Pietro V del Portogallo

re del Portogallo
Pietro V del Portogallo
Pedro V, King of Portugal (c. 1860) - Paris, Mayer & Pierson.png
Pietro V del Portogallo fotografato dalla Mayer & Pierson nel 1860 circa
Re del Portogallo e delle Algarve
Stemma
In carica 15 novembre 1853 –
11 novembre 1861
Predecessore Maria II e Ferdinando II
Successore Luigi I
Nome completo Pietro d'Alcantara Maria Ferdinando Michele Raffaele Gonzaga Saverio Giovanni Antonio Leopoldo Vittorio Francesco d'Assisi Giulio Amelio
Altri titoli Duca di Braganza
Nascita Lisbona, 16 settembre 1837
Morte Lisbona, 11 novembre 1861
Luogo di sepoltura Monastero di São Vicente de Fora, Lisbona
Casa reale Braganza-Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Ferdinando II del Portogallo
Madre Maria II del Portogallo
Consorte Stefania di Hohenzollern-Sigmaringen
Religione Cattolicesimo
Firma Signature Peter V of Portugal.png

Pietro V di Braganza-Coburgo (Lisbona, 16 settembre 1837Lisbona, 11 novembre 1861), detto lo Speranzoso, fu il trentunesimo re del Portogallo e delle Algarve dal 1853 al 1861.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Pietro era figlio della regina Maria II e del principe Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Gotha-Kohary, co-regnante assieme alla moglie.

Ascesa al tronoModifica

Pietro divenne Re ad appena sedici anni, il 15 novembre 1853 alla morte della madre, sotto la reggenza del padre sino al 1855. Suo padre giocò un ruolo chiave all'inizio del suo regno, operando in sua vece e realizzando grandi opere pubbliche che rinsaldarono il legame tra la monarchia e il sovrano[non chiaro], legami che si erano compromessi sotto il regno di sua madre[perché?]. Il 16 settembre 1855 venne ufficialmente incoronato.

RegnoModifica

 
Pietro II, re del Portogallo, ritratto da Miguel Ângelo Lupi nel 1860

Ottenuta la piena reggenza del trono portoghese, uno dei suoi primi atti fu nel 1856 l'occupazione dell'Angola settentrionale e l'abolizione della schiavitù. Pietro V si dimostrò un monarca coscienzioso e lavoratore,[senza fonte] interessandosi del progresso del proprio paese: sotto il suo regno strade, telegrafi e ferrovie vennero costruiti per accrescere il benessere pubblico. Per questo egli era molto amato dal popolo[senza fonte], e ancor di più lo fu per la propria attenzione al problema sanitario dopo lo scoppio dell'epidemia di colera, durante la quale si recò in visita agli ospedali principali del Portogallo, portando doni per i malati.

Tutto questo, a ogni modo, fece perdere la vita al giovane re, che trovò la morte proprio nell'epidemia del 1861 assieme ai suoi fratelli Ferdinando e Giovanni e ad altri membri della famiglia reale.

MatrimonioModifica

Il 18 maggio del 1858 Pietro sposò Stefania di Hohenzollern-Sigmaringen, figlia del principe Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen e della principessa Giuseppina di Baden.

MorteModifica

Entrambi gli sposi morirono pochi anni dopo il loro matrimonio: Stefania solo un anno dopo nel 1859 e Pietro, che non si risposò, nel 1861. Non avendo avuto figli, gli succedette il fratello minore Luigi con il nome di Luigi I.

AscendenzaModifica

Braganza
Sovrani del Portogallo

Giovanni IV (1640-1656)
Figli
Alfonso VI (1656-1683)
Pietro II (1683-1706)
Figli
  • Isabella Luisa (1669-1690)
  • Giovanni (1688)
  • Giovanni (1689-1750)
  • Francesco Saverio (1691-1742)
  • Francesca Saveria (1694)
  • Antonio Francesco (1695-1757)
  • Teresa Maria (1696-1704)
  • Manuele Giuseppe (1697-1766)
  • Francesca Giuseppa
Giovanni V (1706-1750)
Figli
  • Barbara (1711-1758)
  • Pietro (1712-1714)
  • Giuseppe (1714-1777)
  • Carlo (1716-1730)
  • Pietro (1717-1786)
  • Alessandro (1723-1728)
Giuseppe I (1750-1777)
Figli
Maria I (1777-1816) e Pietro III (1777-1786)
Figli
Giovanni VI (1816-1826)
Figli
Pietro IV (I del Brasile) (1826)
Figli
Maria II e Michele (1826-1828)
Michele (1828-1834)
Figli
Maria II e Ferdinando II (1834 - 1853)
Figli
  • Pietro (1837 - 1861)
  • Luigi (1838 - 1889)
  • Maria (1840)
  • Giovanni (1842 - 1861)
  • Maria Anna (1843 - 1884)
  • Antonia Maria (1845 – 1913)
  • Ferdinando Maria (1845 - 1913)
  • Augusto (1847 - 1889)
  • Leopoldo (1849)
  • Maria da Gloria (1851)
  • Eugenio (1853)
Pietro V (1853-1861)
Luigi I (1861-1889)
Figli
Carlo I (1889-1908)
Figli
Manuele II (1908-1932)
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld Ernesto Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel  
Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary  
Augusta di Reuss-Ebersdorf Enrico XXIV di Reuss-Ebersdorf  
 
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg  
Ferdinando II del Portogallo  
Ferenc József di Koháry Ignaz II József Csabragi di Koháry  
 
Maria Gabriella Cavriani  
Maria Antonia di Koháry  
Maria Antonia di Waldstein Giorgio Cristiano di Waldstein  
 
Maria Isabella di Ulfeldt  
Pietro V del Portogallo  
Giovanni VI del Portogallo Pietro III del Portogallo  
 
Maria I del Portogallo  
Pietro I del Brasile  
Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna Carlo IV di Spagna  
 
Maria Luisa di Borbone-Parma  
Maria II del Portogallo  
Francesco II d'Asburgo-Lorena Leopoldo II d'Asburgo-Lorena  
 
Maria Luisa di Borbone-Spagna  
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena  
Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie Ferdinando I delle Due Sicilie  
 
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze portoghesiModifica

  Fascia dei tre ordini
  Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
  Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
  Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
  Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
  Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1855
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1855

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN36962016 · ISNI (EN0000 0001 2128 1604 · Europeana agent/base/45004 · LCCN (ENn84145208 · GND (DE117705039 · BNF (FRcb12186345h (data) · BNE (ESXX1366530 (data) · BAV (EN495/200919 · WorldCat Identities (ENlccn-n84145208