Apri il menu principale

Serie A 2012-2013

edizione del torneo calcistico
Serie A 2012-2013
Serie A TIM 2012-2013
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 111ª (81ª di Serie A)
Organizzatore Lega Serie A
Date dal 25 agosto 2012
al 19 maggio 2013
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Formula Girone all'italiana A/R
Risultati
Vincitore Juventus
(29º titolo)
Retrocessioni Palermo
Siena
Pescara
Statistiche
Miglior marcatore Uruguay Edinson Cavani (29)
Incontri disputati 380
Gol segnati 1 000 (2,63 per incontro)
Juventus FC 2012-2013 players (Shakthar Donetsk - Juventus).jpg
I bianconeri riconfermatisi campioni d'Italia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2011-2012 2013-2014 Right arrow.svg

La Serie A 2012-2013 è stata la 111ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio (l'81º a girone unico), disputato tra il 25 agosto 2012 e 19 maggio 2013. Il campionato è stato vinto dalla Juventus, al suo ventinovesimo titolo, il secondo consecutivo.

Capocannoniere del torneo è stato l'uruguaiano Edinson Cavani (Napoli) con 29 reti.

StagioneModifica

NovitàModifica

A prendere il testimone di Novara, Cesena e Lecce, retrocesse in serie B nella stagione precedente (il Lecce in Lega Pro Prima Divisione a seguito delle sentenze che hanno riguardato gli eventi di Scommessopoli), nella griglia di partenza del 111º campionato italiano di calcio sono Pescara (che torna in massima serie dopo 19 anni dall'ultima partecipazione, vincendo la Serie B 2011-2012), Torino e Sampdoria (quest'ultima dopo solo un anno trascorso nella serie cadetta, ha conquistato la promozione vincendo i play-off dopo essersi piazzata come sesta nel corso della stagione regolare). Il Cagliari, dopo vari anni di permanenza al Sant'Elia, gioca le sue partite allo Stadio Is Arenas di Quartu Sant'Elena, anche se a causa degli innumerevoli e tormentati problemi d'inagibilità all'impianto occorsi nel corso del campionato, le rimanenti partite casalinghe sono disputate al Nereo Rocco di Trieste, sede peraltro già di alcune gare giocate nel finale della scorsa stagione. In virtù inoltre degli effetti sulle sentenze di primo grado della Commissione Disciplinare FIGC sullo scandalo del calcioscommesse, sono stati commutati per questa stagione le penalizzazioni da scontare per le seguenti società: l'Atalanta ripartirà con −2 punti, la Sampdoria e il Torino cominciano da −1 mentre per il Siena avvio con 6 punti di penalità; il Napoli invece, a cui in primo grado il 18 dicembre erano stati comminati e inflitti 2 punti di penalizzazione,[1] è stato poi assolto il 17 gennaio 2013 dalla Corte di Giustizia Federale, che ha accolto pienamente il ricorso presentato dalla società partenopea, annullando sia la penalizzazione che le squalifiche di Cannavaro e Grava.[2]

FormulaModifica

Come già accaduto al via della stagione 2009-2010, le prime due giornate (26 agosto e 2 settembre) si sono articolate in quattro orari: due anticipi al sabato alle 18:00 e alle 20:45, anticipo la domenica alle 18:00 e sette partite in contemporanea sempre alle 20:45. A partire dalla 3ª giornata e fino alla 37ª compresa, a eccezione dei turni infrasettimanali e del sabato precedente la Pasqua, le sette partite domenicali torneranno a disputarsi alle ore 15:00, con posticipo serale alle ore 20:45, fermi restando i due anticipi del sabato (18:00 e 20:45).

Come nella precedente stagione, sono stati confermati gli orari di anticipi e posticipi, con un anticipo la domenica alle 12:30 e, occasionalmente, un anticipo al venerdì o un posticipo al lunedì (con apposita cancellazione dell'anticipo del sabato alle 18:00 ed eventualmente anche dell'anticipo dell'ora di pranzo domenicale, se l'anticipo del venerdì e il posticipo del lunedì accadessero nella stessa giornata) per le squadre impegnate nelle coppe europee. La soluzione del venerdì e/o del lunedì verrà utilizzata comunque non più di sette volte. Gli anticipi del sabato e il posticipo della domenica sera resteranno fissi e verrà salvaguardata la contemporaneità di sei partite alla domenica pomeriggio.

A differenza della precedente stagione in questo campionato ci saranno solamente tre turni infrasettimanali (rispetto ai cinque del precedente torneo): il 26 settembre 2012, il 31 ottobre 2012 e l'8 maggio 2013, questo per consentire di evitare di disputare gare notturne nel periodo invernale culminante con le nevicate, a tutela dell'integrità fisica dei calciatori. Le soste per le qualificazioni a Brasile 2014 sono fissate per il 9 settembre 2012, il 14 ottobre 2012 e il 24 marzo 2013, mentre il 30 dicembre il torneo si fermerà per le festività natalizie; inoltre sono previsti l'anticipo al sabato pre-natalizio per la disputa della 18ª giornata (22 dicembre) e il turno dell'Epifania (che cadrà di domenica). In più il turno del 31 marzo 2013 si giocherà il giorno precedente per le festività pasquali.

Per la stesura dei calendari si sono imposti i seguenti criteri:

Le soste del campionato sono le seguenti:

La Nike, sponsor principe per quanto riguarda la fornitura dei palloni ufficiali del campionato, sostituisce il "Seitiro" (introdotto la scorsa stagione) con il futuristico e colorato "Maxim". Oltre che per la Serie A, il nuovo pallone verrà usato in Premier League e Liga spagnola, e sul cuoio verrà stampato il logo del singolo campionato.

Importante novità anche dal punto di vista arbitrale: sarà infatti il primo campionato di calcio italiano della storia a prevedere l'utilizzo (sin dalla prima giornata) degli arbitri di porta, a seguito dell'approvazione dell'esperimento da parte dell'IFAB nel luglio 2012. L'esordio assoluto si è già avuto nella Supercoppa italiana 2012, disputatasi l'11 agosto.[3]

Altra novità è l'allargamento della panchina, infatti dalla stagione in corso gli allenatori potranno portare fino a 12 giocatori in panchina, anziché 7.[4][5][6]

Anche in questa stagione, per la settima volta consecutiva, a parità di punteggio la graduatoria finale è determinata in base alla classifica avulsa.[7]

A qualificarsi per la Champions League saranno le prime tre squadre, come la stagione passata in seguito al sorpasso della Germania nel ranking UEFA: le prime due alla fase a gironi, la terza al turno di play-off. La qualificazione alla Europa League sarà invece appannaggio della quarta e della quinta classificata, unitamente alla vincitrice della Coppa Italia. Qualora quest'ultima fosse già qualificata alla Champions League subentrerebbe la finalista perdente, ma se invece la vincitrice di coppa si qualificasse per l'Europa League tramite piazzamento in campionato oppure entrambe le finaliste si qualificassero per la Champions League, allora accederebbe la sesta classificata del campionato.

AvvenimentiModifica

CalciomercatoModifica

 
Il giovane francese Paul Pogba, neoacquisto della Juventus, emerge presto quale maggiore rivelazione del torneo.[8]

La Juventus campione uscente si rinforza acquistando dall'Udinese l'esterno Asamoah, e consolida la rosa riscattando la metà dei cartellini di Giovinco e Giaccherini; inizialmente accolto sottotraccia, arriva in bianconero a parametro zero anche il promettente centrocampista Pogba, ex Manchester Utd, il quale presto s'imporrà nell'undici titolare. Quasi tutti i protagonisti del precedente scudetto vengono confermati, ad eccezione della bandiera Del Piero, al passo d'addio dopo 19 stagioni a Torino, e dell'ex romanista Borriello.

Il Milan, per far fronte a sopravvenute esigenze di bilancio, deve cedere i suoi pezzi pregiati Ibrahimović e Thiago Silva, finiti al Paris Saint-Germain, sostituendoli rispettivamente con Pazzini, in uno scambio con l'Inter che coinvolge Cassano più un conguaglio di 7,5 milioni, e Zapata. Molto rinnovato appare il centrocampo, grazie all'ex Manchester City, de Jong, e agli svincolati Muntari, Montolivo e Traoré, mentre in attacco, al riscatto completo di El Shaarawy si aggiunge in extremis l'ex giallorosso Bojan, di proprietà del Barcellona. Agli addii si devono aggiungere anche quelli di gran parte della vecchia guardia, Nesta, Zambrotta, Gattuso, Seedorf, van Bommel e Inzaghi, ai quali non viene rinnovato il contratto. La società sarà tuttavia la protagonista del mercato di gennaio con il ritorno a Milano dell'ex interista Balotelli.

Anche l'Inter rivoluziona la squadra cedendo il succitato Pazzini ai concittadini rossoneri, Maicon al Manchester City, Júlio César al QPR, Diego Forlán all'Internacional e Pandev al Napoli, sostituendoli con elementi quali Handanovič, Pereira, Cassano, Gargano e Palacio. Tra le altre operazioni, le mancate conferme di Poli e Zárate, che tornano alle loro squadre d'appartenenza, e il riscatto di Guarín dal Porto.

 
Il ritorno in Serie A di Mario Balotelli, acquistato dal Milan, è la maggiore novità della sessione invernale di mercato.

La Roma, che vede il ritorno in panchina di Zdeněk Zeman dopo tredici anni, bissa l'acquisto dell'estate italiana comprando per 16 milioni Destro, giovane attaccante del Siena, e per 4,5 milioni Balzaretti, terzino del Palermo. In porta arriva Goicoechea; in difesa si pesca dal Corinthians comprando Castán, Dodô e Marquinhos oltre al paraguaiano Piris; in mezzo al campo si punta sul giovane Florenzi, cresciuto nel vivaio giallorosso e reduce da un positivo prestito al Crotone, oltre al greco Tachtsidīs e allo statunitense Bradley. Sul fronte cessioni, si fa piazza pulita di quasi tutti i giocatori voluti dall'ex tecnico Luis Enrique appena l'anno precedente, oltre a Borini che passa al Liverpool.

Grandi cambiamenti anche in una Fiorentina che, agli ordini del neoallenatore Vincenzo Montella prelevato dal Catania, vede il ritorno di Toni e gli arrivi di giocatori importanti come Borja Valero, Aquilani, Roncaglia, Savic, Pizarro, Gonzalo, Cuadrado (quest'ultimo in prestito dall'Udinese) e del portiere Viviano (in prestito dal Palermo); vengono ceduti, svincolati o dati in prestito quasi tutti i protagonisti in negativo della precedente stagione, tra cui il capitano Montolivo, Cerci, Vargas e Lazzari; inoltre si aggiungono le vendite di Behrami al Napoli e, a campionato iniziato, Nastasić al Manchester City.

Infine, proprio il Napoli e la Lazio optano per un mercato con pochi movimenti: gli azzurri, oltre al succitato Behrami, fanno tornare alla base Insigne e cedono Lavezzi al Paris Saint-Germain, mentre i biancocelesti del nuovo allenatore Vladimir Petković puntano sul brasiliano Ederson e sul francese Ciani.

Il campionatoModifica

L'avvio del torneo è segnato dalla permanenza in vetta dei campioni uscenti della Juventus, che il 20 ottobre 2012 sconfiggono a Torino la rivale più accreditata, il Napoli di Mazzarri, appaiato agli avversari sino a quella giornata.[9] Si mette in evidenza anche l'Inter che due settimane più tardi, toccando il culmine di una striscia di sette vittorie consecutive, vìola lo Juventus Stadium interrompendo un'imbattibilità bianconera che perdurava da 49 turni di campionato, e si porta a −1 dalla vetta.[10] L'imprevista battuta d'arresto non ferma la marcia del sodalizio piemontese che, nonostante l'ulteriore rovescio subìto sul terreno del Milan nelle settimane seguenti,[11] mantiene il comando arrivando a vincere il simbolico titolo d'inverno il 16 dicembre, davanti a Lazio e Napoli; per la società campana, il presunto coinvolgimento nel calcioscommesse porta inizialmente a una penalizzazione di 2 punti e alle squalifiche del capitano Paolo Cannavaro e di Grava, ma tali provvedimenti saranno poi revocati in gennaio.[12]

 
L'uruguaiano Edinson Cavani, centravanti del Napoli, vince la classifica marcatori con 29 reti.

L'inizio del 2013 riaccende le speranze dei partenopei, in particolare a causa delle sconfitte che la capolista di Conte subisce per mano di Sampdoria[13] e Roma,[14] presentandosi allo scontro diretto del San Paolo con 6 punti di ritardo: il risultato finale di parità fa rimanere tuttavia invariata la distanza.[15] È la domenica seguente a segnare a posteriori il crocevia del campionato, con i bianconeri che vincono sul Catania in pieno recupero e si portano a un rassicurante +9,[16] giovando dell'inaspettato passo falso degli azzurri sul campo del Chievo.[17] Le successive vittorie della capolista contro le milanesi, a San Siro sull'Inter[18] e allo Stadium sul Milan,[19] oltreché quella sul Torino nel derby, avvicinano la matematica certezza del bis tricolore, che diviene tale con tre settimane di anticipo dopo il successo casalingo sul Palermo.[20]

Il Napoli giunge secondo a quota 78 punti, stabilendo l'allora suo migliore punteggio nella massima divisione. La terza piazza, utile per l'ingresso nei play-off di Champions League, è raggiunta dal Milan: i rossoneri di Allegri sono protagonisti di una rimonta nella seconda parte del torneo, ispirata soprattutto dai gol del neoacquisto Balotelli, e che, in un epilogo al cardiopalma, si concretizza solo nei minuti finali dell'ultimo impegno stagionale a Siena.[21] Fiorentina e Udinese entrano in Europa League, competizione a cui accede anche la Lazio grazie all'affermazione in Coppa Italia: l'atto finale, una stracittadina contro la Roma, assegnava infatti anche un posto nella fase a gironi del torneo, dopo che in campionato la squadra giallorossa aveva preceduto nel finale quella biancoceleste, rispettivamente sesta e settima classificata.[22] L'Inter, vittima di un netto calo che nel girone di ritorno la porta a ottenere appena 19 punti in altrettanti incontri, precipita dal quarto posto del giro di boa al nono finale, rimanendo esclusa dalle coppe europee per la prima volta dalla stagione 1998-1999.[23] La formazione milanese è preceduta anche da un Catania che totalizza il miglior punteggio della sua storia in A.

Lasciano il massimo campionato il neopromosso Pescara, che dopo un avvio discreto va incontro a un crollo di rendimento nel girone di ritorno, il Siena, partito con una penalizzazione di –6 che comunque non ha inficiato sul suo declassamento, e a sospresa il Palermo, che torna tra i cadetti dopo nove stagioni.

