Apri il menu principale
Foto satellitare con le 26 sezioni della Partizione delle Alpi.
Schema generale

La Partizione delle Alpi è una classificazione della catena alpina adottata nel 1924 in occasione del IX Congresso Geografico Italiano ed ufficializzata nel 1926. È stata una delle prime tra le suddivisioni europee a prendere in considerazione l'intero territorio alpino e non solo quello compreso all'interno dei confini di un singolo stato[1].

È tuttora utilizzata in numerosissimi testi didattici[2] e studi[3], a volte con alcuni aggiornamenti. Nel documento si prende in considerazione tutta la catena alpina, e non solo la parte ricadente in Italia.

Le suddivisioni delle Alpi vennero stabilite sulla base del documento "Nomi e limiti delle grandi parti del Sistema Alpino".

La ripartizione principale individua tre grandi parti: Alpi Occidentali, Alpi Centrali e Alpi Orientali, suddivise a loro volta in 26 sezioni e 112 gruppi.

Per facilitare la memorizzazione della sequenza delle sezioni che formano lo spartiacque principale, si utilizza nelle scuole la frase MA COn GRAn PENa LE RE-CA GIÙ (Alpi Marittime, Cozie, Graie, Pennine, Lepontine, Retiche, Carniche, Giulie)[4].

Indice

Alpi OccidentaliModifica

Secondo la Partizione delle Alpi, le Alpi Occidentali vanno dal colle di Cadibona al col Ferret e la loro cima più elevata è il Monte Bianco (4810 m). Seguendo il criterio della Partizione, le Alpi Occidentali sono suddivise nelle sezioni e nei gruppi elencati nella tabella sottostante[5].

Numero della sezione Nome
italiano
Nome francese Limiti Gruppi Massima altitudine Foto del monte più alto
1 Alpi Marittime Alpes maritimes dal Colle di Cadibona
al Colle della Maddalena

1a Alpi Liguri
1b Alpi del Varo
1c Prealpi di Nizza

3.297 m (Monte Argentera)  
2 Alpi Cozie Alpes cottiennes dal Colle della Maddalena
al Colle del Moncenisio

2a Alpi Cozie meridionali o Alpi del Monviso
2b Alpi Cozie centrali o Alpi del Monginevro
2c Alpi Cozie settentrionali o Alpi del Moncenisio

3.841 m (Monviso)  
3 Alpi Graie Alpes grée dal Colle del Moncenisio
al Col Ferret

3a Gruppo del Gran Paradiso
3b Alpi della Tarantasia
3c Gruppo del Monte Bianco

4.808 m (Monte Bianco)  
4 Alpi di Provenza Alpes de Provence Dal corso del Verdon
al corso superiore della Durance

4a Gruppo dell'Asse
4b Gruppo della Bléone

2.961 m (Tête de l'Estrop)  
5 Alpi del Delfinato Alpes du Dauphiné Torrente Guisane, fiume Durance, Lago di Serre-Ponçon, fiume Drac, fiume Isère, fiume Arc, torrente Valloirette

5a Gruppo del Champsaur
5b Massiccio del Pelvoux
5c Alpi di Moriana

4.103 m (Barre des Écrins)  
6 Prealpi di Provenza Préalpes de Provence Tra il Mar Mediterraneo, il Varo, il corso medio del Verdon e il corso inferiore della Durance

6a Chaînes des Plans
6b Montagna di Sainte Victoire
6c Massiccio della Sainte Baume 6d Monti dei Maures
6e Massiccio dell'Esterel

1.996 m (Puy de Rent)[6]  
7 Prealpi del Delfinato Préalpes du Dauphiné Tra il Rodano, l'Isère, il medio corso della Durance e il Drac

7a Massiccio del Luberon
7b Prealpi di Vaucluse
7c Prealpi del Devoluy
7d Vercors

2.790 m (Grande Tête de l'Obiou)  
8 Prealpi di Savoia Préalpes de Savoie tra il Trient, l'Arve, l'Arly, l'Isère, il Lago di Ginevra e il tratto del Rodano compreso tra Martigny e il lago di Ginevra

8a Alpi dello Sciablese
8b Catena del Reposoir
8c Prealpi dei Bauges
8d Massiccio della Grande Chartreuse

3.257 m (Haute Cime des Dents du Midi)  

Alpi CentraliModifica

Secondo la Partizione delle Alpi, le Alpi Centrali vanno dal Col Ferret al Passo del Brennero e la loro cima più elevata è il Monte Rosa (4634 m). Seguendo il criterio della Partizione, le Alpi Centrali sono suddivise nelle sezioni e nei gruppi elencati nella tabella sottostante[5].

Numero della sezione Nome
italiano
Nome tedesco Limiti Gruppi Massima altitudine Foto del monte più alto
9 Alpi Pennine Penninische Alpen dal Col Ferret
al Passo del Sempione

9a Alpi del Vallese
9b Gruppo della Valsesia

4.634 m (Monte Rosa - Punta Dufur)  
10 Alpi Lepontine Lepontinische Alpen dal Passo del Sempione
al Passo dello Spluga

10a Gruppo del Monte Leone
10b Alpi dell'Adula
10c Alpi Ticinesi

3.552 m (Monte Leone)  
11 Alpi Retiche Rätische Alpen dal Passo dello Spluga
al Passo di Resia

11a Alpi dell'Albula e Gruppo del Silvretta
11b Alpi del Plessur
11c Catena del Reticone
11d Gruppo del Verwall
11e Massiccio del Bernina
11f Gruppo dell'Umbraglio
11g Alpi Venoste
11h Alpi Breonie
11i Alpi Sarentine
11j Alpi dell'Ortles
11k Monti della Val di Non
11l Gruppo dell'Adamello
11m Dolomiti di Brenta

4.050 m (Pizzo Bernina)  
12 Alpi Bernesi Berner Alpen Tra il Rodano e la Reuss, il Lago dei Quattro Cantoni, il Lago di Brienz, il Lago di Thun, il Simme e la Sarine

12a Massiccio del Finsteraarhorn
12b Gruppo del Wildhorn
12c Alpi Urane

4.274 m (Finsteraarhorn)  
13 Alpi di Glarona Glarner Alpen tra la Reuss et il Reno

13a Gruppo del Tödi
12b Gruppo della Sardona

3.614 m (Tödi)  
14 Prealpi Lombarde - tra il Lago Maggiore, l'Adda, l'Adige e la Pianura Padana

14a Prealpi Luganesi
14b Alpi Orobie
14c Prealpi Bergamasche
14d Prealpi Bresciane
14e Prealpi Giudicarie
14f Gruppo del Monte Baldo

3.050 m (Pizzo Coca)  
15 Prealpi svizzere Schweizer Voralpen tra il Lago di Ginevra e il Lago di Costanza fino all'Altipiano Svizzero

15a Prealpi della Simmental
15b Prealpi dell'Emmental
15c Prealpi della Linth

2.970 m (Schilthorn)  
16 Prealpi Bavaresi Bayrische Voralpen tra il Reno, il Lago di Costanza, l'Arlberg, l'Inn e l'Altipiano Bavarese

16a Alpi dell'Algovia
16b Alpi della Lechtal
16b Monti dell'Achensee

2.657 m (Grosser Krottenkopf)  

Alpi OrientaliModifica

Secondo la Partizione delle Alpi, le Alpi Orientali vanno dal Col Ferret al Passo del Brennero e la loro cima più elevata è il Grossglockner (3798 m). Seguendo il criterio della Partizione, le Alpi Centrali sono suddivise nelle sezioni e nei gruppi elencati nella tabella sottostante[5].

Numero della sezione Nome
italiano
Nome tedesco o sloveno Limiti Gruppi Massima altitudine Foto del monte più alto
17 Alpi Noriche Norische Alpen (ted.) dal Passo del Brennero
al Passo di Schober

17a Prealpi del Tux
17b Alpi della Zillertal
17c Alti Tauri
17d Bassi Tauri
17e Alpi di Carinzia

3.798 m (Grossglockner)  
18 Dolomiti Dolomiten (ted.) tra l'Adige, il Piave, il Rienza e il Brenta

18a Alpi di Gardena e di Fassa
18b Gruppo della Marmolada
18c Alpi d'Ampezzo e di Cadore
18d Alpi della Valsugana e di Primiero

3.343 m (Marmolada)  
19 Alpi Carniche Karnische Alpen (ted.) dal Passo di Monte Croce Comelico
alla Sella di Camporosso

19a Alpi della Gail
19b Alpi di Tolmezzo

2.780 m (Monte Coglians)  
20 Alpi Giulie Julijske Alpe (slov.) dalla Sella di Camporosso
al Passo di Vrata

20a Alpi Giulie settentrionali
20b Alto Carso
20c Carso Corniolino

2.863 m (Monte Tricorno)  
21[7] Prealpi Trivenete - tra l'Adige, il Brenta, il Piave, il Tagliamento e l'Isonzo

21a Monti Lessini
21b Altopiano di Asiago
21c Monte Grappa
21d Prealpi Bellunesi
21e Prealpi Carniche
21f Prealpi Giulie

2.706 m (Cima dei Preti)  
22[8] Carso Kras (slov.) tra l'Isonzo e il Golfo del Quarnaro

22a Piccolo Carso
22b Carso Istriano

2.706 m (Monte Maggiore)  
23[9] Prealpi di Salisburgo Salzburger Voralpen (ted.)

23a Alpi di Kitzbühel
23b Steinernes Meer
23c Kaisergebirge
23d Leoganger Steinberge
23e Tennengebirge
23f Monti del Dachstein

2.863 m (Hoher Dachstein)  
24[10] Prealpi Austriache Österreichische Voralpen (ted.) tra la Traun, la Salza, la Mürz e il Danubio

24a Totes Gebirge
24b Gruppo del Pyhrgass
24c Sengsengebirge
24d Alpi dell'Ennstal
24e Hochschwab
24f Raxalpe
24g Schneeberg
24h Prealpi dell'Ötscher
24i Selva Viennese

2.277 m (Hochschwab)  
25[11] Prealpi di Stiria Steirische Voralpen (ted.) tra la Drava, il Lavant, la Mürz e la pianura del Danubio

25a Alpi di Stub
25b Alpi di Glein
25c Alpi di Hoch
25d Alpi di Kor
25e Windichen Bühel
25f Monti Stiriani
25g Bucklige Welt
25h Rosalien-Gebirge

2.187 m (Ameringkogel)  
26[12] Prealpi Caravanche - Bacher Karawanken (ted.)
Karavanke (slov.)
tra la Drava e la Sava

26a Catena delle Caravanche
26b Pohorie o Bachergebirge

2.558 m (Grintovec)  

Confronto con la Suddivisione Orografica Internazionale Unificata del Sistema AlpinoModifica

La Partizione delle Alpi fu una delle prime a considerare tutta la catena alpina e per questo si diffuse a livello internazionale[1] ed è alla base anche di recenti testi italiani e francesi dedicati al sistema alpino[3].

Secondo l'autore della Suddivisione Orografica Internazionale Unificata del Sistema Alpino[13], tuttavia, tale classificazione è italo-centrica, perché non condivide la bipartizione (individuando tre "grandi parti" e non due) ed in generale le classificazioni del sistema alpino in uso in altri Stati, come l'Austria; secondo lo studioso[13], inoltre, è basata su presupposti errati, perché include nella catena alpina territori che, secondo alcuni studiosi, non ne farebbero parte.

Anche la SOIUSA, d'altra parte, ha ricevuto delle critiche; ad esempio Werner Bätzing la considera "una miscela di punti di vista molto diversi, definiti in modo pragmatico e non sistematico", cosa che, secondo lo studioso, porta ad una mancanza di chiarezza sui criteri adottati per la suddivisione[14].

Nella tabella sottostante sono indicate le principali differenze che distinguono la Partizione delle Alpi dalla Suddivisione Orografica Internazionale Unificata del Sistema Alpino[15].

Partizione delle Alpi SOIUSA
Partizione generale tre "grandi parti" (Alpi Centrali, Alpi Centrali, Alpi Occidentali) due "grandi parti" (Alpi Occidentali, Alpi Orientali), secondo il criterio usato nella letteratura geografica in lingua tedesca
Punti estremi delle Alpi dal Colle di Cadibona al Passo di Vrata dal Colle di Cadibona al bacino di Vienna, secondo il criterio usato nella letteratura geografica in lingua tedesca
Alpi Liguri e Alpi Marittime le Alpi Liguri costituiscono un gruppo della sezione "Alpi Marittime" sono due sezioni indipendenti
monti meridionali della Provenza inclusi nelle Alpi esclusi, seguendo il criterio dello studioso francese Raoul Blanchard
Alpi di Provenza e Prealpi di Provenza costituiscono due settori distinti riuniti nel settore "Alpi e Prealpi di Provenza"
Monti di Vaucluse, di Lure e del Luberon inclusi nelle Prealpi del Delfinato inclusi nelle Alpi e Prealpi di Provenza, essendo amministrativamente in questa regione
alcune aree meridionali dell'Altipiano svizzero incluse nelle Prealpi svizzere escluse dalle Alpi, secondo il criterio della letteratura geografica svizzera che li considera parte dell'Altipiano svizzero
Prealpi Lombarde costituiscono un'unica sezione delle Alpi Centrali suddivise in tre sezioni, due ricadenti nelle Alpi Centro-orientali (Prealpi Luganesi e Alpi e Prealpi Bergamasche), ed uno appartenente alle Alpi Sud-orientali (Prealpi Bresciane e Gardesane). Ciò è una conseguenza della scelta di dividere le Alpi in due sole parti, ossia "Alpi Occidentali" ed "Alpi Orientali", secondo il criterio della letteratura geografica in lingua tedesca.
Alpi Retiche costituiscono un'unica sezione delle Alpi Centrali suddivise in tre sezioni, due ricadenti nelle Alpi Centro-orientali (Alpi Retiche occidentali e Alpi Retiche orientali), ed uno appartenente alle Alpi Sud-orientali (Alpi Retiche meridionali). Ciò è una conseguenza della scelta di dividere le Alpi in due sole parti, ossia "Alpi Occidentali" ed "Alpi Orientali", secondo il criterio della letteratura geografica in lingua tedesca.
denominazione "Alpi Noriche" denominazione del settore delle Alpi compreso tra il Passo del Brennero al Passo di Schober denominazione non usata, in quanto assente nella letteratura geografica austriaca più recente, che l'ha abbandonata perché comprende un'area considerata troppo vasta; la zona considerata "Alpi Noriche" dalla Partizione delle Alpi è suddivisa nella SOIUSA in Alpi dei Tauri occidentali (sez. 17), Alpi dei Tauri orientali (sez. 18), Alpi di Stiria e Carinzia (sez. 19) ed Alpi scistose tirolesi (sez. 23)
denominazioni "Alpi Bavaresi", "Alpi Salisburghesi" e "Alpi Austriache" denominazioni utilizzate denominazioni non utilizzate, in quanto assenti nella moderna letteratura geografica in lingua tedesca.
Alpi Giulie estese dalla Sella di Camporosso sino al Passo di Vrata estese dalla Sella di Camporosso sino alla Sella di Godovici, escludendo un settore considerato dalla letteratura geografica slovena ed austriaca non appartenente alle Alpi, ma al sistema montuoso dinarico
Carso incluso nel sistema alpino escluso dal sistema alpino, secondo il criterio seguito nella letteratura geografica slovena
denominazione "Prealpi Slovene" non presente; la zona corrispettiva è considerata parte delle Alpi Giulie (la parte occidentale), oppure non facente parte del sistema alpino (zona orientale) denominazione utlizzata per indicare una sezione alpina, secondo il criterio seguito nella letteratura geografica slovena

L'inclusione o l'esclusione del Carso nel sistema alpino è da tempo oggetto di dibattito. L'inclusione è stata sostenuta in tempi recenti anche dallo studioso italiano di fenomeni carsici Fabio Forti[16]; egli ha affermato che, secondo la letteratura alpina la regione è sì una cerniera tra sistema alpino e sistema dinarico, ma è da attribuirsi al primo per questioni storiche[17], geografiche, geomorfologiche[18] e geologiche[19]. La SOIUSA esclude invece il Carso dal sistema alpino, in quanto secondo la letteratura geografica slovena, la zona del Carso appartiene alle Alpi Dinariche, suddiviso nel seguente modo: Montagne dell'Istria e del Carso (sigla A1); Gruppo della Selva di Tarnova (sigla B1); Gruppo del Monte Nevoso-Risnjak (sigla B2); Largo altopiano della Carniola-interna e della Bassa Carniola (sigla B3).

NoteModifica

  1. ^ a b Sergio Marazzi, Atlante orografico delle Alpi, edizioni Priuli & Verlucca, 2005; cap. Slovenske Predalpe, pagina 317 Vedi Sergio Marazzi, La Suddivisione orografica internazionale unificata del Sistema Alpino, a pagina 1-2.
  2. ^ Essendo numerosissimi i testi didattici basati sulla Partizione delle Alpi, se ne riportano solo alcuni, a mero titolo di esempio, tra quelli più diffusi delle principali case editrici.
    • Carlo Griguolo, Chiara Forgieri, Daniela Romagnoli, Il nuovo giramondo, edizioni Paravia, 2014 (pagina 16) ISBN 9788839507532;
    • Grande Atlante Geografico e Storico, edizioni UTET, 1991, tavole 42/43, 92, 101, 184, 202, 236, 246. ISBN 8802044465;
    • F. Cassone, D. Volpi, M. Ramponi, F. Dobrowolni, L'Argonauta, edizioni Lattes, 1996 (pagina 59)
    • Eduardo Garzanti ed altri, Il libro Garzanti della Geografia, edizioni Garzanti, 1995 (pagina 50);
    • Lamberto Laureti, Conoscere le Alpi Istituto Geografico de Agostini di Novara, 1994 vedi Division des Alpes selon Lamberto Laureti;
    • G. Pittella (a cura di), Itinerari attraverso l'Italia, edizioni Giunti Marzocco, 1990 (pagina 94);
    • Guide rosse del TCI, volumi Liguria, Piemonte, Torino e Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli - Venezia Giulia, 'Touring editore;
    • Valerio Lugani (a cura di), Meravigliosa Italia, enciclopedia delle regioni, volumi Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, edizioni Aristea (capitolo Il suo aspetto);
    • M. Carazzi, F. Lebrun, V. Prevot, S. Torresani, Spazi e civiltà, edizioni Giunti-Marzocco, 1981 (tavola 20);
    • Ricciarda Simoncelli, Conoscere l'Italia, edizioni Le Monnier, 1984 (pagina 22);
    • Lorenzo Bersezio, I territori dell'uomo, Edizioni De Agostini, 1999 (pagina 143).
  3. ^ a b
    • Enrico Camanni (a cura di), Il Grande Dizionario Enciclopedico delle Alpi, in collaborazione con Club Alpino Italiano, edizioni Priuli & Verlucca, 2007. ISBN 9788880683926.
    • Sylvain Jouty, Pascal Kober, Dominique Vulliamy, Dictionnaire encyclopédique des Alpes, volume 1, edizioni Glénat, 2006. ISBN 9782723435277.
  4. ^ Alternativamente è studiata la frase più lunga, sempre di richiamo mnemonico: MA COn GRAn PENa LE RETI Antonio CAla GIÙ ossia: Marittime, Cozie, Graie, Pennine, Lepontine, Retiche, Atesine, Carniche, Giulie. Altra frase alternativa è: MA COn GRAn PENa LE RETI A TE CAlo GIÙ. In questi ultimi due casi, però, non si fa riferimento alla "Partizione delle Alpi", ma alla suddivisione didattica tradizionale. Si veda:
    • Junior enciclopedia - enciclopedia universale per i giovani studenti, edizioni SAIE (pagina 31);
    • Torelli Giorgio, I baffi di Guareschi, Àncora Editrice, (pagina 29). ISBN 9788851415211;
    • Adriana Cantisani, Tata, help!, Rizzoli 2011 (capitolo Poco ma buono...). ISBN 9788858616734;
    • Edoardo Giusti, Barbara Giordani, Il formatore di successo. Tutte le tecniche segrete, Sovera Edizioni, 2002 (pagina 56). ISBN 9788881242146.
  5. ^ a b c Comitato Geografico Nazionale Italiano, Nomi e limiti delle grandi parti del sistema alpino, Atti del IX. Congresso Geografico Italiano tenuto dal 22 al 30 aprile 1924. Vedi Elenco descrittivo delle grandi parti del Sistema Alpino (pagina 146).
  6. ^ Secondo altre fonti, la cima più alta è il Sommet de la Bernarde, alto 1.941 m. Il Sito del CAI, pagina Prealpi di Provenza, riporta quest'ultima.
  7. ^ Secondo la mappa originale della Partizione delle Alpi, del 1926 e secondo i dati da essa desunti, la sezione corrisponde al numero 21; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, il settore corrisponderebbe al numero 25. Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  8. ^ Secondo la mappa originale della Partizione delle Alpi, del 1926 e secondo i dati da essa desunti, la sezione corrisponde al numero 22; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, il settore corrisponderebbe al numero 26. Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  9. ^ Secondo la mappa originale della Partizione delle Alpi, del 1926 e secondo i dati da essa desunti, la sezione è denominata "Prealpi di Salisburgo" e corrisponde al numero 23; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, il settore è denominato "Alpi di Salisburgo" e corrisponderebbe al numero 22. Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  10. ^ Secondo la mappa originale della Partizione delle Alpi, del 1926 e secondo i dati da essa desunti, la sezione è denominata "Prealpi Austriache" e corrisponde al numero 24; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, il settore è denominato "Alpi Austriache" e corrisponderebbe al numero 23. Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  11. ^ Secondo la mappa originale della Partizione delle Alpi, del 1926 e secondo i dati da essa desunti, la sezione corrisponde al numero 25; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, il settore corrisponderebbe al numero 24. Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  12. ^ Secondo la mappa originale del 1926 e i dati da essa desunti, le Caravanche hanno nella Partizione delle Alpi la denominazione "Prealpi delle Caravanche - Bacher" e corrispondono al numero 26; secondo invece la mappa dell'Atlante orografico delle Alpi di Sergio Marazzi che illustra la partizione delle Alpi, le Caravanche corrisponderebbero al numero 21 e sarebbero denominate semplicemente "Caravanche". Le due mappe e le notizie da esse dedotte sono riportate nel sito "Homo alpinus"; vedi Division des Alpes selon le Comitato Geografico Nazionale Italiano.
  13. ^ a b Sergio Marazzi, Atlante orografico delle Alpi, edizioni Priuli & Verlucca, 2005 (pagina 20), vedi SOIUSA
  14. ^ Le critiche alla SOIUSA sono elencate al secondo paragrafo del capitolo 1 della seguente pagina: "Bilan et critiques"
  15. ^ Riassunto delle differenze tra Partizione e SOIUSA è presente al capitolo 2.3 della seguente pagina: Modifiche alla tradizionale "Partizione delle Alpi"
  16. ^ Considerazioni geologiche sulla regione Giulia
  17. ^ Vardabasso 1945: La questione del confine politico italo-jugoslavo dal punto di vista fisico. La Venezia Giulia Terra d'Italia. Soc. Istr. Archeol. Sto. Patria 1-24.
  18. ^ Piccoli 1975. Studio aerogeologico strutturale del Carso goriziano-triestino della Slovenia occidentale e dell'Istria. Mem Ist geol Mineral Univ Padova, 31:1-38.
  19. ^ Carulli, Carobene, 1980. Evoluzione strutturale Plio-quaternaria del Friuli e della Venezia Giulia. CNR 489-545.

BibliografiaModifica

  • Sergio Marazzi. Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA. Pavone Canavese (TO), Priuli & Verlucca editori, 2005.

Voci correlateModifica