Lorenzo Buffon

ex allenatore di calcio ed ex calciatore italiano

Lorenzo Buffon (Majano, 19 dicembre 1929) è un ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Lorenzo Buffon
Lorenzo Buffon and Edy Campagnoli.JPG
Buffon ed Edy Campagnoli nel 1958
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Termine carriera 1969 - giocatore
1978 - allenatore
Carriera
Giovanili
1940-1947Latisana
Squadre di club1
1948-1949Portogruarese34 (-30)
1949-1959Milan275 (-312)
1959-1960Genoa20 (-26)
1960-1963Inter79 (-69)
1963-1964Fiorentina1 (-2)
1964-1965Ivrea11 (-10)
1965-1969Martina?? (-??)
Nazionale
1951-1952Italia Italia U-216 (-5)
1953-1958Italia Italia B3 (-6)
1958-1962Italia Italia15 (-17)
Carriera da allenatore
1974-1977MonzaPortieri
1977-1978Sant'Angelo[1][2]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vincitore di cinque campionati di Serie A, è considerato uno dei migliori portieri nella storia del calcio italiano.[3][4] Insieme al portiere Lev Yashin, è stato scelto per rappresentare la squadra FIFA All-Star negli anni '60.

BiografiaModifica

È nato a Majano, in provincia di Udine. È cugino di secondo grado del nonno di Gianluigi Buffon,[5][6] nonché cugino di primo grado di Armando Buffon,[7] portiere attivo negli anni 1960 e 1970.[8] Anche suo padre Alessandro aveva giocato come portiere al Latisana e al Saint-Etienne[7] negli anni '30 e '40.

Nelle cronache sportive (e non) degli anni cinquanta è rimasta memorabile la sua rivalità con un altro quotato portiere della medesima epoca, Giorgio Ghezzi, soprattutto perché entrambi beniamini della piazza milanese.[9]

 
Matrimonio tra Buffon e Campagnoli nel 1958 nella chiesa di San Gottardo in Corte a Milano

Nel 1958 sposò Edy Campagnoli, la valletta televisiva[10] che affiancava Mike Bongiorno nella presentazione di Lascia o raddoppia?. Successivamente divorziarono.[5]

Vive a Latisana, dove ha continuato a rimanere in collegamento con il mondo del calcio, svolgendo il ruolo di selezionatore di talenti per il settore giovanile del Milan.[5][9]

Caratteristiche tecnicheModifica

Portiere noto principalmente per l'abilità tra i pali,[3] Buffon spiccava in tal senso grazie alla capacità di coniugare efficacia e spettacolarità negli interventi, mostrando altresì un buon senso del piazzamento.[11]Aveva mani prensili, era soprannominato Tenaglia. Nonostante la sua reputazione di portiere generalmente solido e di livello mondiale, è stato anche occasionalmente criticato nel corso della sua carriera per essere incoerente e per la sua mentalità, nonché per aver lasciato che la sua mentalità influisse a volte sulle sue prestazioni.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Cresciuto calcisticamente nel Latisana, nel 1948 venne chiamato dalla Portogruarese[12] in Promozione. Dopo quattro mesi di apprendistato da quarto portiere, scavalcò la concorrenza (Rossetti, Milanese e Bardelli), divenendo titolare inamovibile. Esordì in Serie A giovanissimo con il Milan contro la Sampdoria, vincendo 5-1, il 15 gennaio del 1950. Nel campionato 1949-1950 divenne presto titolare, conquistando l'anno seguente il suo primo titolo italiano, 44 anni dopo l'ultimo vinto dal Milan. Divenne così il portiere del grande Milan degli anni cinquanta, reso famoso dal trio Gre-No-Li. Affermatosi come pilastro della squadra,[11] conquistò anche gli scudetti nelle stagioni 1954-1955, 1956-1957 e 1958-1959, sebbene negli ultimi anni abbia giocato in maniera discontinua, alternandosi con il secondo portiere Narciso Soldan. L'ultima partita con il Milan la disputò il 16 settembre 1959 a Milano contro il Como in Coppa Italia, persa per 0-1.

 
Buffon (accosciato, secondo da sinistra) nella formazione del Milan vincitore della Coppa Latina 1956

Passato al Genoa nel 1959 con uno scambio con Giorgio Ghezzi, esordì contro l'Udinese l'8 novembre 1959 (2-2). Il Genoa concluse il campionato al 18º posto, retrocedendo in Serie B. Tornò a Milano, stavolta all'Inter, nella stagione 1960-61, dove restò per tre stagioni, disputando 79 incontri. A causa di frequenti infortuni muscolari fu spesso sostituito dal secondo portiere, l'anziano ma celebre Ottavio Bugatti. Il 3 marzo 1963, al termine della partita contro l'Atalanta, persa dai neroazzurri per 0-1, il presidente nerazzurro Moratti entrò nello spogliatoio e prese il comando della situazione, imponendo l'utilizzo di Ottavio Bugatti al posto di Buffon. Nonostante ciò ebbe modo di vincere nel 1963 un altro scudetto, aprendo di fatto il ciclo della Grande Inter.

Passò quindi alla Fiorentina, con Giuliano Sarti che compì il percorso inverso trasferendosi all'Inter. Chiuso dal giovane emergente Enrico Albertosi, disputò solamente l'ultima partita di campionato contro il Bari, persa per 0-2. Nel 1965 passò all'Ivrea in Serie C, disputando 11 partite. A fine stagione si trasferì al Martina, dove rimase fino al 1969, concludendo la sua carriera a 40 anni.

NazionaleModifica

 
Buffon (primo in piedi in alto a sinistra) nella formazione dell'Italia contro Israele a Torino il 4 novembre del 1961, durante le qualificazioni al campionato del mondo 1962 in Cile

Il 9 novembre 1958 ottenne la prima convocazione nella nazionale A, contro la Francia guidata da Just Fontaine, da poco laureatosi capocannoniere al campionato del mondo. È stato il primo portiere rossonero ad indossare la maglia azzurra, se si esclude Attilio Trerè che nel 1913 aveva sostituito tra i pali l'infortunato Innocenti. In precedenza aveva giocato nella nazionale B e nella nazionale giovanile.[13] In breve tempo conquistò il posto da titolare ed i galloni da capitano. Disputò da titolare il campionato del mondo 1962 (unico giocatore dell'Inter a essere convocato). La sua ultima partita in azzurro fu il 7 giugno 1962 (Italia-Svizzera, conclusasi 3-0). Dopo la deludente spedizione in Cile perse il posto in nazionale, a vantaggio di Giuliano Sarti ed Enrico Albertosi. In maglia azzurra conta 15 presenze, 6 delle quali da capitano.[14]

Prima di essere convocato nella nazionale italiana, nel 1955 era stato chiamato dalla FIFA a difendere la porta del Resto d'Europa in un'amichevole contro la Gran Bretagna disputatasi a Belfast e conclusasi 4-1 per Buffon e compagni;[15] prima di allora, l'unico portiere italiano convocato per un incontro del genere era stato Aldo Olivieri.[16]

Dopo il ritiroModifica

Nel 1978 allenò per pochi mesi il Sant'Angelo in Serie C, subentrando a Carlo Soldo, chiudendo la stagione al 15º posto e retrocedendo in Serie C2.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1948-1949   Portogruarese Prom. 34 -30 - - - - - - - - - 34 -30
1949-1950   Milan A 19 -22 - - - - - - - - - 19 -22
1950-1951 A 37 -38 - - - - - - CL 2 -1 39 -39
1951-1952 A 26 -29 - - - - - - - - - 26 -29
1952-1953 A 33 -34 - - - - - - CL 2 -6 35 -40
1953-1954 A 31 -36 - - - - - - - - - 31 -36
1954-1955 A 32 -31 - - - - - - CL 1 -3 33 -34
1955-1956 A 33 -45 - - - CC 5 -12 CL 2 -3 40 -60
1956-1957 A 17 -22 - - - - - - CL 1 -3 18 -25
1957-1958 A 22 -34 CI 3 -2 CC 7 -10 - - - 32 -46
1958-1959 A 25 -21 CI 1 -4 - - - CA 0 0 26 -25
1959-1960 A 0 0 CI 1 -1 CC 0 0 CA 0 0 1 -1
Totale Milan 275 -312 5 -7 12 -22 8 -16 300 -357
1959-1960   Genoa A 20 -26 CI 0 0 - - - - - - 20 -26
1960-1961   Inter A 30 -30 CI 2 -2 CdF 5 -6 - - - 37 -38
1961-1962 A 29 -28 CI 0 0 CdF 3 -6 - - - 32 -34
1962-1963 A 20 -11 CI 1 0 - - - - - - 21 -11
Totale Inter 79 -69 3 -2 8 -12 - - - 90 -83
1963-1964   Fiorentina A 1 -2 CI 0 0 - - - - - - 1 -2
1964-1965   Ivrea C 11 -? - - - - - - - - - 11 -?
Totale carriera 420 + -439 8 -9 20 -34 8 -16 456+ + -498

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
9-11-1958 Parigi Francia   2 – 2   Italia Amichevole -2
13-12-1958 Genova Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Amichevole -1
28-2-1959 Roma Italia   1 – 1   Spagna Amichevole -1
6-5-1959 Londra Inghilterra   2 – 2   Italia Amichevole -2
1-11-1959 Praga Cecoslovacchia   2 – 1   Italia Coppa Internazionale -2
29-11-1959 Firenze Italia   1 – 1   Ungheria Coppa Internazionale -   48’
6-1-1960 Napoli Italia   3 – 0   Svizzera Coppa Internazionale -
13-3-1960 Barcellona Spagna   3 – 1   Italia Amichevole -3
10-12-1960 Napoli Italia   1 – 2   Austria Amichevole -2
24-5-1961 Roma Italia   2 – 3   Inghilterra Amichevole -1   56’
15-10-1961 Tel Aviv Israele   2 – 4   Italia Qual. Mondiali 1962 -2
4-11-1961 Torino Italia   6 – 0   Israele Qual. Mondiali 1962 -
5-5-1962 Firenze Italia   2 – 1   Francia Amichevole -1
31-5-1962 Santiago del Cile Italia   0 – 0   Germania Ovest Mondiali 1962 - Prima fase -
7-6-1962 Santiago del Cile Italia   3 – 0   Svizzera Mondiali 1962 - Prima fase -
Totale Presenze 15 Reti -17

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Milan: 1950-1951, 1954-1955, 1956-1957, 1958-1959
Inter: 1962-1963

Competizioni internazionaliModifica

Milan: 1951, 1956

NoteModifica

  1. ^ Panini (1978), p. 277.
  2. ^ Subentra a Giancarlo Danova, cfr. Devecchi, Quaini, p. 117.
  3. ^ a b Rossano Donnini, Guerin Sportivo, novembre 2013.
  4. ^ (EN) Karel Stokkermans, IFFHS' Century Elections - Italy - Keeper of the Century, su rsssf.com, 30 gennaio 2000.
  5. ^ a b c Sebastiano Vernazza e Alberto Francescut, Ci ritorni in mente... Lorenzo Buffon, su gazzetta.it, 9 luglio 2009.
  6. ^ Milan, Lorenzo Buffon svela: "Portai Gigi, ma non lo presero...", su gazzetta.it, 28 gennaio 2017.
  7. ^ a b Lettere alla Gazzetta, in La Gazzetta dello Sport, 14 luglio 2009.
  8. ^ Armando Buffon, su transfermarkt.it.
  9. ^ a b Giorgio Dell'Arti, Biografia di Lorenzo Buffon, su cinquantamila.it, 30 ottobre 2013.
  10. ^ Schianchi, p. 22.
  11. ^ a b Panini (2004), Il personaggio: Lorenzo Buffon (Milan), p. 479.
  12. ^ Venturin, p. 41.
  13. ^ Panini (2006), p. 593.
  14. ^ Nazionale in cifre - Capitani, su figc.it. URL consultato il 27 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2016).
  15. ^ (EN) WXI History (1950s), su worldxi.com. URL consultato il 5 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2018).
  16. ^ (EN) WXI history (1930s - 1940s), su worldxi.com. URL consultato il 14 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2018).

BibliografiaModifica

  • Almanacco illustrato del calcio, Milano, Edizioni Carcano, 1965, tabellino a pag. 143 (Bari-Fiorentina 2-0 del 31 maggio 1964).
  • Almanacco illustrato del calcio 1979, Modena, Panini, 1978.
  • Almanacco illustrato del calcio 2005, Modena, Panini, 2004.
  • Antonio Venturin, Un pallone granata... in cielo, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., 2004, presenze e reti passive a p. 38.
  • Almanacco illustrato del calcio 2007, Modena, Panini, 2006.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.
  • Federico Pistone, 1908 - 2008: un secolo di passione nerazzurra, Milano, Editoriale Diemme, novembre 2008, presenze e reti passive a pag. 559-563-566.
  • Cristiano Devecchi e Fabrizio Quaini, Sant'Angelo leggenda rossonera - 100 anni di calcio - A.C. Sant'Angelo 1907, 2010.
  • Andrea Schianchi, Il calcio di Buffon ai raggi X, Milano, La Gazzetta dello Sport, 31 agosto 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica