Associazione Sportiva Dilettantistica Portici 1906

Società calcistica italiana con sede nella città di Portici (NA)
SSD Portici 1906
Calcio Football pictogram.svg
Portici logo.png
Porticesi, Azzurri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Flag blue HEX-0082D6.svg Azzurro, bianco
Simboli Vesuvio
Dati societari
Città Portici (NA)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1906
Presidente Italia Lorenzo Ragosta
Allenatore Italia Alessandro Mattiacci
Stadio San Ciro
(7580 posti)
Sito web porticicalcio.com
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Dilettantistica Portici 1906 è la principale società calcistica di Portici, nella Città metropolitana di Napoli. Milita in Serie D.

Fondato sul finire del 1906, il Portici nel corso della sua storia ultracentenaria si è affermato come una delle principali compagini del panorama dilettantistico campano. Vanta 3 partecipazioni al campionato di Serie C e 25 ai campionati di Serie D (o Interregionali), nonché - negli anni '20 - due partecipazioni al Campionato di Seconda Divisione (II livello calcistico dell'epoca). Da una collaborazione con l'Academy Soccer Portici nella stagione 2016/17 è nato il progetto di rilanciare l'attività di scuola calcio, oltre a puntare sulla Juniores Nazionale.

StoriaModifica

Le origini della societàModifica

La S.S. Portici nacque nel 1906 su iniziativa del giovane Alberto De Biasio, che impostò la nascente società come polisportiva, attiva principalmente in ciclismo, podismo, atletica leggera e nuoto. La sezione calcistica, cui la società legherà indissolubilmente il suo nome, nacque intorno al 1910 e per i primi anni si dedicò ad attività prevalentemente amichevole. La squadra disputava le sue partite casalinghe in un campetto talmente dissestato da esser soprannominato "'a rattacasa" (cioè, il "campo grattugia"). La prima gara ufficiale fu disputata sul campo dell'"Internazionale" di Agnano contro la S.C. Italia e terminò con la vittoria per 1 - 0. Quel primo storico undici era composto da: Ferraiolo, Cassinis, Dell'Orto, Scarano, Papaleo, Persico, Rossi II, Pompameo, Rossi I, Bianchi e Rossi III.
Ben più importanti successi venivano mietuti in campo podistico - uno su tutti, la vittoria di Giulio Visconti a Carmagnola (TO) il 18 luglio 1913 - ed in campo ciclistico. Una menzione particolare per tale sport va dedicata a Ezio Ascione, vincitore della gara Costa d'Amalfi (1910), della Coppa Cioffi (1911) nonché della tappa San Pedro-Rosario e del Gran Premio della Reaccion del Rosario in Argentina (1913): infaticabile scalatore, atleta formidabile, era dotato di un'accelerazione bruciante in rettilineo. Ezio Ascione abbinava l'intensa attività sportiva a una sua passione, forse ancora più forte: le donne. Sfruttando la stazza e il suo innegabile fascino, ebbe numerosissime amanti, sia in Italia sia in Argentina. Comunque, l'esplodere della Prima guerra mondiale porterà a quattro anni di inattività.

Il primo dopoguerra, i primi successiModifica

Al termine del primo conflitto mondiale, il Portici riprendeva le sue attività continuando a raccogliere buoni risultati nelle corse podistiche. Per i primi successi in ambito calcistico bisogna attendere la stagione 1921/22: la prima squadra, iscritta al campionato campano di Promozione giunse sino alla Finale, persa con un complessivo 3-1 contro la più quotata Audax Salerno; la formazione giovanile si aggiudicava invece il campionato provinciale ULIC battendo la Pro Napoli. Nel 1923 veniva eletto presidente del club il già citato Ezio Ascione. Negli anni 1922-23 e 1923-24 partecipò al campionato di Seconda Divisione, secondo livello calcistico dell'epoca; in entrambi i campionati si guadagnò l'accesso alle finali, sfiorando la promozione in I Divisione. Tra i giocatori di spicco del Portici vi era Giuseppe Zumkeller, che si era messo già in mostra nel campionato ULIC ed autore di ben sei gol contro il Resurgo.
Dal '25 al '30 il calcio a Portici fece perdere ogni traccia, vittima dell'assenza di un campo regolamentare e delle abituali difficoltà economiche, nonché degli ottimi risultati raccolti dalla sezione pugilistica della società. La rinascita della sezione calcistica - denominata Società Sportiva Giovinezza, con colori sociali giallo e rosso - avrebbe portato ad un decennio ricco di successi, concretizzatosi con i quattro campionati consecutivi di Prima Divisione collezionati prima dell'esplodere del secondo conflitto mondiale.
Il periodo bellico è legato alla storica partecipazione al Campionato Campano, concluso al quinto posto; tra i risultati, è degno di nota il pareggio casalingo per 2-2 contro il Napoli. Tra i calciatori di quella formazione si ricorda Italo Romagnoli, prelevato dalla Lazio per 450mila lire; dopo le esperienze post-belliche con le maglie di Pescara e Napoli, sarebbe tornato a Portici rivestendo prima il ruolo di giocatore e poi a più riprese quello di allenatore.

Il secondo dopoguerra: un triennio in serie C; gli anni '60: la storica promozione in Serie DModifica

Al termine delle ostilità il Portici era ormai una delle principali squadre dilettantistiche del calcio campano, presenza fissa nei massimi tornei sia nazionali che regionali. Tra il 1945-46 e il 1947-48, la S.S. Portici partecipò a tre campionati di serie C, retrocedendo in Promozione (4º torneo calcistico dell'epoca, a carattere interregionale) in seguito alla riduzione dei quadri della terza serie. Nel campionato 1966/67 la squadra finì in vetta al proprio girone di Prima Categoria (torneo corrispondente all'attuale Eccellenza), ma non riuscì a vincere il triangolare di spareggio con Maddalonese e Paganese, le vincenti degli altri gironi campani. Al danno si aggiunse la beffa: la decisione federale di concedere alla società il ripescaggio in Serie D fu annullata a seguito della verifica delle ridotte dimensioni del terreno di gioco dello stadio "Cocozza".
Al termine della stagione, si accostò alla società Antonio Borrelli con il quale il Portici compì il definitivo salto di qualità. La storica promozione in Serie D del 1968-69, al termine di un campionato dominato e chiuso con 14 lunghezze sulla Cavese diretta inseguitrice, resterà per sempre negli annali del calcio porticese. I primi tre anni di Serie D furono ricchi di successi; nel campionato '71/72 la squadra pareva all'altezza di raggiungere addirittura la Serie C, ma l'uscita di scena di Borrelli portò a un ridimensionamento degli obiettivi. La generosa presidenza Pessetti riuscì a garantire alla squadra altri quattro anni di Serie D, prima della retrocessione in Promozione.

Il ritorno nel campionato Interregionale; il successivo declino del calcio porticeseModifica

Dopo dieci anni di anonimato, la costruzione del nuovo Stadio San Ciro mostrava chiaramente le ambizioni di una città che aspirava al ritorno tra i semiprofessionisti. A cavallo tra gli anni '80 e la prima metà dei '90 il Portici collezionò ben 7 campionati in Interregionale, prima della retrocessione del 1995. Negli anni successivi la squadra si confermò nei quartieri alti del campionato di Eccellenza, sfiorando il ritorno in Serie D al termine della stagione 2002/2003, quando fu sconfitta dalla Polisportiva Mons Taurus al termine degli spareggi promozione. Di lì in poi iniziò un periodo di declino, che culminò nella retrocessione della stagione 2004/2005 e nella stentata salvezza in Promozione nel campionato 2005/06.
Nell'estate 2010, la presidenza cedeva il titolo sportivo e rinunciava all'iscrizione al campionato di Promozione, ponendo fine alla storia ultracentenaria della società.

La rinascitaModifica

 
La festa per la conquista della Coppa Italia Dilettanti Campania.

Fondata nel 2009, la Virtus Portici si era resa protagonista di tre promozioni consecutive - dalla Terza Categoria alla Promozione - e della conquista della Coppa Campania di Seconda Categoria; giunta in Promozione, nell'agosto del 2012, la Virtus Portici, a sancire la continuità con la tradizione sportiva precedente, assume la denominazione di Vis Portici 1906[1]. Nel primo campionato dalla rinascita, il Portici chiude il Girone B di Promozione al secondo posto dopo esser stato in testa per la maggior parte del torneo. Nei playoff prima batte 3-1 in casa la Pro Pagani per poi imporsi in soli sette uomini (contro dieci) in trasferta sul campo del Valdiano, conquistando la vittoria finale e il conseguente ritorno in Eccellenza.

Nel 2014, dopo un decimo posto nel Girone A di Eccellenza Campania, riprende la denominazione di A.S.D. Portici 1906[2]. Nella stagione 2015/2016 chiude la stagione di Eccellenza Campania Girone A al quarto posto e accede ai playoff, dove viene eliminata al primo turno contro il San Giorgio.

 
Tifosi presenti al San Ciro nello scontro diretto per il primo posto tra Portici e Savoia 01/04/2017

Il ritorno in Serie DModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Eccellenza Campania 2016-2017.

Nella stagione 2016-2017 il Portici partecipa al campionato di Eccellenza Campania a detta di tutti uno tra i più belli e difficili degli ultimi vent'anni. Il Portici crea una squadra da vertice in cui spiccano i vari Dino Fava, Tommaso Manzo, Mario Follera, Giulio Panico e Giovanni Ruscio, giocatori di esperienza che hanno vinto innumerevoli campionati regionali. Al termine del girone di andata il Portici si trova al secondo posto a solo un punto di distacco dalla capolista Afragolese. La lotta per la vittoria del campionato prosegue per l'intera stagione: a giocarsela sono l'Afragolese, il Portici e il Savoia, divisi da pochissimi punti fino alla fine del campionato. Intanto il Portici sul fronte Coppa Italia riesce ad arrivare in finale dopo aver battuto molte squadre insidiose tra cui Procida, Afragolese e Savoia. Nella finale giocata allo stadio Squitieri di Sarno si trovano di fronte le due corazzate dei gironi di Eccellenza, ovvero Portici ed Ebolitana; a spuntarla dopo una partita emozionante finita sul 3 a 2 proprio sullo scadere è il Portici che porta a casa per la prima volta la Coppa Italia Dilettanti Campania. Alla 23ª giornata arriva lo scontro al vertice tra Afragolese e Portici, il Portici si presenta con un ritardo di 2 punti dalla capolista Afragolese. Una partita al cardiopalma giocata sotto una pioggia torrenziale allo stadio Papa di Cardito, dove l'Afragolese nel primo tempo passa in vantaggio 2-0 su due calci di rigore. Nella ripresa avviene l'impossibile: prima il Portici accorcia le distanze sul 2-1 e dopo pochi minuti l'Afragolese pensa di chiudere la partita sul 3-1, ma proprio allora si scatena l'orgoglio degli azzurri che in meno di 20 minuti riescono a ribaltare il risultato finale sul 3-4 con un gol all'88 minuto di un eterno Dino Fava. Alla 27ª giornata, allo stadio San Ciro, riaperto per l'occasione, arriva il Savoia che dista solo due lunghezze dal Portici capolista; questa gara vede l'affluenza di oltre 1700 porticesi sugli spalti. Portici-Savoia è una gara molto combattuta resa difficile anche dal terreno di gioco non in perfette condizioni, tuttavia nel secondo tempo il Portici riesce a imporsi grazie a un rigore trasformato da Tommaso Manzo. All'ultima giornata del campionato il Portici festeggia il ritorno in serie D, dopo 22 anni, imponendosi in trasferta contro il Neapolis, allo stadio Piccolo di Cercola, con il risultato di 0-5. Nella stagione 2017-2018 il Portici si trasforma in srl e riprende la denominazione storica di S.S. Portici. La squadra viene inserita nel girone I di serie D. A causa della perdurante inagibilità dello stadio cittadino, la squadra è costretta a giocare la maggior parte delle partite allo Stadio Vallefuoco di Mugnano; tra alti e bassi e tra avvicendamenti in panchina gli azzurri si salvano senza grosse difficoltà, classificandosi decimi. Nel campionato 2018-2019 il Portici porta a termine una delle migliori stagioni della sua storia, classificandosi quarto in un campionato piuttosto insidioso (data la presenza di squadre come Bari, Turris e Marsala), e approdando ai play off. Il Portici porta a casa ottimi risultati, tra i quali la vittoria all'ultima giornata di campionato contro la Turris e la vittoria contro il Marsala. Nelle semifinali dei play off, il Portici viene eliminato proprio dal Marsala, in una partita molto contestata poiché prima della gara l'allenatore del Portici era stato aggredito da alcuni sostenitori lilibetani. Al termine del campionato il Portici, inoltre, si classifica primo nel girone "I" nella speciale graduatoria "giovani D valore", a indicare che la società ha prestato grande considerazione alla crescita dei giovani. Nell'estate 2019, il Portici colleziona numerosi colpi di mercato tra cui: il centrocampista-mezzala Arario, cresciuto nelle giovanili del River Plate; Arpino, proveniente dalla serie C; l'attaccante Guarracino dalla Turris. Ciononostante, il campionato di serie D 2019-2020, girone G, inizia in maniera deludente, con una serie di risultati negativi che portano all'esonero dell'allenatore. Si verifica poi una discreta ripresa, a partire dalla vittoria sull'Aprilia nella 13ª giornata. La squadra conclude il girone d'andata a quota venti punti.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Portici 1906
  • 1906 - Fondazione della Società Sportiva Portici 1906, società a carattere polisportivo.
  • 1910 - Fondazione della sezione calcistica.
  • 1913 - Prima partita ufficiale: vittoria per 1-0 sulla S.C. Italia di Napoli.
  • 1914-16 - Attività a carattere locale.
  • 1916-20 - Attività sospesa per motivi bellici.
  • 1920-21 - Campionato di Promozione?
  • 1921-22 - ?
  • 1922-23 - Campionato di II Divisione, girone campano: sconfitta in finale. La squadra giovanile vince il Campionato Campania ULIC.
  • 1923-24 - Campionato di II Divisione: 2º nel girone B campano, ammessa alle finali per la promozione in I Divisione.
  • 1924-30 - Sospensione delle attività calcistiche causa problemi economici e successi della sezione pugilato.

  • 1930 - Rinasce la sezione calcistica, con la denominazione di Società Sportiva Giovinezza; sono adottati i colori sociali giallo-rosso.
  • 1930-1932 - Attività a carattere locale.
  • 1933-34 - Campionato Campania ULIC.   Promosso a tavolino in Terza Divisione. Nel precampionato, sconfitta per 6-1 contro il Napoli di Attila Sallustro.
  • 1934-35 - Campionato Campania di Terza Divisione.   Promosso in Seconda Divisione, dopo la finale.
  • 1935-36 - Seconda Divisione, 1º nel girone di qualificazione; accede al girone finale.   Promosso in Prima Divisione
  • 1936-37 - 6° in Prima Divisione Campania.
  • 1937-38 - 7° in Prima Divisione Campania.
  • 1938-39 - 6° in Prima Divisione Campania.
  • 1939-40 - 9° in Prima Divisione Campania.

  • 1945 - 5º nel Campionato Campania di guerra. In campionato, pareggio per 2 - 2 contro il Napoli. Riprende la denominazione originaria.
  • 1945-46 - 6º nel girone D della Lega Centro - Sud di Serie C.
  • 1946-47 - 3º nel girone A della Lega Interregionale Sud di Serie C.
  • 1947-48 - 14º nel girone R della Lega Interregionale Sud di Serie C.  Retrocesso in Promozione in seguito alla ristrutturazione dei campionati.
  • 1948-49 - 12º nel girone M della Lega Interregionale Sud di Promozione.
  • 1949-50 - 4º nel girone M della Lega Interregionale Sud di Promozione.

  • 1950-51 - 9º nel girone M della Lega Interregionale Sud di Promozione.
  • 1951-52 - 12º nel girone M della Lega Interregionale Sud di Promozione.   Retrocesso nella Promozione regionale in seguito alla ristrutturazione dei campionati.
  • 1952-53 - 4º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1953-54 - 10º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1954-55 - 4º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1955-56 - 7º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1956-57 - 15º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1957-58 - 10º nel girone C del Campionato Dilettanti Campania.
  • 1958-59 - 3º nel girone B del Campionato Dilettanti Campania.
  • 1959-60 - 8º nel girone B in Prima Categoria Campania.

  • 1960-61 - 11º nel girone B in Prima Categoria Campania.
  • 1961-62 - 10º nel girone C in Prima Categoria Campania.
  • 1962-63 - 11º nel girone B in Prima Categoria Campania.
  • 1963-64 - 14º nel girone B in Prima Categoria Campania.
  • 1964-65 - 2º nel girone B in Prima Categoria Campania.
  • 1965-66 - 5º nel girone B in Prima Categoria Campania.
  • 1966-67 - 1º nel girone B in Prima Categoria Campania. Perde gli spareggi con Maddalonese e Paganese.
  • 1967-68 - 6º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1968-69 - 1º nel girone B in Promozione Campania.   Promosso in Serie D.
  • 1969-70 - 8º nel girone G di Serie D.

  • 1970-71 - 6º nel girone G di Serie D.
  • 1971-72 - 4º nel girone G di Serie D.
  • 1972-73 - 13º nel girone G di Serie D.
  • 1973-74 - 14º nel girone G di Serie D.
  • 1974-75 - 14º nel girone G di Serie D.
  • 1975-76 - 17º nel girone G di Serie D.  Retrocesso in Promozione.
  • 1976-77 - 4º nel girone A in Promozione Campania.
  • 1977-78 - 4º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1978-79 - 9º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1979-80 - 7º nel girone B in Promozione Campania.

  • 1980-81 - 11º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1981-82 - 4º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1982-83 - 10º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1983-84 - 4º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1984-85 - 8º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1985-86 - 8º nel girone B in Promozione Campania.
  • 1986-87 - 1º nel girone B in Promozione Campania.   Promosso nel Campionato Interregionale.
  • 1987-88 - 7º nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1988-89 - 4º nel girone M del Campionato Interregionale.
  • 1989-90 - 12º nel girone M del Campionato Interregionale.

  • 1990-91 - 12º nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1991-92 - 15º nel girone H del Campionato Interregionale.   Retrocesso in Eccellenza.
  • 1992-93 - 1º nel girone A in Eccellenza Campania.   Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993-94 - 10º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994-95 - 15º nel girone H del Campionato Nazionale Dilettanti.   Retrocesso in Eccellenza.
  • 1995-96 - 3º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 1996-97 - 7º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 1997-98 - 6º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 1998-99 - 3º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 1999-00 - 3º nel girone A in Eccellenza Campania.

  • 2000-01 - 4º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 2001-02 - 12º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 2002-03 - 2º nel girone A in Eccellenza Campania. Perde spareggio con il Mons Taurus.
  • 2003-04 - 13º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 2004-05 - 16º nel girone A in Eccellenza Campania.   Retrocesso in Promozione.
  • 2005 - La S.S. Portici cambia denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Portici 1906.[3]
  • 2005-06 - 13º nel girone B in Promozione Campania.
  • 2006-07 - 8º nel girone B in Promozione Campania.   Ottiene il diritto di partecipare all'Eccellenza grazie all'acquisizione del titolo del Capri.
  • 2007-08 - 8º nel girone A in Eccellenza Campania.   Cede il titolo sportivo, ripartendo dal campionato di Promozione.
  • 2008-09 - 9º nel girone A in Promozione Campania.
  • 2009-10 - 11º nel girone B in Promozione Campania.
  • 2010-2011 - Cessione del titolo sportivo alla Marilius Vesuvio di Marigliano. La squadra non si iscrive a nessun campionato. La Virtus Portici 1ª nel girone L di II categoria.  Promossa in I categoria.
  • 2011-2012 - La Virtus Portici, erede della tradizione sportiva del Portici 1906, 1ª nel girone B di I categoria.  Promossa in Promozione.
  • 2012-13 La Virtus Portici assume la denominazione di Vis Portici 1906 - 2ª nel girone B in Promozione Campania.   Promossa in Eccellenza in seguito alla vittoria dei playoff.
  • 2013-14 - 10º nel girone A in Eccellenza Campania. Assume la denominazione di A.S.D. Portici 1906.
  • 2014-15 - 6º nel girone A in Eccellenza Campania.
  • 2015-16 - 4º nel girone A in Eccellenza Campania. Partecipa ai play off per la promozione in serie D.
  • 2016-17 - 1º nel girone A in Eccellenza Campania.   Promosso in Serie D.
    Vince la Coppa Italia Dilettanti Campania.
  • 2017-18 - 10º nel girone I di Serie D. Riprende la denominazione storica di S.S. Portici.
  • 2018-19 - 4º nel girone I di Serie D. Perde la semifinale dei play off.
  • 2019-20 - nel girone G di Serie D.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

Evoluzione della divisa nel corso delle ultime stagioni.

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

 
Staff dell'area amministrativa
  •   Lorenzo Ragosta - Presidente
  •   Alessandro Amarante - Direttore Sportivo
  •   Angelo Iodici - Dirigente

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.S.D. Portici 1906
 
Allenatori
  • 1906-1948 ...
  • 1948-1949   Italo Romagnoli
  • 1949-1967 ...
  • 1967-1968   Giuseppe Schiano
  • 1968-1970 ...
  • 1970-1971   Antonio Valese
  • 1971-1972   Egidio Di Costanzo
  • 1972-1976   Giuseppe Schiano
  • 1976-1980 ...
  • 1980-1981   Agostino Amante
  • 1981-1986 ...
  • 1986-1987   Marco Fazzi
  • 1987-1990 ...
  • 1989-1990   Scalia
      Alfredo Ballarò
  • 1990-1991   Arbitrio
  • 1991-1999 ...
  • 1999-2000   Mario Rosano
  • 2000-2002 ...
  • 2002-2003   Ciro Mottola
  • 2003-2004   Ciro Mottola
      Officioso
      Cimmino
  • 2004-2005   Antonio Raiola
      Amodio Fratellanza
      Antonio Raiola
  • 2005-2006   Carmine Matrullo
      Mario Rosano
      Amodio Fratellanza
      Giuseppe Franchini
  • 2006-2007   Salvatore Sarnataro
      Mario Rosano
  • 2007-2008   Giuseppe Franchini
      Ciro Mottola
  • 2008-2009   Amodio Fratellanza
      Mirra
  • 2009-2010   Ciro Mottola
      Amodio Fratellanza
  • 2010-2012 ...
  • 2012-2014   Salvatore Sarnataro
  • 2014-2015   Giuseppe Lepre[4]
      Achille Tarantino[5]
  • 2015-2017   Pasquale Borrelli[6]
  • 2017-2018   Gianluca Esposito[7]
      Vincenzo Maiuri
      Felice Scotto
  • 2018-2019   Mauro Chianese
  • 2019-2020   Mauro Chianese
      Alessandro Mattiacci

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.S.D. Portici 1906

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

1966-1967; 1968-1969; 1986-1987; 1992-1993, 2016-2017
2016-2017

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 1946-1947 (girone A, Lega Interregionale Sud)
Secondo posto: 2002-2003 (girone A)
Terzo posto: 1995-1996 (girone A), 1998-1999 (girone A), 1999-2000 (girone A)
Secondo posto: 2012-2013 (girone A)
  • Coppa Campania di II categoria 2010/11
Semifinalista: 2015-2016

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionati nazionaliModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Seconda Divisione 2 1922-1923 1923-1924 2
Serie C 3 1945-1946 1947-1948 3
Prima Divisione 4 1936-1937 1939-1940 18
Promozione 4 1948-1949 1951-1952
Serie D 10 1969-1970 2019-2020
Campionato Interregionale 5 1987-1988 1991-1992 7
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1993-1994 1994-1995

TifoseriaModifica

StoriaModifica

È attivo il gruppo ultras Prima Linea a partire dal 2015. Altri gruppi del passato sono i Fedayn (nati nel 1987), la Brigata Moretti (1998), gli Skins, la Brigata, le Teste Sballate, la Minoranza Rumorosa e gli Old Fans Portici 1906 (2009).

Gemellaggi e rivalitàModifica

Gemellaggi
Amicizia
Rivalità

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Comunicato n.12 del 2 agosto 2012: cambi di denominazione (ZIP), su figc-campania.it.
  2. ^ Comunicato n.12 del 31 luglio 2014: cambi di denominazione (DOC), su figc-campania.it.
  3. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2005. URL consultato il 7 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2013).
  4. ^ [1]
  5. ^ [2]
  6. ^ [3]
  7. ^ [4]
  8. ^ [5]
  9. ^ [6]
  10. ^ Portici-Acireale: un confronto carico di rabbia agonistica
  11. ^ [7]
  12. ^ [8]
  13. ^ Poggiomarino Portici, scontro tra tifosi: un ferito
  14. ^ [9]
  15. ^ [10]
  16. ^ Copia archiviata, su ilmattino.it. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2017).

BibliografiaModifica

  • Pasquale Lignelli, Società sportiva Portici: ottant'anni di sport, Ed. Rossi, 1986.
  • G. De Simone, Quaderni porticesi n. 8: Portici e lo Sport, Ed. S. Ciro, 2000.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica