nella Coppa dei Campioni ed un'altra in Coppa delle Coppe.

Indice

StoriaModifica

Il club nasce ufficialmente il 5 maggio 1948 col nome di "Septemvri pri CDV" dall'unione del Septemvri Sofia con la Centralnia Dom na Voiskata.

Le lontane origini risalgono al 28 ottobre 1923 quando dalla fusione delle società calcistiche Atletik Sofía e Slava Sofía, sotto il patrocinio del ministero della guerra, venne creata la società AS-23, abbreviazione di Sporten Klub Atletik Slava 1923, vincitrice di un campionato nel 1931 allora denominato "Dăržavno părvenstvo po futbol" (Coppa di Stato di Calcio), e di una Coppa dello Zar nel 1941.

La squadra giocava le sue partite casalinghe all'Atletik Park, ultimato nel 1938 che sorgeva dove attualmente si trova lo stadio Bǎlgarska Armija.[2]

Il 9 novembre 1944 dalla fusione tra l'AS-23 con lo Šipka Pobeda e lo Spartak Poduene venne costituito lo Čavdar Sofia, che nel febbraio 1948 divenne Centralnia Dom na Voiskata (Casa Centrale dell'esercito) conosciuta con l'acronimo CDV, e con la fusione del maggio 1948 diede vita al "Septemvri pri CDV", squadra che giocò la sua prima partita il 19 maggio 1948, contro lo Slavia Sofia pareggiando 1-1. Nello stesso anno vinse il suo primo campionato battendo nella finale gli eterni rivali del Levski Sofia, in quella che fu l'ultima edizione del campionato bulgaro con la denominazione di "Severobulgarska".

Con la riforma dei campionati, la nuova denominazione del campionato bulgaro nella stagione 1948-49 divenne "Republikanska futbolna divizija" (Divisione Calcio Repubblicana) con l'introduzione del girone unico nazionale formato da 10 squadre. In quel campionato il Septemvri Sofija venne separato dal CDV, che ereditò il titolo sportivo del Septemvri pri CDV.

Nel 1950 il campionato bulgaro cambiò denominazione in "A Republikanska futbolna grupa" e nello stesso anno anche il Septemvri pri CDV cambiò nome in Narodna Vojska (Esercito Popolare) per poi ricambiarlo in Centralen Dom na Narodnata Voiska (Casa Centrale dell'Esercito Popolare), abbreviato con l'acronimo CDNV, nel 1951.

Negli anni cinquanta la squadra vinse 9 titoli nazionali e 3 Coppe di Bulgaria, vincendo entrambi nel 1951, nel 1954 e nel 1955. Nel 1953 la squadra cambiò la sua denominazione in Otbor na Sofijskija Garnizon (Squadra della Guarnigione de Sofía), che venne nuovamente cambiata nel 1954 in Centralen Dom na Narodnata Armija (Casa Centrale dell'Armata Popolare), abbreviato in CDNA, denominazione che mantenne fino al 1962.

La squadra fece il suo esordio nelle competizioni europee nel 1956 partecipando alla Coppa dei Campioni e sconfiggendo agli ottavi di finale la Dinamo Bucarest, ma nel turno successivo fu eliminata dalla Stella Rossa. Partecipò consecutivamente ad altre tre manifestazioni continentali per club, tutte concluse senza passare il turno.

Negli anni sessanta il CDNA continuò la scia di vittorie del decennio precedente, vincendo 4 campionati e 3 Coppe. In ambito europeo partecipa alla Coppa dei Campioni nel 1960-61, dove eliminò nel primo turno la Juventus, ribaltando con un 4-1 casalingo il 2-0 subito nell'andata a Torino, e nel 1961-62, fermandosi al primo turno.

A seguito della fusione con la società DSO (Dobrovolna Sportna Organizacija) Červeno Zname (Organizzazione Sportiva Volontaria Bandiera Rossa), nel 1962, la denominazione venne cambiata in Centralen Sporten Klub na Armijata Červeno Zname (Club Sportivo Centrale Bandiera Rossa dell'Esercito), abbreviato in CSKA Červeno Zname.

Nella Coppa dei Campioni 1966-1967 il CSKA compie il suo massimo cammino in una competizione europea raggiungendo le semifinali, dove venne eliminato dall'Inter. La squadra italiana vinse 1-0 la partita di spareggio, dopo che entrambe le partite si erano concluse sull'1-1. Verso la fine del decennio venne ingaggiato Petăr Žekov, scarpa d'oro nel 1969 e capocannoniere del campionato per quattro volte con il CSKA.

Nel 1968 il CSKA si fuse dopo diciannove anni di nuovo con il Septemvri Sofija, che nel 1960 riuscì a vincere una Coppa di Bulgaria, cambiando la denominazione in CSKA Septemvrijsko Zname (CSKA Bandiera di Settembre), unione che sarebbe durata fino al 1988, anno in cui il Septemvri Sofija tornò ad essere definitivamente indipendente.

 
Il CSKA nel 1973

All'inizio degli anni settanta il CSKA vince 3 titoli consecutivi tra il 1971 e il 1973. Nel 1973 partecipa alla Coppa dei Campioni dove viene eliminato dai futuri campioni del Bayern Monaco nei quarti, ma nel turno precedente riesce ad eliminare l'Ajax, squadra che aveva vinto consecutivamente le ultime tre edizioni.

Gli anni ottanta si aprono con la vittoria di altri 4 campionati consecutivi. In Coppa dei Campioni elimina nel primo turno dell'edizione 1980-81 i campioni in carica del Nottingham Forest per poi essere eliminato solo nei quarti di finale dai futuri vincitori della manifestazione, il Liverpool, che nella stagione successiva ritrova ed elimina nei quarti, per poi essere sconfitto in semifinale dal Bayern Monaco.

 
Il CSKA con la Coppa di Bulgaria 2011

Il 18 giugno 1985, la finale della Coppa di Bulgaria tra il CSKA e i rivali del Levski finisce in rissa e le due squadre vengono espulse dal campionato e sciolte. Il CSKA viene rifondato con il nome di CFKA Sredec e riammesso al campionato. Nell'edizione 1988-89 della Coppa delle Coppe raggiunge la semifinale dove viene eliminato dai futuri campioni del Barcellona. In campionato conquista il venticinquesimo titolo bulgaro. Nella stagione 1989-90 la squadra riprende la denominazione di CSKA confermando il titolo vinto la stagione precedente. Nello stesso anno vince la prima edizione della Supercoppa di Bulgaria.

Negli anni novanta il CSKA conquista 3 campionati, nel 1991-92 e nel 1996-97, e 3 Coppe di Bulgaria, nel 1992-93, nel 1996-97 e nel 1998-99.

Nella stagione 2002-03 il CSKA conquista il ventinovesimo titolo e nella stagione 2004-05 arriva il trentesimo. Nel dicembre 2006 la squadra viene acquistata dalla famiglia Mittal, magnate indiani e leader mondiale dell'acciaio, e uno dei suoi figli, Pramod Mittal, ne diventa presidente. Nella stagione 2007-08 la squadra ha vinto il campionato, ma è stata esclusa dalla Champions League a causa dei debiti protratti con lo stato e con la banca. Nelle edizioni di Europa League 2009-10 e 2010-11 si qualifica alla fase a gironi, ma in entrambe le edizioni conclude il girone in ultima posizione venendo eliminato. Nella stagione 2010-11 vince la diciannovesima Coppa di Bulgaria e successivamente conquista la quarta Supercoppa di Bulgaria.

RifondazioneModifica

A causa dei debiti con il fisco bulgaro, al termine della stagione 2014-15 la società fallisce e viene retrocessa in terza divisione nazionale.[3] Nella stagione 2015-16 chiude al primo posto il girone sud-ovest della terza divisione, con 31 vittorie 1 pari e 0 sconfitte, e viene promosso. Tramite un’ardita operazione finanziaria, in estate acquisì la struttura societaria del Litex Lovech, club a sua volta con problemi disciplinari, nel quale trasferì la propria azienda sportiva, mentre il vecchio asset societario del CSKA veniva sganciato in una bad company avviata al fallimento. Tutta questa operazione avvenne sotto l’attenzione della Federcalcio bulgara, che a sua volta scioglieva la vecchia Lega calcio sostituita dalla First Professional Football League, cui il nuovo CSKA fu affiliato con una wild card, riportandolo così già nel massimo campionato. Nella stagione 2017-2018 il club termina secondo in campionato alle spalle del Ludogorets. In Coppa di Bulgaria, il Cska dopo aver eliminato il Ludogorets, uscirà in semi-finale contro i rivali del Levski Sofia.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Profesionalen Futbolen Klub CSKA
  • 1948 - 5 maggio: fondazione del club
  • 1948   Campione di Bulgaria (1º titolo).
  • 1948-49 · 2º in Republikanska futbolna diviziya.
Finalista in Coppa di Bulgaria.

