Apri il menu principale

Alessandro Lucarelli

dirigente sportivo ed ex calciatore italiano
Alessandro Lucarelli
Alessandro Lucarelli.jpg
Lucarelli nel 2018
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 27 maggio 2018
Carriera
Giovanili
19??-19?? Piacenza
Squadre di club1
1995-1997 Piacenza0 (0)
1997-1998 Leffe29 (0)
1998-2002 Piacenza89 (0)
2002-2003 Palermo28 (0)
2003 Brescia0 (0)
2003-2004 Fiorentina31 (0)
2004-2005 Livorno27 (4)
2005-2007 Reggina67 (4)
2007-2008 Genoa29 (1)
2008-2018Parma333 (21)[1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2018

Alessandro Lucarelli (Livorno, 22 luglio 1977) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, club manager del Parma.

Indice

BiografiaModifica

Fratello minore di Cristiano Lucarelli,[2] dal 27 maggio 2007 è cittadino onorario della città di Reggio Calabria.[3][4] Si è ritirato dal mondo del calcio il 27 maggio 2018.

Suo figlio Matteo giocava negli Allievi Nazionali del Parma, nel gennaio 2019 passa all'Inter.[5][6]

Caratteristiche tecnicheModifica

Difensore centrale mancino dal forte temperamento possedeva una buona personalità[2]; ha iniziato la carriera calcistica nel ruolo di libero[7]. Grazie alla sua ottima abilità nel gioco aereo era in grado di inserirsi egregiamente in zona offensiva, soprattutto sui calci piazzati[2].

CarrieraModifica

ClubModifica

IniziModifica

Cresce nel vivaio del Piacenza, entrando nel giro della prima squadra a partire dalla stagione 1995-1996[8].

Ha esordito da professionista con il prestito al Leffe in Serie C2 nella stagione 1997-1998 (29 presenze senza reti).

È poi rientrato al Piacenza nell'estate del 1998[7], debuttando in Serie A il 13 settembre 1998 nel pareggio interno contro la Lazio. Rimane in Emilia-Romagna da titolare fino al 2002, conquistando la promozione in Serie A al termine della stagione 2000-2001.

Palermo, Brescia e FiorentinaModifica

Successivamente scende in Serie B con il Palermo[9], con cui esordisce il 5 novembre 2002 in trasferta contro il Cosenza (1-2). Conclude la sua esperienza in Sicilia con 28 presenze.

Torna nella massima serie con il Brescia nell'estate 2003[10]. Con il Brescia gioca due incontri di Intertoto, con il Gloria Bistrița[11] e con il Villareal[12], le sue uniche partite in ambito internazionale.

Nella stessa sessione di mercato viene ceduto alla Fiorentina, appena ripescata in Serie B[13]. Il 23 settembre 2003 esordisce con i viola nella partita casalinga contro l'Atalanta (1-1). Conclude la stagione scendendo in campo 31 volte e conquistando la promozione in Serie A dopo lo spareggio con il Perugia.

Livorno e RegginaModifica

Nell'estate 2004 passa al Livorno[14], con cui esordisce l'11 settembre 2004 contro il Milan. Il 22 settembre 2004 segna la sua prima rete in Serie A in trasferta contro la Reggina (2-1). Conclude la sua esperienza con i labronici con 27 partite disputate e 4 reti realizzate.

Nell'estate del 2005 viene ceduto alla Reggina, con cui esordisce l'11 settembre 2005 contro la Sampdoria. Il 7 gennaio 2006 segna la sua prima rete in amaranto contro la Fiorentina (1-1). Dopo il ritorno di Francesco Cozza nelle file del Siena diventa il capitano della squadra[15]. Con la Reggina conquista due salvezze (la seconda ottenuta nonostante una penalizzazione di 11 punti[15]).

GenoaModifica

Nel luglio 2007 passa al Siena, a titolo definitivo, in cambio di Cozza che ritorna alla Reggina; tuttavia, già il 22 agosto 2007 viene ceduto al Genoa con il quale firma un contratto triennale[16]. Il 26 agosto 2007 esordisce dal primo minuto contro il Milan. Il 2 marzo 2008 segna la sua prima ed unica rete contro il Cagliari in trasferta (2-1). Conclude la sua esperienza con i grifoni disputando 29 partite e segnando un gol.

ParmaModifica

Il 25 luglio 2008 il Genoa lo cede al Parma, facendolo ricongiungere col fratello Cristiano. Il 29 agosto 2008 esordisce contro il Rimini. A fine stagione la squadra ottiene la promozione in Serie A. Della squadra, nella stagione 2011-2012, diventa anche il vice capitano[17], collezionando 35 presenze e 2 reti. Alla sesta stagione in maglia crociata diventa il capitano della squadra dopo l'addio di Stefano Morrone.[18]

Nell'estate 2015 Lucarelli decide di rimanere al Parma nonostante la rifondazione e ripartenza in Serie D della squadra ducale, fallita al termine della stagione 2014-2015 a causa del dissesto finanziario[19]. Con 40 presenze e 2 gol contribuisce alla vittoria del campionato.

Sempre nella stagione 2015-2016 svolge il ruolo di opinionista per l'emittente pay TV Premium Calcio. Il 30 dicembre 2016, nella vittoria esterna contro il Lumezzane in Lega Pro, stabilisce un record, per essere andato in gol in tutte le serie dalla A alla D con i crociati. Con la squadra ancora impegnata ai play-off, il 13 giugno 2017 inizia a Coverciano il corso da allenatore professionista categoria UEFA A che abilita ad allenare formazioni giovanili e squadre fino alla Lega Pro e consente anche di fare l'allenatore in seconda in Serie A e B.[20] Il 17 giugno battendo l'Alessandria per 2-0 in finale il Parma è promosso in Serie B e il 28 giugno Lucarelli, a pochi giorni dal 40º compleanno, firma per un altro anno con l'obiettivo di riportare la squadra in Serie A.[21] Il 7 settembre seguente supera con esito positivo l'esame da allenatore.[22] Il 4 novembre 2017 supera Ermes Polli come numero di presenze ufficiali e con la numero 311 diventa il primatista di tutti i tempi con la maglia del Parma.[23] Al termine della stagione ottiene la terza promozione consecutiva, che sancisce il ritorno nella massima serie del club crociato.[24]

Annuncia il proprio ritiro il 27 maggio 2018, durante la festa promozione della squadra emiliana allo Stadio Ennio Tardini[25]; contestualmente la società decide di ritirare la maglia numero 6.[26] Complessivamente con il Parma in 10 anni ha messo insieme 350 presenze e 22 gol.

Ha scritto, insieme a Mattia Fontana, Nicolò Fabris e Guglielmo Trupo la sua prima autobiografia di nome "L'ultima bandiera", dove racconta dei suoi inizi fino ad arrivare a parlare dei suoi dieci anni nel Parma, con tanti aneddoti sulla sua carriera sportiva [27]

È in fase di produzione il film documentario Il mestiere del Capitano, diretto da Davide Potente e prodotto da Lux for media, che racconta le vicende umane e sportive di Alessandro Lucarelli e della tripla promozione del Parma Calcio 1913 dalla Serie D alla Serie A.

DirigenteModifica

Il 2 agosto 2018 diventa il nuovo Club Manager del Parma.[28]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 19 maggio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995-1996   Piacenza A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1996-1997 A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1997-1998   Leffe C2 29 0 CI-C 0 0 - - - - - - 29 0
1998-1999   Piacenza A 21 0 CI 1 0 - - - - - - 22 0
1999-2000 A 26 0 CI 2 0 - - - - - - 28 0
2000-2001 B 19 0 CI 5 1 - - - - - - 24 1
2001-2002 A 23 0 CI 3 0 - - - - - - 26 0
Totale Piacenza 89 0 11 1 - - - - 100 1
2002-2003   Palermo B 28 0 CI 2 0 - - - - - - 30 0
ago. 2003   Brescia A 0 0 CI 0 0 Int 2 0 - - - 2 0
2003-2004   Fiorentina B 31 0 CI-C 0 0 - - - - - - 31 0
2004-2005   Livorno A 27 4 CI 1 0 - - - - - - 28 4
ago.-set. 2005 A 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Livorno 27 4 2 0 - - - - 29 4
2005-2006   Reggina A 33 2 CI 0 0 - - - - - - 33 2
2006-2007 A 34 2 CI 4 1 - - - - - - 38 3
Totale Reggina 67 4 4 1 - - - - 71 5
2007-2008   Genoa A 29 1 CI 0 0 - - - - - - 29 1
2008-2009   Parma B 37 2 CI 2 0 - - - - - - 39 2
2009-2010 A 33 2 CI 1 1 - - - - - - 34 3
2010-2011 A 32 1 CI 2 0 - - - - - - 34 1
2011-2012 A 34 2 CI 1 0 - - - - - - 35 2
2012-2013 A 32 1 CI 0 0 - - - - - - 32 1
2013-2014 A 34 4 CI 0 0 - - - - - - 34 4
2014-2015 A 28 1 CI 1 0 - - - - - - 29 1
2015-2016 D 36+2[29] 2+0 CI-D 0 0 - - - - - - 38 2
2016-2017 LP 35+5[30] 1 CI-LP 2 0 - - - - - - 42 1
2017-2018 B 32 4 CI 1 0 - - - - - - 33 4
Totale Parma 333+7 21 10 1 - - - - 350 22
Totale carriera 633+7 30 29 3 2 0 - - 671 33

RecordModifica

  • Calciatore con più presenze in partite ufficiali di campionato del Parma (340).
  • Primo calciatore del Parma ad aver realizzato gol in tutte le categorie dalla Serie D alla Serie A.
  • Primo difensore in assoluto nella storia del calcio italiano ad aver realizzato almeno un gol con la stessa maglia dalla Serie D alla Serie A.
  • Primo calciatore ad aver ottenuto tre promozioni consecutive con la stessa maglia, dalla Serie D alla Serie A, insieme ad Yves Baraye e Pasquale Mazzocchi.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni interregionaliModifica

Parma: 2015-2016

NoteModifica

  1. ^ 340 (21) se si comprendono le presenze nei play-off e nella Poule Scudetto di Serie D.
  2. ^ a b c Alessandro Lucarelli: Difensore con i fiocchi Calciomercato.com
  3. ^ Mazzarri alla Samp: è fatta, in La Repubblica, 29 maggio 2007, p. 23. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  4. ^ Reggina, tutti cittadini onorari Archiviato il 18 gennaio 2010 in Internet Archive. Rai.tv
  5. ^ Parma, il figlio di Alessandro Lucarelli inserito nella formazione Allievi
  6. ^ Fabio Alampi, Inter, UFFICIALE: preso dal Parma Matteo Lucarelli, figlio dell’ex capitano gialloblu, su FC Inter 1908. URL consultato il 28 giugno 2019.
  7. ^ a b Rosa 1998-1999 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ Rosa 1995-1996 Storiapiacenza1919.it
  9. ^ Acquisti e cessioni 2002-2003 Storiapiacenza1919.it
  10. ^ Un altro colpo: arriva Toni, La Repubblica, 23 giugno 2003
  11. ^ Intertoto: il Brescia (con Ramon in porta) si difende in Romania ricerca.gelocal.it
  12. ^ (EN) Game details Linguasport.com
  13. ^ L'avventura di 58 giocatori, La Repubblica, 21 giugno 2004
  14. ^ Livorno e Siena, più quantità che qualità, La Repubblica, 2 settembre 2004
  15. ^ a b Lucarelli: "-11, che impresa! Vorrei chiudere la mia carriera a Reggio Calabria" Reggionelpallone.it
  16. ^ Genoa, è fatta per Lucarelli, La Repubblica, 23 agosto 2007
  17. ^ Parma-Grosseto 4-1 / Il tabellino Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive. Fcparma.it
  18. ^ Capitano mio capitano: il curioso caso di Alessandro Lucarelli Parmalive.com
  19. ^ Parma: Lucarelli resta anche in Serie D Calciomercato.com
  20. ^ Coverciano, corso allenatori al via con Cambiasso, Kallon e Panico
  21. ^ Alessandro Lucarelli ha rinnovato: "Il sogno è lasciare con il Parma in Serie A"
  22. ^ Coverciano, ufficializzati i nuovi allenatori professionisti Uefa B. Da Cambiasso a Zampagna tanti i nomi noti. URL consultato l'8 settembre 2017.
  23. ^ Parma, Lucarelli nella storia del club: maggior numero di presenze in campionato, su sport.sky.it, 8 novembre 2017. URL consultato il 24 maggio 2018.
  24. ^ Dai Dilettanti alla Serie A in tre anni: il record del Parma foxsports.it
  25. ^ Alessandro Lucarelli si ritira: "A Parma morto e rinato, ma ora dico basta", in Sky Sport, 27 maggio 2018. URL consultato il 27 maggio 2018.
  26. ^ Lucarelli si ritira. E il Parma ritira la maglia numero 6 gazzetta.it
  27. ^ ALESSANDRO LUCARELLI, “L’ULTIMA BANDIERA” – IL VIDEO INTEGRALE DELLA PRESENTAZIONE UFFICIALE, in Parma Calcio, 3 dicembre 2018. URL consultato il 2 agosto 2018.
  28. ^ ALESSANDRO LUCARELLI È IL NUOVO CLUB MANAGER DEL PARMA CALCIO, in Parma Calcio, 2 agosto 2018. URL consultato il 2 agosto 2018.
  29. ^ Poule scudetto
  30. ^ Play-off.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica