Nikolaj Aleksandrovič Romanov

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo pittore, vedi Nikolaj Romanov (pittore).

Nikolaj Aleksandrovič Romanov, in russo: Цесаревич Николай Александрович Романов?, erede, zarevič e granduca di Russia (Carskoe Selo, 20 settembre 1843Nizza, 24 aprile 1865), è stato erede apparente del trono della Russia imperiale (cesarevič) dal 2 marzo 1855 fino alla morte. Era soprannominato Nixa.

Nikolaj Aleksandrovič Romanov
Nyikolaj Alekszandrovics orosz nagyherceg.jpg
Ritratto del Granduca Nikolaj Aleksandrovič Romanov
Cesarevič di Russia
Stemma
Stemma
In carica2 marzo 1855 –
24 aprile 1865
PredecessoreAleksandr Nikolaevič
SuccessoreAleksandr Alexandrovič
TrattamentoRangkronen-Fig. 12.svg
Sua Altezza Imperiale
OnorificenzeGranduca di Russia
NascitaTsarskoe Selo, 20 settembre 1843
MorteNizza, 24 aprile 1865
DinastiaHolstein-Gottorp-Romanov
PadreAlessandro II di Russia
MadreMaria Aleksandrovna
ReligioneChiesa ortodossa russa

Nacque a Carskoe Selo, secondo figlio (e primo maschio) dello zarevič Aleksandr Nikolaevič, figlio maggiore dell'imperatore Nicola I di Russia, e della principessa Maria Massimiliana d'Assia-Darmstadt. Nel 1855 il nonno paterno morì ed il padre gli succedette al trono come zar Alessandro II.

FidanzamentoModifica

 
Nicola e la fidanzata Dagmar

Nicola venne fidanzato nell'estate del 1864 con la principessa Maria Sofia Federica Dagmar di Danimarca, seconda figlia del re Cristiano IX di Danimarca e della principessa Luisa d'Assia-Kassel e cognata di Alberto Edoardo, principe di Galles ed erede al trono britannico. Si ritiene che in letto di morte, Nicola espresse il desiderio che la sua fidanzata diventasse moglie del suo fratello più giovane e successore nel titolo di zarevič, Alessandro.

MorteModifica

Fino a quando divenne chiaro che si stava ammalando, si pensava che Nicola avesse una costituzione resistente. Si pensava che avesse contratto una bronchite e quindi venne mandato nella Francia meridionale per curarsi; mentre vi si trovava la sua salute peggiorò e morì il 24 aprile 1865 a Nizza, nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Attualmente si ritiene sia invece morto di tubercolosi.[senza fonte]

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Paolo I di Russia Pietro III di Russia  
 
Caterina II di Russia  
Nicola I di Russia  
Sofia Dorotea di Württemberg Federico II Eugenio di Württemberg  
 
Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt  
Alessandro II di Russia  
Federico Guglielmo III di Prussia Federico Guglielmo II di Prussia  
 
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt  
Carlotta di Prussia  
Luisa di Meclemburgo-Strelitz Carlo II di Meclemburgo-Strelitz  
 
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Nikolaj Aleksandrovič Romanov  
Luigi I d'Assia Luigi IX d'Assia-Darmstadt  
 
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
Luigi II d'Assia  
Luisa d'Assia-Darmstadt Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt  
 
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg  
Maria d'Assia-Darmstadt  
Carlo Luigi di Baden Carlo Federico di Baden  
 
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Guglielmina di Baden  
Amalia d'Assia-Darmstadt Luigi IX d'Assia-Darmstadt  
 
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 20 settembre 1859

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50148020 · ISNI (EN0000 0000 7694 7648 · LCCN (ENn92053526 · GND (DE12394001X · WorldCat Identities (ENlccn-n92053526