Apri il menu principale

Atletica leggera ai Giochi della XXIX Olimpiade - 5000 metri piani maschili

Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
5000 metri piani maschili
Pechino 2008
Informazioni generali
Luogo Stadio Nazionale di Pechino
Periodo 20 agosto 2008
23 agosto 2008
Partecipanti 43 da 25 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Kenenisa Bekele Etiopia Etiopia
Medaglia d'argento Eliud Kipchoge Kenya Kenya
Medaglia di bronzo Edwin Cheruiyot Soi Kenya Kenya
Edizione precedente e successiva
Atene 2004 Londra 2012
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Pechino 2008
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
5000 m piani uomini donne
10000 m piani uomini donne
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini donne
3000 m siepi uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini donne
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini donne
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini donne
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

Ai Giochi della XXIX Olimpiade, tenutisi a Pechino nel 2008, la competizione dei 5000 metri piani maschili si è svolta il 20 e il 23 agosto presso lo Stadio nazionale di Pechino.

L'eccellenza mondialeModifica

Camp. olimpico 2004 13'14"39   Hicham El Guerrouj Rit. 2005
Primatista mondiale 12'37"35[E 1]   Kenenisa Bekele Presente
Camp. mondiale 2007 13'45"87   Bernard Lagat Presente
Primatista stag.le[E 2] 12'50"55   Moses N. Masai N. Qual.
  1. ^ Record stabilito nel 2004.
  2. ^ Alla data del 1º agosto 2008.

GaraModifica

Tutti i migliori passano il turno eliminatorio. Non si presenta alla partenza Rashid Ramzi, appagato per la vittoria nei 1500. È invece alla partenza Kenenisa Bekele, fresco vincitore dei 10000.

La finale parte a passo lento: il primo km è percorso in 2'45"49. Prendono il comando della corsa i tre etiopi, Bekele (Kenenisa e Tariku) e Cherkos. Ai 3000 metri (percorsi in 8'00"85) Kenenisa Bekele rompe gli indugi ed aumenta il ritmo perentoriamente. Percorre un giro in 59"9 e il seguente in 61"3. I due connazionali rimangono subito indietro; i kenioti Kipchoge e Soi li scavalcano e si pongono all'inseguimento del capolista.

Ai 4000 metri (percorsi in 10'32"52) il campione mondiale Bernard Lagat ha un netto cedimento (finirà la corsa con mezzo giro di distacco dal vincitore). Bekele corre il quarto km in un tempo proibitivo per molti: 2'31"67. Dietro di lui, i due keniani e l'ugandese Kipsiro, poi il vuoto. A due giri dalla fine i tre inseguitori hanno ancora qualche possibilità di raggiungere la testa della corsa, ma Soi e Kipsiro, terzo e quarto, all'ultimo giro rimangono indietro. Per Bekele rimane da fiaccare la resistenza del solo Kipchoge. Si produce in un allungo irresistibile che gli consente di compiere l'ultimo giro in 53"87, ben cinque secondi più veloce del keniota. Il distacco tra i due è ampio: 35 metri. Il vincitore ha percorso l'ultimo km in 2'25"30 ed ha demolito il record olimpico, battendolo di quasi otto secondi.

BatterieModifica

Si qualificano per la finale i primi 4 classificati di ogni batteria. Vengono ripescati i 3 migliori tempi degli esclusi.

1ª BatteriaModifica

Pos. Atleta Nazione Tempo Note
1 Matthew Tegenkamp   Stati Uniti d'America 13'37"36 Q
2 Eliud Kipchoge   Kenya 13'37"50 Q
3 Tariku Bekele   Etiopia 13'37"63 Q
4 Kidane Tadesse   Eritrea 13'37"72 Q
5 Aelemayehu Bezabeh   Spagna 13'37"88 q
6 Alistair Ian Cragg   Irlanda 13'38"57 q
7 Juan Luis Barrios   Messico 13'42”39 q
8 Anis Selmouni   Marocco 13'43”70
9 Aadam Ismaeel Khamis   Bahrein 13'44”76
10 Collis Birmingham   Australia 13'44”90
11 Geofrey Kusuro   Uganda 13'50”50
12 Sultan Khamis Zaman   Qatar 13'53”38
13 Takayuki Matsumiya   Giappone 14'20”24
14 Soe Min Thu   Birmania 15'50”56

2ª BatteriaModifica

Pos. Atleta Nazione Tempo Note
1 Edwin Cheruiyot Soi   Kenya 13'46”41 Q
2 Moses Ndiema Kipsiro   Uganda 13'46”58 Q
3 Abreham Cherkos   Etiopia 13'47”60 Q
4 Jesús España   Spagna 13'48”88 Q
5 Ali Abdalla   Eritrea 13'49”68
6 Mohammed Farah   Regno Unito 13'50”95
7 Adrian Blincoe   Nuova Zelanda 13'55”27
8 Mourad Marofit   Marocco 14'00”76
9 Ian Dobson   Stati Uniti d'America 14'05”47
10 Tonny Wamulwa   Zambia 14'06”96
11 Kevin Sullivan   Canada 14'09”16
12 Ali Saïdi-Sief   Algeria 14'15”00
13 Nader Al-Massri   Palestina 14'41”10
99  Rashid Ramzi   Bahrein NP

3ª BatteriaModifica

Pos. Atleta Nazione Tempo Note
1 Bernard Lagat   Stati Uniti d'America 13'39"70 Q
2 James Kwalia C'Kurui   Qatar 13'39"96 Q
3 Kenenisa Bekele   Etiopia 13'40"13 Q
4 Thomas Pkemei Longosiwa   Kenya 13'41"30 Q
5 Craig Mottram   Australia 13'44”39
6 Moukheld Al-Outaibi   Arabia Saudita 13'47”00
7 Kensuke Takezawa   Giappone 13'49”42  
8 Monder Rizki   Belgio 13'54”41
9 Alberto García   Spagna 13'58”20
10 Philippe Bandi   Svizzera 13'59”68
11 Abdelaziz Ennaji El Idrissi   Marocco 14'05”30
12 Abdinasir Said Ibrahim   Somalia 14'21”58
99  Selim Bayrak   Turchia NP
99  Hasan Mahboob   Bahrein NP
99  David Galván   Messico NP

Legenda: Q = Qualificato per le semifinali;
q = Ripescato per le semifinali;
RN = Record nazionale;
RP = Record personale;
NP = Non partito;
Rit. = Ritirato.

FinaleModifica

Sabato 23 agosto, ore 20:10. Stadio nazionale di Pechino.

Pos Paese Atleta Tempo Note
    Etiopia Kenenisa Bekele 12'57"82  
    Kenya Eliud Kipchoge 13'02"80
    Kenya Edwin Cheruiyot Soi 13'06"22  
4   Uganda Moses Ndiema Kipsiro 13'10"56
5   Etiopia Abreham Cherkos 13'16"46
6   Etiopia Tariku Bekele 13'19"06
7   Messico Juan Luis Barrios 13'19"79  
8   Qatar James Kwalia C'Kurui 13'23"48

Kenenisa Bekele realizza la doppietta 5000-10000 nella stessa Olimpiade. Il suo nome affianca quello di mezzofondisti che hanno fatto la storia della specialità, come Hannes Kolehmainen (1912), Emil Zátopek (1952), Vladimir Kuts (1956), Lasse Virén (1972 e 1976) e Miruts Yifter (1980).

Collegamenti esterniModifica