Berta di Savoia

(Reindirizzamento da Berta di Savoia (1051-1087))
Berta di Savoia
Bertha of Savoy, the Holy Roman Empress, was dong a penance barefoot.jpg
L'imperatrice Berta penitente durante l'umiliazione di Canossa, illustrazione del XVI secolo
Imperatrice dei Romani
In carica 31 marzo 1084 –
27 dicembre 1087
Incoronazione Roma, 31 marzo 1084
Regina consorte di Germania
In carica 13 luglio 1066 –
27 dicembre 1087
Predecessore Agnese di Poitou
Successore Adelaide di Kiev
Nome completo Berta di Savoia o Berta da Torino
Altri titoli Regina consorte d'Italia
Nascita 21 settembre 1051
Morte Magonza, 27 dicembre 1087
Luogo di sepoltura Duomo di Spira
Dinastia Casa Savoia
Padre Oddone di Savoia
Madre Adelaide di Susa
Consorte di Enrico IV
Figli Adelaide
Enrico
Agnese
Corrado
Enrico

Berta di Savoia, anche Berta da Torino (21 settembre 1051Magonza, 27 dicembre 1087), è stata la prima moglie (1066) dell'imperatore Enrico IV, regina di Germania e Imperatrice romana.

OrigineModifica

Berta, secondo lo storico Samuel Guichenon, nella sua Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, era figlia del conte di Moriana, d'Aosta e del Chiablese, Oddone e della margravia di Torino e di Susa, Adelaide[1], che discendeva dalla famiglia degli Arduinici, e secondo Samuel Guichenon, era figlia del margravio di Torino e Susa, Olderico Manfredi II e della contessa Berta degli Obertenghi[2], che secondo lo storico Ludovico Antonio Muratori era figlia di Oberto II, margravio di Milano, di Tortona e di Genova[3].

Oddone di Savoia era il figlio quartogenito del conte di Moriana e del Chiablese, Umberto I Biancamano e di Ancilia od Ancilla d'Aosta, come ci viene confermato dal documento n° XXVII de Il conte Umberto I (Biancamano) e il re Ardoino: ricerche e documenti[4].

BiografiaModifica

 
Ritratto di Berta di Savoia.

Sua madre, Adelaide di Susa, era al suo terzo matrimonio, avendo sposato in prime nozze il duca di Svevia della stirpe Babenberg Ermanno IV[2] (10141038), che, secondo il Chronicon Ottonis Frisingensis, era il secondo figlio di Gisella di Svevia e del duca di Svevia Ernesto I e figliastro dell'imperatore della stirpe salica Corrado II il Salico, terzo marito di Gisella[5]; e in seconde nozze - come ci viene confermato da una donazione al monastero di S. Antonino (Henricus marchio filius quondam Wilielmi similiter marchioni et Adalena comitissa jugales), riporta da Il conte Umberto I (Biancamano) e il re Ardoino: ricerche e documenti - sposò il marchese del Monferrato, Enrico[6], figlio del marchese del Monferrato, Guglielmo III, come ci viene confermato dal documento nº 1 de Le carte della prevostura d'Oulx raccolte e riordinate cronologicamente fino al 1300 (Heynricus marchio filius quondam Uuilielmi similique marchioni)[7], e della moglie Waza.

Berta venne citata in un documento, senza essere nominata, nel documento n° VII de Le carte della prevostura d'Oulx raccolte e riordinate cronologicamente fino al 1300, datato 1057, in cui, suo padre, Oddone, e sua madre, Adelaide, assieme ai fratelli Pietro, Amedeo e le figlie (Oddo et uxor mea Adalaicis et filii mei Petrus Admedeus et filie mee), fecero una donazione alla chiesa di Oulx[8].

Il matrimonioModifica

Berta, era ancora una bambina, quando, per le feste di Natale del 1055, fu promessa in sposa al duca di Baviera Enrico di Franconia, figlio di secondo letto del re di Germania Enrico III il Nero e di Agnese di Poitou[1], che avevano desiderato l'alleanza con casa Savoia. Prima che il matrimonio venisse celebrato, nel 1056 Enrico III morì. Subito i grandi dell'impero sottrassero l'erede alla tutela e alla benefica influenza della madre Agnese di Poitou. L'imperatrice, esautorata e fatta allontanare dal regno, finì col ritirarsi in un convento a Roma. Le nozze di Enrico con Berta furono celebrate in Germania con somma magnificenza nello splendido castello di Trebur il 13 luglio 1066, come riporta anche l'Annalista Saxo[9].

Il tentativo di divorzioModifica

In seguito, però, nel giugno 1069 a Worms davanti all'assemblea dei principi[10], Enrico chiese l'annullamento del matrimonio al papa adducendo una ragione ingiuriosa e calunniosa per la madre. Questa azione fu preceduta dal fatto che Berta non comparve nei diplomi regi dal 5 agosto 1068[10]. La tempistica del divorzio non era casuale: infatti anche il duca e cognato Rodolfo di Svevia tentò, non riuscendovi, a divorziare dalla moglie Adelaide[10]. Invano Agnese, dal suo ritiro, implorò perché il figlio non volesse disonorarsi col suo comportamento; invano la famiglia della sposa, vicina alla causa dei riformatori papali[10], lo minacciò. Egli, pertinace, insisté e fece adunare un concilio a Magonza per discutere la sua domanda. La moglie Berta si ritirò nell'abbazia di Lorsch e attese in preghiere il compiersi della sua sorte. Papa Alessandro II si fece rappresentare al Concilio da Pier Damiani al quale aveva dato le opportune istruzioni. San Pier Damiani, con la sua ispirata eloquenza, convinse tutti delle bontà delle ragioni di Agnese ed Enrico fu convinto a soprassedere[1]. Nonostante questo tentativo di separazione, i due ebbero dei figli.

Canossa e la morteModifica

 
Iscrizione funebre dedicata a Berta di Savoia.

Il successore di Alessandro II, papa Gregorio VII, comminò al re di Germania la scomunica: fu la prima volta che un monarca veniva scomunicato; il fatto ebbe terribili conseguenze, così che Enrico decise di scendere in Italia per incontrare il pontefice. Fino a quel momento Berta era stata considerata una povera donna schiacciata dalla protervia del marito; in questa circostanza si dimostrò grande: dimentica delle umiliazioni e delle violenze subite, fu l'unica a incoraggiare il marito e, contando sull'appoggio della sua famiglia di origine, lo accompagnò nel disastroso viaggio intrapreso per supplicare il papa a concedere il sospirato perdono.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Adelaide di Susa § Azione politica.

L'inverno del 1077 fu rigidissimo e a Canossa, dove il papa si trovava, Enrico, scalzo, quasi nudo, sfinito, umiliato e intirizzito, dovette aspettare tre giorni per essere ammesso al cospetto del papa (umiliazione di Canossa). Pochi giorni dopo Berta ritornò col marito in Germania, dove la condotta di Enrico non aveva incontrato la soddisfazione dei sudditi: molti gli volsero le spalle e nominarono imperatore il rivale Rodolfo di Svevia, che da tempo gli contendeva la porpora imperiale. Intanto che Enrico lottava senza posa contro Rodolfo, Berta andava lentamente spegnendosi. Morì a Magonza, consumata dai dolori, nel 1087[11], dove, secondo gli Annales Sancti Disibodi venne sepolta[12]; poi però la salma, per ordine del marito imperatore[12], nel 1088, venne traslata e sepolta nella cattedrale di Spira[13], nelle tombe dei principi della casa di Franconia.

Una tradizione popolare, fiorita a Fidenza, vorrebbe associare la figura regale a una raffigurazione di un rilievo del ciclo scultoreo e decorativo in stile romanico della cattedrale di San Donnino, interpretata come figura di donna impugna due fusi, intenta a filare (nel Novecento si è scoperto, invece, rappresentare il leggendario volo di Alessandro Magno): il tramite su cui si basa l'associazione è il detto proverbiale "Ai tempi che Berta filava"[14].

DiscendenzaModifica

Dal suo matrimonio con Enrico ebbe cinque figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
 
 
 
Umberto I Biancamano  
 
 
 
Oddone di Savoia  
 
 
 
Ancilla del Vallese  
 
 
 
Berta di Savoia  
Olderico Manfredi I Arduino il Glabro  
 
 
Olderico Manfredi II  
Prangarda di Canossa Adalberto Atto di Canossa  
 
Ildegarda dei Supponidi  
Adelaide di Susa  
Oberto II (Margravio di Milano) Oberto I di Milano  
 
Guilla di Bonifazio  
Berta di Milano  
 
 
 
 

NoteModifica

  1. ^ a b c (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 205
  2. ^ a b (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 200
  3. ^ (LA) Antiquitates Italicæ medii ævi, pag 579
  4. ^ (LA) Il conte Umberto I (Biancamano) e il re Ardoino: ricerche e documenti, doc. XXVII, pagg 196 e 197
  5. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus XX, Chronicon Ottonis Frisingensis, cap. VI, par. 28, pag 241
  6. ^ (LA) Il conte Umberto I (Biancamano) e il re Ardoino: ricerche e documenti, pag 142
  7. ^ (LA) Le carte della prevostura d'Oulx raccolte e riordinate cronologicamente fino al 1300, doc. 1, pag 1
  8. ^ (LA) Le carte della prevostura d'Oulx raccolte e riordinate cronologicamente fino al 1300, doc. VII, pagg 7 - 10
  9. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus VI, Annalista Saxo, anno 1067, pag 695
  10. ^ a b c d (EN) Ian Stuart Robinson, Henry IV of Germany, 1056-1106, Cambridge, Cambridge University Press, 2008, pp. 109-111, ISBN 978-0521545907.
  11. ^ (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 206
  12. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus XVII, Annales Sancti Disibodi, anno 1087, pag 9 Archiviato il 20 gennaio 2018 in Internet Archive.
  13. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus VI, Annalista Saxo, anno 1088, pag 724 Archiviato il 6 giugno 2015 in Internet Archive.
  14. ^ Claudio Mutti, L'ascensione di Alessandro, in Carlo Saccone (a cura di), Alessandro/Dhû l-Qarnayn in viaggio tra i due mari, p. 131.
  15. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Diplomata Heinrichs IV (1077 - 1106), doc. 474, pagg 644 - 646
  16. ^ (EN) Ian Stuart Robinson, Henry IV of Germany, 1056-1106, Cambridge, Cambridge University Press, 2008, p. 98, ISBN 978-0521545907.
  17. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus XX, Gesta Friderici Imperatoris Ottonis Frisingensis I, par. 8 - 9 - 10, pag 358
  18. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus XVII, Annales Sancti Disibodi, anno 1101, pag 19 Archiviato il 20 gennaio 2018 in Internet Archive.
  19. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores (in Folio) (SS), tomus V, Bernoldi Chronicon, anno 1095, pag 463 Archiviato il 20 gennaio 2018 in Internet Archive.
  20. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus III, Annales Hildesheimenses continuatio Paderbornensis, anno 1110, pagina 112 Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

  • (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, justifiée par titres, ..par Guichenon, Samuel
  • (DE) Bruno von Merseburg: Brunonis Saxonicum bellum. Brunos Sachsenkrieg. - Übersetzt v. Franz-Josef Schmale. - In: Quellen zur Geschichte Kaiser Heinrichs IV. - Darmstadt, 1968. - (= Ausgewählte Quellen zur deutschen Geschichte des Mittelalters. Freiherr vom Stein-Gedächtnisausgabe; 12). - S. 191-405.
  • (EN) Frederick Lewis Weis, Ancestral Roots of Certain American Colonists Who Came to America Before 1700, Lines 45-23, 274-22, 274-23.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13100942 · GND (DE118658522 · CERL cnp00581650 · WorldCat Identities (ENviaf-13100942