Apri il menu principale

Associazione Calcio Milan 1954-1955

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Milan.

Associazione Calcio Milan
Milan195455conscudetto.jpg
I rossoneri a fine stagione, nella foto di rito con lo scudetto.
Stagione 1954-1955
AllenatoreUngheria Béla Guttmann, poi
Uruguay Héctor Puricelli
All. in secondaItalia Bruno Arcari
PresidenteItalia Andrea Rizzoli
Serie A1º posto (in Coppa dei Campioni)
Coppa Latina3º posto
Maggiori presenzeCampionato: Nordahl (33)
Totale: Nordahl (35)
Miglior marcatoreCampionato: Nordahl (27)
Totale: Nordahl (28)
StadioSan Siro

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Milan nelle competizioni ufficiali della stagione 1954-1955.

StagioneModifica

 
Il terzino Cesare Maldini, neoacquisto dalla Triestina.

Nel 1954 Andrea Rizzoli succede a Umberto Trabattoni al timone della società. In questa stagione i rossoneri conquistano il loro quinto titolo di campioni d'Italia. Il club rimane in vetta per tutte le 34 giornate, si impone come miglior attacco e miglior difesa e porta per l'ennesima volta (la quinta in sei anni) lo svedese Gunnar Nordahl (da questa stagione capitano della squadra) sul trono dei cannonieri della Serie A, con 27 reti. Fondamentale la campagna acquisti condotta dal presidente Andrea Rizzoli, che ingaggia giocatori come il campione del mondo Juan Alberto Schiaffino, Eduardo Ricagni e Cesare Maldini.

In campionato il Milan si impone subito con sette vittorie consecutive staccando gli avversari. Dopo la vittoria sul Novara alla decima giornata, i rossoneri possono vantare sei punti di vantaggio sulle seconde, Fiorentina e Juventus; dopo un tentativo di avvicinamento da parte dei bianconeri, è il Bologna a tentare l'aggancio, ma il 30 gennaio 1955 il Milan diventa campione d'inverno con quattro punti sulla seconda. Il girone di ritorno inizia con i rossoneri, che perdono le prime due gare contro Triestina e Sampdoria. Il Bologna arriva così a -1.

 
Gunnar Nordahl, miglior marcatore del campionato con 27 reti.

A febbraio Béla Guttmann viene sostituito in panchina da Héctor Puricelli nonostante il primo posto in classifica. I Diavoli riprendono la marcia e alla ventitreesima giornata distanziano di sei punti i rossoblù. In seguito perdono in casa contro la Roma: tra le inseguitrici ne approfitta solo l'Udinese, che il 1º maggio vince lo scontro diretto e si avvicina ai rossoneri. È però in questo frangente che i friulani ottengono solo due pareggi contro Pro Patria e Novara. Il Milan può così riprendere il suo cammino: battuta a San Siro la Juventus per 3-1 e sconfitto in trasferta il Genoa 8-0 (risultato che ad oggi rappresenta il più ampio successo esterno in Serie A[1]), i rossoneri si cuciono il tricolore sulla maglia con un turno di anticipo, il 12 giugno, battendo la Spal a per 6-0. Alla fine sono 4 i punti di vantaggio sulla seconda classificata Udinese che verrà retrocessa per illecito sportivo.

La vittoria del campionato dà anche al Milan il diritto di accedere alla prima edizione assoluta della Coppa dei Campioni che prenderà il via nella stagione seguente. A Parigi, in giugno, si svolge inoltre la sesta edizione della Coppa Latina. I rossoneri vengono sconfitti nelle semifinali dallo Stade Reims e vincono la finale per il 3º posto contro il Belenenses grazie ai gol di Ricagni e Nordhal.

MaglieModifica

Casa
Trasferta

Organigramma societarioModifica

Area direttiva

Area tecnica

RosaModifica

CalciomercatoModifica

RisultatiModifica

Serie AModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1954-1955.