Squadre partecipantiModifica

 
Ubicazione delle squadre della Serie A 2012-2013
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Atalanta dettagli Bergamo Stadio Atleti Azzurri d'Italia 12º posto in Serie A
Bologna dettagli Bologna Stadio Renato Dall'Ara 9º posto in Serie A
Cagliari dettagli Cagliari Stadio Is Arenas (Quartu Sant'Elena) 15º posto in Serie A
Catania dettagli Catania Stadio Angelo Massimino (Cibali) 11º posto in Serie A
Chievo dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 10º posto in Serie A
Fiorentina dettagli Firenze Stadio Artemio Franchi 13º posto in Serie A
Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris (Marassi) 17º posto in Serie A
Inter dettagli Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) 6º posto in Serie A
Juventus dettagli Torino Juventus Stadium 1º posto in Serie A
Lazio dettagli Roma Stadio Olimpico di Roma 4º posto in Serie A
Milan dettagli Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) 2º posto in Serie A
Napoli dettagli Napoli Stadio San Paolo 5º posto in Serie A
Palermo dettagli Palermo Stadio Renzo Barbera (La Favorita) 16º posto in Serie A
Parma dettagli Parma Stadio Ennio Tardini 8º posto in Serie A
Pescara dettagli Pescara Stadio Adriatico-Giovanni Cornacchia 1º posto in Serie B
Roma dettagli Roma Stadio Olimpico di Roma 7º posto in Serie A
Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris (Marassi) 6º posto in Serie B (promossa ai play-off)
Siena dettagli Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena 14º posto in Serie A
Torino dettagli Torino Stadio Olimpico di Torino 2º posto in Serie B
Udinese dettagli Udine Stadio Friuli 3º posto in Serie A

AllenatoriModifica

Allenatori e primatistiModifica

La maggior parte dei club conferma gli allenatori ingaggiati all'inizio della passata stagione, eccetto Genoa, Inter e Parma, che confermano Luigi De Canio, Andrea Stramaccioni e Roberto Donadoni dopo essere subentrati a stagione in corso rispettivamente ad Alberto Malesani, Claudio Ranieri e Franco Colomba. La Fiorentina ingaggia Vincenzo Montella,[24] quest'ultimo rimpiazzato nel Catania da Rolando Maran. Edoardo Reja, dopo due anni alla Lazio, lascia il club biancoceleste, sostituito dal bosniaco naturalizzato svizzero Vladimir Petković. Il Palermo ingaggia Giuseppe Sannino,[25] il quale lascia il posto nel Siena a Serse Cosmi,[26] dopo aver guidato il Lecce fino alla sua retrocessione. Dopo aver condotto il Pescara alla promozione in Serie A, Zdeněk Zeman viene ingaggiato dalla Roma,[27] sostituito da Giovanni Stroppa come tecnico dei delfini.[28] Ciro Ferrara invece prende il comando come allenatore della Sampdoria,[29] dopo la promozione dei blucerchiati tramite il piazzamento al sesto posto in Serie B e la conquista dei play-off. In seguito alla squalifica di Antonio Conte e del suo vice Angelo Alessio per omessa denuncia nell'ambito del Calcioscommesse, dal 4 agosto al 7 ottobre 2012 sulla panchina della Juventus è stato seduto Massimo Carrera, quindi dal 20 ottobre, termine della propria squalifica, è subentrato Alessio fino al 1º dicembre 2012 e infine Conte prende di nuovo il timone della squadra l'8 dicembre 2012, nella gara esterna contro il Palermo.

Squadra Allenatore Calciatore più presente
(tra parentesi il numero delle presenze)
Cannoniere
(tra parentesi il numero dei gol)
Atalanta   Stefano Colantuono   Germán Denis (36)   Germán Denis (15)
Bologna   Stefano Pioli   Alberto Gilardino (36)   Alberto Gilardino (13)
Cagliari[30]   Massimo Ficcadenti (1ª-6ª)
  Ivo Pulga (7ª-38ª)
  Víctor Ibarbo (35)   Marco Sau (12)
Catania   Rolando Maran   Lucas Castro,
  Alejandro Darío Gómez (36)
  Gonzalo Bergessio (13)
Chievo[31]   Domenico Di Carlo (1ª-6ª)
  Eugenio Corini (7ª-38ª)
  Cyril Théréau (37)   Cyril Théréau (11)
Fiorentina   Vincenzo Montella   Borja Valero (37)   Stevan Jovetić (13)
Genoa[32][33]   Luigi De Canio (1ª-8ª)
  Luigi Delneri (9ª-21ª)
  Davide Ballardini (22ª-38ª)
  Sébastien Frey (36)   Marco Borriello (12)
Inter   Andrea Stramaccioni   Samir Handanovič (35)   Rodrigo Palacio (12)
Juventus   Antonio Conte   Andrea Barzagli (34)   Arturo Vidal,
  Mirko Vučinić (10)
Lazio     Vladimir Petković     Cristian Daniel Ledesma (36)   Miroslav Klose (15)
Milan   Massimiliano Allegri   Stephan El Shaarawy (37)   Stephan El Shaarawy (16)
Napoli   Walter Mazzarri   Marek Hamšík (38)   Edinson Cavani (29)
Palermo[34][35][36][37][38][39]   Giuseppe Sannino (1ª-3ª)
  Gian Piero Gasperini (4ª-23ª)
  Alberto Malesani (24ª-26ª)
  Gian Piero Gasperini (27ª-28ª)
  Giuseppe Sannino (29ª-38ª)
  Steve von Bergen (34)   Josip Iličič (10)
Parma   Roberto Donadoni   Marco Parolo (36)     Amauri (10)
Pescara[40][41][42][43]   Giovanni Stroppa (1ª-13ª)
  Cristiano Bergodi (14ª-27ª)
  Cristian Bucchi (28ª-38ª)
  Emmanuel Cascione (30)     Mervan Çelik,
  Vladimír Weiss (4)
Roma[44]     Zdeněk Zeman (1ª-23ª)
  Aurelio Andreazzoli (24ª-38ª)
  Alessandro Florenzi (36)     Pablo Osvaldo (16)
Sampdoria[45]   Ciro Ferrara (1ª-17ª)
  Delio Rossi (18ª-38ª)
  Marcelo Estigarribia,
    Pedro Obiang (34)
  Mauro Icardi (10)
Siena[46][47]   Serse Cosmi (1ª-17ª)
  Giuseppe Iachini (18ª-38ª)
  Gianluca Pegolo (38)     Innocent Emeghara (7)
Torino   Gian Piero Ventura   Jean François Gillet (37)   Rolando Bianchi (11)
Udinese   Francesco Guidolin   Roberto Pereyra (37)   Antonio Di Natale (23)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Juventus 87 38 27 6 5 71 24 +47
2. Napoli 78 38 23 9 6 73 36 +37
3. Milan 72 38 21 9 8 67 39 +28
4. Fiorentina 70 38 21 7 10 72 44 +28
5. Udinese 66 38 18 12 8 59 45 +14
6. Roma 62 38 18 8 12 71 56 +15
[48] 7. Lazio 61 38 18 7 13 51 42 +9
8. Catania 56 38 15 11 12 50 46 +4
9. Inter 54 38 16 6 16 55 57 -2
10. Parma 49 38 13 10 15 45 46 -1
11. Cagliari 47 38 12 11 15 43 55 -12
12. Chievo 45 38 12 9 17 37 52 -15
13. Bologna 44 38 11 11 16 46 52 -6
14. Sampdoria (-1) 42 38 11 10 17 43 51 -8
15. Atalanta (-2) 40 38 11 9 18 39 56 -17
16. Torino (-1) 39 38 8 16 14 46 55 -9
17. Genoa 38 38 8 14 16 38 52 -14
  18. Palermo 32 38 6 14 18 34 54 -20
  19. Siena (-6) 30 38 9 9 20 36 57 -21
  20. Pescara 22 38 6 4 28 27 84 -57

Legenda:

      Campione d'Italia e ammessa alla fase a gironi della UEFA Champions League 2013-2014
      Ammessa alla fase a gironi della UEFA Champions League 2013-2014
      Ammessa agli spareggi (percorso piazzate) della UEFA Champions League 2013-2014
      Ammessa alla fase a gironi della UEFA Europa League 2013-2014 per vittoria della coppa nazionale
      Ammesse alle qualificazioni della UEFA Europa League 2013-2014, uno o due turni secondo il piazzamento
      Retrocesse in Serie B 2013-2014

Regolamento:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di arrivo di due o più squadre a pari punti, la graduatoria verrà stilata secondo la classifica avulsa tra le squadre interessate che prevede, in ordine, i seguenti criteri:[7]
  • Punti negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Differenza reti generale
  • Reti realizzate in generale
  • Sorteggio

Note:

Il Siena ha scontato 6 punti di penalizzazione.[49]
L'Atalanta ha scontato 2 punti di penalizzazione.[50]
Sampdoria e Torino hanno scontato 1 punto di penalizzazione.[51][52]

Squadra campioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Juventus Football Club 2012-2013.
Formazione tipo (3-5-2) Giocatori (presenze)
  Gianluigi Buffon (32)
  Andrea Barzagli (34)
  Leonardo Bonucci (33)
  Giorgio Chiellini (24)
  Stephan Lichtsteiner (28)
  Arturo Vidal (31)
  Andrea Pirlo (32)
  Claudio Marchisio (29)
  Kwadwo Asamoah (27)
  Mirko Vučinić (31)
  Sebastian Giovinco (31)
Altri giocatori: Paul Pogba (27), Fabio Quagliarella (27), Alessandro Matri (22), Simone Padoin (20), Martín Cáceres (18), Emanuele Giaccherini (17), Paolo De Ceglie (14), Federico Peluso (12), Mauricio Isla (11), Luca Marrone (10), Nicklas Bendtner (9), Marco Storari (6), Nicolas Anelka (2), Stefano Beltrame (1), Lúcio (1), Simone Pepe (1), Rubinho (1).

RisultatiModifica

TabelloneModifica

Leggendo per riga si hanno i risultati casalinghi della squadra indicata in prima colonna, mentre leggendo per colonna si hanno i risultati in trasferta della squadra in prima riga.

Ata Bol Cag Cat Chi Fio Gen Int Juv Laz Mil Nap Pal Par Pes Rom Sam Sie Tor Udi
Atalanta –––– 1-1 1-1 0-0 2-2 0-2 0-1 3-2 0-1 0-1 0-1 1-0 1-0 2-1 2-1 2-3 0-0 2-1 1-5 1-1
Bologna 2-1 –––– 3-0 4-0 4-0 2-1 0-0 1-3 0-2 0-0 1-3 0-3 3-0 1-2 1-1 3-3 1-1 1-1 2-2 1-1
Cagliari 1-1 1-0 –––– 0-0 0-2 2-1 2-1 2-0 1-3 1-0 1-1 0-1 1-1 0-1 1-2 0-3 3-1 4-2 4-3 0-1
Catania 2-1 1-0 0-0 –––– 2-1 2-1 3-2 2-3 0-1 4-0 1-3 0-0 1-1 2-0 1-0 1-0 3-1 3-0 0-0 3-1
Chievo 1-0 2-0 0-0 0-0 –––– 1-1 0-1 0-2 1-2 1-3 0-1 2-0 1-1 1-1 2-0 1-0 2-1 0-0 1-1 2-2
Fiorentina 4-1 1-0 4-1 2-0 2-1 –––– 3-2 4-1 0-0 2-0 2-2 1-1 1-0 2-0 0-2 0-1 2-2 4-1 4-3 2-1
Genoa 1-1 2-0 2-0 0-2 2-4 0-1 –––– 0-0 1-3 3-2 0-2 2-4 1-1 1-1 4-1 2-4 1-1 2-2 1-1 1-0
Inter 3-4 0-1 2-2 2-0 3-1 2-1 1-1 –––– 1-2 1-3 1-1 2-1 1-0 1-0 2-0 1-3 3-2 0-2 2-2 2-5
Juventus 3-0 2-1 1-1 1-0 2-0 2-0 1-1 1-3 –––– 0-0 1-0 2-0 1-0 2-0 2-1 4-1 1-2 3-0 3-0 4-0
Lazio 2-0 6-0 2-1 2-1 0-1 0-2 0-1 1-0 0-2 –––– 3-2 1-1 3-0 2-1 2-0 3-2 2-0 2-1 1-1 3-0
Milan 0-1 2-1 2-0 4-2 5-1 1-3 1-0 0-1 1-0 3-0 –––– 1-1 2-0 2-1 4-1 0-0 0-1 2-1 1-0 2-1
Napoli 3-2 2-3 3-2 2-0 1-0 2-1 2-0 3-1 1-1 3-0 2-2 –––– 3-0 3-1 5-1 4-1 0-0 2-1 1-1 2-1
Palermo 1-2 1-1 1-1 3-1 4-1 0-3 0-0 1-0 0-1 2-2 2-2 0-3 –––– 1-3 1-1 2-0 2-0 1-2 0-0 2-3
Parma 2-0 0-2 4-1 1-2 2-0 1-1 0-0 1-0 1-1 0-0 1-1 1-2 2-1 –––– 3-0 3-2 2-1 0-0 4-1 0-3
Pescara 0-0 2-3 0-2 2-1 0-2 1-5 2-0 0-3 1-6 0-3 0-4 0-3 1-0 2-0 –––– 0-1 2-3 2-3 0-2 0-1
Roma 2-0 2-3 2-4 2-2 0-1 4-2 3-1 1-1 1-0 1-1 4-2 2-1 4-1 2-0 1-1 –––– 1-1 4-0 2-0 2-3
Sampdoria 1-2 1-0 0-1 1-1 2-0 0-3 3-1 0-2 3-2 0-1 0-0 0-1 1-3 1-0 6-0 3-1 –––– 2-1 1-1 0-2
Siena 0-2 1-0 0-0 1-3 0-1 0-1 1-0 3-1 1-2 3-0 1-2 0-2 0-0 0-0 1-0 1-3 1-0 –––– 0-0 2-2
Torino 2-1 1-0 0-1 2-2 2-0 2-2 0-0 0-2 0-2 1-0 2-4 3-5 0-0 1-3 3-0 1-2 0-0 3-2 –––– 0-0
Udinese 2-1 0-0 4-1 2-2 3-1 3-1 0-0 3-0 1-4 1-0 2-1 0-0 1-1 2-2 1-0 1-1 3-1 1-0 1-0 ––––

CalendarioModifica

Il sorteggio del calendario è avvenuto il 26 luglio 2012 presso gli studi televisivi Interactive Group a Milano, con copertura televisiva offerta da Sky Sport.[53]

andata (1ª) 1ª giornata ritorno (20ª)
26 ago. 0-1 Atalanta-Lazio 0-2 13 gen.
2-0 Chievo-Bologna 0-4 12 gen.
25 ago. 2-1 Fiorentina-Udinese 1-3 13 gen.
26 ago. 2-0 Genoa-Cagliari 1-2
25 ago. 2-0 Juventus-Parma 1-1
26 ago. 0-1 Milan-Sampdoria 0-0
0-3 Palermo-Napoli 0-3
0-3 Pescara-Inter 0-2 12 gen.
2-2 Roma-Catania 0-1 13 gen.
0-0 Siena-Torino 2-3
andata (2ª) 2ª giornata ritorno (21ª)
1º set. 1-3 Bologna-Milan 1-2 20 gen.
2 set. 1-1 Cagliari-Atalanta 1-1
3-2 Catania-Genoa 2-0
1-3 Inter-Roma 1-1
3-0 Lazio-Palermo 2-2 19 gen.
2-1 Napoli-Fiorentina 1-1 20 gen.
2-0 Parma-Chievo 1-1
2-1 Sampdoria-Siena 0-1
1º set. 3-0 Torino-Pescara 2-0
2 set. 1-4 Udinese-Juventus 0-4 19 gen.


andata (3ª) 3ª giornata ritorno (22ª)
16 set. 1-3 Chievo-Lazio 1-0 26 gen.
2-0 Fiorentina-Catania 1-2 27 gen.
1-3 Genoa-Juventus 1-1 26 gen.
15 set. 0-1 Milan-Atalanta 1-0 27 gen.
16 set. 3-1 Napoli-Parma 2-1
15 set. 1-1 Palermo-Cagliari 1-1
16 set. 2-3 Pescara-Sampdoria 0-6
2-3 Roma-Bologna 3-3
2-2 Siena-Udinese 0-1
0-2 Torino-Inter 2-2
andata (4ª) 4ª giornata ritorno (23ª)
23 set. 1-0 Atalanta-Palermo 2-1 3 feb.
1-1 Bologna-Pescara 3-2
a tav.[54] 0-3 Cagliari-Roma 4-2 1º feb.
23 set. 0-0 Catania-Napoli 0-2 2 feb.
0-2 Inter-Siena 1-3 3 feb.
22 set. 2-0 Juventus-Chievo 2-1
23 set. 0-1 Lazio-Genoa 2-3
22 set. 1-1 Parma-Fiorentina 0-2
23 set. 1-1 Sampdoria-Torino 0-0 2 feb.
2-1 Udinese-Milan 1-2 3 feb.


andata (5ª) 5ª giornata ritorno (24ª)
26 set. 2-1 Catania-Atalanta 0-0 10 feb.
0-2 Chievo-Inter 1-3
25 set. 0-0 Fiorentina-Juventus 0-2 9 feb.
26 set. 1-1 Genoa-Parma 0-0 10 feb.
2-0 Milan-Cagliari 1-1
3-0 Napoli-Lazio 1-1 9 feb.
1-0 Pescara-Palermo 1-1 10 feb.
1-1 Roma-Sampdoria 1-3
27 set. 1-0 Siena-Bologna 1-1
26 set. 0-0 Torino-Udinese 0-1
andata (6ª) 6ª giornata ritorno (25ª)
30 set. 1-5 Atalanta-Torino 1-2 17 feb.
4-0 Bologna-Catania 0-1
1-2 Cagliari-Pescara 2-0
2-1 Inter-Fiorentina 1-4
29 set. 4-1 Juventus-Roma 0-1 16 feb.
30 set. 2-1 Lazio-Siena 0-3 18 feb.
4-1 Palermo-Chievo 1-1 16 feb.
29 set. 1-1 Parma-Milan 1-2 15 feb.
30 set. 0-1 Sampdoria-Napoli 0-0 17 feb.
0-0 Udinese-Genoa 0-1


andata (7ª) 7ª giornata ritorno (26ª)
7 ott. 2-0 Catania-Parma 2-1 24 feb.
6 ott. 2-1 Chievo-Sampdoria 0-2
7 ott. 1-0 Fiorentina-Bologna 1-2 26 feb.[55]
6 ott. 1-1 Genoa-Palermo 0-0 23 feb.
7 ott. 0-1 Milan-Inter 1-1 24 feb.
2-1 Napoli-Udinese 0-0 25 feb.
0-3 Pescara-Lazio 0-2
2-0 Roma-Atalanta 3-2 24 feb.
1-2 Siena-Juventus 0-3
0-1 Torino-Cagliari 3-4
andata (8ª) 8ª giornata ritorno (27ª)
21 ott. 2-1 Atalanta-Siena 2-0 3 mar.
1-0 Cagliari-Bologna 0-3
1-1 Chievo-Fiorentina 1-2
2-4 Genoa-Roma 1-3
2-0 Inter-Catania 3-2
20 ott. 2-0 Juventus-Napoli 1-1 1º mar.
3-2 Lazio-Milan 0-3 2 mar.
21 ott. 0-0 Palermo-Torino 0-0 3 mar.
2-1 Parma-Sampdoria 0-1
1-0 Udinese-Pescara 1-0


andata (9ª) 9ª giornata ritorno (28ª)
28 ott. 1-3 Bologna-Inter 1-0 10 mar.
0-1 Catania-Juventus 0-1
2-0 Fiorentina-Lazio 2-0
27 ott. 1-0 Milan-Genoa 2-0 8 mar.
28 ott. 1-0 Napoli-Chievo 0-2 10 mar.
0-0 Pescara-Atalanta 1-2
2-3 Roma-Udinese 1-1 9 mar.
0-1 Sampdoria-Cagliari 1-3 10 mar.
27 ott. 0-0 Siena-Palermo 2-1
28 ott. 1-3 Torino-Parma 1-4
andata (10ª) 10ª giornata ritorno (29ª)
31 ott. 1-0 Atalanta-Napoli 2-3 17 mar.
4-2 Cagliari-Siena 0-0
2-0 Chievo-Pescara 2-0
1º nov. 0-1 Genoa-Fiorentina 2-3
31 ott. 3-2 Inter-Sampdoria 2-0 3 apr.[56]
2-1 Juventus-Bologna 2-0 16 mar.
1-1 Lazio-Torino 0-1 17 mar.
30 ott. 2-2 Palermo-Milan 0-2
31 ott. 3-2 Parma-Roma 0-2
2-2 Udinese-Catania 1-3 16 mar.


andata (11ª) 11ª giornata ritorno (30ª)
4 nov. 1-1 Bologna-Udinese 0-0 30 mar.
4-0 Catania-Lazio 1-2
4-1 Fiorentina-Cagliari 1-2
3 nov. 1-3 Juventus-Inter 2-1
5-1 Milan-Chievo 1-0
4 nov. 1-1 Napoli-Torino 5-3
2-0 Pescara-Parma 0-3
4-1 Roma-Palermo 0-2
1-2 Sampdoria-Atalanta 0-0
1-0 Siena-Genoa 2-2
andata (12ª) 12ª giornata ritorno (31ª)
11 nov. 3-2 Atalanta-Inter 4-3 7 apr.
10 nov. 0-0 Cagliari-Catania 0-0
11 nov. 2-2 Chievo-Udinese 1-3
2-4 Genoa-Napoli 0-2
3-2 Lazio-Roma 1-1 8 apr.
1-3 Milan-Fiorentina 2-2 7 apr.
2-0 Palermo-Sampdoria 3-1
0-0 Parma-Siena 0-0
10 nov. 1-6 Pescara-Juventus 1-2 6 apr.
11 nov. 1-0 Torino-Bologna 2-2


andata (13ª) 13ª giornata ritorno (32ª)
18 nov. 3-0 Bologna-Palermo 1-1 14 apr.
2-1 Catania-Chievo 0-0
4-1 Fiorentina-Atalanta 2-0 13 apr.
2-2 Inter-Cagliari 0-2 14 apr.
17 nov. 0-0 Juventus-Lazio 2-0 15 apr.
2-2 Napoli-Milan 1-1 14 apr.
19 nov. 2-0 Roma-Torino 2-1
18 nov. 3-1 Sampdoria-Genoa 1-1
1-0 Siena-Pescara 3-2 13 apr.
2-2 Udinese-Parma 3-0 14 apr.
andata (14ª) 14ª giornata ritorno (33ª)
25 nov. 0-1 Atalanta-Genoa 1-1 20 apr.
26 nov. 0-1 Cagliari-Napoli 2-3 21 apr.
25 nov. 0-0 Chievo-Siena 1-0
27 nov. 3-0 Lazio-Udinese 0-1 20 apr.
25 nov. 1-0 Milan-Juventus 0-1 21 apr.
24 nov. 3-1 Palermo-Catania 1-1
26 nov. 1-0 Parma-Inter 0-1
25 nov. 0-1 Pescara-Roma 1-1
1-0 Sampdoria-Bologna 1-1
2-2 Torino-Fiorentina 3-4


andata (15ª) 15ª giornata ritorno (34ª)
2 dic. 2-1 Bologna-Atalanta 1-1 27 apr.
30 nov. 1-3 Catania-Milan 2-4 28 apr.
2 dic. 2-2 Fiorentina-Sampdoria 3-0
2-4 Genoa-Chievo 1-0
1-0 Inter-Palermo 0-1
1º dic. 3-0 Juventus-Torino 2-0
2 dic. 2-1 Lazio-Parma 0-0
5-1 Napoli-Pescara 3-0 27 apr.
1-3 Siena-Roma 0-4 28 apr.
4-1 Udinese-Cagliari 1-0 27 apr.
andata (16ª) 16ª giornata ritorno (35ª)
8 dic. 2-1 Atalanta-Parma 0-2 5 mag.
10 dic. 0-0 Bologna-Lazio 0-6
9 dic. 0-2 Cagliari-Chievo 0-0 4 mag.
2-1 Inter-Napoli 1-3 5 mag.
0-1 Palermo-Juventus 0-1
2-0 Pescara-Genoa 1-4
8 dic. 4-2 Roma-Fiorentina 1-0 4 mag.
10 dic. 0-2 Sampdoria-Udinese 1-3 5 mag.
9 dic. 1-3 Siena-Catania 0-3
2-4 Torino-Milan 0-1


andata (17ª) 17ª giornata ritorno (36ª)
16 dic. 3-1 Catania-Sampdoria 1-1 8 mag.
1-0 Chievo-Roma 1-0 7 mag.
4-1 Fiorentina-Siena 1-0 8 mag.
1-1 Genoa-Torino 0-0
3-0 Juventus-Atalanta 1-0
15 dic. 1-0 Lazio-Inter 3-1
16 dic. 4-1 Milan-Pescara 4-0
2-3 Napoli-Bologna 3-0
4-1 Parma-Cagliari 1-0
15 dic. 1-1 Udinese-Palermo 3-2
andata (18ª) 18ª giornata ritorno (37ª)
22 dic. 1-1 Atalanta-Udinese 1-2 12 mag.
1-2 Bologna-Parma 2-0
21 dic. 1-3 Cagliari-Juventus 1-1 11 mag.
22 dic. 1-1 Inter-Genoa 0-0 12 mag.
0-3 Palermo-Fiorentina 0-1
21 dic. 2-1 Pescara-Catania 0-1 11 mag.
22 dic. 4-2 Roma-Milan 0-0 12 mag.
0-1 Sampdoria-Lazio 0-2
0-2 Siena-Napoli 1-2
2-0 Torino-Chievo 1-1


andata (19ª) 19ª giornata ritorno (38ª)
5 gen. 0-0 Catania-Torino 2-2 19 mag.
6 gen. 1-0 Chievo-Atalanta 2-2
0-2 Fiorentina-Pescara 5-1
2-0 Genoa-Bologna 0-0
1-2 Juventus-Sampdoria 2-3 18 mag.
5 gen. 2-1 Lazio-Cagliari 0-1 19 mag.
6 gen. 2-1 Milan-Siena 2-1
4-1 Napoli-Roma 1-2
2-1 Parma-Palermo 3-1
3-0 Udinese-Inter 5-2

StatisticheModifica

SquadreModifica

Capoliste solitarieModifica

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
JuvJuventus
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª

Classifica in divenireModifica

10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª 31ª 32ª 33ª 34ª 35ª 36ª 37ª 38ª
Atalanta -2 -1 2 5 5 5 5 8 9 12 15 18 18 18 18 21 21 22 22 22 23 23 26 27 27 27 30 33 33 34 37 37 38 39 39 39 39 40
Bologna 0 0 3 4 4 7 7 7 7 7 8 8 11 11 14 15 18 18 18 21 21 22 25 26 26 29 32 35 35 36 37 38 39 40 40 40 43 44
Cagliari 0 1 2 2 2 2 5 8 11 14 14 15 16 16 16 16 16 16 16 19 20 21 24 25 28 31 31 34 35 38 39 42 42 42 43 43 44 47
Catania 1 4 4 5 8 8 11 11 11 12 15 16 19 19 19 22 25 25 26 29 32 35 35 36 39 42 42 42 45 45 46 47 48 48 51 52 55 56
Chievo 3 3 3 3 3 3 6 7 7 10 10 11 11 12 15 18 21 21 24 24 25 28 28 28 29 29 29 32 35 35 35 36 39 39 40 43 44 45
Fiorentina 3 3 6 7 8 8 11 12 15 18 21 24 27 28 29 29 32 35 35 35 36 36 39 39 42 42 45 48 51 51 52 55 58 61 61 64 67 70
Genoa 3 3 3 6 7 8 9 9 9 9 9 9 9 12 12 12 13 14 17 17 17 18 21 22 25 26 26 26 26 27 27 28 29 32 35 36 37 38
Inter 3 3 6 6 9 12 15 18 21 24 27 27 28 28 31 34 34 35 35 38 39 40 40 43 43 44 47 47 50 50 50 50 53 53 53 53 54 54
Juventus 3 6 9 12 13 16 19 22 25 28 28 31 32 32 35 38 41 44 44 45 48 49 52 55 55 58 59 62 65 68 71 74 77 80 83 86 87 87
Lazio 3 6 9 9 9 12 15 18 18 19 19 22 23 26 29 30 33 36 39 42 43 43 43 44 44 47 47 47 47 50 51 51 51 52 55 58 61 61
Milan 0 3 3 3 6 7 7 7 10 11 14 14 15 18 21 24 27 27 30 31 34 37 40 41 44 45 48 51 54 57 58 59 59 62 65 68 69 72
Napoli 3 6 9 10 13 16 19 19 22 22 23 26 27 30 33 33 33 36 39 42 43 46 49 50 51 52 53 53 56 59 62 63 66 69 72 75 78 78
Palermo 0 0 1 1 1 4 5 6 7 8 8 11 11 14 14 14 15 15 15 15 16 17 17 18 19 20 21 21 21 24 27 28 29 32 32 32 32 32
Parma 0 3 3 4 5 6 6 9 12 15 15 16 17 20 20 20 23 26 29 30 31 31 31 32 32 32 32 35 35 38 39 39 39 40 43 46 46 49
Pescara 0 0 0 1 4 7 7 7 8 8 11 11 11 11 11 14 14 17 20 20 20 20 20 21 21 21 21 21 21 21 21 21 22 22 22 22 22 22
Roma 1 4 4 7 8 8 11 14 14 14 17 17 20 23 26 29 29 32 32 32 33 34 34 34 37 40 43 44 47 47 48 51 52 55 58 58 59 62
Sampdoria 2 5 8 9 10 10 10 10 10 10 10 10 13 16 17 17 17 17 20 21 21 24 25 28 29 32 35 35 36 36 36 37 38 38 38 39 39 42
Siena -5 -5 -4 -1 2 2 2 2 3 3 6 7 10 11 11 11 11 11 11 11 14 14 17 18 21 21 21 24 25 26 27 30 30 30 30 30 30 30
Torino 0 3 3 4 5 8 8 9 9 10 11 14 14 15 15 15 16 19 20 23 26 27 28 28 31 31 32 32 35 35 36 36 36 36 36 37 38 39
Udinese 0 0 1 4 5 6 6 9 12 13 14 15 16 16 19 22 23 24 27 30 30 33 33 36 36 37 40 41 41 42 45 48 51 54 57 60 63 66

Classifiche di rendimentoModifica

Rendimento andata-ritornoModifica
Andata Ritorno
Juventus 44 Juventus 43
Napoli 39 Milan 42
Lazio 39 Napoli 39
Fiorentina 35 Udinese 39
Inter 35 Fiorentina 35
Roma 32 Cagliari 31
Milan 30 Catania 30
Parma 29 Roma 30
Udinese 27 Bologna 26
Catania 26 Sampdoria 22
Chievo 24 Lazio 22
Atalanta 22 Chievo 21
Torino 20 Genoa 21
Sampdoria 20 Parma 20
Pescara 20 Siena 19
Bologna 18 Torino 19
Genoa 17 Inter 19
Cagliari 16 Atalanta 18
Palermo 15 Palermo 17
Siena 11 Pescara 2
Rendimento casa-trasfertaModifica
Casa Trasferta
Napoli 46 Juventus 42
Juventus 45 Napoli 32
Fiorentina 43 Milan 31
Milan 41 Fiorentina 27
Lazio 41 Roma 27
Catania 40 Udinese 26
Udinese 40 Inter 26
Roma 35 Lazio 20
Parma 33 Chievo 19
Cagliari 28 Cagliari 19
Inter 28 Bologna 18
Sampdoria 27 Atalanta 18
Chievo 26 Catania 16
Bologna 26 Parma 16
Atalanta 24 Sampdoria 16
Torino 24 Genoa 16
Siena 23 Torino 15
Palermo 22 Siena 13
Genoa 22 Palermo 10
Pescara 13 Pescara 9

Primati stagionaliModifica

  • Maggior numero di vittorie: Juventus (27)
  • Minor numero di vittorie: Palermo e Pescara (6)
  • Maggior numero di pareggi: Torino (16)
  • Minor numero di pareggi: Pescara (4)
  • Minor numero di sconfitte: Juventus (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Pescara (28)
  • Miglior attacco: Napoli (73 gol fatti)
  • Peggior attacco: Pescara (27 gol fatti)
  • Miglior difesa: Juventus (24 gol subiti)
  • Peggior difesa: Pescara (84 gol subiti)
  • Miglior differenza reti: Juventus (+47)
  • Peggior differenza reti: Pescara (−57)
  • Miglior serie positiva: Milan (14 risultati utili consecutivi, dalla 19ª alla 32ª giornata)
  • Maggior numero di vittorie consecutive: Juventus (9, dalla 28ª alla 36ª giornata)
  • Maggior numero di pareggi consecutivi: Bologna (5, dalla 30ª alla 34ª giornata)
  • Maggior numero di sconfitte consecutive: Pescara (8, dalla 25ª alla 32ª giornata)
  • Partita con più reti: Torino - Napoli 3-5 (8)
  • Partita con maggiore scarto di gol:' Sampdoria - Pescara 6-0 e Lazio - Bologna 6-0 (6)
  • Maggior numero di reti in una giornata: 39 reti (15ª giornata)
  • Minor numero di reti in una giornata: 16 reti (5ª e 37ª giornata)

IndividualiModifica

Classifica marcatoriModifica

Gol Rigori Giocatore Squadra
29 7   Edinson Cavani Napoli
23 4   Antonio Di Natale Udinese
16 0   Stephan El Shaarawy Milan
16 2   Pablo Osvaldo Roma
15 0   Erik Lamela Roma
15 0   Miroslav Klose Lazio
15 3   Giampaolo Pazzini Milan
15 5   Germán Denis Atalanta
13 0   Gonzalo Bergessio Catania
13 0   Alberto Gilardino Bologna
13 1   Stevan Jovetić Fiorentina
12 0   Rodrigo Palacio Inter
12 1   Marco Sau Cagliari
12 2   Marco Borriello Genoa
12 3   Francesco Totti Roma
12 6   Mario Balotelli Milan

Marcature multipleModifica

[57]

Reti Calciatore Incontro Giornata
5   Miroslav Klose Lazio-Bologna 6-0 35
4   Mauro Icardi Sampdoria-Pescara 6-0 22

Media spettatoriModifica

Media spettatori della Serie A 2012-2013: 24 655.[58]

Club Pos. Media Max. Totale Abbonamenti
Inter 1 46 551 79 341 884 462 35 226
Milan 2 43 651 77 023 829 378 24 670
Roma 3 40 179 54 981 763 402 24 822
Napoli 4 39 636 58 143 753 080 10 330
Juventus 5 38 600 40 562 733 401 27 442
Lazio 6 31 992 51 461 607 843 20 546
Fiorentina 7 25 665 39 469 487 643 12 636
Sampdoria 8 23 123 30 350 439 331 20 058
Bologna 9 21 436 35 206 407 290 13 216
Genoa 10 19 740 29 218 375 057 16 791
Palermo 11 18 287 26 597 347 447 9 286
Torino 12 15 615 25 753 296 684 8 539
Udinese 13 15 506 27 543 294 616 15 146
Atalanta 14 15 396 22 099 292 562 10 052
Catania 15 13 862 20 381 263 377 8 992
Parma 16 12 740 19 073 242 051 10 546
Pescara 17 12 236 21 317 232 490 7 297
Chievo[59] 18 10 134 40 000 192 545 6 503
Siena 19 9 582 15 373 182 057 6 869
Cagliari[60] 20 8 643 16 500 155 576 4 339

ArbitriModifica

Di seguito è indicata, in ordine alfabetico, la lista dei 36 arbitri che hanno preso parte alla Serie A 2012-2013. Tra parentesi è riportato il numero di incontri diretti.

Copertura televisivaModifica

Sono due gli operatori televisivi a proporre le partite di Serie A in diretta: Sky via satellite e Mediaset Premium via etere. La TV satellitare propone tutte le partite, mentre la piattaforma terrestre trasmette le gare delle 12 squadre scelte a inizio stagione (si tratta di 324 incontri su un totale di 380). I 56 scontri diretti fra le rimanenti 8 squadre sono visibili dunque in esclusiva assoluta su Sky. Per la stagione 2012-2013 le 12 squadre scelte da Mediaset Premium sono Juventus, Milan, Inter, Roma, Lazio, Napoli, Fiorentina, Palermo, Genoa, Torino, Atalanta e Catania (nelle due stagioni successive la TV terrestre avrà facoltà di sostituire quelle che non dovessero più militare in Serie A); rimane invenduto il pacchetto comprendente le partite per il digitale terrestre di Bologna, Cagliari, ChievoVerona, Parma, Pescara, Sampdoria, Siena e Udinese. La Lega Serie A ha quindi deciso di indire un nuovo bando per l'assegnazione dei diritti TV in chiaro e pay invenduti, che verranno offerti spacchettati in trattativa privata.[61]

NoteModifica

  1. ^ Disciplinare: -2 a Napoli e Portogruaro, 6 mesi a Cannavaro e Grava, su figc.it. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  2. ^ CGF: tolti i 2 punti di penalizzazione al Napoli, assolti Cannavaro e Grava, su figc.it. URL consultato il 18 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  3. ^ Nicchi: Arbitri di porta anche per la Serie A, in fantagazzetta.com, 1º agosto 2012. URL consultato il 13 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  4. ^ La FIGC autorizza la "PANCHINA LUNGA" con 12 giocatori, in figc.it, 21 agosto 2012. URL consultato il 24 agosto 2012 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2018).
  5. ^ Regola 3 del regolamento del giuoco del calcio - Sostituzioni di calciatori (PDF), in figc.it, 23 agosto 2012. URL consultato il 24 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ Serie A, ecco la panchina lunga Dodici riserve fin dal 1º turno, Gazzetta.it, 21 agosto 2012.
  7. ^ a b Comunicato ufficiale n. 52/A (PDF), figc.it, 4 agosto 2011. URL consultato il 14 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2012).
  8. ^ Mario Sconcerti, Vidal, Pogba, difesa e ricambi efficaci. Così la Juve di Conte ha costruito il bis, su corriere.it, 5 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).
  9. ^ Marco Gaetani, Juventus-Napoli 2-0: Pogba e Caceres gol, cambi decisivi, su repubblica.it, 20 ottobre 2012. URL consultato il 31 marzo 2015.
  10. ^ Riccardo Pratesi, Milito implacabile, l'Inter rimonta. La Juve non è più imbattibile, su gazzetta.it, 3 novembre 2012. URL consultato il 2 aprile 2015.
  11. ^ Jacopo Manfredi, Milan-Juventus 1-0, decide un rigore dubbio di Robinho, su repubblica.it, 25 novembre 2012. URL consultato il 30 giugno 2015.
  12. ^ Matteo Pinci, Napoli esulta, via la penalizzazione. Assolti Cannavaro e Grava, su repubblica.it, 17 gennaio 2013.
  13. ^ Riccardo Pratesi, Juventus-Sampdoria 1-2 Doppio Icardi, capolista k.o., su gazzetta.it, 6 gennaio 2013. URL consultato il 30 giugno 2015.
  14. ^ Cristiano Sala, Totti ferma la Juve: la Roma vince 1-0 all'Olimpico, su tuttosport.com, 16 febbraio 2013. URL consultato il 28 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2013).
  15. ^ Maurizio Crosetti, Napoli-Juventus 1-1, ma ridono i bianconeri, su repubblica.it, 1º marzo 2013. URL consultato il 15 agosto 2013.
  16. ^ Emanuele Gamba, Juventus-Catania 1-0, il gol di Giaccherini vale mezzo scudetto, su repubblica.it, 10 marzo 2013. URL consultato il 31 maggio 2014.
  17. ^ Marco Azzi, Chievo-Napoli 2-0, gli azzurri dicono addio al sogno scudetto, su repubblica.it, 10 marzo 2013. URL consultato il 24 giugno 2015.
  18. ^ Valerio Clari, Inter-Juventus 1-2. Scudetto in cassaforte, ora è questione di tempo, su gazzetta.it, 31 marzo 2013. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  19. ^ Riccardo Pratesi, Juventus-Milan 1-0, decide Vidal su rigore. Scudetto vicino. Viola a un punto dai rossoneri, su gazzetta.it, 21 aprile 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  20. ^ Jacopo Manfredi, Juventus-Palermo 1-0, Vidal firma il gol scudetto, su repubblica.it, 5 maggio 2013. URL consultato il 2 aprile 2015.
  21. ^ Antonio Farinola, Siena-Milan 1-2, rossoneri in Champions col brivido, su repubblica.it, 19 maggio 2013. URL consultato il 2 giugno 2014.
  22. ^ Maurizio Nicita, Roma-Lazio 0-1, decide un gol di Lulic. Biancocelesti in Europa, su gazzetta.it, 26 maggio 2013. URL consultato il 2 aprile 2015.
  23. ^ Fabio Monti, L'Udinese in Europa League, Inter umiliata Sconfitte, errori e gioco: un futuro da rifondare, su corriere.it, 20 maggio 2013. URL consultato il 24 marzo 2015.
  24. ^ it.violachannel.tv, VINCENZO MONTELLA È IL NUOVO ALLENATORE DELLA FIORENTINA, 11 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  25. ^ Mercato Palermo, ufficiale: Sannino nuovo allenatore, in calciomercato.it, 6 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  26. ^ SIENA, UFFICIALE: COSMI NUOVO TECNICO, in sportmediaset.it, 27 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  27. ^ Ufficiale: Zeman alla Roma Per lui contratto biennale, in corrieredellosport.it, 4 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  28. ^ Ufficiale, Stroppa è il nuovo allenatore del Pescara, in corrieredellosport.it, 8 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  29. ^ Calciomercato Sampdoria, UFFICIALE: panchina a Ciro Ferrara, in calciomercato.it, 2 luglio 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  30. ^ Nuovo corso, su cagliaricalcio.net. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  31. ^ Alle 17:30 al Peschiera la presentazione di Corini, su chievoverona.it, 2 ottobre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2012).
  32. ^ Colpo di scena al Genoa. Via De Canio, arriva Delneri, su gazzetta.it, 22 ottobre 2012. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  33. ^ Genoa, Delneri esonerato. Il nuovo allenatore è Ballardini, su gazzetta.it, 20 gennaio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  34. ^ Esonerato Sannino - squadra a Gasperini, ilpalermocalcio.it, 16 settembre 2012. URL consultato il 16 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2012).
  35. ^ Esonerato Gian Piero Gasperini, su palermocalcio.it, 4 febbraio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2013).
  36. ^ E' Malesani il nuovo allenatore, in palermocalcio.it, 5 febbraio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2013).
  37. ^ Esonerato Malesani, richiamato Gasperini, in palermocalcio.it, 24 febbraio 2013. URL consultato il 24 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2013).
  38. ^ Risoluzione consensuale per Gasperini, in palermocalcio.it, 11 marzo 2013. URL consultato l'11 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2018).
  39. ^ Prima squadra affidata a Sannino, in palermocalcio.it, 12 marzo 2013. URL consultato il 12 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2017).
  40. ^ Dimissioni Stroppa, su pescaracalcio.com. URL consultato il 18 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2012).
  41. ^ Bergodi: il giorno della presentazione, su pescaracalcio.com. URL consultato il 20 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  42. ^ Bergodi sollevato dall'incarico di allenatore, su pescaracalcio.com, 3 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  43. ^ Il Pescara a Bucchi, su pescaracalcio.com, 5 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  44. ^ AS Roma: Zdenek Zeman, su asroma.it. URL consultato il 3 febbraio 2013.
  45. ^ Delio Rossi è il nuovo allenatore della Sampdoria (PDF) [collegamento interrotto], su sampdoria.it. URL consultato il 17 dicembre.
  46. ^ Esonerato l'allenatore Cosmi, su acsiena.it. URL consultato il 17 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2012).
  47. ^ Iachini è il nuovo allenatore del Siena, su acsiena.it. URL consultato il 17 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2012).
  48. ^ Vincitrice della Coppa Italia
  49. ^ Calcioscommesse: Siena patteggia 6 punti di penalizzazione, AGI.it. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2013).
  50. ^ Masiello, stop di 26 mesi. Samp parte da -1, Bari -5, su corrieredellosport.it. URL consultato il 3 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).; Atalanta, 2 punti di penalità, La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 31 maggio 2012.
  51. ^ Scommesse:patteggiano 2 club,7 tesserati, su corrieredellosport.it. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).
  52. ^ cfr. Calcioscommesse, confermate le richieste di patteggiamento di Torino e Varese: 1 punto di penalizzazione a testa, su seriebnews.com, 1º agosto 2012.
  53. ^ Calendario Serie A 2012/2013 - Diretta su SKY Sport HD, Sky.it e Facebook, in digital-sat.it, 26 luglio 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  54. ^ Comunicato ufficiale n. 51 del 24 settembre 2012 [collegamento interrotto], in Lega Serie A, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  55. ^ Rinviata a martedì Bologna-Fiorentina, in Lega Serie A, 23 febbraio 2013. URL consultato il 24 febbraio 2013.
  56. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 172 DEL 20 MARZO 2013 [collegamento interrotto], in Lega Serie A, 20 marzo 2013. URL consultato il 21 marzo 2013.
  57. ^ Serie A 2012-2013 Rsssf.com
  58. ^ Statistiche spettatori Serie A 2012-2013, su stadiapostcards.com.
  59. ^ Il Chievo non ha comunicato dati ufficiali sugli spettatori.
  60. ^ Il Cagliari non ha comunicato dati ufficiali sugli spettatori.
  61. ^ La Lega dice no a tutte le offerte: al via nuovo bando, in tvdigitaldivide.it, 11 febbraio 2012. URL consultato il 30 novembre 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica