Apri il menu principale

Nazionale di calcio del Kuwait

Kuwait Kuwait
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione KFA
Kuwait Football Association
Confederazione AFC
Codice FIFA KUW
Selezionatore Kuwait Thamer Enad
Record presenze Bader Al-Mutawa (156)
Capocannoniere Bashar Abdullah (75)
Stadio Stadio internazionale Jaber Al-Ahmad
Ranking FIFA 147° (28 novembre 2019)[1]
Esordio internazionale
Flag of Kuwait 1940-1961.png Kuwait 2 - 2 Libia Libia
Marocco; 3 settembre 1961
Migliore vittoria
Kuwait Kuwait 20 - 0 Bhutan Bhutan
Kuwait City, Kuwait; 14 febbraio 2000
Peggiore sconfitta
Flag of Syria.svg Rep. Araba Unita 8 - 0 Kuwait Flag of Kuwait 1940-1961.png
Marocco; 4 settembre 1961
Portogallo Portogallo 8 - 0 Kuwait Kuwait
Leiria, Portogallo; 19 novembre 2003
Campionato del mondo
Partecipazioni 1 (esordio: 1982)
Miglior risultato Primo turno nel 1982
Coppa d'Asia
Partecipazioni 10 (esordio: 1972)
Miglior risultato Oro Campioni nel 1980

La nazionale di calcio del Kuwait è la selezione calcistica nazionale del Kuwait ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica kuwaitiana.

Nella sua bacheca spicca la vittoria nella Coppa d'Asia del 1980, giocata in casa. Nel 1976 perse la finale del torneo contro i padroni di casa dell'Iran. A livello regionale detiene il primato di vittorie, ben 10, nella Coppa delle Nazioni del Golfo.

Nel ranking FIFA, istituito nell'agosto 1993, il miglior piazzamento del Kuwait è il 24° posto del dicembre 1998, mentre il peggiore è il 189° posto del dicembre 2017. La nazionale occupa attualmente il 147° posto della graduatoria[1].

Tra i giocatori più celebri che hanno militato nella nazionale figura Michel Platini, che nel 1988 giocò 21 minuti di un incontro amichevole con l'Unione Sovietica[2].

StoriaModifica

L'esordio della nazionale kuwaitiana di calcio risale ai Giochi panarabi del 1961, quando pareggiò per 2-2 contro la Libia. Nello stesso torneo il Kuwait perse per 8-0 contro la Repubblica Araba Unita, peggiore sconfitta nella storia della nazionale.

Dal 1970, edizione inaugurale, al 1976 si aggiudicò tutte le edizioni della Coppa delle Nazioni del Golfo, di cui una in casa. Dal 1979 al 1990 arrivò a disputare la finale del torneo altre quattro volte su sei, cogliendo tre successi (1982, 1986 e 1990) e perdendo l'atto conclusivo della manifestazione nel 1979 (contro l'Iraq padrone di casa).

Nel 1980 il Kuwait si aggiudicò per la prima volta la Coppa d'Asia nell'edizione giocata in casa, battendo in finale la Corea del Sud per 3-0.

Il Kuwait ottenne la qualificazione al campionato del mondo 1982 vincendo il girone eliminatorio con tre successi contro Thailandia, Malaysia e Corea del Sud. In Spagna, sotto la guida tecnica di Carlos Alberto Parreira, esordì con un pareggio per 1-1 contro la Cecoslovacchia. Nella seconda partita i kuwaitiani persero per 4-1 contro la Francia di Michel Platini. Questo match rimarrà alla storia per una scena singolare: sul 3-1 per i transalpini, Alain Giresse mise a segno una rete, favorito dal fatto che i giocatori kuwaitiani sentirono partire un fischio dalle tribune e, di conseguenza, si fermarono[2]. Da qui iniziò una vivace discussione tra l'arbitro russo Miroslav Stupar e gli asiatici. Venne chiamato in causa lo sceicco Fahd Al Ahmad, presidente della federcalcio del Kuwait, che, dopo aver minacciato di ritirare la squadra dal mondiale spagnolo, convinse l'arbitro a non convalidare la rete[2]. Successivamente Stupar fu radiato per questa assurda vicenda[2]. Nel terzo e ultimo incontro i kuwaitiani persero ancora, questa volta contro l'Inghilterra per 1-0 (gol di Trevor Francis al 27'). Conclusero così il loro primo mondiale all'ultimo posto del girone con un punto, alle spalle di Inghilterra, Francia e Cecoslovacchia.

La squadra si aggiudicò nuovamente la Coppa delle nazioni del Golfo nel 1996 e nel 1998. Un altro successo nel torneo, il decimo, fu colto nel 2010.

Il 14 febbraio 2000 il Kuwait vinse per 20-0 contro il Bhutan in un match di qualificazione alla Coppa d'Asia 2000, stabilendo all'epoca la vittoria con maggiore scarto in partite tra nazionali di calcio. Il primato fu battuto l'anno dopo dall'Australia, impostasi per 31-0 contro le Samoa Americane.

Il 30 ottobre 2007 la nazionale del Kuwait fu sospesa dalla FIFA per interferenze governative nell'azione della federcalcio[3], ma il bando durò meno di due settimane[4]. Il 24 ottobre 2008 il Kuwait fu nuovamente sospeso dalla FIFA per non aver indetto elezioni dell'assemblea generale a metà ottobre.[5]. Il 22 dicembre seguente la FIFA revocò il bando alla federcalcio kuwaitiana[6].

Il 16 ottobre 2015, non avendo riconosciuto la nuova legge nazionale sullo sport promulgata dal governo kuwaitiano, la FIFA sospese nuovamente la federazione calcistica del Kuwait[7]. La sospensione comportò la revoca dell'organizzazione della Coppa delle Nazioni del Golfo 2017-2018[8], ma fu annullata il 6 dicembre 2017, dopo l'adozione di una nuova legge nazionale sullo sport. Per inattività, in quel momento la nazionale kuwaitiana era precipitata al 189° posto del ranking FIFA[9][10].

Il 7 dicembre 2017 fu annunciato che il Kuwait avrebbe organizzato la Coppa delle Nazioni del Golfo 2017-2018 in luogo del Qatar, per via della crisi diplomatica del Qatar.

Partecipazioni ai tornei internazionaliModifica

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930   Uruguay Non iscritta - - - -
1934   Italia Non iscritta - - - -
1938   Francia Non iscritta - - - -
1950   Brasile Non iscritta - - - -
1954   Svizzera Non iscritta - - - -
1958   Svezia Non iscritta - - - -
1962   Cile Non iscritta - - - -
1966   Inghilterra Non iscritta - - - -
1970   Messico Non iscritta - - - -
1974   Germania Non qualificata - - - -
1978   Argentina Non qualificata - - - -
1982   Spagna Primo turno 0 1 2 2:6
1986   Messico Non qualificata - - - -
1990   Italia Non qualificata - - - -
1994   Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998   Francia Non qualificata - - - -
2002   Giappone /   Corea del Sud Non qualificata - - - -
2006   Germania Non qualificata - - - -
2010   Sudafrica Non qualificata - - - -
2014   Brasile Non qualificata - - - -
2018   Russia Squalificata - - - -

Coppa delle nazioni asiaticheModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1956   Hong Kong Non iscritta - - - -
1960   Corea del Sud Non iscritta - - - -
1964   Israele Non iscritta - - - -
1968   Iran Non iscritta - - - -
1972   Thailandia Primo turno 1 0 1 2:5
1976   Iran Secondo posto   3 0 1 6:3
1980   Kuwait Campioni   4 1 1 13:6
1984   Singapore Terzo posto   3 1 2 5:4
1988   Qatar Primo turno 0 3 1 2:3
1992   Giappone Non qualificata - - - -
1996   Emirati Arabi Uniti Quarto posto 2 1 3 9:6
2000   Libano Quarti di finale 1 2 1 3:3
2004   Cina Primo turno 1 0 2 3:7
2007   Indonesia/  Malaysia
  Thailandia/  Vietnam
Non qualificata - - - -
2011   Qatar Primo turno 0 0 3 1:7
2015   Australia Primo turno 0 0 3 1:6
2019   Emirati Arabi Uniti Squalificata - - - -

Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1995   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1997   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Non qualificata - - - -
2009   Sudafrica Non qualificata - - - -
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Non qualificata - - - -

Rosa attualeModifica

Lista dei convocati per la Coppa delle Nazioni del Golfo 2019.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
23 P Hussain Kankone 16 aprile 1989 (30 anni) 1 0   Kazma
1 P Hameed Al-Qallaf 10 agosto 1987 (32 anni) 35 0   Kuwait SC
22 P Sulaiman Abdulghafour 26 febbraio 1991 (28 anni) 19 0   Al-Arabi
2 D Sami Al-Sanea 9 gennaio 1993 (26 anni) 3 1   Kuwait SC
18 D Amer Al-Fadhel 21 aprile 1988 (31 anni) 66 0   Qadsia SC
21 D Dhari Said 2 maggio 1987 (32 anni) 9 0   Qadsia SC
4 D Meshari Ghanam 28 agosto 1997 (22 anni) 1 0   Kuwait SC
13 D Fahad Humood Al-Rashidi 3 ottobre 1990 (29 anni) 5 0   Kuwait SC
5 D Fahed Al Hajri 10 novembre 1991 (28 anni) 32 3   Kuwait SC
14 C Redha Hani 27 ottobre 1996 (22 anni) 7 0   Al-Qadsia
8 C Abdullah Al Buraiki 12 agosto 1987 (32 anni) 32 3   Kuwait SC
16 C Mubarak Al-Faneni 21 gennaio 2000 (19 anni) 0 0   Al-Salmiya
6 C Sultan Al Enezi 13 settembre 1992 (27 anni) 26 0   Al-Wakrah
10 C Talal Al Fadhel 11 agosto 1990 (29 anni) 6 0   Kuwait SC
12 C Hamad Harbi 25 luglio 1992 (27 anni) 0 0   Kazma
11 C Fahad Al Ansari 25 febbraio 1987 (32 anni) 53 2   Al-Faisaly FC
3 C Ahmed Al-Dhefiri 8 febbraio 1992 (27 anni) 9 0   Qadsia SC
19 C Shabaib Al-Khaldi 11 agosto 1998 (21 anni) 1 1   Kazma
7 C Faisal Zaid 9 ottobre 1991 (28 anni) 25 2   Jahra
15 C Ahmad Zanki 17 dicembre 1995 (23 anni) 3 0   Al-Shabab
9 A Faisal Ajab 23 gennaio 1993 (26 anni) 10 0   Al-Tadhamon
17 A Bader Al Mutawa 10 gennaio 1985 (34 anni) 175 56   Qadsia SC
20 A Yousef Nasser 9 ottobre 1990 (28 anni) 90 41   Al-Qadsia

PalmarèsModifica

Tutte le roseModifica

MondialiModifica

Coppa del Mondo FIFA 1982
Al-Tarabilsi, 2 N. Mubarak, 3 M. Murabak, 4 Al-Qabendi, 5 W. Mubarak, 6 Al-Houti, 7 Kamel, 8 Abdullah Al-Buloushi, 9 Yacob, 10 Al-Anberi, 11 Al-Ghanim, 12 Al-Suwayed, 13 Marzouq, 14 Mayouf, 15 Al-Hashash, 16 Al-Dakhil, 17 Al-Shemmari, 18 Karam, 19 Rahyam Aliyan, 20 Abdulaziz Al-Buloushi, 21 Marjam, 22 Bahman, CT: Parreira

Coppa d'AsiaModifica

Coppa d'Asia 1980
Al-Khaldi, 3 M. Mubarak, 4 Al-Qabendi, 5 W. Mubarak, 6 Al-Houti, 7 Kamel, 8 Al-Buloushi, 9 Yacob, 10 Al-Anberi, 11 Al-Ghanim, 12 Al-Suwayed, 15 Al-Hashash, 16 Al-Dakhil, 17 Al-Shemmari, 18 Karam, 19 Rahyam Aliyan, 21 Marjam, 22 Bahman, CT: Parreira
Coppa d'Asia 1984
K. Al-Shemmari, 2 N. Mubarak, 3 M. Murabak, 4 Al-Qabendi, 5 W. Mubarak, 6 Abdulaziz Al-Buloushi, 7 A. Al-Shemmari, 8 Abdullah Al-Buloushi, 11 Al-Amer, 12 Al-Suwayed, 14 H. Al-Shemmari, 15 Al-Hashash, 16 Al-Dakhil, 17 Suleman, 18 Karam, 20 Rahyam Aliyan, 22 Said, 23 Mutair, CT: Antônio Lopes
Coppa d'Asia 1988
Said, 2 N. Mubarak, 3 M. Murabak, 4 Al-Qabendi, 5 W. Mubarak, 6 Al-Habashi, 7 Marzouq, 8 Al-Refae, 9 Al-Hasawi, 10 Al-Anezi, 11 Al-Ghanim, 12 Al-Hajeri, 13 Husain, 14 H. Al-Shemmari, 15 Salim, 16 Mohammad, 17 Maqroun, 18 Al-Essa, 20 K. Al-Shemmari, CT: Pereira
Coppa d'Asia 1996
Al-Fadhli, 2 O. Abdullah, 3 J. Mubarak, 4 Al-Dakhi, 5 Al-Khaledi, 6 Al-Habashi, 7 Al-Halabeej, 9 B. Abdullah, 10 Fairouz, 11 Saihan, 12 Al-Ahmad, 14 Al-Husaini, 15 Mohammad, 16 Al-Lenqawi, 17 Al-Kandari, 18 W. Mubarak, 19 Al-Saqer, 20 Al-Houwaidi, 21 Al Majidi, 22 Al-Mekaimi, CT: Máčala
Coppa d'Asia 2000
Kankone, 2 O. Abdullah, 3 Mubarak, 4 Asel, 5 Al-Shammari, 6 Al-Khodari, 7 Al-Halabeej, 8 Al-Buraiki, 9 B. Abdullah, 10 Al-Sohi, 11 Saihan, 12 Farhan, 13 A. Al-Mutairi, 14 K. Al-Mutairi, 15 Hadi, 16 Al-Omran, 17 Al-Kandari, 18 Mousa, 19 Laheeb, 20 Al-Houwaidi, 21 Al Majidi, 22 Al-Jasem, CT: Uhrin
Coppa d'Asia 2004
Kankone, 2 Al-Taher, 4 Asel, 5 N. Al-Shammari, 6 M. Al-Buraiki, 7 Al-Humaidan, 8 S. Al-Buraiki, 9 Abdullah, 10 K. Al-Mutairi, 11 Al-Namash, 13 Neda, 14 Al-Hamad, 15 Ali, 16 K. Al-Shammari, 17 Al-Mutwa, 18 Al-Ataiqi, 19 Seraj, 20 Mousa, 21 Al-Fadhli, 22 Al-Khaldi, 23 N. Al-Mutairi, 26 Al-Harbi, CT: Ibrahem
Coppa d'Asia 2011
Al-Rashidi, 2 Al-Taher, 3 Awadh, 4 Fadel, 5 Ajab, 6 Al-Fadhel, 7 F. Al-Enezi, 8 Al-Sheikh, 9 Maqseed, 10 Khalaf, 11 Al-Ansari, 12 Al Shamali, 13 Neda, 14 Al-Amer, 15 Ali, 16 H. Al-Enezi, 17 Al-Mutwa, 18 Al-Ataiqi, 19 Al-Rashidi, 20 Naser, 21 Al-Misha'an, 22 Al-Khaldi, 23 Youssef, CT: Tufegdžić
Coppa d'Asia 2015
Al-Rashidi, 2 Al-Fadhel, 3 Awadh, 4 Fadel, 5 Al-Hajri, 6 Al-Qahtani, 7 Al-Fadhel, 8 Al-Sheikh, 9 Al-Buraiki, 10 Al-Misha'an, 11 Al-Ansari, 12 S. Al-Enezi, 13 Neda, 14 Al-Amer, 15 F. Al-Enezi, 16 Zaid, 17 Al-Mutwa, 18 Ebrahim, 19 Al-Shammari, 20 Naser, 21 Maqseed, 22 Al-Khaldi, 23 Youssef, CT: Maâloul

Giochi olimpiciModifica

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

CuriositàModifica

  • Nel 1988 durante un'amichevole contro la nazionale dell'URSS la nazionale del Kuwait schierò in campo per 21 minuti Michel Platini.

NoteModifica

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ a b c d Platini e lo sceicco di Spagna '82, Guerin Sportivo, 30 luglio 2015.
  3. ^ FIFA suspends Kuwait Football Federation, Guardian.co.uk. URL consultato il 30 ottonre 2007.
  4. ^ FIFA lifts suspension on Kuwait, FIFA. URL consultato il 9 novembre 2007.
  5. ^ FIFA suspends Kuwait Football Federation, The-AFC.com. URL consultato il 25 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2008).
  6. ^ FIFA provisionally lifted its suspension on the Kuwait Football Association (KFA), The-AFC.com. URL consultato il 22 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2008).
  7. ^ Suspension of the Kuwait Football Association, FIFA. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  8. ^ FIFA Congress drives football forward, first female secretary general appointed, FIFA. URL consultato il 14 maggio 2016.
  9. ^ Suspension of the Kuwait Football Association lifted, FIFA.com, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  10. ^ The FIFA/Coca-Cola World Ranking - November 2017, su fifa.com. URL consultato il 6 dicembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio