Apri il menu principale

Unione Sportiva Fucecchio

U.S. Fucecchio
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Nero.svg Bianco, nero
Dati societari
Città Fucecchio
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1903
Scioglimento2004
Rifondazione2004
Presidente Italia Luca Lazzeri
Allenatore Italia Claudio Targetti
Stadio Comunale “Filippo Corsini”
(2000 posti)
Sito web www.0571foto.com/acfucecchio/
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Fucecchio, meglio noto come Fucecchio, era una società calcistica italiana con sede nella città di Fucecchio, in provincia di Firenze.

StoriaModifica

Il calcio a Fucecchio si è sempre alternato con varie denominazioni, presidenti, categorie e stagioni più o meno esaltanti, antiche ricerche infatti sanciscono il 1903 come l'anno della fondazione della prima squadra fucecchiese.

Dati certi si hanno a partire dagli anni 1938-1939, anni in cui con la denominazione di "SAFFA Fucecchio", nome derivante dalla locale fabbrica di fiammiferi, chiusa da alcuni decenni, la squadra prese parte al campionato di Serie C 1937-1938, piazzandosi 13ª, al campionato di Serie C 1938-1939, stagione dalla quale però la società si ritirò, e alla Coppa Italia 1937-1938.

Successivamente la squadra fucecchiese tornerà a disputare campionati di rilevanza nazionale intorno al secondo dopoguerra, con una nuova denominazione, quella di "Vigor Fucecchio", prendendo parte alla Serie C 1947-1948, ove si classificò 2ª, nella Serie C 1948-1949, dove invece si classificò 9ª, e in Serie C 1949-1950, classificandosi però 21ª senza riuscire ad evitare la retrocessione in Promozione (oggi Serie D), prendendo parte al campionato di Promozione 1950-1951, arrivando 5ª ma andando incontro a difficoltà finanziarie, tanto che l'antica società prebellica scomparve per sempre.

La rinascita dell'U.S. FucecchioModifica

La società tornerà nel Campionato Interregionale sulla cresta degli anni 1980, con la denominazione di "U.S. Fucecchio 1903", prendendo parte al Campionato Interregionale 1981-1982, dove conquistò il 3º posto, sotto la guida tecnica di Cesare Meucci, al Campionato Interregionale 1982-1983, piazzandosi 9º, al Campionato Interregionale 1983-1984, dove conquistò un sofferto 13º posto e al Campionato Interregionale 1984-1985, campionato che ne sancì la retrocessione essendosi classificata 15ª.

Nella stagione 1985-1986, disputerà il campionato di Promozione Toscana, (che fino al 1991 ha corrisposto all'attuale Eccellenza Toscana), classificandosi 7ª, nella stagione successiva 1986-1987, sempre nella medesima categoria, la squadra terminerà al 2º posto, non riuscendo a centrare la promozione per soli 2 punti. Nella stagione 1987-1988 si piazzerà al 5º posto, nella stagione 1988-1989 arriverà 6ª, e nella stagione 1989-1990 si classificherà 9ª.

Nella stagione 1990-1991, classificandosi 3ª, sarà ammessa nella nuova serie, l'Eccellenza Toscana, disputandovi il campionato di Eccellenza Toscana 1991-1992, classificandosi però 16ª retrocedendo nell'attuale Promozione Toscana.

Promozione Toscana nella quale disputerà il campionato 1992-1993, ottenendo il 10º posto, il campionato 1993-1994 classificandosi 8ª, il campionato 1994-1995, piazzandosi al 3º posto, e il campionato 1995-1996, raggiungendo il 1º posto e la promozione nel campionato di Eccellenza Toscana.

Nel campionato di Eccellenza Toscana 1996-1997, otterrà la 4ª posizione, riuscendo tuttavia a vincere, sotto la guida di Giancarlo Favarin, la Coppa d'Eccellenza Toscana.

Nella stagione 1998-1999 otterrà la promozione nel Campionato Nazionale Dilettanti. Parteciperà alla Serie D 1999-2000 piazzandosi 10ª, in Serie D 2000-2001, piazzandosi 5ª, al campionato di Serie D 2001-2002 arrivando 3ª, e la stagione successiva in cui i tifosi bianconeri avranno due amari verdetti: la retrocessione del Fucecchio come ultima classificata, e la promozione in Serie C2 dei cugini del Cappiano Romaiano.

La definitiva caduta dell'U.S. Fucecchio 1903 e la rinascitaModifica

Nella stagione 2003-2004, l’U.S. Fucecchio prenderà parte al campionato di Eccellenza Toscana, ottenendo una posizione di rincalzo (10ª), ma a fine stagione, la squadra ormai oppressa di debiti, sarà costretta a vendere il proprio titolo sportivo all'A.S.D. Castelfranco Stella Rossa.

Dopo la cessione del titolo, nel 2004, è stata fondata una nuova società, l'AC Fucecchio, che è partita dal campionato di Terza Categoria.

Nella stagione sportiva 2017 - 2018 milita in Eccellenza Toscana.

SocietàModifica

Cronologia di colori e denominazioni[1]
  • 1903-1914   Fucecchio
  • 1914-1934   Vigor Fucecchio
  • 1935-1939 SAFFA Fucecchio
  • 1945-1946   Associazione Sportiva Fucecchiese
  • 1946-1950   Vigor Fucecchio
  • 1950-1998   Unione Sportiva Fucecchio
  • 1998-2004   Unione Sportiva Fucecchio 1903

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'U.S. Fucecchio

GiocatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'U.S. Fucecchio

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

1980-1981 (girone B)
1996-1997

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 1947-1948 (girone N)
Terzo posto: 2001-2002 (girone D)
Terzo posto: 1981-1982 (girone E)
Secondo posto: 1998-1999 (girone A), 2018-2019 (girone A)
Secondo posto: 1976-1977, 1986-1987 (girone A)
Terzo posto: 1990-1991 (girone B)

NoteModifica

  1. ^ Non sono tuttavia state apportate prove concrete sul riconoscimento federale di tali successioni, non essendo noti i numeri di matricola delle società né, soprattutto, se la FIGC nelle varie epoche avesse sempre riconosciuto la trasmissione del titolo sportivo da una società all'altra.

BibliografiaModifica

  • Pietro Boldrini, La grande Vigor 1945 - 1950, edito nel 1978.
  • Spartaco Gozzi, C'ero anch'Io - dal 1903 la storia del calcio fucecchiese, edito nel 2003.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica