Giuseppe d'Asburgo-Lorena

politico austriaco
Giuseppe d'Asburgo-Lorena
József nádor Barabás Miklós.jpg
Arciduca Giuseppe, Palatino d'Ungheria ritratto da Miklós Barabás nel 1846
Palatino d'Ungheria
Stemma
In carica 1796 –
1847
Predecessore Alessandro Leopoldo d'Asburgo-Lorena
Successore Stefano Francesco Vittorio d'Asburgo-Lorena
Nome completo tedesco: Erzherzog Joseph Anton Johann Baptist von Österreich-Toscana
ungherese: Habsburg-Toscanai József Antal János főherceg, aka József nádor
ceco: Josef Habsbursko-Lotrinský
italiano: Giuseppe Antonio Giovanni Battista di Austria-Toscana
Altri titoli Arciduca d'Austria
Principe reale di Ungheria
Principe reale di Boemia
Principe reale di Toscana
Principe reale di Germania
Principe imperiale del S.R.I.
Nascita Firenze, Granducato di Toscana (oggi Italia), 9 marzo 1776
Morte Buda, Impero austriaco (oggi Austria), 13 gennaio 1847
Luogo di sepoltura Cripta Palatina, Castello di Buda
Casa reale Asburgo-Lorena
Padre Leopoldo II d'Asburgo-Lorena
Madre Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Coniugi Granduchessa Aleksandra Pavlovna di Russia
Principessa Erminia di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym
Duchessa Maria Dorotea di Württemberg
Figli Alessandrina
Erminia Amalia Maria
Stefano
Francesca Maria Elisabetta
Alessandro
Elisabetta Francesca
Giuseppe Carlo
Maria Enrichetta
Religione Cattolicesimo
Firma József nádor aláírás 1846.jpg

Giuseppe Antonio Giovanni Battista d'Asburgo-Lorena, arciduca d'Austria (Firenze, 9 marzo 1776Buda, 13 gennaio 1847), è stato Palatino d'Ungheria dal 1796 al 1847. Era il settimo figlio maschio di Leopoldo II, Imperatore del Sacro Romano Impero e dell'Infanta Maria Luisa di Spagna.

BiografiaModifica

Infanzia e giovinezzaModifica

Giuseppe era uno dei quindici figli di Leopoldo II, Imperatore del Sacro Romano Impero e dall'Infanta Maria Luisa di Spagna. Nacque a Firenze, dove suo padre era allora il Granduca di Toscana.

 
Giuseppe d'Austria intorno al 1788

Nel 1790, all'età di quattordici anni, suo padre successe al fratello Giuseppe e la famiglia si trasferì a Vienna. Nel 1792, nell'arco di tre mesi, perse entrambi i genitori e suo fratello maggiore Francesco successe al padre.

Conte PalatinoModifica

 
L'Arciduca Giuseppe, palatino d'Ungheria

Il 20 settembre 1795 venne nominato vicario imperiale, diventando Reggente d'Ungheria e Feldmaresciallo dell'esercito austro-ungarico. Per guadagnarsi il favore del popolo, il giovane Giuseppe imparò l'ungherese.

 
Giuseppe d'Asburgo-Lorena in una litografia

Nel 1796, alla morte del fratello Alessandro Leopoldo, gli subentrò come Reggente d'Ungheria e l'anno seguente divenne Conte Palatino.

 
Un ritratto del Conte Palatino custodito nel Museo nazionale ungherese

Durante la sua reggenza ci fu una crescita economica e culturale. Nel 1808 venne costruito il Museo nazionale ungherese. Contribuì a migliorare la sorte della cultura ungherese, facendo donazioni per le collezioni del Museo Nazionale e fondò la Biblioteca nazionale. Su sua iniziativa, nel parco del castello di Alcsútdoboz venne piantato un arboreto con più di 300 specie di piante, ancora oggi visitabile.

 
Veduta aerea dei resti del suo palazzo a Alcsútdoboz

Morì il 13 gennaio 1847, all'età di quasi 71 anni, a Buda, dove è ancora oggi sepolto, nella cripta del Palazzo Reale.

 
La József nádor tér in una fotografia d'epoca

In Ungheria è un personaggio molto popolare: il monumento in suo onore si trova al centro di Budapest, davanti al Ministero delle finanze, nella piazza che da lui prende nome (József nádor tér). Dopo la seconda guerra mondiale il castello di Alcsút venne saccheggiato e bruciato dai sovietici, e oggi non ne restano che rovine.

DiscendenzaModifica

 
La famiglia dell'Arciduca Giuseppe in una litografia 1889

L'Arciduca Giuseppe rimase due volte vedovo, ed entrambe le volte si risposò.

Primo MatrimonioModifica

In prime nozze, il 30 ottobre 1799 a San Pietroburgo, Giuseppe sposò la Granduchessa Aleksandra Pavlovna di Russia (1783-1801), sedicenne figlia di Paolo I di Russia. Due anni dopo, dalle nozze nacque una figlia, l'Arciduchessa Alessandrina (8 marzo 1801), che visse un solo giorno, e Aleksandra morì per le conseguenze del parto.

Secondo MatrimonioModifica

In seconde nozze, il 30 agosto 1815 a Schaumburg, Giuseppe sposò la principessa Erminia di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym (1797-1817), figlia del Principe Vittorio II. Erminia morì due anni dopo nel dare alla luce i loro due gemelli:

Terzo MatrimonioModifica

Rimasto vedovo una seconda volta, in terze nozze, il 24 agosto 1819 a Kirchheim unter Teck, Giuseppe sposò la duchessa Maria Dorotea di Württemberg (1797-1855): la sposa era figlia di Ludovico di Württemberg, a sua volta figlio del Duca Federico II Eugenio, e cugina della sua prima moglie, Aleksandra Romanova, poiché il di lei padre era fratello di Sofia Dorotea, moglie di Paolo I di Russia con il nome di Marija Fëdorovna. Giuseppe e Maria Dorotea ebbero cinque figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Leopoldo di Lorena Carlo V di Lorena  
 
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria  
Francesco I di Lorena  
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans Filippo I di Borbone-Orléans  
 
Elisabetta Carlotta del Palatinato  
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena  
Carlo VI d'Asburgo Leopoldo I d'Asburgo  
 
Eleonora del Palatinato-Neuburg  
Maria Teresa d'Austria  
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg  
 
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen  
Giuseppe Antonio Giovanni d'Asburgo-Lorena  
Filippo V di Spagna Luigi, il Gran Delfino  
 
Maria Anna di Baviera  
Carlo III di Spagna  
Elisabetta Farnese Odoardo II Farnese  
 
Dorotea Sofia di Neuburg  
Maria Ludovica di Borbone-Spagna  
Augusto III di Polonia Augusto II di Polonia  
 
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth  
Maria Amalia di Sassonia  
Maria Giuseppa d'Austria Giuseppe I d'Asburgo  
 
Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze austriacheModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
  Croce d'oro al merito civile del 1813/1814

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud
  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40173141 · ISNI (EN0000 0000 5490 1278 · LCCN (ENn91116693 · GND (DE118713132 · BNF (FRcb15612878q (data) · CERL cnp00586070 · WorldCat Identities (ENlccn-n91116693