Lond Daer Enedh

Terre di Mezzo
(Reindirizzamento da Lond Daer)
Lond Daer Enedh
Altri nomiGrande Porto di Mezzo
Vinyalondë
Porto Nuovo
Lond Daer
Grande Porto
Tipoporto
Creazione
IdeatoreJohn Ronald Reuel Tolkien
Appare inIl Silmarillion
Caratteristiche immaginarie
FondatoreTar-Aldarion
PianetaArda
ContinenteTerra di Mezzo
StatoNúmenor, Arnor

Lond Daer Enedh (si trova anche nella forma Lond Daer Ened) cioè "Grande Porto di Mezzo" (in Sindarin), originariamente chiamato Vinyalondë (in Quenya "Nuovo Porto") è un grande porto di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Si trovava nell'Eriador, regione settentrionale della Terra di Mezzo, e fu fondato dai Númenóreani.

Lond Daer, col nome di Vinyalondë, venne fondata dal principe di Númenor Aldarion sull'estuario del fiume Gwathló ai primi anni della Seconda Era. Fu il primo insediamento dei Númenóreani nella Terra di Mezzo. Da qui la "Gilda dei Venturieri" di Aldarion cominciò a raccogliere il legname locale per l'industria navale di Númenor.

In pochi secoli la deforestazione delle zone circostanti dell'Enedwaith e del Minhiriath divenne preoccupante, provocando l'ira delle popolazioni indigene (gli antenati dei Dunlandiani), che cominciarono a combattere contro l'invasore, distruggendo più volte il porto e bruciando frequentemente i grandi depositi di legname.

Al tempo della Guerra tra gli Elfi e Sauron, a metà della Seconda Era, questo Porto Nuovo si era ampiamente sviluppato, a il suo nome nel frattempo era stato cambiato in Lond Daer, il Grande Porto. In effetti, esso era uno dei due punti di sbarco per le truppe Númenóreani nell'Eriador e venne usato per aiutare militarmente gli Elfi attorno al 1700 S.E..

Dopo la guerra i cantieri navali di Lond Daer si fermarono per carenza di legname, dovuta ai numerosi incendi che scoppiarono nell'Enedwaith e nel Minhiriath ad opera delle forze di Sauron. Visto che la produzione navale cessò completamente, l'importanza di Lond Daer venne severamente ridimensionata e la brama dei Númenóreani per nuovi porti si tradusse nella fondazione di nuovi attracchi più a sud: Pelargir e Umbar. Sulla scia di questi ultimi, Lond Daer fu ribattezzata Lond Daer Enedh, Grande Porto di Mezzo, essendo ora uno dei numerosi porti principali nella Terra di Mezzo. Nonostante ciò, Númenor mantenne attiva ancora per lungo tempo una rotta commerciale sul Gwathló, per lo meno fino alla città di Tharbad.

Dopo la Caduta di Númenor, Elendil fondò il reame di Arnor nelle terre a nord di Lond Daer Enedh, ma il porto non venne utilizzato e cadde in rovina. Il controllo di questa regione rimase a Tharbad. Le antiche rovine erano ancora visibili alla fine della Terza Era e presenti nelle mappe. Dopo il ritorno del Re divenne parte del Regno Riunito di Arnor e Gondor.

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien