Apri il menu principale

Coppa del Mondo di rugby 2007

6ª edizione della Coppa del Mondo di rugby
Coppa del Mondo di rugby 2007
IRB 2007 Rugby World Cup
Coupe du monde de rugby à XV 2007
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo di rugby
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore World Rugby e Fédération Française de Rugby
Date dal 7 settembre 2007
al 20 ottobre 2007
Paese organizz. Francia Francia
Luogo Francia, Galles e Scozia
Partecipanti 20 (91 alle qualificazioni)
Formula A gironi + play-off
Sede finale Stade de France (Saint-Denis)
Risultati
Vincitore Sudafrica Sudafrica
(2º titolo)
Finalista Inghilterra Inghilterra
Terzo Argentina Argentina
Statistiche
Miglior marcatore Sudafrica Percy Montgomery (105)
Record mete Sudafrica Bryan Habana (8)
Incontri disputati 48
Pubblico 2 273 607
(47 367 per incontro)
Ka mate.jpg
I giocatori francesi contrapposti agli All Blacks nei quarti di finale a Cardiff
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Coppa del Mondo di rugby 2003 Coppa del Mondo di rugby 2011 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby 2007 è stata la VI edizione del massimo campionato per squadre nazionali di rugby a 15. Si è tenuta dal 7 settembre al 20 ottobre 2007 in Francia: sono state anche utilizzate due sedi nel Regno Unito, il Millennium Stadium di Cardiff, in Galles e Murrayfield a Edimburgo, in Scozia.

Alla competizione hanno partecipano 20 squadre nazionali, 8 delle quali ammesse di diritto, le altre 12 uscite dalle qualificazioni iniziate nel settembre 2004.

Nella prima fase eliminatoria le squadre sono state raggruppate in 4 gruppi di 5 squadre. Le prime due classificate hanno acceduto ai quarti di finale ad eliminazione diretta, con conseguenti semifinali e finali.

La finale, disputatasi il 20 ottobre 2007, ha visto prevalere il Sudafrica 15-6 contro i campioni uscenti dell'Inghilterra.

Indice

Scelta del paese organizzatore e sedi ospitantiModifica

Due furono le candidature per l'organizzazione della Coppa del Mondo 2007: Inghilterra (già organizzatrice dell'edizione del 1991) e la Francia (che in precedenza aveva ospitato alcuni incontri delle edizioni 1991 e 1999)

Furono presentate due proposte molto diverse.

I comitato inglese propose di sostituire il sistema di 4 gironi eliminatori a 5 squadre, considerato poco interessante a causa della presenza di pochi incontri veramente incerti e decisivi per la qualificazione e presentò un progetto[1] completamente nuovo: due fasi finali separate: da un lato un torneo "élite" definito Super Eight con le sedici nazioni principali e dall'altro lato un torneo a 32 squadre con i "piccoli paesi" (il numero poteva essere ridotto a 20 per ridurre i costi). Le eliminate dal torneo "elite" sarebbero state ammesse al secondo turno del torneo inferiore.

Il torneo Super Eight era previsto con 4 gironi di 4 squadre, un secondo turno sempre con gironi (2) a 4 squadre. Le squadre qualificate avrebbero conservato i punti ottenuti contro l'altra qualificata dello stesso girone della prima fase. Le prime due di ogni girone si sarebbero qualificate per le semifinali. In questo modo ci sarebbero stati per ogni squadra più incontri con formazioni di livello alto (le prime 12 nel ranking mondiale). Questa formula avrebbe limitato i match senza interesse sportivo e terminati con risultati "incredibili", come l'incontro Nuova Zelanda-Giappone del 1995 finito 145-17.

La federazione francese, invece, propose il formato adottato per il mondiale 2003. Il 10 aprile 2003 l'International Rugby Board scelse con 18 voti favorevoli contro 3 (due voti inglesi e uno canadese) la candidatura francese. Le ragioni della scelta furono probabilmente molteplici: la difficoltà di organizzare due tornei per un totale di 36 squadre partecipanti, possibile solo a due o tre paesi in futuro. Inoltre secondo i Francesi la proposta inglese avrebbe condannato il rugby amatoriale dei paesi minori ad un oblio e forse all'esclusione permanente dall'elite.

 
Torre Eiffel e rugby

L'allora vicepresidente dell'IRB, Syd Millar (delegato anche per la federazione europea) affermò che "il progetto francese era il migliore per lo sviluppo del rugby". [2]

Inoltre l'Inghilterra intendeva organizzare da sola il torneo, mentre la federazione francese accettò di delocalizzare alcuni incontri in Galles e Scozia, cosa che portò al progetto francese 4 voti in più nel consiglio. A favore del progetto francese, inoltre votarono quei paesi come l'Italia e l'Argentina e la federazione europea, più vicine all'interesse delle nazioni minori europee e sudamericane.

Successivamente fu annunciato che quattro match si sarebbero disputati in Galles, nel Millennium Stadium di Cardiff (due match del girone B con protagonista la nazionale gallese, il match tra Figi e Canada, oltre ad un quarto di finale). L'Irlanda avrebbe dovuto ospitare due match a Lansdowne Road, Dublino, ma rinunciò a causa della ristrutturazione dello stadio[3]

Squadre partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 2007 .

Le otto squadre qualificate di diritto sono quelle qualificatesi ai quarti di finale della Coppa del Mondo 2003

La fase di qualificazione cominciò il 7 settembre 2004 per attribuire i rimanenti 12 posti, 10 dei quali assegnati tramite qualificazioni "regionali dirette" e 2 tramite "ripescaggi intercontinentali"

  • Americhe : 3 qualificate + 1 ai ripescaggi
  • Europa : 3 qualificate + 1 ai ripescaggi
  • Africa : 1 qualificata +1 ai ripescaggi
  • Asia : 1 qualificata +1 ai ripescaggi
  • Oceania : 2 qualificate +1 ai ripescaggi

Al termine sono risultate qualificate queste 20 squadre:

ImpiantiModifica

ArbitriModifica

AvvenimentiModifica

La maggior sorpresa della competizione fu costituita nel girone D dall'Argentina che, nell'incontro inaugurale del torneo, sconfisse 17-12 i padroni di casa della Francia. I Pumas vinsero in seguito il girone, battendo a seguire Namibia, Georgia e Irlanda, la quale si dovette accontentare del terzo posto del girone.

Nel gruppo A spicca il 36-0 con cui il Sudafrica, altro candidato alla vittoria finale, batté l'Inghilterra campione in carica. Le due squadre comunque si qualificarono ai quarti, nell'ordine rispettivamente prima e seconda.

Nel girone B, a parte la prevedibile qualificazione dell'Australia come prima del girone, si segnala il secondo posto di Figi, qualificatosi a spese di uno spento Galles; Canada e Giappone fecero registrare l'unico pareggio di tutta la competizione.

Il girone C vide il predominio della Nuova Zelanda, che vinse a punteggio pieno riportando il bonus in ogni incontro; per il secondo posto, fu decisivo l'ultimo incontro del raggruppamento tra Italia e Scozia, che vide prevalere quest'ultima per 18-16 solo grazie al piede di Chris Paterson (18 punti), mentre a pochi minuti dalla fine l'italiano David Bortolussi sbagliò un calcio tra i pali che avrebbe portato la sua Nazionale in vantaggio di un punto. Troncon, alla sua 101ª e ultima partita per l'Italia, in tale occasione segnò una meta.

Nei quarti di finale, Argentina e Sudafrica rispettarono il pronostico imponendosi rispettivamente su Scozia e Figi; meno scontati i risultati di Inghilterra e Francia: i primi, con 4 calci piazzati di Wilkinson, passarono 12-10 sull'Australia mentre la Francia riuscì a battere la Nuova Zelanda.

Le due semifinali furono, per coincidenza, divise per emisferi: in quella dell'Emisfero Sud il Sudafrica batté un'Argentina verosimilmente paga di essere giunta fino a quel punto del torneo e che non credeva alla possibilità di vincere tale incontro: in quella dell'Emisfero Nord l'Inghilterra riscattò definitivamente lo 0-36 subìto dal Sudafrica in prima fase e si impose sui rivali d'Oltremanica, andando in finale per la seconda edizione consecutiva e rimanendo quindi in grado di difendere il titolo vinto in Australia quattro anni prima.

La finale disputata allo Stade de France il 21 ottobre fu una partita molto chiusa, senza mete (una, inglese di Mark Cueto, fu annullata dall'arbitro su segnalazione del giudice televisivo, anche se la decisione fu contestata in seguito), risolta dagli specialisti del calcio piazzato: quattro di Montgomery e uno di Steyn per i sudafricani, e due di Wilkinson per gli inglesi, per un 15-6 complessivo che diede agli Springboks la loro seconda Coppa in quattro partecipazioni al torneo.

