Rivoluzione ucraina del 2014

Rivoluzione Ucraina del 2014
2014-02-21 11-04 Euromaidan in Kiev.jpg
Folla a Kiev il 21 febbraio dopo che è stato firmato l'accordo di pace
Data 18-23 febbraio 2014[1][2]
Luogo Mariinsky Park e Instytutska Street, Majdan Nezaležnosti, Kiev, Ucraina
Causa Procrastinazione sul ripristino degli emendamenti 2004 alla Costituzione dell'Ucraina;
Perdono completo dei manifestanti arrestati, invece dell'amnistia.
Esito Cacciata del Presidente Viktor Janukovyč;
Restaurazione della Costituzione come era tra il 2004 e il 2010;
Rilascio della prigioniera Julija Tymošenko;
Abolizione della "legge sulle lingue regionali", con conseguente nuova legge decretante l'ucraino unica lingua di Stato a tutti i livelli amministrativi[3] (a cui è stato posto il veto da Turčynov)[4];
Dimissioni del governo;
50 indagati, tra cui alti funzionari che avevano il compito di organizzare l'uccisione di manifestanti[5];
Scioglimento dell'unità speciale di polizia Berkut;
Proteste di massa nell'Ucraina Orientale contro il governo di Kiev;
Distruzione Nazionale dei monumenti sovietici[6];
Inizio della Crisi della Crimea e dell'intervento militare russo in Ucraina.
Schieramenti
manifestanti dell'Euromaidan;
militanti dell'Euromaidan (Sotnja);
Flag of Right Sector.svg Settore Destro
Геральдичний знак - емблема МВС України.svg Ministero degli Interni
Cпеціальний підрозділ міліції громадської безпеки «Беркут».png Berkut
Forze speciali Tigre
Емблема внутрішніх військ МВС України.svg Truppe Interne
Security Service of Ukraine Emblem.svg Servizio di Sicurezza dell'Ucraina
Нарукавний знак ЦСО СБУ.png Gruppo Alpha SBU
Titushky
Fronte Ucraino
Comandanti
Effettivi
20,000–100,000+ protestanti 7,000+ forze governative[7]
Perdite
100 morti[10]
166 dispersi[11]
1,100+ feriti[12]
77 arrestati[13]
13 morti[14]
272 feriti
67 prigionieri[15]
106 morti
e 1811 feriti
secondo il Ministero della Sanità totali (16 April @6:00 LST)[8]
Morti e dispersi durante l'intera rivoluzione: 780
Medical volunteer estimates[9]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La rivoluzione ucraina del febbraio 2014 ha avuto luogo dopo una serie di episodi di violenza nella capitale di Kiev culminata con la cacciata dell'allora presidente dell'Ucraina, Viktor Janukovyč.[16][17][18][19]

Questa fu immediatamente seguita da una serie di cambiamenti in rapida successione nel sistema socio-politico dell'Ucraina, tra cui l'installazione di un nuovo governo ad interim, il ripristino di una versione precedente della costituzione, l'appello a tenere elezioni presidenziali improvvisate in pochi mesi[16] oltre all' abolizione della lingua russa.

Dopo una prima rivoluzione, vale a dire la "rivoluzione arancione" del 2004, l'Ucraina era stata impantanata da anni di corruzione, cattiva gestione, mancanza di crescita economica, svalutazione della moneta, e l'incapacità di ottenere finanziamenti dai mercati pubblici.[20][21] Per questa ragione, Janukovyč ha cercato di stabilire relazioni più strette con l'Unione europea (UE) e la Russia al fine di attrarre il capitale necessario per mantenere il livello di vita dell'Ucraina senza compromettere la popolazione locale in modo significativo.[22] Una di queste misure fu un accordo di associazione con l'Unione europea, che avrebbe fornito all'Ucraina fondi contingenti per diverse riforme in quasi tutti gli aspetti della società ucraina e di rompere i suoi legami economici con la Russia.[23][24] Yanukovych, in un primo momento, considerò le contingenze per essere onesti, ma alla fine si rifiutò di firmare l'accordo considerandolo troppo austero e dannoso per l'Ucraina.[25] Oltre a ciò, l'UE chiese la liberazione di Julija Tymošenko, che era in carcere, come una condizione incidentale di accordo di associazione con l'Unione europea. Pertanto, Janukovyč firmò un trattato con la Russia, che invece scatenò disordini civili a Kiev che alla fine portarono a violenti scontri tra manifestanti e forze dell'ordine in circostanze poco chiare.[26] Mentre le tensioni aumentavano, Janukovyč lasciò il paese e non tornò. La Russia ha accusato gli Stati Uniti e l'UE di finanziamento e direzione della rivoluzione.[27]

Dopo la rivoluzione del 2014, la Russia ha rifiutato di riconoscere il nuovo governo ad interim, chiamando la rivoluzione un colpo di Stato[28] e ha preso il controllo della penisola di Crimea in Ucraina.[29][30][31][32] Internamente, il governo ad interim di nuova nomina in Ucraina ha finito per firmare l'accordo di associazione con l'UE di cui sopra e si è impegnato ad adottare le riforme nel suo sistema giudiziario e politico, così come nelle sue politiche finanziarie ed economiche, al fine di rispettare le disposizioni stabilite nel contratto. Il governo ad interim ha inoltre adottato altre modifiche in quanto non era in grado di soddisfare diversi accordi contrattuali dopo la rivoluzione, ma aveva bisogno di investimenti esteri, al fine di farlo. Gli investimenti stranieri provenivano dal Fondo Monetario Internazionale in forma di prestiti per un importo di oltre 18 miliardi dollari subordinando le riforme ucraine adottate in quasi tutti gli aspetti della società,[33] tra cui un aumento di prezzo dell'offerta interna del gas al prezzo globale.

La rivoluzione venne seguita da proteste nelle sue regioni sud-orientali, una disputa con la Russia per quanto riguarda l'annessione della Crimea e Sebastopoli alla Federazione russa, e la volumetria delle truppe russe in prossimità delle frontiere dell'Ucraina.

Secondo i dati dei sondaggi di GfK prese tra il 4 e il 18 marzo in tutte le regioni d'Ucraina (compresa la Crimea), il 48% degli ucraini sosteneva il cambiamento di potere mentre il 34% vi si opponeva. Nelle regioni meridionali ed orientali la rivoluzione era sostenuta da solo il 20% della popolazione, mentre il 57% o più della popolazione nel resto del paese sosteneva il cambiamento di governo. Inoltre, solo il 2% degli intervistati ha dichiarato totalmente o parzialmente attendibile l'ex presidente Viktor Janukovyč.[34]

Indice

PanoramicaModifica

Un periodo di relativa calma nelle manifestazioni anti-governative si interruppe bruscamente il 18 febbraio 2014, quando i manifestanti e la polizia si scontrarono. Almeno 82 persone sono state uccise nel corso di quei giorni, di cui 13 poliziotti; più di 1.100 persone sono rimaste ferite.[35]

 
Una folla di manifestanti riuniti in un raduno di massa in Piazza Indipendenza a Kiev il 2 febbraio
 
Una linea di polizia antisommossa a Kiev il 12 febbraio.
 
Incendio del quartier generale dell'Euromaidan nella Sede dell'Unione dei Sindacati.

I disordini iniziali iniziarono il 18 febbraio 2014, quando circa 20.000 manifestanti Euromaidan a Kiev avanzarono verso il parlamento dell'Ucraina a sostegno del ripristino della Costituzione dell'Ucraina alla sua forma del 2004, che era stata abrogata dalla Corte Costituzionale dell'Ucraina poco dopo che Viktor Yanukovych era stato eletto presidente nel 2010. La polizia ha bloccato il loro cammino. Il confronto diventata violento; la BBC, citando i suoi corrispondenti, ha dichiarato che entrambe le parti erano in colpa.[36] La polizia ha sparato con le pistole, sia con proiettili di gomma e, più tardi, con munizioni reali (comprese armi automatiche e fucili di precisione), mentre utilizzava anche granate di gas lacrimogeni e granate flash nel tentativo di respingere le migliaia di manifestanti, che combatterono con armi rudimentali, armi da fuoco, esplosivi e armi improvvisate. I manifestanti fecero irruzione nella sede del Partito delle Regioni. Non c'erano membri del partito lì al momento. La polizia prese d'assalto il campo di protesta principale di Maidan Nezalezhnosti e invase parte della piazza.[36] Gli uffici dei sindacati, il quartier generale dell'Euromaidan, bruciarono. I commentatori politici hanno suggerito che l'Ucraina era sull'orlo di una guerra civile.[37] Alcune aree, tra cui l'Oblast di Lviv, si erano dichiarati politicamente indipendenti dal governo centrale.[38]

Il 19 febbraio, le autorità istituirono posti di blocco della polizia, restrizioni sul trasporto pubblico e la chiusura delle scuole a Kiev, che i media indicarono come de facto uno stato di emergenza.[39] Un membro del parlamento ha detto in un'intervista che uno stato di emergenza è stato di fatto attuato a livello nazionale così come il trasporto al capitale è stato paralizzato.[40]

Il 20 febbraio, il ministro degli Interni Vitaliy Zakharchenko ha annunciato di aver firmato un decreto che autorizzava l'uso di munizioni vere contro i manifestanti.[41] Il centro di Kiev ha visto ancora peggior violenza, e il numero di morti in 48 ore di scontri è salito ad almeno 77. In risposta, il giorno successivo il presidente del parlamento ucraino Volodymyr Rybak ha annunciato di aver firmato un decreto parlamentare, che condannava l'uso della forza e sollecitando tutte le istituzioni (Ministero degli Affari Interni, Gabinetto dei Ministri, ecc) a cessare immediatamente tutte le azioni militari contro i manifestanti.[42] Il parlamento ucraino sospese anche Zakharchenko dalle sue funzioni.

Il 21 febbraio il presidente Janukovyč firmò un accordo di compromesso con i leader dell'opposizione che attuava modifiche costituzionali ai poteri in mano di nuovo alle elezioni parlamentari, che si sarebbero tenute entro dicembre.

Nonostante l'accordo, in migliaia ancora protestavano nel centro di Kiev e presero il pieno controllo del distretto governativo; presero il parlamento, gli alloggi amministrativi del Presidente, il Consiglio dei Ministri, e il Ministero dell'Interno.[43][44] Il 21 febbraio un disegno di legge impeachment è stato introdotto nel parlamento ucraino,[45] ma non furono forniti dettagli e il parlamento ucraino non fece votare per mettere sotto accusa Yanukovich secondo la procedura legale.[46] il 21 febbraio Yanukovich partì per Kharkov per partecipare ad un summit delle regioni sud-orientali, secondo i resoconti dei media.

Il 22 febbraio il Parlamento votò dichiarare che la poltrona del presidente era vacante, dovuta al fatto che Yanukovich aveva lasciato l'Ucraina e non esercitava più le sue funzioni. Un editoriale di Der Spiegel ha sostenuto che il voto era incostituzionale.[47]

Il 22 febbraio il Parlamento nominò il suo portavoce Oleksandr Turčynovcome presidente ad interim il 23 febbraio.[48] Un mandato per l'arresto di Yanukovych venne emesso da parte del nuovo governo il 24 febbraio.[49] Nel corso dei giorni successivi in Crimea, politici nazionalisti russi e attivisti organizzarono raduni e esortarono la Russia a difendere Crimea dall'avanzata dei "fascisti" nel resto dell'Ucraina.[50]

Il 22 febbraio i manifestanti furono segnalati per essere in controllo di Kiev e il presidente Viktor Yanukovich venne segnalato per aver abbandonato la capitale per l'Ucraina orientale.[51][52] Euronews riferì che il governo ucraino disse di voler contribuire a rendere un ordinato passaggio delle consegne del potere per una nuova amministrazione.[53] Il Parlamento, o Verkhovna Rada, votò 328-0 a favore dell'impeachment di Yanukovych e per le nuove elezioni presidenziali previste per il 25 maggio.[54] A partire dal 23 febbraio 2014, la posizione di Yanukovich era sconosciuta, con relazione multiple in conflitto tra loro dei suoi ultimi movimenti.[16]

Il 28 febbraio il presidente Yanukovich partecipò ad una conferenza stampa nel sud della Russia e rispose alle domande dei giornalisti per lo più russi. Si seppe che credeva che le elezioni presidenziali anticipate che si sarebbero tenute a fine maggio fossero illegali e lui "non ci avrebbe partecipato". Ha anche detto che mentre avrebbe potuto calmare la situazione, il 21 febbraio un accordo non era stato concordato con l'opposizione.[55]

Il 1º marzo il parlamento russo approvò una richiesta del Presidente Vladimir Putin di schierare truppe russe in Ucraina.[56]

AntefattiModifica

 
Manifestanti pro-UE dell'Euromaidan a Kiev, dicembre 2013

Le proteste scoppiarono originariamente nel novembre 2013 dopo che il presidente Viktor Yanukovich scelse di non firmare un accordo di libero scambio e di associazione politica con l'Unione europea al vertice del partenariato orientale a Vilnius, scegliendo invece di stringere legami più stretti con la Russia. Il primo ministro Mykola Azarov chiese € 20 miliardi di euro (27 miliardi di dollari) in finanziamenti e aiuti.[57] L'UE era disposta ad offrire € 610.000.000 (838 milioni dollari) in prestiti,[58] tuttavia la Russia era disposta ad offrire 15 miliardi di dollari in prestiti.[58] La Russia offrì all'Ucraina anche prezzi del gas più economici.[58] Oltre al denaro, l'UE richiedeva necessarie ed importanti modifiche ai regolamenti e alle leggi in Ucraina. La Russia, tuttavia, non lo chiedeva.[57] La Russia applicò anche pressioni economiche sull'Ucraina e lanciò una campagna di propaganda contro l'accordo UE-Ucraina.[59] Yanukovych era ampiamente antipatico alla zona ovest dell'Ucraina, ma aveva un certo sostegno nella sua nativa regione orientale di lingua russa, così come nel sud. I raduni furono inizialmente pacifici ma alla fine divennero violenti nel gennaio 2014 dopo che il Parlamento, dominato dai sostenitori di Yanukovich, approvò leggi volte a reprimere la protesta. La Russia, nella speranza di costruire un'alleanza di Stati ex-sovietici, compì notevoli sforzi per far deragliare il patto dell'Ucraina con l'Unione europea con una miscela di sanzioni commerciali e promesse. L'Unione europea e gli Stati Uniti esortarono Yanukovich a negoziare una fine pacifica del conflitto e dissero che avrebbero introdotto sanzioni contro i responsabili delle violenze.[60]

Nel periodo precedente i disordini di Febbraio, venne fatto un accordo di amnistia con i manifestanti in cui ad essi sarebbe stata concessa la liberazione dalle spese in cambio del rilascio degli edifici occupati dai manifestanti attivi.[61] I manifestanti liberarono tutti gli edifici dell'Amministrazione Regionale dello Stato occupati, e gli attivisti a Kiev abbandonarono la situazione di stallo a Hrushevskoho Street; Anche il Municipio di Kiev venne restituito al controllo del governo il 16 febbraio.[61] Tutti i manifestanti, già in carcere per aver preso parte alle proteste furono programmati per essere rilasciati dopo il 17 febbraio.[61]

Il 14 febbraio 2014 il Presidente Yanukovych aveva dichiarato: "Voglio dire che ero incitato e sono stato incitato ad utilizzare vari metodi e modi per risolvere la situazione, ma voglio dire anche che non voglio essere in guerra. Non voglio decisioni effettuate utilizzando un metodo così radicale".[62] Il presidente Yanukovych richiamò ulteriormente tutti i politici ad astenersi da radicalismo e capire che "c'è una linea che non deve essere attraversata e questa linea è legge".[62]

Coinvolgimento russoModifica

 
Piano d'azione ucraino-russo del 17 dicembre 2013

Il fatto che Yanukovych venisse percepito come un tentativo di stabilire legami più stretti con la Russia giocò un ruolo importante nelle proteste. Yanukovych aveva accettato soldi "salvataggio", 2 miliardi di dollari su un pacchetto di 15 miliardi, dalla Russia e questo venne interpretato come un segnale che avrebbe cercato legami stretti con Putin.[63] Le autorità russe vennero pressate dall'amministrazione ucraina a prendere un'azione decisiva per schiacciare le proteste; ed è stato notato che l'assalto ai manifestanti Euromaidan della polizia è stato ordinato poche ore dopo che i 2 miliardi di dollari dalla Russia vennero trasferiti.[64][65] Vari ministri provenienti da tutta Europa accusarono la Russia di esacerbare le violenze.[66] Nel corso di un'intervista del 20 febbraio, il colonnello in pensione[67] del Direttorato Principale dell'Informazione della Russia (GRU) Aleksandr Musienko dichiarò che il conflitto poteva essere risolto solo con la forza, e che l'Ucraina aveva dimostrato di non poter esistere come stato indipendente e sovrano.[67][68] Secondo i documenti governativi rilasciati dall'ex vice ministro degli interni Hennadiy Moskal, funzionari russi servirono come consulenti per eseguire le operazioni contro i manifestanti. Nome in codice "Wave" e "Boomerang", le operazioni volgevano a disperdere la folla con l'uso di cecchini e a catturare il quartier generale dei manifestanti nella Casa dei Sindacati; prima delle defezioni della polizia, i piani includevano il dispiegamento di 22.000 truppe di sicurezza combinate in città.[69] Secondo i documenti, l'ex vice primo del GRU russo soggiornò presso l'hotel Kiev, giocò un ruolo importante nella preparazione e venne pagato dal Servizio di sicurezza dell'Ucraina.[70] Secondo Reuters, l'autenticità dei documenti potrebbe non essere confermata.[71] Il ministro dell'Interno Arseniy Avakov dichiarò che il conflitto era stato provocato da terzi 'non-ucraini', e che un'indagine era in corso.[72]

A seguito di concessioni il 21 febbraio, dopo una repressione fallita che lasciò fino a 100 morti, il primo ministro russo Dmitry Medvedev suggerì che il signor Yanukovych aveva bisogno di smettere di comportarsi come un "zerbino", e che ulteriori tranche del prestito sarebbero state negate. Il Consigliere politico russo Sergey Markov ha poi assicurato che "la Russia farà tutto quanto consentito dalla legge per fermare [l'opposizione] dal venire al potere".[73] Il 24 febbraio, in seguito agli eventi della rivoluzione, il ministero degli Esteri russo rilasciò una dichiarazione esortando gli ucraini a "reprimere gli estremisti che cercano di affermarsi al potere"[74] e il primo ministro Dmitry Medvedev rifiutò di riconoscere il governo provvisorio come legittimo.[75]

Nel corso di una conferenza stampa il 3 aprile 2014, il nuovo ministro degli Interni dell'Ucraina, il procuratore capo e il capo della sicurezza coinvolsero più di 30 agenti dell'FSB russo nella repressione sui manifestanti, che oltre a partecipare alla pianificazione, avevano anche volato in spedizioni di grandi quantità di esplosivo in un aeroporto nei pressi di Kiev. Valentyn Nalyvaichenko, il capo ad interim dell'Agenzia di Sicurezza dello Stato dell'Ucraina (SBU), disse che gli agenti erano stati di stanza a Kiev durante l'intera protesta dell'Euromaidan, erano forniti di "telecomunicazioni statali", mentre residevano in un composto SBU e in contatto regolare con i funzionari di sicurezza ucraini. "Abbiamo motivate ragioni per ritenere che questi stessi gruppi che si trovavano in un campo di allenamento SBU parteciparono alla progettazione e all'esecuzione di attività di questa cosiddetta operazione antiterrorismo", ha detto Nalyvaichenko. Gli investigatori, disse, avevano stabilito che il capo del SBU di Yanukovych Oleksandr Yakymenko, che in seguito lasciò il paese, aveva ricevuto segnalazioni da parte di agenti dell'FSB mentre erano di stanza in Ucraina, e che Yakymenko ricoprì diversi briefing con gli agenti. L'Ufficio di Sicurezza Federale russo ha respinto i commenti come "accuse infondate" e si è comunque rifiutato di commentare.[76]

CronologiaModifica

18 febbraioModifica

Scontri iniziali (Mariinsky e Lypky)Modifica

 
Manifestanti costruiscono una barricata.
 
Camion che avevano trasportano truppe vengono bruciati sul crocevia nel centro della città di Kiev il 18 febbraio
 
I manifestanti lanciano mattoni e bottiglie molotov contro la polizia che sta dietro la barricata che brucia

La notte prima degli scontri, Settore Destro emise un bando, chiedendo a tutti i membri di prepararsi ad una "offensiva di pace", il 18 febbraio. L'Unione Popolare di Maidan invitò anche tutti i cittadini interessati a prendere posto nell'"offensiva di pace", a cui anche i sindacati studenteschi erano impegnati a entrare. L'Unione di Maidan riferì che il 18 febbraio alle 08:00 le colonne di manifestanti avrebbero marciato sul parlamento, con la marcia che sarebbe iniziata alle 08:30.[77]

La mattina del 18 febbraio, circa 20.000 manifestanti marciarono sul Verkhovna Rada,[63] il Parlamento che era stato collocato per rispondere e prendere in considerazione le richieste dell'opposizione per una nuova costituzione e un cambio di governo. Intorno alle 9:45 del mattino la colonna in marcia dei manifestanti sfondò la barricata della polizia con diversi camion per trasporto personale presso il palazzo dei Club Centrale degli Ufficiali di Ucraina (intersezione tra Hrushevskoho e Kriposny).[78] I manifestanti sfondarono la barricata e spinsero il cordone di polizia da parte.[79] Gli scontri iniziarono dopo che circa due dozzine di manifestanti si mossero verso un veicolo della polizia che bloccava loro il percorso verso il parlamento.[80] Alle 10:00 la Parlamentare di Batkivshchyna Lesya Orobets riferì che la polizia, armata di fucili Fort-500T, aveva iniziato un attacco con granate flash e granate stordenti da Shovkovychna Street e Lypska Street.[78]

Come la colonna si avvicinò all'edificio del Verkhovna Rada, alle 10:08 incontrò resistenza da parte di un altro cordone di polizia e iniziò a premere contro di esso.[78] Ci furono segnalazioni che il numero di manifestanti fosse salito a 50.000.[78] Alle 10:18 altri rapporti dichiaravano che ad Instytutska Street erano state viste esplosioni e fumo, mentre la gente aveva iniziato a strappare i blocchi di pavimentazione della carreggiata.[78] Alle 10:21 i manifestanti iniziarono a lanciare i blocchi di pavimentazione contro la polizia, mentre la polizia in difesa con gli scudi cercò di reprimere la folla con granate stordenti.[78] Alle 10:22 i manifestanti che si erano barricati nei pressi del colonnato del Dynamo Stadium cominciarono a dare fuoco agli pneumatici.[78] Alle 10:28 ci furono segnalazioni che gli autobus scaricavano persone sorvegliate dalla polizia dall'altra parte del Parco Mariinsky sul doroha Parkova dalle 8 del mattino.[78] Alle 10:30 circa il parlamento decise di votare per le modifiche alla Costituzione dell'Ucraina.[78] Una volta che il parlamento fu riunito, il disegno di legge per ripristinare la Costituzione del 2004 non venne registrato dall'oratore Rybak, sebbene fosse giuridicamente obbligato a farlo.[80] Oleksandr Doniy, un deputato indipendente, disse che "hanno distribuito l'ordine del giorno (per la sessione di oggi), come se non ci fosse una crisi nel paese. Tutte le questioni su di esso sono secondarie", mentre il leader dell'opposizione Vitali Klitschko accusò il presidente di costringere i membri del parlamento e di orchestrare la situazione.[80] In quel momento il parlamentare Volodymyr Ariev riferì che la polizia sparava alle donne parlamentari dell'opposizione.[78]

Conflict on Maidan at night

Alle 10:33 gli scontri di strada tra manifestanti e polizia si spostarono in via Shovkovychna, lanciando rispettivamente sampietrini e bombe a mano.[78] Alle 10:35 i manifestanti iniziarono a sventolare 200 banconote grivna a fronte dei titushky situati nel Parco Mariinsky.[78] Alle 10:43 l'attivista pubblico Oleksandr Aronets riferì che i cecchini prendevano di mira i civili e dichiarò di aver visto un uomo cadere a terra accanto a lui.[78] Ci sono foto di titushky che utilizzano attrezzature della polizia.[78] Alle 10 :52 una colonna di silovik partì dal palazzo del parlamento verso via Shovkovnycha.[78] All'angolo tra Shovkovnycha e Instytutska, gruppi di titushky furono notati insieme agli agenti di polizia.[78]

Entro le ore 11:00, furono visti manifestanti che avevano riportato gravi ferite.[78] All'incrocio di Shovkovychna St., due donne vennero ferite dai proiettili di gomma sparati dalla polizia: una al cuore, una alla fronte.[81] Alle 11:02 una rissa scoppiò nel Parco Mariinsky tra Anti-Maidan e manifestanti Euromaidan, mentre la polizia lanciava bottiglie molotov.[78] Alle 11:05 Lesya Orobets riferì che i Berkut portavano armi da fuoco.[78] A via Shovkovnycha una barricata di camion dell'immondizia era stata data alle fiamme.[78] Alle 11:09 un camion dei pompieri arrivati a Shovkovnycha notò come la strada era piena di fumo nero e denso.[78] Alle 11:10 la polizia iniziò a utilizzare fucili e a lanciare granate dai tetti sulla folla.[78] La giornalista Yanina Sokolovska (Izvestia in Ucraina), affermò che quando la gente in mimetica stava lanciando granate in folla, i manifestanti pensavano che quelle persone fossero Berkut.[82] Alle 11:18 la canzone sovietica "la Guerra Patriottica" ha iniziato a risuonare dalla sede del Partito delle Regioni nel Parco Mariinsky.[83]

 
Una barricata brucia fuori la sede delle forze di difesa interna di Lviv, durante un incendio causato da proteste di massa

Incursione alla sede del Partito delle Regioni e rappresaglia della poliziaModifica

Alle 11:23 ci fu un tentativo di assalto da parte dei Berkut, ma non ebbe successo, mentre la folla attaccò di nuovo.[78] Alle 11:25 ci fu la prima reazione dei manifestanti che ruppero le porte della sede del Partito delle Regioni in Lypska Street.[78] I Berkut e i manifestanti continuarono a scambiarsi bombe e blocchi di pavimentazione.[78] Alle ore 11.30 i manifestanti, tra i quali vi era la giornalista Tetyana Chornovol,[80] saccheggiarono e incendiarono l'ufficio del Partito delle Regioni.[84][85] Alle 11:40 Oleksandr Aronets riportava che le granate utilizzate dalla polizia contenevano schegge di granata.[78] A 12:05 un certo numero di giornalisti riportarono che le granate assordanti lanciate contro i manifestanti all'esterno dell'edificio del Verkhovna Rada avevano strappato le membra degli attivisti.[78] A 12:12 il Ministro della Sanità Raisa Bohatyriova venne attaccato dai manifestanti mentre scendeva da una scala dal Parco Mariinsky al doroha Parkova, ma ne uscì illeso.[78] Da 12:30, la polizia aveva ripreso il controllo dell'ufficio del Partito delle regioni.[80] L'amministrazione delle emergenze ha confermato un morto dopo il raid nell'ufficio.[84] A 12:24 i titushky e la polizia continuarono ad attaccare i manifestanti nel Parco Mariinsky.[78][86]

A 12:33 Andriy Illyenko riferì il fatto che la sede del Club Centrale degli Ufficiali era stato riassegnato come ufficio medico temporaneo.[78][87] A 12:48 Oleksandr Turchynov portò Novinsky all'ufficio del Partito delle Regioni.[78] Alle 13:00, un agente di sicurezza dell'ufficio attaccò un fotografo di Radio Svoboda.[78] Più tardi (14:25) persone provenienti dall'ufficio picchiarono gravemente un altro fotografo.[78][88] La polizia usò munizioni sia vere che in gomma, mentre respingeva i manifestanti, con decine di feriti. Alle 13:00 almeno due uomini sono stati uccisi in testa con proiettili di gomma.[80] Migliaia di poliziotti circondarono il quartiere governativo, che include l'Amministrazione presidenziale, il Parlamento e il Consiglio dei Ministri, e poi inseguirono i manifestanti mentre sbattevano i loro scudi.[80] Un manifestante con una ferita alla testa disse al Kyiv Post che gli agenti di polizia caricavano "fracassando tutti" nel loro percorso di avanzamento, comprese le donne e le ragazze. Alle 13:08 il coordinatore del servizio medico dell'Euromaidan riferì circa 25 feriti.[78] Alle 13:21 Radio Svoboda riferì che i medici Euromaidan fornivano assistenza medica a un soldato delle Truppe Interne e gli hanno impedito di essere picchiato da una folla inferocita.[78]

 
La linea della barricata separa Truppe Interne e manifestanti

Alle 13:00 circa i manifestanti stavano rompendo le finestre in uno degli edifici del Ministero della Sanità nel Parco Mariinsky, dove si trovava un ufficio del Ministero delle Pubbliche Relazioni.[89]

Dalle 13:30, la polizia caricò i manifestanti a piedi con fucili da caccia e spararono sulla folla, colpendo un uomo negli occhi; stava sanguinando pesantemente e venne portato via dai paramedici.[80] I manifestanti vennero spinti indietro in Via Shovkovychyna da centinaia di poliziotti che avanzavano. I cittadini istituirono barricate di panchine e cassonetti per bloccare la strada. Un ufficiale venne picchiato inconscio dalla folla, mentre i manifestanti stessi furono visti sanguinare con ferite alla testa. Quattro ufficiali in Viale Institutska erano di stanza in cima a un edificio, lanciando granate assordanti sulla folla mentre sparavano su di loro da un punto di vantaggio; l'edificio è stato poi preso d'assalto dai manifestanti e una parte di esso è stata data alle fiamme. I manifestanti hanno fatto irruzione al tetto, costringendo la polizia a ritirarsi.[80] L'edificio su Viale Institutska è stato descritto come teatro degli scontri più violenti della giornata. Alle 13:30 i Berkut e i soldati delle Truppe Interne hanno iniziato il loro assalto su scala completa lungo via Instytutska e hanno sparato direttamente sulla folla.[78] Alle 13:48 ci sono state segnalazioni che la polizia stava utilizzando cannoni ad acqua per sfondare a Shovkovnycha e a Instytutska.[78] La polizia arrestò gli assistenti dei parlamentari Nazar Naumenko e Volodymyr Nazarenko (entrambi del partito Svoboda).[90] Alle 13:56 alcuni parlamentari di Svoboda attaccarono un camion della polizia con gli arrestati in Viale Sadova.[78]

Alle 14:00 ci furono segnalazioni di sadica brutalità della polizia.[78] Alle 14:11 alcuni giornalisti riferirono che la polizia accanto ai fucili utilizzava anche pistole.[78] Ci furono episodi di folla inferocita che andò fuori controllo quando le auto di lusso ufficiali del governo furono in vista.[78] Alle 14:30 Iryna Herashchenko venne ferita riportando che aveva paura di andare in ospedale in quanto poteva essere arrestata dalla polizia.[78] Alle 13:34 i Berkut arrestarono quattro manifestanti, li picchiarono gravemente e li portarono in prigione.[78] Alcuni parlamentari (Svoboda) riuscirono a permettere ad uno dei manifestanti di essere ricoverato in ospedale.[78] Alle 14:38 ci fu una battaglia nei pressi del palazzo della Corte Suprema dell'Ucraina tra titushky e forze di autodifesa Maidan, durante la quale i testimoni sostennero che i titushky avessero armi da fuoco.[78][91] La polizia ha usato randelli, gas lacrimogeni e granate flash quella mattina nel tentativo di respingere la marcia. I manifestanti hanno risposto con bastoni, pietre e alcuni esplosivi, mentre altri gruppi di manifestanti si ammassarono in Viale Hrushevskoho.[80] Alle 14:56 ci furono segnalazioni di interruzioni di trasporti come le ambulanze, che non erano in grado di raggiungere le persone ferite in tempo, mentre Lesya Orobets segnalò le prime tre persone morte.[78]

 
Manifestante mascherato visto durante gli scontri a Kiev

A metà pomeriggio, la polizia con gas lacrimogeni spinse indietro fino a 10.000 manifestanti dal Parco Mariinsky, dove erano state costruite in precedenza in giornata barricate. Anche i manifestanti filogovernativi e i "titushki"-o teppisti sospettati di essere stati assunti dal governo-erano nel parco.[senza fonte] I manifestanti hanno gettato granate stordenti ai "titushki," riempiendo il parco di fumo. Altri attivisti anti-governativi hanno cercato di mantenere le forze filogovernative e antigovernative da parte.[80]

Uscite multiple hanno riferito che la polizia era armati con fucili d'assalto AK-47, e ne pubblicarono le fotografie.[92][93] L'ex Vice Ministro degli Affari Interni Hennadiy Moskal ipotizzò che le truppe che brandivano gli AK-47 potevano essere unità del Gruppo Alpha.[94] Il capo dell'organizzazione veterana Berkut Vladimir Krashevsky ha detto che la polizia armata in nero con bracciali gialli era una unità di Berkut, ed era stata dispiegata per aiutare a evacuare le Truppe Interne. Egli corresse il nome precedente di "Compagnia Nera Berkut" e disse che il loro nome ufficiale era "Compagnia Speciale del Reggimento Speciale della Polizia 'Berkut' nella città di Kiev".[95]

I manifestanti occuparono nuovamente il municipio di Kiev.[96]

Secondo il quotidiano di proprietà statale russo Izvestia, attivisti dell'opposizione armati di mazze e spranghe di ferro presumibilmente picchiarono a morte l'ingegnere informatico Valery Konstantinovich Zakharov nell'incursione all'ufficio del Partito delle Regioni.[97]

Avanzata verso MaidanModifica

 
Scontri tra manifestanti e Truppe Interne
 
Un ufficiale di polizia antisommossa viene gettato a terra durante gli scontri a Kiev

Alle 15:45, centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa avanzarono verso Shovkovychna Street verso il parlamento ucraino, attaccando i manifestanti. La polizia antisommossa e i sostenitori del governo misero alle strette un gruppo di manifestanti Euromaidan nel Parco Mariinsky. I sostenitori pro-governo (titushky) poi catturarono e arrestarono gli attivisti Euromaidan.[98]

Un ufficiale di polizia afferrò la maschera antigas di un giornalista del Kyiv Post ad Institutska Street e disse sull'avanzata della polizia, "La amo! L'amiamo!".[80] Alle 15:51 ci sono state segnalazioni di attacchi contro i giornalisti, tra cui due uomini da 5 Kanal, un paio di giornalisti del Televiziyna Sluzhba Novyn (TSN), e altri.[99]

Il capo ad interim del Servizio di Sicurezza dell'Ucraina, Oleksandr Yakymenko, ed il ministro dell'Interno ad interim Vitaliy Zakharchenko hanno emesso un avviso pubblico alle 16:00 per i manifestanti di ripulire le strade entro due ore: "Se entro le 18:00 l'illegalità non cessa, dovremo essere costretti a utilizzare tutti i mezzi legali per riportare l'ordine ".[80] Al Palazzo di Ottobre, visibile da Piazza Indipendenza, la polizia antisommossa gettò mattoni giù per la collina sui manifestanti, tra cui donne, da un ponte lungo Institutska Street.[80]

Secondo i media due aerei a reazione comparvero sopra Maidan.[100]

Alle 20:00 venne segnalato che 50 ignoti stavano tentando di entrare nel consolato canadese.[101]

Attacco a MaidanModifica

A seguito dell'avviso da parte del Ministero dell'Interno per tutte le donne e bambini di lasciare Maidan, la polizia avanzò su migliaia di manifestanti a Maidan Nezalezhnosti (Piazza Indipendenza) alle ore 20.00 con armi, un cannone ad acqua e un veicolo corazzato.[80] Le tende abitative dei manifestanti bruciavano sulla piazza principale. La polizia giustificò le sue azioni affermando che stava conducendo operazioni in una campagna anti-terrorismo contro "persone che erano chiaramente armate".[102] 2 tende multimediali di SpilnoTV sono state date alle fiamme a seguito dell'attacco della polizia a Maidan.[103] Hromadske TV aveva riportato in precedenza che in serata tre veicoli blindati vennero spostati nelle strade di Kiev al calar della notte, di cui almeno uno venne fermato dai manifestanti.[80] Il leader dell'opposizione Arseniy Yatsenyuk invitò la polizia a ritirarsi a 200 metri più in alto in Institutska Street e esortò entrambe le parti a proclamare una tregua fino al mattino.[104] I manifestanti a Maidan accatastatoro pneumatici e altri detriti incendiati per creare un muro di fuoco tra loro e le forze di sicurezza.[104]

Il canale televisivo Kanal 5 venne chiuso in tutto il paese.[104][105] Rimase disponibile tramite satellite (anche se con una breve interruzione) e con un feed in diretta su YouTube.[104] Riprese il servizio dopo alcune ore.

 
L'Ufficio dei Sindacati, utilizzato come quartier generale dall'Euromaidan, in fiamme dopo l'incursione della polizia.

Alle 22:00 circa, venne riferito che la polizia aveva sfondato le barricate dei manifestanti sul lato orientale del perimetro a Maidan. Alle 23:00 gli edifici del Globus e dei Sindacati erano in fiamme. Gli attivisti spararono con due idranti.[106] La polizia tentò poi di riprendere l'edificio occupato ma non ci riuscì.[104] Verso l'1:00, l'edificio fu occupato dalle forze di polizia, e il 6º piano venne dato alle fiamme.[104] Il fuoco si diffuse al 7º piano, con persone intrappolate all'interno; i vigili del fuoco arrivarono poi per soccorrerli.[104] Quattro manifestanti vennero uccisi dalla polizia durante l'assalto al palazzo, come riportato dal giornalista S. Tsegolko via Twitter.[107] Il Comitato Nazionale di Resistenza in seguito confermò che non c'erano stati decessi dovuti al fuoco, e che l'edificio era stato evacuato.[108]

Il consigliere presidenziale Hanna Herman affermò che i negoziati tra il governo e l'opposizione sarebbero avvenuti solo una volta che la pace fosse stata ripristinata e la folla tolta dalle strade, e "definendo ulteriormente che il conflitto armato è un grande crimine contro il popolo ucraino e lo stato ucraino".[104] Il Procuratore Generale dell'Ucraina Viktor Pshonka dichiarò: "Gli organizzatori delle proteste di massa saranno ritenuti responsabili. Faremo esigere la punizione più pesante sia per chi ha spronato la gente a partecipare alle azioni di oggi sia per coloro che le hanno organizzate e controllate".[102]

Dalle 23:30, 20.000 persone erano rimaste a Maidan Nezalezhnosti.[104]

Per quanto riguarda le 21:30, le forze dell'ordine erano riuscite a cogliere parti di Maidan.[109]

Il Kyiv Post riferì anche che furono notate bande di titushky pattugliare per le strade, armate di bastoni, e che ci furono segnalazioni di sparatorie dalle bande notate. Il Kyiv Post più tardi riferì che Serhiy Morgunov, titushky dichiarato, sparò a due uomini in Velyka Zhytomyrska Street, e che uno di loro era morto.[104] I titushky erano identificati dai loro bracciali bianchi per distinguersi dai normali pedoni.[104]

Cecchini della polizia cominciarono a sparare ai politici dell'opposizione in piedi sul palco a Maidan; Oleksandr Turcynov venne apparentemente colpito e ferito.[110] In seguito riferì che credeva fosse stato colpito da schegge di granate stordenti dalla polizia.[111]

All'1:35, i lampioni vennero spenti intorno Maidan. Gli attivisti a Maidan ritennero questo un accenno all'inizio di un assalto decisivo.[112]

I leader dell'opposizione all'incontro con YanukovychModifica

Una riunione di emergenza venne annunciata alle ore 23:00 tra il presidente Yanukovich e i leader dell'opposizione.[113]

Uscendo dall'incontro con il presidente Viktor Yanukovich, il leader dell'opposizione Vitali Klitschko disse a Hromadske TV che i colloqui non avevano avuto successo. Klitschko disse che i leader dell'opposizione ascoltarono per più di un'ora le accuse di Yanukovich che erano da biasimare per i 20 morti del 18 febbraio. Il presidente ha inoltre chiesto che i manifestanti della forza di opposizione lasciassero Maidan Nezalezhnosti.[104] Riferì inoltre che Yanukovich avesse minacciato Yatsenyuk e gli altri leader dell'opposizione con azioni penali.[114]

In un messaggio alla televisione ucraina, il presidente Yanukovych si rivolse poi ai leader dell'opposizione dicendo di "separarsi dagli elementi radicali che cercano spargimento di sangue e il conflitto con le forze dell'ordine", avvertendo che se non fossero riusciti a farlo, avrebbe "parlato in modo diverso" con loro.[115] Aggiunse: "I leader dell'opposizione hanno ignorato il fondamento di base della democrazia, la linea venne attraversata quando chiamarono la gente alle armi".[115]

Il giorno successivo (20 febbraio) i partiti di opposizione (Batkivshchyna, Udar e Svoboda) rilasciarono questa dichiarazione: "Non abbiamo mai e non potremo mai chiamare la gente alle armi. Questa è la nostra posizione di principio. La morte di ogni persona è una tragedia personale per ciascuno di noi".[116] Più tardi quel giorno gli stessi tre partiti di opposizione dichiararono: "di dialogare con il regime le politiche che hanno portato alla morte di molte persone, è una cosa estremamente sgradevole ma dobbiamo fare tutto il possibile e anche l'impossibile per evitare un ulteriore spargimento di sangue".[117] Le parti hanno respinto la dissoluzione delle proteste (etichettandola come "controproducente e irrealistica") e hanno dichiarato:" Non siamo stati noi che abbiamo riunito Maidan e non è per noi disperdere le persone! Si deciderà cosa fare a seconda di quando e come le loro richieste saranno soddisfatte".[117]

19 febbraioModifica

 
Le Truppe Interne formano una falange contro i manifestanti. I poliziotti del Berkut sono in piedi dietro.

La metropolitana di Kiev venne chiusa e le strade principali bloccate dalla polizia.[118] I più grandi negozi e centri commerciali a Khreshchatyk vennero chiusi; ma secondo un corrispondente di Euronews "la vita lontano dalle barricate continua come sempre".[119] Le banche nelle vicinanze della zona di conflitto sospesero di nuovo il lavoro degli uffici.[120]

La mattina presto, i titushky spararono a due manifestanti, uccidendone uno.[121] Alle 07:20, Andriy Portnov (politico del Partito delle Regioni) durante il suo discorso sulla situazione nel paese ha chiesto ai manifestanti di andarsene.[122] Dal 19, il numero delle vittime era salito a 26 morti da entrambe le parti.[123]

Il Servizio di Sicurezza dell'Ucraina (SBU) lanciò un'operazione "anti-terrorismo", mentre i servizi di intelligence iniziarono a studiare i politici senza nome in ciò che è stato descritto come un tentativo illegale di prendere il potere.[118] La decisione di avviare le operazioni di antiterrorismo coinvolse il Servizio di Sicurezza dell'Ucraina, il Ministero dell'Interno, il Ministero della Difesa, il Servizio delle Guardie di Frontiera dello Stato d'Ucraina e il governo centrale e locale, secondo una dichiarazione pubblicata sul sito del SBU.[124] Secondo l'analista politico Taras Berezovets, il decreto significa che il SBU "può indagare, confiscare beni, trattenere i manifestanti a volontà, senza un ordine del tribunale o di altre garanzie giuridiche, e può detenere e interrogare tutti coloro che sospettano di essere terroristi. Essi possono rapirti dalla strada e metterti in carcere senza avvisare le famiglie fino a 72 ore ".[124]

 
Folla dell'Euromaidan il 19 febbraio

La mattina presto del 19 febbraio, Olena Lukash annunciò che l'opposizione aveva rifiutato di firmare una dichiarazione di disapprovazione di misure radicali. Il presidente Yanukovich chiese all'opposizione la cessione dell'occupazione degli edifici e il sequestro delle armi; l'opposizione, tuttavia, rifiutò di concederla.[125] Lo stesso giorno, il ministro della Difesa Pavlo Lebedyev riconobbe di aver inviato alcuni paracadutisti da Dnipropetrovsk a Kiev, mentre il parlamentare dell'opposizione Anatoliy Hrytsenko chiarì le informazioni che indicavano che la 25ª Brigata Aviotrasportata indipendente era stata schierata.[126] Telegrammi cifrati emessi dal recentemente nominato capo di Stato Maggiore Yuriy Ilyin vennero scoperti dove Ilyin dava ordini diretti sulla distribuzione delle unità militari.[127]

Il presidente Yanukovich dichiarò Giovedì 20 febbraio una giornata di lutto nazionale.

Un corrispondente di Euronews a Maidan Nezalezhnosti (Piazza Indipendenza) riportò che "in generale, sempre più persone stanno arrivando a Piazza Indipendenza. Stanno arrivando da tutte le parti d'Ucraina".[128] Dalle 14:50, 5.000 persone rimasero sulla piazza.[124] Settore Destro occupò l'Ufficio postale centrale di Kiev e il Comitato di Stato per la televisione e la radio, con il primo che agiva come nuovo quartier generale delle operazioni.[124][129]

 
Manifestanti bruciano pneumatici vicino al Conservatorio di Kiev per oscurare la visibilità dei cecchini.

Il presidente Yanukovich licenziò il capo dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate ucraine Volodymyr Zamana e lo sostituì con Yuriy Ilyin, che in precedenza era il comandante della Marina ucraina.[130] Il Ministero della Difesa ucraino annunciò che stava ridistribuendo le unità in tutto il paese per sorvegliare le strutture militari.[130] il direttore del SBU Oleksandr Yakymenko dichiarò che i siti erano stati attaccati in diverse regioni, e comprendevano basi militari e depositi di armi.[131]

Sacerdoti della Chiesa greco-cattolica di San Basilio a Kiev dichiararono di temere un attacco da parte di partigiani filo-governativi ("titushki"), che si stavano radunando nelle vicinanze e invitarono i manifestanti anti-governativi ad aiutarli a respingere un potenziale attacco.[104]

La Banca europea per gli investimenti congelò le attività in Ucraina,[132] affermando che "per il momento la situazione è così violenta che sarebbe politicamente un segnale sbagliato, ma anche irresponsabile nei confronti delle persone a cui abbiamo chiesto di fare il lavoro, di essere attivi per affari in Ucraina".[133]

A seguito di un incontro tra l'amministrazione e il leader dell'opposizione a tarda notte, entrambe le parti hanno dichiarato una tregua e l'avvio dei negoziati.[124][134] Il presidente Yanukovich rilasciò una dichiarazione in cui disse di aver accettato di "avviare negoziati con l'obiettivo di porre fine allo spargimento di sangue, e stabilizzare la situazione nello stato nell'interesse della pace sociale".[134] Secondo il politico dell'opposizione Arseniy Yatsenyuk la tregua includeva un impegno del presidente Yanukovich a non lanciare un assalto della polizia quella notte.[134] Settore Destro non era d'accordo con la tregua.[135] Un corrispondente di Euronews a Maidan Nezalezhnosti riferì che la sera del 19 febbraio ci fossero più persone a Maidan Nezalezhnosti che il giorno precedente; aggiungendo: "In generale, tutto ciò che ho sentito dalla gente è che più vengono attaccati e peggio vengono picchiati, più sono determinati a restare indietro e a riprendere la lotta".[136]

20 FebbraioModifica

 
Cecchini della polizia
 
Manifestante mascherato con un fucile ad aria compressa

A 00:35 Interfax riferì un comunicato in cui il presidente Yanukovich aveva dichiarato il 20 febbraio un giorno di lutto per i morti negli scontri.[137]

Intorno alle 03:50 sul palco principale, gli attivisti affermarono di aver strappato dalla spalla di un soldato una toppa del Ministero degli Interni russo (MVD) durante gli scontri, brandendo la toppa come presunta prova del coinvolgimento russo.[138] Intorno alle 04:15 a Maidan continuarono a farsi sentire gli spari, nonostante il cessate il fuoco concordato.[139] Alle 04:20 circa cinque autobus che trasportavano i manifestanti da Ivano-Frankivsk arrivarono a Maidan.[140]

Intorno alle 07:00 una colonna di camion con soldati della 25ª Brigata Aviotrasportata ebbe un incidente stradale.[141] Sulla base delle informazioni di Anatoliy Hrytsenko la colonna si muoveva verso Kyiv.[141] Ufficialmente, i soldati stavano tornando alla loro base a Hvardiyske, Novomoskovsk Raion, al ritorno da una esercitazione militare in Crimea.[141] L'incidente è avvenuto a un chilometro di distanza dalla città di Melioratyvne, Novomoskovsk Raion.[141] Tre soldati sono morti e altri nove sono rimasti feriti.[141] Nello stesso comune (Melioratyvne) presso la stazione ferroviaria Orlivshchyna 40 persone stavano bloccando i binari della ferrovia per evitare il trasporto in treno dei soldati e dell'equipaggiamento militare della 25ª Brigata Aviotrasportata.[142]

Entrambe le parti s'incolparono a vicenda per accendere il conflitto mortale il 20 febbraio.[143] L'ex Responsabile della Sicurezza dello Stato dell'Ucraina Oleksandr Yakymenko incolpò l'attuale governo Euromaidan dell'Ucraina, sostenendo che erano responsabili per l'assunzione dei cecchini il 20 febbraio, fornendo un resoconto dettagliato degli eventi e l'ostruzione dell'intervento della sicurezza.[144] Una dichiarazione da parte dell'Amministrazione del Presidente della Repubblica dell'Ucraina dichiarò che i manifestanti erano andati all'attacco: "Stanno lavorando in gruppi organizzati. Stanno usando armi da fuoco, tra cui fucili da cecchino. Essi sparano per uccidere", disse.[145] Più tardi venne confermato dai video.[146] I manifestanti accusarono la polizia di iniziare il conflitto lanciando bottiglie molotov e ordigni esplosivi improvvisati contro di loro.[143] Il politico dell'opposizione Vitali Klitschko emise un dichiarazione dicendo: "Teppisti armati sono stati lasciati liberi per le strade per attaccare le persone e creare l'illusione che ci sia uno scontro tra i cittadini".[145] Alle 09:25 i manifestanti spinsero il Berkut a tornare al Palazzo d'Ottobre[147] dopo che le forze di sicurezza avevano tentato di dare fuoco al Conservatorio di Kiev che veniva usato come ospedale da campo per i manifestanti feriti.[148] Alle 9:32 venne annunciato che il parlamento non sarebbe stato convocato.[147] Alle 09:39 la giornalista di Ukrayinska Pravda Oksana Denysova riferì che il Berkut si stava muovendo dal parlamento verso Arsenalna, mentre i soldati delle Truppe Interne e i titushky erano stati lasciati intorno al parlamento mentre il personale del parlamento veniva evacuato.[147] Le forze dell'ordine e i titushky furono visti entrambi indossare bracciali gialli, presumibilmente per l'identificazione reciproca.[149] I manifestanti affermarono di aver visto cecchini su via Instytutska aprire il fuoco sugli attivisti più radicali.[150] Secondo il personale medico dell'ospedale improvvisato i cecchini sparavano dall'hotel Ukrayina "direttamente al cuore, a volte attraverso la schiena, a volte in fronte. E alcuni di loro sono stati uccisi nelle arterie coronarie".[151]

 
Manifestante mascherato con un fucile ad aria compressa

I manifestanti dell'Euromaidan marciarono sulla polizia con scudi e molotov, e li costrinsero a ritirarsi, riuscendo a cogliere il controllo di Maidan Nezalezhnosti (Piazza Indipendenza) e catturando fino a 67 poliziotti.[152][153] Verso le 10:30 l'autodifesa di Maidan scoprì alcuni cecchini nella zona dell'Hotel Ukrayina.[154] Più tardi (10 aprile 2014) la commissione parlamentare d'inchiesta temporanea sugli eventi a Maidan confermerà l'esistenza di cecchini che si trovavano presso il palazzo del Governo (Budynok Uryadu).[155] Alle 10:49 circa, personale delle forze dell'ordine venne catturato mentre dormiva nella Casa ucraina e durante gli scontri alle barricate vicino al Palazzo d'Ottobre.[152] Molti degli uomini avevano solo 18 o 19 anni, non erano stati addestrati ed erano armati solo con manganelli di gomma, e quelli con lesioni non gravi vennero curati dai medici.[152] I poliziotti catturati venivano dalla Crimea, dalle città centro-orientali di Dnipropetrovsk e Kryvyi Rih e dalla città orientale di Luhansk.[143] I soldati delle Truppe Interne, di cui quasi 100 si arresero durante gli scontri (per lo più coscritti di età compresa tra i 19 e i 20 anni)[156]),[157] vennero fatti prigionieri presso la sede della Società dell'energia dell'Ucraina e al Palazzo di ottobre.[152] Alle ore 10:00 erano rimasti tra 10.000 e 20.000 manifestanti secondo il Kyiv Post.[152] Secondo un corrispondente dell'UNIAN c'erano più di 30 mila persone a Maidan Nezalezhnosti.[158] Alle 10:55 il capo dell'Amministrazione presidenziale Andriy Klyuev annunciò che il presidente era pronto a firmare un trattato costituzionale con l'opposizione per discutere le modifiche richieste alla Costituzione dell'Ucraina e che gli eventi in corso a Kiev dovevano calmare alcuni politici per trovare un consenso rapido.[159]

I treni tra Kiev e Lviv, una delle roccaforti dei manifestanti, vennero sospesi temporaneamente, affermando un portavoce della ferrovia che questo era successo a causa dei danni alle linee.[160] A causa dei lavori di riparazione i treni che andavano a Kiev sarebbero arrivati con un ritardo fino a dieci ore;i treni in partenza da Kiev corsero secondo l'orario previsto.[161] Casualmente ci furono segnalazioni che le armi erano state sequestrati da un arsenale del Ministero dell'Interno a Lviv e trasportati alla periferia di Kiev.[162]

Il Capo dell'Amministrazione Statale della Città di Kiev Volodymyr Makeyenko si dimise dal Partito delle Regioni, ma dichiarò che avrebbe continuato a svolgere la sua funzione di garantire che la città funzionasse correttamente.[145] Egli allora ordinò la riapertura della metropolitana di Kiev.[145] Entro le 15:00 la metropolitana di Kiev non era ancora funzionante e il trasporto sotterraneo della città era raro.[163] La metropolitana fu parzialmente riaperta in prima serata, mentre le stazioni di interscambio rimasero chiuse.[164]

L'Ambasciata del Regno Unito in città venne temporaneamente chiusa a causa della situazione in atto nel paese.[165]

Radio Liberty riprese un video pubblicato delle forze speciali di polizia che sparavano sui manifestanti con kalašnikov e fucili di precisione.[166] Il Ministro dell'Interno Vitaliy Zakharchenko annunciò che le armi da combattimento erano state fornite alla polizia, affermando: "Abbiamo firmato gli ordini rilevanti come parte del lavoro del Centro antiterrorismo: i funzionari di polizia sono stati forniti con armi da combattimento, che saranno utilizzate in conformità con la legge sulla polizia".[167] Il sito web del suo ministero disse che la polizia antisommossa aveva il diritto di usare le loro armi per liberare gli ostaggi trattenuti dai manifestanti.[168] Il ministero ha inoltre affermato che un cecchino aveva ferito 20 dei suoi agenti di polizia.[168]

A Donetsk, vennero eretti cartelloni di annunci pubblici, mostrando il Berkut giustapposto con immagini di bambini, promuovendo il Berkut come difensore della pace.[169]

Interfax-Ucraina riferì che alle 15:00 "un gruppo di individui sconosciuti" si era diretto all'Amministrazione del Palazzo Presidenziale.[170] "Spari ed esplosioni possono essere ascoltati", secondo il corrispondente Interfax-Ucraina.[170] La forza di autodifesa Euromaidan aveva più volte chiesto dal palco a Maidan Nezalezhnosti di non andare al di fuori del perimetro della piazza.[170]

Secondo alcune fonti, un calciatore della Dynamo Kyiv Vladyslav Kalitvintsev venne attaccato dai titushky e aveva la mascella rotta.[171] Kalitivintsev non era nella rosa per la partita con il Valencia e soggiornò a Kiev.[171]

Sforzi diplomaticiModifica

Gli scontri sopra citati scoppiarono poco prima delle tre visite dei ministri degli Esteri UE, Radosław Sikorski della Polonia, Laurent Fabius della Francia e Frank-Walter Steinmeier della Germania, che dovevano incontrare il presidente Yanukovych per spingere ad un compromesso con l'opposizione ucraina.[172][173] La riunione venne rinviata per motivi di sicurezza e iniziò in ritardo di un'ora.[172] Prima della riunione Fabius disse in un'intervista a BFM TV: "Il nostro scopo è quello di provocare l'amministrazione ucraina a condurre le elezioni. non c'è altra soluzione che le elezioni".[174] I negoziati del 20 febbraio durarono per sei ore.[175] Il primo ministro polacco Donald Tusk disse ai giornalisti subito dopo: "Abbiamo concordato con Yanukovich che c'era la volontà di indire elezioni anticipate quest'anno, sia presidenziali che parlamentari." Tusk disse anche che Yanukovich "è disposto a formare un governo di unità nazionale nei prossimi 10 giorni e cambiare la Costituzione prima dell'estate." Ulteriori colloqui vennero programmati al fine di negoziare la firma del documento in questione.[176][177]

Gli Stati Uniti imposero divieti di visto su 20 funzionari del governo ucraino considerandolo "responsabile per l'ordinazione di abusi dei diritti umani relativi all'oppressione politica".[172]

Dopo una conversazione telefonica tra il presidente russo Vladimir Putin e Yanukovich, il Mediatore russo per i diritti umani Vladimir Lukin venne inviato come un delegato in Ucraina per cercare di mediare i colloqui tra il governo e l'opposizione su richiesta del presidente Yanukovych.[172]

L'Unione europea introdusse il 20 febbraio il divieto di visto e il congelamento delle attività finanziarie nei confronti dei responsabili per l'applicazione della violenza in Ucraina, e il divieto di esportazione verso l'Ucraina di attrezzature che potessero essere utilizzate per la repressione. "Sarà presa la scala di attuazione in avanti alla luce degli sviluppi in Ucraina," si legge sulle conclusioni del Consiglio dell'Unione europea.[178][179][180] "Verrà eseguita la scala di attuazione in avanti alla luce degli sviluppi in Ucraina", si legge nelle conclusioni del Consiglio UE.[181]

Sviluppi politici ucrainiModifica

Il leader del Partito delle Regioni, Oleksandr Yefremov, si recò a Luhansk per incontrare i dirigenti locali e gli agenti delle forze dell'ordine per discutere la possibilità della dichiarazione dell'indipendenza e della secessione dallo stato dell'Ucraina sud-orientale.[182] A Luhansk il Governatore dell'Oblast di Luhansk Valeriy Holenko ha detto: "Crediamo che l'Ucraina debba diventare una federazione che garantisca la sicurezza delle persone. Nessuno deve insegnarci come vivere, ad amare la nostra patria o quali interessi politici difendiamo".[183][184] Il presidente del Consiglio Supremo di Crimea Vladimir Konstantinov si recò a Mosca, dove annunciò che la Repubblica autonoma di Crimea si sarebbe scissa dall'Ucraina se ci fosse stato un cambio di potere.[185][186]

Il parlamentare del Partito delle Regioni Sergiy Tigipko chiese le dimissioni del presidente del Parlamento Volodymyr Rybak (per essere sostituito da un parlamentare di opposizione) e l'elezione urgente di un primo ministro supportato da tutte le fazioni. Secondo Tigipko "Il presidente, il presidente del parlamento, l'attuale primo ministro e il leader dell'opposizione hanno completamente perso il controllo della situazione nel paese e non offrono alcuna soluzione per pacificare il paese. La loro inazione sta portando a un maggiore confronto e ad ulteriori morti.[187] [Sono necessari 192 passi concreti] immediati, piuttosto che i negoziati, per risolvere la crisi nel Paese".[187] In serata Tigipko tenne colloqui con i politici dell'opposizione Arseniy Yatsenyuk e Vitali Klitschko.[188]

Il Capo dell'Amministrazione Statale della Città di Kiev Volodymyr Makeyenko e 17 parlamentari si dimisero dal Partito delle Regioni.[189] A Rivne e a Zhytomyr, il Partito delle Regioni venne formalmente sciolto, con tutti i parlamentari provenienti da queste regioni che lasciarono il partito.[190]

Dieci parlamentari del Partito delle Regioni e due indipendenti. I deputati del Partito delle Regioni erano Andriy Derkach, Volodymyr Zubyk, Hryhoriy Smitiukh, Oleksandr Kuzmuk, Volodymyr Pekhov, Volodymyr Prodyvus, Volodymyr Struk, Mykola Soroka, Viktor Bondar, Viktor Tykhonov, e i due legislatori indipendenti erano Oleksandr Tabalov e Andriy Tabalov .[191] chiamato per il ritorno alla forma parlamentare-presidenziale del governo.[191] Il 4 febbraio 2014 l'opposizione aveva invano tentato di far passare l'amnistia incondizionata per tutti i manifestanti detenuti, e il ritorno alla Costituzione come era tra il 2004 e il 2010, nella Verkhovna Rada (il parlamento ucraino).[senza fonte] chiesero il ritorno alla forma parlamentare-presidenziale del governo. Chiamarono fuor anche le forze di sicurezza per "eseguire il giuramento dinnanzi al popolo ucraino, non seguire gli ordini criminali di usare armi da fuoco, non consentire la partecipazione delle forze dell'ordine in provocazioni che coinvolgano bande contro la quiete pubblica e manifestanti in tutta l'Ucraina".[191]

Alle 16:42 ci fu una seduta d'emergenza del parlamento ucraino.[192] Il Partito delle Regioni non prese parte a questa sessione.[193] Secondo un corrispondente dell'UNIAN, 227 deputati (su un totale di 450), per lo più dalla parte dell'opposizione e alcuni rappresentanti del Partito delle Regioni, erano presenti alla seduta.[194] 236 deputati su 238 presenti votarono (prima lettura) per condannare la recente violenza, vietare l'uso di armi contro i manifestanti, ritirare le truppe e la polizia schierate contro loro.[195][196] La fazione parlamentare del Partito Comunista d'Ucraina in tutta la sua composizione e circa l'80% dei rappresentati del Partito delle Regioni scelsero di lasciare la sessione.[197] I legislatori vietarono ai capi e ai comandanti delle Truppe Interne e delle Forze Armate dell'Ucraina, della SBU e di altre agenzie governative dall'effettuare qualsiasi operazione antiterrorismo, in quanto in contrasto con la Costituzione dell'Ucraina.[198] Venne anche ordinato di smettere di bloccare strade e ponti, piazze e strade di Kiev e in altre città.[198] La dozzina di parlamentari del Partito delle regioni presenti, propose all'udienza di accettare la formazione di un "gruppo anti-crisi".[199]

A tarda sera venne annunciato che altri cinque deputati avevano lasciato il gruppo parlamentare del Partito delle Regioni.[200]

Il Parlamento di Crimea chiese una sessione straordinaria il 21 febbraio. Il leader dei Mejlis del popolo dei tartari di Crimea disse che sospettava che la sessione potesse chiedere l'intervento militare russo, affermando "Domani potrebbe essere una decisione che porterà il caos e il disastro in Crimea".[201] Diversi studiosi in particolare discussero la possibilità di un intervento russo militare in Crimea, a causa della sua natura geopolitica unica e della sua demografia.[202]

21 FebbraioModifica

 
La folla dell'Euromaidan il 21 febbraio

Il Vice Capo di Stato Maggiore tenente generale Yuri Dumansky scrisse una lettera di dimissioni dalle Forze Armate a causa di un disaccordo sulla partecipazione dell'esercito nel conflitto.[203] "Oggi l'esercito è coinvolto in una fase di conflitto civile, che potrebbe portare a morti di massa di civili e soldati", ha detto.[204] Verso mezzanotte, il giornalista Artem Shevchenko, riferendosi alle sue fonti nello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate dell'Ucraina, ha annunciato che 10 BTR erano partiti dalla Baia di Kozachia (Cosacco) (dove ha la base la Flotta del Mar Nero della Russia), scortati da veicoli DAI (Auto d'Ispezione stradale).[205] Secondo il giornalista, 1.500 paracadutisti e 400 marines, tra cui la 25ª Brigata Aviotrasportata, la 1ª Brigata di Marina, la 831a Unità Anti-sabotaggio e il 2° Spetsnatz di Marina, vennero trasferiti il 20 febbraio sotto il comando della SBU per l'operazione antiterrorismo in corso.[206]

Nel periodo precedente alla sessione parlamentare del giorno, venne riferito che molti membri del Partito delle Regioni e delle loro famiglie avevano abbandonato la capitale,[207] tra cui il Ministro dell'Interno in carica Zakharchenko e il Procuratore Generale Viktor Pshonka.[208]

Più tardi, gli attivisti Maidan rilasciarono i militari delle Truppe Interne che avevano catturato il giorno precedente.[156] Nel frattempo l'intera forza di polizia del Radekhiv si unì ai manifestanti di Kiev.[209]

Il Servizio di Sicurezza dell'Ucraina concluse ufficialmente la sua "preparazione all'operazione antiterrorismo che è stato introdotta il 19 febbraio di quest'anno".[210]

L'accordoModifica

Un accordo di compromesso venne concordato (dopo ore di negoziati condotti dai mediatori dell'Unione europea e dai Ministri degli Esteri Radosław Sikorski della Polonia, Laurent Fabius della Francia e Frank-Walter Steinmeier della Germania[211][212]) e firmato da entrambi i leader dell'opposizione e dal presidente dopo una trattativa notturna. L'accordo ha accettato di: restaurare la Costituzione come fu tra il 2004 e il 2010; completare la riforma costituzionale entro settembre; indire elezioni presidenziali anticipate entro dicembre 2014; indagare sulla violenza condotta sotto il controllo congiunto delle autorità, l'opposizione, e il Consiglio d'Europa; imporre lo stato di emergenza; amnistiare i manifestanti arrestati dal 17 Febbraio; lasciare gli edifici pubblici occupati dai manifestanti; confiscare le armi illegali; "nuove leggi elettorali" per essere eletti e la formazione di una nuova Commissione elettorale centrale[213][214]. I tre ministri degli esteri dell'Unione europea firmarono il documento come testimoni[215]; il mediatore russo Vladimir Lukin non firmò l'accordo, dato che non aveva il mandato per firmare un accordo sulla crisi.[216][217]

Il Parlamento votò all'unanimità, 386-0, per tornare alla Costituzione del 2004, e poi 332-0 in un voto per sospendere il Ministro degli Interni in carica Vitaliy Zakharchenko.[204] Un altro disegno di legge apportò modifiche al codice penale, consentendo la liberazione di Yulia Tymoshenko.[218] 310 parlamentari votarono a favore del provvedimento, tra cui 54 dal Partito delle Regioni e 32 comunisti.[219][220] Una proposta di legge venne introdotta in parlamento sull'accusa al presidente Yanukovych, presentata da Mykola Rudkovsky.[221]

Conseguenze dell'accordoModifica

 
Un attivista di Settore Destro di fronte ad una bandiera del Movimento Democratico Bielorusso.

In risposta all'accordo, il leader di Settore Destro Dmytro Yarosh lo respinse, affermando: "Dobbiamo affermare il fatto evidente che il regime criminale non si fosse ancora reso conto della gravità del male delle sue azioni", e disse che l'accordo non era riuscito ad affrontare l'arresto del Ministro dell'Interno Vitaliy Zakharchenko, l'asserzione del comandante del Berkut di essere stato coinvolto nell'omicidio di civili, la rimozione del procuratore generale e del Ministro della Difesa, il divieto del Partito delle Regioni e del Partito comunista, e le garanzie di sicurezza per coloro che sono coinvolti nell'opposizione. Ha invocato 'la rivoluzione del popolo' a continuare finché non ci sarà una rimozione completa di potere da parte delle autorità.[204] Il capo dell'Euromaidan Andriy Parubiy insistette sul fatto che le elezioni si tenessero al più presto possibile, e ribadì che una delle principali richieste dei manifestanti erano le dimissioni del presidente Yanukovych.[222] Anche Automaidan annunciò che non avrebbe accettato niente al di fuori delle dimissioni di Yanukovich.[223]

Vitali Klitschko si scusò con la folla di Maidan se avesse offeso qualcuno nello stringere la mano a Yanukovich.[224] Gli attivisti a Maidan risposero lanciando fischi ai leader dell'opposizione. L'attivista Volodymyr Parasiuk avvertì dal palco che se Yanukovich non si fosse dimesso entro le ore 10:00 del giorno successivo, un colpo di stato armato sarebbe stato messo in atto.[225] Dal palco di Maidan Oleh Lyashko espresse il suo sostegno alla richiesta di dimissioni di Yanukovich dalle 10:00, "O si dimette, o lo portiamo via." disse Lyashko a Maidan. Al di fuori di Kiev, si scoprì poi che la casa estiva del politico filo-russo Viktor Medvedchuk era stata data alle fiamme.[226]

Nel tardo pomeriggio, centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa a guardia del complesso presidenziale ed edifici governativi circostanti erano svaniti. Il Ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski descrisse il ritiro delle forze come "stupefacente", notando che non era parte dell'accordo.[227] Il ritiro in sé fu una reazione alle chiamate in molte regioni del paese delle polizia di essere richiamato nelle loro città durante l'occupazione a livello nazionale degli edifici governativi. Successivamente, Andriy Parubiy segnalò che l'autodifesa dell'Euromaidan aveva pacificamente acquisito il controllo su Kiev e sui suoi edifici governativi,[228] e che l'esercito era inattivo con l'opposizione.[229]

Portando alla creazione di una nuova coalizione parlamentare, 28 deputati lasciarono il Partito delle Regioni.[230] All'interno della fazione rimase un "gruppo di 31 deputati, con una posizione speciale" formato da Sergiy Tigipko "destinato a convincere ai parlamentari del Partito delle Regioni di votare progressivamente".[231]

VittimeModifica

 
Memoriale a Kiev

I rappresentanti dell'opposizione hanno dichiarato che gli ospedali di Kiev traboccavano di persone ferite.[104] Dopo il primo giorno di scontri, vennero annunciati 26 morti, di cui 16 manifestanti e 10 poliziotti. Quelli ricoverati includevano tre minorenni, cinque giornalisti e 79 poliziotti.[12] Secondo Olga Bogomolets (stimata Dottoressa in Ucraina), "i cecchini miravano al cuore, ai polmoni e al collo".[232]

MortiModifica

Dal 18 al 19 febbraio, il numero ufficiale secondo il Ministero della Sanità è stato di 28 morti, 10 dei quali erano della polizia e delle truppe Berkut.[233]

Entro le ore 13:00 del 20 febbraio almeno 34 manifestanti erano stati uccisi dalla polizia, con i giornalisti a verificare i corpi (15 presso l'hotel Kozatsky, 12 presso l'Ucraina Hotel, 7 presso la Posta Centrale).[152] Nel primo pomeriggio i giornalisti del Kyiv post riferirono di altri otto corpi per le strade di Khreshchatyk Street, oltre al numero delle vittime precedente.[152] Secondo il coordinatore di servizi medici a Maidan, Oleh Musiy, dalle 17:30 del 20 febbraio 70 manifestanti erano stati uccisi, ma la cifra potrebbe essere più alta arrivando a 100.[234] Nel frattempo,l'Amministrazione Statale della Città di Kiev ha riferito di 67 morti, in base al numero dei corpi consegnati alla medicina legale.[235] Il Ministero della Sanità ha riferito di 75 morti in totale dall'inizio del conflitto.[8]

Speculazione sui cecchiniModifica

L'IBTimes ha riferito di una telefonata intercettata tra il ministro degli Esteri estone, Urmas Paet e l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e per la Sicurezza Catherine Ashton: Paet trasmise la testimonianza di un medico di nome Olga che diceva che gli omicidi dei cecchini durante le proteste erano stati commessi dalle stesse persone.[236]

Paet poi affermò che non stava implicando il coinvolgimento dell'opposizione in questione, ma semplicemente una trasmissione senza veridicità di contenuto nella telefonata di Olga.[237] Olga Bogomolets, il medico, avrebbe sostenuto che i dimostranti e le truppe Berkut arrivarono sotto il fuoco dalla stessa parte, disse che non aveva detto al signor Paet che i poliziotti e i manifestanti sono stati uccisi nello stesso modo, che lei non implica che l'opposizione fosse implicato negli omicidi e che il governo le ha comunicato che l'indagine era stata avviata.[238]

Hennadiy Moskal, ex vice capo della principale agenzia di sicurezza dell'Ucraina, la SBU, e del Ministero degli Interni, suggerì in un'intervista pubblicata sul quotidiano ucraino Dzerkalo Tizhnya che cecchini dalla MIA e della SBU erano responsabili per gli spari, non agenti stranieri, agendo su piani di emergenza risalenti al periodo sovietico, affermando:[239][240]

"Oltre a questo, i cecchini hanno ricevuto l'ordine di sparare non solo sui manifestanti, ma anche sulle forze di polizia. Tutto questo è stato fatto al fine di intensificare il conflitto, al fine di giustificare l'operazione di polizia per cancellare Maidan."

Egli ha inoltre suggerito che l'attuale ministro degli Affari Interni, Avakov, e il presidente della SBU, Nalivaichenko, anche se non erano responsabili per le uccisioni, coprivano e proteggevano il personale che in realtà aveva pianificato ed eseguito l'operazione, al fine di impedire una reazione contro il ministero e per evitare la perdita di prestigio.[240] Il ministro dell'Interno Avakov dichiarò che il conflitto è stato provocato da un terzi 'non-ucraini', e che un'indagine era in corso.[72]

Il 31 marzo 2014, il Daily Beast ha pubblicato foto e video che mostrano che i cecchini erano membri dell'unità "anti-terrorismo" Gruppo Alpha dell'Agenzia di Sicurezza dell'Ucraina (SBU), che era stata addestrata in Russia. I media hanno suggerito che non era la polizia antisommossa ucraina che aveva sparato sui manifestanti, come precedentemente creduto, anche se i membri del Gruppo Alpha sono cittadini ucraini.[241][242]

ConseguenzeModifica

Rimozione di YanukovychModifica

Il 21 febbraio il presidente Yanukovych e il Parlamento dichiararono il 22 e 23 febbraio nuovi giorni di lutto "per la perdita di vite umane a causa dei disordini di massa".[243]

In Parlamento, il presidente Volodymyr Rybak presentò le sue dimissioni, citando una presunta malattia.[244] La posizione di Yanukovich era sconosciuta, nonostante avesse detto ai media di aver volato a Kharkiv. Oleksandr Turcynov dichiarò che in realtà la maggior parte dei ministri erano scomparsi, così come il Ministro degli Interni Vitaly Zakharchenko (che è stato segnalato essere fuggito in Bielorussia[245]) e il presidente Viktor Yanukovich, "L'unico corpo legittimo rimasto è la Verkhovna Rada - così noi siamo qui per votare oggi. I compiti principali di oggi sono: votare per il nuovo presidente, il nuovo primo ministro e il nuovo Ministro degli Interni".[204] Nella Verkhovna Rada, 328 deputati hanno votato contro 0 (dei 447 deputati) per impostare la data delle elezioni presidenziali al 25 maggio.[54][246][247] L'azione non ha seguito il processo di impeachment come specificato dalla Costituzione dell'Ucraina (che avrebbe comportato formalmente la carica del presidente come un crimine, una revisione della carica da parte della Corte costituzionale dell'Ucraina, e un voto a maggioranza di tre quarti - cioè almeno 338 voti favorevoli - della Rada); invece, la Verkhovna Rada ha dichiarato che Yanukovich "si è ritirato dalle sue funzioni in maniera incostituzionale" e ha citato "circostanze di estrema urgenza", come motivo per le elezioni anticipate.[248] Oleksandr Turcynov è stato poi votato dal Parlamento Presidente del Parlamento ucraino e Presidente e Primo Ministro dell'Ucraina in carica.[249][250][251]

Turcynov ha sostenuto che Viktor Yanukovich aveva accettato di dimettersi da presidente, ma dopo aver consultato i consiglieri, ha sconfessato la decisione e ha pre-registrato anche una dichiarazione delle dimissioni.[204] Yanukovich disse che non avrebbe dato le dimissioni o lasciato il paese, e chiamò le decisioni del Parlamento "illegali "e che "gli eventi testimoniati dal nostro paese e il mondo intero sono un esempio di un colpo di Stato", confrontandolo con l'ascesa dei nazisti al potere in Germania nel 1930.[252]

L'ufficio del partito comunista a Kiev venne saccheggiato da ignoti uomini mascherati armati di manganelli.[253]

Scomparsa ed azione penaleModifica

Seguendo le procedure parlamentari di trasferimento di potere al nuovo governo provvisorio, il Procuratore Generale Viktor Pshonka e il Ministro delle Finanze Oleksandr Klymenko vennero fermati al confine con la Russia mentre cercavano di fuggire dal paese. Secondo il servizio nazionale di frontiera, anche Viktor Yanukovych cercò di fuggire con un volo charter a Donetsk, ma venne fermato dalle guardie di frontiera. Gli agenti di frontiera furono "accolti da un gruppo di uomini armati che offrirono soldi per volare senza la corretta autorizzazione". Yanukovych poi se ne andò con un'auto blindata, la sua posizione sconosciuta.[254] Anche l'ex ministro dell'Interno Zakharchenko tentò di volare fuori da Donetsk e gli venne negato l'accesso per ragioni analoghe.[255]

Il 23 febbraio il vicepresidente della Rada Oleh Lyashko affermò che l'ex presidente Yanukovich era stato visto alla base navale russa di Sebastopoli, dove si stava preparando a lasciare il paese a bordo di una nave militare russa.[256] La giornalista Tetyana Chornovol intanto ipotizzò che stava tentando di fuggire in mare sul suo yacht privato, anch'esso a Sebastopoli.[257]

Il 24 febbraio, in qualità di Ministro degli Interni ucraino, Arsen Avakov dichiarò che Yanukovych era stato messo sulla lista dei ricercati e che "un procedimento penale per le uccisioni di massa di civili è stato aperto" sia per lui sia per altri funzionari.[258][259]

Il 25 febbraio il Parlamento ha chiesto alla Corte Penale Internazionale di "stabilire e portare davanti alla giustizia" alti funzionari ucraini, tra cui Yanukovych, per crimini contro l'umanità nel periodo tra il 21 novembre 2013 e il 22 febbraio 2014 durante le "proteste pacifiche dei cittadini".[260]

Il 25 febbraio Yanukovych e l'ex ministro degli Interni Zakharchenko sono state dichiarati ricercati internazionali.[261] Anche i procedimenti penali del 20 febbraio per gli omicidi dei manifestanti dell'Euromaidan sono stati avviati; Yanukovych, l'ex capo dell'amministrazione presidenziale Andriy Kliuyev, l'ex procuratore generale Viktor Pshonka, l'ex Ministro degli Interni Vitaliy Zakharchenko, l'ex capo del servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU) Oleksandr Yakymenko, il comandante delle Truppe Interne del Ministero dell'Interno ucraino Stanislav Shuliak, e molti altri sono stati dichiarati sospetti nel caso.[262]

Sviluppi politiciModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Yatsenyuk.

Il 22 febbraio Yulia Tymoshenko venne rilasciata dal carcere e incontrò la folla a Maidan, che aveva più di 100.000 partecipanti.[263] Lo stesso giorno il parlamento elesse Arsen Avakov come Ministro degli Interni in carica.[264] Il Parlamento spodestò anche Viktor Pshonka come procuratore generale dell'Ucraina in un voto di sfiducia.[265]

Il 23 febbraio, secondo giorno di lutto nazionale, la Verkhovna Rada votò per abolire la legge sulle politiche linguistiche che avevano dato alle lingue russa, rumena e ungherese in alcune zone lo status ufficiale di lingue regionali.[3][266] Tuttavia, questo atto è stato poi vietato dal presidente in carica, il quale ha affermato che non firmerà il disegno di legge fino a che non venga sviluppata una nuova legislazione che tuteli le lingue minoritarie.[4] Lo stesso giorno la Verkhovna Rada ha licenziato il Ministro degli Esteri Leonid Kozhara, il Ministro della Salute Raisa Bogatyrova e il Ministro dell'Istruzione Dmytro Tabachnyk e nazionalizzato la tenuta privata di Yanukovych di Mezhyhirya.[3][267] I mandati sono stati emessi per l'ex Ministro delle Finanze Oleksandr Klymenko e per l'ex procuratore generale Pshonka.[3] La Verkhovna Rada inoltre ha approvato emendamenti che riprendono il potere di nominare e destituire giudici, che in precedenza era appartenuto al Consiglio Supremo di Giustizia.[268]

Il 24 febbraio, la Verkhovna Rada ha dimesso il Ministro delle Politiche Sociali Natalia Korolevska e il Ministro della Cultura Leonid Novokhatko;[269] e ha dimesso Ihor Sorkin come governatore della Banca Nazionale d'Ucraina, sostituendolo con Stepan Kubiv.[270][271] Lo stesso giorno la Verkhovna Rada ha nominato Valentyn Nalyvaichenko (UDAR), capo del Servizio di Sicurezza dell'Ucraina dopo aver dimesso Oleksandr Yakymenko da questa carica.[272] Anche in questo giorno il leader del Partito delle Regioni Oleksandr Yefremov ha dichiarato che il partito si stava muovendo in opposizione.[273] 77 dei suoi parlamentari avevano lasciato la sua fazione nel corso degli ultimi giorni.[273]

Il 25 febbraio (Martedì) il Presidente in carica Turcynov ha annunciato "Sto istruendo la formazione di un governo di unità nazionale, per Giovedi".[274] (Il 23 febbraio aveva chiesto la formazione di un tale governo entro il 25 febbraio.[275]) Inoltre in questo giorno Anatoliy Kinakh e altri 32, per lo più ex-deputati del Partito delle Regioni, crearono il Gruppo Parlamentare per lo Sviluppo Economico.[276][277]

Il 26 febbraio il presidente in carica Turcynov ha assunto le funzioni di supremo comandante in capo delle Forze Armate ucraine.[278][279]

Sviluppi giuridiciModifica

Il 24 febbraio, la Verkhovna Rada ha inoltre deciso di rilasciare tutti i prigionieri politici, inclusi padre e figlio Pavlichenko del procedimento penale Pavlichenko.[280] E terminò i poteri di cinque giudici della Corte Costituzionale dell'Ucraina nominati dalla quota del Parlamento, per violazione del loro giuramento.[281] La Verkhovna Rada offrì anche al presidente ad interim dell'Ucraina di licenziare, per aver infranto il giuramento, due giudici della Corte costituzionale dell'Ucraina che erano stati nominati dal Presidente dell'Ucraina, e il Consiglio dei Giudici e di convocare, entro tre giorni, un Congresso straordinario dei Giudici di Ucraina al fine di considerare il licenziamento, per aver infranto il giuramento, di cinque giudici della Corte costituzionale dell'Ucraina che erano stati nominati dal Congresso dei Giudici di Ucraina. Inoltre, nella risoluzione sopra la Verkhovna Rada dell'Ucraina assegnò al procuratore generale dell'Ucraina l'incarico di avviare un procedimento penale contro tutti i giudici, i quali, secondo il parere dei deputati del popolo dell'Ucraina erano colpevoli di adozione di una decisione della Corte Costituzionale dell'Ucraina № 20-rp / 2010 del 30 settembre 2010 (caso sul rispetto della procedura di introdurre emendamenti alla Costituzione dell'Ucraina). Il 27 febbraio 2014 i giudici della Corte costituzionale hanno inviato alle organizzazioni europee e internazionali e alle istituzioni per i diritti umani, una mozione di protesta contro la decisione approvata dal Parlamento.[282]

Il 25 febbraio il Parlamento chiese alla Corte Penale Internazionale di "stabilire e portare davanti alla giustizia" alti funzionari ucraini, tra cui Yanukovych, per crimini contro l'umanità tra il 21 novembre 2013 e il 22 febbraio 2014 durante le "proteste pacifiche dei cittadini".[260]

Il 27 febbraio Viktor Yanukovych è stato accusato di aver rubato 70 miliardi di dollari dal bilancio dello Stato.[283]

Bando dei mediaModifica

Il Consiglio nazionale ucraino per la TV e le Emittenti Radio istruì tutti gli operatori via cavo l'11 marzo di interrompere la trasmissione di un numero di canali russi, tra cui le versioni internazionali delle principali stazioni di controllo statale Rossiya 1, Channel One e NTV, così come il canale di notizie Rossiya 24.[284]

Blocco del trafficoModifica

Il 18 febbraio 2014 alle 16:00, la Metropolitana di Kiev cessò la sua attività, a causa di "una minaccia di atto terroristico".[285][286][287] Il 20 febbraio alle ore 10.00, gli attivisti di Euromaidan picchettarono la sede principale e la stazione della metropolitana di Kiev "Politekhnichnyi Instytut", con l'obbligo di riaprire la metropolitana.[288] Anche l'ex capo dell'Amministrazione Statale della Città di Kiev Ivan Saliy invocò a favore della ripresa della metropolitana.[289] Il 20 febbraio alle ore 16:00, i Titushky vennero trasportati in metro da Pozniaky alla stazione Pecherska, come riferì "Lvivska gazeta".[290] L'Amministrazione della metropolitana fece una confutazione relativa ai trasporti di agenti di polizia e di altre persone.[291] Il governo chiuse anche le autostrade e l'accesso ferroviario.

La mattina del 20 febbraio, la metropolitana di Kiev aveva in parte ripreso il servizio.[292][293]

La metropolitana è diventata pienamente operativa nuovamente (compresa la riapertura della stazione Maidan Nezalezhnosti) il 24 febbraio 2014.[294]

Dissoluzione del BerkutModifica

Il 25 Febbraio 2014, in qualità di Ministro degli Interni del nuovo governo, Arsen Avakov firmò un decreto per lo scioglimento del Berkut.[295] Nel marzo 2014 la Russia ha annunciato che l'unità di Crimea Berkut avrebbe preservato il suo nome in quanto incorporata nel Ministero degli Interni russo.[296] Lo status di Crimea e Sebastopoli è attualmente sotto contestazione da parte di Ucraina e Russia; l'Ucraina e la maggior parte della comunità internazionale considerano la Crimea una repubblica autonoma dell'Ucraina e Sebastopoli una delle città dell'Ucraina a statuto speciale, mentre la Russia, d'altra parte, considera la Crimea una repubblica della Russia e Sebastopoli una delle sue città federali.[297] Entrambi sono completamente sotto il controllo russo.[298]

Proteste contro il nuovo governoModifica

Secondo Cathy Young, nelle proteste Anti-Maidan contro la rivoluzione, nella cartellonistica stradale, postata su Internet, e anche nei discorsi ai raduni il nuovo governo di Kiev venne attaccato come 'cricca ebraica' che cerca di utilizzare gli ucraini per difendere gli interessi dei ricchi ebrei, e la rivoluzione raffigurata come un "colpo di stato sionista."[299]

Ucraina sud-orientaleModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Proteste filorusse in Ucraina.
 
Manifestanti filo-russi a Donetsk, 1 marzo 2014
 
Attivisti filo-russi marciano nelle strade di Odessa il 30 Marzo 2014

L'organizzazione filo-russa Fronte Ucraino annunciò una riunione che si tenne il 22 febbraio tra i rappresentanti dell'Ucraina meridionale e orientale.[300] Andriy Kluyev era un organizzatore dell'evento e il gruppo intendeva discutere la federalizzazione del paese in regioni semi-autonome.[301] A seguito dell'accordo con l'opposizione e le misure fatte in parlamento, il presidente Yanukovych poi volò da Kiev a Kharkiv per partecipare al congresso del Fronte Ucraino; fonti hanno indicato che anche le forze Berkut erano state ammassate a Kharkiv in previsione della manifestazione.[302][303][304] Come ha riferito Yuriy Lutsenko, dopo la mezzanotte il 22 febbraio, la SBU ha aperto un procedimento penale contro il governatore di Kharkiv Mikhail Dobkin e il sindaco Hennadiy Kernes per sostegno del separatismo.[305]

Al Congresso delle regioni meridionali e orientali a Kharkiv il 22 febbraio, i deputati approvarono una risoluzione, dichiarando che erano pronti ad assumersi la responsabilità per la protezione dell'ordine costituzionale nel loro territorio. Dichiararono che i recenti avvenimenti a Kiev hanno portato alla paralisi del potere centrale e ad una destabilizzazione del paese.[306] Essi inoltre firmarono una dichiarazione respingendo l'autorità del Parlamento.[307] Il ministero dell'Interno ha riferito che il governatore Dobkin e il sindaco Kernes hanno poi lasciato il paese per la Russia.[308]

Il 23 febbraio, il parlamento ucraino approvò un disegno di legge per abrogare la legge sulle lingue minoritarie, che, se firmato dal presidente ucraino avrebbe stabilito l'ucraino come unica lingua ufficiale di Stato di tutta l'Ucraina, compresa la Crimea che è popolata da russofoni.[309] The Christian Science Monitor ha riferito: "[l'adozione di questo disegno di legge] servirà solo a far infuriare le regioni di lingua russa, [che] vedono la mossa come un'ulteriore prova che le proteste antigovernative a Kiev che rovesciarono il governo di Yanukovich erano intente a premere per un programma nazionalista".[310] Una proposta di abrogare la legge fu vietata il 28 febbraio 2014 dal Presidente Oleksandr Turcynov.[311]

Il 23 febbraio, le tensioni rimasero a Kharkiv come scontri scoppiati tra migliaia di pro e anti-governo in migliaia di raduni di uguali dimensioni, e il sindaco Kernes venne bloccato dall'entrare nell'edificio del consiglio comunale.[312] I manifestanti pro-russi stavano a guardia della statua di Vladimir Lenin nel centro della città,[313] ma venne annunciato dal vice capo dell'Amministrazione dello Stato regionale che la città avrebbe smantellato la statua indipendentemente il 25 febbraio.[314]

Il 24 febbraio, in qualità di Ministro degli Interni, Arsen Avakov ha annunciato che un procedimento penale è stato avviato contro Yevhen Zhylin, leader dell'organizzazione anti-Euromaidan basata a Kharkiv 'Oplot'.[315]

Il 1 ° marzo migliaia di persone a Kharkiv, Donetsk, Simferopol, Odessa, Luhansk, Melitopol, Yevpatoria, Kerch e Mariupol protestarono contro il nuovo governo.[316][317][318]

Indagini pubbliche dell'aprile 2014 rivelarono che nelle regioni orientali tutti i livelli di governo vengono percepiti essere illegittimi. La metà degli intervistati ritiene che il presidente Oleksandr Turcynov ha "occupato illegalmente il suo posto". Circa la metà tiene anche la stessa opinione sul governo centrale guidato da Arseniy Yatsenyuk.[319] Tuttavia, quasi il 70% di tutte le regioni hanno convenuto che neanche il deposto presidente Viktor Yanukovich era il presidente legale del paese.[320]

CrimeaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Crisi della Crimea del 2014 e Intervento militare russo in Ucraina del 2014.

Dopo la rivoluzione ucraina, una crisi di secessione iniziò nella russo-pendente penisola di Crimea. Il 1º marzo 2014, il presidente ucraino in esilio Viktor Yanukovych ha scritto la sua richiesta a Putin per avviare l'utilizzo della Russia di forze militari "per stabilire la legittimità, la pace, la legge e l'ordine, la stabilità e difendere il popolo ucraino".[321] Lo stesso giorno, Putin ha chiesto e ricevuto l'autorizzazione da parte del parlamento russo a schierare truppe russe in Ucraina in risposta alla crisi.[56] Le truppe russe, di stanza in Crimea, di conseguenza furono mobilitate ed entro il 2 marzo avevano il controllo completo della penisola.[322][323][324]

Distruzione dei monumentiModifica

Almeno 25 statue di Vladimir Lenin sono state distrutte dai manifestanti Euromaidan.[325] Il gruppo militante Settore Destro è stato accusato di gran parte delle distruzioni.[325][326] Oltre alle statue di Lenin, un statua d'onore alla memoria dei "Soldati sovietici" è stato rimosso nella città ucraina occidentale di Stryi.[327][328] Ai primi di dicembre, 2.013 attivisti sconosciuti dipinsero parzialmente la statua in onore dei lavoratori della fabbrica Arsenal di Kiev, che morirono durante la guerra civile nel 1918, in rosso e nero (simile alla bandiera del nazionalista Esercito insurrezionale ucraino).[329] Il 28 febbraio 2014, il monumento dedicato alle forze sovietiche che avevano combattuto la seconda guerra mondiale e il monumento ai soldati sovietici che avevano combattuto in Afghanistan eretti nella città di Dnepropetrovsk sono stati vittima di vandalismo e dipinti con slogan nazionalistici.[330] Il Ministero degli Esteri russo ha descritto la mira dei monumenti russi o sovietici costruiti come "vandalismo Russofobico" e un "oltraggio" sul suo account Twitter in lingua inglese, e ha chiesto che venga fermato.[331]

Occupazione delle RSAModifica

 
Gli uffici governativi regionali occupati dall'Euromaidan il 3 marzo, 2014

A partire dal 18 febbraio, gli attivisti Euromaidan occuparono gli edifici dell'amministrazione statale (RSA) in diversi oblast (regioni).[332]

Sviluppi economiciModifica

Un altro effetto prevedibile della rivoluzione è stato un aumento del 50% sul prezzo del gas naturale venduto ai consumatori domestici in Ucraina. L'aumento era previsto avere effetto dal 1º maggio come parte di un insieme di contingenze intrecciate richieste dall'Unione Europea e dal Fondo monetario internazionale (FMI), al fine di fornire un sostegno finanziario all'Ucraina. Prima dell'aumento, tutto il gas naturale acquistato dal governo ucraino era rivenduto al consumatore dai sussidi governativi al di sotto dei prezzi di mercato. Il FMI ha richiesto all'Ucraina di riformare tali sovvenzioni al fine di fornire al governo nazionale un pacchetto di aiuti del valore di miliardi di euro. Nel mese di maggio, sborsò 3.2 miliardi di dollari per stabilizzare l'Ucraina e, secondo un calcolo approvato da Michael Hudson, da metà agosto 3.1 milioni di dollari della somma era stata salata lontano dai cleptocrati. Il sistema bancario aveva bisogno di più di 5 miliardi di dollari nei 17 miliardi di dollari che l'FMI si è impegnato a concedere in prestiti.[333] L'Unione Europea, a sua volta, ha richiesto all'Ucraina di garantire questo pacchetto di aiuti del FMI affinché l'UE sostenga finanziariamente l'Ucraina sotto i termini dell'accordo di associazione UE-Ucraina recentemente firmato per un importo di circa 1.6 milioni di euro.[334] Allo stesso modo, i prezzi del gas per le imprese distrettuali di riscaldamento prevedevano inoltre un aumento del 40% dal 1 ° luglio. Anders Aslund, ex consigliere economico del governo ucraino, ritiene che le spese dell'Ucraina possono essere ridotte del 2% del suo PIL se le sovvenzioni di gas vengono arrestate.[335]

Sviluppi sportiviModifica

Il 19 febbraio 2014, la UEFA ha annunciato di aver deciso di cambiare la sede della partita degli Ottavi di Finale della UEFA Europa League 2013-2014 Dynamo Kyiv vs Valencia dallo Stadio Olimpico di Kiev, al GSP Stadium di Nicosia, a Cipro, a causa dei disordini di Kiev.[336][337][338]

La Dynamo Kyiv e gli altri club ucraini e i loro avversari in questi Ottavi hanno tenuto un minuto di silenzio per le vittime a Kiev prima delle partite ed i giocatori hanno giocato con i bracciali a lutto.[339][340][341]

Il 25 febbraio 2014, le partite successive della Super League di Basket ucraina 2013-2014 sono state rimandate a breve termine.[342][343]

Il 26 febbraio 2014, la seconda parte della Premier League ucraina 2013-2014 è stata sospesa a causa della situazione nel paese.[344]

Il 3 marzo 2014, un'amichevole in programma tra gli Stati Uniti e l'Ucraina a Kharkiv è stata spostata a Nicosia, Cipro per problemi di sicurezza in materia alla potenziale instabilità nell'Oblast di Kharkiv.[345]

Tre partite in casa dei play off del HC Donbass sono state spostate dalla Druzhba Arena di Donetsk alla Slovnaft Arena di Bratislava, in Slovacchia.[346] Dopo aver giocato la settima partita della serie del Primo Turno contro la Dinamo Riga e le partite 3 e 4 nel secondo turno contro il Lev Praha nella capitale slovacca, la squadra tornò a Donetsk per la sesta partita della serie contro il Lev.

ReazioniModifica

Reazioni nazionaliModifica

Verkhovna RadaModifica

Il 20 febbraio il Parlamento riprese la sua attività intorno alle 16:00 e lavorò fino alle 23:00 circa, portando i parlamentari ad adottare un progetto di legge "sulla condanna della violenza che ha portato alla morte dei cittadini pacifici dell'Ucraina".[347]

Il 21 febbraio alle 10:15 il parlamento fece un comunicato stampa in cui Volodymyr Rybak aveva firmato la risoluzione parlamentare "Chi condanna la violenza in Ucraina, che ha portato alla perdita di vite umane", che ordinò al Consiglio dei Ministri dell'Ucraina e a tutti i siloviks di fermare l'uso della forza e di vietare l'uso di tutte le armi e le misure speciali contro i cittadini ucraini.[348]

Reazioni politicheModifica

  • Iryna Herashchenko, membro del Parlamento con l'opposizione di Vitali Klitschko, il partito dell'Alleanza Democratica Ucraina per la Riforma, commentò la situazione critica dei servizi sanitari ucraini, dicendo: "Tutti i servizi di emergenza sono pieni fino all'orlo. Non c'è nessun posto dove mettere la gente. I medici sono meravigliosi. Il loro sacrificio è impressionante. Essi lavorano con dedizione piena, lottano per chiunque sia ferito".[349]
  • Dopo la trattativa con il presidente Viktor Yanukovych, il leader dell'opposizione Arseniy Yatseniuk disse che i colloqui "si sono conclusi con niente... i deputati dell'opposizione hanno detto che Yanukovich ha minacciato tutti i capi dell'opposizione con una responsabilità penale. Abbiamo avuto solo un elemento: avviare immediatamente la tregua, ma hanno detto di concederla efficacemente. Dato che una tregua non è stata annunciata e il governo non ha questo desiderio, noi stiamo in piedi sull'orlo della pagina più drammatica della storia dell'Ucraina".[349]
  • In una dichiarazione sul sito web del suo partito, il leader dell'opposizione Vitali Klitschko scrisse: "Yanukovich reagisce alla situazione assolutamente inadeguatamente. Tutto quello che ha detto è che i leader dell'opposizione dovrebbero invitare le persone a Maidan (Piazza dell'Indipendenza di Kiev) per porre fine alla situazione di stallo e deporre le armi ... queste sono le forze di polizia che hanno violentemente sparato contro i manifestanti nel centro di Kiev. Questo è quello che suggerisco: le autorità dovrebbero ritirare immediatamente le forze dell'ordine e porre fine alla sanguinosa repressione, o la gente continuerà a morire. Questo è quello che ho detto a Yanukovich. Potrebbero essere una soluzione i colloqui mentre il sangue viene versato? Ma purtroppo nessuno ha compreso la situazione".[349]
  • Il Vice Primo Ministro Serhiy Arbusov disse nella riunione di gabinetto del 19 febbraio 2014: "È inaccettabile parlare di valori europei e di desiderio di un nuovo livello di sviluppo dell'Ucraina e al tempo stesso sacrificare vite umane, distruggere beni dei cittadini e dello Stato, bruciare le loro auto e i loro appartamenti, e svergognare il paese agli occhi della comunità internazionale".[131]
  • Il Ministro ad interim della Giustizia Olena Lukash accusò l'opposizione di aver violato gli accordi raggiunti e chiese la fine immediata della violenza. Sostenne che l'escalation fu colpa degli estremisti.[350]
  • Il parlamentare del Partito delle Regioni Oleh Tsariov apparve alla televisione russa, annunciò che avrebbero cancellato Maidan nel giro di un'ora e dichiarò: "Dopo che avremo posto fine a Maidan, la porremo a livello nazionale."[104]
  • Il parlamentare del Partito delle Regioni Vadym Kolesnichenko accusò l'opposizione e Angela Merkel per la violenza in Ucraina.[351]
  • Il 18 febbraio 2014 a un'intervista con Hromadske TV Inna Bohoslovska disse di aver visto poliziotti travestiti da manifestanti sparare ad altri poliziotti.[352] Lo stesso giorno il sito MVS mostrava persone vestite da manifestanti con armi da fuoco.[353]
  • Yulia Tymoshenko invocò l'opposizione a cessare eventuali colloqui con Viktor Yanukovich.[354]
  • Un gruppo internazionale di ricercatori specializzati nello studio dei movimenti politici di estrema destra pubblicò una dichiarazione congiunta in cui erano in disaccordo con affermazioni circa il carattere nazionalista della rivoluzione ucraina, sottolineando che essa aveva carattere per lo più democratico e liberale. Secondo la lettera firmata da questi ricercatori, mentre i gruppi nazionalisti erano presenti e coinvolti nelle proteste, la loro influenza sul movimento era marginale ma sproporzionatamente evidenziata dai media russi che stavano usando questa come arma per l'imperialismo russo.[355]

RegioniModifica

  • Il Presidium del Consiglio Supremo della Crimea (parlamento della Crimea) - dichiarò che "La pacifica Crimea è estremamente preoccupata da un'altra esplosione di violenza nel centro di Kiev. L'eccidio per le strade della capitale dimostra che l'opposizione ha percepito numerose concessioni da parte delle autorità come una manifestazione di debolezza e ha approfittato della legge di amnistia per prendere una pausa prima di tentare di nuovo d'impadronirsi con la forza del potere nel paese," e che "persone innocenti sono morte per mano di uomini armati senza legge il 18 febbraio. Queste non sono più proteste pacifiche, di cui i leader dell'opposizione e i mezzi di comunicazione di massa di parte hanno detto più volte, e nemmeno disordini di massa. Questo è l'inizio di una guerra civile".[356]
  • I Deputati dell'Oblast di Luhansk dichiararono - "Ci rivolgiamo al Presidente dell'Ucraina Viktor Yanukovich, con la richiesta di adottare misure rigorose in materia di coloro che oggi praticamente sono andati in guerra contro il nostro paese, e di introdurre lo stato di emergenza. Il tempo dei negoziati di pace è finito - i negoziati non possono essere tenuti con i terroristi e gli estremisti!"[357]
  • Il Mejlis dei Tartari di Crimea, l'ex presidente Mustafa Abdülcemil Qırımoğlu, dichiarò: "Essi risponderanno per il sangue di ogni patriota. Esorto tutti i cittadini per creare sacche di resistenza."[358]

OligarchiModifica

  • Rinat Achmetov, un sostenitore di Yanukovych, denunciò la violenza, "Non ci sono circostanze che giustifichino l'uso della forza contro cittadini pacifici. I cittadini pacifici non devono soffrire in ogni situazione. Questo deve essere l'obiettivo principale per il governo, l'opposizione e tutte le parti in conflitto. Le perdite umane e le lesioni subite dai manifestanti e dalle forze dell'ordine durante gli scontri di strada è un prezzo inaccettabile per gli errori politici".[104][359] Il 26 febbraio Achmetov rilasciò una dichiarazione in cui chiese riforme in Ucraina, l'introduzione di meccanismi efficaci della pubblica amministrazione, l'ampliamento notevole dei poteri delle amministrazioni regionali e l'aumento della trasparenza e della responsabilità delle autorità per la società civile.[360]
  • Viktor Pinchuk - "Una soluzione pacifica deve essere trovata, è assolutamente necessario astenersi dall'uso della forza e trovare un compromesso. L'Ucraina fin dalla sua indipendenza ha evitato spargimenti di sangue. Dobbiamo tornare a questa tradizione immediatamente da questo minuto, questa è la responsabilità... di tutti, chi è al potere, l'opposizione, la società civile, le imprese. È tempo per tutte le parti di compiere passi coraggiosi verso il compromesso che essi non possono ancora essere pronti a prendere, anche questa mattina. Per ognuno di noi, l'amore per l'Ucraina deve essere incommensurabilmente più importante di tutti gli altri sentimenti e interessi."[104]

Reazioni internazionaliModifica

Organizzazioni internazionaliModifica

  •   Nazioni Unite - Il Segretario Generale Ban Ki-moon il 19 febbraio ha chiesto la fine delle violenze "inaccettabili" in Ucraina e invocato l'amnistia per i detenuti durante i disordini.[361]
  •   Unione europea - L'allora Ministro degli Esteri dell'Unione europea Catherine Ashton ha esortato il presidente Yanukovych, il governo insieme ai leader dell'opposizione "ad affrontare le cause profonde della crisi".[362] Inoltre, l'allora Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime le sue condoglianze alle famiglie delle vittime, e per chiedere la fine delle violenze. Egli ha anche osservato che "L'Unione europea ha offerto la sua assistenza sincera per facilitare il dialogo politico tra le parti e de-escalazizzare la situazione. Continuiamo a credere che la riforma costituzionale, la formazione di un nuovo governo inclusivo e la creazione di condizioni per elezioni democratiche costituiscano l'unica via d'uscita da questa crisi politica profonda e duratura. [...] Tuttavia, abbiamo anche messo in chiaro che l'UE risponde a qualsiasi deterioramento a terra. Dobbiamo quindi aspettarci che le misure mirate contro i responsabili delle violenze e l'uso eccessivo della forza possano essere concordate dai nostri Stati membri come una questione di urgenza."[363]
  •   Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa - Il presidente dell'OSCE in carica, il Ministro degli Esteri svizzero Didier Burkhalter, il 19 febbraio ha sollecitato le autorità ucraine "a fare il possibile per disinnescare la situazione minacciosa nel Paese" e ha proposto suggerimenti per misure di de-escalation del conflitto, compresa l'assegnazione di un "facilitatore internazionale imparziale, possibilmente lavorando in tandem con una personalità ucraina rispettata, e il dispacciamento di un team internazionale di esperti per stabilire i fatti sui violenti incidenti e sulle violazioni dei diritti umani".[364]
  •   Consiglio dell'Unione europea - Il Segretario generale del Consiglio, Thorbjørn Jagland, in una dichiarazione del 18 febbraio ha insistito sul fatto che il Parlamento ucraino dovesse avere un "serio dibattito su come uscire dalla crisi" e ha offerto il supporto legale e costituzionale del Consiglio d'Europa.[365]
  • Triangolo di Weimar - In una dichiarazione congiunta dei Ministri degli Esteri di Francia, Germania e Polonia, rilasciata il 28 febbraio, i tre paesi hanno esortato le nuove autorità a rispettare i diritti delle minoranze affermando: "una sistemazione duratura della diversità esistente nella società ucraina è resa necessaria per raggiungere le regioni orientali e meridionali e coinvolgere con tutti gli interessi legittimi, compresi i diritti delle minoranze in particolare per quanto riguarda le questioni linguistiche."[366]

NazioniModifica

  •   Armenia - Il portavoce del Ministero degli Esteri ha detto il 20 febbraio: "Siamo profondamente dispiaciuti delle decine di vittime in seguito agli scontri a Kiev. L'Ucraina è un paese accogliente per l'Armenia. Ci auguriamo che le parti riprendano i colloqui per raggiungere una soluzione pacifica delle questioni controverse."[367]
  •   Australia - Il ministro degli Esteri Julie Bishop il 19 febbraio ha condannato le violenze e la perdita di vite in Ucraina, e ha esortato entrambe le parti a riprendere negoziati politici positivi per risolvere la crisi.[368]
  •   Canada - Il ministro degli Esteri John Baird il 18 febbraio ha dichiarato in un comunicato: "Il Canada invita tutte le parti a dar prova di moderazione e di cessare ogni atto di violenza immediatamente. Nessun atto di violenza o repressione oggi passerà inosservato dal governo del Canada, e lavoreremo con i nostri alleati della comunità internazionale per assicurare che i responsabili saranno chiamati a risponderne".[369] Lo stesso giorno, il ministro degli Esteri ha anche detto che il Canada avrebbe fornito assistenza medica ai manifestanti in Ucraina.[370]
  •   Colombia - Il Ministero degli Esteri, a nome del Governo, ha rilasciato un comunicato stampa in cui dichiarava "profonda preoccupazione per la situazione in Ucraina", mentre deplorava anche gli "atti di violenza che hanno avuto luogo negli ultimi due giorni". Nello stesso comunicato stampa, la Colombia ha esortato il governo dell'Ucraina a "garantire la sicurezza, i diritti umani e le libertà fondamentali dei suoi cittadini".[371]
  •   Rep. Ceca - Il ministro degli Esteri Lubomír Zaorálek, in un incontro con l'ambasciatore ucraino il 19 febbraio, ha descritto l'uso della violenza contro i manifestanti come "assolutamente inaccettabile" e che "in nessun caso, devono essere risolti i problemi interni in modo tale".[372]
  •   Estonia - Il ministro degli Esteri Urmas Paet, in una dichiarazione del 19 febbraio, ha dichiarato: "Dobbiamo aiutare l'Ucraina ad uscire da questa crisi" e ha anche dichiarato che "l'Estonia è disposta a prendere in considerazione misure punitive nei confronti di tutti i responsabili per l'aumento della violenza."[373]
  •   Finlandia - Il ministro degli Esteri Erkki Tuomioja, in una dichiarazione del 18 febbraio, ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime, sollecitando la fine della violenza e che mostra il supporto per il lavoro della UE, dell'OSCE e del Consiglio d'Europa nei loro tentativi di mediazione in conflitto.[374]
  •   Georgia - Il Ministero degli Esteri, in una dichiarazione del 18 febbraio, ha condannato l'uso della forza e ha aggiunto che sono "estremamente preoccupati per gli eventi tragici" a Kiev.[375] Il 20 febbraio, il presidente Giorgi Margvelashvili ha affermato che "l'uso delle armi contro la propria gente non lo fa parlare bene di qualsiasi governo" e ha avvertito che "non un solo governo è riuscito a farla franca".[376]
In un'intervista con The Guardian, Irakli Alasania, ministro della Difesa della Georgia, ha detto che la rivoluzione ucraina era il "primo fallimento strategico per Putin." Alasania era ottimista circa il potenziale di una escalation di difficoltà. "C'è un sacco di retorica e di battersi il petto. Non è insolito. Ma la Russia non andrà al confronto militare. Non credo che ci sia una opzione militare sul tavolo per Putin."[377]
  •   Germania - Il ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier ha avvertito "i responsabili che prendono decisioni che portano a ulteriori spargimenti di sangue dovrebbero sapere che la decisione europea in materia di sanzioni sarà riesaminata di sicuro".[362]
  •   Israele - Il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman ha dichiarato che Israele era preoccupata per gli eventi e ha espresso la speranza che la situazione possa essere risolta senza perdita di vite umane.[378]
  •   Italia - Il ministro degli Esteri Emma Bonino, il 20 febbraio ha chiesto sanzioni contro i visti dei responsabili delle violenze, un embargo sulle armi e anche aiuti umanitari.[379]
  •   Lettonia - Il Ministero degli Affari Esteri ha rilasciato una dichiarazione il 19 febbraio, dando la piena responsabilità per l'escalation della crisi al governo ucraino. La dichiarazione ha anche scritto: «I colpevoli della causa di violenze devono essere ritenuti responsabili."[380]
  •   Lituania - Il ministero degli Esteri ha emesso una nota indicata in parte: "Chiediamo di fermare la violenza immediatamente e indagare a fondo tutti gli incidenti, che hanno provocato morti e feriti, e di accusare i colpevoli in tribunale. Ancora una volta, invitiamo gli Stati membri dell'Unione europea a discutere la possibilità di applicare misure mirate contro i responsabili per l'uso della forza".[381]
  •   Polonia - Il Segretario di Stato Henryka Mościcka-Dendys dal MSZ ha detto al quotidiano Jyllands-Posten il 21 febbraio 2014, che la Polonia si fida che il popolo ucraino decida da solo quale futuro voglia per l'Ucraina, pur sottolineando l'importanza delle relazioni polacco-ucraine che si estendono oltre la storia e in singoli legami familiari. "C'è stato un tempo", ha detto, "quando la Polonia, la Cecoslovacchia e l'Ungheria credevano di rimanere nel blocco sovietico per sempre, il leader russo, Boris Eltsin nel 1989, cambiò questa convinzione. Tale situazione è analoga a quella attuale, perché nel lungo periodo la Russia più democratica del futuro può solo beneficiare di un'Ucraina pro-europea".[382]
  •   Regno Unito - Il Ministro degli esteri William Hague ha affermato: "È chiaro che l'autorità del presidente estromesso Viktor Yanukovich non è più molto accettata in Ucraina e la Gran Bretagna sta lavorando con il nuovo governo di Kiev....l'Ucraina aveva una pressante necessità di una riforma costituzionale, di miglioramenti alla sua cultura politica, di elezioni libere, e della fine della corruzione pervasiva. Intanto, la comunità internazionale deve lavorare con il nuovo governo per scoraggiare ulteriori violenze e d'accordo sul sostegno finanziario internazionale. La situazione finanziaria dell'Ucraina è molto grave e senza assistenza esterna potrebbe non essere sostenibile. Una crisi economica in Ucraina sarebbe una grave minaccia per la stabilità del paese e potrebbe danneggiare conseguenze più ampie. Non è chiaro se il paese poteva aspettare fino alle elezioni presidenziali di fine maggio per un pacchetto finanziario perché si affacciava il calo delle riserve, una moneta inflazionata, e grandi cambi che cadevano a causa dei debiti, ed è stato anche chiuso fuori dai mercati internazionali dei capitali ". Alla domanda su chi il Regno Unito ha riconosciuto come attuale capo di Stato, Hague ha detto che la Gran Bretagna stava lavorando con il nuovo governo.[383] "Vi è naturalmente una controversia costituzionalmente su chi è il presidente, ma in questa situazione è molto chiaro che, quali che siano le disposizioni costituzionali, l'autorità del signor Yanukovich non è più ampiamente riconosciuta come presidente", ha detto. "E al fine di raggiungere gli obiettivi che ho appena esposto, è necessario per noi parlare al portavoce che è stato dichiarato presidente in carica."
  •   Romania - Il presidente Traian Băsescu ha dichiarato che gli eventi minacciano la stabilità nella regione. Inoltre, il presidente ha dichiarato che "la Romania è d'accordo con le singole sanzioni proposte, per il lato positivo che è stato superato. I 25 morti servono come prova per il fatto che entrambe le parti (il governo ucraino e i manifestanti) hanno attraversato la linea".[384] Il Primo Ministro di Romania, Victor Ponta, ha fatto un appello immediato alla pace, affermando che "gli sforzi diplomatici porteranno alla cessazione della violenza".[385]
  •   Russia - Il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato il 19 febbraio: "Quello che sta accadendo è il risultato diretto delle politiche di pacificazione da parte dei politici occidentali e delle istituzioni europee, che dall'inizio della crisi hanno chiuso un occhio alle azioni aggressive delle forze radicali in Ucraina, in tal modo incoraggiandoli a degenerare e provocare la legittima autorità."[386] Secondo il segretario stampa del Presidente della Russia, la Russia considera gli eventi in Ucraina un tentativo di colpo di stato.[387]
Il 20 febbraio 2014, il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha dichiarato che la Russia poteva cooperare pienamente con l'Ucraina, quando la sua leadership era in "buona forma".[145] Egli ha aggiunto che la Russia vuole un "governo forte" in Ucraina, "in modo che la gente non debba pulirsi i piedi sulle autorità come uno zerbino".[160] Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha paragonato le minacce di sanzioni UE "ai responsabili per la violenza di ricatto in Ucraina". "L'UE sta anche cercando di prendere in considerazione l'introduzione di sanzioni e al stesso tempo vengono a Kiev in missioni non invitati".[172]
Il 25 febbraio il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha espresso preoccupazione per la lealtà del canale televisivo "Inter", per i canali televisivi russi in Ucraina, per la libertà di parola in Ucraina e per l'abolizione della legge ucraina sulla lingua e ha aggiunto che il suo governo era interessato a "prevenire l'influenza dei radicali e nazionalisti, che ora stanno cercando di suonare il primo violino".[388]
  •   Svezia - Il ministro degli Esteri Carl Bildt ha rilasciato una dichiarazione dicendo in parte, "L'UE non esiterà a prendere provvedimenti nei confronti degli interessi delle persone associate con la repressione e la violenza in Ucraina". Egli ha anche osservato che Yanukovich ha "le mani sporche di sangue."[104] He also noted Yanukovych has "blood on his hands."[389]
  •   Stati Uniti - Il presidente Barack Obama ha avvertito il 19 febbraio che ci sarebbero state conseguenze se la violenza fosse continuata in Ucraina e che l'esercito ucraino non avrebbe dovuto entrare in una situazione che poteva essere risolta da civili.[390][391] Gli Stati Uniti hanno anche imposto un divieto di visto per 20 alti funzionari ucraini e di altre persone che hanno accusato di essere dietro la violenta repressione dei manifestanti.[392],[393] Il 20 febbraio 2014, il presidente Obama ha aspramente criticato il sostegno del governo russo a Yanukovych e ha invocato il rispetto delle libertà fondamentali delle persone.[394]. L'Istituto internazionale Schiller ha organizzato una protesta perché il colpo di stato in Ucraina è stato orchestrato e finanziato dal miliardario George Soros e dai rappresentanti dell'amministrazione Obama[395],[396]
  •   Turchia - Il ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu ha detto in una conferenza stampa, "L'Ucraina è uno dei paesi con una posizione strategica nel bacino del Mar Nero. La stabilità dell'Ucraina e la pace nel paese è di vitale importanza per l'intera regione".[397]
  •   Ungheria- Il ministero degli Esteri ha espresso la sua profonda preoccupazione e condoglianze estese alle famiglie delle vittime. Ha inoltre dichiarato che, come paese vicino, l'Ungheria è interessata ad una "Ucraina stabile, democratica, e integra, così come siamo direttamente interessati alla certezza giuridica degli ungheresi Trans-Carpatici".[398]

PoliticiModifica

  • L'ex presidente georgiano Mikhail Saakashvili ha detto che la Russia aveva acquistato la sovranità dell'Ucraina con la sua ultima offerta di denaro contante. Ha anche detto che la reazione in Europa è stata "assolutamente inadeguata."[104]
  • L'ex ministro degli Affari Esteri romeno Mircea Geoană, ha dichiarato che una guerra civile all'interno dell'Ucraina "non è esclusa". Geoană considera la crisi come "la più grave crisi al confine della Romania in molti anni".[399]
  • L'ex presidente dell'Ucraina Leonid Kravchuk ha detto che lo stato di emergenza dovrebbe essere introdotto a Kiev per fermare la guerra civile.[400]

NoteModifica

  1. ^ Первый день после победы революции. Украина, 23 февраля, Grani.ru. URL consultato il 12 marzo 2014.
  2. ^ Geopolitical Weekly, The uprising in Kiev has apparently reached its conclusion, Stratfor. URL consultato il 12 marzo 2014.
  3. ^ a b c d Ukraine: Speaker Oleksandr Turchynov named interim president, BBC News (23 February 2014)
  4. ^ a b (RU) На отмену закона о региональных языках на Украине наложат вето [The abolition of the law on regional languages in Ukraine veto], in Lenta (RU), 1º marzo 2014.
  5. ^ Makhnitsky: Some 50 people to be charged with organizing killings of Ukrainians, Kyivpost.com. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  6. ^ BBC News - Ukraine crisis: Lenin statues toppled in protest, Bbc.com. URL consultato il 19 maggio 2014.
  7. ^ Interview with Bohoslovska. Hromadske TV. 18–19 February 2014
  8. ^ a b Information about the victims of clashes in the center of Kyiv, Ministry of Healthcare. URL consultato il 16 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2014).
  9. ^ Around 780 people die during protests in Ukraine in reality, say volunteer doctors, in Interfax, 10 aprile 2014.
  10. ^ Ukraine Health Ministry: Kyiv unrest death toll reaches 100, in Kyiv Post. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  11. ^ На Майдане отмечают, что пропавшими остаются более 150 человек UNIAN, 30 March 2014
  12. ^ a b (UK) МОЗ: З початку сутичок померло 28 людей, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  13. ^ В полоні МВС: затримано 77 активістів, в'язниця загрожує 40 з них, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  14. ^ Dion Dassanayake, Ukraine protests: Death toll rises as police and protestors clash after truce collapses | World | News | Daily Express, Express.co.uk. URL consultato il 12 marzo 2014.
  15. ^ Police held hostage by protesters in Kiev: interior ministry, in Chicago Tribune, 19 febbraio 2014. URL consultato il 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  16. ^ a b c Damien McElroy, Ukraine revolution: live – Ukraine's president has disappeared as world awakes to the aftermath of a revolution, su The Daily Telegraph, 23 febbraio 2014.
  17. ^ Ukraine conflict: Tymoshenko speech ends historic day of revolution, BBC News, 22 febbraio 2014.
  18. ^ Neil Buckley and Roman Olearchyk, Yanukovich toppled in new Ukrainian revolution, su Financial Times, 22 febbraio 2014.
  19. ^ Yanukovych: The man who sparks revolution in Ukraine, Yahoo! News, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  20. ^ UAH 1.5 b in budget funds embezzled since year-start, interior minister says, Interfax-Ukraine (18 June 2009)
  21. ^ Ukrainians Pessimistic about Country’s Future; Confidence in Political Leaders Falling Archiviato il 11 ottobre 2011 in Internet Archive., International Foundation for Electoral Systems (13 September 2011)
  22. ^ Mark Thompson, Soros: Ukraine needs EU Marshall Plan, CNN Money, 12 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014.
  23. ^ Peter Coy, Carol Matlack e Henry Meyer, The New Great Game: Why Ukraine Matters to So Many Other Nations, in Bloomberg BusinessWeek, 27 febbraio 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  24. ^ Peter Moskowitz, What does the West want from Ukraine?, Al Jazeera, 6 marzo 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  25. ^ Andrew Kramer, EU suspends trade deal talks with Ukraine, in The Boston Globe, 15 dicembre 2013. URL consultato il 27 marzo 2014.
  26. ^ Laura Smith-Spark, Marie-Louise Gumuchian e Diana Magnay, Ukraine, Russia sign economic deal despite protests, CNN, 23 gennaio 2014. URL consultato il 27 marzo 2014.
  27. ^ Russian official accuses US of fueling Ukraine crisis, PressTV. URL consultato il 19 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2014).
  28. ^ Lavrov: If West accepts coup-appointed Kiev govt, it must accept a Russian Crimea — RT News, Rt.com, 30 marzo 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  29. ^ Tim Sullivan, Russian troops take over Ukraine's Crimea region, in Associated Press, 1º marzo 2014.
  30. ^ Vladimir Radyuhin, Putin thanks India for its stand on Ukraine, Thehindu.com, 18 marzo 2014. URL consultato il 4 aprile 2014.
  31. ^ Ott Ummelas e Aaron Eglitis, Putin on Ukraine Okay With China-Syria-Venezuela Minority, Bloomberg.com, 11 marzo 2014. URL consultato il 4 aprile 2014.
  32. ^ SOMINI SENGUPTAMARCH, "Russia Vetoes U.N. Resolution on Crimea" The New York Times, March 15, 2014
  33. ^ PETER LEONARD, IMF offers Ukraine up to $18 billion in loans - Yahoo News, News.yahoo.com, 27 marzo 2014. URL consultato il 1º aprile 2014.
  34. ^ Yevhenia Yehorova, Відносна більшість українців підтримує зміну влади; Схід та Південь все ще визначаються зі своїм кандидатом в Президенти, Gfk.com, 19 ottobre 2012. URL consultato il 4 aprile 2014.
  35. ^ Ukraine Violence Leaves at Least 10 Dead, ABC News, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).,Russian trained killers in kiev
  36. ^ a b Ukraine police storm main Kiev protest camp, BBC News, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  37. ^ Owen Matthews, Ukraine: Heading for Civil War, in Newsweek, 19 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  38. ^ Gianluca Mezzofiore, Ukraine Facing Civil War: Lviv Declares Independence from Yanukovich Rule, su International Business Times. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  39. ^ The authorities de facto introduce a state of emergency, in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  40. ^ The state of emergency de facto implemented in whole Ukraine – Tomenko, UNIAN, febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  41. ^ Ukrainian Police Authorized to Use Live Ammo as Battle Rages, RIA Novosti, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  42. ^ (RU) Рыбак заявил, что подписал постановление ВР о прекращении огня, UNIAN, 21 febbraio 2014. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  43. ^ [tyzhden.ua]
  44. ^ Ukraine protests timeline, BBC News, 23 febbraio 2014.
  45. ^ Офіційний портал Верховної Ради України, W1.c1.rada.gov.ua. URL consultato il 12 marzo 2014.
  46. ^ [rada.gov.ua]
  47. ^ Münchhausen-Check: Putin und der legitime Präsident der Ukraine
  48. ^ Ukraine: Speaker Oleksandr Turchynov named interim president, BBC News, 23 febbraio 2014.
  49. ^ Ukraine issues arrest warrant for missing leader, Washington Post, 24 febbraio 2014.
  50. ^ Crimea: Next flashpoint in Ukraine's crisis?, BBC News (24 February 2014)
  51. ^ Ukraine protests: Vitali Klitschko is seeking immediate resignation of President Yanukocych – watch live, in The Daily Telegraph, 22 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  52. ^ Yuras Karmanau e Angela Charlton, Ukrainian protesters claim control over capital, Associated Press, 22 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  53. ^ Jailed Ukrainian opposition leader Tymoshenko release 'imminent', Euronews, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  54. ^ a b (UK) James Marson, Alan Cullison e Alexander Kolyandr, Parliament Ousts Ukraine President, in The Wall Street Journal, 22 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  55. ^ <%= item.timeFlag %>, ИТАР-ТАСС: Политика – Основные высказывания Виктора Януковича на пресс-конференции в Ростове-на-Дону, Itar-tass.com. URL consultato il 12 marzo 2014.
  56. ^ a b Putin to deploy Russian troops in Ukraine, BBC News, 1º marzo 2014. URL consultato il 1º marzo 2014.
  57. ^ a b EU talking to IMF, World Bank, others about Ukraine assistance, Cnbc.com, 11 dicembre 2013. URL consultato il 12 marzo 2014.
  58. ^ a b c Ukraine leader seeks cash at Kremlin to fend off crisis, Cnbc.com, 17 dicembre 2013. URL consultato il 12 marzo 2014.
  59. ^ Russia's shifting role in Ukraine crisis, aljazeera, 2 March 2014
  60. ^ Vladmir Isachenkov and Maria Danilova, Roots and Consequence's of Ukraine's Violence, in Associated Press, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  61. ^ a b c Law on amnesty of Ukrainian protesters to take effect on Feb 17, Interfax-Ukraine, 17 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  62. ^ a b Yanukovych: I don’t want to be at war, my goal is to restore stable development of country, Interfax-Ukraine, 15 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  63. ^ a b Max Fisher, The three big reasons that protests reignited in Ukraine, su The Washington Post, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  64. ^ Ukraine protests: 14 dead in worst day of violence, Australian Broadcasting Corporation, 19 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
    «"They moved in hours after Moscow gave Ukraine $2 billion in aid which it had been holding back to demand decisive action to crush the protests."».
  65. ^ Mark MacKinnon, How Putin's Sochi dream was shattered by Ukraine's nightmare, in The Globe and Mail, 22 febbraio 2014.
    «the Kremlin unsubtly pushing Mr. Yanukovych to use force to clear the fortified tent city on Independence Square [...] shortly before the fighting began, Moscow announced it would pay the next $2-billion tranche.».
  66. ^ Matt Clinch, EU moves toward Ukraine sanctions amid bloodshed, CNBC. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  67. ^ a b Massacre in Kiev: the truth in power?. Pravda.ru (original source). 20 February 2014
  68. ^   Massacre in Kiev: the truth in power?, su YouTube.. Pravda.ru. 20 February 2014
  69. ^ Ukraine averted greater bloodbath, Moskal alleges, in Kyiv Post, 24 febbraio 2014.
  70. ^ Arrest warrants issued for Yanukovych, other former Ukraine officials on suspicion of mass murder, in Kyiv Post, 24 febbraio 2014.
  71. ^ "Yanukovich planned harsh clampdown on protesters: Ukraine deputy" Reuters, February 24, 2014
  72. ^ a b У кривавому побоїщі в Києві брала участь неукраїнська третя сила – Аваков | Українська правда, Pravda.com.ua, 4 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  73. ^ Mark Mackinnon, Analysis: Russia blaming West for Ukraine upheaval, in The Globe and Mail. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  74. ^ Moscow urges crackdown in Ukraine on 'extremists' in government, Kyivpost.com. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  75. ^ Medvedev: Ukrainian authorities' legitimacy in doubt, Kyivpost.com. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  76. ^ Roman Olearchyk, Ukraine implicates Russian agents in deadly protester crackdown, in Financial Times, 3 aprile 2014.
  77. ^ Правый сектор объявил мобилизацию для мирного наступления', in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  78. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at Війна на вулицях Києва. ОНЛАЙН [War on the streets of Kyiv. Online], in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  79. ^ Мітингувальники прорвали оточення ВВ і намагаються розблокувати Грушевського [Protesters broke through the cordon of Internal Troops and attempted to unblock Hrushevskoho], in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  80. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Four reported dead, more than 100 injured as violent clashes break out near Ukraine's parliament (live updates), in Kyiv Post, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  81. ^ Дві жінки отримали ураження гумовими кулями. Силовики кидаються шумовими гранатами з дахів, su Ukrayinska Pravda, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  82. ^ Толпа в Киеве забила насмерть компьютерщика из Партии регионов [A mob in Kiev beaten to death a computer programmer from Party of Regions], Izvestia in Ukraine, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  83. ^ Clashes started in Mariinsky Park, in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  84. ^ a b При захвате офиса Партии регионов убили двух сотрудников – Царев – Политика, The Sports Network. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  85. ^ Ukraine: protests at President Viktor Yanukovich's party HQ – video, su The Guardian, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  86. ^   Video of civilians cooperating with police against protesters, su YouTube.
  87. ^ Протестувальники організували медпункт у Будинку офіцерів: там 10 поранених [Protesters organized a medical office in the Officer's Club: there are 10 wounded], in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  88. ^   People from PR office beaten up a photograph, su YouTube.. Hromadske TV. 18 February 2014
  89. ^ В Минздраве разбили окна и выгнали сотрудников | Политика | ВестиУА: Последние новости Украины, Vesti UA. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  90. ^ The Government turned a peaceful protest into the bloodshed (Constantly Updated), Svoboda, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  91. ^ (UK) Харківський "Оплот" побили на Грушевського [Kharkiv Oplot was beaten up on Hrushevskoho], in Ukrayinska Pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  92. ^ Twitter / SpilnoTVEnglish: #Ukraine-#Berkut troops attack, Twitter. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  93. ^ Max Seddon, At Least 13 Dead, Dozens Injured As Ukraine Protests Turn Violent Again, Buzz Feed. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  94. ^ (UK) Москаль: Росіяни кажуть Януковичу, що його керівники СБУ та МВС профнепридатні, in Espreso TV, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  95. ^ No Berkut troops among ‘Maidan snipers’ – Ukrainian special forces veteran.
  96. ^ Protesters re-occupy Kiev city hall, in New Straits Times, Agence France-Presse, 31 gennaio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  97. ^ Толпа в Киеве забила насмерть компьютерщика из Партии регионов [The crowd in Kiev beat up the Party of Regions programmer to death], in Izvestia. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  98. ^ Тітушки знущаються на Антимайдані над полоненими активістами, Espreso TV. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  99. ^ Силовики побили декількох операторів-журналістів [Siloviks beaten up several of cameramen and journalists], in Ukraïns'ka pravda, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  100. ^ Ukraine: Two jet aircrafts appear over Maidan, Voice of Russia, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  101. ^ T20:28+02:00 20:28 18 February 2014, Неизвестные пытаются прорваться в консульство Канады в Киеве – милиция, Interfax-Ukraine, 20 ottobre 2012. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  102. ^ a b Ukraine: ‘Protesters to be punished’ as police come under attack, Euronews (19 February 2014)
  103. ^ Facebook, Facebook, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  104. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Police advance on EuroMaidan at night after government ultimatum, in Kyiv Post, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  105. ^ 5 канал відключили по всій Україні | Українська правда, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  106. ^ На Майдане горит Дом профсоюзов ИА "ВЕСТИУА", На Майдане горит Дом профсоюзов, Vestiua.com. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  107. ^ У Михайлівському лежать тіла 4 загиблих, Espreso TV, 27 gennaio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  108. ^ (UK) У Будинку профспілок під час пожежі ніхто не постраждав – Всеукраїнське об'єднання "Батьківщина", Batkivshchyna. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  109. ^ (RU) T21:48+02:00 21:48 18 February 2014, Силовики частично заняли Майдан Независимости, Interfax-Ukraine, 20 ottobre 2012. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  110. ^ Турчинова підстрелили прямо на сцені Майдану, The Sports Network. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  111. ^ Турчинов отримав різану рану обличчя, Espreso TV. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  112. ^ (RU) "Беркут" против Майдана ["Berkut" against Maidans], Lenta.ru. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  113. ^ International leaders express outrage, urge peace in Ukraine (UPDATE), su Kyiv Post, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  114. ^ (UK) Допис by Svyatoslav Tsegolko., Янукович погрожує справами проти керівників опозиції – Яценюк | Українська правда, Ukreayinska Pravda. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  115. ^ a b Ukraine protesters resist police charge on Independence Square as death toll rises, Euronews, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  116. ^ Batkivschyna, UDAR, Svoboda never have and never will call people to armed protest, Interfax-Ukraine, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  117. ^ a b Three Ukrainian opposition forces calling to do everything possible to prevent further bloodshed, Interfax-Ukraine, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  118. ^ a b Kyiv on shutdown as Ukraine protesters fear new police crackdown, Euronews, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  119. ^ Ukrainian capital mostly normal beyond immediate protest zone, Euronews, 19 febbraio 2014.
  120. ^ Banks again suspend work of offices in conflict zone, Interfax-Ukraine, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  121. ^ Тітушки Розстріляли Двох Протестувальників – Очевидці, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  122. ^ Portnov urges protesters to give up, Ukrainian Independent Information Agency, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  123. ^ Ukraine crisis: Renewed Kiev assault on protesters, BBC News, 19 febbraio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  124. ^ a b c d e EuroMaidan rallies in Ukraine (Feb. 19 live updates), in Kyiv Post, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  125. ^ (RU) Оппозиция отказалась подписывать заявление об осуждении радикальных действий, – Лукаш, Novosti.ua. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  126. ^ Hrytsenko: Lebedev sends in Kyiv Airborne Brigade completely combat ready. The Ukrainian Week. 19 February 2014
  127. ^ Last Chief of Staff of Yanukovych ordered separate army units to suppress Maidan. The Ukrainian Week. 19 February 2014
  128. ^ Euronews Kyiv correspondent: ‘They say they are not going to provoke the police... but they know how to protect themselves’, Euronews, 19 febbraio 2014.
  129. ^ Майдан нашел себе новый штаб – активисты заняли Главпочтамт, Nikvesti. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  130. ^ a b Ukraine President Yanukovych sacks army chief amid crisis, BBC News, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  131. ^ a b Yanukovych accuses Ukraine opposition leaders of trying to seize power by force, Euronews, 19 febbraio 2014.
  132. ^ Європейський інвестиційний банк заморожує діяльність в Україні – ЗМІ | Економічна правда, Epravda.com.ua. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  133. ^ European Investment Bank freezes activities in Ukraine over violence, Reuters. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  134. ^ a b c Ukraine president Viktor Yanukovych says truce reached with opposition figures, in Daily Me, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  135. ^ (UK) "Правий сектор" не погоджується на перемир'я, su The Insider. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  136. ^ Protesters' defiance in Maidan: our correspondent’s view, Euronews, 19 febbraio 2014.
  137. ^ На Украине – день траура, Interfax. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  138. ^ На Майдані з офіцера під час штурму зірвали шеврон із двоголовим орлом – Новини – Український тиждень, Tyzhden. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  139. ^ На Майдані знову стріляють, Espreso TV, 20 novembre 2013. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  140. ^ (UK) На Майдан приїхали активісти із Івано-Франківська, Espreso TV. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  141. ^ a b c d e (UK) Column of airborne militants on the way to Kyiv end up in a road accident, in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  142. ^ In Dnipropetrovsk region people lay down on the rails to prevent the train with paratroopers to Kyiv. The Ukrainian Week. 20 February 2014
  143. ^ a b c Protesters take police hostages in conflict, in Kyiv Post, 21 febbraio 2014.
  144. ^ Katya Gorchinskaya, Yakimenko accuses EuroMaidan leaders of hiring snipers; allegations denounced, Kyivpost, 13 marzo 2014. URL consultato il 13 marzo 2014.
  145. ^ a b c d e 'Dozens dead' in Kyiv as Ukraine 'truce' breaks down, Euronews, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  146. ^ Фото: Коллаж Корреспондент.net, Стрельба на Институтской: видеокадры, подтверждающие факт использования огнестрельного оружия активистами, Korrespondent.net. URL consultato il 12 marzo 2014.
  147. ^ a b c Day of Mourning. Online. Ukraïns'ka pravda. 20 February 2014
  148. ^ Protesters pushed away Berkut to the October Palace. Ukraïns'ka pravda. 20 February 2014
  149. ^ Силовики і тітушки носять однакові жовті стрічки | Українська правда, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  150. ^ Euronews correspondent: ‘Near one of the hotels close to Independence Square, we have filmed 10 dead bodies’, Euronews, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  151. ^ Kyiv’s Ukraine Hotel turned into makeshift hospital and morgue, Euronews (21 February 2014)
  152. ^ a b c d e f g Ukraine death toll rising on Feb. 20 with at least 42 people killed, most by gunshots from police, in Kyiv Post, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  153. ^ Ukraine protesters take back Kiev square, RTÉ News. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  154. ^ Mourning Day. Online. Ukraïns'ka pravda. 20 February 2014
  155. ^ On February 20 in Cabinet of Ukraine were two snipers -MVS. Ukrinform. 10 April 2014
  156. ^ a b Captured Interior Troops soldiers released, their condition satisfactory – Interior Ministry, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  157. ^ (UK) ЗМІ: ВВшники масово здаються в полон активістам Євромайдану | Українська правда, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  158. ^ There are more than 30 thousand people at Maidan, Ukrainian Independent Information Agency, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  159. ^ At the Yanukovych headquarters propose to sign a constitutional treaty. Ukraïns'ka pravda. 20 February 2014
  160. ^ a b Ukraine death toll rises to 22 as EU talks under way, BBC News, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  161. ^ Train traffic to western regions resumed – railways, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  162. ^ http://www.nytimes.com/2014/02/24/world/europe/as-his-fortunes-fell-in-ukraine-a-president-clung-to-illusions.html?_r=0
  163. ^ Kyiv residents leave city center, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  164. ^ Kyiv subway partially resumes operation, says press service, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  165. ^ Велика Британія тимчасово закрила своє посольство в Києві [UK temporarily closed its embassy in Kiev], in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  166. ^ (UK) ВІДЕОФАКТ: силовики, втікаючи, стріляли з автоматів Калашникова, Radio Svoboda, 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  167. ^ Ukrainian police have been provided with combat weapons – interior minister, su Kyiv Post. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  168. ^ a b Sniper fire brings disturbing new dimension to Ukraine violence, Euronews, 20 febbraio 2014.
  169. ^ (RU) В Донецке на улицах появились биг-борды с рекламой "Беркута", Ukrainian Independent Information Agency. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  170. ^ a b c Unknown people heading towards Ukrainian presidential administration building; shots audible, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  171. ^ a b XSPORT.ua: "Titushky" broke the jaw of Vladislav Kalitvintsev. Champion (Ukraïns'ka pravda). 20 February 2014
  172. ^ a b c d e Ukraine as it happened, Kyiv's bloodiest day, Euronews, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  173. ^ German, French, Polish foreign ministers end six-hour meeting with Yanukovych, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  174. ^ EU demands elections in Ukraine – French foreign minister, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  175. ^ Ukrainian News Agency, Foreign Affairs Ministers Steinmeier Of Germany, Sikorski Of Poland, Fabius Of France To Meet With Yanukovych Again On Thursday-Friday Night. 23:08, Thursday, 20 February 2014.
  176. ^ Ukraine leader Yanukovych willing to hold early elections: Polish PM (Varsavia), Singapore Press, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  177. ^ Ruptly GmbH, Ukraine: European foreign ministers push Yanukovych to call election early. 17:36 (GMT), 20 February 2014; with video.
  178. ^ Європа Погодила Санкції Проти Українських Чиновників, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  179. ^ Council conclusions on Ukraine (PDF), Council of the European Union. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  180. ^ Ukraine unrest: EU sanctions imposed, BBC News, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  181. ^ Scale of sanctions to depend on further developments in Ukraine- EU Council conclusions, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  182. ^ (UK) Єфремов поїхав до Луганська, щоб обдумати варіанти від'єднання Південного Сходу України, – ЗМІ, Espreso TV, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  183. ^ Ukrainian 'love' split between 'motherland' and EU, Euronews, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  184. ^ President appoints 14 regional governors a www.interfax.com.ua Errore: URL di servizio di archiviazione sconosciuto (archiviato 20140202095347), Interfax-Ukraine (18 March 2010)
  185. ^ Crimean speaker in Moscow threatens annexation of the Crimea to Russia Archiviato il 13 aprile 2014 in Internet Archive.. Crimean Tatar question. 21 February 2014
  186. ^ Speaker of the Verkhovna Rada of Crimea ready for separation of peninsula in the case of the collapse of Ukraine. NB News. 20 February 2014
  187. ^ a b Tigipko calls for Rybak's immediate resignation, urgent election of prime minister, Interfax-Ukraine (20 February 2014)
  188. ^ (UK) Тігіпко знайшовся. Був на переговорах з Кличком та Яценюком [Tigipko found. He was in negotiations with Klitschko and Yatsenyuk], in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  189. ^ Anastasia Forina, Serhiy Klyuyev condemns violence, but remains loyal to Yanukovych, in Kyiv Post. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  190. ^ У Рівному саморозпустилася обласна фракція Партії регіонів, in The Insider, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  191. ^ a b c Ten Regions Party MPs, two independent MPs express support for Ukrainian people, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  192. ^ Emergency sitting of Verkhovna Rada opens, UNIAN, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  193. ^ PR faction not to take part in today's sitting of Verkhovna Rada – Oleynyk, Ukrainian Independent Information Agency, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  194. ^ 227 lawmakers registered in VR, sitting resumed, Ukrainian Independent Information Agency, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  195. ^ LIVE Ukraine unrest: Clashes in central Kiev, BBC News, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  196. ^ (UK) Members voted for ceasefire, in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  197. ^ Individual voting. Verkhovna Rada. 20 February 2014
  198. ^ a b Rada condemns use of force causing deaths, bans counter-terrorism operations in Ukraine, Interfax-Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  199. ^ Ukraine parliament holds debate despite Kyiv violence, Euronews, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  200. ^ (UK) Five more MPs left faction PR, in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  201. ^ Uainfo Blogosphere, Бои в регионах: во Львове в казарме Беркута нашли два трупа, Big Mir. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  202. ^ Mat Babiak, Is Russia Opening a 'Crimean Front'?, Ukrainian Policy. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  203. ^ Написав рапорт про звільнення Заступник начальника Генштабу, in Ukrayinska Pravda, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  204. ^ a b c d e EuroMaidan rallies in Ukraine, in Kyiv Post, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  205. ^ (UK) У Київ їдуть батальйон морських піхотинців і дві бригади десантників [To Kyiv are traveling a battalion of marines and two brigades of paratroopers], LB, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  206. ^ До Києва стягують 1,5 тис. десантників і 400 морпіхів, – журналіст [To Kyiv are being pulled 1.5 thousand paratroopers and 400 Marines – journalist], LB, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  207. ^ Замість голосування в парламенті "регіонали" втікали зі столиці, in Ukrayinska Pravda, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  208. ^ Пшонка і Захарченко тікають чартерами з України, Zik, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  209. ^ Police defectors welcomed to Independence Square in Kyiv, Euronews, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  210. ^ Ukraine's Security Service stops preparations for anti-terrorist operation, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  211. ^ Opposition leaders sign deal with president to end crisis in Ukraine, Fox News Channel, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  212. ^ EU foreign ministers praise "risk -taking" Ukrainian protagonists, Euronews, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  213. ^ Agreement on the Settlement of Crisis in Ukraine (PDF), auswaertiges-amt.de. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  214. ^ Ukraine: peace hopes in the air as president loses his powers, in The Daily Telegraph, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  215. ^ Ukraine peace deal signed, opens way for early election, Reuters, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  216. ^ Представник РФ не мав мандату на підписання угоди про кризу – Клюєв | УКРІНФОРМ, Ukrinform.ua, 21 febbraio 2014. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2014).
  217. ^ Tensions high at Kyiv protest camp despite ground-breaking deal, CTV News, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  218. ^ Rada passes bill allowing Tymoshenko's releas, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  219. ^ Парламент звільнив Тимошенко, Espreso TV. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  220. ^ Rada passes bill allowing Tymoshenko's release, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  221. ^ В Раду внесен законопроект об импичменте президенту, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  222. ^ (UK) Парубій: дострокові вибори президента мають відбутися якнайшвидше, in Ukrayinska Pravda, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  223. ^ Автомайдан: Не сприймаємо нічого, крім відставки Януковича, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  224. ^ Кличко вибачився перед Майданом за те, що потис руку Януковичу, The Sports Network. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  225. ^ (UK) Люди Поставили Ультиматум: Відставка Януковича До Ранку, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  226. ^ (UK) У Київській області горить дача Медведчука, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  227. ^ http://www.nytimes.com/2014/02/24/world/europe/as-his-fortunes-fell-in-ukraine-a-president-clung-to-illusions.html
  228. ^ (RU) Верховная Рада, Администрация президента, Кабмин и МВД перешли под контроль Майдана, Ukrainian Independent Information Agency. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  229. ^ Mat Babiak, Coup on the Horizon, Ukrainian Policy. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  230. ^ 28 MPs quit Party of Regions faction in Rada, Interfax-Ukraine (21 February 2014)
  231. ^ Group of 31 deputies who 'have their own opinion' formed in Regions Party faction – Tigipko, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  232. ^ Rada prohibited the anti-terrorist operation, BBC of Ukraine, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  233. ^ ВІТАЛІЙ ЗАХАРЧЕНКО: "У ПОДІЯХ В КИЄВІ ВИННІ БЕЗВІДПОВІДАЛЬНІ ПОЛІТИКИ, MVS Ukraine. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  234. ^ Координатор медичної служби Майдану: за сьогодні вбито від 70 людей, in Ukrayinska Pravda, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  235. ^ (UK) У Сутичках у Києві убито від 67 до 100 людей [In Kyiv in clashes were killed 67 to 100 people], in Ukraïns'ka pravda, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  236. ^ Leaked call raises questions about who was behind sniper attacks in Ukraine, CNN, 6 March 2014.
  237. ^ Estonia denies leaked call implicates Ukraine protesters in killings, Reuters, 5 March 2014.
  238. ^ Ukraine crisis: March 5 as it happened, entry for 15.17, The Telegraph, 5 March 2014.
  239. ^ Mike Eckel, Kiev snipers: Who was behind them?, in Christian Science Monitor, Associated Press, 8 marzo 2014. URL consultato il 10 marzo 2014.
  240. ^ a b Original Dzerkalo Tizhnya/Zerkalo Nedeli interview a www.zn.ua Errore: URL di servizio di archiviazione sconosciuto (archiviato 20140310204230) (in Russian and Ukrainian), 6 March 2014. Retrieved 10 March 2014
  241. ^ Daily Beast: Russian-Trained Snipers Killed Ukrainian Protesters, Newsmax.com, 31 marzo 2014. URL consultato il 4 aprile 2014.
  242. ^ 03.30.14, Exclusive: Photographs Expose Russian-Trained Killers in Kiev, The Daily Beast. URL consultato il 4 aprile 2014.
  243. ^ Yanukovych declares Feb 22–23 days of mourning victims, Interfax-Ukraine, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  244. ^ РИБАК ПОДАВ ЗАЯВУ ПРО ВІДСТАВКУ, su Ukrayinska Pravda. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  245. ^ (RU) Захарченко пересек украино-белорусскую границу, Glavcom, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  246. ^ Ukraine President Yanukovich impeached, Aljazeera.com (22 February 2014)
  247. ^ (UK) On withdrawal of the President of Ukraine from the implementation of constitutional powers and calling early presidential elections in Ukraine, zakon.rada.gov.ua.
  248. ^ Daisy Sindelar, Was Yanukovych's Ouster Constitutional?, Radio Free Europe/Radio Liberty (Rferl.org), 23 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014.
    «[I]t is not clear that the hasty February 22 vote upholds constitutional guidelines, which call for a review of the case by Ukraine's Constitutional Court and a three-fourths majority vote by the Verkhovna Rada – i.e., 338 lawmakers.».
  249. ^ Ukraine: Speaker Oleksandr Turchynov named interim president, BBC News, 23 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  250. ^ Ukraine protests timeline, BBC News, 23 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  251. ^ Turchinov elected as speaker of Ukrainian Parliament, Voice of Russia, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  252. ^ Ukraine parliament removes Yanukovich, who flees Kiev in "coup", 14 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  253. ^ В Киеве разгромили офис ЦК КПУ [In Kiev, Communist Party Central Committee Office was destroyed], Gazeta.ua, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  254. ^ Пограничники отказались выпустить самолет Януковича из Донецка [Border guards refused to release Yanukovich's plane in Donetsk], in Zerkalo Nedeli, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  255. ^ Экс-глава МВД Захарченко пытался покинуть Украину [Ex-Interior Minister Zaharchenko tried to leave Ukraine], in Zerkalo Nedeli, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  256. ^ Янукович пытается сбежать из Севастополя на корабле, – депутат, in Argumenty Nedeli, 24 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2014).
  257. ^ Янукович тікає морем | Українська правда – Блоги, Blogs.pravda.com.ua. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  258. ^ Interfax-Ukraine, Avakov: Yanukovych put on wanted list, in Kyiv Post, 24 febbraio 2014.
  259. ^ Yanukovych declared wanted – Avakov, in UNIAN, 24 febbraio 2014.
  260. ^ a b Rada asks Hague court to punish those responsible for crimes against humanity during peaceful protests in Ukraine, Interfax-Ukraine (25 February 2014)
  261. ^ Yanukovych, Zakharchenko put on international wanted list, says prosecutor general, Interfax-Ukraine (26 February 2014)
  262. ^ Yanukovych, Kliuyev, Pshonka, Zakharchenko, Yakymenko, Shuliak face murder charges – PGO, Interfax-Ukraine (26 February 2014)
  263. ^ Anastasia Vlasova, Ukrainians celebrate EuroMaidan's triumph, su Kyiv Post. URL consultato il 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  264. ^ Parliament appoints Avakov acting interior minister, Interfax-Ukraine (22 February 2014)
  265. ^ Ukrainian parliament expresses no-confidence to Viktor Pshonka, Trend News Agency (22 February 2014)
  266. ^ На Украине отменили закон о региональном статусе русского языка, Lenta.ru. URL consultato il 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  267. ^ Ukrainian parliament dismisses foreign, health and education ministers, authorizes speaker to act as president, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  268. ^ Ukrainian parliament to appoint and dismiss judges, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  269. ^ Верховная Рада продолжает увольнять людей Януковича, Nr2.ru, 30 maggio 2005. URL consultato il 12 marzo 2014.
  270. ^ Ukraine's parliament appoints new central bank chief, Reuters (24 February 2014)
  271. ^ (UK) MPs changed the head of the National Bank, Ukraïns'ka pravda (24 February 2014)
  272. ^ Ukrainian parliament appoints Nalyvaichenko as security service chief, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  273. ^ a b Party of Regions faction becomes opposition, Kyiv Post (24 February 2014)
  274. ^ Government should be approved on Thursday – Turchynov, Interfax-Ukraine (25 February 2014)
  275. ^ Ukraine seeks agreement on national unity government by Tuesday, Reuters (23 February 2014)
  276. ^ Rada creates Group for Economic Development Archiviato il 30 maggio 2014 in Internet Archive., Radio Ukraine (25 February 2014)
  277. ^ (UK) Депутатські фракції і групи VII скликання Deputy fractions and Groups VII convocation, Verkhovna Rada
  278. ^ Turchynov assumes duties of supreme commander-in-chief of Ukrainian Armed Forces, Interfax-Ukraine (26 February 2014)
  279. ^ Про прийняття обов'язків Верховного Головнокомандувача Збройних Сил України, zakon1.rada.gov.ua, 26 febbraio 2014.
  280. ^ Rada decides to release political prisoners, including Pavlychenko family, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  281. ^ Rada dismisses Constitutional Court judges appointed from its quota, proposes acting president and congress of judges dismiss the rest, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  282. ^ Address of judges of the Constitutional Court of Ukraine to European and international organisations and human rights institutions, Constitutional Court of Ukraine official web site, 27 febbraio 2014. URL consultato il 20 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2014).
  283. ^ Yatseniuk, confirmed as prime minister, accuses Yanukovych administration robbing Ukraine of $70 billion; 'treasury is empty', in Kyiv Post, 27 febbraio 2014.
  284. ^ Stephen Ennis, BBC News - Ukraine hits back at Russian TV onslaught, Bbc.com, 12 marzo 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  285. ^ Київське метро зупинило рух, Pravda.com.ua. URL consultato il 13 marzo 2014.
  286. ^ Макеєнко: Метро не працюватиме, доки у Києві не буде безпечно, Zik.ua, 20 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2014).
  287. ^ У Києві припинило роботу метро, Ua.racurs.ua, 18 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2014.
  288. ^ Макеєнко відмовився відновлювати роботу метрополітену, Pravda.com.ua, 20 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2014.
  289. ^ (HR) Роботу метро в Києві треба відновити негайно – колишній голова КМДА, Голос Столиці. Всі права захищені. URL consultato il 2 febbraio 2016 (archiviato il 22 dicembre 2015).
  290. ^ Метрополітен перевозить "тітушок" з Позняків на Печерськ, Gazeta.lviv.ua, 20 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2014.
  291. ^ Київське метро відмовилося перевозити "тітушок", Fakty.ictv.ua. URL consultato il 13 marzo 2014.
  292. ^ У Києві частково відновлено роботу метро, Dt.ua. URL consultato il 13 marzo 2014.
  293. ^ Володимир В'ятрович, У Києві відновили роботу метро, однак не працюватимуть пересадочні станції, Pohlyad.com, 28 febbraio 2014. URL consultato il 13 marzo 2014.
  294. ^ (UK) Kiev subway fully resumed, and in the street too, Ukraïns'ka pravda (24 February 2014).
  295. ^ Head of Ukrainian Interior Ministry signs order to dissolve "Berkut" , Voice of Russia (25 February 2014)
  296. ^ Russian interior bodies created in Crimea and Sevastopol, ITAR-TASS (25 March 2014)
  297. ^ Steve Gutterman, Putin signs Crimea treaty, will not seize other Ukraine regions, Reuters.com. URL consultato il 26 marzo 2014.
  298. ^ Ukraine: Speaker Oleksandr Turchynov named interim president, BBC News (23 February 2014)
    Ukraine protests timeline, BBC News (23 February 2014)
  299. ^ Cathy Young, Fascism Comes to Ukraine -- From Russia, 21 maggio 2014.
  300. ^ Общественный союз "Украинский фронт" 22 февраля проведет съезд депутатов юго-восточных областей страны, Kommersant.ru, 22 febbraio 2013. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  301. ^ Клюев заставляет губернаторов ехать в Харьков на сьезд за федерализацию —Главком, Glavcom. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  302. ^ Dmitry Zaks, Militants threaten to shatter fragile Ukraine truce – Yahoo News, Yahoo! News, 20 aprile 2011. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  303. ^  ? Как к Вам обращаться?, Янукович с Клюевым и Рыбаком вылетели в Харьков [Yanukovych, along with Klyuev and Rybak flew to Kharkiv], Gazeta.ua, 5 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  304. ^ Янукович прибыл в Харьков и может принять участие в съезде депутатов юго-восточных областей – источник, Interfax-Ukraine, 20 ottobre 2012. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  305. ^ (UK) СБУ порушила кримінальні справи проти Добкіна і Кернеса – Луценко, Zik. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  306. ^ Депутаты на съезде в Харькове берут на себя полноту власти на Юго-востоке и в Крыму – резолюция, Gazeta.ua, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  307. ^ Clashes in Ukraine, Radio Free Europe/Radio Liberty, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  308. ^ Kharkiv mayor, governor flee Ukraine across border with Russia – acting interior ministry's spokesperson, Interfax-Ukraine, 22 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  309. ^ Ian Traynor, Western nations scramble to contain fallout from Ukraine crisis, in The Guardian, 24 febbraio 2014.
  310. ^ Sabra Ayres, Is it too late for Kiev to woo Russian-speaking Ukraine?, in CSM, 28 febbraio 2014.
  311. ^ Ukraine’s parliament-appointed acting president says language law to stay effective, ITAR-TASS, 1º marzo 2014.
  312. ^ Mark Mackinnon, Globe in Ukraine: Upheaval widens fractures between east and west, The Globe and Mail. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  313. ^ BBC News – Ukraine conflict: 'Raw anger' in divided Kharkiv, Bbc.co.uk, 1º gennaio 1970. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  314. ^ Пам'ятник Леніну у Харкові демонтують у вівторок | УКРІНФОРМ, Ukrinform.ua, 21 agosto 2013. URL consultato il 24 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).
  315. ^ Oplot leader faces criminal charges, Interfax-Ukraine (24 February 2014)
  316. ^ Елена Захаренкова , На площади Свободы – митинг "патриотичных харьковчан" – Новости Харькова и Харьковской области. МГ "Объектив", Objectiv.tv. URL consultato il 12 marzo 2014.
  317. ^ В Донецке пророссийские активисты штурмовали обладминистрацию – Украина – zn.ua, Wayback.archive.org, 7 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  318. ^ http://www.nytimes.com/2014/03/04/world/europe/russias-hand-can-be-seen-in-the-protests.html
  319. ^ Why Ukraine is dialing back its military offensive in anarchic east (+video), 29 aprile 2014. URL consultato il 30 aprile 2014.
  320. ^ Mat Babiak, Southeast Statistics, in Kyiv International Institute of Sociology; Ukrainian Policy (Kiev), 19 aprile 2014. URL consultato il 20 aprile 2014.
  321. ^ Reuters, Ousted Ukrainian President Asked For Russian Troops, Envoy Says, NBC News, 3 marzo 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  322. ^ Vladimir Radyuhin, Russian Parliament approves use of army in Ukraine, in The Hindu (Chennai, India), 1º marzo 2014.
  323. ^ Shaun Walker, Russian takeover of Crimea will not descend into war, says Vladimir Putin, in The Guardian, 4 marzo 2014. URL consultato il 4 marzo 2014.
  324. ^ Sangwon Yoon, Daryna Krasnolutska e Kateryna Choursina, Russia Stays in Ukraine as Putin Channels Yanukovych Request, in Bloomberg News, 4 marzo 2014. URL consultato il 5 marzo 2104.
  325. ^ a b First the president, now Lenin: Stunning map reveals 100 statues of Soviet leader have been toppled in Ukraine, Daily Mail, 25 febbraio 2014. URL consultato il 25 maggio 2014.
  326. ^ Right-wing opposition pulls down monument to Lenin in Ukraine's Zhitomir, ITAR-TASS, 21 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  327. ^ Во Львовской области демонтировали памятник советскому солдату (фото), segodnya.ua, 23 febbraio 2014. URL consultato il 22 aprile 2014.
  328. ^ Демонтували пам’ятник "Солдату" (фото, відео), Stryi.com.ua, 15 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  329. ^ В Киеве "евромайданщики" осквернили братскую могилу рабочих "Арсенала" (фото) | Новости Одессы, Dumskaya.net, 27 gennaio 1970. URL consultato il 19 maggio 2014.
  330. ^ В Днепропетровске осквернили памятники Славы, афганцам и генералу Пушкину, KP.UA. URL consultato il 19 maggio 2014.
  331. ^ Another Russophobic vandalism act took place in Lvov Region: monument to Russian army commander Kutuzov was pulled down. Stop this outrage, Twitter, 25 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  332. ^ Ukraine protests 'spread' into Russia-influenced east, BBC News, 26 gennaio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  333. ^ IMF’s New Cold War Loan to Ukraine,' Counterpunch September 09, 2014
  334. ^ Ukraine agrees to 50% gas price hike amid IMF talks, BBC News, 26 marzo 2014. URL consultato il 26 marzo 2014.
  335. ^ Anders Aslund, Ukraine can now fix its economy – if it moves fast, FT.com, 25 febbraio 2014. URL consultato il 1º aprile 2014.
  336. ^ Dynamo to play Valencia in Cyprus, UEFA, 19 febbraio 2014.
  337. ^ Soccer-Dynamo Kiev game against Valencia moved to Cyprus, Yahoo!, 19 febbraio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  338. ^ Officially. Match "Dynamo" – "Valencia" will be held in Cyprus, in Ukraïns'ka pravda, Champion, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  339. ^ Dnipro, Spurs honor Ukraine protests victims, in Boston Herald, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  340. ^ Viktoria vs Shakhtar: full house, player kit, respect, FC Shakhtar Donetsk, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  341. ^ Europa League: Valencia claim 2–0 win over Dynamo Kyiv in Cyprus, Sky Sports, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  342. ^ Частину матчів Чемпіонату України "Суперліга" перенесено, Superleague.ua. URL consultato il 12 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2014).
  343. ^ The basketball championship of Ukraine suspended, Rupaper.com, 25 febbraio 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  344. ^ Початок весняної частини змагань перенесено, Fpl.ua. URL consultato il 12 marzo 2014.
  345. ^ USA-Ukraine soccer friendly moved to Cyprus
  346. ^ "Donbass" arrived to Bratislava, HCDonbass.com, 16 marzo 2014. URL consultato il 29 marzo 2014.
  347. ^ About condemnation of the violence that led to the deaths of peaceful citizens of Ukraine, Verkhovna Rada, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  348. ^ About condemning violence in Ukraine, which led to loss of life, Verkhovna Rada, 21 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  349. ^ a b c EuroMaidan rallies in Ukraine (Feb. 18–19 night live updates), in Kyiv Post, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  350. ^ Лукаш обвинила оппозицию в срыве договоренностей с властью, Segodnya.ua, 18 febbraio 2014. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  351. ^ Kolesnichenko says that deaths of Maidan are on the conscience of Merkel, in Ukraïns'ka pravda, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  352. ^   Inna Bohoslovska on hromadske, su YouTube.. Hromadske TV. 18 February 2014
  353. ^ At the corner of Shovkovnycha and Instytutska rioters used firearms in the direction of law enforcement officers, MVS, 18 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  354. ^ Tymoshenko requests to stop talks with Yanukovych, in Ukrayinska Pravda. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  355. ^ Umland, Andreas, KYIV’S EUROMAIDAN IS A LIBERATIONIST AND NOT EXTREMIST MASS ACTION OF CIVIC DISOBEDIENCE, Change.org. URL consultato il 28 luglio 2014.
  356. ^ Crimean lawmakers urge Yanukovych to take extraordinary measures to settle crisis, su Kyiv Post, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  357. ^ (RU) Rossiysky Project, Новостной портал | Украинская правда, Ukrayinska Pravda. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  358. ^ (RU) Я – тоже украинец. Это сейчас самое высокое в мире звание, – российский журналист цитирует Джемилева на Евромайдане, Censor.net.ua. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  359. ^ (RU) СКМ – Медиа-центр – СКМ в прессе, Scm.com.ua, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  360. ^ Akhmetov holding calls for reform in Ukraine, Interfax-Ukraine (26 February 2014)
  361. ^ Ukraine Violence 'Unacceptable,' U.N. Chief Ban Ki-Moon Says, NBC News, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  362. ^ a b Ukraine: Alarmed West calls for restraint and dialogue, in Euronews, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  363. ^ Statement by President Barroso on Ukraine, su Press Releases Database, European Commission. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  364. ^ Ukraine: Swiss OSCE Chair offers measures to end violence and resume political route out of crisis, Organization for Security and Co-operation in Europe. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  365. ^ Secretary General Jagland: Ukrainian parliament should now have serious debate on how to end crisis, su Newsroom, Council of Europe. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  366. ^ Auswärtiges Amt – Information Service – Joint declaration by the Foreign Ministers of Poland, Germany and France on the situation in Ukraine, Auswaertiges-amt.de, 28 febbraio 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  367. ^ Armenia hopes for Ukraine peace after deadly clashes in Kiev, in ArmeniaNow, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  368. ^ Australia condemns violence in Ukraine, Australian Department of Foreign Affairs and Trade, 19 febbraio 2014. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  369. ^ Canada Appalled by Renewed Violence in Ukraine, Foreign Affairs, Trade and Development Canada. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  370. ^ Canada to Provide More Medical Supplies to Ukrainians, Foreign Affairs, Trade and Development Canada. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  371. ^ Comunicado del Ministerio de Relaciones Exteriores sobre la situación en Ucrania - See more at: http://www.cancilleria.gov.co/newsroom/news/comunicado-del-ministerio-relaciones-exteriores-sobre-la-situacion-ucrania#sthash.ddyiY7pM.dpuf, in Ministry of Foreign Affairs of Colombia, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  372. ^ Minister Zaorálek to Ukrainian Ambassador: Unacceptable treatment of protestors, Ministry of Foreign Affairs of the Czech Republic. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  373. ^ Foreign Minister Urmas Paet: violence in Ukraine is unacceptable, Estonian Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  374. ^ Statement by Foreign Minister Tuomioja on the situation in Ukraine, Ministry for Foreign Affairs for Finland. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  375. ^ Georgian MFA 'Strongly Condemns' Violence in Kiev, in CivilGeorgia, 19 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  376. ^ Margvelashvili on Ukraine Violence: 'No Govt Can Get Away with Use of Arms Against Own People', in Civil Georgia, 20 febbraio 2014. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  377. ^ Kiev protests are sign Ukraine has turned to EU, says Georgia minister, The Guardian, 27 febbraio 2014.
  378. ^ Ynetnews, Reuters, Israel Breaks Silence on Ukraine: We Hope Conflict is Resolved Peacefully, in Ynetnews, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014.
  379. ^ Ukraine: Bonino urges decisive but gradual EU action, long crisis ahead, Italian Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  380. ^ Foreign Minister at UN raises the issue of situation in Ukraine, Ministry of Foreign Affairs. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  381. ^ MFA Statement on situation in Ukraine, Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Lithuania. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  382. ^ (PL) Michael Kuttner, Jyllands-Posten: w reakcji Polski na sytuację na Ukrainie widać stanowczość i decyzyjność, 21 lutego 2014 [There's a decisiveness in the Poland's reaction, 21 February 2014], in MSZ w Mediach, nº 2014. URL consultato il 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2014).
  383. ^ Nicholas Winning, U.K. Foreign Secretary Says Britain Working With New Ukraine Government, in Wall Street Journal, 24 febbraio 2014.
  384. ^ (RO) TB, on the situation in Ukraine, România TV. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  385. ^ Adauga pe Facebook, VP is making an appeal to peace on behalf of Romania, Digi24.ro. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  386. ^ Росія вважає Захід винним в ескалації конфлікту в Україні | INSIDER, Theinsider.ua, 19 febbraio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  387. ^ (RU) Кремль оценивает события на Украине как попытку госпереворота, su Izvestia. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  388. ^ (UK) Russia is concerned about the fate of "Inter" and Russian channels in Ukraine, Ukraïns'ka pravda (25 February 2014)
  389. ^ Widening rifts over Ukraine, BBC News, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  390. ^ Obama: 'Consequences if Ukraine violence continues', BBC News, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  391. ^ Obama warns Ukraine of consequences if violence continues, Reuters, 19 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  392. ^ US imposes visa ban on 20 Ukrainians over Euromaidan riots, news.biharprabha.com. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  393. ^ How Obama and Soros Put Actual Nazis in Power in Ukraine. (PDF). Larouche Pac. 2017.
  394. ^ Ukraine crisis: Obama attacks Putin over Russia's role, in The Guardian, 20 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  395. ^ Negli USA accuse contro Obama e Soros: registi del colpo di stato in Ucraina. Gleb Garanich. Reuters. Mondo. 24 febbraio 2017.
  396. ^ (EN) International Day of Action: Ukraine Coup 2014, United States 2017. Larouche Pac. 21 febbraio 2017.
  397. ^ Turkey calls for Stabilization of Situation in Ukraine, news.biharprabha.com. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  398. ^ Ministry of Foreign Affairs of Hungary urges peaceful solution to the Ukrainian crisis, su Ministry of Foreign Affairs of Hungary, kormany.hu. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  399. ^ Cosmin Ruscior, PSD Senator MG on the Ukrainian situation, Rfi.ro. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  400. ^ Леонид Кравчук: "В Киеве надо вводить чрезвычайное положение", su Izvestia. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).