Provincia di Reggio Calabria

ex provincia italiana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nuovo ente, vedi Città metropolitana di Reggio Calabria.
Provincia di Reggio Calabria
ex provincia
Provincia di Reggio Calabria – Stemma Provincia di Reggio Calabria – Bandiera
Provincia di Reggio Calabria – Veduta
Palazzo Foti, sede dell'ex Provincia.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
Amministrazione
CapoluogoReggio Calabria Stemma.png Reggio Calabria
Data di istituzione1860
Data di soppressione2016
Territorio
Coordinate
del capoluogo
38°06′41″N 15°39′43″E / 38.111389°N 15.661944°E38.111389; 15.661944 (Provincia di Reggio Calabria)Coordinate: 38°06′41″N 15°39′43″E / 38.111389°N 15.661944°E38.111389; 15.661944 (Provincia di Reggio Calabria)
Superficie3 210,37 km²
Abitanti559 675[1] (28-02-2014)
Densità174,33 ab./km²
Comuni97 comuni
Province confinantiVibo Valentia, Catanzaro
Altre informazioni
Cod. postale89010-89018, 89020-89036, 89039-89050, 89052, 89054, 89056-89058, 89060, 89063-89065, 89069
Prefisso0964, 0965, 0966
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT080
TargaRC
Cartografia
Provincia di Reggio Calabria – Localizzazione
Provincia di Reggio Calabria – Mappa
Sito istituzionale

«Ricca, nobile e gloriosa è la Provincia di Calabria Ultra detta la Magna Grecia dai Greci, oggi Provincia di Reggio, che vedendo ed ammirando l'amenità del cielo, la fertilità della terra, l'aere salubre, e la grandezza degli abitanti, la elessero per loro stanza.»

(Luzio D'Orsi, "Terremoti di Calabria")

La provincia di Reggio Calabria è stata una provincia italiana della Calabria di 555.836 abitanti[1], sostituita nel 2017 dalla città metropolitana di Reggio Calabria.[2] Si affacciava ad ovest sul mar Tirreno, a sud e ad est sul mar Ionio, confinava a nord-est con la provincia di Catanzaro e a nord-ovest con la provincia di Vibo Valentia; a sud-ovest distava dalla Sicilia 3,2 km. I confini della provincia di Reggio Calabria ricalcavano, grosso modo, quelli della Calabria Ulteriore Prima, provincia del Regno delle Due Sicilie, mentre i suoi simboli derivavano dallo stemma della provincia di Calabria Ultra, istituita in età normanno-sveva.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

 
La provincia di Reggio Calabria dal satellite

La provincia, la più a sud della penisola italiana, copriva la punta del cosiddetto stivale, estendendosi dalla costa del mar Tirreno allo Ionio da Rosarno a Punta Stilo per circa 220 km di costa. Il suo territorio era in gran parte interessato dall'orografia del massiccio dell'Aspromonte, interamente compreso nel territorio provinciale. L'unica pianura era "a chjàna" (la Piana di Gioia), a sud sul Tirreno. Il territorio, che al momento della soppressione dell'ente comprendeva il 28% della popolazione calabrese, contava 97 comuni, estendendosi per 3.183 km²[3] e occupando il 21,1% del territorio della Calabria.

Tra il 1998 e il 2010 la provincia operò il decentramento amministrativo istituendo tre circondari[4]:

ComuniModifica

Appartenevano alla provincia di Reggio Calabria i seguenti 97 comuni:

StoriaModifica

La Provincia di Reggio Calabria corrispondeva ai territori dell'antica provincia di Calabria Ulteriore Prima (nota anche come Calabria Ultra Prima o Calabria Reggina), istituita nel 1817 dalla divisione della Calabria Ulteriore in Ulteriore I e Ulteriore II.

La provincia nel corso della sua storia ebbe delle variazioni amministrative:

Cronologia essenzialeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia amministrativa della Calabria.
1817 viene creata la provincia di Calabria Ulteriore prima o Calabria Reggina con capoluogo Reggio, costituita dai tre distretti di Reggio, Palmi e Gerace
1847 moti risorgimentali
1860 vengono istituiti tre circondari in cui è suddivisa la provincia con capoluogo a Reggio, Palmi e Gerace.
conquista garibaldina
Regno d'Italia
1908 terremoto di Reggio e Messina, il più catastrofico della storia d'Italia con 130.000 morti
1927 attuata la "Grande Reggio", conurbazione di Reggio con 14 comuni limitrofi
1939 viene costruito l'Aeroporto di Reggio Calabria che serve l'intera provincia
1943 Bombardamenti di Reggio e sbarco degli Alleati
1943 Repubblica Italiana, unificazione delle calabrie e Reggio capoluogo della Calabria
1970 vengono istituiti gli enti regionali e istituito il capoluogo a Catanzaro, cosa che scatena la protesta dei reggini e i Moti di Reggio
1974 viene completata l'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, considerata la maggiore opera realizzata direttamente dallo Stato
1984 viene terminato il Porto di Gioia Tauro, il più grande scalo commerciale del Mediterraneo
1989 viene istituito il Parco nazionale dell'Aspromonte, che sorge interamente nella provincia reggina
1990 viene completata la Strada Grande Comunicazione SS 682 Jonio-Tirreno (Gioiosa-Rosarno)
anni novanta comincia la cosiddetta "Primavera di Reggio" e della sua provincia
2005 l'Aeroporto di Reggio Calabria viene rimodernato e diventa aeroporto internazionale
2009 Reggio diventa Città metropolitana dello Stato italiano

StemmaModifica

«Fa per Arme questa Provincia due Croci nere in campo argento, con quattro pali vermigli in campo oro, insegne di Aragonesi. Don Ferdinando Duca di Calabria, Figliolo di Alfonso Re di Napoli, per dimostrare che egli delle due Calabrie era Signore, inventò le due Croci.»

(Luzio D'Orsi, descrizione dello stemma della Provincia di Reggio Calabria in "Terremoti di Calabria")

L'antichissimo stemma araldico della Provincia di Reggio Calabria constava di uno scudo partito in campi uguali di oro ed argento: due croci greche nere in campo argento nel mezzo scudo a sinistra, a memoria del valore dei Crociati Calabresi, sotto la guida di Boemondo Duca di Calabria nelle guerre per la liberazione di Gerusalemme: i guerrieri della Croce, dopo adorato il Santo Sepolcro, erano cinti Cavalieri, in ricompensa degli eroici sforzi e degli aiuti prestati nella guerra di Gerusalemme. Da questa cerimonia ebbero poi origine, come è noto, i Cavalieri di Gerusalemme, chiamati poi Cavalieri di Malta, e l'istituzione dei Templari.

I quattro pali perpendicolari vermigli in campo oro nell'altra metà a destra erano le armi aragonesi, poste da don Ferdinando di Aragona, Duca di Calabria. Le croci erano soltanto due perché la Calabria era divisa in due province, e erano entrambe in una sola parte dello scudo per significare che ambedue le province erano sotto il dominio di un solo Signore. I quattro pali, poi, erano uniti nello scudo alle armi di Calabria per mostrare l'unione della Calabria alla dinastia degli Aragonesi. La corona era d'oro con gemme.

Lo stemma condivideva gli stessi elementi di quello della provincia di Catanzaro, anche se disposti diversamente e con la croce greca anziché potenziata, questo in quanto ambedue le odierne province costituivano inizialmente la provincia di Calabria Ulteriore successivamente distinta in Calabria Ulteriore Prima e Calabria Ulteriore Seconda.

Lo stemma, concesso con decreto reale del 1º aprile 1938, di cm 90 x 75 x 8 di spessore con rilievo della corona di cm 16, esposto nel Salone "Mons. Ferro" del Palazzo Provinciale, era scolpito su legno pregiato "pinus cembico" e rifinito in foglia d'oro zecchino 24 carati, foglia d'argento vero 1.000 e colori a tempera anticati. Nello Stemma le perle della corona ducale erano bianche, le bacche d'oro, il nastro tricolore.

Sembra chiaro che la Provincia non facesse uso di uno stemma senza titoli e senza concessione; poiché i titoli erano il premiato valore Calabrese nelle guerre dei Crociati, e la concessione venne fatta da Ferdinando di Aragona, nel secolo decimoquinto, quando gli Aragonesi erano Signori del Reame di Napoli.

«Consta dunque che le Armi di questa Provincia contengano in sé un fatto avvenuto nel Medio Evo, sotto il regno dei Normanni, che furono I primi signori del Reame di Napoli; cioè nel secolo decimosecondo, quando Boemondo, principe di Taranto e Duca di Calabria, figliolo di Roberto Guiscardo, con dodicimila guerrieri di Calabria, tra i quali quel Tancredi celebrato dal Tasso, passò con Goffredo in oriente, e, presa Antiochia, vi si stabilì principe di quella città.»

(Luzio D'Orsi, descrizione dello stemma della Provincia di Reggio Calabria in "Terremoti di Calabria")

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

Il grafico riporta l'evoluzione del numero dei residenti nella provincia dal 1861 al 2009[7].

SportModifica

Dalla sesta giornata del campionato di Serie B 2010-2011 la Provincia di Reggio Calabria fu sponsor principale della Reggina Calcio.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat al 28/02/2014
  2. ^ strill.it.
  3. ^ Calendario Atlante De Agostini 1997.
  4. ^ documento su decentramento amministrativo (PDF) [collegamento interrotto], su provincia.rc.it.
  5. ^ Circondario di Palmi sul sito della provincia, su provincia.reggio-calabria.it. URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012).
  6. ^ Circondario di Locri sul sito della provincia, su provincia.reggio-calabria.it. URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  7. ^ Elaborazione su dati Istat, su comuni-italiani.it. URL consultato il 17 dicembre 2010.

Voci correlateModifica

Aree geografiche d'interesse della provincia regginaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN131536777 · LCCN (ENn2001006891 · GND (DE4103589-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001006891