Apri il menu principale
Ernesto Escobedo
Escobedo US16 (11) (29236709823).jpg
Ernesto Escobedo allo US Open 2016
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 82 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 14-27 (34,15%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 67º (17 luglio 2017)
Ranking attuale 191º (7 gennaio 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2017)
Francia Roland Garros 1T (2017)
Regno Unito Wimbledon 1T (2017)
Stati Uniti US Open 2T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 1-2 (33,33%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 483º (13 novembre 2017)
Ranking attuale - (7 gennaio 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros 2T (2017)
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 7 gennaio 2019

Ernesto Escobedo (Los Angeles, 4 luglio 1996) è un tennista statunitense.

CarrieraModifica

2012-2015: iniziModifica

Prende parte al primo torneo Futures il 10 settembre 2012 in Messico, superando il primo turno grazie al ritiro di Eduardo Nava sul punteggio di 6-2, 4-1 in favore dell'americano, al secondo turno viene eliminato da Christopher Diaz-Figueroa in tre set[1].

L'anno seguente raggiunge la sua prima semifinale Futures, perdendo contro Antoine Benneteau col punteggio di 6-2, 1-6, 2-6. IL 22 settembre 2013 gioca la sua prima finale Futures, in California, dove viene sconfitto da Haythem Abid col punteggio di 1-6, 6-4, 5-7. Raggiunge la seconda finale in Messico sconfitto questa volta da Nicolas Meister per 7-64, 1-6, 67-7.

Nel 2014 partecipa per la prima volta ad un Challenger a Binghamton raggiungendo i quarti di finale. Partecipa inoltre alle qualificazioni degli US Open, perdendo al terzo turno da Facundo Bagnis.

Nel 2015 raggiunge tre finali Futures, Messico F4, USA F16B e USA F27, senza riuscire a conquistare titoli.

2016: 2 titoli ChallengerModifica

Prende parte per la prima volta alle qualificazioni del torneo di Indian Wells, grazie ad una wildcard[2], ma viene sconfitto al primo turno da Édouard Roger-Vasselin in tre set. Partecipa anche alle qualificazioni del U.S. Men's Clay Court Championships di Houston dove viene eliminato da Bjorn Fratangelo. Ad aprile raggiunge la prima finale Challenger a San Paolo, sconfitto da Gonzalo Lama per 2–6, 2–6[3]. Si qualifica per la prima volta per un torneo ATP ad 's-Hertogenbosch, eliminato da Aljaž Bedene al primo turno. Riesce a qualificarsi anche per il tabellone principale del torneo di Nottingham, batte al primo turno Diego Schwartzman prima di arrendersi a Sam Querrey. A luglio si qualifica per il Citi Open sconfitto da Donald Young. Il 31 luglio conquista il suo primo Challenger battendo Frances Tiafoe nella finale del Kentucky Bank Tennis Championships di Lexington[4].

Riceve una wildcard per lo US Open 2016 e batte al primo turno Lukáš Lacko per poi cedere al turno successivo a Kyle Edmund.

Nel finale di stagione raggiunge altre due finali Challenger conquistando il titolo a Monterrey su Denis Kudla col punteggio di 6–4, 6–4 e perdendo a Cary su James McGee col punteggio di 6–1, 1–6, 4–6.

2017: Top 100Modifica

Inizia la stagione a Brisbane e dopo aver superato le qualificazioni viene sconfitto al primo turno da Kyle Edmund. Supera poi le qualificazioni degli Australian Open e batte al primo turno Daniil Medvedev in quattro set, affronta poi al secondo turno David Ferrer perdendo in quattro set.

Ad Acaulco perde il secondo turno contro Steve Johnson. Nel master mille di Indian Wells viene eliminato al primo turno di qualificazione da Peter Gojowczyk. Mentre nel successivo torneo di Miami Open supera lo scoglio delle qualificazioni e si spinge al secondo turno, dove viene sconfitto da Fernando Verdasco.

Ad aprile grazie ad una wildcard entra nel tabellone principale del U.S. Men's Clay Court Championships e raggiunge la sua prima semifinale ATP battuto da John Isner in tre set. Grazie a questo risultato entra per la prima volta nella top 100[5]. A Madrid viene eliminato da Feliciano López al primo turno. Agli Internazionali BNL d'Italia entra in tabellone come lucky loser ma viene eliminato da Tommy Haas al primo turno. Non va meglio al Roland Garros dove viene eliminato al primo turno da Denis Istomin, col punteggio di 7-63, 6-3, 6-4.

Inizia la stagione su erba a 's-Hertogenbosch e dopo aver superato Jason Jung al primo turno, viene sconfitto al secondo da Aljaž Bedene in due set. La settimana successiva non riesce a qualificarsi per il torneo di Halle. Torna in campo a Wimbledon, per la prima volta nel tabellone principale e, viene sconfitto da Adam Pavlásek 7-67, 1-6, 3-6, 1-6. Esce poi al primo turno ai tornei di Atlanta e Los Cabos. A Montreal perde al secondo turno di qualificazione, ma viene ammesso come lucky loser, e al primo turno batte Nikoloz Basilashvili per poi essere sconfitto da Robin Haase per 6-4, 6-1. Perde subito nelle qualificazioni a Cincinnati. Allo US Open viene sconfitto, al primo turno, da Radu Albot col punteggio di 5-7, 6-4, 2-6, 4-6.

StatisticheModifica

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (2)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (2)
Futures (0)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 31 luglio 2016   Kentucky Bank Tennis Championships, Lexington Cemento   Frances Tiafoe 6–2, 66–7, 7–63
2. 15 ottobre 2016   Monterrey Challenger, Monterrey Cemento   Denis Kudla 6–4, 6–4
Finali perse (7)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (2)
Futures (5)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 22 settembre 2003   USA F24, California Cemento   Haythem Abid 1-6, 6-4, 5-7
2. 17 ottobre 2003   Mexico F19 Cemento   Nicolas Meister 7-64, 1-6, 67-7
3. 24 maggio 2015   Mexico F4 Cemento   Darian King 5–7, 7–5, 4–6
4. 14 giugno 2015   USA F16B Cemento   Tennys Sandgren 4–6, 4–6
5. 27 settembre 2015   USA F27 Cemento   Ryan Shane 4–6, 3–6
6. 24 aprile 2016   São Paulo Challenger de Tênis, San Paolo Terra battuta   Gonzalo Lama 2–6, 2–6
7. 18 settembre 2016   Cary Challenger, Cary Cemento   James McGee 6–1, 1–6, 4–6

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Aggiornato a fine Wimbledon 2017

Tornei 2014 2015 2016 2017 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A A A 2T 1–1
  Roland Garros, Parigi A A A 1T 0-1
  Wimbledon, Londra A A A 1T 0-1
  US Open, New York Q3 A 2T 1T 1–2
Vittorie –Sconfitte 0–0 0–0 1-1 1–4 2–5
Nazionale
  Giochi Olimpici Non disputati A ND 0-0
Coppa Davis A A A A 0–0
Vittorie –Sconfitte 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0
ATP World Tour Masters 1000
  BNP Paribas Open, Indian Wells A A Q1 Q1 0-0
  Miami Open, Miami A A A 2T 1-1
  Monte-Carlo Rolex Masters, Monte Carlo A A A A 0-0
  Mutua Madrid Open, Madrid A A A 1T 0–1
  Internazionali d'Italia, Roma A A A 1T 0–1
  Rogers Cup, Montréal/Toronto A A A 2T 1–1
  Western & Southern Open, Cincinnati A A A Q1 0–0
  Shanghai Rolex Masters, Shanghai A A A 0-0
  BNP Paribas Masters, Parigi A A A 0–0
Vittorie –Sconfitte 0–0 0-0 0-0 2-4 2-4
Statistiche Carriera
2014 2015 2016 2017
Tornei disputati 0 0 4 14 18
Titoli / Finali 0 / 0 0 / 0 0 / 0 0 / 0 0 / 0
Totale V - S 0-0 0-0 2-4 8-14 10-18
Vittorie % 0% 0% 33% 36% 36%
Ranking fine anno 538 393 141 77 N/A

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica