Apri il menu principale
Alex Lowes
Alex Lowes - Phillip Island 2017.jpg
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2006 in classe 125
Miglior risultato finale 24º
Gare disputate 3
Punti ottenuti 3
Carriera in Supersport
Esordio 2010
Gare disputate 1
Carriera in Superbike
Esordio 2011
Miglior risultato finale
Gare disputate 163
Gare vinte 1
Podi 18
Punti ottenuti 1191
Pole position 1
Giri veloci 4
 

Alexander Thomas Lowes (Lincoln, 14 settembre 1990) è un pilota motociclistico britannico.

Anche suo fratello gemello, Sam Lowes, corre come pilota professionista.

CarrieraModifica

Inizia a correre nei vari tornei giovanili di motocross dal 1998 fino al 2001, l'anno successivo passa alle gare su pista fino ad arrivare, nel 2007, a competere nel campionato britannico Supersport. Quell'anno ottiene un 10º posto come miglior piazzamento stagionale a soli sedici anni, attirando l'interesse delle squadre del campionato europeo Superstock 600 e così l'anno seguente firma un contratto con il team O SIX Kawasaki Supported. Si classifica 16º nella classifica generale con un secondo posto in gara come risultato di rilievo.

Nel 2009 passa alla Superstock 1000 FIM Cup con la MV Agusta F4 312 R del team UnionBike Gimotorsports posizionandosi 26º nella classifica finale per poi partecipare, nel 2010, ad una sola gara del campionato mondiale Supersport come wildcard ed a tempo pieno nel British Superbike Championship. Per il 2011, oltre a rinnovare la sua presenza fissa nel campionato britannico Superbike, viene chiamato per sostituire l'infortunato Jonathan Rea nel campionato mondiale Superbike in sella alla Honda CBR 1000RR del team Castrol Honda. Nel 2012 corre sempre nel campionato britannico Superbike con una Honda CBR1000, terminando la stagione al 4º posto, mentre nel 2013, sempre guidando una Honda CBR1000, vince il titolo.

Nel 2014 si sposta nel campionato mondiale Superbike, alla guida di una Suzuki GSX-R1000 nel team Voltcom Crescent Suzuki, con compagno di squadra Eugene Laverty. Chiude la stagione all'undicesimo posto con 139 punti, due podii e due giri veloci che gli valgono la conferma in squadra anche per la stagione successiva. Nel 2015 ottiene un altro podio arrivando terzo nel Gran premio di Thailandia in gara 2. Termina la stagione al decimo posto con 135 punti all'attivo.

Nel 2016 rimane nello stesso team, cambiando però motocicletta, guida infatti la Yamaha YZF-R1. In questa stagione è costretto a saltare il Gran Premio di casa a Donington a causa di una lussazione alla spalla rimediata nel precedente Gran Premio di Malesia a Sepang.[1] Vince la 8 ore di Suzuka insieme a Katsuyuki Nakasuga e Pol Espargarò in sella alla Yamaha del Team Factory Racing. Sempre nel 2016 è chiamato a sostituire Bradley Smith (infortunatosi disputando le prove della 8 ore di Oschersleben), nei Gran Premi di Gran Bretagna, San Marino e Aragona (nel quale non corre per un infortunio al piede sinistro rimediato nelle prove libere del GP) in MotoGP in sella alla Yamaha YZR-M1 del team Tech 3, totalizzando 3 punti e il ventiquattresimo posto in classifica finale.[2] Nel mondiale Superbike chiude al dodicesimo posto con 131 punti ottenuti.

Nel 2017 è nuovamente pilota titolare del team ufficiale Yamaha. Il nuovo compagno di squadra è l'olandese Michael van der Mark. Chiude la stagione al quinto posto in classifica piloti con duecentoquarantadue punti ottenuti. Nel 2018 è, per la terza stagione consecutiva, pilota ufficiale Yamaha. In occasione del Gran Premio di Repubblica Ceca a Brno ottiene la sua prima affermazione nel mondiale Superbike.[3] Chiude la stagione al sesto posto in classifica piloti. Nel 2019 inizia il quarto anno consecutivo con Yamaha.[4]

Risultati in garaModifica

MotomondialeModifica

2006 Classe Moto                                   Punti Pos.
125 Honda Rit 0
2016 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Yamaha 13 Rit NP 3 24º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

Campionato mondiale SupersportModifica

2010 Moto                           Punti Pos.
Yamaha Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Campionato mondiale SuperbikeModifica

2011 Moto                           Punti Pos.
Honda 15 Rit Rit Rit 1 33º
2014 Moto                         Punti Pos.
Suzuki Rit 13 10 Rit 9 2 8 10 3 9 Rit 9 Rit 8 6 4 8 NP Rit 9 Rit Rit 10 9 139 11º
2015 Moto                           Punti Pos.
Suzuki 9 Rit 7 3 NC 14 Rit 9 12 10 6 6 10 13 12 Rit 6 Rit 6 8 7 18 8 10 Rit Rit 135 10º
2016 Moto                           Punti Pos.
Yamaha Rit 14 6 Rit 8 9 8 7 11 6 5 Rit Inf Inf 13 8 5 14 8 Rit 11 19 Rit 7 7 10 131 12º
2017 Moto                           Punti Pos.
Yamaha 4 4 6 4 4 13 Rit 5 8 6 3 5 2 Rit Rit 9 6 5 18 Rit 5 2 4 4 Rit 3 242
2018 Moto                           Punti Pos.
Yamaha 6 5 5 3 7 4 12 14 10 6 4 4 5 1 3 4 Rit 6 10 11 18 7 7 6 3 AN 248
2019 Moto                           Punti Pos.
Yamaha 4 4 5 3 3 3 4 3 5 4 AN 4 7 5 AN 16 Rit 14 Rit 2 4 5 6 4 5 6 4 7 3 4 6 6 3 5 5 6 305
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

NoteModifica

  1. ^ Paolo Gozzi, Superbike: Donington Alex Lowes non correrà, corsedimoto.com, 28 maggio 2016.
  2. ^ Redazione Gpone, MotoGP, Alex Lowes sostituisce Smith a Silverstone e Misano, gpone.com, 29 agosto 2016.
  3. ^ Redazione La Repubblica, Superbike, Brno: Rea cade, Lowes vince per la prima volta, repubblica.it, 10 giugno 2018.
  4. ^ Lorenza D'Adderi, Ufficiale! Van der Mark e Lowes rinnovano con Yamaha per il 2019, it.motorsport.com, 20 luglio 2018.

Collegamenti esterniModifica