Lufthansa

compagnia aerea tedesca
(Reindirizzamento da Miles & More)
Lufthansa
Logo
D-ABYA Lufthansa B748 Brandenburg (44194206835).jpg
StatoGermania Germania
Forma societariaAktiengesellschaft
Borse valoriBorsa di Francoforte: Lufthansa LHA
ISINDE0008232125
Fondazione6 gennaio 1953 a Berlino
Sede principaleColonia
GruppoLufthansa Group
Controllate
Persone chiaveCarsten Spohr (chairman e CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato36,42 miliardi di (2019)
Dipendenti138.353 (2019)
Slogan«Say yes to the world
Sito webwww.lufthansa.com
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATALH
Codice ICAODLH
Indicativo di chiamataLUFTHANSA
Primo volo6 agosto 1954
Hub
Frequent flyerMiles & More
AlleanzaStar Alliance
Flotta267 (nel 2021)
Destinazioni220 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Deutsche Lufthansa AG, o più semplicemente Lufthansa, è la principale compagnia aerea tedesca e terza compagnia aerea del mondo (prima in Europa, seguita dalla compagnia di bandiera britannica British Airways) per passeggeri per chilometro trasportati nel 2014 secondo la IATA.

Lufthansa è parte e membro fondatore di Star Alliance, una delle più importanti alleanze globali tra compagnie aeree. Il Lufthansa Group, possiede una flotta di oltre 340 aerei e circa 117.000 persone in tutto il mondo[1], ha per hub principale l'Aeroporto di Francoforte sul Meno e per hub secondario l'aeroporto di Monaco di Baviera.

StoriaModifica

Dopoguerra e anni '50Modifica

 
Un Convair CV-340 nel 1954.

Lufthansa fa risalire le sue origini al 1926, quando la Deutsche Luft Hansa A.G. (designata come Deutsche Lufthansa dal 1933 in poi) si formò a Berlino.[2] DLH, come era nota, era la compagnia di bandiera della Germania fino al 1945 quando tutti i servizi furono terminati in seguito alla sconfitta della Germania nazista; era stato dimostrato che la Deutsche Luft Hansa faceva affidamento sull'uso del lavoro forzato e ospitava lavoratori forzati sul sito dell'aeroporto di Tempelhof.[3][4] Nel tentativo di creare una nuova compagnia aerea nazionale, la Aktiengesellschaft für Luftverkehrsbedarf (Luftag), venne fondata a Colonia il 6 gennaio 1953, con molti dei suoi dipendenti che avevano lavorato per la Lufthansa prebellica; questi includevano Kurt Weigelt, un nazista condannato per crimini di guerra che prestava servizio nel consiglio della nuova Lufthansa, e Kurt Knipfer, un membro del partito nazista dal 1929 che guidò Luft Hansa dal 1933 al 1945.[5][6]

Alla Germania Ovest non era stata ancora concessa la sovranità sul suo spazio aereo, quindi non si sapeva quando la nuova compagnia aerea sarebbe diventata operativa. Tuttavia, nel 1953, Luftag ordinò quattro Convair CV-340 e quattro Lockheed L-1049 Super Constellation e istituì una base di manutenzione all'aeroporto di Amburgo. Il 6 agosto 1954, Luftag acquisì il nome e il logo della liquidata Deutsche Lufthansa per DM 30.000 (equivalenti a € 38.000 oggi), continuando così la tradizione.

Il 1º aprile 1955 Lufthansa ottenne l'approvazione per avviare voli interni di linea, collegando Amburgo, Düsseldorf, Francoforte, Colonia e Monaco. I voli internazionali iniziarono il 15 maggio 1955 per Londra, Parigi e Madrid, seguiti dai voli per New York City dal 1º giugno di quell'anno e attraverso l'Atlantico meridionale dall'agosto 1956.[7] Nell'agosto 1958, quindici 1049G e 1649 di Lufthansa decollavano dalla Germania ogni settimana per il Canada e gli Stati Uniti, tre 1049G per il Sud America, tre per Teheran e uno per Baghdad. Parallelamente, la compagnia aerea avviò anche una campagna di marketing. Le sfide consistevano nell'incoraggiare i viaggiatori a considerare di visitare il paese sulla scia della seconda guerra mondiale, oltre a offrire servizi ad altre nazioni tramite l'hub dell'aeroporto di Francoforte. Più specificamente, gli sforzi di Lufthansa riflettevano lo sviluppo di una forma moderna di consumismo e pubblicità attraverso la vendita di viaggi aerei. Nel 1963, la compagnia aerea, inizialmente limitata nei suoi sforzi di pubbliche relazioni, era diventata un'importante immagine della Germania Ovest all'estero.

Lo status speciale di Berlino significava che Lufthansa non poté volare verso nessuna delle due parti di Berlino fino alla riunificazione tedesca nel 1990. Inizialmente si pensava fosse solo una questione temporanea (e con l'intenzione di spostare la sede della compagnia aerea e la base principale lì una volta che la situazione politica fosse cambiata ); la divisione tedesca si rivelò più lunga del previsto, il che portò gradualmente l'aeroporto di Francoforte a diventare l'hub principale di Lufthansa.

La Germania Est cercò di stabilire la sua compagnia aerea nel 1955 utilizzando il nome Lufthansa, ma questo provocò una controversia legale con la Germania Ovest, dove operava Lufthansa. La Germania dell'Est fondò quindi Interflug come sua compagnia aerea nazionale nel 1963, che coincise con la chiusura della Lufthansa della Germania dell'Est.

Anni '60: l'era dei jetModifica

 
Un Boeing 727-100 a Londra nel 1978.

Nel 1958 Lufthansa ordinò quattro Boeing 707 e iniziò i voli da Francoforte a New York City nel marzo 1960. Successivamente furono acquistati alcuni Boeing 720B. Nel febbraio 1961, le rotte dell'Estremo Oriente furono estese oltre Bangkok, Thailandia, fino a Hong Kong e Tokyo. Lagos, Nigeria, e Johannesburg, Sudafrica, furono aggiunte nel 1962.

Lufthansa introdusse i Boeing 727 nel 1964 e nel maggio dello stesso anno iniziò la rotta da Francoforte a Tokyo via Anchorage. Nel febbraio 1965 la società ordinò ventuno Boeing 737 che entrarono in servizio nel 1968. Lufthansa fu il primo cliente del Boeing 737 ed era uno dei quattro acquirenti dei 737-100 (gli altri erano la NASA, Malaysia-Singapore Airlines e Avianca). Lufthansa fu il primo cliente straniero di un aereo di linea della Boeing.

Anni '70 e '80: l'era dei wide bodyModifica

 
Lufthansa è stata uno dei clienti di lancio del Boeing 737.

L'era dei wide body per Lufthansa iniziò con il primo volo di un Boeing 747 il 26 aprile 1970. Fu seguita dall'introduzione del DC-10-30 il 12 novembre 1973 e del primo Airbus A300 nel 1976. Nel 1979 Lufthansa e Swissair divennero clienti di lancio per l'Airbus A310 con un ordine per venticinque aeromobili.

Il programma di modernizzazione della flotta della compagnia per gli anni novanta iniziò il 29 giugno 1985, con un ordine per quindici Airbus A320 e sette Airbus A300-600. Dieci Boeing 737-300 furono ordinati pochi giorni dopo. Tutti vennero consegnati tra il 1987 e il 1992. Lufthansa acquisì anche Airbus A321, Airbus A340 e Boeing 747-400.

Anni '90 e 2000: ulteriore espansioneModifica

Il 28 ottobre 1990, 25 giorni dopo la riunificazione, Berlino divenne di nuovo una destinazione di Lufthansa. Il 18 maggio 1997, Lufthansa, Air Canada, Scandinavian Airlines, Thai Airways International e United Airlines fondarono la Star Alliance, la prima alleanza multilaterale di compagnie aeree al mondo.

Nel 1999, Lufthansa partecipò all'iniziativa della German Business Foundation che affrontava azioni legali collettive contro le società tedesche per misfatti dell'era della seconda guerra mondiale, compreso l'uso del lavoro forzato, pagando, secondo quanto riferito, 10 milioni di marchi tedeschi.[8] Lo stesso anno, Lufthansa incaricò lo studioso Lutz Budrass di indagare sull'uso del lavoro forzato da parte della sua società predecessore, Deutsche Luft Hansa, durante la seconda guerra mondiale; la compagnia rifiutò di pubblicare lo studio risultante del Dr. Budrass per più di un decennio.[8]

Nel 2000, Air One divenne una compagnia aerea partner di Lufthansa e quasi tutti i voli della Air One venivano condivisi con Lufthansa fino all'acquisizione della compagnia italiana da parte di Alitalia. Mentre molte altre compagnie aeree avevano annunciato licenziamenti (in genere il 20% della loro forza lavoro), Lufthansa mantenne la sua forza lavoro anche dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

Il 6 dicembre 2001, Lufthansa ha annunciato un ordine per 15 Airbus A380 con altri 10 in opzioni, confermato poi il 20 dicembre. La flotta di A380 sarebbe stata utilizzata esclusivamente per voli a lungo raggio a partire da Francoforte.

Nel giugno 2003, Lufthansa aprì il Terminal 2 dell'aeroporto Franz Josef Strauß di Monaco per aiutare il suo hub principale, Francoforte, che soffriva di limitazioni di capacità. È uno dei primi terminal in Europa parzialmente di proprietà di una compagnia aerea.

Nell'autunno 2003, l'attuazione di una nuova strategia di vendita avviata dall'allora vicepresidente esecutivo in carica Thierry Antinori per adeguare l'azienda all'era digitale, portò all'abolizione del pagamento delle commissioni per le agenzie di viaggio. Questo portò a una rivoluzione nel settore dei viaggi tedesco con la scomparsa di molte agenzie di viaggio dal mercato da un lato e l'ascesa di nuove piattaforme di distribuzione digitale dall'altro.

Il 22 marzo 2005, Swiss International Air Lines venne acquistata dalla holding di Lufthansa. L'acquisizione includeva la clausola in base alla quale agli azionisti di maggioranza (il governo svizzero e le grandi società svizzere) sarebbe stato offerto un pagamento se il prezzo delle azioni di Lufthansa avesse sovraperformato un indice di una compagnia aerea negli anni successivi alla fusione. Le due società avrebbero continuato ad essere gestite separatamente.

Il 6 dicembre 2006, Lufthansa ha effettuato un ordine per 20 Boeing 747-8, diventando il cliente di lancio del modello passeggeri. La compagnia aerea è anche la seconda europea a gestire l'Airbus A380 (dopo Air France). Il primo A380 è stato consegnato il 19 maggio 2010, mentre il primo 747-8 è entrato in servizio nel 2012.[9]

Nel settembre 2008, Lufthansa Group ha annunciato l'intenzione di acquistare una partecipazione in Brussels Airlines (SN). Nel giugno 2009, la Commissione europea ha concesso l'approvazione e Lufthansa ha acquisito il 45% di SN.[10] Nel settembre 2016, Lufthansa ha annunciato che avrebbe acquistato il resto di Brussels Airlines per 2,6 milioni di euro.[11] La transazione è stata completata all'inizio di gennaio 2017.[12] La decisione è stata parzialmente presa dopo l'attentato all'aeroporto di Bruxelles del marzo 2016, che ha fatto perdere a SN quasi 5 milioni di euro al giorno fino al 3 aprile.

Nel settembre 2009, Lufthansa ha acquistato Austrian Airlines con l'approvazione della Commissione europea.[13]

L'11 giugno 2010 è iniziato il servizio tra Francoforte e Tokyo con gli A380.[14]

Anni 2010: crisi e ristrutturazioneModifica

 
I Boeing 747-8I e gli Airbus A380, insieme agli Airbus A350-900, costituiscono la colonna portante per i voli a lungo raggio della compagnia.

Dopo una perdita di 381 milioni di euro nel primo trimestre del 2010 e un'altra perdita di 13 milioni nel 2011 a causa della recessione economica e dei costi di ristrutturazione, Deutsche Lufthansa AG ha tagliato 3.500 posizioni amministrative o circa il 20% del totale impiegatizio di 16.800.[15] Nel 2012, Lufthansa ha annunciato un programma di ristrutturazione chiamato SCORE per migliorare il proprio profitto operativo. Come parte del piano di ristrutturazione, la compagnia ha iniziato a trasferire tutti i voli a corto raggio al di fuori dei suoi hub di Francoforte, Monaco e Düsseldorf alla compagnia aerea ribattezzata Germanwings.[16]

Nel settembre 2013, Lufthansa Group ha annunciato il suo ordine per 59 aeromobili a fusoliera larga per un valore di oltre 14 miliardi di euro a prezzi di listino. All'inizio dello stesso anno, Lufthansa ha effettuato un ordine per 100 velivoli a fusoliera stretta di nuova generazione.[17]

Il gruppo ha avuto una disputa con il sindacato Vereinigung Cockpit che richiedeva un programma in cui i piloti avrebbero potuto ritirarsi all'età di 55 anni, con il 60% della loro paga trattenuto, cosa che Lufthansa insisteva non fosse accessibile. I piloti della Lufthansa, insieme a quelli della Germanwings, organizzarono uno sciopero nazionale a sostegno delle loro richieste nell'aprile 2014 che durò tre giorni, e uno sciopero di sei ore alla fine delle vacanze estive nel settembre 2014, che causò la cancellazione di 200 voli della Lufthansa e 100 voli della Germanwings.[18]

Nel novembre 2014, Lufthansa ha firmato un accordo di outsourcing del valore di 1,25 miliardi di dollari con IBM che ha visto la società statunitense rilevare la divisione dei servizi di infrastruttura IT e il personale della compagnia aerea.[19]

Nel giugno 2015, Lufthansa ha annunciato l'intenzione di chiudere la sua piccola base a lungo raggio all'aeroporto di Düsseldorf per motivi economici entro ottobre 2015. All'epoca, la base era composta da due Airbus A340-300 che ruotavano tra Newark e Chicago. Di conseguenza, il servizio per Chicago da Düsseldorf è stato dapprima reso stagionale, sospeso per la stagione invernale 2015 e poi annullato del tutto.[20] La rotta Düsseldorf-Newark si è conclusa il 30 novembre 2018, operata con un Airbus A330-300.[21]

Il 22 marzo 2016 Lufthansa ha concluso le operazioni dei suoi Boeing 737-500.[22] L'ultimo Boeing 737 della compagnia aerea (un 737-300) è stato ritirato il 29 ottobre 2016, dopo un volo da Milano a Francoforte. Lufthansa ha operato il 737 in diverse varianti per quasi 50 anni; il primo aereo era stato consegnato il 27 dicembre 1967.[23]

Il 4 dicembre 2017, Lufthansa è diventata la prima compagnia aerea europea a ricevere la certificazione Skytrax a 5 stelle.[24] Come affermato da Skytrax, un fattore chiave nel rating positivo è stato l'annuncio di una nuova cabina e posti a sedere in Business Class che avrebbe dovuto essere introdotta nel 2020. Mentre questo fa di Lufthansa la decima compagnia aerea a detenere questo premio, in realtà la quinta stella è stata assegnata a un prodotto che avrebbe dovuto essere introdotto due anni dopo la valutazione. Per festeggiare, Lufthansa ha dipinto un Airbus A320 e un Boeing 747-8 nella livrea "5 Starhansa".[25]

Nel marzo 2018, Lufthansa e altre compagnie aeree come British Airways e American Airlines hanno accettato una richiesta da Pechino di inserire Taiwan come parte della Cina.[26]

Nel marzo 2019, Lufthansa ha ordinato 20 Boeing 787-9 e altri 20 Airbus A350-900 per la sostituzione e l'espansione della flotta propria e del gruppo. Inoltre, la compagnia aerea ha annunciato che rivenderà sei A380 ad Airbus, a partire dal 2022.

Anni 2020: pandemia e ripresaModifica

 
15 aerei della compagnia parcheggiati a Berlino a causa della cancellazione del 95% dei voli.

Il 19 marzo 2020, Lufthansa ha cancellato il 95% di tutti i voli a causa dei divieti di viaggio causati della pandemia di COVID-19.[27] Di conseguenza, la compagnia aerea ha subito perdite di un milione di euro l'ora fino ad aprile 2020. Sebbene Lufthansa abbia ridotto i costi per tutto il 2020, i continui rischi per la salute e le restrizioni di viaggio hanno comunque causato perdite orarie di circa 500.000 euro in media fino all'inizio del 2021.[28]

Il 14 maggio, Hans DeHaan di Lufthansa aveva dichiarato che la compagnia aerea avrebbe ripreso i voli tra Toronto e Francoforte a partire dal 3 giugno; tutti i viaggi internazionali non essenziali erano stati precedentemente vietati. Prima della pandemia, Lufthansa operava 64 voli settimanali tra i due paesi. I piani di recupero della compagnia prevedevano voli cargo ad alta densità per sostituire i clienti paganti. Le compagnie aeree del Lufthansa Group richiedono a tutti i passeggeri di indossare una mascherina mentre sono a bordo.[29]

Il 26 giugno, gli azionisti di Deutsche Lufthansa AG hanno votato a favore dell'accettazione delle misure di capitale e della partecipazione del Fondo di stabilizzazione economica (WSF) della Repubblica federale di Germania a Deutsche Lufthansa AG.[30] In totale, quell'estate Lufthansa ha ricevuto circa 9 miliardi di euro di assistenza governativa.[31]

Nel gennaio 2021, il CEO di Lufthansa Spohr ha annunciato che l'intera flotta di Airbus A340-600 attualmente in storage sarebbe stata ritirata con effetto immediato e non sarebbe più tornata in servizio.[32] Sempre a causa della pandemia, DLH ha deciso di ritirare la metà dei suoi A380, ovvero 7 dei 14 esemplari posseduti.[33]

Identità aziendaleModifica

ProprietàModifica

Lufthansa era un'impresa statale (e compagnia di bandiera) fino al 1994.[34] Le azioni di Deutsche Lufthansa AG sono quotate in tutte le borse tedesche dal 1966. Oltre al trading di base, vengono negoziate anche elettronicamente utilizzando il sistema Xetra. Alla fine del 2019, il registro degli azionisti mostrava che gli investitori tedeschi detenevano il 67,3% delle azioni (anno precedente: 72,1%). Il secondo gruppo più grande, con il 10,4%, era costituito da azionisti lussemburghesi. Gli investitori statunitensi rappresentavano l'8,1%, seguiti da Irlanda e Regno Unito, ciascuno con il 3,6%. Alla data del bilancio, il 58% delle azioni era detenuto da investitori istituzionali (anno precedente: 53%) e il 42% da privati (anno precedente: 47%). Lansdowne Partners International Ltd. e BlackRock, Inc. erano i maggiori azionisti del Gruppo Lufthansa a fine anno, con il 4,9% e il 3,1% rispettivamente.[35] Durante la crisi dovuta alla pandemia di COVID del 2020, Heinz Hermann Thiele ha aumentato la sua quota a oltre il 12%. Il flottante per le azioni Lufthansa è stato del 67% nel 2020, come da definizione della Deutsche Börse.

Salvataggio del governo tedescoModifica

Il governo tedesco ha offerto un salvataggio di 9 miliardi di euro per sostenere la compagnia aerea attraverso problemi economici indotti dalla pandemia di COVID-19. Con questo piano di salvataggio, la partecipazione del governo nella compagnia aerea è aumentata al 20%, diluendo le quote di azionisti esistenti.[36] Gli azionisti della compagnia hanno approvato il piano di salvataggio giovedì 26 giugno, offrendo alla compagnia aerea una nuova prospettiva di vita.[37]

Quartier generaleModifica

 
Il quartier generale di Lufthansa a Deutz, Colonia.

La sede aziendale di Lufthansa è a Colonia. Nel 1971, Lawrence Fellows del New York Times descrisse l'allora nuovo quartier generale che Lufthansa occupava a Colonia come "scintillante".[38] Nel 1986, i terroristi bombardarono l'edificio; nessuno rimase ferito.[39] Nel 2006, i muratori hanno posato la prima pietra della nuova sede Lufthansa a Deutz, Colonia. Entro la fine del 2007, Lufthansa prevedeva di trasferire 800 dipendenti, compreso il dipartimento finanziario dell'azienda, nel nuovo edificio.[40] Tuttavia, all'inizio del 2013, Lufthansa ha rivelato l'intenzione di trasferire la sua sede centrale da Colonia a Francoforte entro il 2017.[41]

Diversi reparti Lufthansa non si trovano nella sede centrale; invece si trovano nel Lufthansa Aviation Center dell'aeroporto di Francoforte. Questi dipartimenti includono Corporate Communications, Investor Relations e Media Relations.[42]

SussidiarieModifica

 
Il gruppo Lufthansa includendo le sussidiarie ed escludendo le compagnie cargo.
 
Il Lufthansa Aviation Center all'aeroporto di Francoforte.
 
L'hangar di Lufthansa Technik a Francoforte.
 
Pubblicità di Lufthansa su un tram a Lisbona.

Interamente controllateModifica

Parzialmente controllateModifica

Controllate in precedenzaModifica

Altre sussidiarieModifica

Oltre alle compagnie aeree sopra menzionate, Lufthansa mantiene altre controllate affiliate al trasporto aereo[43]:

  • Global Load Control, leader mondiale nei servizi di pesatura e bilanciamento a distanza.
  • LSG Sky Chefs, il più grande fornitore di servizi di catering per compagnie aeree del mondo, che rappresenta un terzo dei pasti delle compagnie aeree del mondo.
  • Lufthansa Consulting, una società di consulenza aeronautica internazionale per compagnie aeree, aeroporti e industrie correlate.
  • Lufthansa Flight Training, un fornitore di servizi di formazione per gli equipaggi di varie compagnie aeree e il principale braccio di addestramento per i piloti della compagnia.
  • Lufthansa Systems, il più grande provider IT europeo per l'aviazione.
  • Lufthansa Technik, fornitori di servizi di manutenzione per gli aeromobili.
  • Lufthansa City Center International, una rete di agenti di viaggio indipendenti affiliati a Lufthansa.
  • Lufthansa AirPlus Servicekarten GMBH, (AirPlus International) società di pagamento viaggi tramite UATP e Mastercard.

Storia del brandModifica

 
L'attuale livrea della compagnia su un Airbus A350-900.

Il logo di Lufthansa, una gru stilizzata in volo, venne creato nel 1918 da Otto Firle. Faceva parte della livrea della prima compagnia aerea tedesca, la Deutsche Luft-Reederei (abbreviata DLR), che iniziò i servizi il 5 febbraio 1919. Nel 1926, la Deutsche Luft Hansa adottò questo simbolo e nel 1954 Lufthansa espresse continuità adottandolo.

Si ritiene che il creatore originale del nome Lufthansa sia F.A. Fischer von Puturzyn. Nel 1925 pubblicò un libro intitolato "Luft-Hansa" che esaminava le opzioni a disposizione dei responsabili delle politiche aeronautiche in quel momento. Luft Hansa era il nome dato alla nuova compagnia aerea, risultato della fusione della Junkers (Luftverkehr AG) e Deutscher Aero Lloyd.[44]

Dopo la seconda guerra mondiale, l'azienda mantenne il blu e il giallo come colori principali e il logo della gru. Dall'inizio degli anni sessanta, Helvetica viene utilizzato per il nome dell'azienda sulla livrea, che in quegli anni presentava la metà superiore della fusoliera dipinta di bianco e la fusoliera inferiore (metà inferiore, compresi i motori) era in alluminio grigio/argento, sotto la fascia dei finestrini in blu e un muso dipinto di nero. Il logo della gru era dipinto di blu sui motori, sulla metà inferiore della fusoliera appena sotto i finestrini e su un cerchio giallo all'interno di una fascia blu sulla coda.

Il tedesco Otl Aicher creò un design aziendale completo per la compagnia aerea nel 1967. Il logo della gru era ora sempre visualizzato in un cerchio che, sulla livrea, era giallo su una coda altrimenti blu. Helvetica continuò a essere utilizzato come carattere tipografico principale sia per la livrea che per le pubblicazioni. La banda blu e lo schema di verniciatura generale del velivolo sono stati mantenuti dalla livrea precedente.

Il concetto di Aicher venne mantenuto nel progetto del 1988. La fascia dei finestrini venne rimossa e la fusoliera dipinta di grigio.

Nel 2018, Lufthansa ha rinnovato la propria livrea. La gru è stata mantenuta, tuttavia, lo sfondo è stato cambiato da giallo a blu scuro. Lo stabilizzatore verticale e la fusoliera posteriore sono dipinti in blu scuro, con il cono di coda bianco. La fusoliera principale è dipinta di bianco e il marchio "Lufthansa" è dipinto sopra i finestrini, anch'esso in blu scuro.

CabinaModifica

Prima classeModifica

 
La prima classe su un Boeing 747-8I, in un layout 1-2-1.

La prima classe è offerta sulla maggior parte degli aeromobili a lungo raggio (la parte anteriore del ponte superiore di tutti gli Airbus A380 e la parte anteriore del ponte principale di tutti i Boeing 747-8I). Ogni posto può essere convertito in un letto da 2 metri, include prese di corrente per laptop e strutture per l'intrattenimento. I pasti sono disponibili su richiesta. Lufthansa offre banchi per il check-in di prima classe dedicati nella maggior parte degli aeroporti e offre lounge dedicate a Francoforte e Monaco, nonché un terminal di prima classe a Francoforte. I passeggeri in arrivo hanno la possibilità di utilizzare le strutture di arrivo di prima classe di Lufthansa, nonché la nuova Welcome Lounge. Lufthansa ha introdotto un nuovo prodotto di prima classe a bordo dell'Airbus A380 e prevede di introdurlo gradualmente su tutti i suoi aerei a lungo raggio. Con il nuovo programma SCORE, introdotto per aumentare i profitti di 1,5 miliardi di euro negli anni successivi, LH ha interrotto l'espansione delle rotte e ridotto notevolmente le sue offerte di First Class sulla maggior parte delle rotte.[45]

Business classModifica

 
La business class su un Boeing 747-8I, in un layout 2-2-2.

La Business Class è offerta su tutti gli aeromobili. I sedili possono essere convertiti in letti reclinabili da 2 metri (6 piedi 7 pollici) e includono prese di corrente per laptop e strutture per l'intrattenimento.[46] Lufthansa offre banchi check-in Business Class dedicati in tutti gli aeroporti, nonché lounge Business Class dedicate nella maggior parte degli aeroporti, o lounge convenzionate in altri aeroporti, nonché la Lufthansa Welcome Lounge all'arrivo a Francoforte.[47] A partire dal 2014, la Business Class su tutti gli aeromobili a fusoliera larga è dotata di sedili reclinabili. Lufthansa ha rilasciato i piani per una nuova business class che verrà rilasciata sul Boeing 777-9X nel 2024.[48]

Premium economyModifica

 
L'economy class su un Boeing 747-8I, in un layout 3-4-3.

Introdotta nel 2014, la Premium Economy di Lufthansa è presente su tutti gli aeromobili a lungo raggio.[49] Simile nel design alle cabine Premium Economy di Air Canada o World Traveller Plus di British Airways, la Premium Economy presenta un passo di 38 pollici (970 mm) e una larghezza fino a 3 pollici (76 mm) in più rispetto alla classe economy, a seconda dell'aeromobile. I sedili sono inoltre dotati di uno schermo di intrattenimento personale sullo schienale da 11 o 12 pollici (280 o 300 mm) e di un bracciolo più grande che separa i sedili. Insieme alla prevista introduzione del Boeing 777-9X, la compagnia prevede di aggiungere una nuova cabina Premium Economy con un design "a guscio". Questi sedili verranno installati anche sui Boeing 777-300ER e sugli Airbus A340-300 di Swiss rispettivamente dal primo e dal secondo trimestre del 2021.[50]

EconomyModifica

La classe Economy di lungo raggio di Lufthansa è offerta su tutti gli aeromobili. Tutti i sedili hanno un passo di 31 pollici (790 mm) tranne gli Airbus A380, che hanno un passo di 33 pollici (840 mm). I passeggeri ricevono pasti e bevande gratuite. L'intera flotta offre schermi Audio-Video-On-Demand (AVOD).

ServiziModifica

Lounge e terminalModifica

 
Il terminal di prima classe dell'aeroporto di Francoforte.

Lufthansa gestisce quattro tipi di lounge all'interno della sua rete di destinazione: First Class, Senator, Business e Welcome Lounge. Ciascuna lounge di partenza è accessibile sia tramite classe di viaggio, sia tramite lo stato Miles & More/Star Alliance; la Welcome Lounge è riservata ai passeggeri premium del Gruppo Lufthansa e United Airlines.[51]

Lufthansa gestisce anche un terminal dedicato di prima classe all'aeroporto di Francoforte. Primo terminal del suo genere, l'accesso è limitato solo ai membri Lufthansa First Class in partenza. Circa 200 dipendenti si prendono cura di circa 300 passeggeri al giorno nel terminal, che dispone di un ristorante a servizio completo, bar completo, cigar lounge, sale relax e uffici, nonché bagni. Gli ospiti vengono portati direttamente al volo in partenza da Mercedes-Benz Classe S, Porsche Cayenne, Porsche Panamera o Mercedes-Benz Classe V.

Miles & MoreModifica

Miles & More è il programma frequent flyer del gruppo Lufthansa che premia i passeggeri più fedeli attribuendo un numero di punti/miglia per ogni viaggio effettuato con Adria Airways, Air Dolomiti, Air One (fino a marzo 2009), Austrian, Croatia Airlines, Polskie Linie Lotnicze LOT, Lufthansa, Lufthansa Private Jet, Lufthansa Regional, Swiss[52].

Si possono accumulare punti anche volando con i partner aerei di Star Alliance, con altri partner aerei (Aegean Airlines, Air Astana, Air India, Air Malta, Cimber Air, Cirrus Airlines, Condor, Ethiopian Airlines, Jat Airways, Luxair, Qatar Airways, TAM) e vari altri partner (alberghi, autonoleggi, telecomunicazioni, servizi finanziari, ed altri ancora), grazie ai quali – raggiunto un certo numero – si possono richiedere viaggi premio, usufruire di sconti e promozioni, accedere ai club esclusivi e godere di vantaggi e servizi.

DestinazioniModifica

Accordi commercialiModifica

A dicembre 2019 Lufthansa ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie:[53]

FlottaModifica

Flotta attualeModifica

Ad agosto 2021 la flotta di Lufthansa è così composta[54]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F J Y+ Y Totale
Airbus A319-100 23 24 114 138
Airbus A320-200 60 28 140 168
Airbus A320neo 30 54 28 152 180
Airbus A321-100 20 26 174 200
Airbus A321-200 43 26 174 200
Airbus A321neo 11 29 28 187 215
Airbus A330-300 14 42 28 185 255
Airbus A340-300 17 18 19 261 298 Principale operatore del modello.
Saranno sostituiti dagli A350 e B787.[55]
Airbus A340-600 5 8 44 32 213 297 Riattivati nel 2022.[56]
Airbus A350-900 17 26 48 21 224 293
Boeing 747-400 8 67 32 272 371 Saranno dismessi.[57]
Boeing 747-8I 19 8 80 32 244 364 Principale operatore del modello 8I.
Boeing 777-9X 20 TBA Consegne dal 2023.[58]
Boeing 787-9 20 TBA
Totale 267 149

Flotta storicaModifica

Lufthansa operava in precedenza con i seguenti aeromobili[54]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A300B2 6 1976 1984
Airbus A300B4 5 1980 1988
Airbus A300-600 15 1987 2010
Airbus A310-200 13 1983 1995
Airbus A310-300 12 1988 2005
Airbus A330-200 5 2002 2006
Airbus A340-200 8 1993 2003
Airbus A340-600 24 2003 2020
Airbus A380-800 14 2010 2020
Boeing 707-320B 18 1963 1984
Boeing 707-320C
Boeing 707-420 5 1960 1977
Boeing 720B 8 1961 1965
Boeing 727-100 27 1964 1979
Boeing 727-200 30 1971 1993
Boeing 737-100 22 1967 1984
Boeing 737-200 47 1969 1999
Boeing 737-300 46 1986 2016
Boeing 737-400 7 1992 1998
Boeing 737-500 33 1990 2016
Boeing 747-100 3 1970 1979
Boeing 747-200 26 1971 2004
Boeing 767-300ER 3 1994 2004
Convair CV-340/440 10 1955 1968
Curtiss C-46 Commando 9 1964 1969
Douglas DC-3 4 1955 1960
Douglas DC-4 1 1959 1959
Douglas DC-8 1 1965 1966
Fokker F27 1 1965 1966
Lockheed L-1049 Constellation 11 1955 1968
Lockheed L-1649 Starliner 6 1957 1966
McDonnell Douglas DC-10-30 12 1973 1996
Vickers Viking 2 1956 1961
Vickers Viscount 11 1958 1971

IncidentiModifica

  • L'11 gennaio 1959, il volo Lufthansa 502, un Lockheed Super Constellation, mentre operava la tratta tra il Senegal e il Brasile, si schiantò vicino alla spiaggia di Flecheiras, poco prima della pista. Tutti i 29 passeggeri e sette dei dieci membri dell'equipaggio rimasero uccisi. Fu il primo incidente mortale che coinvolse Lufthansa da quando si era formata nel 1955.[59]
  • Il 28 gennaio 1966, il volo Lufthansa 005, un Convair CV-440, subì uno stallo aerodinamico durante l'avvicinamento a Brema. Nell'incidente persero la vita tutti i 46 passeggeri. A bordo dell'aereo, partito da Francoforte, vi era una selezione della nazionale italiana di nuoto, accompagnata dallo staff tecnico e dal giornalista RAI Nico Sapio, diretta al meeting di Brema, uno dei più prestigiosi eventi della stagione.[60]
  • Tra il 22 e il 23 febbraio 1972, il volo Lufthansa 649, un Boeing 747-200B, venne dirottato da un gruppo palestinese. Alla fine, tutti gli ostaggi furono rilasciati quando il governo della Germania Ovest pagò un riscatto di 5 milioni di dollari.[61]
  • Il 29 ottobre 1972, il volo Lufthansa 615, un Boeing 727-100, venne dirottato da un gruppo palestinese allo scopo di richiedere la liberazione dei tre autori sopravvissuti del massacro di Monaco da una prigione della Germania Ovest.[62]
  •  
    Il D-ABYB, l'aereo distrutto nell'incidente del volo 540, è stato il secondo di 3 Boeing 747-100 consegnati a Lufthansa. Qui è visto durante un evento promozionale all'aeroporto di Norimberga nel 1970.
    Il 20 novembre 1974, il volo Lufthansa 540, un Boeing 747-100, precipitò e prese fuoco poco dopo il decollo dall'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi. Questo fu il primo incidente con vittime per famiglia dei Boeing 747. Persero la vita 59 dei 157 a bordo.[63]
  • Tra il 13 e il 18 ottobre 1977, il volo Lufthansa 181, un Boeing 737-200, venne dirottato da quattro membri del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina che formarono il "Commando Martyr Halima". L'obiettivo del dirottamento era di assicurare il rilascio dei leader della Rote Armee Fraktion, rinchiusi nelle carceri tedesche. Nelle prime ore del 18 ottobre, subito dopo la mezzanotte, il gruppo antiterrorismo della Germania Ovest, il GSG 9, sostenuto dalle forze armate somale, prese d'assalto l'aereo a Mogadiscio, in Somalia, che si concluse con il salvataggio di 90 passeggeri.[64]
  • Il 26 luglio 1979, il volo Lufthansa 527, un Boeing 707-330C operante un volo cargo, colpì una montagna poco dopo il decollo da Rio de Janeiro, in Brasile. Tutti i tre occupanti persero la vita.[65]
  • L'11 febbraio 1993, il volo Lufthansa 592, un Airbus A310-300, venne dirottato da Nebiu Demeke, un uomo etiope in cerca di asilo che costrinse il pilota a volare verso l'aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York City. L'aereo atterrò in sicurezza e l'uomo, armato, si arrese pacificamente e senza incidenti. Fu accusato di dirottamento aereo da un tribunale distrettuale degli Stati Uniti e condannato a 20 anni di reclusione.[66]
  • Il 14 settembre 1993, il volo Lufthansa 2904, un Airbus A320-200, uscì di pista durante l'atterraggio all'aeroporto di Varsavia-Chopin, provocando la morte di due occupanti. La causa principale dell'incidente furono le decisioni e le azioni errate dell'equipaggio. Alcune di queste furono prese dopo la ricezione delle informazioni meteorologiche relative ai wind shear, prodotti dal fronte sopra l'aeroporto, accompagnato da un'intensa variazione dei parametri del vento e da forti piogge sulla pista stessa.[67]
  • L'11 giugno 2018, un Airbus A340-300, marche D-AIFA, veniva rimorchiato all'aeroporto di Francoforte, in Germania, quando scoppiò un incendio nel veicolo che lo stava trainando. L'aereo subì danni sostanziali al muso e alla sezione della cabina di pilotaggio. Dieci membri del personale dell'aeroporto, composto da personale di terra e soccorritori, riportarono ferite lievi a causa dell'inalazione di fumo. L'A340, ormai danneggiato irreparabilmente, venne ritirato dal servizio.[68]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Lufthansa Company portrait, su konzern.lufthansa.com. URL consultato il 20 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2011).
  2. ^ (EN) Lufthansa Group, History, su Lufthansa Group. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Maria Theresia Starzmann, The Materiality of Forced Labor: An Archaeological Exploration of Punishment in Nazi Germany, in International Journal of Historical Archaeology, vol. 19, n. 3, 2015, pp. 647–663. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) FORCED LABOURERS, su thf-berlin.de.
  5. ^ (EN) Deutsche Welle (www.dw.com), Why Lufthansa reduces its Nazi past to a sidenote | DW | 14.03.2016, su DW.COM. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  6. ^ (DE) Tobias Rieger, Kurt Knipfer, su Beamte nationalsozialistischer Reichsministerien, 13 aprile 2020. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  7. ^ (DE) Luftfahrt, su web.archive.org, 26 ottobre 2011. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2011).
  8. ^ a b (EN) World War II: A Turbulent Legacy, su www.handelsblatt.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  9. ^ (EN) Another airline enters the "A380 era" as Lufthansa receives its initial 21st century flagship aircraft, su Airbus. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) HISTORY, su brusselsairlines.com.
  11. ^ (EN) Reuters Staff, Lufthansa board approves Brussels Airlines takeover, in Reuters, 28 settembre 2016. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  12. ^ (EN) Lufthansa acquires Brussels Airlines, to become part of Eurowings | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  13. ^ (EN) Green Light for Merger of Austrian Airlines and Lufthansa, su Breaking Travel News. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  14. ^ (EN) Lufthansa A380 flights to Tokyo, Beijing and Johannesburg now bookable - News & Releases - Lufthansa Group, su web.archive.org, 5 marzo 2016. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  15. ^ (EN) Lufthansa to Scrap 3,500 Administrative Posts After Loss, in Bloomberg.com, 3 maggio 2012. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  16. ^ (EN) Lufthansa on course with its SCORE programme - News & Releases - Lufthansa Group, su web.archive.org, 12 ottobre 2013. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2013).
  17. ^ (EN) Modern, quiet and environmentally efficient: Lufthansa Group orders 59 ultra-modern wide-body Boeing 777-9X and Airbus A350-900 aircraft - News & Releases - Lufthansa Group, su web.archive.org, 12 ottobre 2013. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2013).
  18. ^ (EN) Lufthansa pilots' strike causes cancellation of more than 200 flights, su Travel Trade. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  19. ^ (EN) Reuters Staff, Lufthansa signs $1.25 billion outsourcing deal with IBM, in Reuters, 18 novembre 2014. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  20. ^ (DE) Lufthansa löst Langstreckenbasis Düsseldorf auf, su aero.de, 29 giugno 2015. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  21. ^ (EN) Eurowings replaces Lufthansa Dusseldorf – Newark service from Dec 2018, su Routesonline. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  22. ^ (EN) Lufthansa ends B737-500 operations, su ch-aviation. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  23. ^ (EN) Lufthansa phases out last Boeing 737 after nearly 50 years | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  24. ^ (DE) Christoph Schlautmann, Skytrax-Auszeichnung: Lufthansa ergattert den fünften Stern, su www.wiwo.de. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  25. ^ (EN) Bruce Drum, 5 Starhansa, su World Airline News. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  26. ^ (EN) Taiwan News, German companies Lufthansa, Mercedes-Benz and Bosch kowtow to Beijing | Taiwan News | 2018/03/08, su Taiwan News. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  27. ^ (DE) DER SPIEGEL, Corona: "Wahrscheinlich kann die Zukunft der Luftfahrt ohne Staatshilfe-Hilfe nicht gewährleistet werden", su www.spiegel.de. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  28. ^ (EN) Lufthansa's Losses Have Now Dropped To €500,000 Per Hour, su Simple Flying, 22 gennaio 2021. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  29. ^ (EN) Lufthansa prepares to resume flights to Canada in June | CBC News, in CBC. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  30. ^ (EN) Newsdesk, Lufthansa shareholders pave way for stabilisation, su Global Cargo Insight, 29 giugno 2020. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  31. ^ (EN) Deutsche Welle (www.dw.com), Lufthansa and German govt confirm €9bn bailout | DW | 25.05.2020. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  32. ^ (EN) Lufthansa Doesn't Intend To Resume Airbus A340-600 Flights, su Simple Flying, 22 gennaio 2021. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  33. ^ (EN) Lufthansa confirms Airbus A380 retirement, to scrap some A340s, su www.aerotime.aero. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  34. ^ (DE) Der Weg zur Privatisierung der Lufthansa ist offen: Neue Freiheit | DIE ZEIT Archiv | Ausgabe 20/1994, su web.archive.org, 21 ottobre 2013. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  35. ^ (EN) Lufthansa Group Investor Relations, Financial reports, su Lufthansa Group Investor Relations. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  36. ^ (EN) Ilona Wissenbach, Edward Taylor, Lufthansa soars after top shareholder backs bailout, in Reuters, 25 giugno 2020. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  37. ^ Lufthansa shareholders back €9bn bailout package, su www.ft.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  38. ^ (EN) Lawrence Fellows Special to The New York Times, Germans Setting Own Office Hours (Published 1971), in The New York Times, 12 luglio 1971. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  39. ^ (EN) Ap, AROUND THE WORLD; Bomb Rips Offices Of Lufthansa in Cologne (Published 1986), in The New York Times, 29 ottobre 1986. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  40. ^ (DE) Grundsteinlegung für Lufthansa Hauptverwaltung in Köln, su web.archive.org, 4 giugno 2013. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013).
  41. ^ (EN) Lufthansa deepens cuts; to close head office in Cologne | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  42. ^ (EN) Lufthansa - Contact person, su web.archive.org, 20 marzo 2012. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2012).
  43. ^ (EN) Lufthansa annual report 2012 (PDF), su investor-relations.lufthansagroup.com.
  44. ^ (EN) Lufthansa - Chronicle, su web.archive.org, 10 ottobre 2009. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2009).
  45. ^ (EN) Lufthansa to Shrink First-Class Fleet Below British Airways, in Bloomberg.com, 21 febbraio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  46. ^ (EN) Brett Snyder, Photos: Inside Lufthansa's New Business Class, su Condé Nast Traveler. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  47. ^ (EN) Lufthansa unveils new fully-flat business class seat, su businesstraveller.com.
  48. ^ (EN) Julian Mark Kheel, Lufthansa's New Business Class Seats Look Incredibly Spacious, su The Points Guy. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  49. ^ (EN) World premiere: Lufthansa presents Premium Economy Class - News & Releases - Lufthansa Group, su web.archive.org, 7 marzo 2014. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  50. ^ (EN) Revealed: Lufthansa's New Premium Economy Seat, su One Mile at a Time, 25 giugno 2019. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  51. ^ (EN) Lounges, su lufthansa.com.
  52. ^ fonte: Miles & More Archiviato il 16 maggio 2008 in Internet Archive..
  53. ^ https://www.lufthansa.com/ee/en/lufthansa-group-star-alliance-and-partner-airlines, su www.lufthansa.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  54. ^ a b (EN) Lufthansa Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  55. ^ (NL) Neal Luitwieler, Lufthansa neemt vervroegd afscheid van deel A380-, A340- en 747-vloot, su Luchtvaartnieuws, 7 aprile 2020. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  56. ^ Marche D-AIHI, D-AIHP, D-AIHT, D-AIHU e D-AIHV.
  57. ^ (EN) Lufthansa Sending Boeing 747s To Retirement In Mojave Desert, su Simple Flying, 4 novembre 2020. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  58. ^ (EN) Boeing Cuts Firm 777X Orders By A Third, su Simple Flying, 2 febbraio 2021. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  59. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Lockheed L-1049G Super Constellation D-ALAK Rio de Janeiro-Galeão International Airport, RJ (GIG), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  60. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Convair CV-440-0 D-ACAT Bremen Airport (BRE), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  61. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 747-230B D-ABYD Aden, su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  62. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 727-30 D-ABIG Tripoli, su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  63. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 747-130 D-ABYB Nairobi International Airport (NBO), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  64. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 737-230C D-ABCE Mogadishu International Airport (MGQ), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  65. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 707-330C D-ABUY Rio de Janeiro-Galeão International Airport, RJ (GIG), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  66. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A310-304 D-AIDM New York-John F. Kennedy International Airport, NY (JFK), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  67. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A320-211 D-AIPN Warszawa-Okecie Airport (WAW), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  68. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A340-313 D-AIFA Frankfurt International Airport (FRA), su aviation-safety.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN159414337 · ISNI (EN0000 0001 2331 3040 · LCCN (ENn50005033 · GND (DE2007937-0 · WorldCat Identities (ENlccn-n50005033