Apri il menu principale

Gran Premio di Gran Bretagna 1989

corsa automobilistica
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1989
476º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 16 del Campionato 1989
Circuito di Silverstone
Circuito di Silverstone
Data 16 luglio 1989
Nome ufficiale XLII Shell British Grand Prix
Luogo Circuito di Silverstone
Percorso 4,780[1] km
circuito permanente
Distanza 64[1] giri, 305,920[1] km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Regno Unito Nigel Mansell
McLaren - Honda in 1'09.099[2] Ferrari in 1'12.017[1]
(nel giro 57[1])
Podio
1. Francia Alain Prost
McLaren - Honda
2. Regno Unito Nigel Mansell
Ferrari
3. Italia Alessandro Nannini
Benetton - Ford Cosworth

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1989 fu l'ottava gara della stagione 1989 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 16 luglio sul Circuito di Silverstone. La manifestazione vide la vittoria di Alain Prost su McLaren - Honda, seguito da Nigel Mansell su Ferrari e da Alessandro Nannini su Benetton - Ford Cosworth.

Prima della garaModifica

  • Il Gran Premio di Gran Bretagna sarebbe stato decisivo per le scuderie che disputavano le prequalifiche: dopo che nelle prime otto gare erano state costrette a farlo le nuove squadre (Brabham e Onyx) e quelle peggio piazzate nel mondiale precedente, dal Gran Premio di Germania avrebbero dovuto prendervi parte i sette team peggio piazzati in classifica nella prima parte di stagione.
  • Derek Warwick tornò alla guida della sua Arrows dopo aver saltato il Gran Premio di Francia per un infortunio.
  • L'AGS sostituì Joachim Winkelhock con Yannick Dalmas.
  • La Larrousse confermò Éric Bernard, annunciando di essersi accordata con Michele Alboreto per il resto della stagione.

QualificheModifica

Dopo che il compagno di squadra lo aveva battuto per due Gran Premi di fila, Senna ottenne la sesta pole position stagionale, precedendo Prost di poco meno di due decimi. In seconda fila si piazzarono le due Ferrari di Mansell e Berger, seguiti da Gugelmin, Patrese, Capelli e Boutsen.

ClassificaModifica

Pos No Pilota Costruttore Tempo[2] Distacco[1]
1 1   Ayrton Senna McLaren - Honda 1:09.099
2 2   Alain Prost McLaren - Honda 1:09.266 +0.167
3 27   Nigel Mansell Ferrari 1:09.488 +0.389
4 28   Gerhard Berger Ferrari 1:09.855 +0.756
5 6   Riccardo Patrese Williams - Renault 1:09.865 +0.766
6 15   Maurício Gugelmin March - Judd 1:10.336 +1.237
7 5   Thierry Boutsen Williams - Renault 1:10.376 +1.277
8 16   Ivan Capelli March - Judd 1:10.650 +1.551
9 19   Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 1:10.798 +1.699
10 11   Nelson Piquet Lotus - Judd 1:10.925 +1.826
11 23   Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 1:11.368 +2.269
12 30   Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 1:11.541 +2.442
13 29   Éric Bernard Lola Larrousse - Lamborghini 1:11.687 +2.588
14 8   Stefano Modena Brabham - Judd 1:11.755 +2.656
15 24   Luis Pérez-Sala Minardi - Ford Cosworth 1:11.826 +2.727
16 12   Satoru Nakajima Lotus - Judd 1:11.960 +2.861
17 17   Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 1:12.061 +2.962
18 3   Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 1:12.070 +2.971
19 9   Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 1:12.208 +3.109
20 7   Martin Brundle Brabham - Judd 1:12.327 +3.228
21 37   Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth 1:12.329 +3.230
22 4   Jean Alesi Tyrrell - Ford Cosworth 1:12.341 +3.242
23 31   Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 1:12.412 +3.313
24 26   Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 1:12.605 +3.506
25 22   Andrea De Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:12.904 +3.805
26 20   Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 1:13.148 +4.049
NQ 25   René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 1:13.240 +4.141
NQ 10   Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 1:13.386 +4.287
NQ 40   Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth 1:13.496 +4.397
NQ 38   Christian Danner Rial - Ford Cosworth 1:15.387 +6.288

GaraModifica

Al via Prost tentò di insidiare Senna, ma il brasiliano lo chiuse con decisione, mantenendo il comando. Senna fu però costretto al ritiro nel corso del 12º giro, quando uscì di pista in seguito ad un problema al cambio. Prost prese quindi la testa della corsa, precedendo Mansell, i due piloti della Williams, Nannini e Piquet.

I primi due erano imprendibili per gli altri, che lottarono quindi per il terzo posto: Boutsen fu rallentato da una foratura, mentre Patrese si ritirò per un incidente; Piquet sembrò avere la meglio, ma a poche tornate dal termine fu sopravanzato da Nannini, che conquistò il terzo gradino del podio.

In zona punti, approfittando del ritiro di Gugelmin (partito dal fondo del gruppo dopo un problema sulla griglia di partenza), chiusero anche Martini e Perez-Sala. Grazie a questo risultato la Minardi poté evitare le prequalifiche, mentre la Onyx dovette continuare a prendervi parte[3].

ClassificaModifica

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa ritiro Pos. Partenza Punti
1 2   Alain Prost McLaren - Honda 64 1:19:22.131 2 9
2 27   Nigel Mansell Ferrari 64 + 19.369 3 6
3 19   Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 64 + 48.019 9 4
4 11   Nelson Piquet Lotus - Judd 64 + 1:06.735 10 3
5 23   Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 63 + 1 Giro 11 2
6 24   Luis Pérez-Sala Minardi - Ford Cosworth 63 + 1 Giro 15 1
7 26   Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 63 + 1 Giro 24
8 12   Satoru Nakajima Lotus - Judd 63 + 1 Giro 16
9 9   Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 62 + 2 Giri 19
10 5   Thierry Boutsen Williams - Renault 62 + 2 Giri 7
11 20   Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 62 + 2 Giri 26
12 37   Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth 62 + 2 Giri 21
Rit 15   Maurício Gugelmin March - Judd 54 Cambio 6
Rit 7   Martin Brundle Brabham - Judd 49 Motore 20
Rit 28   Gerhard Berger Ferrari 49 Principio d'incendio 4
Rit 29   Éric Bernard Lola Larrousse - Lamborghini 46 Motore 13
Rit 30   Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 39 Motore 12
Rit 3   Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 32 Testacoda 18
Rit 8   Stefano Modena Brabham - Judd 31 Motore 14
Rit 4   Jean Alesi Tyrrell - Ford Cosworth 28 Testacoda 22
Rit 17   Nicola Larini Osella - Ford Cosworth 23 Sterzo 17
Rit 6   Riccardo Patrese Williams - Renault 19 Incidente 5
Rit 16   Ivan Capelli March - Judd 15 Trasmissione 8
Rit 22   Andrea De Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 16 Motore 25
Rit 1   Ayrton Senna McLaren - Honda 11 Testacoda 1
Rit 31   Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 2 Cambio 23
NQ 25   René Arnoux Ligier - Ford Cosworth
NQ 10   Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth
NQ 40   Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth
NQ 38   Christian Danner Rial - Ford Cosworth
NPQ 36   Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth
NPQ 21   Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth
NPQ 33   Gregor Foitek EuroBrun - Judd
NPQ 18   Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth
NPQ 41   Yannick Dalmas AGS - Ford Cosworth
NPQ 34   Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha
NPQ 32   Pierre-Henri Raphanel Coloni - Ford Cosworth
NPQ 35   Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha
NPQ 39   Volker Weidler Rial - Ford Cosworth

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) 1989 Grand Prix of Great Britain, Teamdan.org. URL consultato il 1º marzo 2010.
  2. ^ a b (EN) Britain 1989 - Starting grid, statsf1.com. URL consultato il 1º marzo 2010.
  3. ^ (EN) Grand Prix Results: British GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 3 marzo 2010.
  • Tutti i risultati di gara sono tratti dal sito ufficiale Formula 1.com, su formula1.com. URL consultato il 25 settembre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
                               
   

Edizione precedente:
1988
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1990
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1