Apri il menu principale

Sindaci di Roma

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoci principali: Roma, Storia di Roma.

Sindaco di Roma Capitale
Roma-Stemma.png
Virginia Raggi - Festival Economia 2016.jpg
StatoItalia Italia
OrganizzazioneGiunta Capitolina
In caricaVirginia Raggi (M5S)
da22 giugno 2016
Istituito1870
Eletto daCittadini di Roma
Ultima elezione5, 19 giugno 2016
Prossima elezione2021
Durata mandato5 anni
SedePalazzo Senatorio
IndirizzoPiazza del Campidoglio
Sito webwww.comune.roma.it
Veduta notturna di Piazza del Campidoglio e del Palazzo Senatorio, sede dell'Assemblea e della Giunta Capitolina di Roma Capitale.

Il sindaco di Roma è il vertice dell'amministrazione comunale della città a partire dal 1870, data del passaggio della città dallo Stato Pontificio al Regno d'Italia.

StoriaModifica

Stato Pontificio (fino al 1870)Modifica

Sotto lo Stato Pontificio, le cariche a governo della città hanno avuto configurazioni e poteri diversi nel corso del tempo[1]: i senatori (da cui prese il nome palazzo Senatorio in Campidoglio), i conservatori (che diedero il nome al palazzo dei Conservatori), i priori dei caporioni e i caporioni.

Nel corso del XIV e XV secolo la gestione della città si strutturò tra la Camera Capitolina, con funzioni principalmente amministrative, al cui vertice erano i conservatori e il priore dei caporioni, che costituivano insieme il "Magistrato Romano", e la Curia Capitolina, presieduta dal senatore, con funzioni esclusivamente giudiziarie[2]. Dal 1580 il senatore divenne di esclusiva nomina papale, con il conseguente svuotamento di gran parte delle sue competenze, e l'amministrazione civile della città fu sostanzialmente affidata al cardinale vicario, governatore di Roma e vice camerlengo.

Durante il periodo napoleonico, Roma fece parte dell'Impero francese dal 1809 al 1814, ed ebbe per la prima volta un sindaco, Luigi Braschi-Onesti[3][4]. Dopo questa parentesi vennero ripristinate le cariche tradizionali e l'ultimo senatore fu Francesco Cavalletti Rondinini, nominato nel 1865.

Regno d'Italia (1870-1946)Modifica

Con l'annessione di Roma al Regno d'Italia nel 1870 fu creata la carica di sindaco, inizialmente nominato con regio decreto tra i consiglieri comunali, e solo dal 1889 eletto dal consiglio comunale tra i suoi membri, anche se nei primi decenni fu spesso vacante e le sue competenze furono esercitate da assessori facenti funzione.

Nel 1925 il regime fascista abolì sindaco e consiglio comunale, sostituendoli con un governatore di Roma nominato con regio decreto su proposta del ministro dell'Interno previa deliberazione del Consiglio dei Ministri[5] (mentre tutti gli altri comuni erano governati da un podestà). La carica di sindaco fu ripristinata soltanto nel 1944, con la Liberazione di Roma.

Repubblica italiana (dal 1946)Modifica

Nel 1946 riprendono le elezioni comunali a Roma. Fino al 1993 il Sindaco era nominato dal consiglio comunale tra i suoi membri. Con la riforma della legge elettorale dei Comuni viene invece scelto per elezione diretta, originariamente per 4 anni, diventati poi 5 nel 2001.

Dal 2015 il Sindaco è investito anche, di diritto, della carica di sindaco metropolitano della città metropolitana di Roma Capitale[6].

Lista dei Sindaci di RomaModifica

1870-1946Modifica

Nome Mandato Partito Carica
Inizio Fine
Sindaci e facenti funzione (1870-1925)
Michelangelo Caetani 23 settembre 1870 30 settembre 1870 Indipendente Presidente della Giunta di Governo
Guido Orazio di Carpegna Falconieri Gabrielli[7] 30 settembre 1870 28 novembre 1870 Commissario provvisorio
Giuseppe Lunati[8] 29 novembre 1870 20 dicembre 1870 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
Filippo Andrea Doria Pamphili (n. 1813) 21 dicembre 1870 marzo 1871 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
Giovanni Angelini marzo 1871 aprile 1871 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
1 Francesco Rospigliosi Pallavicini 16 aprile 1871[9] 21 ottobre 1871[10] Indipendente Sindaco
Francesco Grispigni[11] 21 ottobre 1871 14 o 16 maggio 1872[12] Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
Giuseppe Troiani 14 o 16 maggio 1872[13] 31 maggio 1872 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
Pietro Venturi 31 maggio 1872 26 novembre 1872[14] Sinistra storica Assessore facente funzioni di sindaco
Luigi Pianciani 26 novembre 1872[15] 29 luglio 1873[16] Sinistra storica Assessore facente funzioni di sindaco
2 29 luglio 1873 5 agosto 1874[17] Sindaco
Pietro Venturi[18] 5 agosto 1874 14 gennaio 1875 Sinistra storica Assessore facente funzioni di sindaco
3 15 gennaio 1875 novembre 1877 Sindaco
Emanuele Ruspoli[19] 7 novembre 1877 18 giugno 1878 Destra storica Assessore facente funzioni di sindaco
4 18 giugno 1878 20 luglio 1880 Sindaco
Augusto Armellini[20] luglio 1880 ottobre 1881 Destra storica Assessore facente funzioni di sindaco
(2) Luigi Pianciani ottobre 1881 maggio 1882 Sinistra storica Sindaco
Leopoldo Torlonia[21] maggio 1882 7 maggio 1887 Destra storica Assessore facente funzioni di sindaco
5 7 maggio 1887 31 dicembre 1887 Sindaco
Alessandro Guiccioli[22] 1º gennaio 1888 24 ottobre 1888 Sinistra storica Assessore facente funzioni di sindaco
6 24 ottobre 1888 20 novembre 1889 Sindaco
7 Augusto Armellini[23] 28 novembre 1889 20 giugno 1890 Destra storica Sindaco
Camillo Finocchiaro Aprile giugno 1890 dicembre 1890 Commissario regio
8 Onorato Caetani[24] 29 dicembre 1890 14 novembre 1892 Destra storica Sindaco
(4) Emanuele Ruspoli[25] 14 novembre 1892 29 novembre 1899 Destra storica Sindaco
Enrico Galluppi 29 novembre 1899 dicembre 1899 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
9 Prospero Colonna di Paliano dicembre 1899 ottobre 1904 Destra storica Sindaco
Carlo Palomba[26] ottobre 1904 dicembre 1904 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
Enrico Cruciani Alibrandi[27] dicembre 1904 10 luglio 1905 Indipendente Assessore facente funzioni di sindaco
10 10 luglio 1905 10 luglio 1907 Sindaco
Cesare Salvarezza agosto 1907 novembre 1907 Commissario regio
11 Ernesto Nathan[28] 25 novembre 1907 novembre 1911 Partito Radicale Sindaco
novembre 1911 dicembre 1913
Fausto Aphel[29] 8 dicembre 1913 10 luglio 1914 Commissario regio
(9) Prospero Colonna di Paliano 6 luglio 1914[30] 8 giugno 1919[31] Partito Liberale Sindaco
12 Adolfo Apolloni[32] 8 giugno 1919[33] 25 novembre 1920 Partito Liberale Sindaco
13 Luigi Rava[34] 25 novembre 1920 23 maggio 1921 Partito Liberale Sindaco
14 Giannetto Valli[33] 23 maggio 1921 26 giugno 1922 Partito Liberale Sindaco
15 Filippo Cremonesi[35] 26 giugno 1922 2 marzo 1923 Indipendente Sindaco
2 marzo 1923 1º gennaio 1926 Commissario straordinario
Governatori (1926-1944)
1 Filippo Cremonesi 1º gennaio 1926 9 dicembre 1926 Partito Nazionale Fascista Governatore
2 Ludovico Spada Veralli Potenziani[36] 9 dicembre 1926 13 settembre 1928 Partito Nazionale Fascista Governatore
3 Francesco Boncompagni Ludovisi[37] 13 settembre 1928 23 gennaio 1935 Partito Nazionale Fascista Governatore
4 Giuseppe Bottai 23 gennaio 1935 15 novembre 1936 Partito Nazionale Fascista Governatore
5 Piero Colonna 15 novembre 1936 24 agosto 1939[38] Partito Nazionale Fascista Governatore
6 Giangiacomo Borghese[39] 30 agosto 1939 21 agosto 1943[40] Partito Nazionale Fascista Governatore
Riccardo Motta[41] 21 agosto 1943 5 gennaio 1944 Commissario straordinario
7 Giovanni Orgera 6 gennaio 1944 3 giugno 1944[42] Partito Fascista Repubblicano Governatore
Dopoguerra (1944-1946)
Roberto Bencivenga 4 giugno 1944 10 giugno 1944 Commissario governativo
16 Filippo Andrea Doria Pamphili (n. 1886) 10 giugno 1944 10 dicembre 1946 Indipendente Sindaco (nominato dagli alleati, d'intesa con il governo Bonomi)

1946-1993Modifica

Ritratto Nome Mandato Partito Coalizione[43] Elezioni
Inizio Fine
17   Salvatore Rebecchini 10 dicembre 1946 27 dicembre 1946 Democrazia Cristiana DC elezioni del 1946
Mario De Cesare 28 dicembre 1946 4 novembre 1947 Commissario prefettizio
(17)   Salvatore Rebecchini 5 novembre 1947 3 luglio 1952 Democrazia Cristiana Centrismo
(DC - PLI - UQ)
3 luglio 1952 2 luglio 1956 Centrismo
(DC - PLI - PRI - PSDI)
elezioni del 1952
18   Umberto Tupini 2 luglio 1956 27 dicembre 1957[44] Democrazia Cristiana Centrismo
(DC - PLI - PRI - PSDI)
elezioni del 1956
19   Urbano Cioccetti
[45]
10 gennaio 1958 19 dicembre 1960 Democrazia Cristiana Centrismo
(DC - PLI - PSDI)
19 dicembre 1960 11 luglio 1961[46] DC elezioni del 1960
Francesco Diana 11 luglio 1961 17 luglio 1962 Commissario prefettizio
20   Glauco Della Porta 17 luglio 1962 12 marzo 1964[47] Democrazia Cristiana Centro-sinistra "organico"
(DC - PSI - PSDI - PRI)
elezioni del 1962
21   Amerigo Petrucci 12 marzo 1964 28 luglio 1966 Democrazia Cristiana Centro-sinistra "organico"
(DC - PSI - PSDI - PRI)
28 luglio 1966 13 novembre 1967[48] elezioni del 1966
22   Rinaldo Santini 29 dicembre 1967 30 luglio 1969[49] Democrazia Cristiana Centro-sinistra "organico"
(DC - PSI - PSDI - PRI)
23   Clelio Darida 30 luglio 1969 7 agosto 1971 Democrazia Cristiana Centro-sinistra "organico"
(DC - PSI - PSDI)
7 agosto 1971 15 febbraio 1972[50] DC elezioni del 1971
17 marzo 1972 26 novembre 1974
26 novembre 1974 6 maggio 1976[51]
24   Giulio Carlo Argan 9 agosto 1976 25 settembre 1979 Sinistra Indipendente[52] PCI - PSI - PSDI elezioni del 1976
25   Luigi Petroselli 25 settembre 1979 17 settembre 1981 Partito Comunista Italiano PCI - PSI - PSDI
17 settembre 1981 7 ottobre 1981[53] elezioni del 1981
26   Ugo Vetere 15 ottobre 1981 29 luglio 1982 Partito Comunista Italiano PCI - PSI - PSDI - PRI
29 luglio 1982 30 luglio 1985[54]
27   Nicola Signorello 30 luglio 1985 29 settembre 1987 Democrazia Cristiana Pentapartito
(DC - PSI - PSDI - PRI - PLI)
elezioni del 1985
29 settembre 1987 6 agosto 1988[55]
28 Pietro Giubilo 6 agosto 1988 19 luglio 1989[56] Democrazia Cristiana Pentapartito
(DC - PSI - PSDI - PRI - PLI)
Angelo Barbato 20 luglio 1989 17 dicembre 1989 Commissario straordinario
29   Franco Carraro 18 dicembre 1989 27 luglio 1992[57] Partito Socialista Italiano Pentapartito
(DC - PSI - PSDI - PRI - PLI)
elezioni del 1989
27 luglio 1992 4 aprile 1993[58] Centro-sinistra "organico"
(DC - PSI - PSDI)
4 aprile 1993 20 aprile 1993 PSI - PSDI
Alessandro Voci 21 aprile 1993 8 novembre 1993 Commissario straordinario
Aldo Camporota 9 novembre 1993 4 dicembre 1993 Commissario straordinario

Dal 1993Modifica

Ritratto Nome Mandato Partito Coalizione Elezioni
Inizio Fine
30   Francesco Rutelli[59] 5 dicembre 1993[60] 16 novembre 1997 Federazione dei Verdi
I Democratici
Progressisti
(PDS - FdV - AD)
Elezione diretta del 1993
16 novembre 1997[61] 8 gennaio 2001[62] L'Ulivo
(PDS - PPI - FdV - PRC)
Elezione diretta del 1997
Enzo Mosino 9 gennaio 2001 27 maggio 2001 Commissario straordinario
31   Walter Veltroni[63] 28 maggio 2001[64] 29 maggio 2006 Democratici di Sinistra
Partito Democratico
L'Ulivo
(DS - DL - PRC - FdV)
Elezione diretta del 2001
29 maggio 2006[65] 13 febbraio 2008[66] L'Unione
(PD - PRC - FdV - IdV - RnP - PdCI)
Elezione diretta del 2006
Mario Morcone 14 febbraio 2008 28 aprile 2008 Commissario straordinario
32   Gianni Alemanno[67] 29 aprile 2008[68] 11 giugno 2013 Il Popolo della Libertà PdL - MpA - PRI - Civiche Elezione diretta del 2008
33   Ignazio Marino[69] 12 giugno 2013[70] 31 ottobre 2015[71] Partito Democratico PD - SEL[72] - CD - FdV - PSI - Civiche Elezione diretta del 2013
  Francesco Paolo Tronca 1º novembre 2015 22 giugno 2016 Commissario straordinario
34   Virginia Raggi[73] 22 giugno 2016[74] in carica Movimento 5 Stelle M5S Elezione diretta del 2016

Linea temporaleModifica

 

NoteModifica

  1. ^ Claudio De Dominicis, Membri del Senato della Roma pontificia. Senatori, Conservatori, Caporioni e loro Priori e Lista d'oro delle famiglie dirigenti (secc. X-XIX) (PDF), Roma, Fondazione Marco Besso, 2009 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2013).
  2. ^ archiviocapitolino.it, http://www.archiviocapitolino.it/patrimonio_archivi.php.
  3. ^ I FRANCESI IN CAMPIDOGLIO NASCE IL COMUNE DELL'ILLUMINISMO - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 28 maggio 2017.
  4. ^ BRASCHI ONESTI, Luigi in "Dizionario Biografico", su www.treccani.it. URL consultato il 28 maggio 2017.
  5. ^ Federica Fabbrizzi, Roma capitale ieri e oggi: l'esperienza del Governatorato fascista (PDF), su issirfa.cnr.it, 2011 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2015).
  6. ^ cittametropolitanaroma.gov.it, http://www.cittametropolitanaroma.gov.it/homepage/organi-istituzionali/il-sindaco-metropolitano/.
  7. ^ Sito del Senato della Repubblica
  8. ^ Sito del Senato della Repubblica
  9. ^ La nomina sul Corriere della Sera
  10. ^ Luigi Pianciani: Sindaco Di Roma di Livio Toschi, Ist. Editoriali e Poligrafici, 1997
  11. ^ La Civiltà Cattolica Anno Vigesimosecondo, pg 366
  12. ^ Vita italiana, Presidenza del consiglio dei ministri, Servizi informazioni e della proprietà ̉letteraria, 1970, pg 858
  13. ^ Vita italiana, Presidenza del consiglio dei ministri, Servizi informazioni e della propriet ̉letteraria, 1970, pg 858. *La data del 14, riportata anche da altre fonti, si sovrappone a quella di fine mandato del predecessore Grispigni, come attestato dallo stesso libro.
  14. ^ La Civiltà cattolica, Volume 4, pg 73. Dimissioni irrevocabili del Venturi, accettate dal Ministro dell'Interno.
  15. ^ La Civiltà cattolica, Volume 4, pg 73. Accettò la nomina a facente funzioni dopo che vi rinunziarono due Assessori prima di lui.
  16. ^ Cento anni di Roma Capitale, Giuseppe D'Arrigo F. Spinosi, 1970, pg. 232
  17. ^ Accettazioni delle dimissioni per Decreto del re, su La Civiltà Cattolica
  18. ^ La Civiltà Cattolica, vol. 3, pg 485.
  19. ^ Scheda di Ruspoli sul sito del Senato
  20. ^ I Sindaci di Roma, di Alberto Caracciolo.
  21. ^ Scheda di Leopolodo Torlonia sul sito del Senato
  22. ^ Scheda di Alessandro Guiccioli sul sito del Senato
  23. ^ Vita Italiana, Presidenza del Consiglio dei ministri, Servizio delle informazioni., 1970, pg. 860
  24. ^ Scheda di Onorato Caetani sul sito del Senato
  25. ^ Scheda di Ruspoli sul sito del Senato
  26. ^ Per una storia della nettezza urbana a Roma dal 1870 al 1960, Volume 1, Casa editrice C.E.L., 1997.
  27. ^ Enrico Cruciani Alibrandi sul sito del Senato
  28. ^ Storie di sindaci per la storia d'Italia, Cruciani Sante, Forlenza Rosario, Gaspari Oscar, Donzelli Editore, 2009
  29. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia numero 245 del 13 ottobre 1914
  30. ^ Risultati delle elezioni 1914
  31. ^ Cento anni di Roma Capitale, Giuseppe D'Arrigo, F. Spinosi, 1970
  32. ^ Scheda di Adolfo Apolloni sul Sito del Senato
  33. ^ a b Vita italiana, Volume 20, Presidenza del Consiglio dei ministri, Servizio delle informazioni, 1970, pg. 862.
  34. ^ Scheda di Luigi Rava sul sito del Senato della Repubblica
  35. ^ Scheda di Filippo Cremonesi sul sito del Senato della Repubblica
  36. ^ Scheda di Ludovico Spada Veralli Potenziani sul sito del Senato della Repubblica
  37. ^ Scheda di Francesco Boncompagni Ludovisi sul sito del Senato
  38. ^ Deceduto in carica
  39. ^ Giangiacomo Borghese su Mediateca Roma
  40. ^ Archivio Capitolino Archiviato il 12 ottobre 2016 in Internet Archive.
  41. ^ Scheda di Riccardo Motta sul sito del Senato
  42. ^ Il 3 giugno del 1944 su Cinquantamila.it
  43. ^ Emma Ansovini, ROMA - Enciclopedia Italiana - VII Appendice (2007), Treccani, 2007. URL consultato il 18 novembre 2014.
  44. ^ L'Assessore anziano Corrado Colasanti svolse le funzioni di Sindaco fino all'entrata in carica del successore (Cento anni a Roma: 1870-1970, Emma Amadel, Palombi, 1970)
  45. ^ Roma: dall'Unità ad oggi, Francesco Bartolini, Carocci, 2008
  46. ^ Si dimise il 29 aprile 1961
  47. ^ Si dimise il 5 marzo 1964
  48. ^ L'Assessore anziano Attico Tabacchi svolse le funzioni di Sindaco fino all'entrata in carica del successore
  49. ^ Si dimise il 6 maggio 1969
  50. ^ L'Assessore anziano Remo Fiorucci svolse le funzioni di Sindaco fino al ritorno in carica di Darida
  51. ^ L'Assessore anziano Giovanni Starita svolse le funzioni di Sindaco fino all'entrata in carica del successore
  52. ^ Eletto con il Partito Comunista Italiano
  53. ^ Deceduto in carica; l'Assessore anziano Pierluigi Severi svolse le funzioni di Sindaco fino all'entrata in carica del successore
  54. ^ Si dimise il 12 maggio 1985
  55. ^ Si dimise il 10 maggio 1988
  56. ^ Le dimissioni vennero presentate in marzo, ma poterono essere ratificate dal consiglio comunale solo in luglio
  57. ^ Si dimise il 10 giugno 1992
  58. ^ Si dimise il 3 febbraio 1993
  59. ^ Vicesindaco: Walter Tocci
  60. ^ Eletto il 5 dicembre 1993 contro Gianfranco Fini con il 53,1% al ballottaggio
  61. ^ Eletto il 16 novembre 1997 contro Pierluigi Borghini con il 57,4% al primo turno
  62. ^ Rassegnò le dimissioni perché candidato alla Presidenza del Consiglio per l'Ulivo
  63. ^ Vicesindaco: Enrico Gasbarra fino al 2003, poi Maria Pia Garavaglia
  64. ^ Eletto il 27 maggio 2001 contro Antonio Tajani con il 52,2% al ballottaggio
  65. ^ Eletto il 28 e 29 maggio 2006 contro Gianni Alemanno con il 61,4% al primo turno
  66. ^ Rassegnò le dimissioni perché candidato alla Presidenza del Consiglio per il PD
  67. ^ Vicesindaco: Mauro Cutrufo fino al 2011, poi Sveva Belviso
  68. ^ Eletto il 27 e 28 aprile 2008 contro Francesco Rutelli con il 53,7% al ballottaggio
  69. ^ Vicesindaco: Luigi Nieri fino al luglio 2015, poi Marco Causi
  70. ^ Eletto il 9 e 10 giugno 2013 contro Gianni Alemanno con il 63,9% al ballottaggio
  71. ^ Decaduto a seguito delle dimissioni di 26 membri dell'Assemblea Capitolina
  72. ^ SEL è rimasta in giunta fino al luglio 2015
  73. ^ Vicesindaco: Daniele Frongia fino a dicembre 2016, poi Luca Bergamo
  74. ^ Eletta il 19 giugno 2016 contro Roberto Giachetti con il 67,2% al ballottaggio

BibliografiaModifica

  • I sindaci di Roma, Alberto Caracciolo, Donzelli Editore, 1993

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma