Gran Premio d'Italia 2021

Italia Gran Premio d'Italia 2021
1049º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 14 di 22 del Campionato 2021
Monza track map.svg
Data 12 settembre 2021
Nome ufficiale XCII Heineken Gran Premio d'Italia
Luogo Autodromo Nazionale di Monza
Percorso 5,793 km / 3,600 US mi
Pista permanente
Distanza 53 giri, 306,720 km/ 190,587 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Paesi Bassi Max Verstappen[1] Australia Daniel Ricciardo
Red Bull Racing-Honda McLaren-Mercedes in 1'24"812
(nel giro 53)
Podio
1. Australia Daniel Ricciardo
McLaren-Mercedes
2. Regno Unito Lando Norris
McLaren-Mercedes
3. Finlandia Valtteri Bottas
Mercedes

Il Gran Premio d'Italia 2021 è stata la quattordicesima prova della stagione 2021 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si è corsa domenica 12 settembre sul circuito di Monza ed è stata vinta dall'australiano Daniel Ricciardo su McLaren-Mercedes, all'ottavo successo in carriera; Ricciardo ha preceduto all'arrivo il suo compagno di squadra, il britannico Lando Norris e il finlandese Valtteri Bottas su Mercedes.

Il messicano Sergio Pérez su Red Bull Racing-Honda, terzo all'arrivo, è penalizzato di cinque secondi sul tempo di gara e di un punto sulla superlicenza per essere uscito fuori pista e aver tratto un vantaggio. Retrocede pertanto in quinta posizione.[2]

VigiliaModifica

Sviluppi futuriModifica

Il pilota finlandese della Mercedes, Valtteri Bottas, stipula un accordo pluriennale con l'Alfa Romeo Racing a partire dalla prossima stagione, in sostituzione dell'altro finlandese Kimi Räikkönen, che ha annunciato il ritiro dalla Formula 1, dopo 19 stagioni, record assoluto, alla vigilia del precedente Gran Premio d'Olanda.[3] Al termine del campionato, Bottas, in coppia con l'altro pilota titolare della Mercedes dalla stagione 2017, il britannico Lewis Hamilton, avranno insieme accumulato esattamente 100 gare da compagni di squadra, dietro solo al duo Michael Schumacher e Rubens Barrichello con la Ferrari, a quota 104 Gran Premi, stabiliti dalla stagione 2000 a quella 2005.[4]

L'AlphaTauri conferma la coppia di piloti titolari, il giapponese Yuki Tsunoda e il francese Pierre Gasly, anche per il 2022.[5]

Il pilota britannico della Williams, George Russell, firma un accordo pluriennale con la Mercedes a partire dalla stagione successiva, prendendo il posto di Valtteri Bottas.[6]

Il pilota canadese della Williams, Nicholas Latifi, viene confermato anche per la prossima stagione. Latifi viene affiancato dall'attuale pilota di riserva della Red Bull Racing e dell'AlphaTauri, il thailandese Alexander Albon, che torna ad essere pilota titolare a distanza di una stagione dopo aver guidato per la scuderia di Milton Keynes, prendendo il posto di George Russell.[7]

Il Gran Premio di San Paolo in programma il successivo 14 novembre e che segna il debutto nel calendario del campionato mondiale di Formula 1 viene stabilito come il terzo e ultimo evento di questa stagione dove viene sperimentato il format che comprende la Qualifica Sprint, dopo l'utilizzo avvenuto per la prima volta nel Gran Premio di Gran Bretagna lo scorso luglio e per la seconda volta in questo Gran Premio.[8]

A partire dalla prossima stagione viene stabilito che saranno obbligatorie sessioni di prove libere riservate ai giovani. Le squadre avranno un numero prestabilito di sessioni nelle quali schierare obbligatoriamente dei giovani debuttanti.[9]

Aspetti tecniciModifica

Per questa gara, la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta gomme di mescola C2, C3 e C4,[10] la stessa tipologia utilizzata nelle ultime due edizioni del Gran Premio.[11]

Due sono le zone stabilite dalla Federazione in cui è ammesso l'utilizzo del Drag Reduction System: la prima sul rettifilo dei box, con punto di determinazione del distacco fra piloti stabilito prima della curva 11 (curva Alboreto); la seconda sul rettilineo prima della Variante Ascari, con detection point posto prima della curva 7 (seconda curva di Lesmo).[12]

La FIA raccomanda ai piloti di seguire le seguenti indicazioni: in caso di mancata percorrenza delle prime due curve (Variante del Rettifilo), ai piloti viene indicato di usare la via di fuga esterna passando attraverso le quattro file di blocchi di polistirene, in modo da rientrare in pista in condizioni di sicurezza; se si manca il punto di corda all'entrata della curva 5 (Variante della Roggia) andando dritto, i piloti sono obbligati a rimanere alla destra della linea gialla e del paletto, rientrando in pista in maniera sicura utilizzando la via di fuga esterna, con il tempo cancellato dalla direzione di gara. In aggiunta, i limiti della pista sono contrassegnati alla curva 11 (curva Alboreto): uscendo fuori dal tracciato i piloti vedranno il tempo e immediatamente quello successivo cancellato dai commissari sportivi.[13] Al termine della disputa della sessione di prove libere del venerdì, la Federazione stabilisce che in caso di taglio dietro il punto di corda della curva 5 (Variante della Roggia), il tempo sul giro sarà invalidato dai commissari.[14]

Prima dell'inizio della sessione di prove libere del venerdì sulla vettura di Nikita Mazepin viene sostituito il sistema di recupero dell'energia, montando la seconda unità. Sulle vetture di Max Verstappen, Robert Kubica e Antonio Giovinazzi vengono sostituiti gli impianti di scarico, montando la sesta unità, così come sulla vettura di Lando Norris, dove viene montata la quintà unità, su quella di Fernando Alonso, dove viene montata l'ottava unità, e su quella di Pierre Gasly, dove viene montata la settima unità. Tutti i piloti non sono penalizzati sulla griglia di partenza in quanto tutti i nuovi componenti installati rientrano tra quelli sostituibili entro il numero massimo prestabilito.[15]

Aspetti sportiviModifica

Il Gran Premio si disputa nella sua collocazione classica in calendario, all'inizio del mese di settembre. Questa edizione del Gran Premio d'Italia festeggia i 100 anni dal primo Gran Premio corso il 4 settembre 1921 a Montichiari, in provincia di Brescia, non valido comunque per il campionato mondiale di Formula 1.[16] Al sabato, infatti, viene celebrata la ricorrenza con una trentina di auto storiche provenienti da Brescia, che si schierano in pista.[17]

La gara viene corsa nel terzo weekend consecutivo in quanto la Federazione, alla stipulazione del calendario avvenuta prima dell'inizio del campionato, ha collocato il ritorno, a distanza di 36 anni dall'ultima edizione, del precedente Gran Premio d'Olanda tra i Gran Premi del Belgio e d'Italia,[18] stabilendo così la disputa di tre gare in tre settimane di seguito, come già successo una volta nel campionato 2018, per tre volte nella stagione 2020, e anche in questa stagione tra il Gran Premio di Francia e il Gran Premio d'Austria,[19] quando il calendario è stato rivisitato a seguito della posticipazione del Gran Premio di Turchia, a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dal Paese per via delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19, inizialmente aggiunto al calendario con l'obiettivo di sostituire il Gran Premio del Canada precedentemente annullato.[20]

L'Italia, dopo l'Austria, ospita due Gran Premi nel proprio territorio validi per il campionato mondiale di Formula 1 in questa stagione. A causa della posticipazione del Gran Premio di Turchia per via della pandemia di COVID-19, che aveva inizialmente rimpiazzato l'annullamento del Gran Premio del Canada, la Federazione ha modificato il calendario introducendo il Gran Premio di Stiria al posto della gara turca, tenutosi la settimana precedente al tradizionale Gran Premio d'Austria.[20] Grazie alla disputa del Gran Premio dell'Emilia-Romagna avvenuta lo scorso aprile in sostituzione del Gran Premio di Cina, anch'esso annullato a causa dell'emergenza sanitaria, l'Italia diventa la seconda nazione a ospitare più di un Gran Premio.[21]

Il Gran Premio rappresenta, per la seconda volta in questa stagione dopo il Gran Premio di Gran Bretagna, la sperimentazione della nuova formula, che potrà essere applicata nel corso del 2022 a diverse altre gare, il quale prevede la sessione denominata Qualifica Sprint (Sprint Qualifying), sponsorizzata dall'azienda Crypto.com che si occupa dello scambio di valute con sede a Hong Kong,[22] da tenersi durante il weekend di gara, della durata di 18 giri per questo appuntamento o massimo 60 minuti da regolamento, il quale andrebbe a formare la griglia di partenza del Gran Premio.[23] Il Gran Premio d'Italia è stato scelto come il secondo appuntamento dopo Silverstone, di tre previsti in questa stagione, lo scorso luglio.[23] Al pilota vincitore della Qualifica Sprint è attribuita la pole position per la gara, valevole per il Trofeo Pole FIA. I primi tre classificati non salgono sul podio come tradizionalmente avviene per il classico Gran Premio domenicale, ma vengono premiati con una celebrazione specifica.[23]

Il nuovo format in uso per questa gara, approvato dalla F1 Commission lo scorso aprile,[24] consiste in una sessione di prove libere al venerdì, seguita dalle tradizionali qualifiche; al sabato è prevista una sessione di prove libere seguita dalla gara sprint di 100 km con scelta libera a livello di mescole di gomme e senza necessità di effettuare pit stop, con la griglia di partenza stilata in base alle qualifiche del giorno precedente, con inoltre in palio dei punti per i primi tre classificati (nell'ordine 3, 2 e 1); la domenica il consueto Gran Premio con scelta libera a livello di mescole di gomme con cui partire, con la griglia di partenza stilata in base all'ordine d'arrivo della gara sprint. Per via dell'uso della nuova formula, la FIA ha annunciato una diversa programmazione del Gran Premio, scegliendo gli orari locali già usati nel Gran Premio di Gran Bretagna. Al venerdì la prima sessione di prove libere si tiene dalle 14:30 alle 15:30, con le tradizionali qualifiche che si tengono dalle 18:00 alle 19:00; al sabato la seconda sessione di prove libere è prevista dalle 12:00 alle 13:00, con il nuovo formato della Qualifica Sprint in programma alle 16:30; la domenica l'orario di partenza del Gran Premio è fissato alle 15:00.[23]

La gara italiana prevede la possibilità, per i tifosi, di assistere all'evento, come già accaduto per la maggioranza dei Gran Premi corsi nella parte centrale del campionato, in Europa. A differenza dell'edizione 2020 disputatasi a porte chiuse per via della pandemia, viene consentito agli spettatori di assistere al Gran Premio, ma solo quelli muniti del certificato COVID digitale dell'UE previsto per la gestione dell'emergenza sanitaria, con la capienza stabilita al 50% per le tribune e una presenza stimata di circa 15 000 spettatori al giorno.[25][26] Lo scorso giugno, infatti, il Presidente di Automobile Club Milano, Geronimo La Russa, annuncia che il circuito di Monza dal mese successivo torna ad accogliere i tifosi in occasione della tappa del campionato del mondo endurance, e che questo evento può ospitare una presenza più sostanziosa di pubblico.[27]

Alla vigilia del Gran Premio del Belgio, la curva Parabolica del circuito di Monza viene intitolata all'ex pilota automobilistico Michele Alboreto, rinominandola curva Alboreto. L'ex pilota italiano fu vicecampione del mondo nella stagione 1985 alla guida della Ferrari, prima di scomparire nel 2001 mentre effettuava i collaudi delle nuove Audi R8 Sport in preparazione della 24 Ore di Le Mans. La decisione viene ufficializzata il giorno prima della gara quando si disputa la seconda Qualifica Sprint della stagione.[28]

Dopo aver saltato il ritorno del precedente Gran Premio d'Olanda a causa della positività al SARS-CoV-2, il pilota finlandese dell'Alfa Romeo Racing, Kimi Räikkönen, non è presente neanche a questa gara in quanto non recupera dalla positività, venendo anche in questo caso sostituito dal pilota di riserva, il polacco Robert Kubica.[29]

L'ex pilota di Formula 1 Vitantonio Liuzzi è nominato commissario aggiunto da parte della FIA. L'italiano ha svolto in passato, in diverse occasioni, tale funzione, l'ultima al Gran Premio d'Ungheria. Per questo Gran Premio, è la casa automobilistica tedesca Mercedes a fornire la safety car e la medical car.[30]

ProveModifica

ResocontoModifica

Lewis Hamilton è il pilota più veloce della sessione del venerdì. Il britannico, che ha ottenuto un tempo simile al migliore dell'analoga sessione del 2020, ha colto la migliore prestazione con gomme medie. Hamilton è stato più veloce di quattro decimi sul tempo di Max Verstappen, che ha cercato la prestazione con le mescole più morbide. L'olandese ha preceduto Valtteri Bottas e Lance Stroll. Il terzo tempo sarebbe stato di Lando Norris, che però è stato cancellato dai commissari, avendo superato i limiti della pista alla curva 11 (curva Alboreto).

L'altro pilota della Red Bull Racing, Sergio Pérez, è solo decimo, ma è stato particolarmente competitivo nella prima fase della sessione, con l'utilizzo di gomme medie.[31]

È stato uno il tempo cancellato per non aver percorso correttamente la curva 5 (Variante della Roggia), utilizzando la via di fuga esterna, mentre 10 i tempi cancellati ai piloti per aver oltrepassato i limiti alla curva 11 (curva Alboreto), durante la sessione di prove libere del venerdì. Nel primo caso si è visto cancellare il tempo Charles Leclerc;[32] nel secondo caso si sono visti cancellare il tempo Charles Leclerc e Pierre Gasly (due volte), Mick Schumacher, Fernando Alonso, Yuki Tsunoda, Daniel Ricciardo, Lando Norris e Carlos Sainz Jr. (una volta).[33]

Al termine della sessione di prove libere del venerdì, sulle vetture di Yuki Tsunoda, Nikita Mazepin, George Russell e Nicholas Latifi vengono sostituite le trasmissioni. Nessun pilota è penalizzato sulla griglia di partenza: Tsunoda e Mazepin hanno utilizzato la precedente trasmissione per sei Gran Premi consecutivi; Russell non ha completato il precedente Gran Premio d'Olanda; Latifi, nella precedente gara, ha dovuto sostituire la precedente trasmissione, che è stata montanta prima della disputa di sei gare di fila.[34]

Prima dell'inizio della sessione di prove libere del sabato sulla vettura di Charles Leclerc viene sostituita la power unit. Il monegasco non è penalizzato sulla griglia di partenza in quanto l'unità installata equivale alla prima specifica già utilizzata durante la stagione.[35] Sulla vettura di Valtteri Bottas viene installata la terza unità relativa all'unità di controllo elettronico. Il pilota finlandese è penalizzato di 10 posizioni sulla griglia di partenza. La penalità non ha effetto pratico in quanto già costretto a partire dal fondo dello schieramento a seguito della sostituzione di diverse componenti della power unit prima della disputa delle qualifiche al venerdì.[36]

Al sabato, con vetture già in parco chiuso, in attesa della gara di qualifica del pomeriggio, le due Mercedes precedono le due Red Bull Racing. Il migliore è Hamilton, che si è concentrato sull'utilizzo delle mescole morbide e poi di quelle dure, che fa meglio di Bottas, che invece, oltre alle dure, ha testato le gomme a mescola media. A meno di due decimi dal tempo del finlandese ha chiuso Verstappen.

La sessione è stata interrotta, circa alla sua metà, per un incidente che ha coinvolto Carlos Sainz Jr.. Lo spagnolo è uscito, a forte velocità, alla Variante Ascari. La monoposto è stata pesantemente danneggiata, soprattutto nelle sospensioni anteriori, tanto che è in dubbio la sua partecipazione alla gara di qualifica pomeridiana. Anche l'altro pilota della Ferrari, Leclerc, ha dovuto interrompere anzitempo la sessione, per un lieve indisposizione.[37]

Sono stati quattro i tempi cancellati ai piloti per non aver percorso correttamente la curva 5 (Variante della Roggia), utilizzando la via di fuga esterna, e quattro i tempi cancellati per aver oltrepassato i limiti alla curva 11 (curva Alboreto), durante la sessione di prove libere del sabato. Nel primo caso si sono visti cancellare il tempo Mick Schumacher (due volte), Valtteri Bottas e Lewis Hamilton (una volta);[38] nel secondo caso si sono visti cancellare il tempo Carlos Sainz Jr., Nikita Mazepin, Lando Norris e Sebastian Vettel.[39]

La Haas è stata multata di 700 euro in quanto Nikita Mazepin ha superato la velocità stabilita nella corsia dei box.[40]

RisultatiModifica

Nella sessione del venerdì[41] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'20"926 28
2 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'21"378 +0"452 22
3 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'21"451 +0"525 29

Nella sessione del sabato[42] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'23"246 25
2 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'23"468 +0"222 24
3 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'23"662 +0"416 23

QualificheModifica

ResocontoModifica

Prima dell'inizio della sessione di qualifica sulla vettura di Valtteri Bottas viene installata la quarta unità relativa al motore a combustione interna, al turbocompressore, all'MGH-H, all'MGH-K e all'impianto di scarico. Il pilota finlandese è penalizzato sulla griglia di partenza ed è costretto a partire dal fondo dello schieramento della gara della domenica.[43]

La temperatura dell'aria è di 25 °C e quella dell'asfalto di 33, all'inizio della sessione di qualifica.

Charles Leclerc è il primo pilota a chiudere un giro cronometrato, battuto poi dal compagno di scuderia Carlos Sainz Jr.. Il monegasco sembra lamentare dei problemi all'impianto dei freni. In seguito è Max Verstappen che prende la vetta della graduatoria, battuto facilmente da Lando Norris, che scende sotto il minuto e 22. L'arrivo delle Mercedes stravolge la classifica: Valtteri Bottas prima e Lewis Hamilton poi, portano il limite a 1'20"543. Alle loro spalle s'installa Daniel Ricciardo. Pierre Gasly e Antonio Giovinazzi sono quarto e quinto, rispettivamente, con l'italiano staccato però di un secondo dal tempo di Hamilton. Verstappen, nel frattempo, si lamenta del traffico alla Variante della Roggia, che gli impedisce di completare un giro rapido. Anche Gasly, poco dopo, si lamenta via radio, per essere stato danneggiato da alcune vetture più lente, alla Variante Ascari.

I commissari aprono un'indagine su Nikita Mazepin, che nei box è stato mandato in pista al sopraggiungere di Leclerc. In seguito il russo è messo sotto inchiesta anche per aver ostacolato Robert Kubica, alla prima delle due curve di Lesmo. Norris risale terzo, prima che il suo tempo venga annullato dai commissari, per aver superato i limiti della pista alla curva 11 (curva Alboreto). Chi sale terzo ufficialmente è, invece, Sainz Jr.. Lo spagnolo cede presto la posizione a Verstappen. Nelle prime posizioni si vede anche Leclerc, quinto, mentre George Russell sale fino all'undicesimo posto. Ricciardo rimonta fino alla sesta posizione, mentre Pérez è settimo, davanti alle due Aston Martin.

Nei minuti finali Esteban Ocon risale in zona di sicurezza, così come Antonio Giovinazzi, che è quinto. Fa anche meglio Norris, terzo. Vengono eliminati Russell, Latifi, Schumacher, Kubica e Mazepin. Successivamente la direzione di gara cancella il miglior tempo di Yuki Tsunoda, per aver superato i limiti della pista alla curva 11 (curva Alboreto): il nipponico si trova così eliminato, a vantaggio di Russell.

La vettura di Leclerc presenta ancora dei problemi tecnici, ma il monegasco può comunque prendere parte alla Q2. Verstappen ferma i cronometri sull'1'20"710, mentre Pérez non fa meglio di 1'21"146. Bottas batte il tempo dell'olandese (1'20"032) ma, a sua volta, è preceduto da Hamilton (1'19"936). Anche le McLaren riescono a battere il tempo di Verstappen, posizionandosi a quattro decimi da Hamilton, così come Gasly. Giovinazzi sale settimo, davanti a Stroll e Leclerc.

A due minuti dalla fine della Q2 tutti i piloti affrontano ancora la pista, comportando un certo traffico, tanto che Hamilton sfiora la collisione con Vettel nella corsia dei box. La classifica viene rivoluzionata, tanto che, alla fine, non accedono in Q3 Vettel, Stroll, Alonso, Ocon e Russell.

In Q3 Bottas si lancia davanti a Hamilton, al fine di garantirgli una buona scia, anche se più di sei secondi separano i due piloti. Il finlandese chiude in 1'20"388 e Hamilton in 1'19"949. Alle loro spalle prima c'è Gasly, poi risale Verstappen, separato da 17 millesimi dal tempo di Hamilton. Ricciardo è capace di battere Bottas, e salire terzo, ma per pochi secondi, prima di essere, a sua volta, battuto dal compagno di team Norris. Col secondo tentativo Pérez concede la scia a Verstappen, che però non riesce a migliorarsi. Si migliorano, invece, Ricciardo, ma soprattutto Bottas, che scala primo. Norris batte il tempo di Ricciardo, posizionandosi quarto.[44]

Sono stati tre i tempi cancellati ai piloti per non aver percorso correttamente la curva 5 (Variante della Roggia), utilizzando la via di fuga esterna, e tre i tempi cancellati per aver oltrepassato i limiti alla curva 11 (curva Alboreto), durante le qualifiche. Nel primo caso si sono visti cancellare il tempo Lance Stroll, Fernando Alonso e Yuki Tsunoda;[45] nel secondo caso si sono visti cancellare il tempo Mick Schumacher, Lando Norris e Yuki Tsunoda.[46]

Al termine delle qualifiche, Nikita Mazepin, Esteban Ocon e Sebastian Vettel vengono convocati dai commissari sportivi: il primo per aver ostacolato Robert Kubica, guidando troppo lentamente, durante la Q1; il secondo e il terzo in quanto fatti uscire dai box dai meccanici in condizioni non di sicurezza al sopraggiungere di altre vetture nella corsia della pit lane, durante la Q2.[47][48][49] I commissari decidono di non prendere provvedimenti verso Mazepin,[50] mentre l'Aston Martin e l'Alpine vengono multate di 5 000 euro a testa.[51][52]

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[53] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'20"685 1'20"032 1'19"555 1
2 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'20"543 1'19"936 1'19"651 2
3 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'21"035 1'20"229 1'19"966 3
4 4   Lando Norris   McLaren-Mercedes 1'20"916 1'20"059 1'19"989 4
5 3   Daniel Ricciardo   McLaren-Mercedes 1'21"292 1'20"435 1'19"995 5
6 10   Pierre Gasly   AlphaTauri-Honda 1'21"440 1'20"556 1'20"260 6
7 55   Carlos Sainz Jr.   Ferrari 1'21"118 1'20"750 1'20"462 7
8 16   Charles Leclerc   Ferrari 1'21"219 1'20"767 1'20"510 8
9 11   Sergio Pérez   Red Bull Racing-Honda 1'21"308 1'20"882 1'20"611 9
10 99   Antonio Giovinazzi   Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'21"197 1'20"726 1'20"808 10
11 5   Sebastian Vettel   Aston Martin-Mercedes 1'21"394 1'20"913 N.D. 11
12 18   Lance Stroll   Aston Martin-Mercedes 1'21"415 1'21"020 N.D. 12
13 14   Fernando Alonso   Alpine-Renault 1'21"487 1'21"069 N.D. 13
14 31   Esteban Ocon   Alpine-Renault 1'21"500 1'21"103 N.D. 14
15 63   George Russell   Williams-Mercedes 1'21"890 1'21"392 N.D. 15
16 6   Nicholas Latifi   Williams-Mercedes 1'21"925 N.D. N.D. 16
17 22   Yuki Tsunoda   AlphaTauri-Honda 1'21"973 N.D. N.D. 17
18 47   Mick Schumacher   Haas-Ferrari 1'22"248 N.D. N.D. 18
19 88   Robert Kubica   Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'22"530 N.D. N.D. 19
20 9   Nikita Mazepin[54]   Haas-Ferrari 1'22"716 N.D. N.D. 20
Tempo limite 107%: 1'26"181

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Qualifica SprintModifica

ResocontoModifica

La Ferrari ripara in tempo la monoposto di Sainz Jr., incidentata nel corso delle prove libere del mattino. Lo spagnolo è in condizioni fisiche adeguate, per poter partecipare alla gara di qualifica.

Alla partenza Valtteri Bottas mantiene il comando della corsa, mentre Lewis Hamilton è autore di una cattiva partenza, tanto da venir passato da Max Verstappen, al via, oltre che dalle due McLaren alla prima variante. Sempre alle prime due curve Pierre Gasly colpisce Daniel Ricciardo, e danneggia il musetto, che perde alla curva Grande. Il francese perde il controllo della monoposto e termina contro le barriere. La direzione di gara congela la gara con la safety car.

Al terzo giro la pista è ripulita e la gara riprende nella sua valenza agonistica. Bottas mantiene il comando comodamente, con Verstappen che controlla agevolmente il secondo posto che, stante la penalizzazione del finlandese, vale la pole position della domenica. Più dietro Hamilton si mette all'inseguimento del quarto posto di Lando Norris.

Al nono giro Sergio Pérez attacca Lance Stroll alla prima variante. Il messicano va lungo e deve restituire la nona posizione al canadese. La manovra di sorpasso di Pérez ha successo nel giro seguente. Pérez viene messo sotto indagine dai commissari per la manovra del nono giro, ma viene scagionato, considerando corretta la sua decisione di restituire, almeno temporaneamente, la posizione a Stroll. Hamilton cerca di avvicinarsi a Norris, ma le McLaren dimostrano una buona velocità di punta, che non consente al campione del mondo di attaccare il connazionale.

Bottas vince la gara di qualifica, conquistando i tre punti, davanti a Verstappen e Ricciardo. Questi due, considerando la penalizzazione del pilota della Mercedes, si divideranno la prima fila. Per Verstappen è l'undicesima pole position in carriera. Ricciardo torna in prima fila dal Gran Premio del Messico 2018.[55]

È stato uno il tempo cancellato per aver oltrepassato i limiti alla curva 11 (curva Alboreto), durante la Qualifica Sprint. Se l'è visto cancellare Lando Norris.[56]

RisultatiModifica

I risultati della Qualifica Sprint[57] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti Griglia
1 77   Valtteri Bottas   Mercedes 18 27'54"078 1 3 19[43]
2 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 18 +2"325 3 2 1
3 3   Daniel Ricciardo   McLaren-Mercedes 18 +14"534 5 1 2
4 4   Lando Norris   McLaren-Mercedes 18 +18"835 4 3
5 44   Lewis Hamilton   Mercedes 18 +20"011 2 4
6 16   Charles Leclerc   Ferrari 18 +23"442 8 5
7 55   Carlos Sainz Jr.   Ferrari 18 +27"952 7 6
8 99   Antonio Giovinazzi   Alfa Romeo Racing-Ferrari 18 +31"089 10 7
9 11   Sergio Pérez   Red Bull Racing-Honda 18 +31"680 9 8
10 18   Lance Stroll   Aston Martin-Mercedes 18 +38"671 12 9
11 14   Fernando Alonso   Alpine-Renault 18 +39"795 13 10
12 5   Sebastian Vettel   Aston Martin-Mercedes 18 +41"177 11 11
13 31   Esteban Ocon   Alpine-Renault 18 +43"373 14 12
14 6   Nicholas Latifi   Williams-Mercedes 18 +45"977 16 13
15 63   George Russell   Williams-Mercedes 18 +46"821 15 14
16 22   Yuki Tsunoda   AlphaTauri-Honda 18 +49"977 17 15
17 9   Nikita Mazepin[54]   Haas-Ferrari 18 +1'02"599 20 16
18 88   Robert Kubica   Alfa Romeo Racing-Ferrari 18 +1'05"096 19 17
19 47   Mick Schumacher   Haas-Ferrari 18 +1'06"154 18 18
Rit 10   Pierre Gasly   AlphaTauri-Honda 0 Incidente 6 PL[58]

GaraModifica

ResocontoModifica

Prima della gara, sulla vettura di Charles Leclerc viene sostituita nuovamente la power unit. Il monegasco non è comunque penalizzato sulla griglia di partenza in quanto viene rimontata la terza specifica già utilizzata durante la stagione.[59] Pierre Gasly parte dalla pit lane per via della sostituzione del sistema del recupero dell'energia.[60]

Poco prima del via si riscontrano problemi tecnici anche sull'altra AlphaTauri, quella di Yuki Tsunoda, che così non può prendere parte al Gran Premio. Tutti i piloti di testa utilizzano gomme medie, a eccezione del duo della Mercedes che opta per la mescola più dura.

Daniel Ricciardo, partito in seconda posizione, prende subito il comando, relegando Max Verstappen dal posto d'onore. L'olandese viene attaccato anche da Lewis Hamilton alla Variante della Roggia: il britannico deve tagliare la curva e non riesce ad avere la meglio sull'olandese, anzi è costretto a vedersi sfilare da Lando Norris. Poco dopo, nello stesso punto, Antonio Giovinazzi entra in collisione con Carlos Sainz Jr.. La sua Alfa Romeo Racing va a sbattere contro le barriere e danneggia il musetto. L'italiano è costretto a una sosta ai box, e la direzione di corsa introduce il regime di virtual safety car, che termina nel corso del secondo giro.

La classifica è comandata da Ricciardo, che precede Verstappen, poi ci sono Norris, Hamilton, Leclerc, Sainz Jr. e Pérez. Al nono passaggio il messicano della Red Bull Racing ha la meglio, sempre alla Variante della Roggia, su Sainz Jr.. Valtteri Bottas, partito in ultima fila, inanella diversi sorpassi, tanto che dopo 14 giri è già entrato nella zona dei punti. Al quindicesimo giro Esteban Ocon si difende da un tentativo di sorpasso di Sebastian Vettel: la sua manovra è giudicata pericolosa dai commissari, che lo penalizzano di cinque secondi. Bottas prosegue nella sua scalata, passando Fernando Alonso, al diciannovesimo giro. Tre giri dopo il finlandese ha la meglio anche su Lance Stroll.

Ricciardo effettua la sua sosta al ventitreesimo giro. Verstappen attende un giro: un problema all'anteriore destra lo fa fermare ai box per oltre undici secondi. Norris, in crisi con gli pneumatici, è passato da Hamilton che, complice il pit stop dei primi due, si trova al comando. Nel giro successivo sia Hamilton che Norris passano ai box. Il cambio gomme del pilota della Mercedes non è perfetto, ma Hamilton rientra in gara davanti a Verstappen. L'olandese attacca, alla prima variante, il britannico. Le due vetture vanno alla collisione: la Red Bull si impenna su un cordolo e finisce sopra la Mercedes; entrambe le vetture finiscono nella ghiaia, e sono costrette al ritiro. Per poter rendere la pista sicura la direzione di gara invia in pista la vettura di sicurezza. Per Hamilton si tratta del primo ritiro per incidente dal Gran Premio di Spagna 2016, nonché della prima battuta d'arresto dal Gran Premio d'Austria 2018.

Charles Leclerc e Sainz Jr. approfittano della situazione per andare ai box a cambiare le gomme. Il monegasco rientra in gara secondo, alle spalle di Ricciardo. Seguono, nell'ordine, Norris, Pérez, Sainz Jr. e Bottas. Alla ripartenza della gara Leclerc cede subito la seconda posizione a Norris. Poco dopo il ferrarista, pur dopo un bel duello, è costretto a cedere anche a Pérez. Il messicano, però, non ha ceduto la posizione, avendo tagliato la Variante della Roggia per passare Leclerc. Nel frattempo il monegasco cede anche a Bottas. La direzione di gara sanziona Pérez con cinque secondi di penalità.

Le due McLaren si trovano al comando, seguite dal penalizzato Pérez, poi Bottas e il duo della Ferrari. Bottas si avvicina a Pérez, che a causa della penalizzazione è di fatto alle sue spalle, ma non ha lo spunto sufficiente per il sorpasso in pista. Il finlandese attacca alla Variante della Roggia, ma viene ripassato dal messicano. La lotta fra i due sembra poter rimettere in gioco per il podio anche Leclerc, che però non riesce ad avvicinarsi. A pochi giri dal termine si ritira Nikita Mazepin, parcheggiando la sua monoposto alla Variante Ascari. Viene ancora deciso il regime di virtual safety car, il quale però ha breve durata.

Ricciardo vince, per l'ottava volta, una gara valida per il campionato mondiale. Per l'australiano è il primo successo dal Gran Premio di Monaco 2018, alla guida della Red Bull, mentre la McLaren non si imponeva dal Gran Premio del Brasile 2012 con Jenson Button. Grazie al secondo posto di Norris, il team di Woking fa segnare la sua prima doppietta dal Gran Premio del Canada 2010. La McLaren diventa anche il primo costruttore a cogliere una doppietta in stagione. Completa il podio Bottas, partito diciannovesimo. Era dal Gran Premio d'Australia 2014 che due McLaren e una Mercedes non si classificavano fra i primi tre, mentre l'ultimo podio con tre vetture motorizzate Mercedes risaliva al Gran Premio del Messico 2015.[61]

Sono stati tre i tempi cancellati ai piloti per non aver percorso correttamente la curva 5 (Variante della Roggia), utilizzando la via di fuga esterna, e sette i tempi cancellati per aver oltrepassato i limiti alla curva 11 (curva Alboreto), durante la gara. Nel primo caso si sono visti cancellare il tempo Nikita Mazepin, Sergio Pérez e Mick Schumacher;[62] nel secondo caso si sono visti cancellare il tempo Lando Norris e Fernando Alonso (due volte), Daniel Ricciardo, Sebastian Vettel e George Russell (una volta).[63]

RisultatiModifica

I risultati del Gran Premio[64] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 3   Daniel Ricciardo   McLaren-Mercedes 53 1h21'54"365 2 26
2 4   Lando Norris   McLaren-Mercedes 53 +1"747 3 18
3 77   Valtteri Bottas   Mercedes 53 +4"921 19 15
4 16   Charles Leclerc   Ferrari 53 +7"309 5 12
5 11   Sergio Pérez   Red Bull Racing-Honda 53 +8"723[65] 8 10
6 55   Carlos Sainz Jr.   Ferrari 53 +10"535 6 8
7 18   Lance Stroll   Aston Martin-Mercedes 53 +15"804 9 6
8 14   Fernando Alonso   Alpine-Renault 53 +17"201 10 4
9 63   George Russell   Williams-Mercedes 53 +19"742 14 2
10 31   Esteban Ocon   Alpine-Renault 53 +20"868 12 1
11 6   Nicholas Latifi   Williams-Mercedes 53 +23"743 13
12 5   Sebastian Vettel   Aston Martin-Mercedes 53 +24"621 11
13 99   Antonio Giovinazzi   Alfa Romeo Racing-Ferrari 53 +27"216 7
14 88   Robert Kubica   Alfa Romeo Racing-Ferrari 53 +29"769 17
15 47   Mick Schumacher   Haas-Ferrari 53 +51"088 18
Rit 9   Nikita Mazepin[54]   Haas-Ferrari 41 Power unit 16
Rit 44   Lewis Hamilton   Mercedes 25 Collisione con M. Verstappen 4
Rit 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 25 Collisione con L. Hamilton 1
Rit 10   Pierre Gasly   AlphaTauri-Honda 3 Sospensione PL
NP 22   Yuki Tsunoda   AlphaTauri-Honda 0 Freni[66]

Daniel Ricciardo riceve un punto addizionale per aver segnato il giro più veloce della gara.

Classifiche mondialiModifica

Decisioni della FIAModifica

Al termine della gara, Max Verstappen, Lewis Hamilton e Lance Stroll vengono convocati dai commissari sportivi: i primi due per l'incidente alla seconda curva, mentre il terzo per non aver rispettato il regime di doppie bandiere gialle.[67][68][69] Verstappen viene penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza e di due punti sulla superlicenza del successivo Gran Premio di Russia,[70] mentre Stroll riceve un avvertimento.[71]

NoteModifica

  1. ^ Max Verstappen, classificato in seconda posizione nella Qualifica Sprint, è il pilota a cui è stata attribuita la pole position del Gran Premio a differenza di Valtteri Bottas, il quale è risultato il pilota più rapido nelle tradizionali qualifiche, vincitore della Qualifica Sprint, ma retrocesso sulla griglia di partenza a causa della sostituzione di diverse componenti della power unit, cfr. (EN) Jonny Reynolds, F1 Sprint – True or False? Separate the fact from the fiction about F1’s new format in this handy guide, su formula1.com, 13 luglio 2021. URL consultato il 16 luglio 2021. (EN) Verstappen set for pole position for Italian Grand Prix as penalty-hit Bottas wins Monza Sprint, su formula1.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  2. ^ (EN) Offence - Car 11 - leaving the track and gaining an advantage (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  3. ^ Marco Belloro, Ufficiale: Bottas in Alfa Romeo nel 2022, su formulapassion.it, 6 settembre 2021. URL consultato il 6 settembre 2021.
  4. ^ Valerio Barretta, Hamilton-Bottas a forza 100, su formulapassion.it, 6 settembre 2021. URL consultato il 6 settembre 2021.
  5. ^ Marco Belloro, Ufficiale: AlphaTauri conferma Gasly e Tsunoda per il 2022, su formulapassion.it, 7 settembre 2021. URL consultato il 7 settembre 2021.
  6. ^ Marco Belloro, Ufficiale: Russell in Mercedes dal 2022, su formulapassion.it, 7 settembre 2021. URL consultato il 7 settembre 2021.
  7. ^ Stefano Ollanu, Ufficiale: Albon nuovo pilota Williams 2022, su formulapassion.it, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  8. ^ (EN) Jamie Woodhouse, Official: Brazil final sprint qualifying venue for 2021, su planetf1.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  9. ^ Marco Belloro, Nel 2022 saranno obbligatorie sessioni di prove libere riservate ai giovani, su formulapassion.it, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  10. ^ Giacomo Rauli, F1 2021: Pirelli svela le scelte di gomme per tutti e 23 i GP!, su it-motorsport.com, 19 febbraio 2021. URL consultato il 25 marzo 2021.
  11. ^ Pirelli presenta Monza: “Possibili diverse strategie”, su formulapassion.it, 6 settembre 2021. URL consultato il 6 settembre 2021.
  12. ^ (EN) Formula 1 Heineken Gran Premio D’italia 2021, su formula1.com. URL consultato il 6 settembre 2021.
  13. ^ Race Directors' Event Notes (PDF), su fia.com, 9 settembre 2021. URL consultato il 9 settembre 2021.
  14. ^ Race Directors' Event Notes Version 3 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  15. ^ (EN) DOC 8 - 2021 Italian Grand Prix - New PU elements for this Event (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  16. ^ Il Gran Premio d’Italia compie 100 anni, su formulapassion.it. URL consultato il 6 settembre 2021.
  17. ^ Gran Premio d’Italia: tutto pronto, ma previsti solo 15mila spettatori (il 30% olandesi), su mbnews.it, 7 settembre 2021. URL consultato il 7 settembre 2021.
  18. ^ (EN) 2021 FIA Formula One World Championship, su fia.com. URL consultato il 13 luglio 2021.
  19. ^ (EN) Formula 1 announces revised 22-race calendar for 2021, su formula1.com, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agoso 2021.
  20. ^ a b (EN) 2021 F1 calendar reshuffled, as Turkey drops off and extra Austria race added, su formula1.com, 14 maggio 2021. URL consultato il 14 maggio 2021.
  21. ^ Formula Uno, è subito bis: a Imola il 'Gran premio dell'Emilia-Romagna 2021, su Regione Emilia-Romagna. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  22. ^ Stefano Ollanu, Le criptovalute sbarcano in Formula 1, su formulapassion.it, 29 giugno 2021. URL consultato il 29 giugno 2021.
  23. ^ a b c d Ufficiale: Qualifica Sprint a Monza, su formulapassion.it, 22 luglio 2021. URL consultato il 22 luglio 2021.
  24. ^ (EN) Sprint Qualifying to debut at three Grands Prix in 2021 following unanimous agreement from teams, su formula1.com, 26 aprile 2021. URL consultato il 26 aprile 2021.
  25. ^ Monza: capienza al 50%, necessario il green pass, su formulapassion.it, 29 luglio 2021. URL consultato il 29 luglio 2021.
  26. ^ Stefano Ollanu, Effetto Verstappen su Monza: 30% dei biglietti acquistati dall’Olanda, su formulapassion.it, 7 settembre 2021. URL consultato il 7 settembre 2021.
  27. ^ Monza con pubblico, La Russa (ACM): “Emozionante”, su formulapassion.it, 20 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021.
  28. ^ Monza dedica la Parabolica a Michele Alboreto, su formulapassion.it, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  29. ^ Matteo Senatore, Ufficiale, niente Monza per Raikkonen: c’è Kubica, su formulapassion.it, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  30. ^ (EN) 2021 Italian Grand Prix – Event&Timing Information, su fia.com, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  31. ^ Franco Nugnes, F1, Monza, Libere 1: Hamilton si presenta, Ferrari staccata, su it.motorsport.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  32. ^ (EN) P1 deleted lap times turn 5 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  33. ^ (EN) P1 deleted lap times turn 11 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  34. ^ (EN) DOC 14 - 2021 Italian Grand Prix - New gearboxes for this Event (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  35. ^ Simone Peluso, Monza, Leclerc rimonta la power unit 1, su formulapassion.it, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  36. ^ (EN) Offence - Car 77 - PU element (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  37. ^ Franco Nugnes, F1, Monza, Libere 2: brutto crash di Sainz con la Ferrari!, su it.motorsport.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  38. ^ (EN) P2 deleted lap times turn 5 (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  39. ^ (EN) P2 deleted lap times turn 11 (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  40. ^ (EN) Offence - Car 9 - Pit lane speeding (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  41. ^ Sessione di prove libere del venerdì
  42. ^ Sessione di prove libere del sabato
  43. ^ a b Valtteri Bottas è costretto a partire dal fondo dello schieramento a causa della sostituzione di diverse componenti della power unit, cfr. (EN) Offence - Car 77 - PU elements (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021. (EN) Offence - Car 77 - PU element (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  44. ^ (FR) Emmanuel Touzot, Bottas sera 1er pour la Qualification Sprint à Monza mais pénalisé dimanche, su motorsport.nextgen-auto.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  45. ^ (EN) Qualifying deleted lap times turn 5 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  46. ^ (EN) Qualifying deleted lap times turn 11 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  47. ^ (EN) Summons - Car 9 - alleged impeding of car 99 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  48. ^ (EN) DOC 18 - 2021 Italian Grand Prix - Summons - Pit Lane Incident (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  49. ^ (EN) DOC 19 - 2021 Italian Grand Prix - Summons - Pit Lane Incident (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  50. ^ (EN) Decision - Car 9 - alleged impeding of car 88 (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  51. ^ (EN) Offence - Aston Martin - Pit lane incident (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  52. ^ (EN) Offence - Alpine - Pit lane incident (PDF), su fia.com, 10 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  53. ^ Sessione di qualifica
  54. ^ a b c Nikita Mazepin è un pilota russo, ma è costretto a correre da atleta neutrale usando la designazione RAF (Russian Automobile Federation) per rispettare le restrizioni imposte dal TAS di Losanna dopo la sentenza sul doping di Stato che ha coinvolto l'agenzia antidoping russa, cfr. Simone Peluso, Doping di Stato Russia: Mazepin correrà come atleta indipendente, su formulapassion.it, 6 febbraio 2021. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  55. ^ (FR) Emmanuel Touzot, Bottas gagne la Qualification Sprint, Verstappen partira en pole à Monza, su motorsport.nextgen-auto.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  56. ^ (EN) Sprint Qualifying deleted lap times turn 11 (PDF), su fia.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  57. ^ Risultati della Qualifica Sprint
  58. ^ Pierre Gasly penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione del cambio, cfr. (EN) Offence - Car 10 - Gearbox (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021. È costretto a partire dal fondo dello schieramento per la sostituzione di diverse componenti della power unit, cfr. (EN) Offence - Car 10 - PU Elements (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021. Parte dalla pit lane a causa della sostituzione del sistema del recupero dell'energia, cfr. (EN) Offence - Car 10 - ES change of specification (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  59. ^ Marco Belloro, Ferrari, rimontata la power unit ‘3’ a Leclerc, su formulapassion.it, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  60. ^ Simone Peluso, Gasly cambia power unit e parte dalla pit lane, su formulapassion.it, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  61. ^ Monza - La cronaca Clamorosa doppietta McLaren Incidente tra Hamilton e Verstappen, su italiaracing.net, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  62. ^ (EN) Race deleted lap times turn 5 (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  63. ^ (EN) Race deleted lap times turn 11 (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  64. ^ Risultati del Gran Premio
  65. ^ Sergio Pérez penalizzato di cinque secondi sul tempo di gara e di un punto sulla superlicenza per essere uscito fuori pista ed aver tratto un vantaggio. Il messicano, terzo all'arrivo, scala in quinta posizione, cfr. (EN) Offence - Car 11 - leaving the track and gaining an advantage (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  66. ^ Yuki Tsunoda, qualificatosi in quindicesima posizione, non prende parte alla gara a causa di un problema ai freni. La sua posizione sulla griglia di partenza è rimasta vuota, cfr. GP Italia 2021, Gara: Ricciardo-Norris, 1-2 McLaren, su formulapassion.it, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  67. ^ (EN) Summons - Car 33 - Incident with car 44 in turn 2 (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  68. ^ (EN) Summons - Car 44 - Incident with car 33 in turn 2 (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  69. ^ (EN) Summons - Car 18 - Alleged failure to slow for yellow flags (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  70. ^ (EN) Offence - Car 33 - Causing a collision (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  71. ^ (EN) Offence - Car 18 - Yellow flags (PDF), su fia.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2021
                                           
   

Edizione precedente:
2020
Gran Premio d'Italia Edizione successiva:
2022
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1