  • 1950 · 4º nella A PFG.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
  • 1951   Campione di Bulgaria (2º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (1º titolo).
  • 1952   Campione di Bulgaria (3º titolo).
  • 1953 · 2º nella A PFG.
  • 1954   Campione di Bulgaria (4º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (2º titolo).
  • 1955   Campione di Bulgaria (5º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (3º titolo).
  • 1956   Campione di Bulgaria (6º titolo).
  • 1957   Campione di Bulgaria (7º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
  • 1958   Campione di Bulgaria (8º titolo).
Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
  • 1958-59   Campione di Bulgaria (9º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel turno preliminarei della Coppa dei Campioni.

  • 1960-61   Campione di Bulgaria (11º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (4º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1961-62   Campione di Bulgaria (12º titolo).
Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Bulgaria (5º titolo).
  • 1965-66   Campione di Bulgaria (13º titolo).
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Semifinalista nella Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Bulgaria (6º titolo).
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.

  • 1970-71   Campione di Bulgaria (15º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
  • 1971-72   Campione di Bulgaria (16º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (7º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1972-73   Campione di Bulgaria (17º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (8º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Bulgaria (9º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
  • 1974-75   Campione di Bulgaria (18º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
  • 1975-76   Campione di Bulgaria (19º titolo).
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.

  • 1980-81   Campione di Bulgaria (21º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
  • 1981-82   Campione di Bulgaria (22º titolo).
Semifinalista nella Coppa dei Campioni.
  • 1982-83   Campione di Bulgaria (23º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (10º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Bulgaria (11º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
  • 1986-87   Campione di Bulgaria (24º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (12º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Bulgaria (13º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1988-89   Campione di Bulgaria (25º titolo).
Vince la Coppa di Bulgaria (14º titolo).
Semifinalista nella Coppa delle Coppe.
  • 1989-90   Campione di Bulgaria (26º titolo).
Vince la Supercoppa di Bulgaria (1º titolo).
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1991-92   Campione di Bulgaria (27º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Bulgaria (15º titolo).
Eliminato nel primo turno della Champions League.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Bulgaria (16º titolo).
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno preliminare della Champions League.
Vince la Coppa di Bulgaria (17º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
  • 2002-03   Campione di Bulgaria (29º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Finalista in Coppa di Bulgaria.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Bulgaria (18º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa di Bulgaria (2º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
  • 2007-08   Campione di Bulgaria (31º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa di Bulgaria (3º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League.

Vince la Coppa di Bulgaria (19º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League.
Vince la Supercoppa di Bulgaria (4º titolo).
Eliminato nei playoff dell'Europa League.
Eliminato nel secondo turno preliminare dell'Europa League.
  • 2013-2014 3° nella A PFG, 2° in Poule Scudetto.
Eliminato nel secondo turno preliminare dell'Europa League.
  • 2014-2015 2° nella A PFG, 5° in Poule Scudetto.
  • 2015 · La società fallisce e viene retrocessa in terza divisione.
  • 2015–2016 · Vincitore del girone sud-ovest della V AFG e promosso.
Vince la Coppa di Bulgaria (20º titolo).
  • 2016 • La dirigenza acquisisce la struttura legale del Litex Lovech, nella quale trasferisce l’azienda sportiva del CSKA, abbandonando al fallimento la propria vecchia società. La Federcalcio bulgara riconosce l’operazione ripescando il rinnovato club nel massimo campionato.
  • 2016-17 3° in PFG, 2° in Poule Scudetto.
  • 2017-18 2° in PFG, 2° in Poule Scudetto.
  • 2018-19 in Prima Lega.
Eliminato nel terzo turno preliminare dell'Europa League.

Cronologia dei nomiModifica

  • Septemvri pri CDV dal 1947 al 1949.
  • Narodna Vojska nel 1950.
  • CDNV dal 1951 al 1952.
  • Otbor na Sofijskija Garnizon nel 1953.
  • CDNA dal 1954 al 1962.
  • CSKA Červeno Zname dal 1962 al 1968.
  • CSKA Septemvrijsko Zname dal 1968 al 1985.
  • CFKA Sredec dal 1985 al 1989
  • CSKA dal 1989.

Colori e simboliModifica

DivisaModifica

  • Casa: maglia rossa, calzoncini rossi, calzettoni rossi.
  • Trasferta: maglia bianca, calzoncini bianchi, calzettoni bianchi.
  • Terza divisa: maglia nera, calzoncini neri, calzettoni neri.

SimboliModifica

SocietàModifica

Di seguito gli sponsor tecnici e ufficiali che si sono legati alla società.

Modifica

Modifica

Modifica

GiocatoriModifica

 
Dimitar Berbatov con la Maglia del Manchester United

Diversi Campioni hanno vestito in passato la maglia del Cska Sofia, i più celebri sono stati Dimitar Berbatov e Hristo Stoichkov.

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del P.F.K. CSKA Sofija

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del P.F.K. CSKA Sofija

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1948, 1951, 1952, 1954, 1955, 1956, 1957, 1958, 1958-1959, 1959-1960, 1960-1961, 1961-1962, 1965-1966, 1968-1969, 1970-1971, 1971-1972, 1972-1973, 1974-1975, 1975-1976, 1979-1980, 1980-1981, 1981-1982, 1982-1983, 1986-1987, 1988-1989, 1989-1990, 1991-1992, 1996-1997, 2002-2003, 2004-2005, 2007-2008
1951, 1954, 1955, 1961, 1965, 1969, 1972, 1973, 1974, 1982-1983, 1984-1985, 1986-1987, 1987-1988, 1988-1989, 1992-1993, 1996-1997, 1998-1999, 2005-2006, 2010-2011, 2015-2016
1989, 2006, 2008, 2011
2015-2016

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1948-1949, 1953, 1967-1968, 1969-1970, 1973-1974, 1976-1977, 1977-1978, 1978-1979, 1983-1984, 1990-1991, 1992-1993, 1993-1994, 1999-2000, 2000-2001, 2005-2006, 2006-2007, 2008-2009, 2009-2010, 2011-2012, 2013-2014, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019
Terzo posto: 1962-1963, 1984-1985, 1997-1998, 2001-2002, 2003-2004, 2010-2011, 2012-2013
Finalista: 1949, 1950, 1966, 1970, 1976, 1978, 1985-1986, 1989-1990, 1997-1998, 2001-2002, 2003-2004, 2004-2005
Semifinalista: 1953, 1956, 1957, 1974-1975, 1978-1979, 1981-1982, 1983-1984, 1995-1996, 2002-2003, 2017-2018, 2018-2019
Finalista: 2005
Semifinalista: 1966-1967, 1981-1982
Semifinalista: 1988-1989
Semifinalista: 1980

OrganicoModifica

Rose delle stagioni precedentiModifica

Statistiche e recordModifica

RecordModifica

Tra il 17 agosto 1996 e il 20 aprile 1997 il CSKA Sofia resta imbattuto per 23 giornate consecutive di campionato, che alla fine verrà vinto dal club con 4 punti di vantaggio sul Neftochimic Burgas. Record eguagliato tra il 10 agosto 2002 e il 5 aprile 2003 quando il CSKA non perde per altre 23 partite di fila tra campionato e Coppa UEFA. Tra il 19 settembre 2004 e il 21 maggio 2005 il CSKA Sofia ottiene 29 risultati utili consecutivi tra campionato, Coppa bulgara e Coppa UEFA. Tra il 18 aprile 2007 e l'8 novembre 2008 è rimasto imbattuto in casa per 29 incontri tra campionato, Coppa UEFA e Supercoppa di Bulgaria. Tra il 18 aprile 2007 e il 26 aprile 2009, per più di due anni, il CSKA Sofia non ha mai perso in casa nella massima divisione bulgara, collezionando 28 successi e 3 pareggi in 31 sfide: l'imbattibilità cadde il 9 maggio nel derby contro il Levski Sofia 0-2, che per coincidenza aveva vinto anche l'ultima partita prima che iniziasse la serie positiva dei rivali, il 7 aprile 2007, col punteggio di 0-1. Da quando la società è retrocessa in terza divisione ha vinto tutte le 16 partite giocate, subendo un solo gol, ovvero alla media di 0,06 a partita; ha inoltre vinto anche le tre partite di Coppa bulgara disputate, subendo un'altra rete.[4]

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby eterno (Bulgaria).

NoteModifica

  1. ^ (BG) Statuto del CSKA (JPG), su img706.imageshack.us.
  2. ^ "Това е ЦСКА!", стр.8, Димитър Пенев
  3. ^ Bulgaria, fallisce lo storico Cska Sofia: ripartirà dai dilettanti, in La Repubblica, 1º giugno 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  4. ^ PFC CSKA Sofia, Soccerway.com. URL consultato il 10 dicembre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305257376 · GND (DE1042228302 · WorldCat Identities (EN305257376