Girone di andataModifica

Milano
19 settembre 1954
1ª giornata
Milan4 – 0
referto
TriestinaSan Siro (38 000 spett.)
Arbitro:  Corallo (Lecce)

Genova
26 settembre 1954
2ª giornata
Sampdoria0 – 3
referto
MilanStadio Luigi Ferraris (40 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
3 ottobre 1954
3ª giornata
Milan3 – 1
referto
AtalantaSan Siro (50 000 spett.)
Arbitro:  Arpaia (Roma)

Catania
10 ottobre 1954
4ª giornata
Catania1 – 3
referto
MilanCibali (35 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Borgotaro)

Napoli
17 ottobre 1954
5ª giornata
Napoli0 – 2
referto
MilanStadio della Liberazione (40 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
24 ottobre 1954
6ª giornata
Milan4 – 1
referto
TorinoSan Siro (45 000 spett.)
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Bologna
31 ottobre 1954
7ª giornata
Bologna1 – 2
referto
MilanComunale (60 000 spett.)
Arbitro:  Orlandini (Roma)

Milano
7 novembre 1954
8ª giornata
Milan1 – 1
referto
InterSan Siro (52 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Firenze
14 novembre 1954
9ª giornata
Fiorentina0 – 2
referto
MilanComunale (70 000 spett.)
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Milano
21 novembre 1954
10ª giornata
Milan3 – 0
referto
NovaraSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Bernardi (Bologna)

Roma
12 dicembre 1954
11ª giornata
Roma2 – 1
referto
MilanOlimpico (55 000 spett.)
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Milano
26 gennaio 1955
12ª giornata[3][4]
Milan2 – 2
referto
UdineseSan Siro (25 000 spett.)
Arbitro:  Corallo (Lecce)

Milano
26 dicembre 1954
13ª giornata
Milan3 – 0
referto
LazioSan Siro (40 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Torino
2 gennaio 1955
14ª giornata
Juventus3 – 4
referto
MilanComunale (45 000 spett.)
Arbitro:  Orlandini (Roma)

Milano
6 gennaio 1955
15ª giornata
Milan2 – 2
referto
GenoaSan Siro (18 000 spett.)
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Ferrara
23 gennaio 1955
16ª giornata
SPAL0 – 0
referto
MilanComunale (20 000 spett.)
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Milano
30 gennaio 1955
17ª giornata
Milan2 – 0
referto
Pro PatriaSan Siro (20 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Borgotaro)

Girone di ritornoModifica

Trieste
6 febbraio 1955
18ª giornata
Triestina4 – 3
referto
MilanComunale (17 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
13 febbraio 1955
19ª giornata
Milan1 – 3
referto
SampdoriaSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Bonetto (Torino)

Bergamo
20 febbraio 1955
20ª giornata
Atalanta1 – 1
referto
MilanComunale (22 000 spett.)
Arbitro:  Orlandini (Roma)

Milano
27 febbraio 1955
21ª giornata
Milan2 – 0
referto
CataniaSan Siro (25 000 spett.)
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Milano
6 marzo 1955
22ª giornata
Milan1 – 1
referto
NapoliSan Siro (30 000 spett.)
Arbitro:  Liverani (Torino)

Torino
13 marzo 1955
23ª giornata
Torino1 – 2
referto
MilanFiladelfia (28 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
20 marzo 1955
24ª giornata
Milan0 – 0
referto
BolognaSan Siro (48 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
3 aprile 1955
25ª giornata
Inter1 – 1
referto
MilanSan Siro (40 000 spett.)
Arbitro:  Liverani (Torino)

Milano
10 aprile 1955
26ª giornata
Milan4 – 0
referto
FiorentinaSan Siro (50 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Novara
17 aprile 1955
27ª giornata
Novara1 – 1
referto
MilanComunale (15 000 spett.)
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Milano
24 aprile 1955
28ª giornata
Milan0 – 2
referto
RomaSan Siro (45 000 spett.)
Arbitro:  Liverani (Torino)

Udine
1º maggio 1955
29ª giornata
Udinese3 – 2
referto
MilanStadio Moretti (28 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Roma
8 maggio 1955
30ª giornata
Lazio2 – 4
referto
MilanOlimpico (55 000 spett.)
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Milano
15 maggio 1955
31ª giornata
Milan3 – 1
referto
JuventusSan Siro (30 000 spett.)
Arbitro:  Maurelli (Roma)

Genova
5 giugno 1955
32ª giornata
Genoa0 – 8
referto
MilanStadio Luigi Ferraris (20 000 spett.)
Arbitro:  Orlandini (Roma)

Milano
12 giugno 1955
33ª giornata
Milan6 – 0
referto
SPALSan Siro (30 000 spett.)
Arbitro:  Bonetto (Torino)

Busto Arsizio
19 giugno 1955
34ª giornata
Pro Patria1 – 1
referto
MilanComunale (3 000 spett.)
Arbitro:  Scaramella (Roma)

Coppa LatinaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Latina 1955.

SemifinaleModifica

Parigi
22 giugno 1955, ore ?
[5]
Stade Reims3 – 2
(d.4t.s.)
(1 – 1 al 90')
referto
MilanParco dei Principi (36 588 spett.)
Arbitro:   Da Costa

Finale 3º/4º postoModifica

Parigi
26 giugno 1955, ore ?
Milan3 – 1
referto
BelenensesParco dei Principi (5 000 spett.)
Arbitro:   Gardeazabal

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
  Serie A 48 17 10 5 2 41 14 17 9 5 3 40 21 34 19 10 5 81 35 +46
  Coppa Latina - - - - - - - - - - - - - 2 1 0 1[6] 5 4 +1
Totale - 17 10 5 2 41 14 17 9 5 3 40 21 36 20 10 6 86 39 +47

Statistiche dei giocatoriModifica

Giocatore Serie A Coppa Latina Totale
                       
Beraldo, E. E. Beraldo 180??20??200??
Bergamaschi, M. M. Bergamaschi 321??10??331??
Buffon, L. L. Buffon 32-31??1-3??33-34??
Fontana, A. A. Fontana 130??00001300+0+
Frignani, A. A. Frignani 277??10??287??
Liedholm, N. N. Liedholm 286??11??297??
Magnavacca, G. G. Magnavacca 000000000000
Maldini, C. C. Maldini 271??10??281??
Nordahl, G. G. Nordahl 3327??21??3528??
Pedroni, F. F. Pedroni 100??20??120??
Ricagni, E. E. Ricagni 266??22??288??
Schiaffino, J.A. J.A. Schiaffino 2715??10??2815??
Silvestri, A. A. Silvestri 260??10??270??
Sørensen, J.L. J.L. Sørensen 3013??11??3114??
Tognon, O. O. Tognon 000010??100+0+
Toros, R. R. Toros 2-4??1-1??3-5??
Valli, V. V. Valli 61??10??71??
Vicariotto, A. A. Vicariotto 123??10??133??
Vitali, S. S. Vitali 10??0000100+0+
Zagatti, F. F. Zagatti 240??20??260??

NoteModifica

  1. ^ al pari di un Venezia-Padova (0-8) del campionato 1949-1950
  2. ^ a b Naturalizzato italiano.
  3. ^ Inizialmente prevista per il 19 dicembre 1954, ma fu rinviata per nebbia.
  4. ^ Per Milan-Udinese rinvio per nebbia, magliarossonera.it.
  5. ^ Per concludere l'incontro servirono 4 tempi supplementari.
  6. ^ In quanto la partita contro lo Stade Reims si è concluso nei tempi supplementari dopo l'1-1 dei tempi regolamentari.

BibliografiaModifica

  • Almanacco illustrato del Milan, 2ª ed., Panini, marzo 2005.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica