Rally d'Argentina 2017

Argentina Rally Argentina 2017
N. 5 su 13 del Campionato del mondo rally 2017
Data dal 18 al 21 maggio 2017
Nome ufficiale 37º YPF Rally Argentina
Percorso 357,59 km
Superficie Sterrato
Prove speciali 18
Equipaggi Partiti: 26
Arrivati: 17
Risultati
WRC
Podio
1. Belgio Thierry Neuville
Hyundai
2. Regno Unito Elfyn Evans
M-Sport (Ford)
3. Estonia Ott Tänak
M-Sport (Ford)
Hayden Paddon durante l'attraversamento di un ponte
Dani Sordo in gara

Il Rally d'Argentina 2017, ufficialmente denominato 37º YPF Rally Argentina, è stata la quinta prova del campionato del mondo rally 2017 nonché la trentasettesima edizione del Rally d'Argentina e la trentacinquesima con valenza mondiale. La manifestazione si è svolta dal 27 al 30 aprile sugli sterrati che attraversano le montagne e gli altipiani della Provincia di Córdoba e il parco assistenza per i concorrenti venne allestito a Villa Carlos Paz.

L'evento è stato vinto dal belga Thierry Neuville, navigato dal connazionale Nicolas Gilsoul, al volante di una Hyundai i20 Coupe WRC della squadra ufficiale Hyundai Motorsport, davanti ai britannici Elfyn Evans e Daniel Barritt, su Ford Fiesta WRC della scuderia inglese M-Sport World Rally Team e all'equipaggio estone composto da Ott Tänak e Martin Järveoja, sempre su Fiesta WRC del team M-Sport.

ItinerarioModifica

La manifestazione si disputò interamente nella provincia di Córdoba, articolandosi in 18 prove speciali distribuite in quattro giorni ed ebbe sede a Villa Carlos Paz, città situata nel dipartimento di Punilla a circa 36 km dal capoluogo, dove venne allestito anche il parco assistenza per tutti i concorrenti e la cerimonia finale di premiazione.

Il rally ebbe inizio giovedì 27 aprile con il mini-circuito di 1,90 km realizzato su una superficie mista nella città di Córdoba.

La seconda frazione (disputatasi venerdì 30 aprile) si articolava invece in due classici loop di quattro prove ciascuno, da svolgersi uno al mattino e uno al pomeriggio; le prime tre prove, che non si disputavano dal 2008, hanno visto i concorrenti cimentarsi lungo gli sterrati sabbiosi del dipartimento di Calamuchita, toccando le località di San Agustín, Amboy, Santa Monica, Villa General Belgrano e Santa Rosa de Calamuchita mentre l'ultima prova si disputò a Villa Carlos Paz, lungo un tracciato costruito all'interno del Parque Tématico della cittadina.

Durante la terza frazione (sabato 1º maggio) si gareggiò invece nel dipartimento di Punilla, a Nord-Ovest della sede del rally, lungo le ruvide e rocciose strade che si snodano lungo l'omonima valle, nell'impegnativo giro comprendente la prova di Los Gigantes-Cantera el Condor, in questa edizione la prova più lunga del rally con 38,68 km, e quelle poste nei territori di Tanti, Cosquín e le suggestive località di Boca del Arroyo e Bajo del Pungo.

Nella giornata finale di domenica 2 maggio ci si spostò verso Sud per disputare le ultime tre prove del rally, una lungo la valle di Traslasierra, nei suggestivi scenari lunari percorsi tra le località di Mina Clavero e Giulio Cesare mentre le rimanenti due si corsero nella classica e tortuosa tappa di El Condor, valevole anche come power stage nel secondo passaggio.[1][2]

ResocontoModifica

I vincitori Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul, alla seconda vittoria consecutiva stagionale dopo il successo ottenuto al Tour de Corse, si aggiudicarono la tappa argentina solo all'ultima speciale, al termine di un'avvincente rimonta nei confronti dei britannici Elfyn Evans e Daniel Barritt, alfieri della M-Sport, giunti al traguardo a soli 7 decimi di secondo dai portacolori della Hyundai e dopo aver guidato il rally dalla seconda alla penultima prova speciale, dominando l'intera giornata del venerdì ma iniziando a perdere terreno durante quella del sabato e pagando ben 11 secondi nell'ultima speciale (la durissima El Condor) per problemi ai freni dovuti alle conseguenze di errore del gallese che urtò qualcosa durante l'attraversamento di un ponte. In 45 anni di storia del campionato mondiale soltanto in altre due occasioni si ebbe un divario inferiore tra primo e secondo posto finale. Terzo è giunto l'equipaggio estone composto da Ott Tänak e Martin Järveoja, sempre su Fiesta WRC del team M-Sport, a circa 30 secondi di distanza, dopo aver amministrato con prudenza la posizione raggiunta nei tre giorni di gara. Soltanto quarti, a poco meno un minuto dal podio, i leader della classifica generale Sébastien Ogier e Julien Ingrassia, autori di alcuni errori sia al venerdì che al sabato e quinti i finlandesi Jari-Matti Latvala e Miikka Anttila su Toyota Yaris WRC, anche loro non esenti da difficoltà durante le difficili speciali sudamericane. Il vincitore della precedente edizione, il neozelandese Hayden Paddon, navigato dal connazionale John Kennard, concluse al sesto posto dopo un travagliato week-end caratterizzato da vari cedimenti meccanici tra cui la rottura della barra antirollio al venerdì e del servosterzo al sabato.

Tra i piloti di punta si registrò nuovamente il ritiro di Kris Meeke, punta della squadra Citroën, ribaltatosi venerdì, ripartito al sabato con la regola del rally 2 ma costretto all'abbandono per essersi ribaltato una seconda volta. Il suo compagno di squadra Craig Breen uscì di strada in quinta marcia sempre venerdì, terminando il rally in quindicesima posizione a circa un'ora e venti dal vincitore. Da rimarcare la buona prestazione del norvegese Mads Østberg, alla guida di una Fiesta WRC privata, il quale fu secondo al termine della prima giornata e quarto sino alla penultima prova del sabato, quando l'urto contro una roccia danneggiò la sua sospensione e lo costrinse a concludere il rally in ottava posizione assoluta.[3][4][5]

Si confermarono in vetta alla classifica Ogier e Ingrassia, i quali allungarono ancora su Latvala e Anttila mentre i vincitori Neuville e Gilsoul, forti anche dei 5 punti conquistati nella power stage, si portarono a soli due punti di distanza dall'equipaggio finlandese. Tra i costruttori M-Sport e Hyundai mantennero i primi due posti senza sostanziali variazioni nel loro divario, mentre Toyota aumentò il distacco nei confronti della Citroën, reduce da un week-end poco soddisfacente.[6]

RisultatiModifica

ClassificaModifica

Pos. Pilota Co-pilota Auto Squadra Classe Tempo Distacco Punti
Generale
1. 5   Thierry Neuville   Nicolas Gilsoul Hyundai i20 Coupe WRC Hyundai Motorsport WRC 3h38'10"6 30
2. 3   Elfyn Evans   Daniel Barritt Ford Fiesta WRC M-Sport World Rally Team WRC 3h38'11"3 +0"7 22
3. 2   Ott Tänak   Martin Järveoja Ford Fiesta WRC M-Sport World Rally Team WRC 3h38'40"5 +29"9 18
4. 1   Sébastien Ogier   Julien Ingrassia Ford Fiesta WRC M-Sport World Rally Team WRC 3h39'35"3 +1'24"7 14
5. 10   Jari-Matti Latvala   Miikka Anttila Toyota Yaris WRC Toyota Gazoo Racing WRT WRC 3h39'58"7 +1'48"1 11
6. 4   Hayden Paddon   John Kennard Hyundai i20 Coupe WRC Hyundai Motorsport WRC 3h45'53"3 +7'42"7 8
7. 11   Juho Hänninen   Kaj Lindström Toyota Yaris WRC Toyota Gazoo Racing WRT WRC 3h49'27"5 +11'16"9 6
8. 6   Dani Sordo   Marc Martí Hyundai i20 Coupe WRC Hyundai Motorsport WRC 3h52'54"7 +14'44"1 4
9. 14   Mads Østberg   Ola Fløene Ford Fiesta WRC M-Sport World Rally Team WRC 3h53'21"9 +15'11"3 2
10. 31   Pontus Tidemand   Jonas Andersson Škoda Fabia R5 Škoda Motorsport RC2 / WRC-2 3h55'42"7 +17'32"1 1
WRC-2
1. (10.) 31   Pontus Tidemand   Jonas Andersson Škoda Fabia R5 Škoda Motorsport RC2 / WRC-2 3h55'42"7 25
2. (11.) 36   Juan Carlos Alonso   Matias Mercadal Škoda Fabia R5 - RC2 / WRC-2 4h05'54"0 +10'11"3 18
3. (12.) 32   Benito Guerra   Daniel Cué Škoda Fabia R5 Motorsport Italia RC2 / WRC-2 4h38'48"2 +43'05"5 15
4. (13.) 35   Gustavo Saba   Fernando Mussano Škoda Fabia R5 - RC2 / WRC-2 4h45'57"3 +50'14"6 12
5. (14.) 34   Hubert Ptaszek   Maciej Szczepaniak Škoda Fabia R5 Orlen Team RC2 / WRC-2 4h48'10"2 +2'12"9 10
Principali ritiri
PS Pilota Co-pilota Auto Squadra Classe Causa Pos.
PS 14 7   Kris Meeke   Paul Nagle Citroën C3 WRC Citroën Total Abu Dhabi WRT WRC Capottamento 14º
PS 17 37   Lorenzo Bertelli   Simone Scattolin Ford Fiesta WRC M-Sport World Rally Team WRC Cambio
PS 18 8   Craig Breen   Scott Martin Citroën C3 WRC Citroën Total Abu Dhabi WRT WRC Rottura meccanica 16º

Legenda

Icona Classe
WRC Equipaggio di classe WRC che può conquistare punti per il campionato costruttori
WRC Equipaggio di classe WRC che non può conquistare punti per il campionato costruttori
WRC-T Equipaggio di classe WRC (ante 2017) registrato al campionato WRC Trophy
WRC-2 Equipaggio registrato al campionato WRC-2
WRC-3 Equipaggio registrato al campionato WRC-3
JWRC Equipaggio registrato al campionato Junior WRC
Ulteriori classificazioni


Prove specialiModifica

Frazione Prova Ora Nome Lunghezza Vincitori Tempo Leader del rally
Frazione 1 (27 Apr) SS1 19:08 Super Especial Cordoba 1,90 km   Sébastien Ogier
  Julien Ingrassia
1'53"8   Sébastien Ogier
  Julien Ingrassia
Frazione 2 (28 Apr) SS2 08:38 San Agustín - Villa General Belgrano 1 19,95 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
12'42"3   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
SS3 09:41 Amboy - Santa Monica 1 20,44 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
10'18.8
SS4 10:24 Santa Rosa - San Agustín 1 23,85 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
13'44"8
SS5 12:29 Super Especial Parque Tematico 1 6,04 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
4'43"5
SS6 15:02 San Augustin - Villa General Belgrano 2 19,95 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
12'35"9
SS7 16:05 Amboy - Santa Monica 2 20,44 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
e
  Hayden Paddon
  Sebastian Marshall
10'21"1
SS8 16:48 Santa Rosa - San Augustin 2 23,85 km   Hayden Paddon
  Sebastian Marshall
13'39"0
SS9 19:08 Super Especial Parque Tematico 2 6,04 km   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul
4'49"4
Frazione 3 (29 Apr) SS10 08:04 Tanti - Villa Bustos 1 20,80 km   Elfyn Evans
  Daniel Barritt
11'00"2
SS11 09:17 Los Gigantes - Cantera El Condor 1 38,68 km   Kris Meeke
  Paul Nagle
20'01"6
SS12 10:10 Boca del Arroyo - Bajo del Pungo 1 20,52 km   Kris Meeke
  Paul Nagle
13'18"2
SS13 13:08 Tanti - Villa Bustos 2 20,80 km   Ott Tänak
  Martin Järveoja
10'47"9
SS14 14:21 Los Gigantes - Cantera El Condor 2 38,68 km   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul
e
  Ott Tänak
  Martin Järveoja
19'45"5
SS15 15:14 Boca del Arroyo - Bajo del Pungo 2 20,52 km   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul
12'59"5
Frazione 4 (30 Apr) SS16 09:13 El Condor - Copina 16,32 km   Ott Tänak
  Martin Järveoja
13'07"0
SS17 10:56 Mina Clavero - Giulio Cesare 22,64 km   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul
18'05"0
SS18 12:18 Power Stage El Condor 16,32 km   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul
13'00"1   Thierry Neuville
  Nicolas Gilsoul

Power stageModifica

PS18: El Condor di 16,32 km, disputatasi domenica 30 aprile 2017 alle ore 12:18 (UTC-3).[7]

Pos. No. Pilota Co-pilota Auto Classe Tempo Distacco Punti
1 5   Thierry Neuville   Nicolas Gilsoul Hyundai i20 Coupe WRC WRC 13'00"1 5
2 3   Elfyn Evans   Daniel Barritt Ford Fiesta WRC WRC 13'01"4 +1"3 4
3 2   Ott Tänak   Martin Järveoja Ford Fiesta WRC WRC 13'02"8 +2"7 3
4 1   Sébastien Ogier   Julien Ingrassia Ford Fiesta WRC WRC 13'04"3 +4"2 2
5 1   Jari-Matti Latvala   Miikka Anttila Toyota Yaris WRC WRC 13'08"5 +8"4 1

Classifiche mondialiModifica

NoteModifica

  1. ^ (ENESFR) Argentina countdown: rally route, su wrc.com, WRC Promoter GmbH, 24 aprile 2017 (archiviato l'8 settembre 2017).
  2. ^ (DEENPL) Rally Argentina 2017, su rally-maps.com.
  3. ^ (ENESFR) Friday in Argentina: Evans dominant in South America, su wrc.com, 29 aprile 2017 (archiviato il 29 aprile 2017).
  4. ^ (ENESFR) Saturday in Argentina: Troubled Evans hangs onto lead, su wrc.com, 29 aprile 2017 (archiviato il 30 aprile 2017).
  5. ^ (ENESFR) Sunday in Argentina: Neuville wins a thriller, su wrc.com, 30 aprile 2017 (archiviato il 10 luglio 2017).
  6. ^ (ENESFR) Breaking news: Neuville grabs Argentina win, su wrc.com, 30 aprile 2017 (archiviato l'8 luglio 2017).
  7. ^ (DEENPL) SS 16+18 - El Condor - Copina, su rally-maps.com.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Campionato del mondo rally - Stagione 2017
                         
   

Edizione precedente:
2016
Rally d'Argentina
Altre edizioni
Edizione successiva:
2018
  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo