Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Enclave.

Un'isola amministrativa è una parte del territorio comunale circondata interamente dal territorio di altro o altri comuni[1] o, più in generale, una parte del territorio appartenente ad una entità di una suddivisione amministrativa (es. provincia, comunità montana, arrondissement, comarca) disgiunta dal corpo principale dell'entità stessa e circondata da altre entità amministrative di tale suddivisione.

CaratteristicheModifica

 
La cima dell'Asnas, punto di convergenza tra le isole amministrative montane di tre comuni del Biellese (Valle San Nicolao, Camandona e Bioglio)

Per ISTAT le isole amministrative sono definite come parti di territorio comunale circondate interamente dal territorio di altro o altri Comuni. Nelle elaborazioni censuarie esse sono classificate tra le aree speciali[2], e in quanto tali ad esse viene attribuito un nome ed un codice numerico[3]. La parte del territorio comunale che contiene la sede Comunale viene invece considerata quella principale[1].

Sempre a livello di geografia amministrativa viene invece definita isola marina una parte del territorio comunale circondata interamente dall'acqua[1]. Ad esempio l'Isola dei Topi, pur essendo una porzione disgiunta dal corpo principale del comune elbano di Rio Marina, non ne è isola amministrativa essendo circondata non da altri comuni ma dal mare. Le isole lacustri o quelle fluviali non costituiscono invece generalmente isole amministrative. Questo perché il loro territorio non è di norma disgiunto dal corpo principale del comune di appartenenza, dato che i confini dei comuni rivieraschi si prolungano fino a suddividere tra questi comuni la superficie dei corpi d'acqua interni e le eventuali isole in essi contenute[4].

Topograficamente le isole amministrative sono un tipo particolare di exclave, costituite non da una porzione di stato sovrano interamente compresa all'interno di un altro Stato, ma di territori appartenenti a entità amministrative di livello inferiore a quello statale.

Isole amministrative di livello sovra-comunaleModifica

Un territorio disgiunto di una provincia viene considerato isola amministrativa se costituisce parte del territorio provinciale circondata interamente dal territorio di altre Province[1], per una comunità montana se è parte del territorio della Comunità montana circondata interamente dal territorio di Comuni non appartenenti alla Comunità montana[1] e così via.

Esempi di isole amministrativeModifica

ItaliaModifica

LiechtensteinModifica

 
Suddivisione del Liechtenstein in comuni; nella mappa possono essere riconosciute molte isole amministrative

I comuni del Liechtenstein possiedono numerose isole amministrative gli uni all'interno degli altri; ad esempio

MongoliaModifica

Il comune di Ulan Bator è suddiviso in tre parti, due delle quali sono isole amministrative circondate dalla provincia del Tôv.

NorvegiaModifica

Il comune di Malvik (contea del Sør-Trøndelag) possiede due piccole isole amministrative (le fattorie Jøsås) interne al vicino comune di Stjørdal, nella contea del Nord-Trøndelag.

SpagnaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Linee guida per l'acquisizione del DB tematico degli ambiti amministrativi della Toscana (PDF), su Provincia.MS.It., Regione Toscana, 2003. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  2. ^ Aree speciali: entità geo-morfologiche quali isole lacuali e marittime, acquitrini o stagni, lagune, valli da pesca, laghi, la montagna (definita disabitata secondo quanto indicato di seguito) e altre entità non riconducibili alle precedenti. Sono inoltre definite aree speciali le entità amministrative "zona in contestazione" e "isola amministrativa".
  3. ^ Descrizione dei dati geografici e delle variabili censuarie per sezione di censimento Anni 1991, 2001, 2011 (PDF), su ISTAT.it, ISTAT, 28 aprile 2015. URL consultato il 23 novembre 2017.
  4. ^ Cartografia ufficiale italiana dell'Istituto Geografico Militare (IGM) in scala 1:25.000 e 1:100.000 - Geoportale Nazionale, su MinAmbiente.it, Ministero dell'Ambiente. URL consultato il 23 novembre 2017.

Voci correlateModifica