Apri il menu principale
Giulio Bosetti mentre firma un autografo al Teatro Carcano di Milano.

Giulio Maria Gastone Stefano Bosetti (Bergamo, 26 dicembre 1930Milano, 24 dicembre 2009) è stato un attore e regista teatrale italiano. È stato anche impresario teatrale ed ha legato il suo nome al Teatro Carcano[1]. È ricordato per le sue numerose interpretazioni in sceneggiati e prosa televisiva di produzione RAI. Ha collaborato a lungo con il Teatro Stabile di Genova.

BiografiaModifica

Dal 1950 ha lavorato in varie formazioni, affiancando oltre alle interpretazioni di classici come Ionesco, Dostoevskij e Diego Fabbri, anche un'intensa attività televisiva e cinematografica.

Negli anni settanta ha fondato la cooperativa Teatro Mobile, che ha diretto fino alla morte, e con la quale ha messo in scena, fra l'altro, quasi tutte le commedie di Luigi Pirandello, tra le quali Tutto per bene, dove Bosetti è stato un grande e incisivo Martino Lori.

Tra i film più celebri ricordiamo: Nag la bombe (1999), produzione francese per la regia di Jean-Louis Milesi e Il divo (2008), diretto da Paolo Sorrentino, incentrato sulla figura di Giulio Andreotti, nel quale impersonava il giornalista Eugenio Scalfari.

Nel 2003 ha recitato in La scuola delle mogli, commedia scritta dal commediografo francese Molière e nel 2006 in Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello, dramma di cui ha curato anche la regia.

È morto il 24 dicembre 2009, a causa di un cancro. Riposa nel cimitero di Basiglio[2].

FilmografiaModifica

DoppiaggioModifica

Prosa radiofonica RAIModifica

Prosa televisiva RaiModifica

NoteModifica

  1. ^ Vedi: "Teatro, è morto Giulio Bosetti"
  2. ^ «Giulio, una vita per il Carcano», in ilGiornale.it. URL consultato il 10 luglio 2017.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56310999 · ISNI (EN0000 0001 0857 6651 · SBN IT\ICCU\SBLV\217337 · LCCN (ENno2003112282 · GND (DE1061578909 · WorldCat Identities (ENno2003-112282