Swiss International Air Lines

compagnia aerea svizzera
Swiss International Air Lines
Logo
HB-JNJ@PEK (20200721091340).jpg
StatoSvizzera Svizzera
Forma societariaAktiengesellschaft
Fondazione31 marzo 2002 a Basilea
Sede principaleZurigo
GruppoLufthansa Group
ControllateEdelweiss Air
Persone chiaveThomas Klühr, CEO[1]
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato5.30 miliardi di CHF (2018)
Utile netto636 millioni di CHF (2018)
Dipendenti8.834[1] (2017)
Slogan«Our sign is a promise
Sito webwww.swiss.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATALX
Codice ICAOSWR
Indicativo di chiamataSWISS
COACH.AOC.1006
Primo volo31 maggio 2002
HubZurigo
Frequent flyerMiles & More
AlleanzaStar Alliance
Flotta91 (nel 2021)
Destinazioni102 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Swiss − Swiss International Air Lines è la principale compagnia aerea svizzera con sede a Zurigo, nata nel 2002 dal fallimento della compagnia di bandiera Swissair avvenuto nel 2001, tramite una fusione di parte della flotta e del personale Swissair con la compagnia regionale svizzera Crossair. Dal 2005 la Swiss è stata integrata nel gruppo Lufthansa. Effettua servizi di trasporto passeggeri e merci verso destinazioni nazionali, internazionali e intercontinentali. I suoi hub principali sono l'aeroporto di Zurigo e, in misura minore, quello di Ginevra-Cointrin e di Sion.

Logo utilizzato dal 2002 al 2011
La sede della Swiss International Air Lines
Gli interni degli Airbus A330-300 di Swiss International Air Lines

La compagnia aerea è inoltre una delle più quotate al mondo per la sua comodità di viaggio e per la sua puntualità.

StoriaModifica

Gli iniziModifica

La compagnia aerea è stata costituita dopo il fallimento di Swissair, l'ex compagnia di bandiera della Svizzera, nel 2002. Crossair aveva il 40% delle sue entrate provenienti dalla defunta Swissair. Le perdite della nuova compagnia aerea ammontarono a 1,6 miliardi di dollari dalla partenza fino al 2005. I più grandi creditori di Swissair, Credit Suisse e UBS, vendettero una parte delle attività di Swissair a Crossair, la controparte regionale della internazionale Swissair. Al momento, sia Swissair e Crossair erano sotto la stessa holding, denominata SAirGroup. Crossair più tardi cambiò il suo nome in Swiss e la nuova compagnia aerea nazionale iniziò la sua attività ufficialmente il 31 marzo 2002. La compagnia era di proprietà prima di investitori istituzionali (61,3%), Confederazione svizzera (20,3%), Cantoni e Comuni (12,2%) e altri (6,2%). Swiss possiede anche società controllate Swiss Sun (100%) e Crossair Europa (99,9%). Ha un totale di 8 250 dipendenti.[2]

Secondo Marcel Biedermann, direttore generale mercati intercontinentali per Swiss, c'erano tre possibilità: rimanere indipendente come un vettore di nicchia, ridursi ad un livello irriconoscibile, o attaccarsi ad un altro gruppo aereo. L'ultima scelta è stata presa. Swiss ha parlato con Air France-KLM, British Airways, e Lufthansa. Tuttavia, Swiss è stata legata con un debito e un futuro incerto, e sembrava essere un investimento non attraente. Dopo la fusione con KLM, Air France ha dichiarato che erano troppo impegnati a trattare con Swiss per unirsi. British Airways era aperta, e i partner di Oneworld avevano pensato che Zurigo sarebbe stato un hub valido come alternativa per Londra Heathrow.

Dopo quasi un anno di controversie, Swiss è stata accettata nell'alleanza delle compagnie aeree Oneworld. Però l'ingresso di Swiss nell'alleanza è stato bloccato da British Airways, che compete con Swiss su molte rotte a lungo raggio. Il 3 giugno 2004, la Swiss ha annunciato la sua decisione di non aderire Oneworld perché non vogliono integrare il loro attuale programma frequent flyer con l'Executive Club di British Airways.

Il piano di recuperoModifica

La compagnia aerea annualmente dimezzò le perdite, e nel 2006 ha registrato un utile netto di $ 220 milioni. L'utile netto per il 2007 è stato di 570 milioni di dollari. Biedermann ha affermato nel numero di marzo 2008 della rivista "Airways", che "questo è l'inizio per mettere la casa in ordine." Ha detto che era necessario un aiuto e guardò in alto a Lufthansa come un confronto, quindi il loro incontro era naturale, anche con le loro differenze. Anche con una rete di collegamenti aerei ridimensionata, Swiss trasporta lo stesso numero di passeggeri che trasportò nel 2002.

Il 22 marzo 2005 Lufthansa Group ha confermato il suo piano per comprare Swiss, iniziando con una quota di minoranza (11%) di una nuova società creata per detenere azioni svizzere chiamata Air Trust. Le operazioni Swiss sono state progressivamente integrate con Lufthansa da fine 2005, e l'acquisizione è stata completata il 1º luglio 2007. Swiss ha aderito a Star Alliance divenendo inoltre un membro di Miles and More il 1º aprile 2006, programma frequent flyer del Gruppo Lufthansa.

La compagnia aerea ha istituito una filiale regionale denominata Swiss European Air Lines. Questa ha certificato il proprio operatore aereo. Le due divisioni operative indipendenti Swiss Aviation Training e Swiss WorldCargo (utilizzando la capacità ventre di aerei passeggeri) sono di proprietà di Swiss.

Nel 2008 Swiss International Air Lines ha acquisito Edelweiss Air[3][4] e Servair[5] (adesso Swiss Private Aviation). Dal febbraio 2011, Swiss Private Aviation ha cessato di operare a seguito di ricostruzione interna. La società consiglia Lufthansa Private Jet Service come successore.[6]

Nel 2007 Swiss ha ordinato 9 Airbus A330-300 al fine di sostituire gli attuali A330-200. L'A330-300 è più ecologico e dispone di posti a sedere in tre classi. Il primo jet A330-300 è stato messo in servizio da Zurigo a New York-JFK nel mese di aprile 2009. Nella primavera del 2010 Swiss operava cinque A330-300 per i voli a lungo raggio. I restanti quattro aeromobili A330-300 sono entrati in flotta nel 2011.

Acquisizione totale di LufthansaModifica

A seguito dell'acquisizione di Lufthansa Group, la flotta regionale è stata modificata, gli Embraer ERJ e Saab sono stati sostituiti dagli Avro RJ, che operano per una consociata interamente controllata, Swiss European Air Lines. Il resto della flotta, oltre ai jet regionali, ora è tutto Airbus.

La ristrutturazione della compagnia aerea ha però causato la rinegoziazione dei contratti con i fornitori dell'handling, della manutenzione e del catering..

Gli azionisti di Swiss hanno ricevuto un'opzione basata sui risultati delle loro azioni. Il pagamento avverrà nel 2008, e l'importo dipenderà da quanto bene le azioni di Lufthansa si confrontano con le azioni dei concorrenti. Lufthansa continua a mantenere Swiss come un marchio separato.

Gli anni 2010Modifica

Nel 2010, Swiss e Lufthansa sono stati Indagati dalla Commissione europea per sospetta creazione di un cartello dei prezzi nell'ambito del trasporto cargo senza tuttavia essere multate.[7]

Il 18 agosto 2011, Swiss ha annunciato un nuovo logo per la loro azienda, simile al logo della defunta Swissair.[8] Il nuovo logo porterà a critiche on-line.

Identità aziendaleModifica

Quartier generaleModifica

 
Gli uffici all'aeroporto di Basilea.

Swiss International Air Lines ha la sua sede operativa presso l'aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo vicino a Basilea, in Svizzera.[9] L'aeroporto franco-svizzero si trova sul territorio francese e ha accesso senza dogana alla Svizzera.[10] La sede centrale si trova nella sezione svizzera dell'aeroporto ed è accessibile solo dalla Svizzera.[11] Secondo il registro di commercio, la sede legale è nella stessa Basilea.

La sede principale di Swiss International Air Lines era in precedenza la sede di Crossair. Nel 2002 l'insegna "Crossair" sull'edificio è stata sostituita da "Swiss International Air Lines".[12] Nel 2004 gli uffici dell'area di Basilea ospitavano circa 1.000 dipendenti, mentre gli uffici dell'area di Zurigo ospitavano circa 850 dipendenti. Quando Swiss iniziò come azienda, circa 1.400-1.500 lavoravano negli uffici di Basilea.

SWISS gestisce anche uffici all'aeroporto di Zurigo a Kloten e all'aeroporto di Ginevra.[13]

SussidiarieModifica

Le seguenti compagnie fanno parte del gruppo Swiss International Air Lines[14]:

  • Edelweiss Air
  • Swiss AviationSoftware
  • Swiss Aviation Training
  • Swiss WorldCargo
  • SWISStours

Swiss WorldCargoModifica

Swiss World Cargo è la divisione cargo di Swiss. È stata costituita il 1º aprile 2002 ed ha la sua sede nell'edificio principale dell'aeroporto di Zurigo.[15]

In qualità di fornitore di servizi di trasporto aereo è specializzata nel trasporto di merci ad alto valore e cura intensiva di merci. La rete di Swiss World Cargo comprende più di 150 destinazioni in oltre 80 paesi, la maggior parte dei quali in Europa. La rete è completata da collegamenti camion.

Nel 2010 le quote di entrata di Swiss World Cargo erano circa il 11,5 per cento, che corrispondeva a un fatturato di 5.267 milioni di franchi svizzeri. La percentuale di carico (intercontinentale) è stato del 78 per cento.

DestinazioniModifica

Accordi commercialiModifica

A ottobre 2019 Swiss ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie[16]

A febbraio 2019 Swiss ha accordi di interline con le seguenti compagnie:[16]

FlottaModifica

Flotta attualeModifica

Ad agosto 2021 la flotta di Swiss International Air Lines è così composta[17]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F J Y Totale
Airbus A220-100 9 20 105 125
Airbus A220-300 21 30 115 145
Airbus A320-200 17 30 150 180
Airbus A320neo 3 14 30 150 180
Airbus A321-100 5 48 171 219
Airbus A321-200 3 48 171 219
Airbus A321neo 2 6 215 215
Airbus A330-300 14 8 45 183 236
Airbus A340-300 5 8 47 168 223
Boeing 777-300ER 12 8 62 270 340
Totale 91 20

Flotta storicaModifica

Swiss International Air Lines operava in precedenza con i seguenti aeromobili[17]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A319-100 8 2002 2020
Airbus A330-200 15 2002 2012
Avro RJ85 4 2002 2007
Avro RJ100 24 2002 2017
Embraer ERJ 145 25 2002 2007
McDonnell Douglas MD-11 18 2002 2005
McDonnell Douglas MD-82 1 2003 2005
McDonnell Douglas MD-83 10 2002 2005
Saab 2000 31 2002 2005

NoteModifica

  1. ^ a b (DE) https://www.swiss.com/corporate/en/company/about-us/facts-and-figures.
  2. ^ swiss.com, http://www.swiss.com/web/EN/about_swiss/company/Pages/facts_figures.aspx.
  3. ^ swiss.com, http://www.swiss.com/web/EN/about_swiss/media/press_releases/2008/Pages/pr_20080208.aspx.
  4. ^ swiss.com, http://www.swiss.com/web/EN/about_swiss/media/press_releases/2008/Pages/pr_20080417.aspx.
  5. ^ swiss.com, http://www.swiss.com/web/EN/about_swiss/media/press_releases/2008/Pages/pr_20080718.aspx.
  6. ^ swiss-private-aviation.com, http://www.swiss-private-aviation.com/en/index.html.
  7. ^ flightglobal.com, http://www.flightglobal.com/articles/2010/11/09/349520/eleven-airlines-fined-in-european-cargo-cartel-investigation.html.
  8. ^ swiss.com, http://www.swiss.com/web/EN/about_swiss/media/press_releases/Pages/pr_20110818.aspx?1317743663367&Country=CH.
  9. ^ (EN) Swiss contact us, su swiss.com.
  10. ^ (EN) FARNAIR Europe - Air Freight Cargo Passenger Airline, su web.archive.org, 27 maggio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2011).
  11. ^ (EN) Wayback Machine (PDF), su Swiss International Air Lines Basel, 25 luglio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  12. ^ (EN) INDUSTRY BRIEFS. - Airline Industry Information | HighBeam Research, su web.archive.org, 2 novembre 2012. URL consultato il 30 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2012).
  13. ^ (EN) Swiss company profile, su swiss.com.
  14. ^ (EN) About SWISStours | The Official SWISStours, su www.swisstours.com. URL consultato il 30 gennaio 2021.
  15. ^ (EN) Swiss WorldCargo - Swiss WorldCargo, su www.swissworldcargo.com. URL consultato il 30 gennaio 2021.
  16. ^ a b (EN) Fees for partner airlines | Obtain information online | SWISS, su www.swiss.com. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  17. ^ a b (EN) Swiss Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123128600 · LCCN (ENn2006036079 · GND (DE10099647-4 · WorldCat Identities (ENlccn-n2006036079