Apri il menu principale

Isola amministrativa

1leftarrow blue.svgVoce principale: Enclave.

Un'isola amministrativa è una parte del territorio comunale circondata interamente dal territorio di altro o altri comuni[1] o, più in generale, una parte del territorio appartenente ad una entità di una suddivisione amministrativa (es. provincia, comunità montana, arrondissement, comarca) disgiunta dal corpo principale dell'entità stessa e circondata da altre entità amministrative di tale suddivisione.

Indice

CaratteristicheModifica

 
La cima dell'Asnas, punto di convergenza tra le isole amministrative montane di tre comuni del Biellese (Valle San Nicolao, Camandona e Bioglio)

Per ISTAT le isole amministrative sono definite come parti di territorio comunale circondate interamente dal territorio di altro o altri Comuni. Nelle elaborazioni censuarie esse sono classificate tra le aree speciali[2], e in quanto tali ad esse viene attribuito un nome ed un codice numerico[3]. La parte del territorio comunale che contiene la sede Comunale viene invece considerata quella principale[1].

Sempre a livello di geografia amministrativa viene invece definita isola marina una parte del territorio comunale circondata interamente dall'acqua[1]. Ad esempio l'Isola dei Topi, pur essendo una porzione disgiunta dal corpo principale del comune elbano di Rio Marina, non ne è isola amministrativa essendo circondata non da altri comuni ma dal mare. Le isole lacustri o quelle fluviali non costituiscono invece generalmente isole amministrative. Questo perché il loro territorio non è di norma disgiunto dal corpo principale del comune di appartenenza, dato che i confini dei comuni rivieraschi si prolungano fino a suddividere tra questi comuni la superficie dei corpi d'acqua interni e le eventuali isole in essi contenute[4].

Topograficamente le isole amministrative sono un tipo particolare di exclave, costituite non da una porzione di stato sovrano interamente compresa all'interno di un altro Stato, ma di territori appartenenti a entità amministrative di livello inferiore a quello statale.

Isole amministrative di livello sovra-comunaleModifica

Un territorio disgiunto di una provincia viene considerato isola amministrativa se costituisce parte del territorio provinciale circondata interamente dal territorio di altre Province[1], per una comunità montana se è parte del territorio della Comunità montana circondata interamente dal territorio di Comuni non appartenenti alla Comunità montana[1] e così via.

Esempi di isole amministrativeModifica

ItaliaModifica

LiechtensteinModifica

 
Suddivisione del Liechtenstein in comuni; nella mappa possono essere riconosciute molte isole amministrative

I comuni del Liechtenstein possiedono numerose isole amministrative gli uni all'interno degli altri; ad esempio

MongoliaModifica

Il comune di Ulan Bator è suddiviso in tre parti, due delle quali sono isole amministrative circondate dalla provincia del Tôv.

NorvegiaModifica

Il comune di Malvik (contea del Sør-Trøndelag) possiede due piccole isole amministrative (le fattorie Jøsås) interne al vicino comune di Stjørdal, nella contea del Nord-Trøndelag.

SpagnaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Linee guida per l'acquisizione del DB tematico degli ambiti amministrativi della Toscana (PDF) [collegamento interrotto], su Provincia.MS.It., Regione Toscana, 2003. URL consultato il 23 novembre 2017.
  2. ^ Aree speciali: entità geo-morfologiche quali isole lacuali e marittime, acquitrini o stagni, lagune, valli da pesca, laghi, la montagna (definita disabitata secondo quanto indicato di seguito) e altre entità non riconducibili alle precedenti. Sono inoltre definite aree speciali le entità amministrative "zona in contestazione" e "isola amministrativa".
  3. ^ Descrizione dei dati geografici e delle variabili censuarie per sezione di censimento Anni 1991, 2001, 2011 (PDF), su ISTAT.it, ISTAT, 28 aprile 2015. URL consultato il 23 novembre 2017.
  4. ^ Cartografia ufficiale italiana dell'Istituto Geografico Militare (IGM) in scala 1:25.000 e 1:100.000 - Geoportale Nazionale, su MinAmbiente.it, Ministero dell'Ambiente. URL consultato il 23 novembre 2017.

Voci correlateModifica