Judy Garland

attrice statunitense

Judy Garland, pseudonimo di Frances Ethel Gumm (Grand Rapids, 10 giugno 1922Londra, 22 giugno 1969), è stata un'attrice, cantante e ballerina statunitense.

Judy Garland nel 1940
Statuetta dell'Oscar Oscar giovanile 1940

Dotata di una grande presenza scenica e di una voce profonda, intensa e duttile, Judy Garland è stata un'importante artista del XX secolo: eccelse sia come cantante (famosa la sua voce di contralto), sia come ballerina e attrice cinematografica e teatrale. Madre della cantante e attrice Liza Minnelli, nata dalle nozze con il regista Vincente Minnelli, ebbe una vita privata costellata da diversi matrimoni, conclusi con il divorzio, e da un grave abuso di farmaci.

Nella sua carriera cinematografica recitò in quasi quaranta film. Nel 1940, all'età di diciotto anni, vinse l'Oscar giovanile e in seguito ottenne due candidature all'Oscar: la prima nel 1955 come Miglior attrice protagonista nel film È nata una stella di George Cukor, la seconda nel 1962 come Miglior attrice non protagonista nel film Vincitori e vinti di Stanley Kramer. Nel 1955 vinse un Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale per È nata una stella. L'American Film Institute ha inserito Judy Garland all'ottavo posto tra le più grandi star della storia del cinema[1].

Nel 2019 viene prodotto il film biografico Judy di Rupert Goold, adattamento cinematografico del dramma teatrale End of the Rainbow di Peter Quilter, che narra gli ultimi mesi di vita della cantante, interpretata da Renée Zellweger.

BiografiaModifica

 
La casa natale di Judy Garland
 
Le sorelle Gumm (Garland) nel 1935, da sinistra Mary Jane, Frances Ethel (Judy) e Dorothy Virginia Gumm

Figlia d'arte, essendo i genitori entrambi attori del vaudeville, Ethel Marion Milne (1893-1953) e Francis Avent "Frank" Gumm (1886–1935), Frances Gumm debuttò sulle scene ancora bambina, esibendosi in teatri di provincia insieme con le due sorelle più grandi. La piccola Frances spiccava per talento vocale e magnetismo scenico: divenute in breve tempo un'attrazione amatissima dal pubblico, dal 1929 al 1935 le "Gumm Sisters" recitarono nel ruolo di se stesse in alcuni film musicali e, durante un'esibizione a Chicago nel 1934, Frances venne notata da un talent-scout della Metro-Goldwyn-Mayer, il quale, d'accordo con la madre della ragazza, le procurò un vantaggioso contratto cinematografico con il nome d'arte di Judy Garland.

Grazie anche a un gradevole aspetto fisico e a un viso dolce e accattivante, Judy iniziò a farsi le ossa in musical di medio livello, ottenendo dal 1936 ruoli da protagonista in piccoli film musicali come Every Sunday, un cortometraggio che segna il suo vero esordio nel cinema. In questo film, recitò insieme ad un'altra promessa, Deanna Durbin: entrambe erano state scoperte dalla MGM, che voleva lanciare due attrici cantanti. I critici lodarono l'interpretazione della Garland, mentre non accolsero bene la recitazione della Durbin, definendola "rigida". Così la Mgm decise di lanciare solo la Garland e di licenziare la Durbin, che venne scoperta dalla compagnia rivale, la Universal Studios: le due divennero grandi antagoniste anche come cantanti, dato che la Garland aveva una voce da contralto e la Durbin da soprano leggero.

In seguito la Garland interpretò Pigskin Parade, che la lancerà definitivamente ad alti ascolti. Nel 1938 la sua fama era diffusa ormai in quasi tutti gli Stati Uniti: in quell'anno girò il suo primo film nella popolare serie con protagonista Andy Hardy (Mickey Rooney), che in seguito diventò suo grande amico; L'amore trova Andy Hardy contribuì ad accrescere la sua fama, e in seguito Judy girerà altre due pellicole di questa serie, oltre a lavorare con Mickey Rooney in altre occasioni.

Nel 1939, ebbe l'occasione di interpretare la protagonista del musical Il mago di Oz (1939), diretto da Victor Fleming, in cui lanciò la canzone Over the Rainbow e conquistò pubblico e critica nel ruolo della dolce e sognatrice Dorothy, che fu la sua migliore interpretazione cinematografica. Il successo fu straordinario ma, per sopportare i ritmi di lavorazione e per evitare di aumentare di peso, si dice[affermazioni non confutabili in modo vago] che la Garland sia stata spinta dal boss della MGM, Louis B. Mayer, ad assumere consistenti dosi di farmaci, dai quali rimarrà dipendente per tutta la vita.[senza fonte]

Nel 1940 la diciottenne Judy vinse l'Oscar giovanile per i film Il mago di Oz e per Piccoli attori (1939), insieme al giovane Mickey Rooney, il quale ebbe la candidatura all'Oscar. Negli anni seguenti continuò a mietere successi nella commedia musicale. Nel 1944 interpretò il musical in costume Incontriamoci a Saint Louis (1944), in cui lanciò canzoni come Meet Me in St. Louis, The Trolley Song e Have Yourself a Merry Little Christmas (l'album della colonna sonora della Decca vince nel 2005 il Grammy Hall of Fame Award); durante le riprese instaurò una relazione col regista del film, il celebre Vincente Minnelli, che sposò nel 1945, dopo il divorzio dal primo marito, il musicista David Rose. Dal matrimonio con Minnelli, durato sei anni, nel 1946 nacque la futura star Liza.

 
Judy Garland ne Il mago di Oz (1939)

Successivamente interpretò altre commedie musicali di grande successo, al fianco di attori come Gene Kelly ne Il pirata (1948) e Fred Astaire in Ti amavo senza saperlo (1948). Durante la lavorazione del primo film ebbe un crollo nervoso e fu ricoverata in una clinica, ma riuscì ugualmente a portare a termine le riprese. La collaborazione con Astaire si rivelò da un certo punto di vista molto faticosa ma la sua performance fu notevole, tanto che il film si rivelò un enorme successo.

I primi anni cinquanta furono però disastrosi per l'attrice, per via del divorzio da Minnelli, del matrimonio burrascoso con Sidney Luft - da cui sarebbero nati due figli, Joseph, detto Joey, e Lorna - terminato anch'esso con un divorzio, della sempre più crescente dipendenza da alcool e pillole assunti per sostenere i massacranti ritmi di lavoro, e del licenziamento dalla MGM, avvenuto dopo l'insuccesso del film L'allegra fattoria (1950), nel quale Judy apparve visibilmente appesantita e sofferente.

Dopo alcuni anni di assenza dal cinema, nel 1954 tornò sullo schermo per interpretare lo struggente ruolo di protagonista nel film È nata una stella (1954) di George Cukor: nel film la Garland impersonò un'aspirante cantante che viene portata al successo da un maturo e alcolizzato divo del cinema; tra i due nasce una grande storia d'amore, ma lei non riuscirà a strapparlo dal vortice della depressione. Fu la stessa Garland, con il marito, a produrre il film mentre la casa di produzione Warner (dubbiosa circa il buon esito delle riprese) mise a disposizione i fondi, le attrezzature e il personale tecnico. Malgrado il film venisse apprezzato sia dal pubblico che dalla critica, non incassò abbastanza per coprire i costi. La Warner infatti si lamentava della durata e avrebbe voluto ridurre considerevolmente il film per permettere un maggior numero di proiezioni. Nonostante questo, Judy offrì prova di notevoli doti drammatiche, eccellendo anche come cantante con brani come That Man That Got Away; il film le valse la candidatura all'Oscar che molti davano per certo. Lei non poté essere presente alla cerimonia poiché aveva appena dato alla luce il figlio Joseph, ma nell'ospedale era presente una troupe pronta a registrare il suo discorso. Quell'anno però vinse l'Oscar Grace Kelly, ma Judy fu ricompensata con il Golden Globe.

Negli anni successivi, l'attrice verrà scelta per ruoli intensamente drammatici in film quali Vincitori e vinti (1961) di Stanley Kramer (che le valse la seconda candidatura all'Oscar, questa volta per un ruolo in cui non cantò), e Gli esclusi (1963) di John Cassavetes e concluse la sua carriera cinematografica col film Ombre sul palcoscenico (1963) di Ronald Neame, dopo il quale abbandonò il cinema per dedicarsi al teatro e ai concerti, ottenendo ancora riconoscimenti professionali, ma conducendo un'esistenza sempre più tormentata, con un quarto matrimonio fallito e con il susseguirsi di problemi di salute e di crisi depressive. Nel 1961 uscì l'album Judy at Carnegie Hall che raggiunse la prima posizione nella Billboard Pop Albums (Billboard 200) per 13 settimane e che nel 1962 vinse il Grammy Award all'album dell'anno, il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale femminile pop e nel 1998 il Grammy Hall of Fame Award. Nel 1967 venne scritturata per il film La valle delle bambole, ma abbandonò il set a causa di alcuni problemi di salute.

MorteModifica

Judy Garland morì il 22 giugno 1969, a quarantasette anni. Secondo l'autopsia, si trattò di morte accidentale dovuta a un'assunzione eccessiva di barbiturici in un lungo arco di tempo[2]. Fu trovata morta dal quinto e ultimo marito Mickey Deans nella stanza da bagno del suo appartamento londinese al 4 Cadogan Lane a Chelsea. Un medico che l'aveva visitata in precedenza asserì che le sarebbe rimasto comunque poco tempo da vivere, a causa della grave forma di cirrosi epatica da cui era affetta[3].

Il corpo dell'artista venne tumulato in un colombario del Ferncliff Cemetery di Hartsdale, nello stato di New York. Dopo oltre quarantasette anni, nel gennaio 2017, i tre figli fecero traslare il corpo nel Judy Garland Pavilion, un nuovo ed enorme padiglione costruito all'interno dell'Hollywood Forever Cemetery per ospitare le spoglie della Garland e dei membri della sua famiglia[4][5].

FilmografiaModifica

 
Judy Garland in Ombre sul palcoscenico (1963), il suo ultimo film

Apparizioni in film e documentariModifica

DoppiaggioModifica

DiscografiaModifica

  • 1940 – The Wizard of Oz
  • 1944 – Girl Crazy
  • 1944 – Meet Me in St. Louis
  • 1945 – The Harvey Girls
  • 1955 – Miss Show Business
  • 1956 – Judy
  • 1957 – Alone
  • 1958 – Judy in Love
  • 1959 – Garland at the Grove
  • 1960 – The Letter
  • 1960 – That's Entertainment!
  • 1961 – Judy at Carnegie Hall
  • 1962 – The Garland Touch
  • 1964 – Just for Openers
  • 1965 – "Live" at the London Palladium
  • 1967 – Judy Garland at Home at the Palace: Opening Night

Influenze culturaliModifica

Prima della sua morte nel 1969, Judy Garland aveva recitato in oltre trentacinque film ed era comunemente ritenuta come una delle maggiori stelle dello show business.[6] La sua fama è perdurata nel tempo e nel 1992 Gerald Clarke dell'Architectural Digest la descrisse come "probabilmente la più grande intrattenitrice americana del ventesimo secolo", mentre l'American Film Institute l'ha classificata all'ottavo posto nella lista delle cento maggiori star della Golden Age di Hollywood.[7][8][9] Nel 1998 le fu inoltre conferito il Grammy Award alla carriera. Il suo impatto sulle cultura americana è inoltre evidenziato dalle profonde influenze che la Garland esercita ancora sul cinema, la televisione, la musica e il teatro anche a distanza di decenni dalla sua morte. Adottata dalla comunità LGBT come vera e propria icona gay, Judy Garland è stata protagonista di diverse opere teatrali, miniserie televisive e film cinematografici incentrati sulla sua figura;[10][11] inoltre, non meno di trenta biografie sono state scritte su di lei. Gli animatori della Disney si ispirarono al suo volto per disegnare Belle nel classico La bella e la bestia.[12]

Nella cultura di massaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

  • The Boy from Oz, musical con libretto di Nick Enright e colonna sonora di Peter Allen (1998). Il musical è incentrato sulla vita di Peter Allan (interpretato, al debutto, da Hugh Jackman), ma in esso Judy Garland svolge un ruolo di primo piano. Nell'allestimento di Broadway del 2003 Isabelle Keating ottenne una candidatura al Tony Award alla miglior attrice non protagonista in un musical per la sua interpretazione di Judy Garland.
  • End of the Rainbow di Peter Quilter (2005). Incentrata sull'ultima serie di concerti della Garland a Londra, End of the Rainbow esordì in Australia con Caroline O'Connor nel ruolo di Judy Garland. Successivamente, la pièce fu portata in scena con successo a Londra nel 2010, dove Tracie Bennett ottenne grandi apprezzamenti per la sua performance nel ruolo della protagonista, tanto da essere candidata al Laurence Olivier Award alla miglior attrice; il dramma ottenne una nomination al Laurence Olivier Award alla migliore nuova opera teatrale.[16] Nell'edizione italiana del 2013 Judy Garland è stata interpretata da Monica Guerritore.[17]
  • The Property Known as Garland di Billy Van Zandt (2006). Basata sulle registrazioni dell'ultimo concerto di Judy Garland a Copenaghen nel 1969, la prima della pièce vide Adrienne Barbeau nel ruolo della protagonista.[18]
  • The Judy Monologues, curato da Darren Stewart-Jones. Un dramma basato sulle registrazioni fatte dalla stessa Garland a metà degli anni sessanta come appunti per un'autobiografia mai scritta.[19]
  • Judy! di Ray Rackham. Rilettura in chiave femminista della vita di Judy Garland, l'opera ebbe la sua prima alla Southwark Playhouse con il titolo Through the Mill. Nello show Judy Garland è interpretata da tre attrici diversi per indicare le diverse fasi della sua vita e carriera.[20]

RiconoscimentiModifica

 
La stella di Judy Garland sul'Hollywood Walk of Fame

AltriModifica

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Judy Garland è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

  • Giuliana Maroni in Musetta alla conquista di Parigi

NoteModifica

  1. ^ (EN) AFI's 50 Greatest American Screen Legends, su afi.com, American Film Institute. URL consultato il 16 novembre 2014.
  2. ^ Gerald Clarke, Get Happy: The Life of Judy Garland, New York, Random House, 2001. ISBN 0-375-50378-1. p. 422
  3. ^ Times Wire Services, Judy Garland Believed Killed by Overdose, St. Petersburg Times, June 24, 1969.
  4. ^ Pictured: Judy Garland's new Hollywood resting place, in Mail Online. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  5. ^ The Cheapskate Traveler, Visiting Judy Garland's NEW Final Resting Place In Hollywood, California, 10 agosto 2017. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  6. ^ Judy Garland, 47, Found Dead, su archive.nytimes.com. URL consultato il 22 luglio 2021.
  7. ^ Stop what you’re doing right now and watch Judy Garland sing her heart out for the late JFK, su DangerousMinds, 4 giugno 2015. URL consultato il 22 luglio 2021.
  8. ^ (EN) Condé Nast, Look Inside Judy Garland's Rustic Home in Bel-Air, su Architectural Digest, 16 settembre 2016. URL consultato il 22 luglio 2021.
  9. ^ (EN) AFI’s 100 YEARS…100 STARS, su American Film Institute. URL consultato il 22 luglio 2021.
  10. ^ (EN) Here Publishing, The Advocate, Here Publishing, 13 ottobre 1998. URL consultato il 22 luglio 2021.
  11. ^ Judy's stamp of approval | Q & A | Advocate.com, su web.archive.org, 21 settembre 2008. URL consultato il 22 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2008).
  12. ^ (EN) Lincoln Geraghty, Directory of World Cinema: American Hollywood, vol. 5, Intellect Books, 2011, p. 232, ISBN 978-1-84150-415-5. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  13. ^ Copp, Earle (1981-06-04). "Young Judy Garland portrayed in 'Rainbow'". The Fredericksburg (VA) Free-Lance Star. p. 32., su news.google.com. URL consultato il 22 luglio 2021.
  14. ^ (EN) Bernard Weinraub, Subdued Patriotism Replaces Glitter as Television Finally Presents Its Emmys, in The New York Times, 5 novembre 2001. URL consultato il 22 luglio 2021.
  15. ^ (EN) Bill Higgins, Bill Higgins, Hollywood Flashback: Judy Davis Won an Emmy Playing Judy Garland in 2001, su The Hollywood Reporter, 10 agosto 2019. URL consultato il 22 luglio 2021.
  16. ^ (EN) Judy Garland's battle with drugs, 10 febbraio 2010. URL consultato il 22 luglio 2021.
  17. ^ (IT) Monica Guerritore è Judy Garland a teatro, su www.rainews.it. URL consultato il 22 luglio 2021.
  18. ^ (EN) Charles Isherwood, At the Actors' Playhouse, Adrienne Barbeau Is Judy Garland, in The New York Times, 24 marzo 2006. URL consultato il 22 luglio 2021.
  19. ^ Judy Garland Speaks inspires new Buddies in Bad Times production, The Judy Monologues, su web.archive.org, 10 luglio 2011. URL consultato il 22 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2011).
  20. ^ (EN) Judy!, su Time Out London. URL consultato il 22 luglio 2021.

BibliografiaModifica

  • (EN) Norman J. Zierold, "The True Judy", The Child Stars. New York: Coward-McCann, 1965, pp. 107-177.
  • (EN) David Dye, Child and Youth Actors: Filmography of Their Entire Careers, 1914-1985. Jefferson, NC: McFarland & Co., 1988, p. 82.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49233610 · ISNI (EN0000 0003 6851 668X · Europeana agent/base/147075 · LCCN (ENn50015080 · GND (DE11853761X · BNF (FRcb11958571q (data) · BNE (ESXX895000 (data) · NLA (EN35575228 · NDL (ENJA00620710 · WorldCat Identities (ENlccn-n50015080