Regolamento della fase finaleModifica

La formula è la stessa dell'edizione del 2003: una prima fase con 4 gironi "all'Italiana" di 5 squadre. Seguita da una fase ad eliminazione diretta cui partecipano le prime due di ogni girone.

Gironi eliminatoriModifica

La formula e la medesima: ognuno delle squadre affronta una volta ciascuna le altre 4 squadre dello stesso girone. Ogni girone è composto di 2 squadre qualificate di diritto e 3 qualificate attraverso la fase di qualificazione. Inoltre le prime 3 del girone, si qualificano direttamente per il mondiale 2011, come definito dall'IRB nel suo consiglio di maggio 2007.

PunteggioModifica

La classifica si basa sul sistema già usato nel ultime due edizioni:

  • 4 punti per la vittoria
  • 2 punti per il pareggio
  • 0 punti per la sconfitta

Sono inoltre assegnati un punto di bonus per

  • la squadra (vincente o perdente) che realizza quattro mete nell'incontro
  • un punto per la squadra sconfitta con 7 punti o meno.

Una squadra vincente può dunque ottenere da 4 a 5 punti (vittoria + bonus per mete). In caso di pareggio si posso ottenere 2 o 3 punti (uno per le mete segnate). Nel caso di sconfitta si possono ottenere da 0 a 2 punti (nel caso di sconfitta di misura e 4 mete segnate)

Prima faseModifica

Girone AModifica

Lens
8 settembre 2007, ore 18 CEST
Inghilterra  28 – 10  Stati UnitiStadio Félix Bollaert (36 755 spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

Parigi
9 settembre 2007, ore 16 CEST
Sudafrica  59 – 7  SamoaParco dei Principi (46 575 spett.)
Arbitro:   Paul Honiss

Montpellier
12 settembre 2007, ore 14 CEST
Stati Uniti  15 – 25  Tongala Mosson (25 214 spett.)
Arbitro:   Stuart Dickinson

Saint-Denis
14 settembre 2007, ore 21 CEST
Inghilterra  0 – 36  SudafricaStade de France (77 523 spett.)
Arbitro:   Joël Jutge

Montpellier
16 settembre 2007, ore 16 CEST
Samoa  15 – 19  Tongala Mosson (24 128 spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

Lens
22 settembre 2007, ore 14 CEST
Sudafrica  30 – 25  TongaStadio Félix Bollaert (40 069 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Nantes
22 settembre 2007, ore 16 CEST
Inghilterra  44 – 22  Samoala Beaujoire (37 022 spett.)
Arbitro:   Alan Lewis

Saint-Étienne
26 settembre 2007, ore 20 CEST
Samoa  25 – 21  Stati UnitiStadio Geoffroy Guichard (34 124 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Parigi
29 settembre 2007, ore 20 CEST
Inghilterra  36 – 20  TongaParco dei Principi (45 085 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

Montpellier
30 settembre 2007, ore 20 CEST
Sudafrica  64 – 15  Stati Unitila Mosson (28 750 spett.)
Arbitro:   Tony Spreadbury

Classifica girone AModifica

Squadra G V N P P+ P- B PT
  Sudafrica 4 4 0 0 189 47 +142 3 19
  Inghilterra 4 3 0 1 108 88 +20 2 14
  Tonga 4 2 0 2 89 96 -7 1 9
  Samoa 4 1 0 3 69 143 -74 1 5
  Stati Uniti 4 0 0 4 61 142 -81 1 1

Girone BModifica

Lione
8 settembre 2007, ore 15:45 CEST
Australia  91 – 3  GiapponeStade de Gerland (40 043 spett.)
Arbitro:   Alan Lewis

Nantes
9 settembre 2007, ore 14 CEST
Galles  42 – 17  Canadala Beaujoire (37 500 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

Tolosa
12 settembre 2007, ore 18 CEST
Giappone  31 – 35  FigiStadium Municipal (34 500 spett.)
Arbitro:   Marius Jonker

Cardiff
15 settembre 2007, ore 14 BST
Galles  20 – 32  AustraliaMillennium Stadium (71 022 spett.)
Arbitro:   Steve Walsh

Cardiff
16 settembre 2007, ore 14 BST
Figi  29 – 16  CanadaMillennium Stadium (40 000 spett.)
Arbitro:   Tony Spreadbury

Cardiff
20 settembre 2007, ore 21 BST
Galles  72 – 18  GiapponeMillennium Stadium (35 245 spett.)
Arbitro:   Joël Jutge

Montpellier
23 settembre 2007, ore 14:30 CEST
Australia  55 – 12  Figila Mosson (32 231 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

Bordeaux
25 settembre 2007, ore 18 CEST
Canada  12 – 12  GiapponeStadio Chaban-Delmas (33 810 spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

Bordeaux
29 settembre 2007, ore 15 CEST
Australia  37 – 6  CanadaStadio Chaban-Delmas (35 200 spett.)
Arbitro:   Chris White

Nantes
29 settembre 2007, ore 17 CEST
Galles  34 – 38  Figila Beaujoire (37 080 spett.)
Arbitro:   Stuart Dickinson

Classifica girone BModifica

Squadra G V N P P+ P- B PT
  Australia 4 4 0 0 215 41 4 20
  Figi 4 3 0 1 114 136 3 15
  Galles 4 2 0 2 168 105 4 12
  Giappone 4 0 1 3 64 210 1 3
  Canada 4 0 1 3 51 120 0 2

Girone CModifica

Marsiglia
8 settembre 2007, ore 13:45 CEST
Nuova Zelanda  76 – 14  ItaliaVélodrome (58 612 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Saint-Étienne
9 settembre 2007, ore 18 CEST
Scozia  56 – 10  PortogalloStadio Geoffroy Guichard (34 162 spett.)
Arbitro:   Steve Walsh

Marsiglia
12 settembre 2007, ore 20 CEST
Italia  24 – 18  RomaniaVélodrome (44 241 spett.)
Arbitro:   Tony Spreadbury

Lione
15 settembre 2007, ore 13 CEST
Nuova Zelanda  108 – 13  PortogalloStade de Gerland (40 729 spett.)
Arbitro:   Chris White

Edimburgo
18 settembre 2007, ore 21 BST
Scozia  42 – 0  RomaniaMurrayfield (31 222 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

Parigi
19 settembre 2007, ore 20 CEST
Italia  31 – 5  PortogalloParco dei Principi (45 476 spett.)
Arbitro:   Marius Jonker

Edimburgo
23 settembre 2007, ore 17 BST
Scozia  0 – 40  Nuova ZelandaMurrayfield (64 558 spett.)
Arbitro:   Marius Jonker

Tolosa
25 settembre 2007, ore 20 CEST
Romania  14 – 10  PortogalloStadium Municipal (35 526 spett.)
Arbitro:   Paul Honiss

Tolosa
29 settembre 2007, ore 13 CEST
Nuova Zelanda  85 – 8  RomaniaStadium Municipal (35 608 spett.)
Arbitro:   Joël Jutge

Saint-Étienne
29 settembre 2007, ore 21 CEST
Scozia  18 – 16  ItaliaStadio Geoffroy Guichard (34 701 spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

Classifica girone CModifica

Squadra G V N P P+ P- B PT
  Nuova Zelanda 4 4 0 0 309 35 4 20
  Scozia 4 3 0 1 116 65 2 14
  Italia 4 2 0 2 85 117 1 9
  Romania 4 1 0 3 40 161 1 5
  Portogallo 4 0 0 4 38 209 1 1

Girone DModifica

Saint-Denis
7 settembre 2007, ore 21 CEST
Francia  12 – 17  ArgentinaStade de France (79 312 spett.)
Arbitro:   Tony Spreadbury

Bordeaux
9 settembre 2007, ore 20 CEST
Irlanda  32 – 17  NamibiaStadio Chaban-Delmas (33 694 spett.)
Arbitro:   Joël Jutge

Lione
11 settembre 2007, ore 20 CEST
Argentina  33 – 3  GeorgiaStade de Gerland (40 240 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

Bordeaux
15 settembre 2007, ore 21 CEST
Irlanda  14 – 10  GeorgiaStadio Chaban-Delmas (33 807 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Tolosa
16 settembre 2007, ore 21 CEST
Francia  87 – 10  NamibiaStadium Municipal (35 339 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

Saint-Denis
21 settembre 2007, ore 21 CEST
Francia  25 – 3  IrlandaStade de France (80 267 spett.)
Arbitro:   Chris White

Marsiglia
22 settembre 2007, ore 21 CEST
Argentina  63 – 3  NamibiaVélodrome (55 067 spett.)
Arbitro:   Stuart Dickinson

Lens
26 settembre 2007, ore 18 CEST
Georgia  30 – 0  NamibiaStadio Félix Bollaert (32 549 spett.)
Arbitro:   Steve Walsh

Marsiglia
30 settembre 2007, ore 15 CEST
Francia  64 – 7  GeorgiaVélodrome (58 695 spett.)
Arbitro:   Alan Lewis

Parigi
30 settembre 2007, ore 17 CEST
Irlanda  15 – 30  ArgentinaParco dei Principi (45 450 spett.)
Arbitro:   Paul Honiss

Classifica girone DModifica

Squadra G V N P P+ P- B PT
  Argentina 4 4 0 0 143 33 2 18
  Francia 4 3 0 1 188 37 3 15
  Irlanda 4 2 0 2 64 82 1 9
  Georgia 4 1 0 3 50 111 1 5
  Namibia 4 0 0 4 30 212 0 0

Fase a playoffModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
6 ottobre, Marsiglia
    Australia   10
13 ottobre, Saint-Denis
    Inghilterra   12  
    Inghilterra   14
6 ottobre, Cardiff
      Francia   9  
    Nuova Zelanda   18
21 ottobre, Saint-Denis
    Francia   20  
    Inghilterra   6
7 ottobre, Marsiglia
      Sudafrica   15
    Sudafrica   37
14 ottobre, Saint-Denis
    Figi   20  
    Sudafrica   37 Finale 3º posto
7 ottobre, Saint-Denis
      Argentina   13  
    Argentina   19     Francia   10
    Scozia   13       Argentina   34
19 ottobre, Parigi

Quarti di finaleModifica

Marsiglia
6 ottobre 2007, ore 15 CEST
Australia  10 – 12  InghilterraVélodrome (59 102 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

Cardiff
6 ottobre 2007, ore 20 BST
Nuova Zelanda  18 – 20  FranciaMillennium Stadium (71 669 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Marsiglia
7 ottobre 2007, ore 15 CEST
Sudafrica  37 – 20  FigiVélodrome (55 943 spett.)
Arbitro:   Alan Lewis

Saint-Denis
7 ottobre 2007, ore 21 CEST
Argentina  19 – 13  ScoziaStade de France (76 866 spett.)
Arbitro:   Joël Jutge

SemifinaliModifica

Saint-Denis
13 ottobre 2007, ore 21 CEST
Francia  9 – 14  InghilterraStade de France (80 283 spett.)
Arbitro:   Jonathan Kaplan

Saint-Denis
14 ottobre 2007, ore 21 CEST
Argentina  13 – 37  SudafricaStade de France (77 055 spett.)
Arbitro:   Steve Walsh

Finale per il 3º postoModifica

Parigi
19 ottobre 2007, ore 21 CEST
Francia  10 – 34  ArgentinaParco dei Principi (45 958 spett.)
Arbitro:   Paul Honiss

Finale per il 1º postoModifica

Saint-Denis
21 ottobre 2007, ore 21 CEST
Inghilterra  6 – 15  SudafricaStade de France (80 430 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

StatisticheModifica

MarcatoriModifica

Migliori realizzatori di punti
Giocatore Mt Tr CP Dr Pt
  Percy Montgomery 2 22 17 0 105
  Felipe Contepomi 3 11 18 0 91
  Jonny Wilkinson 0 5 14 5 67
  Nick Evans 2 20 0 0 50
  Jean-Baptiste Élissalde 1 12 6 0 47
  Chris Paterson 1 10 7 0 46
  Pierre Hola 0 7 10 0 44
Migliori realizzatori di mete
Giocatore Mt
  Bryan Habana 8
  Drew Mitchell 7
  Doug Howlett 6
  Shane Williams 6
  Vincent Clerc 5
  Chris Latham 5
  Joe Rokocoko 5

NoteModifica

  1. ^ (EN) England have to bid again, sur relegraph.co.uk, 14-11-2002
  2. ^ (FR) France : tenue de sa première Coupe du monde de rugby en 2007 ; Le quotidien du peuple ; 11 avril 2003 (article en ligne Archiviato il 12 gennaio 2005 in Internet Archive.)
  3. ^ Scotland looks to give up World cup matches at Murrayfield, worldcupweb.com, 2 dicembre 2005. URL consultato il 7 settembre 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàLCCN (ENn2007082381 · GND (DE7603957-2
  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby