Resident Evil 7: Biohazard

videogioco del 2017
Resident Evil 7: Biohazard
videogioco
Logo Resident Evil VII.svg
Logo del gioco
Titolo originaleバイオハザード7 レジデント イービル (Baiohazādo Sebun Rejidento Ībiru)
PiattaformaPlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, Nintendo Switch, Amazon Luna, Google Stadia
Data di pubblicazionePlayStation 4, Xbox One e Windows:
Giappone 26 gennaio 2017[1]
Mondo/non specificato 24 gennaio 2017[2]

PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows (Gold Edition):
Mondo/non specificato 12 dicembre 2017[3][4]
Nintendo Switch (Cloud Version):
Giappone 24 maggio 2018[5][6]
Amazon Luna (Gold Edition):
Mondo/non specificato 20 ottobre 2020[7]
Google Stadia (Gold Edition):
Mondo/non specificato 1º aprile 2021[8]

GenereSurvival horror, sparatutto in prima persona, avventura dinamica
TemaOrrore
OrigineGiappone
SviluppoCapcom
PubblicazioneCapcom
DirezioneKoshi Nakanishi
ProduzioneMasachika Kawata, Tsuyoshi Kanda
DesignKoshi Nakanishi, Masachika Kawata
ProgrammazioneYosuke Noro, Tomofumi Ishida
Direzione artisticaTomonori Takano, Toshihiko Tsuda, Hiroyuki Chi
SceneggiaturaMorimasa Sato, Richard Pearsey
MusicheAkiyuki Morimoto, Miwako Chinone, Satoshi Hori, Cris Velasco, Brian D'Oliveira
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock 4, Tastiera e mouse, PlayStation VR, Gamepad, Nintendo Switch Pro Controller, Joy-Con
Motore graficoRE Engine
Motore fisicoHavok
SupportoBlu-ray Disc, DVD-ROM, download digitale, cloud computing
Distribuzione digitalePlayStation Network, Steam, Xbox Live, Nintendo eShop, Microsoft Store
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 7, 8, 8.1, 10, CPU Intel Core i5-4 460 2.70 GHz o AMD FX-6 300, RAM 8 GB, Scheda video NVIDIA GeForce GTX 760 o AMD Radeon R7 260x con 2 GB, Scheda audio compatibile DirectX 9.0c, HD 24GB, connessione Internet no, DirectX 11c
[9]

Consigliati: Windows 7, 8, 8.1, 10 a 64 bit, CPU Intel Core i7-3 770 3.4 GHz o AMD Ryzen 5 3 400, RAM 8 GB, Scheda video NVIDIA GeForce 1 060 con 3 GB, Scheda audio compatibile DirectX 9.0c, HD 24 GB, connessione Internet no, DirectX 11c
[9]

Fascia di etàCERO: D[10] · ESRB: M[11] · OFLC (AU): R18+[12] · PEGI: 18[13] · USK: 18[14]
EspansioniFilmati confidenziali vol. 1
Filmati confidenziali vol. 2
La fine di Zoe
Nessun eroe
SerieResident Evil
Preceduto daResident Evil: Revelations 2
Seguito daResident Evil 2

Resident Evil 7: Biohazard (reso graficamente come RESIDENT EVII. biohazard), conosciuto in Giappone con il titolo di Biohazard 7: Resident Evil (バイオハザード7 レジデント イービル Baiohazādo Sebun Rejidento Ībiru?) (reso graficamente come BIOHA7.ARD resident evil), è un videogioco survival horror sviluppato e pubblicato dalla software house giapponese Capcom per Microsoft Windows, PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, Amazon Luna e Google Stadia. Il gioco è il nono capitolo della serie principale Resident Evil, e il primo con una prospettiva in prima persona, oltre i tre spin-off sparatutto su binari della serie Gun Survivor.

Il gioco è stato annunciato il 14 giugno 2016 durante la presentazione Sony all'E3 2016[15]. Più tardi quel giorno, un teaser giocabile, Resident Evil 7 Teaser: The Beginning Hour, è stato pubblicato sul PlayStation Store e reso disponibile esclusivamente agli abbonati PlayStation Plus. Capcom ha in seguito chiarito che il teaser aveva lo scopo di mostrare la direzione che il team di sviluppo stava prendendo e che non sarebbe stata una parte del gioco finale. Resident Evil 7: Biohazard è compatibile in esclusiva temporale con PlayStation VR che durerà per 12 mesi[16]. Il 12 dicembre 2017 è stata pubblicata una nuova versione, Resident Evil 7: Biohazard - Gold Edition, che include tutti i contenuti scaricabili.

TramaModifica

 
Logo della Umbrella Corporation, antagonista principale della serie

Il titolo è ambientato a Dulvey Parish, in Louisiana, nel sud degli Stati Uniti, e inizia col protagonista, Ethan Winters, in viaggio verso lo Stato per indagare sull'origine di un messaggio, con un indirizzo in allegato, ricevuto dalla moglie Mia, data per morta da tre anni, che invita il marito a venire a prenderla. Il protagonista, nonostante i dubbi, arriva nel luogo dell'incontro, una casa fatiscente e apparentemente abbandonata che il giocatore può esplorare liberamente; nella casa è presente un passaggio nascosto che conduce allo scantinato, dove è imprigionata la moglie di Ethan. Mentre i due fuggono insieme, Ethan perde di vista Mia, che poco dopo lo attaccherà dando inizio a un combattimento in cui verrà sopraffatta da Ethan. Poco dopo lo chiama Zoe, una ragazza che gli intima di scappare dalla casa. Dopo un nuovo attacco da parte di Mia, Ethan perderà i sensi a causa dell'aggressione di uno sconosciuto. Verrà quindi rivelato che la casa è in realtà abitata dalla famiglia Baker, di cui fa parte anche Zoe, che, vittima degli effetti della tossina di un fungo, il mutamicete, che ne ha aumentato la forza e l'aggressività inducendola alla follia e rendendola apparentemente immortale, imprigiona la coppia.

Ethan si risveglia a un macabro banchetto, legato a una sedia e stordito, approfittando dell'assenza della famiglia per liberarsi. Viene da subito braccato da Jack Baker, il capofamiglia, ma riesce apparentemente a ucciderlo nel garage. Ethan riceve una nuova chiamata da Zoe, la quale gli rivela che lei è la figlia di Jack e gli dice che per uscire dalla casa deve trovare tre teste di cane per sbloccare la porta; dopo aver trovato le prime due, Jack, sopravvissuto, attacca di nuovo Ethan nella stanza delle dissezioni ma viene fatto esplodere con una motosega dal protagonista.

Ethan sblocca la porta della casa principale e accede al giardino, raggiungendo una roulotte. Qui Zoe lo chiama per dirgli che esiste una cura alla tossina che ha infettato i Baker che richiede un siero creato miscelando una testa, che Zoe già possiede, e un braccio. Zoe lo avverte inoltre che sua madre Marguerite ha imprigionato Mia nella vecchia casa e che lo sta cercando. Ethan si dirige alla vecchia casa sulla palude e affronta Marguerite, che però poco dopo muta in un ragno umanoide, distruggendola definitivamente alla serra della villa. Tornato alla vecchia casa, Ethan trova il braccio e lo porta alla roulotte, dove però riceve una chiamata dal fratello di Zoe, Lucas, che afferma di aver rapito Zoe e Mia e che per rivederle Ethan deve partecipare a un folle gioco nell'area test, ma che per accedere a quest'ultima deve trovare due schede blu e rossa. Mentre le cerca, trova una cassetta in cui il cameraman di un gruppo di investigazione paranormale chiamato Sewer Gators, Clancy Javis, viene portato nell'area test di Lucas e viene sottoposto al gioco, finendo carbonizzato. Ethan raggiunge l'area test e, imbrogliando al gioco, sopravvive e raggiunge Zoe e Mia oltre il molo sulla palude.

Zoe prepara due sieri con la testa e il braccio, ma vengono attaccati da una forma completamente mutata e irriconoscibile di Jack Baker. Per fermarlo definitivamente, Ethan è costretto a usare uno dei due sieri su di lui, dovendo poi scegliere se iniettare l'altro siero a Zoe o a Mia. Da questa scelta deriva il finale del gioco.

Salito su una barca, Ethan percorre il bayou fino al relitto di una nave. Qui viene attaccato da una melma scura misteriosa e viene ritrovato da Mia (risvegliatasi all'esterno della nave) incosciente, ma viene portato via dalla sostanza. Mia entra nel relitto e ha delle allucinazioni di una ragazzina, che le dice di guardare una cassetta per ricordare il suo passato: Mia era un soldato sotto copertura che, assieme al collega Alan, aveva il compito di dare la caccia a un'arma biologica con le sembianze di una ragazzina chiamata Eveline, un parassita in forma umana in grado di infettare le persone e controllarne la mente; molti vengono sopraffatti da Eveline e si trasformano in creature deformi e ostili dette micomorfi o micotici, che la vedono come la loro "madre", ma altri sono biologicamente in grado di resistere alla trasformazione, anche se mentalmente piegati a Eveline. Eveline desidera una casa e una famiglia e vuole che Mia sia sua madre. Mia inizialmente acconsente e Eveline fugge, uccidendo Alan e infettando Mia, facendo anche affondare la nave. Tornati nel presente, Mia nega a Eveline di essere sua madre, trova Ethan al livello inferiore della nave e lo libera.

Ethan va a uccidere Eveline alle miniere di Dulvey e prepara la Necrotossina-E, unica sostanza in grado di contrastare gli effetti del mutamicete e uccidere Eveline, con dei campioni biologici di Eveline datigli da Mia alla nave, venendo poi attaccato dai micomorfi di Eveline. Sopravvissuto, Ethan percorre le miniere fino a una porta che conduce alla casa degli ospiti dei Baker (locazione iniziale del gioco), dove cade vittima delle allucinazioni del parassita. Ethan riesce infine a iniettare la necrotossina a Eveline e quest'ultima rivela le sue sembianze attuali: un'anziana donna su sedia a rotelle che si trasforma in una pianta carnivora gigante. Ethan riesce a danneggiare Eveline con una pistola lanciatagli da un elicottero, uccidendola. Ethan viene soccorso da Chris Redfield, veterano della lotta al bioterrorismo che ora lavora per la Blue Umbrella, la ex Umbrella Corporation che ora si dedica al bene della società.

Finale buonoModifica

Finale ottenibile se si sceglie di curare Mia invece di Zoe quando richiesto.

Dopo essersi allontanato in barca con Mia, la coppia viene attaccata dalla melma scura. Dopo aver trovato Ethan, Mia lo libera dalla melma poco prima di venire posseduta da Eveline. Dopo aver ucciso Eveline, Ethan e Mia vengono salvati da Chris Redfield e hanno intenzione di ricominciare una vita assieme.

Finale cattivoModifica

Finale ottenibile se si sceglie di curare Zoe invece di Mia quando richiesto.

Dopo essersi allontanato in barca con Zoe, quest'ultima viene attaccata da Eveline ma, non avendo gli anticorpi necessari per resistere alla possessione, viene trasformata in pietra. Dopo essere stato salvato da Mia, quest'ultima non resiste abbastanza a lungo senza siero e viene posseduta da Eveline, venendo successivamente uccisa con una barra di ferro da Ethan. Dopo aver ucciso Eveline, Ethan viene salvato da Chris e caricato su un elicottero, da dove getta il cellulare con il video di Mia in cui gli chiedeva di venirla a prendere.

Nessun eroeModifica

Nel DLC Nessun eroe, ambientato dopo gli eventi del gioco base, Chris Redfield dà la caccia a Lucas Baker nelle miniere collegate a casa Baker, dopo che questo avrà preso in ostaggio alcuni membri della BSAA.

Dopo aver trovato un soldato, Lucas lo fa esplodere con una bomba adesiva telecomandata e attacca la stessa bomba sul braccio di Redfield, intimandogli di lasciarlo in pace. Chris parte alla ricerca degli altri soldati e cerca di salvarli, fallendo però nel tentativo, mentre Lucas attiva il timer della bomba che aveva precedentemente attaccato al braccio di Chris. Chris riesce però a disattivare la bomba raffreddandola con dell'azoto liquido. Chris entra quindi nella talpa meccanica situata nella caverna centrale, ma Lucas incendia l'area della talpa. Chris riesce a sfuggire alla morte attraverso una botola e raggiunge un laboratorio dove trova Lucas, che ora lo crede morto. Dopo aver sparato a Lucas, quest'ultimo muta in un enorme mostro e i due intraprendono un violento scontro al termine del quale Chris uccide definitivamente Lucas, per poi tornare al campo base della BSAA.

La fine di ZoeModifica

Nel DLC La fine di Zoe, ambientato qualche settimana dopo Nessun eroe, verrà rivelato cosa è accaduto a Zoe Baker. Il giocatore vestirà i panni di Joe Baker, un pugile professionista, fratello di Jack e zio di Zoe. Il DLC si basa sul finale buono del gioco principale, quando Ethan sceglie di curare Mia al posto di Zoe.

A causa della mutazione del mutamicete Zoe si trasforma in pietra e viene trovata da due soldati della BSAA, i quali a loro volta vengono sorpresi e messi al tappeto da Joe. Interrogando uno dei due soldati, Joe apprende quanto accaduto alla ragazza settimane prima e che per salvarla è necessario un antidoto, la Necrotossina-E, attualmente nelle mani di un soldato. Joe trova l'antidoto, che però non è sufficiente per curare Zoe. Il soldato dice a Joe che è possibile crearne un altro, ma proprio allora irrompe una creatura mostruosa che uccide il soldato e rapisce Zoe. Joe segue le tracce del mostro e trova il nuovo antidoto, ma viene attaccato dal mostro, di cui apparentemente si libera uccidendolo. Prima che Joe possa iniettare l'antidoto a Zoe, il redivivo mostro della palude la rapisce nuovamente. Joe la ritrova, ma viene attaccato dal mostro che scopre essere suo fratello Jack, padre della stessa Zoe, che la porta alla vecchia casa dei Baker. Joe riesce infine a uccidere Jack e viene trovato e portato in un'area sicura da Chris Redfield assieme a Zoe. Ethan Winters chiama per telefono la ragazza, informandola che è riuscito a scappare con Mia dalle mostruosità di Dulvey e che non l'ha mai abbandonata.

Modalità di giocoModifica

 
Il protagonista Ethan Winters nel salotto della casa principale dei Baker mentre brandisce una pistola. L'HUD visualizza in basso a destra le munizioni per l'arma equipaggiata, tra cui quelle attualmente presenti nel caricatore (in verde) e quelle residue (in bianco) e al centro dello schermo un'icona di interazione ambientale

Il gioco è uno sparatutto in prima persona e survival horror e il giocatore controlla Ethan Winters, un civile con scarse abilità di combattimento che tuttavia è in grado di utilizzare armi come pistole, fucili a pompa, lanciafiamme, esplosivi e motoseghe contro i residenti della tenuta, la famiglia Baker, nonché contro creature fungine umanoidi conosciute come molded, micomorfi o micotici[17][18][19]. Varie sezioni del gioco vengono trascorse risolvendo enigmi e combattendo contro i nemici che, se impegnati in combattimento, possono venire solo temporaneamente storditi[20]. Questi combattimenti sono però evitabili per mezzo di furtività o scappando[17][21]. Durante i combattimenti è possibile attivare la guardia per parare gli attacchi e ridurre il danno subìto. Alcune armi sono disponibili esclusivamente durante alcuni combattimenti.

 
L'indicatore della salute è mostrato sotto forma di elettrocardiogramma. A colori diversi corrispondono stati diversi della salute: verde indica lo stato normale, arancione indica che si sono subìti dei danni, rosso indica il pericolo di morte e viola indica l'avvelenamento

Alcuni oggetti possono essere combinati tra loro al fine di crearne un terzo: per esempio, con il fluido chimico, se combinato con dell'erba o della polvere da sparo, è possibile generare rispettivamente una soluzione medica (che permette di ripristinare parzialmente la salute) o delle munizioni per le armi; con il fluido chimico forte, invece, se combinato con l'erba o la polvere da sparo o i proiettili, è possibile creare rispettivamente una soluzione medica forte (che ripristina totalmente la salute), munizioni esplosive o proiettili potenziati, che infliggono maggiori danni ai nemici[22][23]. Gli oggetti finali possono essere "separati", per mezzo di un agente separatore, nei componenti iniziali[24].

È possibile ampliare l'inventario raccogliendo alcuni zaini sparsi per le ambientazioni di gioco[25]. Se non c'è abbastanza spazio nell'inventario per un oggetto, è possibile depositarlo in delle casse e recuperarlo in qualsiasi momento[26]. Il giocatore può trovare delle "monete antiche" con inciso un simbolo di pellicano che possono essere usate come gettoni per sbloccare delle armi o degli steroidi, che aumentano la salute massima e la velocità.

Nell'espansione Nessun eroe il protagonista Chris Redfield può colpire i nemici con i pugni dopo averli storditi con i colpi delle armi[27]; invece, nell'espansione La fine di Zoe, il protagonista Joe Baker può abbattere furtivamente i nemici alle spalle o pestarli dopo averli atterrati in combattimento[28].

DoppiaggioModifica

Di seguito sono riportati i doppiatori che hanno prestato la voce ai personaggi del videogioco:[29]

Personaggio Doppiatore   Doppiatore   Doppiatore  
Ethan Winters Todd Soley Hidenobu Kiuchi Renato Novara
Mia Winters Katie O'Hagan Akari Higuchi Katia Sorrentino
Zoe Baker Giselle Gilbert Yū Kobayashi Ludovica De Caro
Jack Baker Jack Brand Kazuhiro Yamaji Oliviero Corbetta
Marguerite Baker Sara Coates Maki Izawa Marina Thovez
Lucas Baker Jesse Pimentel Setsuji Satō Alessandro Capra
Joe Baker Gage Maverick Kōsei Hirota Gianni Quillico
Eveline "anziana" Patricia McNeely Yuri Tabata Elisabetta Cesone
Eveline "giovane" Paula Rhodes Sumire Morohoshi Annalisa Usai
Chris Redfield David Vaughn Hiroki Tōchi Claudio Moneta
Alan Droney Kip Pardue Kiyomitsu Mizuuchi Marco Benedetti
Clancy Jarvis Tony Vogel Yū Seki Alessandro Germano
Peter Walken Robert Vastal Davide Fumagalli
Andre Stickland Christopher Ashman Tomoyuki Shimura Francesco Mei
David Anderson Hari Williams Minoru Kawai Matteo De Mojana
Veronica Caroline Bloom Beatrice Caggiula
Hoffman Lorenzo Scattorin
Soldato 1 John Sutton Alessandro Zurla
Soldato 2 Mike Tarnofsky Mario Scarabelli
Soldato Marquez Alessandro Conte

Colonna sonoraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Colonna sonora di Resident Evil 7: Biohazard.

La colonna sonora del gioco è stata realizzata da Akiyuki Morimoto, Miwako Chinone, Satoshi Hori (questi primi compositori di Capcom), Cris Velasco e Brian D'Oliveira[30] ed è stata pubblicata il 24 gennaio 2017 in formato digitale[30].

SviluppoModifica

 
Logo del RE Engine, motore grafico utilizzato da Capcom per il gioco

Lo sviluppo del gioco è iniziato nel febbraio 2014, due anni dopo l'uscita di Resident Evil 6[31][32]. Dopo le critiche riscosse da quest'ultimo, accusato di essere troppo orientato all'azione[32], Capcom, ispirandosi al film del 1981 La casa[32], ha preferito concentrarsi maggiormente sulla tensione e ha scelto di usare una prospettiva in prima persona per lasciar immergere il giocatore in un'atmosfera orrorifica e per far tornare la serie alle sue origini di survival horror[32][33][34].

Resident Evil 7: Biohazard utilizza il motore grafico RE Engine, sviluppato da Capcom[35][36][37][38]. Capcom ha preso in considerazione l'idea di realizzare una versione in realtà virtuale del titolo, iniziandone lo sviluppo nell'ottobre 2015, per il quale è stato creato un team separato[39][40]. Un anno prima dell'annuncio ufficiale del gioco, Capcom ha presentato all'Electronic Entertainment Expo 2015 una demo in prima persona per PlayStation VR a tema horror, KI7CHEN, realizzata con il RE Engine[41][42]. Questa demo è stata usata per valutare le effettive capacità del RE Engine in realtà virtuale (nonostante il gioco fosse in sviluppo da un anno a questa parte)[32]. Al momento della rivelazione ufficiale del gioco, lo sviluppo di quest'ultimo era completo al 65% circa[43][44].

Il gioco è stato diretto da Koshi Nakanishi, precedentemente direttore di Resident Evil: Revelations, accompagnato da una squadra di sviluppo di circa 120 dipendenti[33]. Richard Pearsey, scrittore dei due pacchetti di espansione di F.E.A.R. e uno dei designer narrativi di Spec Ops: The Line, ha scritto la trama del gioco[45]. Alcuni modelli di micomorfi, nemici presenti nel gioco, sono stati inizialmente creati in forma fisica da truccatori, per poi essere scansionati tramite fotogrammetria; tale tecnologia si è rivelata utile per realizzare la maggior parte delle risorse del gioco, ma ha creato problemi nella realizzazione dell'ambientazione paludosa della Louisiana, che ha richiesto a Capcom un lavoro manuale[46]. Mentre la seconda espansione del gioco, La fine di Zoe, è stata sviluppata da Capcom, la prima, Nessun eroe, è stata sviluppata da HexaDrive[47].

Per rispettare le norme previste da Computer Entertainment Rating Organization (CERO), ente che si occupa della classificazione in base all'età dei videogiochi in Giappone, la versione giapponese del gioco è stata parzialmente censurata e i ritocchi riguardano essenzialmente l'agente federale David Anderson: nella versione occidentale, quando Ethan apre il frigorifero nella roulotte fuori alla casa principale dei Baker per accedere all'area test, trova la testa decapitata di Anderson, mentre nella versione giapponese questo elemento è stato sostituito da una fotografia dell'agente; analogamente è stato fatto per la scena in cui Ethan deve inserire la mano nel cadavere dell'agente per prendere la chiave serpente per proseguire nel gioco[48][49]. In Giappone è stata pubblicata una Grotesque Version del gioco, che ha ottenuto la classificazione "Z" da CERO poiché esclude le censure presenti nella versione normale giapponese (che invece ha ottenuto la classificazione "D")[50].

DistribuzioneModifica

 
Riproduzione di casa Baker all'E3 2016

A ottobre 2016 Capcom ha pubblicato The World of Resident Evil 7, una serie di filmati in cui gli sviluppatori parodiano e ironizzano su alcuni contenuti del gioco, che sarebbe poi uscito a gennaio 2017[51][2][52]. Se acquistato su PC tramite Windows Store o da Rete Xbox, è possibile giocare al gioco su entrambe le piattaforme mediante il programma Xbox Play Anywhere e ciò lo rende il primo videogioco di un'azienda terza riproducibile attraverso tale programma[53][54][55]. Nel novembre 2016 è stata inoltre confermata una funzione di salvataggio intermedio tra Xbox One e Microsoft Windows[56][57].

Capcom ha collaborato con la società statunitense di marketing iam8bit per produrre un'escape room, Resident Evil Escape Room Experience, evento tenutosi all'Echo Park di Los Angeles in cui gruppi composti da sei partecipanti vengono guidati da dei dipendenti dell'Umbrella Corporation attraverso una serie di stanze dove risolvere enigmi per poter scappare[58]. Un evento simile si è tenuto a Londra in concomitanza con l'uscita del gioco[59].

Una Collector's Edition esclusiva di GameStop includeva un carillon con la forma di villa Baker che riproduce la melodia di Go Tell Aunt Rhody, una chiave USB da 4 GB a forma di manichino contenuta in una scatola di cassette VHS, una custodia SteelBook contenente il gioco, una litografia della famiglia Baker e una nota[60][61]; una versione britannica, che tuttavia non includeva il carillon, ha aggiunto anche un artbook chiamato Survival Pack: Action Set e una riproduzione della casa principale dei Baker[62]. I preordini statunitensi su PlayStation 4 e Xbox One includevano un codice per l'installazione gratuita del film Resident Evil: Retribution del 2012[63]. Una candela 4D con il profumo della residenza dei Baker è stata realizzata per migliorare l'esperienza di gioco in realtà virtuale[64].

Il gioco è stato pubblicato per Microsoft Windows, PlayStation 4 e Xbox One in Nordamerica, Europa e Oceania il 24 gennaio 2017 e in Giappone il 26 gennaio[2][1]; è inoltre uscito in accesso anticipato come titolo di lancio di Amazon Luna e Google Stadia rispettivamente il 20 ottobre 2020 e il 1º aprile 2021[7][8]. Per un anno dalla sua uscita, la versione del gioco in realtà virtuale rimarrà un'esclusiva PlayStation VR[65][16]. Il gioco ha presto creato attorno a sé una comunità di 4 700 000 giocatori, dei quali 750 000 giocano in realtà virtuale, da tutto il mondo[66]. La versione Windows del gioco è stata protetta per cinque giorni dall'uscita dal software antipirateria Denuvo, ma il programma è stato violato[67]. Una versione cloud per Nintendo Switch, intitolata Biohazard 7: Resident Evil Cloud Version, è stata distribuita in Giappone il 24 maggio 2018[5][6]. I giocatori possono accedere gratuitamente ai primi 15 minuti di gioco e continuare a giocarci successivamente acquistando un pass che consente gioco illimitato per 180 giorni[68].

Prima della sua pubblicazione ufficiale, il gioco è stato spesso paragonato a Silent Hills, di Konami, per via del gameplay e della visuale in prima persona. Capcom ha sostenuto che Resident Evil 7: Biohazard era in sviluppo da molto tempo prima dell'uscita del teaser giocabile di Silent Hills, negando di aver assunto il personale addetto allo sviluppo di quest'ultimo titolo per Resident Evil 7: Biohazard[69][70].

Demo e trailerModifica

Capcom ha pubblicato, il 13 giugno 2016 per PlayStation 4, il 9 dicembre per Xbox One e il 19 dicembre per Windows, Resident Evil 7 Teaser: The Beginning Hour, una demo in prima persona ambientata in una casa fatiscente dalla quale il personaggio giocante deve fuggire[41][71]. A seconda delle azioni intraprese dal giocatore, la demo può avere tre finali diversi[72]. A luglio 2016 The Beginning Hour ha registrato oltre 2 milioni di download[73]. In concomitanza con l'uscita del primo trailer ufficiale del gioco, un aggiornamento della demo chiamato versione Twilight, che includeva nuove stanze, oggetti e rompicapo, è stato reso disponibile il 15 settembre 2016[74]; un ulteriore aggiornamento, la versione Midnight, che includeva aree e oggetti aggiuntivi e un enigma relativo a un indovinello già presente dalla versione Twilight, è stato reso disponibile il 3 dicembre 2016[75]. Capcom in seguito ha rivelato che The Beginning Hour era un'esperienza a sé stante e non un segmento del gioco[76][77]. Un'altra demo, Lantern, è stata resa disponibile per i partecipanti alla Gamescom 2016[78]; la demo vede come protagonista Mia, che si nasconde da un'anziana signora agitata con in mano una lanterna; quest'ultima è Marguerite Baker, menzionata per la prima volta in The Beginning Hour[79].

Shacknews ha notato somiglianze tra la trama della demo The Beginning Hour e quella di Sweet Home[80], videogioco del 1989 sviluppato da Capcom considerato un "precursore" di Resident Evil[81][82][83], mentre Eurogamer ha paragonato la demo Lantern a Alien: Isolation[84].

Contenuti scaricabiliModifica

 
Biglietto di prova per la Gold Edition del gioco in taiwanese

Il 31 gennaio e il 14 febbraio 2017 sono stati rispettivamente pubblicati per PlayStation 4 due pacchetti per il gioco: Filmati confidenziali Volume 1, che include i minigiochi Incubo, La stanza e Ethan deve morire, e Volume 2, che invece include i minigiochi Ventuno e Cinquantacinquesimo compleanno di Jack e la mini campagna Figlie[85][86][87]; il 21 febbraio 2017 sono stati pubblicati anche per Xbox One e Microsoft Windows[88]. Nessun eroe, la cui uscita è stata rimandata al secondo trimestre del 2017,[89][90] e La fine di Zoe sono stati pubblicati gratuitamente il 12 dicembre 2017[3]. Lo stesso giorno dell'uscita di La fine di Zoe, Capcom ha pubblicato una Gold Edition che include il gioco principale e tutti i contenuti scaricabili pubblicati precedentemente[3][4].

Nell'espansione Incubo il giocatore impersona Clancy Javis, il quale viene rinchiuso nei sotterranei della casa principale dei Baker e deve cercare di sopravvivere fino all'alba combattendo contro ondate di micomorfi e affrontando anche Jack Baker; in La stanza il giocatore impersona Clancy Javis, il quale si ritrova ammanettato a un letto in una stanza della casa principale dei Baker e deve cercare di evadere da quest'ultima risolvendo enigmi e rompicapi, facendo anche attenzione a Marguerite Baker che viene a fargli visita ogni tanto e, se dovesse scoprire che Clancy si è alzato dal letto per tentare di fuggire, lo ucciderebbe; in Ethan deve morire il giocatore impersona Ethan Winters, il quale si ritrova nel giardino della tenuta dei Baker. L'uomo giunge nel soggiorno della casa principale e recupera la chiave per sbloccare la porta della serra e qui affronta e uccide Marguerite Baker nella sua forma mutata; in Ventuno il giocatore impersona Clancy Javis, il quale si ritrova intrappolato da un letale macchinario e costretto da Lucas Baker ad affrontare una mortale partita a blackjack contro un altro prigioniero, Hoffman; in Cinquantacinquesimo compleanno di Jack il giocatore impersona Mia Winters, la quale deve esplorare l'intera tenuta Baker per trovare cibo e bevande da portare a Jack Baker per il suo cinquantacinquesimo compleanno; la mini campagna Figlie si ambienta tre anni prima del gioco principale e il giocatore impersona Zoe Baker. Jack Baker trova Eveline nella palude circostante e la porta alla casa principale, chiedendo a Zoe di prendere dei vestiti puliti per la bambina, ma in quest'occasione Eveline fugge e infetta Marguerite, la quale a sua volta infetta Jack, che a sua volta infetta Lucas, trascinandolo in una stanza. A seconda delle scelte del giocatore durante la partita, il finale può assumere due risvolti differenti: Zoe esce dalla casa e raggiunge la roulotte col corpo incosciente di Mia con un biglietto, per poi venire addormentata e infettata da Eveline e risvegliarsi il giorno seguente con la famiglia che fa colazione. In alternativa, Zoe può accedere al garage e cercare di fuggire con l'automobile che si trova all'interno, per poi venire brutalmente stordita e infettata da Jack.

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Valutazioni professionali
Testata Versione Giudizio
Metacritic (media al 29-6-2021) PS4 86/100[91]
XB1 86/100[92]
Windows 83/100[93]
Daily News PS4 80/100[94]
Destructoid PS4 10/10[95]
Digital Spy PS4 10/10[96]
Edge PS4 90/100[97]
Electronic Gaming Monthly PS4 5/5[98]
Escapist Magazine PS4 4/5[99]
Eurogamer (ITA) PS4 9/10[23]
Eurogamer (POL) PS4 8/10[100]
Everyeye.it PS4 9/10[101]
Forbes PS4 8,5/10[102]
Game Informer PS4 8,5/10[103]
GamePro (DEU) PS4 88/100[104]
GamesRadar+ PS4 4,5/5[105]
GameRevolution PS4 8/10[106]
GameSpot PS4, XB1, Windows 8/10[107]
Giant Bomb PS4 4/5[108]
Hardcore Gamer PS4 4/5[109]
Hobby Consolas PS4 93/100[110]
IGN PS4, XB1 7,7/10[111]
IGN (ITA) PS4 9,1/10[112]
IGN (ESP) PS4 8,7/10[113]
International Business Times (GBR) PS4 4,5/5[114]
Multiplayer.it PS4 9/10[25]
Official Xbox Magazine (GBR) XB1 8/10[115]
PC Gamer Windows 90/100[116]
PlayStation Official Magazine (AUS) PS4 9/10[117]
PlayStation Official Magazine (GBR) PS4 9/10[118]
Polygon PS4 9/10[17]
Slant Magazine PS4 4/5[119]
The Daily Dot PS4 10/10[120]
The Daily Telegraph PS4 4/5[121]
The Games Machine PS4 9/10[122]
The Guardian PS4 5/5[123]
The Sydney Morning Herald XB1 80/100[124]
The Washington Post PS4 50/100[125]
Time PS4 2,5/5[126]
Yahoo! Finanza PS4 4/5[127]

Il gioco è stato accolto in maniera positiva, ricevendo delle recensioni ottime e delle valutazioni molto alte da parte della critica e dei revisori[91][92][93].

Secondo Zack Furniss di Destructoid Resident Evil 7: Biohazard "sembrava essere uno strano approccio occidentale alla serie di Resident Evil, ma ha superato le mie aspettative: non mi aspettavo che si avvicinasse così tanto alle radici della serie pur riuscendo ancora a offrire un po' di azione e controlli intuitivi", lodando la produzione, definendola "la migliore nei giochi Capcom", il sound design "meravigliosamente inquietante", il "ritmo magistrale", la trama, i personaggi e le ambientazioni, criticando però "i nemici poco vari" e "i boss leggermente deludenti", sostenendo che "la perfezione non esiste, ma Resident Evil 7 vi si avvicina"[95]. Digital Spy ha trovato il gioco "tanto geniale e spaventoso quanto brillante e sanguinario", elogiando "le meravigliose ambientazioni", "il ritmo e l'atmosfera tesa che richiamano le origini della serie" e i personaggi, ma criticando la brevità della campagna e "la scarsa diversificazione dei nemici"[96]. Electronic Gaming Monthly ha affermato che Resident Evil 7: Biohazard è "un pacchetto davvero terrificante che si rifà alle radici della serie e riesce a mescolare le caratteristiche dell'horror orientale e di quello occidentale", affermando che il gioco "è riuscito a reintrodurre la tensione tipica dei primi capitoli che da Resident Evil 6 era stata sostituita dall'azione", sostenendo che "il livello di dettaglio", "il ritmo lento e accattivante" e "l'ottima esperienza in realtà virtuale" lo rendono "il miglior capitolo della serie mai realizzato"[98]. Secondo Liz Finnegan di Escapist Magazine il gioco presenta "l'ambientazione più terrificante che io abbia mai visto da villa Spencer" e nonostante "i combattimenti con i boss non spettacolari ed enigmi dimenticabili, nessuna di queste cose toglie nulla all'atmosfera horror complessiva, al gameplay divertente e ai brillanti antagonisti che ami odiare", concludendo affermando che Resident Evil 7: Biohazard "è tutto ciò che la serie avrebbe dovuto essere fino a questo punto, e onestamente mi sarei accontentato di meno"[99]. Eurogamer ha affermato che "è difficile immaginare una miglior evoluzione di una serie storica soprattutto grazie allo sfondo deliziosamente strutturato e l'ambientazione orrorifica che invoglia i giocatori ad attendere i prossimi capitoli", affermando che "nonostante l'assenza dei tricipiti di Chris, i pettorali di Claire, le pistole fumanti di Jill e di quel doppio/triplogiochista di Wesker, Resident Evil 7: Biohazard è Resident Evil in ogni singola cellula"[128]; seppur Eurogamer non abbia dato una valutazione al gioco, le edizioni italiana e polacca del sito gli hanno assegnato rispettivamente un punteggio di 9/10 e di 8/10[23][100].

Everyeye.it ha trovato Resident Evil 7: Biohazard "un gioco che conserva l'eredità della prima trilogia, un capolavoro, un viaggio infernale pieno di terrore e paura, con una storia di follia e ossessioni, spaventosa e viscerale, il lungo resoconto di una tortura fisica e mentale, il delirio allucinato di un contagio che non lascia scampo", affermando che il gioco "rappresenta uno stacco netto rispetto alle sue declinazioni più recenti, con personaggi, nomi, ambientazioni e atmosfere totalmente cambiati, ma senza sconfessare la sua tradizione più antica, mutuando l'impianto della prima trilogia"[101]. Secondo Game Informer Capcom "è riuscita a reinventare una serie storica e sebbene il settimo capitolo non raggiunga le vette di spettacolo e innovazione di Resident Evil 4, resta una gradita aggiunta alla serie sia in termini di gameplay che di tradizioni e un ottimo punto di ingresso per i neofiti"[103]. Secondo l'edizione tedesca di GamePro Resident Evil 7: Biohazard "rappresenta il punto di svolta di cui la serie tanto aveva bisogno, ma non riesce a raggiungere il grande successo" e che "sarebbe stato difficile scegliere un'ambientazione horror che fosse riuscita a trasmettere un costante senso di tensione e angoscia meglio della fatiscente villa Baker"[104]. GamesRadar+ ha definito il gioco come "un grande passo in avanti per la serie è un ottimo gioco horror a sé stante", apprezzando in particolare i personaggi e le ambientazioni e "la costante ansia che queste ultime riescono a trasmettere", ma lamentando "la poca profondità delle fasi finali di gioco e la scarsa costanza dei combattimenti contro i boss"[105]. GameRevolution ha trovato Resident Evil 7: Biohazard "un grande tripla A horror e orgoglio di Capcom, che è riuscita nell'impresa di riportare in vita Resident Evil dopo anni di crisi d'identità, anche se la serie ha perso parte del suo fascino nella transizione verso l'oscurità"[106]. GameSpot ha giudicato il gioco "un notevole successo che dal punto di vista horror è qualcosa di speciale, con una visione chiara che riesce a seguire con pazienza e precisione impressionanti", lamentando però "i combattimenti contro i boss leggermente incoerenti" e "alcune sezioni di gioco tagliabili"[107]. Secondo Giant Bomb il gioco "presenta la giusta quantità di colpi di scena e riesce a mantenere viva l'eredità storica della serie pur reinterpretandola in chiave moderna", aggiungendo che "anche se non raggiunge il livello di un elemento rivoluzionario del settore come Resident Evil 4, il settimo capitolo si piazza tra i migliori della serie"[108].

Hardcore Gamer ha criticato il gioco per "le sue incongruenze", sostenendo che quest'ultimo "fatica a trovare un equilibrio tra l'essere un titolo puramente horror o uno che ricorda più il passato di Resident Evil, e la presentazione e la scrittura scadenti non aiutano. Eppure gran parte di ciò può essere facilmente perdonato o addirittura dimenticato perché immerge così bene il giocatore in un terrificante mondo di orrori grazie alla lucidatura, alle sequenze di combattimento inizialmente intense e alle numerose sequenze memorabili che vanno dalla semplice esplorazione ai grandiosi combattimenti contro i boss"[109]. La rivista spagnola Hobby Consolas ha trovato Resident Evil 7: Biohazard "un titolo che cambia direzione rispetto ai giochi precedenti e che ritorna alle sue basi di survival horror: risolvere gli enigmi, esplorare gli ambienti ed evitare i nemici invece di affrontarli", aggiungendo che "il gioco è fantastico anche per i nuovi arrivati ed è anche il miglior gioco che chiunque può provare su PlayStation VR"[110]. Chloi Rad di IGN ha affermato che Resident Evil 7: Biohazard "si basa su elementi che hanno reso grande il capostipite della serie pur continuando a concedersi un nuovo rischioso cambiamento di stile che aiuta e danneggia l'amata formula in egual misura" e che "il settimo capitolo rappresenta un gradito ritorno che spero davvero di vedere di più in futuro", assegnandogli un punteggio di 7,7/10[111], mentre le edizioni italiana e spagnola del sito hanno assegnato al gioco rispettivamente un punteggio di 9,1/10 e 8,7/10[112][113]. Kotaku ha affermato che Resident Evil 7: Biohazard "può occasionalmente essere frustrante a causa di eccessivi combattimenti contro i boss e rompicapi paternalistici, ma rappresenta comunque un'esplosione spaventosa e violenta di un survival horror che dipinge un futuro luminoso per il franchise", definendolo "sanguinoso, teso ed emozionante" e aggiungendo che "il settimo capitolo è esattamente ciò di cui la serie aveva bisogno. Piena di terrore e ansia, la serie che ha dato il via a tutto si è finalmente ritrovata dopo decenni di vagabondaggio"[129].

Secondo Multiplayer.it il gioco "ha centrato il suo obbiettivo poiché il giocatore rimane col desiderio di averne di più, sperando in qualche contenuto aggiuntivo di un gioco confezionato in maniera eccellente che ha permesso alla serie di ripartire; una ripartenza che ha in parte il sapore della novità, ma che allo stesso tempo porta con sé il gusto dei primi capitoli richiesto a gran voce dai fan", consigliando il gioco "sia a chi si avvicina per la prima volta alla serie, sia a chi ne ha sviscerato ogni capitolo"[25]. Riguardo al gioco, Andy Kelly di PC Gamer ha affermato che "non si tratta della reinvenzione drammatica che mi aspettavo, ma questo è un survival horror teso e raffinato con un'atmosfera brillantemente cupa e sudicia", definendolo "un sicuro tentativo di reinvenzione" e aggiungendo che "il modo in cui chiama a sé i capitoli della serie più vecchi, in particolare il primo, lo rende davvero fantastico" e che "quello che il gioco offre è un'esperienza horror snella e raffinata che prende in prestito elementi dalla sua eredità, ma non ha paura di trarre ispirazione anche dai giochi horror moderni. Perde qualcosa nell'atto finale e alcune delle battaglie contro i boss sembrano una sbornia dei vecchi tempi, ma per il resto questo è comodamente il miglior Resident Evil degli ultimi anni"[116]. Polygon ha affermato che Resident Evil 7: Biohazard "è un'evoluzione che si adatta perfettamente al mondo e al materiale sorgente creato da Capcom, anche se cambiamenti radicali come i personaggi o la visuale in prima persona potrebbero essere scoraggianti per i fan di lunga data", aggiungendo che "è difficile capire se Resident Evil 7 resisterà alla prova del tempo come Resident Evil o Resident Evil 4, ma indipendentemente da ciò, rimane un gioco eccellente che spinge la serie in degne nuove direzioni"[17]. Rock, Paper, Shotgun ha trovato Resident Evil 7: Biohazard "particolarmente incentrato sui suoi cattivi piuttosto che sulle loro vittime", aggiungendo che "si tratta di un gioco che sa spaventare l'utente, scioccarlo, strappargli una risata nervosa e fargli scuotere la testa incredulo, ma soprattutto che sa divertire", paragonando il gioco a media franchise horror come Venerdì 13, Halloween e Nightmare[130]. Mirko Marangon di The Games Machine ha trovato che "Koshi Nakanishi sia riuscito a svecchiare il franchise di Resident Evil pur senza reinventarlo, portando a compimento un titolo che racchiude in sé i concetti di base dei survival horror, con riferimenti e meccaniche che hanno reso celebre una delle saghe videoludiche più longeve di sempre e ottenendo complessivamente un ottimo risultato"[122].

VenditeModifica

Capcom aveva previsto che Resident Evil 7: Biohazard avrebbe venduto circa 4 milioni di unità entro aprile 2017[131]. Giorni dopo l'uscita ufficiale del gioco, quest'ultimo aveva già venduto circa 2,5 milioni di copie, mentre le demo avevano superato 17,5 milioni di download[132]. La cifra di spedizione ha influenzato il prezzo delle azioni di Capcom, che è sceso di oltre il 3% stando alla borsa di Tokyo[133]. Secondo Chart-Track, Resident Evil 7: Biohazard è stato il videogioco più venduto nel Regno Unito durante la sua settimana di uscita, rivelandosi il terzo miglior debutto nella serie di Resident Evil dopo Resident Evil 5 (7,1 milioni di copie vendute) e Resident Evil 6 (6,6 milioni). Sono state vendute ulteriori 200 000 copie anche tramite Steam nello stesso periodo[133][134][135]. Il gioco si è classificato al primo posto nelle classifiche di vendita giapponesi per la settimana terminata il 29 gennaio; il gioco ha venduto 187 306 copie su PlayStation 4[136], il 58,9% della sua spedizione iniziale[137]. Resident Evil 7: Biohazard è stato il gioco più venduto negli Stati Uniti nel mese di uscita[138].

Il 1º febbraio 2017 Capcom ha comunicato ai suoi investitori che il gioco aveva recuperato il suo budget[139], rimanendo in testa alla classifica di vendite britanniche nella settimana successiva alla sua uscita[140] e classificandosi come secondo videogioco più venduto negli Stati Uniti dopo For Honor[141]. Ad aprile 2017, Resident Evil 7 aveva venduto più di 3,5 milioni di copie in tutto il mondo, al di sotto delle aspettative iniziali di Capcom di 4 milioni[142]. Nel maggio 2017, Capcom ha fornito al gioco una previsione di vendita permanente di dieci milioni di unità, citando recensioni favorevoli, marketing e contenuti scaricabili come fattori maggiormente contribuenti[143]. Il gioco è entrato nella classifica dei Capcom Platinum Titles, come uno dei titoli più venduti nella storia di Capcom. A settembre 2018, le vendite totali sono state 5,7 milioni[144], salite poi a 6 milioni a dicembre[145], 7,5 milioni a marzo 2020[146], 7,9 milioni entro giugno 2020[147], 8,3 milioni entro settembre 2020 e 8,5 milioni entro dicembre 2020[148]. Al 31 marzo 2021, il gioco ha venduto 9 milioni di copie[149], mentre l'8 ottobre dello stesso anno è stato superato il muro delle 10 milioni di copie spedite ai rivenditori, con una media di 2 milioni di copie vendute l'anno[150].

RiconoscimentiModifica

Anno Premio Categoria Risultato Fonte
2016 Game Critics Awards Miglior gioco VR Candidato [151]
Golden Joystick Awards 2016 Gioco più desiderato Candidato [152]
2017 Golden Joystick Awards 2017 Miglior gioco VR Vincitore [153][154]
Ultimate Game of the Year Candidato
Migliori prestazioni di gioco (Jack Brand) Candidato
Ping Awards Miglior gioco internazionale Candidato [155]
The Game Awards 2017 Miglior direzione di gioco Candidato [156]
Miglior progettazione del suono Candidato
Miglior gioco VR/AR Vincitore
2018 New York Game Awards 2018 Big Apple Award per Miglior gioco dell'anno Candidato [157]
Coney Island Dreamland Award per il Miglior gioco in realtà virtuale Vincitore
National Academy of Video Game Trade Reviewers Awards Animazione, Tecnico Candidato [158][159]
Direzione della telecamera in un motore di gioco Candidato
Progettazione dei controlli, VR Vincitore
Direzione in un gioco Candidato
Gioco, franchise d'azione Candidato
Grafica, Tecnico Candidato
Prestazioni in un dramma, Supporto (Katie O'Hagan) Candidato
Effetti sonori Vincitore
Mixaggio del suono in realtà virtuale Vincitore
Utilizzo del suono, franchise Vincitore
Italian Video Game Awards Scelta della gente Candidato [160]
Gioco dell'anno Candidato
SXSW Gaming Awards Eccellente in SFX Candidato [161][162]
Realizzazione tecnica eccellente Candidato
Gioco dell'anno VR Vincitore
Game Developers Choice Awards Miglior gioco VR/AR Candidato [163][164]
Game Audio Network Guild Awards Miglior audio VR Vincitore [165]
Famitsu Awards Premio eccellente Vincitore [166]

Resident Evil 7: Biohazard ha vinto diversi premi ed è comparso in svariate classifiche, guadagnandosi il sesto posto nella lista dei 25 migliori giochi del 2017 su GamesRadar+[167][168] e il quinto posto su Business Insider[169]. Vulture.com lo ha elencato tra i migliori videogiochi del 2017[170]. L'edizione britannica di PlayStation Official Magazine ha classificato il gioco come il quarto miglior gioco per PlayStation VR[171], Entertainment Weekly lo ha classificato al terzo posto nella lista Migliori giochi del 2017[172], The Verge lo ha nominato nella lista 15 migliori giochi del 2017[173], Polygon lo ha classificato al quinto posto nella lista 50 migliori giochi del 2017[174], Electronic Gaming Monthly lo ha classificato al settimo posto nella lista 25 Migliori giochi del 2017[175], mentre Eurogamer lo ha classificato al quattordicesimo posto nella lista 50 migliori giochi del 2017[176]. Ben "Yahtzee" Croshaw di Escapist Magazine lo ha nominato come il suo gioco preferito del 2017[177]. Inoltre il gioco occupa il primo posto della categoria Miglior gioco VR nei Reader's Choice Best of 2017 Awards di Game Informer[178] e ha ricevuto il premio Miglior gioco d'azione VR negli Action Game of the Year Awards 2017[179].

SequelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Resident Evil Village.

Nel 2017 Capcom ha annunciato di aver già avviato lo sviluppo del sequel diretto del videogioco, Resident Evil Village, il quale è stato pubblicato il 7 maggio 2021 per PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox One, Xbox Series X e Series S, Microsoft Windows e Google Stadia[180][181]. Village si ambienta tre anni dopo 7: Biohazard e segue nuovamente le vicende di Ethan Winters, che è stato da poco trasferito in Romania dai paramilitari della Blue Umbrella. Dopo un concatenarsi di brutali eventi che hanno visto coinvolta la moglie Mia e la figlia con lei avuta, Rosemary, Ethan si troverà ad affrontare creature bestiali antiche, dette lycan, e altri mostri in un superstizioso villaggio rurale.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) FEAR COMES HOME AS CAPCOM ANNOUNCES RESIDENT EVIL™ 7 biohazard, su Turn Left Distribution, 14 giugno 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 21 aprile 2018).
  2. ^ a b c (EN) Sal Romano, Capcom begins ‘The World of Resident Evil 7’ short video series, su Gematsu, 14 ottobre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 16 ottobre 2016).
  3. ^ a b c (EN) Vic Hood, Resident Evil 7 Gold Edition announced, su Eurogamer, Gamer Network, 5 settembre 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 5 settembre 2017).
  4. ^ a b (EN) Michael McWhertor, Resident Evil 7’s next DLC drops in December, su Polygon, Vox Media, 5 settembre 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 12 novembre 2020).
  5. ^ a b Umberto Merone, Resident Evil 7 Cloud Version: l'orrore di Capcom su Nintendo Switch, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 23 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 30 giugno 2021).
  6. ^ a b Emanuele D'Ascanio, Resident Evil 7 arriva su Nintendo Switch via Cloud, su Tom's Hardware, Bestofmedia group company, 21 maggio 2018. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  7. ^ a b (EN) Alexandria Sakellariou, All 72 Games Available On Amazon Luna, su ScreenRant, 30 settembre 2020. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 2 maggio 2021).
  8. ^ a b (EN) Resident Evil 7 comes to Stadia Pro, Resident Evil Village comes with free Stadia Premiere Edition, su Stadia Community, 22 marzo 2021. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato l'11 maggio 2021).
  9. ^ a b Resident Evil 7 Biohazard requisiti di sistema, su Systemreqs.com. URL consultato il 15 settembre 2021 (archiviato il 21 gennaio 2021).
  10. ^ (JA) BIOHAZARD 7 resident evil, su PlayStation Store, Sony. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 20 aprile 2021).
  11. ^ (EN) Resident Evil 7 biohazard, su Entertainment Software Rating Board, Entertainment Software Association. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  12. ^ (EN) RESIDENT EVIL 7 - Australian Classification, su Office of Film and Literature Classification (Australia), Department of Infrastructure, Transport, Regional Development and Communications, 26 agosto 2016. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 12 settembre 2021).
  13. ^ Resident Evil 7 biohazard, su PlayStation Store, Sony. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 26 gennaio 2021).
  14. ^ (DE) Resident Evil 7 biohazard, su PlayStation Store, Sony. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 7 giugno 2021).
  15. ^ Davide Leoni, RESIDENT EVIL 7 ANNUNCIATO, SARÀ COMPATIBILE CON PLAYSTATION VR, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 14 giugno 2016. URL consultato il 5 settembre 2021 (archiviato il 22 ottobre 2016).
  16. ^ a b Daniele Caruli, La modalità VR di Resident Evil 7 Biohazard sarà esclusiva PlayStation VR per 12 mesi, su Gamelite, 3 ottobre 2016. URL consultato il 5 settembre 2021 (archiviato il 9 ottobre 2016).
  17. ^ a b c d (EN) Philip Kollar, Resident Evil 7 review, su Polygon, Vox Media, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 23 giugno 2021).
  18. ^ (EN) Tom Phillips, If you like lots of guns in Resident Evil, 7 isn't for you, su Eurogamer, Gamer Network, 15 giugno 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 29 giugno 2021).
  19. ^ (EN) Allegra Frank, Resident Evil 7 plot, combat details outed by ESRB (update), su Polygon, Vox Media, 26 agosto 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato l'8 novembre 2020).
  20. ^ (EN) Resident Evil 7 Biohazard Official Vol. 8: Imagination, su IGN, Ziff Davis, 1º novembre 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 29 gennaio 2017).
  21. ^ (EN) Resident Evil 7 Biohazard Official Vol. 6: Immortal, su IGN, Ziff Davis, 25 ottobre 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 5 marzo 2017).
  22. ^ (EN) Resident Evil 7 Biohazard Official Vol. 5: Survival, su IGN, Ziff Davis, 25 ottobre 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 10 settembre 2017).
  23. ^ a b c Daniele Cucchiarelli, Resident Evil 7: Biohazard - recensione, su Eurogamer Italia, Gamer Network, 23 gennaio 2021. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 21 ottobre 2020).
  24. ^ Stefano Desimio, Resident Evil 7: Come sopravvivere alla modalità Manicomio - Guida, su GameSoul, 16 febbraio 2017. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 13 luglio 2021).
  25. ^ a b c Rosario Salatiello, Resident Evil 7 biohazard, recensione, su Multiplayer.it, NetAddiction, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 5 marzo 2021).
  26. ^ (EN) Resident Evil 7 Biohazard Official Vol. 2: Shotgun in the Box, su IGN, Ziff Davis, 14 ottobre 2016. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  27. ^ (EN) Resident Evil 7 Gold Edition — Tape-02 "Redfield" Trailer, su IGN, Ziff Davis, 16 ottobre 2017. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 9 maggio 2021).
  28. ^ Francesco Fossetti, Resident Evil 7 End of Zoe Recensione: un nuovo incubo, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 14 dicembre 2017. URL consultato il 13 luglio 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  29. ^ "Resident Evil 7: Biohazard", su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net. URL consultato il 9 settembre 2021 (archiviato il 26 aprile 2021).
  30. ^ a b (EN) Chris Greening, Composer, music and soundtrack details revealed for Resident Evil 7: biohazard, su VGMO -Video Game Music Online-, 11 gennaio 2017. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato l'11 gennaio 2017).
  31. ^ (EN) Famitsu Interview Reveals Resident Evil 7 is About 65 Percent Complete!, su Play-Asia, 16 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2017).
  32. ^ a b c d e (MUL) Felice Di Giuseppe, 13 cose che dovreste sapere su Resident Evil 7 biohazard, su IGN, Ziff Davis, 28 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  33. ^ a b (EN) Michael McWhertor, Resident Evil 7's demo content won't be in the main game, but a new hero will, su Polygon, Vox Media, 15 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 15 giugno 2016).
  34. ^ (EN) Stephany Nunneley, Resident Evil 7 cut content: zombies who reacted to breathing, the Baker's pet dog Diane, su VG247, Gamer Network, 23 marzo 2017. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  35. ^ (EN) Liam Doolan, Yes, Monster Hunter Rise Is Running On Capcom's RE Engine, su Nintendo Life, Gamer Network, 19 settembre 2020. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 16 aprile 2021).
  36. ^ (EN) Alex Battaglia, Resident Evil 2 Remake takes Capcom's RE engine to the next level, su Eurogamer, Gamer Network, 15 gennaio 2019. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 26 aprile 2021).
  37. ^ (EN) CAPCOM | Developers Interviews 2016: INTERVIEW 03:Jun Takeuchi, su CAPCOM IR. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato l'8 aprile 2021).
  38. ^ (EN) Matt Kim, Capcom Says RE Engine Will Power Its Next-Gen Game Development, Numerous Titles Already in the Works, su USgamer, 17 maggio 2019. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 26 aprile 2021).
  39. ^ (EN) Alan Bradley, Adding VR to Resident Evil 7 was 'like working on two games at once', su Gamasutra, UBM plc, 3 marzo 2017. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 3 marzo 2017).
  40. ^ Tommaso Pugliese, Inserire la modalità VR in Resident Evil 7 biohazard è stato come lavorare a due giochi anziché uno, dice Capcom, su Multiplayer.it, NetAddiction, 6 marzo 2017. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  41. ^ a b (EN) Tim Turi, Resident Evil 7 biohazard Ushers in a New Era of Fear, su Capcom-Unity, 13 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 15 giugno 2016).
  42. ^ (EN) Matt Hill, Kitchen is the scariest VR game ever, su Digital Spy, Hachette Filipacchi Médias, 17 giugno 2015. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 15 novembre 2015).
  43. ^ (EN) Famitsu Interview Reveals Resident Evil 7 is About 65 Percent Complete!, su Play-Asia, 16 giugno 2016. URL consultato il 4 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2017).
  44. ^ Edy Bernardini, Resident Evil 7: lo sviluppo è oltre metà strada dal termine, su Eurogamer Italia, Gamer Network, 17 giugno 2016. URL consultato il 4 ottobre 2021 (archiviato il 24 settembre 2020).
  45. ^ (EN) Shabana Arif, Resident Evil 7 written by a westerner, a first for the series, su VG247, Gamer Network, 17 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 18 giugno 2016).
  46. ^ (EN) Jeffrey Matulef, Here's some of the fine folks you'll meet in Resident Evil 7, su Eurogamer, Gamer Network, 29 agosto 2016. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 31 agosto 2016).
  47. ^ (JA) 株式会社ヘキサドライブ | HEXADRIVE | ゲーム制作を中心としたコンテンツクリエイト会社, su 株式会社ヘキサドライブ | HEXADRIVE | ゲーム制作を中心としたコンテンツクリエイト会社. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  48. ^ Gabriele Ferrara, Resident Evil 7: ecco come è stato censurato in Giappone, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 14 febbraio 2017. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato l'11 giugno 2017).
  49. ^ Alessandro Baravalle, L'impressionante censura della versione giapponese di Resident Evil 7, su Eurogamer Italia, Gamer Network, 14 febbraio 2017. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 21 settembre 2020).
  50. ^ (JA) BIOHAZARD 7 resident evil グロテスクVer., su PlayStation Store, Sony. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 20 novembre 2020).
  51. ^ Massimo De Marco Giglio, The World of Resident Evil 7, ecco la nona e la decima clip, su Eurogamer, Gamer Network, 8 novembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 29 giugno 2021).
  52. ^ (EN) Sal Romano, ‘The World of Resident Evil 7’ videos volumes 3 and 4, su Gematsu, 18 ottobre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 20 ottobre 2016).
  53. ^ (EN) Andy Chalk, Resident Evil 7: Biohazard confirmed as a "Play Anywhere" game, su PC Gamer, Future plc, 18 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 19 gennaio 2017).
  54. ^ (EN) Samit Sarkar, Resident Evil 7 biohazard supports cross-buy on Xbox One and PC, su Polygon, Vox Media, 18 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 18 gennaio 2017).
  55. ^ Francesco Caputo, Resident Evil 7 supporta il cross-buy tra Xbox One e PC, su Tom's Hardware, Bestofmedia Group company, 19 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 29 giugno 2021).
  56. ^ (EN) Oscar Dayus, Resident Evil 7 Supports Xbox One to PC Cross-Saves, su GameSpot, CBS Interactive, 25 novembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 maggio 2017).
  57. ^ (EN) Sam Foxall, Resident Evil 7 to feature cross saves between PC and Xbox, along with HDR and 4K support, su PC Games N, 17 agosto 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  58. ^ (EN) Evan Shamoon, Escape Room Experience Tries to Replicate 'Resident Evil' in Real Life, su Rolling Stone, Jann Wenner, 31 ottobre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 2 novembre 2016).
  59. ^ (EN) RESIDENT EVIIL™ 7: THE EXPERIENCE, su Gamasutra, UBM plc, 5 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 maggio 2017).
  60. ^ (EN) Michael McWhertor, Resident Evil 7’s $179.99 collector’s edition comes with a mansion, su Polygon, Vox Media, 21 novembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 21 novembre 2016).
  61. ^ (EN) John Keefer, Resident Evil 7 Biohazard collector's edition offers music box and more for $180, su Shacknews, Shacknews LLC, 21 novembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 22 novembre 2016).
  62. ^ (EN) Sherif Saed, The Resident Evil 7 collector's edition is a little different in the UK, su VG247, Gamer Network, 28 novembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 29 novembre 2016).
  63. ^ (EN) Michael Boccher, Resident Evil 7: Biohazard pre-orders at Gamestop earn you a free movie code, su GameZone, GameZone Next, 10 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 12 gennaio 2017).
  64. ^ (EN) Zulai Serrano, ‘Resident Evil 7 Biohazard’ Has A 4D Candle For VR, Because Why Not, su iDigitalTimes, 14 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2017).
  65. ^ (EN) Andy Chalk, Resident Evil 7 VR is "exclusive to PlayStation VR" for a year, su PC Gamer, Future plc, 3 ottobre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 5 ottobre 2016).
  66. ^ (JA) RESIDENT EVIL.NET, su RE.net, Capcom. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 16 maggio 2017).
  67. ^ (EN) Andy Maxwell, Denuvo Piracy Crisis as Resident Evil 7 Gets Cracked in Record Time * TorrentFreak, su TorrentFreak, NRC Handelsblad, 30 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 30 gennaio 2017).
  68. ^ (JA) CAPCOM:バイオハザード7 レジデント イービル クラウドバージョン 公式サイト, su Capcom, 20 maggio 2018. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  69. ^ (EN) Andy Hartup, Many are calling Resident Evil 7 'the new Silent Hills'... but it's so much more than that, su GamesRadar+, Future plc, 1º novembre 2017. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  70. ^ (EN) Scott Butterworth, Resident Evil 7 Producer Explains What the Full Game Will Actually Be Like, su GameSpot, CBS Interactive, 6 settembre 2016. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  71. ^ (EN) Sal Romano, Resident Evil 7 announced for PS4, Xbox One, and PC; PS4 demo out now, su Gematsu, 14 giugno 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 22 ottobre 2016).
  72. ^ (EN) Jeffrey Parkin, Resident Evil 7 demo guide, su Polygon, Vox Media, 17 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 maggio 2017).
  73. ^ (EN) Tom Phillips, Capcom points to Resident Evil 7 dummy finger use, su Eurogamer, Gamer Network, 1º luglio 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 2 luglio 2016).
  74. ^ (EN) Joe Skrebels, Resident Evil 7 Biohazard Beginning Hour Demo Updated With New Areas, su IGN, Ziff Davis, 15 settembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 16 settembre 2016).
  75. ^ (EN) Tamoor Hussain, New Resident Evil 7 Demo Announced With Terrifying Trailer, su GameSpot, CBS Interactive, 16 settembre 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 17 settembre 2016).
  76. ^ (EN) Tom Sykes, Resident Evil 7 won't feature quick-time events, su PC Gamer, Future plc, 28 giugno 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2016).
  77. ^ (EN) Jeffrey Matulef, Resident Evil 7's demo isn't part of the full game, su Eurogamer, Gamer Network, 14 giugno 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 15 giugno 2016).
  78. ^ (EN) Tom Phillips, Take a tour of Resident Evil 7's disturbing new demo, su Eurogamer, Gamer Network, 23 agosto 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 24 agosto 2016).
  79. ^ (EN) Liam Martin, Resident Evil 7 trailer: Capcom channels Silent Hills with spine-tingling story trailer, su Daily Express, Reach plc, 18 agosto 2016. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 20 agosto 2016).
  80. ^ (EN) Cassidee Moser, The Facts, Clues, and Theories of Resident Evil 7, su Shacknews, Shacknews LLC, 1º luglio 2016. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 26 febbraio 2021).
  81. ^ (EN) Allistair Pinsof, It Came from Japan! Sweet Home, su Destructoid, Enthusiast Gaming, 13 ottobre 2011. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 12 novembre 2020).
  82. ^ (EN) Peter Tieryas, The NES Game That Inspired Resident Evil, su Kotaku, Gawker Media, 16 dicembre 2019. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 5 maggio 2021).
  83. ^ (EN) Ben Reeves, Place Of Residing Evil: Looking Back At Capcom’s Original Survival Horror, su Game Informer, GameStop, 13 luglio 2018. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato l'8 giugno 2021).
  84. ^ (EN) Tom Phillips, Take a tour of Resident Evil 7's disturbing new demo, su Eurogamer, Gamer Network, 23 agosto 2016. URL consultato il 12 luglio 2021 (archiviato il 30 giugno 2021).
  85. ^ (EN) Alice O'Connor, Resident Evil 7 shows off DLC scares, su Rock, Paper, Shotgun, Gamer Network, 31 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 gennaio 2017).
  86. ^ (EN) Heather Alexandra, Resident Evil 7's New DLC Has One Of The Series' Best Puzzles, su Kotaku, Gawker Media, 31 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 1º febbraio 2017).
  87. ^ (EN) James Davenport, Resident Evil 7’s second DLC features blackjack, dad jokes, and not much else, su PC Gamer, Future plc, 22 febbraio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 12 novembre 2020).
  88. ^ (EN) Oscar Dayus, Resident Evil 7's Second DLC Pack Is Out Today, Here's What It Includes, su GameSpot, CBS Interactive, 14 febbraio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 maggio 2017).
  89. ^ (EN) Chris Pereira, Free Resident Evil 7 DLC Chapter Arrives This Spring, su GameSpot, CBS Interactive, 17 gennaio 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 31 maggio 2017).
  90. ^ (EN) Ben Skipper, Resident Evil 7's free Not a Hero DLC delayed indefinitely, su International Business Times UK, IBT Media, 25 aprile 2017. URL consultato il 24 giugno 2021 (archiviato il 25 aprile 2017).
  91. ^ a b (EN) Resident Evil 7: biohazard for PlayStation 4 Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 24 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  92. ^ a b (EN) Resident Evil 7: biohazard for Xbox One Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 24 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  93. ^ a b (EN) Resident Evil 7: biohazard for PC Reviews, su Metacritic, CBS Interactive, 23 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  94. ^ (EN) Ebenezer Samuel, Resident Evil 7: Biohazard proves series still have life: video game review, su Daily News, Tronc, 31 gennaio 2017. URL consultato il 29 giugno 2021 (archiviato il 25 luglio 2019).
  95. ^ a b (EN) Zack Furniss, Review: Resident Evil 7 biohazard, su Destructoid, Enthusiast Gaming, 23 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 1º luglio 2021).
  96. ^ a b (EN) Matt Cabral, Resident Evil 7 review: As brilliant as it is bloody, su Digital Spy, Hachette Filipacchi Médias, 27 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 6 maggio 2021).
  97. ^ Edge Magazine, marzo 2017, pagina 94
  98. ^ a b (EN) Ray Carsillo, Resident Evil 7: Biohazard review, su Electronic Gaming Monthly, EGM Media, LLC, 23 gennaio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  99. ^ a b (EN) Liz Finnegan, Resident Evil 7 Review - Welcome to the Family, su Escapist Magazine, Enthusiast Gaming, 25 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2021).
  100. ^ a b (PL) Łukasz Winkel, Resident Evil 7 - Recenzja, su Eurogamer Polonia, Gamer Network, 27 gennaio 2021. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 31 gennaio 2021).
  101. ^ a b Francesco Fossetti, Resident Evil 7 Recensione: il survival horror di Capcom torna alle origini, su Everyeye.it, HIDEDESIGN S.n.c., 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  102. ^ (EN) Erik Kain, 'Resident Evil 7 Biohazard' Review: A Return To True Horror, su Forbes, Forbes publishing, 26 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2021).
  103. ^ a b (EN) Andrew Reiner, Resident Evil 7 Review – A Familiar Taste Of Blood, su Game Informer, GameStop, 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  104. ^ a b (DE) Tobias Veltin, Resident Evil 7: Biohazard im Test - Endlich wieder volle Hosen!, su GamePro Germania, International Data Group, 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 24 gennaio 2021).
  105. ^ a b (EN) Leon Hurley, Resident Evil 7 Biohazard review: "About as an essential a horror experience as you can get", su GamesRadar+, Future plc, 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  106. ^ a b (EN) Jonathan Leack, Resident Evil 7 Review, su GameRevolution, CraveOnline, 25 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 30 maggio 2021).
  107. ^ a b (EN) Scott Butterworth, Resident Evil 7: Biohazard Review, su GameSpot, CBS Interactive, 24 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 30 giugno 2021).
  108. ^ a b (EN) Vinny Caravella, Resident Evil 7 Review, su Giant Bomb, Red Ventures, 24 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  109. ^ a b (EN) Sam Spyrison, Review: Resident Evil 7 biohazard, su Hardcore Gamer, Steve Hannley, 25 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 2 luglio 2021).
  110. ^ a b (ES) David Martínez, Resident Evil 7 Biohazard - Análisis del survival horror de PS4, Xbox One y PC, su Hobby Consolas, Axel Springer, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 25 febbraio 2021).
  111. ^ a b (EN) Chloi Rad, Resident Evil 7: Biohazard Review, su IGN, Ziff Davis, 23 gennaio 2021. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  112. ^ a b Mattia "Zave" Ravanelli, Resident Evil 7: Biohazard - la recensione, su IGN Italia, Ziff Davis, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 3 luglio 2021).
  113. ^ a b (ES) Juan García e David Soriano, Resident Evil 7: Biohazard - Análisis, su IGN Spagna, Ziff Davis, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 3 luglio 2021).
  114. ^ (EN) Kirk McKeand, Resident Evil 7: Biohazard review - Frighthouse Family, su International Business Times, IBT Media, 23 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  115. ^ (EN) Official Xbox Magazine, marzo 2017, pagina 73
  116. ^ a b (EN) Andy Kelly, Resident Evil 7: Biohazard review, su PC Gamer, Future plc, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 23 giugno 2021).
  117. ^ (EN) PlayStation Official Magazine (Australia), aprile 2016, pagina 62
  118. ^ (EN) PlayStation Official Magazine (Regno Unito), marzo 2016, pagina 80
  119. ^ (EN) Justin Clark, Review: Resident Evil 7: Biohazard, su Slant Magazine, Novinová a poštovní, 1º febbraio 2017. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato il 28 agosto 2020).
  120. ^ (EN) Miguel Concepcion, Review: Resident Evil 7 is the close-quarters fright fest that suspense junkies crave, su The Daily Dot, Nicholas White, 23 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 16 aprile 2021).
  121. ^ (EN) Tom Hoggins, Resident Evil 7: Biohazard review - Grisly and intimate horror that's daft enough to ensure we're having fun, su The Daily Telegraph, Telegraph Media Group, 23 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 15 maggio 2021).
  122. ^ a b Mirko Marangon, Resident Evil 7 Recensione PS4 Xbox One PC Steam | TGM, su The Games Machine, Aktia srl, 23 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 20 ottobre 2020).
  123. ^ (EN) Simon Parkin, Resident Evil 7: Biohazard review – a masterclass in terror, su The Guardian, Guardian News and Medias, 23 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  124. ^ (EN) Tim Biggs, Resident Evil 7 Biohazard review: horror returns home, su The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 31 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 24 ottobre 2020).
  125. ^ (EN) Christopher Byrd, ‘Resident Evil 7: biohazard’ review: Mediocre, backwoods horror, su The Washington Post, Nash Holdings LLC, 30 gennaio 2017. URL consultato il 29 giugno 2021 (archiviato il 29 giugno 2021).
  126. ^ (EN) Matt Peckham, Review: 'Resident Evil 7' Looks Backward for Better and Worse, su Time, Time USA, LLC, 23 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  127. ^ (EN) Daniel Howley, ‘Resident Evil 7’ review: It's a screaming good time, su Yahoo! Finanza, Yahoo!, 27 gennaio 2017. URL consultato il 30 giugno 2021 (archiviato il 9 novembre 2020).
  128. ^ (EN) Edwin Evans-Thirlwell, Resident Evil 7: Biohazard review, su Eurogamer, Gamer Network, 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato il 13 maggio 2021).
  129. ^ (EN) Heather Alexandra, Resident Evil 7: The Kotaku Review, su Kotaku, Gawker Media, 26 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 13 giugno 2021).
  130. ^ (EN) Adam Smith, Resident Evil 7 Biohazard review PC, su Rock, Paper, Shotgun, Gamer Network, 25 gennaio 2017. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 3 luglio 2021).
  131. ^ (EN) Eddie Makuch, Resident Evil 7 and Dead Rising 4 Sales Projections Revealed, su GameSpot, CBS Interactive, 28 ottobre 2016. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 23 maggio 2021).
  132. ^ (EN) RESIDENT EVIL 7 biohazard Ships Over 2.5 Million Worldwide! | CAPCOM, su Capcom, 27 gennaio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 23 maggio 2021).
  133. ^ a b (EN) Eddie Makuch, Capcom Shares Fall After Resident 7 Ships Fewer Copies Than Past Games, su GameSpot, CBS Interactive, 30 gennaio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 28 giugno 2021).
  134. ^ (EN) Wesley Yin-Poole, Resident Evil 7 has third-best week one sales of the series, su Eurogamer, Gamer Network, 30 gennaio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 23 maggio 2021).
  135. ^ (EN) Tamoor Hussain, Top 10 UK Sales Chart: Resident Evil 7 Has Third-Best Debut In Series History, su GameSpot, CBS Interactive, 30 gennaio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato l'11 novembre 2020).
  136. ^ (EN) Brian Ashcraft, Let's See How Resident Evil 7 Is Doing In Japan, su Kotaku, Gawker Media, 2 febbraio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 23 maggio 2021).
  137. ^ (EN) Natalie Barabash, ‘Resident Evil 7’ Is A Hit, But Not So Much In Japan: Only 59% of Shipment Sold For PS4, su iDigitalTimes, IBT Media, 5 febbraio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2017).
  138. ^ (EN) Seth Macy, Resident Evil 7 Was the Best-Selling Game of January 2017, su IGN, Ziff Davis, 16 febbraio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  139. ^ (EN) Third-Quarter Consolidated Financial Results Conference Call for the Fiscal Year ending March 31, 2017: Q&A Summary (PDF), su Capcom, 1º febbraio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 27 febbraio 2017).
  140. ^ (EN) Tamoor Hussain, Top 10 UK Sales Chart: Resident Evil 7 Holds On To Top Spot, su GameSpot, CBS Interactive, 6 febbraio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 12 novembre 2020).
  141. ^ (EN) Sherif Saed, For Honor and Resident Evil 7 top US charts in February, su VG247, Gamer Network, 17 marzo 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 13 maggio 2021).
  142. ^ (EN) Tom Phillips, Resident Evil 7 sales top 3.5m worldwide, su Eurogamer, Gamer Network, 27 aprile 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  143. ^ (EN) Eddie Makuch, Resident Evil 7 Expected To Ship 10 Million Units, Still Has A Lot Of Work To Do, su GameSpot, CBS Interactive, 16 maggio 2017. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 23 maggio 2021).
  144. ^ (EN) Platinum Titles, su Capcom, 30 settembre 2018. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato l'8 luglio 2021).
  145. ^ (EN) Resident Evil 2 Ships 3 Million Units Worldwide in First Week of Sales! | CAPCOM, su Capcom, 29 gennaio 2019. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 1º giugno 2021).
  146. ^ (EN) Platinum Titles, su Capcom. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato l'8 luglio 2021).
  147. ^ (EN) James O'Connor, Resident Evil 7 Hits A New Sales Milestone And Is (Sort Of) Capcom's 2nd Best-Selling Game, su GameSpot, CBS Interactive, 14 agosto 2020. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 13 giugno 2021).
  148. ^ (EN) Sal Romano, Capcom sales update: Monster Hunter World: Iceborne at 7.2 million, Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy at one million, more, su Gematsu, 5 febbraio 2021. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 28 febbraio 2021).
  149. ^ (EN) Sal Romano, Capcom sales update: Monster Hunter World: Iceborne at 7.7 million, Resident Evil 7: biohazard at nine million, more, su Gematsu, 19 maggio 2021. URL consultato l'11 luglio 2021 (archiviato il 1º giugno 2021).
  150. ^ Alessandro Digioia, Resident Evil 7, successo straordinario: l'horror di Capcom a quota 10 milioni di copie spedite nel mondo, su IGN Italia, Ziff Davis, 8 ottobre 2021. URL consultato l'8 ottobre 2021 (archiviato l'8 ottobre 2021).
  151. ^ (EN) Game Critics Awards: Best of E3 2016 (2016 Nominees), su Game Critics Awards. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  152. ^ (EN) Sam Loveridge, Golden Joystick Awards 2016 voting open to the public, su Digital Spy, Hachette Filipacchi Médias, 15 settembre 2016. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 2 luglio 2021).
  153. ^ (EN) Vic Hood, There's only a few days left to vote in the Golden Joystick Awards 2019, su TechRadar, Future plc, 22 ottobre 2019. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  154. ^ (EN) Andy Chalk, Here are your 2017 Golden Joystick Award winners, su PC Gamer, Future plc, 17 novembre 2017. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 1º luglio 2021).
  155. ^ (FR) Les jeux vidéo nommés aux Ping Awards 2017, su Ping Awards. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  156. ^ (EN) Julia Alexander, The Game Awards crowns The Legend of Zelda: Breath of the Wild best game of 2017, su Polygon, Vox Media, 7 dicembre 2017. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  157. ^ (EN) Grayshadow, Complete list of winners of the New York Game Awards 2018, su NoobFeed, 25 gennaio 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 17 maggio 2021).
  158. ^ (EN) postmaster, Nominee List for 2017: Horizon, Persona, su National Academy of Video Game Trade Reviewers, 9 febbraio 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 16 aprile 2021).
  159. ^ (EN) postmaster, Winner List for 2017: Mario, Horizon, su National Academy of Video Game Trade Reviewer, 13 marzo 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato l'11 aprile 2021).
  160. ^ Italian Video Game Nominees and Winners 2018, su Italian Video Game Awards, 21 marzo 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2018).
  161. ^ (EN) Andrew McNeill, 2018 SXSW Gaming Awards Finalists, su South by Southwest, 31 gennaio 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2018).
  162. ^ (EN) Here are the 2018 SXSW Gamer’s Voice Awards Winners, su IGN, Ziff Davis, 26 aprile 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 13 maggio 2021).
  163. ^ (EN) Breath of the Wild & Horizon Zero Dawn lead GDC 2018 Choice Awards nominees!, su Gamasutra, UBM plc, 5 gennaio 2018. URL consultato il 7 luglio (archiviato l'11 giugno 2021).
  164. ^ (EN) Eddie Makuch, Legend Of Zelda: Breath Of The Wild Wins Another Game Of The Year Award, su GameSpot, CBS Interactive, 22 marzo 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  165. ^ (EN) 2018 Awards, su Game Audio Network Build. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 1º luglio 2021).
  166. ^ (JA) 速報】"ファミ通アワード2017" ゲーム・オブ・ザ・イヤーは『ゼルダの伝説 BotW』と『DQXI』がダブル受賞!(大賞受賞画像・コメント追加), su Famitsū, KADOKAWA Game Linkage, 27 aprile 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 4 febbraio 2021).
  167. ^ (EN) Leon Hurley e Malindy Hetfeld, Best horror games to play right now, su GamesRadar+, Future plc, 27 marzo 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 25 giugno 2021).
  168. ^ (EN) The best games of 2017 - the 25 games you should definitely play, su GamesRadar+, Future plc, 22 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  169. ^ (EN) Ben Gilbert, RANKED: The 11 best video games of 2017 so far, su Business Insider, Axel Springer SE, 5 luglio 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  170. ^ (EN) Joshua Rivera, The Best Video Games of 2017 (So Far), su Vulture.com, Vox Media, 27 giugno 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  171. ^ (EN) PlayStation VR Hall of Fame, in PlayStation Official Magazine - UK, n. 136, Future plc, giugno 2017, p. 108.
  172. ^ (EN) Aaron Morales e Natalie Abrams, We picked the 10 best (and 3 worst) games of 2017, su Entertainment Weekly, Time Inc., 7 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato l'8 luglio 2021).
  173. ^ (EN) The 15 best video games of 2017, su The Verge, Vox Media, 15 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2021).
  174. ^ (EN) The 50 best games of 2017, su Polygon, Vox Media, 18 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  175. ^ (EN) EGM’s Best of 2017: Part Four: #10 ~ #6, su Electronic Gaming Monthly, 30 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  176. ^ (EN) Eurogamer's Top 50 Games of 2017: 20-11, su Eurogamer, Gamer Network, 29 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  177. ^ (EN) Yahtzee Coshaw, ZP Top 5 2017 | Zero Punctuation Video Gallery, su Escapist Magazine, Enthusiast Gaming, 3 gennaio 2018. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  178. ^ (EN) Jeff Cork, Reader's Choice Best Of 2017 Awards, su Game Informer, GameStop, 4 gennaio 2018. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  179. ^ (EN) Matt Miller, 2017 Action Game Of The Year Awards, su Game Informer, GameStop, 5 gennaio 2018. URL consultato l'8 luglio 2021 (archiviato il 22 maggio 2021).
  180. ^ (EN) Adam Bankhurst, Resident Evil Village Resolution and Framerate Revealed for Consoles, su IGN, Ziff Davis, 16 aprile 2021. URL consultato il 19 giugno 2021 (archiviato il 21 aprile 2021).
  181. ^ Davide Spotti, CAPCOM STA GIÀ PIANIFICANDO LO SVILUPPO DI RESIDENT EVIL 8, su Multiplayer.it, NetAddiction, 13 aprile 2017. URL consultato il 7 settembre 2021 (archiviato il 4 settembre 2018).

BibliografiaModifica

  • (EN) Dawn Stobbart, Videogames and Horror: From Amnesia to Zombies, Run!, University of Wales Press, 2019, ISBN 978-1-786-83437-9.
  • (DE) Alan McGreevy, Arno Görgen, Christina Fawcett, Stefan Heinrich Simond e Marc Ouellette, Krankheit in Digitalen Spielen: Interdisziplinäre Betrachtungen - The House and the Infected Body: The Metonymy of RESIDENT EVIL 7, transcript-Verlag, 2020, ISBN 978-3-8376-5328-1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb45485378g (data)