Personaggi di Dexter

lista di un progetto Wikimedia
(Reindirizzamento da Arthur Mitchell)
Dexter Logo.svg

Questa voce contiene un elenco dei personaggi presenti nella serie televisiva Dexter (2006-2013) e nella miniserie sequel Dexter: New Blood (2021-2022).

Personaggi principaliModifica

Personaggio Interprete Stagione
1 2 3 4 5 6 7 8 New Blood
Dexter Morgan Michael C. Hall
Rita Bennett Julie Benz
Debra Morgan Jennifer Carpenter
María LaGuerta Lauren Vélez
James Doakes Erik King
Angel Batista David Zayas
Harry Morgan James Remar
Vince Masuka C. S. Lee
Joey Quinn Desmond Harrington
Thomas Matthews Geoff Pierson
Jamie Batista Aimee Garcia
  • Legenda:      nel cast principale;      nel cast ricorrente;      apparizione guest;      non presente nel cast.

Dexter MorganModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dexter Morgan.

Dexter Morgan (stagioni 1-8; New Blood), interpretato da Michael C. Hall è il protagonista della serie.

Dexter è un serial killer esperto e metodico, ma per tutti è solo un tranquillo ematologo della polizia scientifica di Miami. Ha una sorella, Debra, con cui è in ottimi rapporti, nonostante lei durante l'infanzia abbia fortemente patito il fatto che suo padre Harry fosse (all'apparenza) più legato al figlio adottivo Dexter. Frequenta una ragazza, Rita Bennett, anche se nella seconda stagione prende una sbandata per Lila Tournay, una ragazza con la quale avrà una breve relazione. Ritornati insieme, nella terza stagione Dexter e Rita aspettano un bambino e si sposano, mettendo su famiglia. È sempre alla ricerca di un equilibrio tra la sua natura di assassino e la sua "facciata" di fratello, fidanzato e poi marito e padre di famiglia.

Rita BennettModifica

Rita Bennett (stagioni 1-4; guest 5), interpretata da Julie Benz. E' la fidanzata di Dexter Morgan, nonché la sua futura moglie. Rita viene presentata come madre di due figli che lentamente si sta riprendendo dagli abusi del suo ex-marito Paul. Dexter gli è stato presentato da Debra, dopo che questa aveva chiamato la polizia per denunciare una violenza domestica. Inizialmente Dexter sta con lei solo per mantenere la copertura del serial killer, anche se Rita tenta comunque di instaurare una vera relazione con lui, anche se è del tutto ignara di come passa il tempo in sua assenza. I continui abusi subiti l'avevano indotta a non cercare il sesso in una relazione, cosa che a Dexter non dispiaceva affatto. Dopo che Paul rifiuta di firmare il divorzio in prigione, Rita gli offre la possibilità delle visite settimanali; tuttavia una notte piomba a casa ubriaco e Rita lo fa entrare malvolentieri, per poi affrontarlo e colpirlo con una mazza da baseball.[1] Successivamente lui le fa causa per ottenere la custodia dei figli, ma Dexter fa in modo di farlo trovare dalla polizia in possesso di droga.[2] Dopo un anno, la relazione tra Rita e Dexter diventa tormentata. Ella viene a sapere cosa ha fatto a Paul e sospetta che anche lui assuma eroina e lo costringe a seguire un incontro di tossicodipendenti anonimi, minacciandolo di lasciarlo se si rifiuta. Rita inizia però a sospettare che Dexter abbia una relazione con Lila, la sua sponsor, e rompe con lui. Nel frattempo sua madre viene a vivere da lei, influendo sulla vita sua e dei figli. Essi continuano tuttavia a trattare con Dexter e dopo che quest'ultimo le rivela che Lila è stato il suo più grande errore, decide di dargli un'altra possibilità soprattutto per i sentimenti che lei prova ancora nei confronti dell'uomo. La terza stagione vede Rita entusiasta della sua relazione con Dexter, ma subito e inaspettatamente si ritrova incinta. Conscia che l'essere stata ragazza madre è stato uno dei pochi successi della sua vita, decide di tenere il bambino e di lasciar decidere a Dexter quale ruolo volesse avere nella vita del bimbo. Quando Dexter sceglie di stare accanto al figlio, propone allo stesso tempo a Rita di sposarlo e quest'ultima accetta. Tuttavia Rita finisce col perdere il lavoro di receptionist, ma grazie all'aiuto di Sylvia, la moglie di Miguel Prado, viene assunta da questa come sua assistente nella vendita di immobili. Alla fine si scopre che Rita si è sposata la prima volta quando aveva sedici anni, ma è un segreto che preferisce non rivelare a Dexter. Dopo che Dexter ha ucciso lo Scorticatore, si sposa con Rita e promettono l'un l'altra che si sosterranno a vicenda.

Dopo la nascita del figlio Harrison, Rita e Dexter vanno a vivere in periferia. La donna comincia a notare una serie di bugie del marito, come quando mente sulle dinamiche dell'incidente stradale. Rita e Dexter vanno così da un consulente matrimoniale, che aiuta loro a risolvere i problemi di coppia e a far tornare la pace tra i due. Tuttavia il vicino di casa, Elliot, fa la corte a Rita, baciandola e puntualizzando sul fatto che Dexter la lascia sempre sola a casa. Rita inizialmente non si tira indietro quando viene baciata, ma si ferma prima che la situazione si evolva in qualcosa di più e decide di dirlo a Dexter. La sera seguente si affaccia alla finestra e vede il marito colpire con un pugno il vicino di casa, e quando Dexter rientra gli dice di essere fiera di lui. Dopo qualche giorno Rita viene chiamata dall'ufficio dello sceriffo per prelevare Dexter dalla cella; Rita rincuora il marito dicendogli che è parte integrante della famiglia e che quando in galera ci finiva Paul, per lei era un sollievo. Dexter prega Rita affinché parta prima per la luna di miele, ma a causa di un imprevisto in aeroporto deve far ritorno a casa. Nel frattempo aveva lasciato un messaggio sulla segreteria vocale del marito, che una volta giunto a casa la ascolta e sente il suo cellulare suonare dall'altra parte della stanza: Rita si trova esanime nella vasca da bagno piena di sangue, uccisa nello stile di Trinity Killer.[3]

Dexter si sente profondamente dispiaciuto e responsabile della morte di Rita, e per la prima volta si accorge di aver provato dei veri sentimenti nei suoi confronti. Per cercare di sentirsi meglio, Dexter decide di aiutare Lumen ad uccidere un gruppo esperto di stupratori (in cui c'è anche il noto Jordan Chase) che l'ha traumatizzata. Nonostante Dexter sia contento di aver aiutato Lumen ad aver trovato la pace, lui non è comunque riuscito a superare il trauma e a riempire il vuoto causato dalla morte di Rita.

Debra MorganModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Debra Morgan.

Debra Morgan (stagioni 1-8; New Blood), interpretata da Jennifer Carpenter. E' la sorella adottiva di Dexter. Da giovane era molto gelosa del fatto che suo padre Harry passasse un sacco di tempo col fratello piuttosto che con la sua "vera" figlia. Non conosce il segreto di Dexter, e non ha mai capito cosa facessero insieme suo padre e il fratello. Rimane comunque molto devota al padre e decide di seguirne le orme in polizia. Lavora prima per la buoncostume, poi riesce finalmente ad entrare nella squadra omicidi, aiutata in questo dal capitano Matthews (miglior amico del padre), anche se inizialmente non sembra avere particolari doti per questo lavoro (cosa che tuttavia viene smentita con il susseguirsi delle stagioni, fino alla sua nomina a detective). Chiede spesso consigli a Dexter, il quale sembra sempre saperne più degli altri riguardo agli omicidi (in quanto è anch'egli un killer e riesce perciò a comprenderli profondamente). Nella prima stagione arriva ad un passo dal matrimonio con Rudy Cooper, prima di scoprire che in realtà è Brian Moser, Il Killer del Camion Frigo. Nella seconda stagione inizia una relazione con l'agente speciale dell'FBI Frank Lundy, relazione bruscamente interrotta a causa del suo lavoro, e successivamente inizia a frequentare Anton, un informatore del collega Joey Quinn; questa sembra essere una storia seria, ma nella quarta stagione il ritorno a Miami dell'agente Lundy fa riaccendere la passione tra loro due, prima che Christine Hill (figlia segreta di Trinity Killer) spari ad entrambi, ferendo Debra ed uccidendo Lundy. Venuta a conoscenza tramite Dexter dell'infedeltà di suo padre nei confronti di sua madre con una giovane informatrice, approfondisce i legami di Harry Morgan con esse, venendo a conoscenza della parentela di Dexter con Il Killer del Camion Frigo. Nella quinta stagione inizia un'altalenante relazione con Quinn.

María LaGuertaModifica

María Esperanza del Alma LaGuerta (stagioni 1-7), interpretata da Lauren Vélez (stagioni. Il tenente María LaGuerta è una donna molto determinata, a capo della squadra omicidi di Miami. È molto rispettata dai suoi sottoposti, anche se si ritrova spesso in competizione con la sorella di Dexter e con il comandante Matthews. All'inizio della serie, sembra avere un sincero disgusto per Debra, che nelle stagioni successive è tutt'altro che scomparso. Nella prima stagione, (soprattutto nel pilot) è attratta da Dexter, con il quale flirta in continuazione, nonostante percepisca il suo disagio. Al termine della prima stagione, però, finisce col vederlo più come un buon amico. Inoltre viene rimossa dal comando. All'inizio della seconda stagione ottiene nuovamente il comando della omicidi, una volta che il nuovo tenente, Esmee Pascal, dimostra di essere instabile; il tutto è proprio merito di LaGuerta che intrattiene una relazione amorosa col fidanzato di Pascal. Con l'arrivo di Frank Lundy, i sospetti sul caso del Macellaio di Bay Harbor ricadono sul suo ex compagno e fidanzato James Doakes, così cerca di aiutarlo a rifarsi un nome. Tuttavia, Doakes viene trovato morto in un'esplosione apparentemente accidentale, insieme con il corpo del trafficante di droga Jose Garza, e il caso è chiuso. Le prove e i reperti di LaGuerta vengono ignorati e dopo la sua morte, il tenente apre un fondo memoriale per lui, chiedendo donazioni agli agenti di polizia, e si rifiuta di pensare del suo amico defunto, come un serial killer. Nella Stagione 3, appena si riprende dal trauma della morte di Doakes, conduce un'indagine sulla morte di Oscar Prado, il fratello del suo ex-fidanzato e amico di lunga data, il procuratore distrettuale Miguel Prado. Nel frattempo si sviluppa anche una stretta relazione con l'avvocato difensore Ellen Wolf, ed è devastata quando la donna viene trovata assassinata. Attraverso un lavoro di indagine personale, insieme con l'input di Dexter, è in grado di scoprire che Miguel è stato killer di Wolf. Sa che può contare su Dexter, poiché è il solo che sa la verità. Dopo l'omicidio di Miguel (apparentemente per mano dello scorticatore, ma in realtà da Dexter), è furibonda per la decisione della comunità cubana di dedicare una strada a Miguel. Così si appresta a trovare elementi di prova per dimostrare che questi ha ucciso Wolf, ma Dexter riesce a convincerla che così facendo danneggia soltanto la famiglia di Miguel e la comunità cubana. A malincuore, LaGuerta lascia perdere. All'inizio della quarta stagione, viene messa in luce la relazione con Angel Batista. I due mantengono la loro storia d'amore segreta al resto del personale all'interno del dipartimento della omicidi, a parte Dexter, verso il quale si confidano sia Batista che LaGuerta. La loro relazione si incrina quando LaGuerta riferisce ai loro superiori la verità in modo che questa relazione non possa essere usata contro di loro nel caso di un processo. Come conseguenza della sua divulgazione, i due ricevono una minaccia di cambiamento: o Batista o LaGuerta dovrà uscire dalla omicidi. Rendendosi conto che il loro lavoro è parte integrante di ciò che sono entrambi, i due decidono di porre fine alla loro relazione, e fanno una dichiarazione giurata dinanzi a Matthews. Stare lontani l'una dall'altro non è facile, e ricominciano così gli incontri segreti ancora una volta. Al fine di eludere una ripercussione da parte dei piani alti, e anche a causa dei loro sentimenti profondi, si sposano di nascosto con Dexter come testimone nell'ufficio del tenente. Nella quinta stagione LaGuerta e Batista divorziano e l'anno seguente diventa capitano della polizia, dopo aver fatto un favore a Matthews. Nella settima stagione riapre in segreto il caso del Macellaio di Bay Harbor, capendo che il responsabile non era il sergente Doakes. Dapprima collabora con Debra, ma quando i suoi sospetti ricadono su Dexter, tira in ballo l'ex capitano Thomas Matthews e fa in modo di far uscire sulla parola Hector Estrada, il mandante dell'omicidio di Laura Moser, per attirare in trappola il vero Macellaio di Bay Harbor. Dexter, però, scopre in tempo il piano e agisce di conseguenza, facendo credere a tutti che LaGuerta stia tentando di incastrarlo per scagionare Doakes. Il capitano non si dà per vinta e, dopo aver trovato un video che mostra Debra riempire una tanica di benzina nei pressi della chiesa dove è morto Travis Marshall, poco prima che questa bruciasse, capisce che il tenente sta coprendo il fratello e chiede un mandato per conoscere i movimenti dei cellulari di entrambi la sera dell'incendio, in modo da dimostrare che si trovassero insieme. Dexter lo scopre e così decide di ucciderla: rapisce Hector Estrada, che precedentemente non era riuscito ad eliminare, lo costringe a chiamare il capitano per attirarla in trappola e, dopo aver ucciso il criminale, attende l'arrivo di LaGuerta per drogarla e inscenare uno scontro a fuoco tra quest'ultima ed Estrada in cui avrebbero perso la vita entrambi. Debra capisce tutto e interrompe Dexter durante l'esecuzione del suo piano, nel frattempo LaGuerta si sveglia ed esorta Debra ad abbattere Dexter, cosa che quest'ultimo dichiara di accettare, arrendendosi al suo destino. In modo inaspettato Debra spara a LaGuerta uccidendola.

James DoakesModifica

James Doakes (stagioni 1-2; guest 6) è interpretato da Erik King. E' un sergente della sezione omicidi della polizia di Miami, ed è l'unica persona che sembra nutrire dei dubbi sulla vera natura di Dexter Morgan. Doakes prima di entrare in polizia fu membro dell'esercito americano e divenne operativo nei ranger (reparto distaccato di ricognizione). Dopo alcuni anni trascorsi nelle operazioni segrete, Doakes abbandonò la carriera militare, veicolando le proprie abilità al fine di aiutare i civili. Tuttavia la carriera di poliziotto ha un blocco quando viene accusato di non essere in grado di lavorare in coppia, se non con lui al comando. A causa del suo istinto omicida, si è visto costretto a divorziare da sua moglie; confessò che se avesse continuato a vivere con lei avrebbe finito con l'ucciderla. Egli aveva una relazione con María LaGuerta, che considerava importante, ed era suo partner nella polizia, fin quando quest'ultima non arrestò un grosso trafficante e ottenne una promozione. In realtà fu Doakes che si occupò del lavoro sporco e smascherò lo spacciatore, mentre LaGuerta lo fermò solamente mentre scappava; nonostante la promozione sia spettata solo alla donna, Doakes non si è mai infastidito. Doakes è l'unica persona che si mostra capace di vedere attraverso la maschera che nasconde Dexter, forse intuendo la natura di serial killer del collega, e non fa mistero dei sospetti nei suoi confronti. Dopo la scoperta della morte de Il Killer del Camion Frigo, Doakes si rende conto che Dexter nasconde delle informazioni essenziali sull'omicida, tant'è che lo attacca fisicamente per poi scoprire che Dexter è un abile combattente. La seconda stagione si apre con Doakes che pedina ossessivamente il protagonista Dexter, seguendolo dappertutto, e abbandonando la propria vita sociale alla ricerca del segreto di Dexter. Inizialmente il sergente sembra appagato quando trova l'ematologo a un incontro di tossicodipendenti anonimi, dove ammette di far uso di eroina. Doakes si convince che il segreto oscuro di Dexter è l'assunzione di stupefacenti e che questa sia legata al forte stress da lavoro, tant'è che egli stesso conosce anche altri poliziotti con questo problema. Sentendo empatia nei confronti di Dexter per la prima volta, decide di lasciarlo stare per un po'. Doakes riprende lo stalking quando Debra rivela che Dexter non ha mai neanche fumato una sigaretta. Il poliziotto comincia a investigare sul passato di Dexter e quest'ultimo, lo sprona a picchiarlo davanti a tutti nella centrale di polizia, dopo averlo colpito con una testata nel proprio stanzino. Doakes viene sollevato dall'incarico di sergente e sta quasi per accettare un lavoro ben pagato che LaGuerta riesce a proporgli, quando comincia a sospettare che Dexter sia Il Macellaio di Bay Harbor, in quanto Frank Lundy gli fa notare che una delle vittime del serial killer è stata assolta a causa di un rapporto sul sangue scadente. Doakes, durante le sue ricerche su Dexter, s'imbatte nei resti di Santos Jimenez e trova il cofanetto dove Dexter nasconde i vetrini, avendo la conferma che Dexter è il Macellaio. Ironia della sorte, Doakes è ora il primo sospettato del caso, grazie all'abilità di Dexter nel manipolare le prove. Doakes tenta di arrestare Dexter nelle Everglades, ma quest'ultimo ha la meglio e rinchiude l'ex poliziotto in una cella del capanno di Jimenez in attesa di decidere cosa farne di lui. Alla fine, Dexter decide di consegnarlo all'FBI come colpevole. Nel frattempo Lila Tournay trova il capanno e dopo essersi fatta rivelare da Doakes chi è in realtà Dexter, lascia aperto il tubo del propano e fa incendiare il tutto. Il corpo incenerito di Doakes trovato vicino ai resti smembrati di Jose Garza chiudono il caso, con la conclusione ufficiale che lui era il Macellaio. A causa della vicenda de Il Macellaio di Bay Harbor, al funerale dell'uomo non si presenta nessuno eccezion fatta per LaGuerta, Dexter, le sorelle e la madre di Doakes. L'incarico di sergente va così a Angel Batista. Nel finale della settima stagione compare nuovamente il sergente Doakes in alcuni flashback di Dexter, che ripercorre le vicende che hanno portato l'allora sergente ad intravedere ciò che di oscuro c'era nell'animo dell'ematologo.

Angel BatistaModifica

Angelo Juan Marcos "Angel" Batista (stagioni 1-8) è interpretato da David Zayas. Angel è un onesto poliziotto, soprattutto perché l'ha giurato al padre sul letto di morte. Questa sua peculiarità lo metterà in seria difficoltà quando è indeciso se denunciare o no James Doakes alle autorità per un omicidio da questi commesso. In seguito ha una relazione con un'altra donna e quando decide di dirlo a sua moglie, questa lo caccia via di casa e darà il via alla lunga e dolorosa separazione. Batista afferma di essere il miglior amico di Dexter, con grande confusione per quest'ultimo, poiché non gli ha mai dato - consciamente - alcun motivo per pensare questo. Dexter ammette infine che Batista è la cosa che ha più vicina a un amico. Per tutta la serie, fra i due, un serial killer (fatto ovviamente sconosciuto a Batista) e un integerrimo poliziotto, resterà sempre un rapporto di reciproco rispetto. Nella seconda stagione Batista è poco presente, si nota solo durante la sua breve relazione con Lila Tournay che si conclude con i due che vanno a letto insieme. Tuttavia Lila prende del rohypnol e denuncia Batista per violenza sessuale. Dopo la scomparsa, con relativa morte di Lila, cadono tutte le accuse.

Nella Stagione 3 diventa sergente, sostituendo così il defunto Doakes. Tuttavia la sua vita da padre divorziato sembra prendere il sopravvento su di lui, tant'è che rischia il posto quando va con una prostituta che si scopre essere un poliziotto sotto copertura. In seguito alle avances, persistenti ma eleganti, Angel inizia una relazione con l'altro ufficiale, Barbara Gianna. Egli è però paranoico riguardo al suo rapporto e per farsi perdonare di una cena saltata a causa del lavoro, lascia un messaggio alla donna dove si scusa in modo molto prolisso. Barbara trova, invece, questa cosa istericamente divertente e porta la cena take-away direttamente sul posto di lavoro, sicché il loro rapporto appare forte. La forza si riscontra anche dopo, quando Barbara viene aggredita da un cliente e Angel anziché uccidere o picchiare a sangue il malfattore, lo arresta semplicemente dando ascolto a Dexter. Alla fine si reca al matrimonio di Dexter e Rita con la sua compagna Barbara.

All'inizio della quarta stagione, sembra che Angel e Barbara si siano lasciati consensualmente, e ora il sergente ha un coinvolgimento romantico con María LaGuerta, anche se questo viene tenuto nascosto al lavoro. Egli si mostra poco propenso all'idea che la sua relazione diventi pubblica, per paura di definire qualcosa che in realtà trova indefinibile. Batista chiede consigli a Dexter, il quale diventa poi un involontario consigliere dei due. Nell'episodio Faccia a faccia Angel e María si sposano in segreto e Dexter è il loro testimone.

Nella Stagione 5 il matrimonio tra il sergente e LaGuerta è costantemente minato dai loro disaccordi lavorativi. In un primo momento, Batista cede costantemente alle richieste della moglie, ma diventa sempre più frustrato e geloso. Quando in un bar un poliziotto ubriaco fa un commento pesante su LaGuerta ("lei fa i migliori pompini di tutta Miami"), Batista, anch'egli ubriaco, lo picchia selvaggiamente e finisce per essere indagato dagli affari interni. Nonostante ciò Angel diviene sempre più geloso, fino ad arrivare a leggere i messaggi del tenente e rischiare di mandare a monte un'azione sotto copertura di LaGuerta, intenta a fermare un poliziotto corrotto. Dopo che la sua informatrice muore a causa della sparatoria provocata dai fratelli Fuentes, Batista decide di appoggiare con una dichiarazione scritta la difesa di Debra, mettendosi contro la moglie. Si ripete quando insiste con la riapertura del caso delle ragazze nei barili, dopo che LaGuerta l'aveva chiuso troppo presto. Da allora, l'approccio di Batista verso la prepotenza di LaGuerta è drasticamente cambiato, ma il loro rapporto è di conseguenza migliorato.

Nella sesta stagione si scopre che Batista ha divorziato da LaGuerta, mentre sua sorella diventa la baby sitter di Harrison, il figlio di Dexter. Con la promozione di LaGuerta a capitano, il posto di tenente sembra essere suo, ma alla fine il vice capo Matthews opta per Debra Morgan, lasciando Angel con l'amaro in bocca.

Nella settima stagione Batista e Quinn si danno un gran da fare per scoprire chi ha ucciso il collega Mike Handerson. Poco dopo il sergente si rende conto di voler cambiare vita e diventa proprietario di un ristorante sulla spiaggia di Miami.

Nella ottava stagione, con la morte di LaGuerta, decide di tornare a fare il poliziotto e in seguito all'abbandono del dipartimento da parte di Debra, la avvicenda nel ruolo di tenente di polizia.

Harry MorganModifica

Harrison "Harry" Morgan (stagioni 1-8) è interpretato da James Remar. Harry Morgan è un detective molto rispettato del Dipartimento di Polizia di Miami, e un caro amico del suo superiore, il ten. Tom Matthews. Nel corso di un'indagine anti-droga, Harry inizia una relazione con Laura Moser (la madre biologica di Dexter), un'informatrice che doveva incastrare i trafficanti in questione. I malviventi però la scoprono e la uccidono brutalmente dinanzi ai suoi figli Brian e Dexter. È Harry a giungere per primo sul luogo del delitto e prende Dexter con sé, lasciando Brian nel container. L'agente col passare degli anni constata che l'esperienza ha trasformato Dexter in un violento sociopatico. All'inizio Harry tenta di gestire i bisogni violenti di Dexter, permettendogli di uccidere animali, ma alla fine si rende conto che la patologia del figlio adottivo non può venire repressa, ma solo controllata. Harry decide quindi di incanalare gli impulsi di Dexter al fine di cacciare e uccidere gli assassini lasciati impuniti. Dexter fa tesoro degli insegnamenti del padre e soddisfa le proprie pulsioni omicide con l'approvazione di Harry, in quanto segue il suo "Codice" con genuina dedizione. Nel frattempo, la relazione tra Harry e la propria figlia biologica Debra diviene più complicata; lei ha un disperato bisogno delle attenzioni del padre, ma questi per il momento ha sentimenti solo per Dexter. Quando Dexter ha 19 anni, Harry si ammala seriamente e dà il permesso di uccidere una delle sue infermiere, che lo stava avvelenando intenzionalmente con della morfina. Un anno dopo, Harry commissiona un altro omicidio a Dexter, ma stavolta lo vede all'opera e rimane terrorizzato da ciò che Dexter era divenuto a causa sua. Harry si suicida pochi giorni dopo con un'overdose di medicine, ma non prima di aver chiesto a Matthews di badare ai propri figli.

Vince MasukaModifica

Vincent "Vince" Masuka (ricorrente stagione 1; principale 2-8) è interpretato da C. S. Lee. Masuka è l'investigatore forense della polizia di Miami e lavora insieme a Dexter nel laboratorio di scene del crimine. Contraltare al suo discreto diretto collega, riveste spesso il ruolo comico. Fa spesso allusioni sessuali al resto della squadra, fa riferimento alla sua origine giapponese solo quando gli conviene, e prova dei sentimenti non corrisposti verso Debra. È ossessionato dal sesso e il suo motto è "più è perverso meglio è"; inoltre non ha timore di proporsi ad ogni donna che incontra. Comunque, sa anche quando tenere bassi i toni, come quando Angel era in ospedale o quando Debra era giù a causa del ritorno di Frank Lundy. Il detective Joey Quinn spesso gli fa notare il suo comportamento ossessivo e gli spiega che questa è la ragione per cui a nessuno piace stargli vicino. Per un breve periodo Masuka si veste in modo formale e fa capire agli altri di essere triste poiché nessuno si è interessato al suo lavoro che aveva pubblicato. Nel libro, Dexter trova un'affinità con Masuka, in quanto anche lui nasconde ciò che è realmente. Così come nel romanzo, Masuka rapisce Dexter per portarlo alla sua festa di addio al celibato e si prende un pugno in piena faccia, quando il protagonista viene liberato dal portabagagli dell'auto. Alla fine si innamora dell'organizzatrice della festa e non si sa se ci sia stato un proseguimento della loro relazione. Inoltre viene mostrato fortemente turbato nel vedere Rita baciare un altro uomo, quando si trova a doverlo dire a Dexter. Nell'ultima stagione scopre di avere una figlia, nata in seguito a una donazione di sperma. Nel romanzo, Masuka è la cosa più vicina all'essere amico di Dexter; secondo il protagonista entrambi fingono di essere normali, sebbene per motivi differenti. Ne Il nostro caro Dexter Vince organizza l'addio al celibato poche ore dopo aver saputo del fidanzamento del collega, e in Dexter l'oscuro prende tanto seriamente il suo ruolo di testimone che si accinge a chiamare Manny Borque, famosissimo caterer, per il matrimonio di Dexter.

Joey QuinnModifica

Joseph "Joey" Quinn (ricorrente stagione 3; principale 4-8) è interpretato da Desmond Harrington. Quinn è un poliziotto trasferito dalla narcotici alla omicidi di Miami, all'inizio della terza stagione. Sin dall'inizio Quinn sembra prendere in simpatia la sua nuova partner Debra Morgan, arrivando al punto di aiutarla dandole un informatore confidenziale per darle una mano con il caso Oscar Prado. Il passato di Quinn è sconosciuto e anche messo in discussione, quando Debra viene messa sotto pressione dall'agente Yuki Amado degli Affari Interni per denunciare Quinn. Quando il poliziotto viene a sapere che Amado sta avendo a che fare con Debra, lui spiega che si tratta solo di una "vendetta personale". Quinn confessa che anni addietro Amado era la sua partner, e che lei lo accusa per la morte di un loro collega, per overdose, dovuta all'assunzione di cristalli di metanfetamine; Quinn sapeva della dipendenza dell'uomo, ma ha cercato di aiutarlo da sé anziché informare i superiori. Si vede nell'ultima puntata al matrimonio di Dexter, nonostante Debra dica al fratello di non invitarlo.

Nella quarta stagione, Quinn serba rancore nei confronti di Dexter per aver pasticciato in un caso su cui aveva lavorato; tuttavia, dopo che l'ematologo l'ha visto rubare dei soldi da una scena del crimine, questi tenta di stabilire un'amicizia con Dexter comprandogli dei biglietti costosi per una partita di football. Nel frattempo, Quinn inizia una relazione con Christine Hill, una reporter che con charme lo abbindola per ricavare informazioni dalla polizia. Dopo che una sua confidenza finisce dritto su un articolo della Hill, il tenente María LaGuerta lo invita a diffidare di qualsiasi giornalista che gli chieda informazioni confidenziali a letto. Joey, invece, continua a parlare con Christine di numerosi rapporti di polizia, e usa queste informazioni per segnalare che Frank Lundy è di nuovo a Miami. Quinn lascia la ragazza dopo la pubblicazione dell'articolo su Lundy, ma i due presto si rimettono insieme. Sebbene stesse più attento su cosa dire a Christine, Quinn continua a difenderla quando Dexter le intima di lasciare in pace Debra. Tutto questo si tramuta in un rapporto conflittuale tra Quinn e Dexter. In seguito Quinn denuncia Hill dopo aver scoperto che lei era la figlia di Trinity Killer e che l'aveva manipolato per evitare di far arrestare il padre; dopo che la giornalista si spara, Quinn appare palesemente sconvolto.

Nella Stagione 5 Quinn inizia a sospettare che Dexter abbia ucciso sua moglie Rita, dopo aver appreso che si era scambiata un bacio col vicino, misto al fatto che il modus operandi del presunto killer (Arthur Mitchell) era lievemente diverso. Quinn focalizza l'attenzione sui presunti ritratti di "Kyle Butler" e determina che potrebbe trattarsi di Dexter. Dopo aver rintracciato Jonah Mitchell, che doveva entrare nel programma di protezione testimoni, Quinn tenta di far riconoscere Kyle Butler come Dexter, ma viene catturato e sospeso dai marescialli.

Impossibilitato a continuare, Quinn ingaggia Stan Liddy per investigare su Dexter. Dopo una notte trascorsa con Debra, Joey tenta diverse volte di portarla a letto, così i due cominciano a frequentarsi, finché Debra scopre che Quinn è stato sospeso da LaGuerta poiché stava investigando su Dexter e che non era in vacanza come le aveva invece detto. Liddy inizia a molestare Quinn, ma quest'ultimo non vuol più continuare ad investigare su Dexter a causa dei sentimenti che ora prova per Debra. Il corpo di Liddy viene ritrovato dopo che Dexter l'ha ucciso, ma i sospetti ricadono su Quinn poiché ci sono cinque chiamate fatte e una macchia di sangue sui propri stivali. Alla festa di compleanno del figlio di Dexter, Quinn lo ringrazia per aver mentito sulle analisi, scagionandolo dalle accuse.

Nella sesta stagione Quinn chiede a Debra di sposarlo, ma quest'ultima rifiuta non sentendosi pronta. I due si lasciano e il detective fa di tutto per mettere i bastoni fra le ruote al suo nuovo tenente.

Nella settima stagione Quinn ha a che fare con la fratellanza Koshka e nel tentativo di aiutare una spogliarellista, di cui si innamora, è costretto a tradire il dipartimento di polizia di Miami facendo sparire una prova, accettando tangenti e chiudendo un occhio su trasporti di droga. Nel tentativo di portare via Nadia dal Fox Hole, ne uccide il gestore George Novikov simulando un tentativo di legittima difesa.

Nella ottava stagione si è legato a Jamie, la sorella di Batista, nonostante si interessi ancora molto alla situazione psicologica di Debra. Sotto le pressioni di Angel, decide di darsi da fare per diventare sergente, ma nonostante gli sforzi non riesce a diventarlo. Visto che capisce come le cose non stiano andando bene tra loro, lascia Jamie. Alla fine si riappacifica con Debra, e sembra che i due si stiano per mettersi di nuovo insieme.

Thomas MatthewsModifica

Thomas Matthews (ricorrente stagioni 1-2, 4-7; principale 8), interpretato da Geoff Pierson. è il capitano e successivamente vice capo della polizia di Miami. Era un grande amico di Harry Morgan, nonché suo diretto superiore quando ricopriva il ruolo di tenente, e conosce Dexter e Debra fin da piccoli. Dopo la morte di Harry, Matthews li ha presi sotto la sua ala protettrice – soprattutto Debra, che ha sempre spinto a seguire le orme del padre, raccomandandola anche contro il volere dei suoi diretti superiori. Durante la sesta stagione gli viene chiesto di lasciare il suo posto nella polizia, perché ha lasciato morire una prostituta di overdose. Successivamente in cambio del suo aiuto per alcune indagini fatte in segreto sul caso del Macellaio di Bay Harbor il capitano María LaGuerta lo fa reintegrare fino al raggiungimento della pensione.

Jamie BatistaModifica

Jamie Batista (ricorrente 6-7; principale 8), interpretata da Aimee Garcia. Sorella minore di Angel Batista, arriva a Miami per studiare all'università e viene assunta da Dexter per fare da baby-sitter al figlio Harrison, al quale sembra voglia sinceramente bene. Con Dexter ha un rapporto di simpatia e confidenza reciproca: lei da parte sua viene in genere a lavorare vestita come fosse a casa propria, in abiti comodi, freschi e succinti, mentre lui non esita a lasciarle la completa responsabilità della casa, e di Harrison, quando lui deve uscire per impegni più o meno legali. Per un breve periodo ha avuto una relazione con il terzo stagista di Vince Masuka, Louis Greene, con il quale ha rotto dopo aver scoperto un suo video con una prostituta. Nell'ultimo episodio della settima stagione, durante la cena per il pensionamento del fratello, sembra avvicinarsi al detective Joey Quinn, con il quale avrà una breve relazione durante l'ottava ed ultima stagione. La relazione finirà a causa di Joey che lascerà Jamie, per tornare insieme a Debra.

Personaggi secondariModifica

Introdotti nella prima stagioneModifica

  • Rudy Cooper/Brian Moser (stagione 1, guest 2; 6), interpretato da Christian Camargo, doppiato da Antonio Palumbo.
    È il fratello di Dexter che si finge, nella prima stagione, un medico specializzato nella costruzione e uso di protesi per gli arti. Quando Harry Morgan trovò lui e Dexter, ancora bambini, in un bagno di sangue accanto al cadavere della madre uccisa, il poliziotto decise di prendere con sé solo Dexter, lasciando invece Brian alle cure di un istituto psichiatrico. Uscitone dopo parecchi anni, Brian diventa – proprio come il fratello – un terribile serial killer. Non avendo, a differenza di Dexter, un codice da seguire, Brian inizia ad uccidere senza pietà le prostitute di Miami: le dissangua e le taglia a pezzi, lasciandole poi in posizioni stravaganti per le strade di Miami. Brian vuole conoscere Dexter e lo spia fino ad arrivare a fidanzarsi con la sorella Debra, per controllarlo più da vicino. Quando infine Dexter capisce chi è veramente Rudy, ovvero Il Killer del Camion Frigo, vuole conoscerlo e parlare con lui, ma allo stesso tempo lo rifiuta. Brian rapisce Debra per ucciderla ma lascia delle tracce a Dexter per far sì che lui li trovi. Il suo intento è chiaro: vuole uccidere Debra insieme a Dexter e fargli capire che il codice di Harry non è necessario. Brian propone anche a Dexter di continuare insieme le loro pratiche di morte, ma Dexter non vuole uccidere Debra, alla quale si sente legato. Dexter sgozza dunque Brian, uccidendo così l'unico suo contatto con la vecchia vita e ponendo fine agli omicidi del fratello. Dopo la morte, lo spirito del fratello continua a palesarsi a Dexter come visione.
  • Astor (stagioni 1-7), interpretata da Christina Robinson, doppiata da Allison Mondini (stagione 1-2) e Agnese Marteddu (stagione 3-7).
    È la figlia maggiore di Rita.
  • Cody (stagioni 1-7), interpretato da Daniel Goldman (stagione 1) e da Preston Bailey (stagioni 2-7), doppiato da Giacomo Doni (stagione 2) e Tito Marteddu (stagione 3-7).
    È il figlio minore di Rita.
  • Paul Bennett (stagioni 1-2), interpretato da Mark Pellegrino, doppiato da Christian Iansante.
    È l'ex marito di Rita e padre di Astor e Cody. È un uomo alcolizzato, tossicodipendente e violento, che è stato a lungo in prigione per aver picchiato e quasi ucciso Rita. Quando ritorna in libertà sembra un uomo cambiato ed intenzionato a ricostruire il rapporto con i figli, ma ancora mostra disprezzo vero l'ex moglie (e di conseguenza verso Dexter). Presto riemerge la sua natura violenta, e Dexter – per proteggere Rita e i suoi figli – lo incastra facendolo tornare dietro le sbarre. Qui muore dopo essere rimasto coinvolto in una rissa.
  • Laura Moser (stagione 1-2), interpretata da Sage Kirkpatrick, doppiata da Clorinda Venturiello.
    Era la madre di Dexter e Brian viene uccisa e fatta a pezzi davanti ai figli. Era un'informatrice e amante di Harry, compare solo in alcuni flashback.
  • Camilla Figg (stagione 1-3), interpretata da Margo Martindale, doppiata da Silvia Tortarolo.
    È un'amica della famiglia Morgan, storica archivista della polizia di Miami. Su richiesta di Harry, ha distrutto a suo tempo il file del ritrovamento di Dexter. Malata di cancro, chiede a Dexter di ucciderla.
  • Esme Pascal (stagione 1-2), interpretato da Judith Scott, doppiata da Alessandra Cassioli.
    È una poliziotta haitiana che prende il posto del tenente LaGuerta al comando della omicidi. Sospetta che il compagno la tradisca, e viene rimossa dal comando quando questo sospetto diventa un'ossessione.

Introdotti nella seconda stagioneModifica

  • Lila Tournay (stagione 2), interpretata da Jaime Murray, doppiata da Patrizia Burul.
    È una giovane ragazza inglese che Dexter conosce durante una riunione dei Narcotici Anonimi. Il suo vero nome è Lila West; è infatti una piromane che si è rifugiata a Miami sotto falso nome per sfuggire alla giustizia. Dexter ne resta affascinato, poiché Lila sembra essere la prima persona che riesce a "capire" la sua mente, e in breve se ne innamora. Lila gli si lega in modo ossessivo, ma quando Dexter capisce che il suo istinto omicida – a differenza sua – non ha regole, la lascia, ritornando da Rita. Lila cerca di riconquistarlo in tutti i modi, arrivando anche a uccidere James Doakes (che sta dando la caccia proprio a Dex), ma lui ormai non vuole più avere nulla a che fare con lei. Delusa, per vendicarsi Lila arriva a rapire Astor e Cody, cercando di ucciderli in un incendio assieme lo stesso Dexter, ma Dex riesce a salvarli. Lila fugge così a Parigi, ma invano, perché Dexter la raggiunge e la uccide, vendicando la morte del sergente Doakes.
  • Frank Lundy (stagioni 2 e 4), interpretato da Keith Carradine, doppiato da Gino La Monica.
    È un famoso agente speciale dell'FBI (soprannominato Agente Speciale Rockstar per via dei suoi successi sul lavoro) specializzato nel dare la caccia ai serial killer. Vedovo da qualche anno, arriva a Miami per dare la caccia al Macellaio di Bay Harbor (quindi a Dexter) dopo il ritrovamento dei corpi delle sue vittime. Dex riesce faticosamente a sviare le loro indagini, e così i sospetti dell'FBI e di Lundy si concentrano sul sergente Doakes, cho dopo la sua morte (per mano di Lila) viene accusato di essere Il Macellaio. Contemporaneamente, Lundy lega particolarmente con Debra; i due, nonostante la differenza d'età, si innamorano, ma la caccia a un nuovo omicida seriale costringe Lundy a lasciare Miami e a troncare la relazione con Debra. Ritorna a Miami un anno dopo, ormai in pensione, per indagare su Trinity Killer, il più pericoloso serial killer degli Stati Uniti. Non potendo più contare sull'FBI, chiede aiuto a Debra, e questo porta i due a riavvicinarsi, ma proprio quando si scoprono ancora innamorati l'uno dell'altra, un misterioso killer spara a entrambi, ferendo Debra e uccidendo Lundy.
  • Gail Brandon (stagione 2), interpretata da JoBeth Williams, doppiata da Angiola Baggi.
    È la madre di Rita. È un'ex insegnante, licenziata dalla sua scuola per via dei suoi metodi di insegnamento, e che a seguito di ciò lascia il Michigan e si trasferisce per qualche tempo a casa della figlia. Gail è una persona che nella vita ha sempre avuto aspettative molto alte verso le altre persone, motivo per cui tra lei e sua figlia Rita non corre buon sangue. Non ha in simpatia Dexter, e sospetta che nasconda qualcosa. È preoccupata dal fatto che Rita possa ripetere gli errori del passato legandosi nuovamente a un uomo sbagliato.
  • Gabriel Bosque (stagione 2), interpretato da Dave Baez, doppiato da Gaetano Varcasia.
    È il primo ragazzo di Debra dopo Brian, si incontrano in palestra e iniziano a uscire. È uno scrittore di libri per bambini, viene lasciato da Debra quando questa capisce di amare Landy.
  • Santos Jimenez (stagione 2), interpretato da Tony Amendola, doppiato da Dario Penne.
    È uno dei killer di Laura Moser, viene ucciso da Dexter dopo parecchi ripensamenti.
  • Francis (stagione 2-5), interpretata da Tasia Sherel.
    È un'amica di Debra, che prende il posto di Camilla come archivista della polizia.

Introdotti nella terza stagioneModifica

  • Miguel Prado (stagione 3), interpretato da Jimmy Smits, doppiato da Fabrizio Pucci.
    È un importante procuratore, amico intimo di Maria LaGuerta, che entra in contatto con Dexter dopo la morte del suo fratello minore (non sapendo che in realtà è stato ucciso da Dexter stesso). Miguel ha una visione molto particolare della giustizia, ed è convinto che molte volte il "sistema" non riesca a proteggere i cittadini dai criminali. Intuisce che Dexter nasconde qualcosa nella sua vita, e presto capisce qual è il suo segreto. Sorprendentemente, Miguel non ne è spaventato, anzi è convinto che Dexter sia nel giusto, e che le sue uccisioni sopperiscano lì dove il "sistema" ha fallito. Dexter si trova così alle prese con quello che potrebbe essere il suo primo vero "amico", e fa conoscere a Miguel il suo passeggero oscuro. Quando però Miguel non riesce più a controllare i suoi istinti, e uccide un innocente, Dexter capisce che la cosa è andata troppo in là, e non riuscendo più a fermare la crescente e sregolata follia di Miguel, non trova altra soluzione che ucciderlo.
  • Sylvia Prado (stagione 3, guest 8), interpretata da Valerie Cruz, doppiata da Irene Di Valmo.
    È la moglie di Miguel Prado. Dopo che Dexter e suo marito Miguel iniziano a frequentarsi, Sylvia lega con Rita, e in breve le due diventano grandi amiche, con Sylvia che aiuta Rita a trovare un nuovo lavoro e a organizzare il matrimonio tra lei e Dexter. Nell'ottava stagione aiuta Dexter a vendere l'appartamento.
  • Ramon Prado (stagione 3), interpretato da Jason Manuel Olazabal, doppiato da Gaetano Varcasia.
    È il fratello di Miguel, convinto che la polizia non stia cercando l'assassino del fratello cerca di trovare da solo il colpevole. È un violento e alcolizzato molto geloso di Dexter e Miguel.
  • Yuki Amado (stagione 3), interpretata da Liza Lapira, doppiata da Barbara Pitotti.
    È un agente degli affari interni che avvicina Debra per convincerla a indagare sul suo nuovo collega Quinn, Deb rifiuta e fa chiudere l'indagine.
  • Ellen Wolf (stagione 3), interpretata da Anne Ramsay, doppiata da Stefanella Marrama.
    È un'avvocata che cerca di impedire che gli innocenti finiscano in galera. Diventa amica del tenente LaGuerta e inizia un procedimento contro Miguel che la uccide.
  • Barbara Gianna (stagione 3), interpretata da Kristin Dattilo, doppiata da Anna Cugini.
    È una poliziotta che inizia una storia con Batista, all'inizio della quarta stagione si viene a sapere che hanno rotto perché la storia non ha funzionato.
  • George W. King (stagione 3), interpretato da Jesse Borrego, doppiato da Andrea Lavagnino.
    È apparentemente un immigrato nicaraguense che lavora a Miami come giardiniere, ma in realtà nel suo paese era un ex capitano della resistenza, che interrogava e torturava selvaggiamente la gente. Questo suo aspetto torna alla luce quando uccide un piccolo spacciatore, e da questo momento inizia un'escalation di omicidi che lo porta a diventare un vero e proprio serial killer, soprannominato Lo Scorticatore. Miguel Prado lo assolda per rapire ed eliminare Dexter, ma alla fine è proprio Dexter, sfuggito alla cattura, a ucciderlo, facendolo apparire come un suicidio.
  • Anton Briggs (stagioni 3-4), interpretato da David Ramsey, doppiato da Marco De Risi.
    È un giovane cantante di colore, piccolo spacciatore e informatore del detective Quinn. È lui che lo segnala a Debra per aiutarla in un caso. Inizialmente i due non si sopportano, ma presto, inaspettatamente, si innamorano, e proprio Debra – insieme a Quinn – gli salva la vita dopo che viene rapito da Lo Scorticatore. La relazione tra Anton e Debra prosegue tranquillamente fino a quando Frank Lundy, vecchio amore di Debra, non torna a Miami. Debra si scopre ancora innamorata e passa la notte con lui, proprio la notte in cui Lundy viene ucciso. Quando Debra gli confessa l'accaduto, Anton si fa da parte.

Introdotti nella quarta stagioneModifica

  • Arthur Mitchell (stagione 4; New Blood), interpretato da John Lithgow, doppiato da Dario Penne.
    È il più pericoloso serial killer degli Stati Uniti d'America, che da 30 anni compie omicidi in lungo e in largo per la nazione, senza mai lasciare tracce. È soprannominato Trinity Killer perché uccide secondo un preciso rituale (cioè 3 vittime alla volta), prima di scappare e ricomparire in un'altra città, pronto a ricominciare una nuova serie di omicidi. Trinity Killer è l'unico serial killer che Frank Lundy non è mai riuscito a catturare (escluso Dexter Morgan), ed è questo il motivo che lo porta a ritornare a Miami, dov'è convinto che si nasconde ora, per dargli la caccia. Lundy arriva vicinissimo a lui, ma muore prima di poterlo catturare. Dexter è intenzionato a finire l'opera, ma con sua grande sorpresa scopre che Trinity Killer altri non è che Arthur Mitchell, un tranquillo padre di famiglia, devoto religioso e dedito ad opere di beneficenza. Dexter resta inizialmente affascinato da come Arthur sia riuscito a mascherare per tanto tempo la sua natura omicida, e decide di frequentarlo, ma presto capisce che in realtà, dietro un'apparente facciata, Arthur è un violento che terrorizza da anni la sua famiglia. Dexter capisce che è il momento di rompere gli indugi e finalmente lo uccide, ma non riesce ad evitare che Arthur uccida per vendetta sua moglie Rita.
  • Christine Hill (stagione 4), interpretata da Courtney Ford, doppiata da Francesca Fiorentini.
    È una giovane e bella giornalista. Mentre è a caccia di qualche scoop, conosce il detective Joey Quinn, ed inizia una relazione con lui. Quinn non sospetta però che in realtà Christine è la persona che ha sparato a Frank Lundy e Debra, uccidendo Lundy e ferendo la sua collega. Indagando per scoprire il perché di quel gesto, Debra e Quinn scoprono che Christine è la figlia segreta di Trinity Killer. Christine ha ucciso Lundy per proteggere il padre, ma a quest'ultimo non sembra importare molto di lei, e la vuole fuori dalla sua vita. Delusa, aiuta la polizia a capire qual è l'identità di suo padre, prima di suicidarsi di fronte ad un'impotente Debra.
  • Sally Mitchell (stagione 4), interpretato da Julia Campbell.
    È la moglie di Arthur, non è a conoscenza della vera identità del marito. Dopo la scomparsa del padre entra nel programma protezione testimoni; viene uccisa dal figlio nella sesta stagione poiché lei dava la colpa ai figli per ciò che suo marito Trinity aveva fatto.
  • Jonah Mitchell (stagione 4-6), interpretato da Brando Eaton, doppiato da Stefano Sperduti.
    È il figlio di Trinity, non conosce l'identità oscura del padre. Chiede aiuto a Dexter poiché il padre è un violento. Dopo la scomparsa del padre entra nel programma protezione testimoni. Nella sesta stagione uccide la madre dopo aver scoperto che la sorella si è suicidata; viene lasciato vivo da Dexter, dato che il ragazzo prova rimorso per l'omicidio commesso.
  • Becca Mitchell (stagione 4), interpretata da Vanessa Marano.
    È la figlia di Trinity ma è completamente all'oscuro della vera identità del padre. La sua camera sembra quella di una bambina e da quando ha tentato la fuga da casa il padre ha messo dei lucchetti alla sua porta. Dopo la scomparsa del padre entra nel programma protezione testimoni. Si suicida durante la sesta stagione.
  • Elliot (stagione 4-5), interpretato da Rick Peters.
    È il nuovo vicino di Dexter e Rita, neo divorziato diventa molto amico della famiglia. Prova dei sentimenti per la donna ed arriva anche a baciarla ma Rita lo respinge. Viene preso a pugni da Dexter quando questi lo scopre, e si mostra molto sconvolto quando Rita viene ritrovata morta.
  • Harrison Morgan (stagioni 4-8), interpretato attori vari (stagione 4) e da Luke, da Evan Kruntchev (stagioni 5-8) e da Jack Alcott (New Blood).
    È il figlio di Dexter e Rita. Si chiama Harrison come suo nonno Harry Morgan.

Introdotti nella quinta stagioneModifica

  • Lumen Pierce (stagione 5), interpretata da Julia Stiles, viene introdotta a partire dal terzo episodio della quinta stagione, nel quale viene rivelato che la ragazza è stata picchiata e stuprata in gruppo da alcuni uomini, incluso Boyd Fowler. Lei coglie in flagrante Dexter Morgan mentre toglie la vita a Fowler, diventando così un pezzo cardine della vita di Dexter. Dexter la salva, ma inizialmente pensa che lui la voglia uccidere per eliminare testimoni; alla fine viene risparmiata. Lumen gli chiede aiuto per vendicarsi dei suoi aguzzini, ma dopo il rifiuto dell'ematologo Lumen intraprende comunque la sua vendetta personale, ritrovandosi quasi ad uccidere un malvivente che però non c'entrava con la sua storia. Inizialmente si convince a lasciare Miami per tornare a casa, ma quando viene perquisita in aeroporto rivive l'abuso subito e decide di restare lì. Ogni sera si reca al bar dove è stata adocchiata dai violentatori e ne riconosce uno dall'odore di sudore acido che emanava: dopo averlo portato in un molo gli spara, ma non sapendo cosa farne del corpo si rivolge a Dexter. Quella notte, lei rivela che l'aver ucciso quell'uomo le ha donato un senso di pace che non provava da tempo; così si convince di dover uccidere tutti i suoi aggressori per il proprio bene. Dexter decide di aiutarla poiché sente che anche in lei c'è un passeggero oscuro, e così i due iniziano a dare la caccia agli stupratori; nel frattempo si innamorano, ma a lavoro compiuto Lumen lascia Dexter, poiché si rende conto che non sente più il bisogno di uccidere. Il personaggio di Lumen è stato creato dal direttore esecutivo Clyde Phillips appositamente per la quinta stagione di Dexter. Durante il casting, i produttori cercavano qualcuno che avesse un lato vulnerabile. Poco prima dell'inizio delle riprese, Julia Stiles fu scelta come interprete, ma la cosa venne confermata ufficialmente da Showtime solo il 7 giugno 2010. La Stiles all'inizio della serie credeva che Lumen sarebbe morta alla fine della stagione, poiché in passato tutti quelli che avevano scoperto la doppia identità di Dexter alla fine avevano trovato la morte. L'attrice ha affermato che non avrebbe mai previsto che Lumen potesse rompere con Dexter, e ha trovato la scena difficile da interpretare, a causa del livello di intimità che i due protagonisti avevano instaurato nel corso della stagione. La Stiles ha preparato la scena focalizzandosi sul fatto che Lumen fosse guarita, e che la realtà degli omicidi da lei commessi con Dexter l'avesse in qualche modo distrutta; ha inoltre aggiunto di aver trovato il ripudio di Dexter particolarmente triste, poiché Lumen era venuta a conoscenza più di chiunque altro del lato oscuro del protagonista, il che vuol dire che la rottura è stata un rifiuto a lui in quanto persona.
  • Jordan Chase (stagione 5), interpretato da Jonny Lee Miller, doppiato da Francesco Pezzulli. Alla maggior parte delle persone, Jordan Chase si presenta come un oratore, motivatore e autore di grande successo, famoso per "Take It!", un libro con cd che invita chi lo ascolta a prendere ciò che pensa possa servire. In segreto è il capo di un gruppo di cinque uomini responsabili di abuso, tortura, stupro, omicidio ed eliminazione di più di venti donne. Si tratta di un omicida seriale per induzione: nonostante lui non abbia mai neanche toccato le sue vittime, incita i suoi complici a farlo, mentre filma le donne che vengono torturate e stuprate. Inoltre si avvicina alle vittime mentre sono bendate, mette il suo orologio vicino al loro orecchio e dice loro che quello è il suono della loro vita che sta per finire.
    Inizialmente Dexter non lo considera un sospettato, grazie soprattutto al fatto che le prove dei forensi hanno indicato che lui non abbia avuto contatti con nessuna vittima. Dexter continua ad incontrare Chase e alla fine si rende conto che è uno del gruppo quando Chase rivela il suo motto: "Tic-tic-tic... è il suono della tua vita che sta per finire." Si scopre in seguito che quando aveva dieci anni, il suo vero nome era Eugene Greer, ed era obeso e trascurato dalla madre. Incontra Cole Harmon e un manipolo di altri ragazzi in un campo estivo (che in seguito utilizzerà per torturare, stuprare ed uccidere diverse donne). Lì con i suoi amici inizia ad isolarsi dal resto del gruppo, e ciò viene riportato da Emily Birch, la loro consigliera. Mentre era con Greer, Birch viene gambizzata e privata della conoscenza, per essere portata in un capanno, dove incita gli amici a violentarla dicendo loro "Take It!" (prendetela!), per ispirarli. Tuttavia Emily diventa succube di Chase, tant'è che decide di aiutarlo quando Lumen e Dexter cercano di scovarlo. Jordan continua il suo ciclo di uccisione, stupro e tortura con i suoi compari mentre li registra. In seguito ordinava ad uno dei suoi uomini, Boyd Fowler, di uccidere le vittime e di liberarsene. Con la morte di Fowler e la salvezza di Lumen, il destino di Chase lo fa incontrare con le lame di Dexter. Nella settima stagione, María LaGuerta riapre in segreto il caso del Macellaio di Bay Harbor e si mette alla ricerca delle persone scomparse, e il primo nella lista dei suoi sospetti risulta essere Jordan Chase, ritenendo che i fautori delle vittime dei barili fossero stati uccisi dal Macellaio.
  • Sonya (stagione 5), interpretata da Maria Doyle Kennedy.
    È la babysitter di Harrison, assunta da Dexter dopo la morte di Rita. È un'ex infermiera ospedaliera, ha origini irlandesi ed è profondamente cattolica.
  • Stan Liddy (stagione 5), interpretato da Peter Weller, doppiato da Luciano Roffi.
    È un ex agente della polizia di Miami, licenziato a causa dei suoi traffici illeciti. Viene assunto da Joey Quinn per indagare su Dexter. Quando Quinn decide di lasciar perdere la cosa, Liddy prosegue l'indagine per conto suo, e scopre i delitti di Dex e Lumen. Riesce a catturare Dexter con l'intento di farlo arrestare per riavere il suo distintivo, salvo poi essere ucciso dallo stesso Dexter.
  • Cira Manzon (stagione 5), interpretata da April L. Hernandez, doppiata da Ilaria Latini.
    È una poliziotta di origine ispanica che aiuta la squadra omicidi con il caso della Santa Muerte.
  • Ray Walker (stagione 5), interpretato da Adam John Harrington, doppiato da Francesco Bulckaen.
    È un agente dell'FBI che indaga sull'omicidio di Rita e sul caso di Trinity, è amico di Quinn ma rifiuta di aiutarlo quando questi gli chiede di poter interrogare Jonah Mitchell.

Introdotti nella sesta stagioneModifica

  • Travis Marshall (stagione 6), interpretato da Colin Hanks, doppiato da Emiliano Coltorti; è l'antagonista principale della sesta stagione. Travis abita ad Opa-locka, in Florida, ma lavora presso un museo di Miami come restauratore, ed allo stesso tempo studioso della bibbia nonché connesso agli omicidi del Killer del Giorno del Giudizio. Guidato dal suo mentore, il professor James Gellar, Travis è portato a credere che ogni delitto commesso sia giustificato. Comunque, la sua natura empatica lo porta in conflitto con le richieste di Gellar. Col passare del tempo, soprattutto dopo l'incontro avuto con Dexter, Travis comincia a sentirsi colpevole per le atrocità patite dalle vittime, nonostante Gellar affermi che le persone sono peccatrici e che la loro morte è necessaria. Quando doveva essere rappresentata la "Meretrice di Babilonia", Travis lascia andare la futura vittima, si distacca da Gellar e torna a vivere con la sorella Lisa. Il ragazzo comunque non riesce a liberarsi della presenza di Gellar e, quando la polizia comincia ad investigare e Debra interroga Lisa, il professore fa sì che sia la sorella di Travis ad avere il ruolo di meretrice, uccidendola e riportando a sé Travis. Dexter si mette alla ricerca del giovane e lo riesce a trovare, pur senza riuscire a mettere le mani su Gellar. Il protagonista nasconde Travis in un hotel, ma Gellar sembra riuscire a perseguitarlo lasciandogli messaggi sulle pareti. Travis torna così nella chiesa quartier generale dei delitti, ma quando Dexter lo va a cercare nei sotterranei trova il corpo di Gellar congelato da almeno un anno. Si capisce dunque che Travis ha un'identità dissociata in Gellar. Una volta che Travis si ritrova faccia a faccia col corpo del professore morto, si distacca dalla persona di Gellar e decide di "finire ciò che avevano iniziato", arruolando i coniugi Dorsey per mettere in pratica "Assenzio", un potente attacco col gas. È inoltre determinato a trovare Holly Benson, la ragazza che lasciò andare su consiglio di Dexter, per ucciderla. Dopo averla assassinata e tentato di contaminare l'intero dipartimento di polizia di Miami col gas, Travis si trova a dover affrontare Dexter, il quale è però disorientato dai postumi del gas e quindi si fa catturare e permette al ragazzo di mettere in scena il tableau "Lago di fuoco". A quel punto Travis si convince della morte di Dexter, va a nascondersi in casa sua, e sceglie il piccolo Harrison come ultima vittima del suo schema. Decide di ucciderlo sul Miami Transcorp Building, ma l'intervento provvidenziale del padre del bimbo salva la vita di quest'ultimo. Dexter riesce inoltre a stordire Travis e, dopo aver riportato Harrison a casa, mette l'assassino imbavagliato sul tavolo e dopo un breve dibattito sull'esistenza di Dio lo uccide, ignaro della presenza di Debra.
  • James Gellar (stagione 6), interpretato da Edward James Olmos.
    È un famoso esperto di storia religiosa che ha insegnato presso l'università di Tallahassee. Tre anni dopo esserne stato cacciato sembra essere protagonista di una serie di brutali omicidi a sfondo religioso che si verificano improvvisamente a Miami, ma in realtà è stato ucciso da Travis proprio tre anni prima e il suo corpo è stato congelato e riposto in un freezer di una chiesa abbandonata. Ogni volta che compare, non è quindi lui in persona, ma una specie di "fantasma" nella mente di Travis.
  • Lisa Marshall (stagione 6), interpretata da Molly Parker.
    È la sorella maggiore di Travis. Ha cresciuto Travis, ed ha quindi con lui un rapporto molto profondo e protettivo. Viene uccisa come la Meretrice di Babilonia dal fratello Travis.
  • Fratello Sam (stagione 6), interpretato da Mos Def, doppiato da Tony Sansone.
    È un ex criminale diventato sacerdote. Durante una rapina uccise un negoziante, fu condannato a morte ma il giudice del caso morì e il processo venne annullato. Dexter avrebbe voluto giustiziarlo ma fu anticipato dalla polizia che lo arrestò di nuovo per possesso di sostanze stupefacenti. Gestisce un'officina dando lavoro ad ex carcerati, ma viene ucciso proprio da uno di questi.
  • Ryan Chambers (stagione 6) interpretata da Brea Grant.
    È una giovane stagista che lavora nel laboratorio della scientifica, a stretto contatto con Dexter e Masuka. Viene licenziata perché vende online un reperto del Killer del Camion Frigo.
  • Mike Anderson (stagioni 6-7), interpretato da Billy Brown, doppiato da Massimo Bitossi.
    È un poliziotto di Chicago appena arrivato nel Dipartimento di Miami. È molto intelligente, ma ha anche un carattere abbastanza duro, che non gli permette di relazionarsi facilmente con i nuovi colleghi della squadra omicidi. Viene ucciso da Viktor, sicario del criminale Isaak Sirko.
  • Louis Greene (stagione 6-7), interpretato da Josh Cooke, doppiato da Andrea Lavagnino.
    È lo stagista di Masuka che rimpiazza Ryan, un genio del computer con una strana ossessione per i serial killer; infatti è lui che compra il reperto del Killer del Camion Frigo e lo spedisce anonimamente a Dexter. S'innamora della sorella di Angel. Dopo che Dexter lo scopre lo fa licenziare e lo fa lasciare da Jaime. Infine viene sorpreso sulla barca di Dexter da Isaak Sirko, che dopo averlo interrogato lo uccide credendolo un complice di Dexter.
  • Michelle Ross (stagione 6), interpretata da Rya Kihlstedt, doppiata da Claudia Razzi.
    È la psicologa di Debra.
  • Clarissa Porter (stagione 6), interpretata da Mariana Klaveno.
    È un'insegnante dell'università di Tallhasee ed ex alunna di Gellar.

Introdotti nella settima stagioneModifica

  • Isaak Sirko (stagione 7), interpretato da Ray Stevenson, doppiato da Saverio Indrio.
    È il capo di un'organizzazione criminale ucraina, la "fratellanza Koshka", che traffica eroina. In giovane età ha studiato in un collegio inglese. Viene arrestato per omicidio ma viene liberato dopo che Quinn fa sparire le prove a suo carico per salvare Nadia. Medita vendetta nei confronti di Dexter per l'omicidio di Viktor, con il quale aveva una relazione sentimentale omosessuale. Muore per mano di George (che comunque gli spara all'intestino, dandogli una lunga possibilità di dialogo finale con Dexter) e viene buttato dallo stesso Dexter (al quale aveva in fondo "perdonata" l'uccisione dell'amante) nello stesso punto in cui era stato gettato Viktor.
  • George Novikov (stagione 7), interpretato da Jason Gedrick, doppiato da Guido Di Naccio.
    È il proprietario dello strip club dove lavorava Kaja in realtà una copertura per il traffico di eroina per conto dell'organizzazione di Isaak. Ricatta Quinn prima per liberare Sirko poi per coprire i suoi traffici illeciti. Quando la morte di Viktor diventa un'ossessione per Isaak, si accorda con la fratellanza per eliminare Sirko. Sarà proprio lui a sparare il colpo mortale ad Isaak. Viene ucciso da Quinn per liberare Nadia.
  • Jurg Yeliashkevych (stagione 7), interpretato da Andrew Kirsanov, doppiato da Gianluca Machelli.
    È l'assistente personale di Isaak, guardia del corpo/killer professionale, ma evidentemente meno abile di chi è killer per vocazione. Viene ucciso da Hannah.
  • Nadia (stagione 7), interpretata da Katia Winter, doppiata da Chiara Gioncardi.
    È una delle spogliarelliste del locale. Inizia una relazione con Quinn, inizialmente costretta dai suoi capi per scoprire ciò che la polizia sapesse su di loro, ma poi si innamora veramente. Scappa dopo la morte di George coi suoi soldi.
  • Angie Miller (stagioni 7-8), interpretata da Dana L. Wilson, doppiata da Benedetta Degli Innocenti.
    È una detective della omicidi. Nell'ottava stagione diventa sergente.
  • Simms (stagione 7), interpretato da Francisco Viana.
    È un detective della omicidi.
  • Hannah McKay (stagioni 7-8), interpretata da Yvonne Strahovski, doppiata da Federica De Bortoli.
    Era la complice di Wayne Randall ai tempi degli omicidi, dopo aver testimoniato contro di lui ottenne una riduzione della pena e visto la minore età fece solo sei anni in un carcere minorile. Gestisce un vivaio. Ha commesso lei stessa un omicidio che non ha mai confessato, facendo cadere sempre la colpa su Wayne. Ha ucciso inoltre il marito, l'ex proprietaria del vivaio e Sal Price avvelenandoli. Inizia una storia con Dexter, accettandolo per quello che è realmente. Viene rapita da Viktor e tenuta prigioniera da Jurg ma riesce a liberarsi uccidendo il suo carceriere. Dopo una fuga durata mesi, torna a Miami, per chiedere a Dexter di uccidere il marito che viene però ucciso per legittima difesa dalla donna. Riallaccia i rapporti con Dexter e i due decidono di fuggire insieme a Harrison in Argentina.
  • Sal Price (stagione 7), interpretato da Santiago Cabrera, doppiato da Giorgio Borghetti.
    È uno scrittore di gialli, lavora ad un libro sugli omicidi di Wayne Randall. Indaga segretamente su Hannah McKay perché convinto sia lei stessa un'assassina. Inizia a uscire con Deb. Dopo aver scoperto della storia fra Hannah e Dexter, viene avvelenato dalla donna.

Introdotti nell'ottava stagioneModifica

  • Dr. Evelyn Vogel (stagione 8), interpretata da Charlotte Rampling, doppiata da Angiola Baggi.
    È neuro-psichiatra specializzata in bambini psicopatici. Offre il suo aiuto alla polizia di Miami per catturare il killer che rimuove pezzi di cervello dalle sue vittime, che è un suo ex paziente e che l'ha minacciata lasciandogli un pezzo di cervello davanti alla porta di casa. Conosce il segreto di Dexter, essendo lei la psicologa che ha aiutato Harry a creare il suo codice. Chiede aiuto a Dexter per catturare il killer. Viene uccisa dal figlio.
  • Jacob Elway (stagione 8), interpretato da Sean Patrick Flanery, doppiato da Teo Bellia.
    È il capo della compagnia di investigatori privati in cui lavora Deb. Decide di chiamare gli U.S. Marshall per il caso di Hannah McKay collaborando attivamente alle indagini.
  • AJ Yates (stagione 8), interpretato da Aaron McCusker.
    È il nuovo serial killer presente in città, solito estrarre un pezzo di cervello dalle vittime. È un ex paziente della dottoressa Vogel, cerca vendetta nei confronti della madre che era solito picchiarlo e della dottoressa che lo aveva costretto ad un'operazione al cervello. Viene impalato da Dexter e gettato nell'oceano.
  • Nikki Walters (stagione 8), interpretata da Dora Madison Burge.
    È la figlia di Masuka, nata da una delle sue donazioni di sperma fatte al liceo. Per pagare i vari debiti lavora come cameriera in topless in uno strip-bar, prima di essere assunta come stagista dal padre.
  • Cassie Jollenston (stagione 8), interpretata da Bethany Joy Lenz, doppiata da Monica Bertolotti.
    È la nuova vicina di casa di Dexter. Molto amica di Jaime, è attratta da Dexter, ma dopo un primo appuntamento fallimentare inizia ad uscire con un altro uomo di nome Oliver. Viene uccisa dal figlio della Vogel che cerca di incastrare Zach Hamilton.
  • Zach Hamilton (stagione 8), interpretato da Sam Underwood.
    È un ragazzo molto ricco, che sente l'impulso di uccidere come Dexter, che decide sotto consiglio della Vogel di insegnargli il codice. Viene ucciso dal figlio della Vogel, il vero "Neurochirurgo".
  • Oliver Saxon/Daniel Vogel (stagione 8), interpretato da Darri Ingolfsson.
    È il primogenito della dottoressa Vogel, che dopo aver ucciso il fratello più piccolo viene internato in un istituto psichiatrico in cui finge la sua morte. Torna a Miami ed assume l'identità di Oliver Saxon inizia ad uscire con Cassie e si rivela essere il vero "Neurochirurgo". Viene ucciso da Dexter con una penna nella carotide.
  • Max Clayton (stagione 8), interpretato da Kenny Johnson.
    È l'US Marshall che lavora al caso di Hannah McKay. Dopo aver capito che la donna si nasconde da Debra segue quest'ultima fino ad un ospedale psichiatrico in disuso dove viene accoltellato a morte da Oliver Saxon che si era finto vittima di rapimento.

NoteModifica

  1. ^ Dexter: episodio 01x09, Segreti di famiglia [Father Knows Best].
  2. ^ Dexter: episodio 01x10, Bagno di sangue [Seeing Red].
  3. ^ Dexter: episodio 04x12, La storia si ripete [The Getaway].
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione