Apri il menu principale

Strada statale 106 Jonica

strada statale italiana
Strada statale 106
Jonica
Strada Statale 106 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniPuglia Puglia
Basilicata Basilicata
Calabria Calabria
ProvinceTaranto Taranto
Matera Matera
Cosenza Cosenza
Crotone Crotone
Catanzaro Catanzaro
Reggio Calabria Reggio Calabria
Italia - mappa strada statale 106.svg
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioReggio di Calabria
FineSvincoli con la SS 7 e con il Porto di Taranto
Lunghezza491[1] km
Provvedimento di istituzioneLegge 17 maggio 1928, n. 1094
GestoreANAS
Percorso
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 90.svg

La strada statale 106 Jonica (SS 106) è una strada statale italiana che si estende per 491 km da Reggio Calabria a Taranto, percorrendo tutta la costa jonica di Calabria, Basilicata e parte di quella pugliese. Costituisce una direttrice di traffico di rilevanza nazionale ed è ricompresa nella Strada europea E90.

CaratteristicheModifica

Si tratta di un'arteria fondamentale per collegare la Calabria e la Puglia e l'A14 oltre che per il trasporto interno fra l'area della Sibaritide, il Crotonese, lo Ionio Catanzarese, la Locride e il versante sud-orientale dell'Aspromonte.

La tratta pugliese e lucana è stata ammodernata a due carreggiate con doppia corsia per senso di marcia e una sezione di 18,60 metri (tipo III della norma CNR 78/80) mentre la rimanente tratta calabrese sarà ammodernata in base alla normativa attualmente in vigore (D.M. 5/11/2001) con una sezione di 23 metri (strada extraurbana principale)[2].

StoriaModifica

La strada statale 106 venne istituita nel 1928 con il seguente percorso: "Reggio Calabria - Gerace - Punta di Stilo - Catanzaro Marina - Crotone - Innesto con la n. 108 presso Cariati - Innesto con la n. 19 presso Spezzano Albanese."[3]

In seguito venne prolungata verso nord fino a raggiungere Taranto. Il tratto da Cantinella al bivio di Spezzano Albanese, con l'innesto con la SS 19, fu riclassificato come SS 106bis, della lunghezza di 20 km.

DescrizioneModifica

Da Reggio Calabria a SibariModifica

Il tratto, salvo pochissime parti a doppia carreggiata, è caratterizzato da una sola corsia per senso di marcia, e presenta un tragitto caratterizzato dall'attraversamento di numerosi centri abitati sorti lungo la statale e delle numerose fiumare. Nel progetto di ammodernamento si è resa necessaria la previsione a monte dei centri abitati di una "statale parallela a scorrimento veloce" a 4 corsie con spartitraffico centrale, per separare il traffico locale da quello a lunga percorrenza o interregionale.[4] Diverse trasversali veloci collegano la strada statale 106 all'autostrada A2, che invece segue un itinerario ora interno ora lungo la costa tirrenica:

Tratto reggino (dal km 0 al km 132)Modifica

La strada originariamente aveva inizio nel centro di Reggio Calabria, mentre adesso si salda, attraverso l'ex strada statale 106 ter Jonica, con il raccordo autostradale 4, che costituisce la tangenziale reggina. Puntando verso sud attraversa i comuni di Motta San Giovanni, Montebello Ionico, Melito Porto Salvo, San Lorenzo, Condofuri, Bova Marina; risale poi verso nord, lungo la costa ionica attraverso Palizzi, Brancaleone. la località Canalello di Ferruzzano, Africo Nuovo, Bianco entrando così nella Locride, con i centri di Bovalino, Ardore, Sant'Ilario dello Ionio, Locri, Siderno, Marina di Gioiosa Ionica e Roccella Ionica. Tra Locri e Roccella Ionica è stata realizzata una variante di 24 chilometri, con le caratteristiche di strada extraurbana principale che, correndo a monte dei centri abitati attraversati dalla statale, costituisce un più veloce collegamento. La variante è classificata come strada statale 106 var/B Jonica ed è parte del progetto di costruzione di una nuova strada con caratteristiche semi autostradali lungo la costa ionica della Calabria. A Marina di Gioiosa Ionica ha origine una strada trasversale a scorrimento veloce, la strada statale 682 Jonio-Tirreno che valicando l'Appennino conduce fino allo svincolo di Rosarno dell'autostrada A2. Da Roccella Ionica la strada prosegue verso nord lungo la costa attraverso le località costiere dei comuni di Caulonia, Riace, Camini e Monasterace.

Tratto catanzarese (dal km 132 al km 218)Modifica

La strada statale 106 segue la costa verso Catanzaro attraversando i lidi di Guardavalle, Santa Caterina dello Ionio, Badolato, Isca sullo Ionio, Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, San Sostene, Davoli fino a Soverato. Soverato costituisce un importante snodo viario della Calabria centro-meridionale, innestandosi qui la strada statale 182 delle Serre Calabre per raggiungere Vibo Valentia, e la sua variante a scorrimento veloce, in completamento al 2018, la strada statale 713 Trasversale delle Serre. Da Soverato la strada raggiunge Montepaone Lido, la Costa degli Aranci di Montauro, Santa Maria del Mare Torrazzo di Stalettì, Squillace Lido, Roccelletta di Borgia, con il parco archeologico di Scolacium. Nei pressi di Squillace ha inizio una variante di circa 17 chilometri con caratteristiche di strada extraurbana principale, classificata come strada statale 106 var/A di Catanzaro Lido, parte del progetto di costruzione di una nuova strada con caratteristiche semi autostradali lungo la costa ionica della Calabria, che permette di scavalcare l'area urbana costiera di Catanzaro. Superato Catanzaro Lido la strada statale 106, sempre seguendo la linea di costa, attraversa le località di Marina di Simeri Crichi, Roccani, Sellia Marina, Borda di Sersale, Cropani Marina, Botricello e Marina di Belcastro, il ponte sul fiume Tacina segna il confine con la provincia di Crotone.

Tratto crotonese (dal km 218 al km 295)Modifica

Il percorso della strada statale 106 prosegue attraverso i territori di Cutro (frazione di Steccato e Marina di Cutro) e di Isola di Capo Rizzuto (frazioni di Le Castella e Sant'Anna), lambendo l'aeroporto di Crotone. In questo territorio il percorso originario della strada deviava verso le colline dell'interno per raggiungere l'abitato di Cutro. Tale strada fu ridenominata strada statale 106 vs, poi riclassificata come strada provinciale 63. La strada statale 106 entra poi nella periferia di Crotone, nel quartiere meridionale di Poggio Pudano e nelle aree commerciale e industriale, passando esternamente al centro urbano. Superato Crotone vi è l'intersezione con la strada statale 107 Silana Crotonese per la Sila e per Cosenza. Subito dopo un breve tratto a carreggiate separate precede le località di Marina di Strongoli, Torre Melissa e il popoloso centro di Cirò Marina seguito da Torretta di Crucoli nella zona di produzione del vino DOC di Cirò, e Melissa.

Tratto cosentino (dal km 295 al km 369)Modifica

La strada statale 106 attraversa poi i centri del Basso Ionio cosentino: Cariati Marina, Marina di Mandatoriccio, Pietrapaola, Calopezzati, Mirto Crosia. Nei pressi di Rossano, in località Amica, alla progressiva 330, la strada punta verso i primi rilievi dell'interno, mentre l'itinerario principale prosegue senza soluzione di continuità con la strada statale 106 radd Jonica che punta verso Sibari. La vecchia strada invece, non più gestita dall'ANAS, attraversa i popolosi centri Rossano, Corigliano Calabro e Corigliano Scalo. Lungo questo tratto della strada si innestano l'ex strada statale 106 bis Jonica per Spezzano Albanese e la strada statale 534 di Cammarata e degli Stombi, per lo svincolo di Sibari sull'autostrada A2. Poco oltre l'abitato di Sibari sulla strada statale 106 si innesta nuovamente la più veloce strada statale 106 radd.

Da Sibari a TarantoModifica

A differenza della prima parte dell'itinerario, la strada statale 106 da Sibari a Taranto svolge anche funzione di collegamento interregionale tra la Calabria e la Puglia e, più ampiamente, indirizzando il traffico proveniente dall'estremo sud e dalla Sicilia sulla direttrice adriatica, e viceversa. Se considerato unitariamente alle varianti di Montegiordano e di Nova Siri e con l'esclusione del residuo attraversamento dell'abitato di Marina di Roseto Capo Spulico, il tratto ha interamente caratteristiche di scorrimento veloce, ora a una carreggiata, ora a carreggiate separate, con classificazione di strada extraurbana principale.

Da Sibari a Montegiordano MarinaModifica

Da Sibari la strada statale 106 prosegue verso nord come strada a carreggiata unica dotata di svincoli a livelli sfalsati e collega i centri di Villapiana, Trebisacce, Amendolara, fino all'incrocio con la strada statale 481 della Valle del Ferro in località Colfari di Amendolara, e corre parallela alla sede storica della strada, ora classificata come strada provinciale 253. Poco oltre la strada entra nell'abitato di Roseto Capo Spulico, dove si può ammirare un tratto suggestivo della linea costiera jonica con un antico castello collocato su uno sperone roccioso e perfettamente visibile dalla statale. La strada poi prosegue come strada extraurbana principale fino a Montegiordano Marina.

Tabella percorsoModifica

 
Jonica
tratto Sibari-Montegiordano Marina
Tipo Indicazione ↓km↓ Provincia Strada europea
      Jonica 369,0 CS  
  Sibari
  ex SS 106
369,2
  Villapiana Scalo
  dell'Appennino meridionale
372,5
  Villapiana Lido
  per Villapiana
373,9
  Villapiana Lido
  per Villapiana
376,7
  Trebisacce sud 380,0
  Trebisacce centro 383,1
  Trebisacce nord 385,5
  Marina di Albidona 388,7
  Tarianni
  per Marina di Amendolara
391,3
  Marina di Amendolara
  per Amendolara
392,7
    della Valle del Ferro 395,6
  Borgata Marina 396,4
  Marina di Roseto Capo Spulico 395,6
  per Roseto Capo Spulico
  Castello di Roseto Capo Spulico
398,3
  viabilità complanare 399,5
  Inizio strada extraurbana principale 400,1
  viabilità complanare
(solo in direzione Reggio Calabria)
402,7
  Montegiordano Marina
(solo in direzione Taranto)
403,4
      Variante di Montegiordano

Da Montegiordano Marina a Marina di Nova SiriModifica

L'abitato di Montegiordano Marina viene superato da un'impegnativa variante in viadotto e galleria aperta nel 2011. Superato l'abitato la strada continua, sempre come extraurbana principale, in un tratto pianeggiante attraverso il territorio di Rocca Imperiale fino al confine con la Basilicata dove il primo centro, Marina di Nova Siri, viene superato da una variante che, nonostante sia diversamente classificata, mantiene la progressiva della strada principale.

Tabella percorsoModifica
 
Jonica
tratto Montegiordano Marina-Marina di Nova Siri
Tipo Indicazione ↓km↓ Provincia Strada europea
      Variante di Montegiordano 406,7 CS  
  Montegiordano Marina
(entrata in direzione Taranto, uscita in direzione Reggio Calabria)
  Rocca Imperiale Marina
  per Rocca Imperiale, Canna, Nocara
(entrata in direzione Reggio Calabria, uscita in direzione Taranto)
411,4
  Rocca Imperiale Marina
  per Rocca Imperiale, Canna, Nocara
(entrata in direzione Taranto, uscita in direzione Reggio Calabria)
412,5
      Variante di Nova Siri 414,1

Da Marina di Nova Siri a TarantoModifica

Da Marina di Nova Siri fino alle porte di Taranto la strada si sviluppa in un territorio pianeggiante, correndo abbastanza distante dalla linea di costa e mantenendo due carreggiate separate accompagnate spesso da un sistema di viabilità complanare. I principali svincoli immettono sulla strada statale 653 della Valle del Sinni, itinerario veloce della Basilicata meridionale e sulla strada statale 407 Basentana per Potenza, la strada statale 175 della Valle del Bradano per Matera. La strada serve tutti i centri costieri della Basilicata: Policoro, Scanzano Ionico (dove le carreggiate sono state, in parte, interrate sotto la città attraverso la galleria Scanzano, lunga 590 m), Metaponto. Entrata in Puglia, la statale 106 serve le località balneari dei comuni di Ginosa, Castellaneta, Palagiano prima di collegarsi con la strada statale 106 dir Jonica che la collega all'autostrada A14. La statale 106 entra poi nella periferia industriale di Taranto, collegandosi alla strada statale 7 via Appia per Massafra e Matera da un lato, e per Brindisi nella direzione opposta.

Tabella percorsoModifica
 
Jonica
tratto Marina di Nova Siri-Taranto
Tipo Indicazione ↓km↓ Provincia Strada europea
      Variante di Nova Siri 418,6 MT  
  Rotondella 418,8
  Centro ricerche E.N.E.A. 419,4
    della Valle del Sinni
  Zona artigianale
420,5
  Policoro sud
  Lido di Policoro
424,9
  Policoro
(eccetto uscita in direzione Taranto)
426,2
    di Fondo Valle d'Agri
  Zona artigianale
429,0
  Scanzano Jonico centro
SP per Montalbano Jonico
430,7
  Scanzano Jonico nord 432,3
  Terzo Cavone
SP per Montalbano Jonico
435,7
  Marconia
Pisticci
  Marina di Pisticci
439,3
  Borgo Casinello
(eccetto uscita in direzione Taranto)
441,1
  San Teodoro
  Marina di Pisticci
442,2
  Marconia
Pisticci
445,4
  Metaponto
    Basentana
  Lido di Metaponto
447,1
  Pantanello 448,5
  ex   della Valle del Bradano 450,1
    Tavole Palatine
(solo uscita in direzione Taranto)
452,0
    Tavole Palatine 452,5
  Contrada Pantano
  Marina di Ginosa
454,6 TA
  ex   di Ginosa
  Marina di Ginosa
457,9
    Riva dei Tessali 461,8
    Castellaneta Marina
  per Castellaneta
464,1
    Castellaneta Marina
  per Castellaneta
466,5
  Viabilità complanare
(solo in direzione Taranto)
468,5
  Viabilità complanare 470,8
    Pino di Lenne
  per Palagiano
473,9
    Chiatona 476,2
    Jonica 476,6
    Chiatona
  per Massafra
477,5
    Lido Azzurro ovest 483,0
    Lido Azzzurro est
  per SS 7
484,8
    Zona industriale di Taranto 486,0
    Porto commerciale di Taranto 488,0
    Polo petrolchimico di Taranto 489,2
      del Porto di Taranto 490,8
  Taranto 491,0 -

Strada statale 106 radd JonicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Strada statale 106 radd Jonica.

Strada statale 106 dir JonicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: strada statale 106 dir Jonica.

Strada statale 106 var Variante di MontegiordanoModifica

Strada statale 106 var
Variante di Monte Giordano
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Calabria
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioInnesto con la SS 106 al km 403+400
FineInnesto con la SS 106 al km 406+700
Lunghezza3,233 km
GestoreANAS

La strada statale 106 var "Variante di Monte Giordano" è una strada statale italiana.

StoriaModifica

La strada statale 106 var venne aperta al traffico il 28 febbraio 2011[senza fonte].

PercorsoModifica

La strada statale 106 var ha inizio sulla SS 106 al chilometro 403+400 e termina sulla stessa SS 106 al chilometro 406+700.

La strada, che ha la funzione di evitare l'attraversamento del centro abitato di Montegiordano Marina, ha una lunghezza di 3,233 chilometri ed è gestita dal Compartimento di Catanzaro.

Strada statale 106 var/A di Catanzaro LidoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: strada statale 106 var/A Variante di Catanzaro Lido.

Strada statale 106 var/B JonicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Strada statale 106 var/B Jonica.

Strada statale 106 var/C Variante di Nova SiriModifica

Strada statale 106 var/C
Variante di Nova Siri
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Basilicata
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioInnesto con la SS 106 (km 414+080) presso Nova Siri
FineInnesto con la SS 106 (km 419+300) presso Nova Siri
Lunghezza5,220 km
GestoreANAS

La strada statale 106 var/C "Variante di Nova Siri" è una strada statale italiana.

StoriaModifica

La strada statale 106 var/C venne aperta al traffico il 5 novembre 2014.[senza fonte]

PercorsoModifica

La strada statale 106 var/C ha inizio sulla SS 106 al chilometro 414+080 e termina sulla stessa SS 106 al chilometro 419+300.

La strada, che ha la funzione di evitare l'attraversamento del centro abitato di Nova Siri, ha una lunghezza di 5,220 chilometri ed è gestita dal Compartimento di Potenza.

Strada statale 106 var/D Variante di PalizziModifica

La variante, dall'estensione di 3,7 chilometri, è stata aperta al traffico il 23 luglio 2019 lungo la sola carreggiata di monte. [5] Essa consiste in due viadotti: Fiumara di Palizzi (280 m) e Simmero (164 m) e quattro gallerie: Palizzi Marina (440 m), Ambusena (153 m), Peristeri (983 m), S. Antonino (691 m).

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti