Margherita II di Danimarca

regina di Danimarca

Margherita II di Danimarca (all'anagrafe Margrethe Alexandrine Þórhildur Ingrid; Copenaghen, 16 aprile 1940) è stata regina di Danimarca dal 1972 al 2024.

Margherita II di Danimarca
La regina Margherita II nel 2012
Regina di Danimarca
Stemma
Stemma
In carica14 gennaio 1972 –
14 gennaio 2024
(52 anni e 0 giorni)
PredecessoreFederico IX
SuccessoreFederico X
Erede al trono di Danimarca
In carica5 giugno 1953 –
14 gennaio 1972
(18 anni e 223 giorni)
PredecessoreKnud
SuccessoreFederico
Nome completodanese: Margrethe Alexandrine Þórhildur Ingrid
italiano: Margherita Alessandrina Þórhildur Ingrid
TrattamentoSua Maestà
Altri titolisi veda sezione
NascitaPalazzo di Amalienborg, Copenaghen, Danimarca, 16 aprile 1940 (84 anni)
Casa realeSchleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
PadreFederico IX di Danimarca
MadreIngrid di Svezia
ConsorteHenri de Laborde de Monpezat
FigliFederico
Gioacchino
ReligioneLuteranesimo danese
Motto(DA) Guds hjælp, Folkets kærlighed, Danmarks styrke
(IT) L'aiuto di Dio, l'amore del popolo, la forza della Danimarca
Firma

Figlia maggiore di Federico IX e della regina Ingrid, divenne l'erede al trono di suo padre nel 1953, anno in cui un emendamento costituzionale permise alle donne di far parte della linea di successione.[1] Così divenne la prima sovrana in Danimarca dai tempi di Margherita I, che governò sull'Unione di Kalmar.[1] Prima di accedere al trono, sposò nel 1967 il conte francese Henri de Laborde de Monpezat, da cui ha avuto i figli Federico X e Gioacchino.[1]

Durante il suo regno ha ampliato la modernizzazione della monarchia avviata dal padre.[2] È nota per la sua presenza pubblica sicura e discreta, che ha portato a una maggiore apertura della casa reale.[2] Degni di nota sono i suoi interessi per l'arte (da studentessa illustrò Il Signore degli Anelli) e per l'archeologia, che ha coltivato sin dalla giovinezza.[3][4] Ha abdicato al trono in favore del primogenito in coincidenza con il suo 52⁰ anniversario di regno, il 14 gennaio 2024.[5]

Il suo regno è stato definito il più longevo della storia danese nel luglio del 2023, avendo superato quello di Cristiano IV (che fu il titolare ufficiale del trono per sei decenni, ma di fatto governò per 51 anni).[6]

Biografia

modifica

Infanzia ed erede al trono

modifica
 
La principessa Margherita nel 1954

Margherita II è nata alle 10:10 del 16 aprile 1940 nel palazzo di Federico VIII ad Amalienborg, primogenita del principe ereditario Federico e di Ingrid di Svezia.[7] Venne alla luce a una settimana dall'invasione della Danimarca da parte della Germania nazista, motivo per il quale la sua nascita venne celebrata issando le bandiere nazionali, senza sparare i consueti 21 colpi di cannone.[7] Fu battezzata il 14 maggio nella chiesa di Holmen e i suoi padrini furono il nonno Cristiano X, lo zio Knud, il principe Axel, il bisnonno Gustavo V di Svezia, il nonno e lo zio Gustavo Adolfo e il bisnonno Arturo di Sassonia-Coburgo-Gotha.[7] Le furono dati i seguenti nomi:

Sin dalla liberazione avvenuta nel maggio del 1945, Margherita ebbe modo di coltivare l'interesse per il teatro e in seguito per il balletto con la ballerina Edel Pedersen.[7] A 13 anni fu ammessa come membro nell'Associazione Ornitologica Danese.[7]

All'epoca della sua nascita, le leggi che regolavano la linea di successione al trono accettavano solamente gli uomini come potenziali sovrani.[10] Si trattava di una disposizione ormai percepita come obsoleta, al punto che sia la politica che la popolazione iniziarono a volerne una revisione, anche perché Margherita non aveva fratelli maschi (l'erede al trono era infatti suo zio Knud).[10] Un referendum indetto nel 1953 accettò le donne alla successione in assenza di figli di sesso maschile (tale condizione fu applicata in seguito alle richieste dei conservatori).[11][12]

Secondo la storica Jeanette Varberg, il fatto che i danesi scelsero consapevolmente Margherita come futura monarca è stato un punto di riferimento per il raggiungimento della parità tra i sessi nella società danese.[11] Acquisì ufficialmente il titolo di "erede al trono" il 5 giugno dello stesso anno.[8][12] Il 1⁰ aprile 1955 venne cresimata nel palazzo di Fredensborg.[7]

Istruzione

modifica
 
Margherita II nel 1975

Dal 1946 ricevette la sua prima istruzione all'interno della residenza reale, fino al 1949, e frequentò anche la scuola privata N. Zahles Skole fino al 1955.[12] Da allora studiò per un anno presso il North Foreland Lodge, un collegio nell'Hampshire, poi tornò alla N. Zahles Skole dove si diplomò nel giugno 1959.[7][12]

Dal 1958 prestò servizio militare volontario nel Kvindeligt Flyverkorps, fino al 1970.[7] Il 16 aprile dello stesso anno, compiuti i 18 anni, venne ammessa nel Consiglio di Stato in qualità di erede al trono.[7] Da allora poté presiederne le riunioni in caso di assenza del re.[8] Dalla fine degli anni '50 iniziò a viaggiare in Italia con il nonno materno, Gustavo VI Adolfo, con il quale condivideva la passione per l'archeologia.[7] Lavorò anche sui siti di scavo del deserto nubiano e in Thailandia.[9]

Nel 1959 visitò per la prima volta le Isole Fær Øer e nel 1960 la Groenlandia.[7] Si recò anche con Astrid di Norvegia e la cugina Margherita di Svezia in visita agli studi della Paramount Pictures a Hollywood, in occasione dell'apertura di una nuova rotta aerea della Danimarca, dove poté incontrare Elvis Presley.[7] In questi anni iniziò a compiere anche viaggi istruttivi, come in Egitto (1962), effettuando ricerche ad Abu Simbel, sul tempio di Ramses II, in Oriente (1963) e America Latina (1966).[13][14]

Nel 1960 superò l'esame di filosofia all'Università di Copenaghen e si diplomò in archeologia preistorica al Girton College a cavallo con il 1961.[1][7][12] Da allora studiò fino al 1962 scienze politiche presso l'Università di Aarhus, alloggiando nel Collegio 9.[7] Infine entrò nel 1963 all'Università di Parigi e alla London School of Economics nel 1965.[12] Nel 1964 divenne membro della Società Reale Nordica degli Antiquari.[13] Oltre al danese, padroneggia l'inglese, il francese, lo svedese e il tedesco.[7]

Matrimonio

modifica
 
Henri e Margherita all'Aia nel 1967

Nella primavera del 1965 incontrò il diplomatico francese Henri de Laborde de Monpezat in una cena a Londra.[8] Dopo successivi incontri si rividero nel 1966 per un matrimonio in Scozia.[8] Il 5 ottobre fu annunciato il loro fidanzamento e il 10 giugno 1967 si sposarono nella chiesa di Holmen.[8]

Stabilitisi nel palazzo di Cristiano IX ad Amalienborg, nel medesimo anno fondarono l'attuale Dronning Margrethes og Prins Henriks Fond per scopi culturali, scientifici e sociali.[7][15] Nel 1974 acquistarono come residenza privata il castello de Cayx a Luzech.[8]

Anni 1970

modifica
 
Margherita II nell'ottobre 1975

Margherita salì al trono il 14 gennaio 1972, giorno della morte di suo padre Federico IX.[8] Scrisse il proprio motto "L'aiuto di Dio, l'amore del popolo, la forza della Danimarca" e venne proclamata regina il 15 gennaio sul balcone del palazzo di Christiansborg dal primo ministro Jens Otto Krag.[3][8] Adottò il "II" come numerale in riconoscimento al regno di Margherita I che, anche se non fu ufficialmente regina, di fatto governò come tale.[7]

Ereditò il trono in un momento di crescita del numero dei repubblicani, dopo gli eventi legati al movimento del Sessantotto, messo comunque in secondo piano dall'adesione del paese alla Comunità economica europea (CEE).[8][16] Nel 1972 fu anche nominata colonnello in capo alleato nel Queen's Regiment del British Army.[12][17] Alla vigilia di capodanno si rivolse alla nazione parlando dell'ingresso della Danimarca nella CEE, della guerra del Vietnam e della consapevolezza ambientale.[18]

Nel 1973 compì le sue prime visite di Stato recandosi in Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia.[12] Visitando Amburgo, il 21 giugno 1974 firmò con suo marito il Libro d'Oro della città.[19] Nel 1978 ebbe luogo un importante incontro con la minoranza danese dello Schleswig meridionale, in quanto fu il primo regnante danese a visitare la regione da 114 anni.[13]

Nel settembre del 1979 fu anche il primo capo di Stato occidentale a recarsi in viaggio in Cina, dopo il lancio della politica di "riforma e apertura".[20] Nello stesso anno fu inclusa nel libro Student i Aarhus di Gustav Albecks, raccontando dei suoi studi trascorsi ad Aarhus nel titolo Det urolige paradis.[13]

Anni 1980-1990

modifica
 
Margherita II con Paul Reeves, 1987

Nel discorso di fine anno del 1984 commentò il rapporto tra la società danese e gli immigrati.[21] In particolare criticò i "commenti stupidi" e la freddezza delle persone nei confronti dei rifugiati, invitando la popolazione all'inclusione dei meno integrati come punto di partenza per migliorare la società.[21] Le sue dichiarazioni fecero scalpore in un periodo in cui era in corso un dibattito sui diritti degli stranieri.[21]

Il termine "dumsmarte", traducibile dal danese con la parola "stupido", fu da allora di impiego comune nel vocabolario danese.[22] Nel 1985 venne ritratta nelle serigrafie dall'artista statunitense Andy Warhol per la serie Reigning Queens.[23][24] Nell'aprile del 1989 vinse il Modersmål-Prisen per l'utilizzo particolarmente attento ed efficace della lingua danese nell'ambito dei suoi discorsi pubblici.[7][25][26]

A dicembre dello stesso anno decise di restituire l'Ordine della Stella di Romania ricevuta per la prima volta nel 1980 da Nicolae Ceaușescu.[27] Alla fine del 1992, anno in cui la Danimarca vinse il Campionato europeo di calcio, dichiarò che l'orgoglio per il proprio paese non deve mai mutare in un "nazionalismo sterile e rifiutante che sfocia nella xenofobia e nel disprezzo per le persone diverse".[28]

Nel 1997 divenne colonnello in capo del Princess of Wales's Royal Regiment del British Army.[7] Fu anche l'anno in cui vennero celebrati i suoi 25 anni di regno, mostrando il rispetto e l'affetto di cui godeva presso la popolazione.[2]

Anni 2000-2010

modifica
 
Margherita II con Lula nel 2007

Nel 2004 le fu conferito l'Hans Christian Andersen Priskomite per aver diffuso la conoscenza delle fiabe di Andersen attraverso l'impegno personale e artistico.[29]

In un'intervista riportata nella biografia autorizzata Margrethe (2005), scritta dalla giornalista Annelise Bistrup, dichiarò: "C'è qualcosa di impressionante nelle persone per le quali la religione permea la vita dalla mattina alla sera" e definì l'islam radicale una "sfida che dobbiamo prendere sul serio. [...] Perché ci sono alcune cose verso le quali non dovremmo essere tolleranti. [...] quando siamo tolleranti, bisogna sapere se è per comodità o per convinzione".[28][30][31]

Nel 2006 affermò che fosse importante comprendere i valori sui cui si basa la propria nazione, affinché coloro che giungono da altri paesi possano meglio comprendere la cultura danese per poi "inserirsi nella società".[28] Nel 2010 il suo messaggio di fine anno fu trasmesso per la prima volta a livello globale dalla DR, consentendo di seguire il discorso ai cittadini residenti all'estero.[32] Dal 3 al 6 febbraio 2011 si recò in visita di Stato in Bahrein per rafforzare i legami culturali e archeologici con la Danimarca.[33]

Tuttavia, il viaggio causò scontentezza tra i partiti politici e l'opinione pubblica, poiché la regina conferì il prestigioso Ordine del Dannebrog al re assoluto Hamad bin Isa Al Khalifa.[34] Diverse parti si rivolsero al Ministero degli affari esteri, che contribuisce alla pianificazione dei viaggi ufficiali.[34] A marzo visitò in uniforme a Helmand i militari danesi impegnati nella guerra in Afghanistan.[35][36] L'anno successivo rilasciò numerose interviste televisive nell'ambito delle celebrazioni del giubileo di rubino per i suoi 40 anni di regno.[37]

Il 16 aprile 2015, in occasione dei suoi 75 anni, la Regia accademia danese di scienze e lettere istituì per la durata di venticinque anni il "Premio Scientifico della Regina Margherita II", che consiste in 100.000 corone da assegnare ogni anno a un ricercatore sotto i 50 anni.[7] Nell'ottobre 2016 pubblicò il libro De dybeste rødder con il giornalista Thomas Larsen, in cui scrisse la storia della Danimarca a partire dalla preistoria ed espose le sue visioni in merito ai problemi d'integrazione del paese.[28][38]

Anni 2020

modifica
 
Margherita II nel 2016

La sera del 17 marzo 2020 tenne un discorso alla popolazione, invitando con tono rimproverante i cittadini a rispettare le precauzioni stabilite dal governo per contrastare la diffusione del COVID-19.[8][39]

In un'intervista per il Politiken ad aprile, affermò di non credere che l'uomo fosse responsabile in modo diretto dei cambiamenti climatici e anche che "farsi prendere dal panico è un pessimo modo di affrontare i problemi".[40] Le sue affermazioni fecero scaturire un dibattito tra chi riteneva che la regina non dovesse esprimersi su un tema così importante e chi invece la sosteneva nella sua seconda considerazione.[40] Il parlamentare Sikandar Siddique giudicò quanto affermato "un'ingerenza grossolana, irresponsabile e decisamente fuorviante nel dibattito politico".[40]

Nel luglio 2021 fece l'ultimo viaggio del suo regno nelle Fær Øer e a ottobre fu in Groenlandia.[41][42] In autunno fu intervistata da diciotto danesi nel palazzo di Fredensborg e tra il 10 e il 13 novembre intraprese un'ultima visita di Stato recandosi in Germania.[43][44] Durante il suo regno compì 55 viaggi e accolse in Danimarca 59 capi di Stato.[45][46] Il 14 gennaio 2022 ebbe inizio l'anno giubilare per celebrare il suo mezzo secolo sul trono, con alcuni eventi rimandati nel corso dell'anno, prima a causa del COVID-19 e poi per la morte di Elisabetta II del Regno Unito.[47][48] Venne insignita del Nordic Association's Language Award a settembre da Sonja di Norvegia, in riconoscimento al ruolo ricoperto per la comunità, la cooperazione e la lingua dei paesi nordici.[49] Proprio per l'uso che fece della lingua in ambito pubblico, ricevette a novembre il Danske Taler's Honorary Award.[49]

Come atto volto ad ammodernare la monarchia, il 28 settembre del 2022 la casa reale divulgò la decisione della sovrana di revocare i titoli di principi ai figli del suo secondogenito dal 1⁰ gennaio 2023, mantenendo loro il rango comitale.[8] Lo scopo di Margherita II, secondo un comunicato ufficiale, era rendere i nipoti più indipendenti dall'istituzione monarchica.[50] Nel gennaio del 2023 si dimise dal ruolo di patrona del premio Hans Christian Andersen, dopo che come presidente di giuria venne eletta l'illustratrice russa Anastasia Arkhipova, sostenitrice delle motivazioni di Putin volte a giustificare l'invasione dell'Ucraina.[51][52]

Abdicazione

modifica
 
Margherita II nel giorno dei suoi 83 anni dal balcone di Amalienborg

Il 31 dicembre 2023, concludendo il discorso di fine anno alla nazione, annunciò la volontà di abdicare menzionando l'intervento subito alla schiena a febbraio.[53][54]

Il primo ministro Mette Frederiksen rilasciò un comunicato ufficiale, affermando che "la regina Margherita è l'epitome della Danimarca e nel corso degli anni ha espresso parole e sentimenti su chi siamo come popolo e come nazione".[53][55] Aveva sempre dichiarato che avrebbe regnato fino alla morte e i media danesi hanno definito l'annuncio come "assolutamente storico".[56] Margherita II, infatti, è il primo monarca danese ad abdicare dai tempi di Cristiano II, che lasciò il trono nel 1523.[56]

Dall'8 al 12 gennaio 2024 la DR e la TV 2 trasmisero il programma Danmarks dronning - den største tak, riunendo personalità quali musicisti e artisti come ringraziamento al servizio della regina.[57][58] Nella serata dell'ultima puntata è stato trasmesso un videomessaggio in cui Margherita II ha a sua volta ringraziato i presenti dal palazzo di Amalienborg.[59] Ha firmato l'atto di abdicazione il 14 gennaio, dopo aver riunito il Consiglio di Stato presso il palazzo di Christiansborg alle ore 14:00.[5]

Nel 1992 fu operata per artrosi al ginocchio sinistro e nel 1993 al ginocchio destro a causa di altri dolori.[60] Nel luglio del 1994 subì un intervento all'Ospedale municipale di Aarhus per la rimozione di un tumore dell'utero.[60] Nel 1996 fu ricoverata per via di una reazione allergica acuta e nuovamente nell'agosto del 1997 e nel 2001 per problemi alle ginocchia.[60] Otto Sneppen fu il suo chirurgo ortopedico.[60] Nel 2003 venne operata per stenosi spinale.[61]

Margherita II cominciò a fumare all'età di 17 anni.[62] Ricevette spesso critiche per il suo attaccamento al fumo e nel novembre 2006 la corte reale annunciò che la regina avrebbe smesso di fumare in pubblico, in vista della legge apposita adottata nel 2007.[63][64] Il 9 febbraio 2022 risultò positiva al COVID-19 e restò in isolamento fino al 13 febbraio.[65][66] Fu positiva per la seconda volta il 21 settembre e la fine del suo isolamento venne confermata il 26 settembre.[67]

Il 22 febbraio 2023 fu sottoposta a un ampio intervento chirurgico alla schiena.[68] Prima dell'operazione smise di fumare.[62]

Attività e immagine

modifica

Interessi artistici

modifica

Anni 1960-1970

modifica
 
Margherita II inaugura la riapertura del museo di Skagen, febbraio 2016

Conosciuta per la sua vena creativa, ha spaziato tra la pittura ad acquerello, ad acrilico, la produzione di paramenti sacri, costumi, illustrazioni, découpage, litografie, scenografie.[3][69][70] Nel 1964 donò quattro disegni con motivi orientali all'Associazone danese per la lotta alla sclerosi multipla, che li vendette in un opuscolo per scopi benefici.[13] Disegnò il francobollo di Natale della Danimarca in tre occasioni (1970, 2003, 2015) e della Groenlandia nel 1983.[13] Ispirò al francobollo del 2003 il design degli arazzi con 24 tasche che introdusse come calendario dell'avvento per i suoi nipoti.[7]

Mentre studiava a Cambridge, Margherita illustrò Il Signore degli Anelli volendo concretizzare la sua interpretazione del romanzo.[69][71] A inizio anni '70 inviò le scene a Tolkien, il quale non gradiva che gli artisti illustrassero i suoi testi, in modo da lasciare campo libero all'immaginazione del lettore.[3] Riuscì ad apprezzare le opere della regina per la misteriosa atmosfera dei suoi paesaggi e la completa assenza di personaggi.[3][69] I suoi lavori, infatti, espongono ambientazioni dal naturalismo mistico e stilizzato, lasciando emergere scenari enigmatici e dal tratto marcatamente nordico.[13][71] Quando Tolkien morì nel 1973, vennero scoperti alcuni suoi commenti ai disegni di Margherita II.[3] Nel 1977 fu pubblicata l'edizione del libro con le illustrazioni della sovrana (nuovamente nel 2001 e nel 2021), che adoperò lo pseudonimo Ingahild Grathmer.[3][13]

Il suo nome d'arte ha origine dall'unione dei suoi ultimi due nomi di battesimo (Ingrid e Þórhildur) e dall'anagramma del suo primo nome in danese, Margrethe.[71] Ha realizzato disegni e ricami per le casule della chiesa del palazzo di Christiansborg (1976) e per gli abiti vescovili delle cattedrali di Helsingör (1986), Haderslev (1987-1988), Viborg (1988), Aarhus (1993-1995).[8][13] Nel 1978, per celebrare i 50 anni della Håndarbejdets Fremmes, associazione promotrice dell'artigianato, donò un calendario da lei realizzato a punto croce.[13] Nel 1979 illustrò un'edizione sulle storie di Ragnarr Loðbrók, a favore del comitato UNICEF danese.[13]

Anni 1980-2020

modifica
 
Margherita II a Varde nell'aprile 2016

Nel 1981 tradusse in danese con suo marito Tutti gli uomini sono mortali di Simone de Beauvoir, con lo pseudonimo H.M. Vejerbjerg.[7][13] Illustrò il poema epico Bjarkamál (1982) e da quando espose al Køge Skitsesamling, nel 1988, ha tenuto mostre personali in Danimarca e all'estero, ad esempio in Norvegia (1991, 2003), Odense (2003), nel Museo Stibbert di Firenze (2006) e al Museo d'arte religiosa di Lemvig (2009).[7][8][12][13][72] In teatro e televisione ha realizzato, tra gli altri, i costumi degli spettacoli La pastorella e lo spazzacamino (1987), Et Folkesagn (1991) al Teatro reale danese e per il film De vilde svaner (2009).[13]

Ha creato i découpage per i libri La regina delle nevi di Hans Christian Andersen (2000) e Sette storie gotiche di Karen Blixen (2003).[13] Nel 2000, su richiesta della Società Biblica Danese, scelse di illustrare una serie di episodi tratti dalla Bibbia per la pubblicazione di un'edizione congiunta tra Danimarca, Groenlandia e Fær Øer.[73] Per realizzare la copertina fuse la croce danese, il quadrifoglio groenlandese e la croce a ruota faroese.[73] Nel 2001 lavorò alla pala d'altare della Skei Fjellkirke di Østre Gausdal.[8]

In occasione dei suoi 40 anni di regno si svolse la mostra "Farvens sjæl" all'ARKEN a Ishøj, che mostrò il suo progresso artistico nell'arco di 35 anni.[13] Nel 2017 realizzò un paliotto con la rosa di Lutero per la chiesa del castello di Wittenberg, in occasione dei 500 anni della riforma protestante, ed espose i suoi ricami al Koldinghus nel 2021.[7][74][75] Ha realizzato i costumi e le scenografie de La regina delle nevi ai giardini di Tivoli (2021) e di Ehrengard - L'arte della seduzione (2023).[3][76] Quest'ultimo film le è valso il premio Robert per i migliori costumi nel 2024.[77]

Archeologia e altro

modifica

Il suo interesse per l'archeologia è proseguito in età adulta con la fondazione del Dronning Margrethe II's Arkæologiske Fond, che promuove la divulgazione e la ricerca archeologica danese.[78]

Altro suo interesse è la teologia luterana, che ha coltivato in circoli di studio con importanti teologi evangelici danesi.[13] Ha coniato il termine "internazionalese" per identificare "una lingua impersonale, che non è di nessuno".[7]

Immagine pubblica

modifica

Personalità e discorsi di fine anno

modifica
 
Margherita II nei Paesi Bassi in visita alla residenza di Ivo Samkalden, 1975

Margherita II è stata apprezzata per aver manifestato un comportamento intelligente, consapevole e modesto, improntato al contempo all'umorismo e al mantenimento delle tradizioni della casa reale.[13] A partire dall'inizio del suo regno, che vedeva una netta divisione tra i repubblicani e i monarchici (al 45%), il sostegno alla famiglia reale aumentò dagli anni della guerra fredda fino al terzo millennio, per raggiungere l'82% nel 2012 secondo un sondaggio effettuato da Voxmeter.[8][79][80] Un sondaggio del 2020 mostrò che il 59% della popolazione riteneva giusto che le fosse conferito l'appannaggio di 90 milioni corone.[81]

Nei suoi messaggi di fine anno, le cui bozze venivano elaborate dall'ufficio del primo ministro per essere riviste e completate dalla regina, rafforzò ciò che di innovativo fu introdotto da suo padre.[82] Impostò i suoi discorsi secondo un punto di vista personale, adoperando un caratteristico tono espressivo e un po' arcaico, per sollevare un'ampia gamma di questioni riguardanti la società, la cultura o i valori umani.[13][82]

Così facendo concretizzò e rese meno formale il linguaggio istituzionale, utilizzando talvolta un atteggiamento rimproverante laddove determinate tendenze di comportamento andavano in conflitto ai valori della società danese.[82] I suoi commenti agli eventi di ogni anno promuovevano, quindi, i concetti di decoro sociale, apertura, buona volontà reciproca, tolleranza e responsabilità.[82] I discorsi della regina sono stati oggetto di analisi da parte di stampa, commentatori, esperti della casa reale e storici.[83]

Secondo il Copenhagen Post, i suoi discorsi hanno spesso "avuto un grande impatto sulla nazione [...] ispirano le persone [...] ad apportare cambiamenti positivi nella loro vita", mentre dal punto di vista politico ha "contribuito a realizzare una maggiore unità tra i diversi partiti politici [...] Intervenendo su questioni che riguardano tutti i danesi, ha contribuito a promuovere un'atmosfera di cooperazione tra le varie fazioni", facendo leva sulla "storia e i valori condivisi".[84]

 
La regina Margherita II a Kolding nel 2010 con indosso il suo impermeabile

La regina è nota per il suo modo di vestire vivace e appariscente, al punto che nel 2012 venne pubblicato un libro sui suoi abiti da Katia Johansen.[70]

Sui suoi vestiti più famosi fu realizzata una mostra in occasione del suo 75⁰ compleanno nel castello di Frederiksborg.[70] Tra i pezzi in esposizione ci furono il pittoresco impermeabile realizzato con una tovaglia cerata a metà anni '90 da Jørgen Bender e un abito da gala cucito su disegno di Birgitte Thaulow nel 2010.[70][85]

Nel 2013 il The Guardian la incluse nell'elenco dei "50 over 50 meglio vestiti".[86] Nel 2018 la designer debuttante Julie Brøgger omaggiò lo stile della regina con una collezione primavera-estate 2019.[85]

Per quarant'anni il comico Ulf Pilgaard si esibì presso il Cirkusrevyen di Bakken, a nord di Copenaghen, parodiando molto spesso Margherita II con indosso abiti sgargianti o una sigaretta all'angolo della bocca.[87][88][89] Il 3 ottobre 2021, in conclusione all'ultima imitazione della sua carriera, la regina salì sul palco senza preavviso per donargli un posacenere fatto d'argento con inciso il suo monogramma.[87][88] Entrò dopo che il comico disse "Gud bevare Danmark" (Dio salvi la Danimarca), la famosa frase pronunciata dalla regina alla fine dei suoi discorsi di fine anno.[87]

Il 23 giugno 2023 si tenne la prima del musical Margrethe al Teatro reale danese, incentrato sulla vita della regina e prodotto in occasione dei suoi 50 anni di regno, compiuti nel 2022.[90]

Primi ministri

modifica
Due francobolli faroesi realizzati per i 25 anni (a sinistra, 1997) e i 40 anni di regno (a destra, 2012) della regina Margherita II

Margherita II ha avuto 9 primi ministri in Danimarca (con 25 governi), 10 nelle Fær Øer (con 19 governi) e 7 in Groenlandia (con 22 governi).[7] In Danimarca, al 15 aprile 2020, aveva presieduto complessivamente 547 consigli di governo.[7]

  1. Jens Otto Krag (III: 1971-1972);
  2. Anker Jørgensen (I: 1972-1973; II, III, IV, V: 1975-1982);
  3. Poul Hartling (1973-1975);
  4. Poul Schlüter (I, II, III, IV: 1982-1993);
  5. Poul Nyrup Rasmussen (I, II, III, IV: 1993-2001);
  6. Anders Fogh Rasmussen (I, II, III: 2001-2009);
  7. Lars Løkke Rasmussen (I: 2009-2011; II, III: 2015-2019);
  8. Helle Thorning-Schmidt (I, II: 2011-2015);
  9. Mette Frederiksen (I: 2019-2022; II: 2022-).
  1. Atli Dam (I: 1970-1975; II: 1975-1979; III: 1979-1981; IV: 1985-1989; V: 1991-1993);
  2. Pauli Ellefsen (1981-1985);
  3. Jógvan Sundstein (1989-1991);
  4. Marita Petersen (1993-1994);
  5. Edmund Joensen (I: 1994-1996; II: 1996-1998);
  6. Anfinn Kallsberg (I: 1998-2002; II: 2002-2004);
  7. Jóannes Eidesgaard (I: 2004-2008; II: 2004-2008);
  8. Kaj Leo Johannesen (I: 2008-2011; II: 2011-2015);
  9. Aksel V. Johannesen (I: 2015-2019; II: 2022-in carica)
  10. Bárður á Steig Nielsen (2019-2022).
  1. Jonathan Motzfeldt (I, II, III, IV: 1979-1991; V, VI: 1997-2002);
  2. Lars Emil Johansen (1991-1997);
  3. Hans Enoksen (I, II: 2002-2009);
  4. Kuupik Kleist (I, II: 2009-2013);
  5. Aleqa Hammond (2013-2014);
  6. Kim Kielsen (I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII: 2014-2021);
  7. Múte Bourup Egede (I: 2021-2022; II: 2022-in carica).

Discendenza

modifica
 
Margherita II con la famiglia nel 2010

Margherita II di Danimarca ed Henri de Laborde de Monpezat ebbero due figli:

Nel 2008 la regina annunciò che i suoi discendenti in linea maschile avrebbero portato l'ulteriore titolo di conte di Monpezat, che ereditavano dal marito Henri.[91]

Titoli e trattamento

modifica
  • 16 aprile 1940 - 17 giugno 1944: Sua Altezza Reale, la principessa Margherita di Danimarca e Islanda
    • In danese: Hendes Kongelige Højhed, prinsesse Margrethe af Danmark og Island
  • 17 giugno 1944 - 5 giugno 1953: Sua Altezza Reale, la principessa Margherita di Danimarca
    • In danese: Hendes Kongelige Højhed, prinsesse Margrethe af Danmark
  • 5 giugno 1953 - 14 gennaio 1972: Sua Altezza Reale, la principessa Margherita di Danimarca, l'erede al trono[8]
    • In danese: Hendes Kongelige Højhed, prinsesse Margrethe til Danmark, tronfølgeren
  • 14 gennaio 1972 - 14 gennaio 2024: Sua Maestà, la regina di Danimarca
    • In danese: Hendes Majestæt, Danmarks dronning
  • 14 gennaio 2024 - attuale: Sua Maestà, la regina Margherita II di Danimarca
    • in danese: Hendes Majestæt, Danmarks dronning Margrethe II

Ascendenza

modifica
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico VIII di Danimarca Cristiano IX di Danimarca  
 
Luisa d'Assia-Kassel  
Cristiano X di Danimarca  
Luisa di Svezia Carlo XV di Svezia  
 
Luisa dei Paesi Bassi  
Federico IX di Danimarca  
Federico III di Meclemburgo Federico II di Meclemburgo  
 
Augusta di Reuss-Köstritz  
Alessandrina di Meclemburgo  
Anastasija Michajlovna Romanova Michail Nikolaevič Romanov  
 
Cecilia di Baden  
Margherita II di Danimarca  
Gustavo V di Svezia Oscar II di Svezia  
 
Sofia di Nassau  
Gustavo VI Adolfo di Svezia  
Vittoria di Baden Federico I di Baden  
 
Luisa di Prussia  
Ingrid di Svezia  
Arturo di Connaught Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Vittoria del Regno Unito  
Margherita di Connaught  
Luisa Margherita di Prussia Federico Carlo di Prussia  
 
Maria Anna di Anhalt  
 

Onorificenze

modifica
Stemma di Margherita II di Danimarca
 

Onorificenze danesi

modifica
 
Stendardo reale della Danimarca.
 
Monogramma reale della Regina Margherita II di Danimarica.
 
Monogramma privato della Regina Margherita II di Danimarca.
 
Monogramma di coppia di Margherita II ed il marito Henrik, principe consorte.
Sovrana e Dama dell'Ordine familiare reale di re Cristiano X
— 14 gennaio 1972
Croce d'onore dell'Ordine di Danebrog
Medaglia per servizi meritevoli d'oro (Groenlandia)
Medaglia al merito della Guardia della Casa Reale
Decorazione per 25 anni di servizio nella Guardia della Casa Reale
Distintivo d'onore della Lega della Difesa Civile
Distintivo d'onore dell'Associazione degli Ufficiali della Riserva di Danimarca
Distintivo d'onore della Croce Rossa Danese
Medaglia al merito della Croce Rossa Danese
Medaglia commemorativa del 100º anniversario della nascita di re Cristiano X
— 26 settembre 1970
Medaglia commemorativa del 50º anniversario dell'arrivo in Danimarca di Sua Maestà la regina Ingrid
— 24 maggio 1985
Medaglia commemorativa del 100º anniversario della nascita di re Federico IX
— 11 marzo 1999
Medaglia commemorativa della regina Ingrid
— 28 marzo 2001
Medaglia commemorativa per il 75º compleanno del Principe Consorte Enrico
— 11 giugno 2009
Medaglia commemorativa del 350º anniversario della Reale Guardia del Corpo Danese
— 30 giugno 2008[92]
Medaglia commemorativa del 400º anniversario del Reggimento Ussari della Guardia Reale
— 17 novembre 2014

Onorificenze straniere

modifica
 
Margherita II con un abito tradizionale delle isole Fær Øer. Francobollo del 14 gennaio 1997.
Gran cordone dell'Ordine di Al-Kemal (Emirati Arabi Uniti)
— 1962
Gloriosissima Collana di Mahendra [Mahendra Mala Manapadvi] (Nepal)
— 17 ottobre 1989
Medaglia commemorativa di re Gustavo VI Adolfo (Svezia)
— 29 agosto 1967
I Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 30 aprile 1996[106]
II Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 15 settembre 2013[107]
III Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 30 aprile 2016[108]
IV Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 15 settembre 2023

Onorificenze accademiche

modifica
Honorary Fellow
— London School of Arts, 1975[7]
Dottorato onorario

Cittadinanze onorarie

modifica

Posizioni militari onorarie

modifica
  • Colonello in Capo Alleato del Queen's Regiment del British Army (1972-1992);[17]
  • Colonnello in Capo Alleato del Princess of Wales's Royal Regiment del British Army (1992-1997);[17]
  • Colonello in Capo del Princess of Wales's Royal Regiment del British Army (dal 1997).[17]

Altri riconoscimenti

modifica
  • Modersmål-Prisen (1989);[7]
  • Hans Christian Andersen Priskomite (2004);[29]
  • Nordic Association's Language Award (2022);[49]
  • Danske Taler's Honorary Award (2022);[49]
  • Premio Robert per i migliori costumi (2024).[77]
  1. ^ a b c d (EN) Her Majesty Queen Margrethe II of Denmark, su lucy.cam.ac.uk. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  2. ^ a b c (DA) Knud J.V. Jespersen, Margrethe 2., 1940-, su danmarkshistorien.dk, 26 agosto 2015. URL consultato il 1⁰ gennaio 2024.
  3. ^ a b c d e f g h (EN) The 50th anniversary of HM Queen Margrethe ll's accession to the throne, su denmark.dk. URL consultato il 3 gennaio 2024 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2024).
  4. ^ (EN) World's coolest queen: Margrethe of Denmark, in dw.com, 11 novembre 2021. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  5. ^ a b (EN) Susan Flantzer, The Abdication of Queen Margrethe II of Denmark and The Accession of King Frederik X of Denmark, su unofficialroyalty.com, 9 gennaio 2024. URL consultato il 15 gennaio 2024.
  6. ^ (DAEN) H.M. Dronningen bliver den længst siddende, regerende monark i Danmarkshistorien, su kongehuset.dk, 15 luglio 2023. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af (DAEN) 80 fakta om H.M. Dronningen, su kongehuset.dk, 15 aprile 2020. URL consultato il 1⁰ gennaio 2024.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r (DA) Emma Rønberg Paaske e Knud J. V. Jespersen, Margrethe 2. - Dronning af Danmark siden 1972, su denstoredanske.lex.dk, 20 febbraio 2009. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  9. ^ a b (EN) Those Apprentice Kings and Queens Who May—One Day—Ascend a Throne, su nytimes.com, 14 novembre 1971. URL consultato il 1⁰ gennaio 2024.
  10. ^ a b (DA) Peter Yding Brunbech, Grundlovændringen 1953, su danmarkshistorien.dk, 16 novembre 2011. URL consultato il 1⁰ gennaio 2024.
  11. ^ a b (EN) Marie Preisler, Danish Queen historically important for gender equality, su nordiclabourjournal.org, 22 febbraio 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  12. ^ a b c d e f g h i (ENDA) HM Queen Margrethe, su kongehuset.dk. URL consultato il 14 gennaio 2024.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t (DA) Merete Harding e Claus Bech, Margrethe 2., su biografiskleksikon.lex.dk, 31 agosto 2011. URL consultato il 2 gennaio 2024.
  14. ^ Nov. 11, 1962 - Principessa danese lo scavo in Egitto: la principessa danese Margrethe sta attualmente conducendo ricerche archeologiche del Ramses II tempio di Abu Simbel Egitto. La foto mostra la principessa (in primo piano) guardando il tempio., su alamy.it. URL consultato il 2 gennaio 2024.
  15. ^ (DA) Victor Andersen, Dronning Margrethes og Prins Henriks Fond, su denstoredanske.lex.dk, 9 novembre 2020. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  16. ^ Scocozza, p. 205.
  17. ^ a b c d (ENDA) Connection with The Princess of Wales Royal Regiment, su kongehuset.dk, 22 aprile 2023. URL consultato il 10 gennaio 1024.
  18. ^ (DA) Margrethe 2.s nytårstaler 31. december 1972, su danmarkshistorien.dk, 8 agosto 2012. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  19. ^ (DE) Das goldene Buch der Stadt Hamburg: Alle Einträge von 1970 bis 1979, su hamburg.de. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  20. ^ (EN) Liu Biwei, From 1979 to 2014, su chinadaily.com.cn, 24 aprile 2014. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  21. ^ a b c (DA) Margrethe 2.s nytårstale 31. december 1984, su danmarkshistorien.dk, 8 agosto 2012. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  22. ^ (DA) dumsmarte, su ordnet.dk. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  23. ^ (EN) Andy Warhol, Queen Margrethe II of Denmark from the Reigning Queens Royal Edition with Diamond Dust of 1985, su masterworksfineart.com. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  24. ^ (EN) Reigning Queens Complete Portfolio, su revolverwarholgallery.com. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  25. ^ (DA) Jørgen Nørby Jensen, Modersmål-Prisen, su denstoredanske.lex.dk, 24 novembre 2023. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  26. ^ (DA) Dronningen og modersmålet, su modersmaalselskabet.dk, 1⁰ settembre 2010. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  27. ^ (EN) Upheaval in the East; Queen to Give Back Orders of Romania, su nytimes.com, 25 dicembre 1989. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  28. ^ a b c d (DA) Louise Damløv, 7 historiske citater: Fra 'dumsmarte bemærkninger' til 'vores ansvar at hjælpe', su dr.dk, 23 ottobre 2016. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  29. ^ a b (DA) 2004 H. M. Dronning Margrethe II, su hans-christian-andersen-priskomite.dk. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  30. ^ (EN) Danish queen raps radical islam, su news.bbc.co.uk, 14 aprile 2005. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  31. ^ (EN) Richard Orange, Denmark celebrates its popular queen, su theworld.org, 13 gennaio 2012. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  32. ^ (ENDA) HISTORY OF THE NEW YEAR'S SPEECH, su kongehuset.dk, 28 dicembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  33. ^ (ENDA) Ove Ullerup, Official Visit to Bahrain, su kongehuset.dk, 18 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  34. ^ a b (DA) Cecilie Toft e Katrine Falk Lønstrup, Fem årtier på tronen: Her er fem af dronning Margrethes mest opsigtsvækkende udtalelser, su altinget.dk, 14 gennaio 2022. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  35. ^ (DA) Annelise Weimann, Begejstrede soldater: Vores modige dronning, su billedbladet.dk, 2 aprile 2011. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  36. ^ (EN) Denmark’s Queen Margrethe II Announces Abdication in New Year’s Eve Speech, su time.com, 31 dicembre 2023. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  37. ^ (EN) Moniek Blos, Queen Margrethe – A Golden Reign, su historyofroyalwomen.com, 14 gennaio 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  38. ^ (EN) Denmark's Queen to publish history of the nation, su thelocal.dk, 19 ottobre 2016. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  39. ^ (EN) Anders Christian Madsen, As Queen Margrethe II Of Denmark Announces Her Surprise Abdication, A Look Back At Her Eccentric Royal Style, su vogue.co.uk, 2 gennaio 2024. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  40. ^ a b c (DA) Malthe Sommerand, Ringberg om dronningens klima-udtalelser: 'Hun er urørlig, næsten uanset hvad hun siger', su berlingske.dk, 11 aprile 2020. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  41. ^ (EN) Oskar Aanmoen, Queen Margrethe concludes her visit to the Faroe Islands, su royalcentral.co.uk, 20 luglio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  42. ^ (EN) Oskar Aanmoen, Queen Margrethe concludes her visit to Greenland, su royalcentral.co.uk, 14 ottobre 2021. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  43. ^ (DA) Christian Ellegaard, Spiser dronningen foran fjernsynet? 18 danskere måtte spørge dronningen om alt - her er hendes svar, su dr.dk, 9 gennaio 2022. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  44. ^ (ENDA) Program for state visit in Germany, su kongehuset.dk, 6 novembre 2021. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  45. ^ (ENDA) State Visits, su kongehuset.dk. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  46. ^ (EN) Julia Curare, Queen Margrethe II Welcomes the King and Queen of Spain for State Visit, su royalportraitsgallery.com, 6 novembre 2023. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  47. ^ (ENDA) Celebrations in the jubilee year, su kongehuset.dk, 27 aprile 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  48. ^ (ENDA) Modified celebration of the 50th Jubilee of HM The Queen's Accession to the Throne, su kongehuset.dk, 9 settembre 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  49. ^ a b c d (EN) The Royal House of Denmark's annual report 2022 (PDF), su kongehuset.dk, 31 dicembre 2022, p. 18. URL consultato l'8 gennaio 2024.
  50. ^ (ENDA) Changes in titles and forms of address in the Royal Family, su kongehuset.dk, 28 settembre 2022. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  51. ^ (EN) Queen of Denmark refused to patronize the Andersen Award because of a Russian in the Jury, su chytomo.com, 6 gennaio 2023. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  52. ^ Raffaella De Santis, Premio Andersen, si dimette la presidente Anastasia Arkhipova: ha fatto propaganda per Putin, su repubblica.it, 11 gennaio 2023. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  53. ^ a b Robin Mørensson, A sorpresa, la Regina Margherita II di Danimarca ha abdicato, su noglen.eu, 31 dicembre 2023. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  54. ^ La regina Margherita di Danimarca annuncia l'abdicazione, su ansa.it, 31 dicembre 2023. URL consultato il 31 dicembre 2023.
  55. ^ (EN) Jacqueline Howard e Oliver Slow, Queen Margrethe II: Danish monarch announces abdication live on TV, su bbc.com, 31 dicembre 2023. URL consultato il 4 gennaio 2024.
  56. ^ a b (DE) Königin Margrethe II. kündigt Abdankung an, su tagesschau.de, 31 dicembre 2023. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  57. ^ (DA) Jacob Bøgen Clausen, DR og TV 2 samler danskerne til ære for dronning Margrethe med stort show direkte fra Kongens Nytorv, su dr.dk, 5 gennaio 2024. URL consultato il 14 gennaio 2024.
  58. ^ (DA) Store kunstnere går på scenen til ære for dronning Margrethe, su via.ritzau.dk, 11 gennaio 2024. URL consultato il 14 gennaio 2024.
  59. ^ (DA) Maj-Britt Andreassen, Dronning Margrete sendte tak, su vejleavisen.dk, 12 gennaio 2024. URL consultato il 14 gennaio 2024.
  60. ^ a b c d (DA) Slidgigt, allergi og kræft, su bt.dk, 27 dicembre 2001. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  61. ^ (DA) Dronning Margrethe er begyndt genoptræning, su jyllands-posten.dk, 23 febbraio 2023. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  62. ^ a b (DA) Dronning Margrethe har ikke røget siden februar, su berlingske.dk, 17 giugno 2023. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  63. ^ (EN) Bashiera Parker, Despite recent controversy, there's no royal more popular than Denmark's chain-smoking queen, su news24.com, 18 ottobre 2022. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  64. ^ (EN) Danish Queen Margrethe holds a cigaret, su gettyimages.in, 2 novembre 1999. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  65. ^ (ENDA) HM The Queen has tested positive for COVID-19, su kongehuset.dk, 9 febbraio 2022. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  66. ^ (DAEN) H.M. Dronningen kan ophæve sin isolation, su kongehuset.dk, 13 febbraio 2022. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  67. ^ (DA) Katrine Skov Petersen, Dronning Margrethe er ude af coronaisolation - har det "fint, fint", su nyheder.tv2.dk, 26 settembre 2022. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  68. ^ (ENDA) HM The Queen has undergone surgery, su kongehuset.dk, 22 febbraio 2023. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  69. ^ a b c Margrethe II di Danimarca, su istitutoculturalenordico.it. URL consultato il 2 gennaio 2024.
  70. ^ a b c d La regina Margrethe II celebra 50 anni di regno, su it.aspassoconelena.com, 16 aprile 2022. URL consultato il 2 gennaio 2024.
  71. ^ a b c (DA) Hvem Var Ingahild Grathmer?, su tilbagetilfortiden.dk, 21 matzo 2022. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  72. ^ (ENDA) Decorations and design, su kongehuset.dk. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  73. ^ a b (DA) Jahn Dohrmann, Dronningen tegner i Bibelen, su jv.dk, 17 novembre 2000. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  74. ^ (ENDA) HM The Queen has created a new chasuble for the Danish Church in London, su kongehuset.dk, 6 dicembre 2020. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  75. ^ (ENDA) Embroideries, su kongehuset.dk. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  76. ^ (EN) Allyson Shiffman, The Queen of Denmark comes out to celebrate her new Netflix film, ‘Ehrengard: The Art of Seduction’, su voguescandinavia.com, 7 settembre 2023. URL consultato il 2 gennaio 2024.
  77. ^ a b (EN) Dorothy Reddin, Queen Margrethe wins glitzy award one month after abdicating Danish throne, su gbnews.com, 4 febbraio 2024. URL consultato il 5 febbraio 2024.
  78. ^ (DAEN) Dronning Margrethe II’s Arkæologiske Fond, su kongehuset.dk. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  79. ^ (EN) Denmark’s Queen Margrethe II marks five decades on the throne with muted celebrations, su euronews.com, 11 settembre 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  80. ^ (EN) Christian Stjer, Danskerne er vilde med kongehuset, su voxmeter.dk, 2 giugno 2012. URL consultato il 7 gennaio 2024 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2022).
  81. ^ (DA) Bente Jensen, Dronning Margrethe – 50 år på tronen, su bibliotek.kk.dk, 10 gennaio 2022. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  82. ^ a b c d (DA) Regentens nytårstaler, su danmarkshistorien.dk. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  83. ^ (DA) Gud bevare Danmark, su ereolen.dk. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  84. ^ (EN) A Look Back at the Odds of Queen Margrethe II’s Speeches Over the Years, su cphpost.dk, 3 gennaio 2024. URL consultato il 7 gennaio 2024.
  85. ^ a b (EN) Anders Christian Madsen, Introducing Brøgger, The London-Based Label Paying Homage To The Queen Of Denmark, su vogue.co.uk, 10 agosto 2018. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  86. ^ (EN) Jess Cartner-Morley, The 50 best-dressed over-50s – in pictures, su theguardian.com, 29 marzo 2013. URL consultato il 6 gennaio 2024.
  87. ^ a b c (DAEN) VIDEO: H.M. Dronningen overraskede skuespilleren Ulf Pilgaard, su kongehuset.dk, 3 ottobre 2021. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  88. ^ a b (DA) Kasper Madsbøll Christensen, 'Det var sindssygt rørende og smukt at overvære': Her bliver Ulf Pilgaard overrasket af dronningen, su dr.dk, 4 ottobre 2021. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  89. ^ (EN) Queen Margrethe, Denmark's good-humored, much-loved monarch, su howtoliveindenmark.com, 14 gennaio 2022. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  90. ^ (DA) Musicalen Margrethe, su kglteater.dk. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  91. ^ (DA) Monpezat til Frederik og Joachim, su berlingske.dk, 30 aprile 2008. URL consultato il 14 giugno 2008.
  92. ^ Royal Life Guards.
  93. ^ Photo of the royal and presidential couples (JPG).
  94. ^ Noblesse et Royautes (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  95. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato..
  96. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato..
  97. ^ Lithuanian Presidency (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2014)., Lithuanian Orders searching form
  98. ^ Official decree., 13/02/2008
  99. ^ Elenco degli insigniti.
  100. ^ a b HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state, in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2021).
  101. ^ Tabella degli insigniti (XLS).
  102. ^ Dal sito della Presidenza della Repubblica.
  103. ^ Photo (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2014). of Presidential couple with Danish Royal couple
  104. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  105. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  106. ^ Gettyimages.
  107. ^ Giubileo di rubino di Carlo XVI Gustavo.
  108. ^ Daily Mail.
  109. ^ Elenco dei premiati dell'anno 1996..

Bibliografia

modifica
  • (DA) Benito Scocozza, Politikens bog om danske monarker, Copenaghen, Politikens Forlag, 1997.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49263415 · ISNI (EN0000 0001 2131 9588 · SBN TO0V582385 · Europeana agent/base/147077 · ULAN (EN500256782 · LCCN (ENn80034290 · GND (DE118975919 · BNF (FRcb12150698v (data)