Apri il menu principale

Campionato mondiale di calcio 1966

8ª edizione del campionato mondiale di calcio FIFA
Campionato mondiale di calcio 1966
1966 FIFA World Cup
Competizione Campionato mondiale di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Date 11 luglio - 30 luglio 1966
Luogo Inghilterra Inghilterra
(7 città)
Partecipanti 16 (74 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Inghilterra Inghilterra
(1º titolo)
Secondo Germania Ovest Germania Ovest
Terzo Portogallo Portogallo
Quarto Unione Sovietica Unione Sovietica
Statistiche
Miglior marcatore Portogallo Eusébio (9)
Incontri disputati 32
Gol segnati 89 (2,78 per incontro)
Pubblico 1 635 000
(51 094 per incontro)
The Queen presents the 1966 World Cup to England Captain, Bobby Moore. (7936243534).jpg
Bobby Moore, capitano dell'Inghilterra, riceve dalle mani della regina Elisabetta II la Coppa Rimet vinta in finale sulla Germania Ovest.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1962 1970 Right arrow.svg

Il campionato mondiale di calcio 1966 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1966 è stata l'ottava edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili, organizzato dalla FIFA ogni quattro anni.

Si svolse in Inghilterra dall'11 al 30 luglio 1966, con l'affermazione dei padroni di casa, vittoriosi in finale sulla Germania Ovest al termine dei tempi supplementari. Questa è stata la prima edizione ad inserire la mascotte ufficiale del campionato.

AssegnazioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1966.

Il Brasile si presentava in Inghilterra forte dei due mondiali consecutivi vinti, in Svezia nel 1958 e in Cile nel 1962. Tra le altre nazionali già decorate e pretendenti al successo finale, la Germania Ovest, già campione nel 1954, l'Uruguay e l'Italia, con due successi ciascuna (rispettivamente nel 1930 e 1950 e nel 1934 e 1938).[1] Tra le outsider spiccavano invece l'Argentina, il Portogallo di Eusébio e l'Unione Sovietica, campione d'Europa nel 1960 e finalista nel 1964. Le rimanenti nazionali apparivano solo di contorno, sebbene la sorpresa più grande venne proprio dal girone che ospitava l'unica asiatica del torneo, la Corea del Nord.

Essendo due dei sedici posti già riservati al Brasile campione uscente e all'Inghilterra Paese organizzatore, a contendersi i 14 posti rimanenti furono 71 squadre nazionali. La FIFA assegnò 10 posti all'UEFA: oltre alla citata Inghilterra (qualificata di diritto), su 32 iscritte alle qualificazioni approdarono alla fase finale le nazionali di Bulgaria, Francia, Germania Ovest, Italia, Portogallo, Spagna, Svizzera, Ungheria e URSS; 4 al Sudamerica (il citato Brasile, qualificato di diritto, Argentina, Cile e Uruguay) su 9 iscritte; 1 al Centro-Nord America e Caraibi (Messico) su 9 iscritte e 1 all'Africa, Asia e Oceania su 19 iscritte in totale, dopo spareggio interzone tra Africa e Asia. Non esistendo all'epoca la federazione oceanica (istituita nel 1966) l'Australia avrebbe disputato il girone di qualificazione asiatico. La federazione africana protestò per l'ulteriore spareggio che la nazionale vincitrice del girone africano avrebbe dovuto affrontare per la qualificazione e, rimasta inascoltata, decisero di ritirarsi 15 squadre africane. Si unì al boicottaggio anche un'asiatica, la Corea del Sud. Nel frattempo, il Sudafrica veniva squalificato dal Comitato Olimpico Internazionale da qualsiasi competizione sportiva per via del regime di apartheid lì vigente, e la FIFA si allineò al CIO. Alla fine, ad approdare alla fase finale fu la Corea del Nord. Tra le squadre europee non qualificate spiccava tra tutte la Svezia, finalista dell'edizione del 1958, oltre al Belgio, la Cecoslovacchia e la Jugoslavia.

FormulaModifica

Fase eliminatoria: quattro gruppi di quattro squadre ciascuno (identificati dal numero 1 al numero 4).

Alla fine di ogni girone le migliori due classificate passano ai quarti di finale. Per stabilire la priorità, in caso di parità di punti, vale il criterio della differenza reti. In caso di ulteriore parità, è discriminante il numero di goal segnati nel girone. In caso di ulteriore parità si procede a sorteggio. Da questo punto in poi si disputano solo incontri a eliminazione diretta. Si giocano quattro quarti di finale, A, B, C, e D. Il quarto A vede accoppiate la prima classificata del gruppo 1 con la seconda del gruppo 2; il quarto B la seconda del gruppo 1 con la prima del gruppo 2; il quarto C la prima del gruppo 3 con la seconda del gruppo 4 e il quarto D la seconda del gruppo 3 con la prima del gruppo 4.

  • La prima semifinale si disputa tra le vincenti dei quarti A e C, la seconda tra le vincenti dei quarti B e D.
  • Finale per il terzo posto: incontro tra le due perdenti le semifinali.
  • Finale per il primo posto: incontro tra le due vincenti le semifinali.

IntroduzioneModifica

 
Piazzamenti delle nazionali

Al campionato del mondo del 1966 è legato uno dei più curiosi aneddoti riguardanti la Coppa Rimet. Come è noto, è uso che la federazione campione uscente rimetta il trofeo a disposizione della FIFA e del comitato organizzatore del campionato, affinché possa rimanere in esposizione fino all'assegnazione al vincitore successivo (nel 1966 campione uscente era il Brasile). Il 20 marzo 1966, però, la Coppa Rimet fu rubata da ignoti durante l'esposizione al pubblico.[2] Dopo lunghe ricerche, fu ritrovata, in un parco pubblico londinese, avvolta in un foglio di giornale, grazie al fiuto di un cane (il meticcio Pickles, che morì l'anno dopo strozzato dal suo stesso guinzaglio).[2] Prima del ritrovamento del trofeo, la Federcalcio inglese ne aveva fatto produrre una copia,[2] nell'eventualità che essa non venisse ritrovata in tempo. Attualmente la copia è custodita ed esposta nel Museo nazionale del Calcio. Il campionato del 1966 fu anche il primo ad adottare una mascotte (il leone Willie) e un logo per finalità commerciali.

L'assegnazione all'Inghilterra fu probabilmente facilitata dal fatto che l'allora capo della FIFA fosse l'inglese Sir Stanley Rous. La cosa suscitò la prima di una lunga serie di polemiche per l'intero mondiale, fino alla finale. L'Inghilterra iniziò il torneo con ambizioni di vittoria, come testimoniava la dichiarazione, datata 1963, di Ramsey,[1] selezionatore dei reds, che promise di portare la Rimet nel paese patria del calcio; all'assegnazione del ruolo di Paese organizzatore all'Inghilterra contribuì anche il fatto che nel 1963 cadesse il centenario della fondazione della Football Association, la federazione calcistica inglese.[3] L'ottavo campionato del mondo non si distinse per particolare spettacolarità, anzi fu una delle edizioni con meno gol, in ragione dell'assetto più difensivo e tattico delle squadre. La stessa Inghilterra, che avrebbe poi vinto il torneo, passò il primo turno con 4 gol all'attivo e nessuno al passivo.

Questa edizione della rassegna iridata, sebbene avesse in programma il cerimoniale delle bande musicali durante l'entrata in campo delle squadre, non vide la tradizionale esecuzione degli inni nazionali all'inizio dei match (tranne nella partita inaugurale, e in occasione della finale per il titolo). Tale decisione fu dettata dal fatto che il Regno Unito temeva la presenza al mondiale dei calciatori della Corea del Nord – nazione socialista e non riconosciuta dai britannici – quale causa di possibili incidenti diplomatici con la controparte del Sud; a tal proposito, un appunto dell'allora Foreign Office sosteneva che il modo più semplice per risolvere la questione sarebbe stato quello di "negare il visto ai giocatori nordcoreani".[4]

StadiModifica

Per le partite di questa Coppa del Mondo furono scelti otto stadi in sette città. L'impianto di più recente inaugurazione, e maggiormente utilizzato nel torneo, era lo stadio di Wembley, con i suoi 43 anni nel 1966. Come consuetudine in Coppa del Mondo, le squadre di ogni gruppo giocavano le proprie partite in stadi geograficamente vicini. Gli incontri del gruppo 1 (quello con i padroni di casa inglesi) si giocarono tutti a Londra: cinque a Wembley, che era lo stadio ufficiale della nazionale inglese e peraltro riconosciuto come il più prestigioso stadio di calcio del mondo; uno al White City Stadium, nella zona ovest di Londra, utilizzato però, e per una sola partita, come alternativa a Wembley. Accadde infatti che la partita della fase a gironi tra Uruguay e Francia, programmata a Wembley venerdì 15 luglio 1966, si dovette giocare al White City Stadium (originariamente costruito per le Olimpiadi estive del 1908), perché nello stesso giorno erano già state programmate a Wembley delle corse di levrieri. Poiché il proprietario di Wembley non volle sentire ragioni per cancellare l'evento, la partita venne trasferita nella sede alternativa a Londra. Le partite del gruppo 2 si giocarono allo Shepherd Stadium di Sheffield e al Villa Park di Birmingham; le partite del gruppo 3 allo stadio del Manchester United a Manchester e al Goodison Park dell'Everton FC a Liverpool; le partite del Gruppo 4 infine di giocarono al Middlesbrough FC Ayresome Park a Middlesbrough e al Sunderland AFC Roker Park a Sunderland, città entrambe situate nel nord dell'Inghilterra.

Con nove incontri disputati, la sede più utilizzata fu lo stadio di Wembley. Vi si giocarono tutte le sei partite dell'Inghilterra, compresa la finalissima con la Germania Ovest, oltre alla finale per il terzo posto. Goodison Park venne utilizzato per cinque partite; Roker Park e Hillsborough ospitarono ciascuno quattro partite. Infine l'Old Trafford, il Villa Park e l'Ayresome Park ospitarono ciascuno tre partite, ma nessuna partita ad eliminazione diretta.

Londra Birmingham
Wembley Stadium White City Stadium Villa Park
51°33′21″N 0°16′46″W / 51.555833°N 0.279444°W51.555833; -0.279444 (Wembley Stadium) 51°33′20″N 0°16′47″W / 51.555556°N 0.279722°W51.555556; -0.279722 (White City Stadium) 52°30′33″N 1°53′05″W / 52.509167°N 1.884722°W52.509167; -1.884722 (Villa Park)
Capienza: 98 600 Capienza: 76 567 Capienza: 52 000
     
Liverpool
Goodison Park
53°27′47″N 2°17′29″W / 53.463056°N 2.291389°W53.463056; -2.291389 (Old Trafford)
Capienza: 50 151
 
Manchester
Old Trafford
53°24′41″N 1°30′02″W / 53.411389°N 1.500556°W53.411389; -1.500556 (Hillsborough)
Capienza: 58 000
 
Sheffield Sunderland Middlesbrough
Hillsborough Stadium Roker Park Ayresome Park
54°54′52″N 1°23′18″W / 54.914444°N 1.388333°W54.914444; -1.388333 (Roker Park) 54°33′51″N 1°14′49″W / 54.564167°N 1.246944°W54.564167; -1.246944 (Ayresome Park) 53°26′20″N 2°57′58″W / 53.438889°N 2.966111°W53.438889; -2.966111 (Goodison Park)
Capienza: 42 730 Capienza: 40 310 Capienza: 40 000
     

Squadre partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1966 e Convocazioni per il campionato mondiale di calcio 1966.
Pr. Squadra Data di qualificazione certa Confederazione Partecipante in quanto Partecipazioni precedenti al torneo Ultima presenza
1   Inghilterra 22 agosto 1960 UEFA Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale 4 (1950, 1954, 1958, 1962) Cile 1962
2   Brasile 17 giugno 1962 CONMEBOL Paese detentore del titolo 7 (1930, 1934, 1938, 1950, 1954, 1958, 1962) Cile 1962
3   Messico 16 maggio 1965 CONCACAF Vincitrice del Secondo Turno (CONCACAF) 5 (1930, 1950, 1954, 1958, 1962) Cile 1962
4   Uruguay 13 giugno 1965 CONMEBOL Vincitrice del Gruppo 1 (CONMEBOL) 4 (1930, 1950, 1954, 1962) Cile 1962
5   Argentina 29 agosto 1965 CONMEBOL Vincitrice del Gruppo 3 (CONMEBOL) 4 (1930, 1934, 1958, 1962) Cile 1962
6   Ungheria 9 ottobre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 6 (UEFA) 5 (1934, 1938, 1954, 1958, 1962) Cile 1962
7   Cile 12 ottobre 1965 CONMEBOL Vincitrice del Gruppo 2 (CONMEBOL) 3 (1930, 1950, 1962) Cile 1962
8   Unione Sovietica 17 ottobre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 7 (UEFA) 2 (1958, 1962) Cile 1962
9   Portogallo 31 ottobre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 4 (UEFA) Esordiente
10   Francia 6 novembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 3 (UEFA) 5 (1930, 1934, 1938, 1954, 1958) Svezia 1958
11   Spagna 10 novembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 9 (UEFA) 3 (1934, 1950, 1962) Cile 1962
12   Germania Ovest 14 novembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 2 (UEFA) 5 (1934, 1938, 1954, 1958, 1962) Cile 1962
13   Corea del Nord 24 novembre 1965 AFC Vincitrice della Seconda Fase CAF e AFC Esordiente
14   Svizzera 24 novembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 5 (UEFA) 5 (1934, 1938, 1950, 1954, 1962) Cile 1962
15   Italia 7 dicembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 8 (UEFA) 5 (1934, 1938, 1950, 1954, 1962) Cile 1962
16   Bulgaria 29 dicembre 1965 UEFA Vincitrice del Gruppo 1 (UEFA) 1 (1962) Cile 1962
 
I paesi africani che boicottano la Coppa del Mondo del 1966 sono ombreggiati in nero.

Riassunto del torneoModifica

Fase a gironiModifica

 
Solari, Más, Tilkowski, Schnellinger e Schulz durante la sfida Germania Ovest-Argentina valida per la fase a gruppi.

Il campo rispettò quasi per intero i pronostici, con qualche esclusione di rilievo: nel primo gruppo, l'Inghilterra si spartì la posta con l'Uruguay prima di superare con due classici 2-0 Francia e Messico. A ruota seguì la stessa Celeste, cui bastò un 2-1 ai francesi e un pari con i messicani per qualificarsi.

Nel gruppo 2 la Spagna, campione d'Europa uscente, non andò oltre una vittoria con poco scarto contro la Svizzera (sfavorita tra l'altro dall'arbitro sovietico Bakhramov, che annullò il gol regolare del 2-2 svizzero), mentre Germania Ovest e Argentina passarono a pari punti, con i tedeschi primi per differenza reti.

Le sorprese vennero dai gruppi 3 e 4. Nel gruppo 3 vi fu un'inaspettata sconfitta dei verdeoro brasiliani, campioni del mondo in carica: dopo aver superato la partita molto fisica con la Bulgaria[2] con due punizioni (una di Pelé e una di Garrincha, nell'ultima partita giocata assieme),[2] il Brasile, privo dell'infortunato Pelé,[1] cadde contro l'Ungheria e il Portogallo costruito sul Benfica di Eusébio.[2] Nonostante l'eliminazione il Brasile, che era stato campione del mondo nel 1958 e nel 1962, recriminò per gli arbitraggi (contro la Bulgaria, arbitrata dal tedesco Kurt Tschenscher, nelle gare contro Ungheria e Portogallo, arbitrate dagli inglesi Ken Dagnall e George McCabe) in cui non vennero sanzionati molti falli fatti a danno dei giocatori chiave verdeoro[2][5].

Nel gruppo 4 l'Italia, vincendo 2-0 contro il Cile, si prese la rivincita della battaglia di Santiago di quattro anni prima, ma inciampò nell'URSS, venendo sconfitta 1-0. Nella decisiva partita contro la Corea del Nord perse nuovamente 1-0, con un gol di Pak Doo-Ik.[2] Questa sconfitta causò grande scalpore in Italia,[2] dato che la Corea del Nord era considerata una squadra facile da battere. Per questo motivo, quando i giocatori italiani rientrarono in patria dopo la sconfitta, furono accolti da circa seicento tifosi inferociti accorsi all'aeroporto di Genova per contestarli con insulti e lancio di pomodori.[6] Il turno fu passato da URSS e Corea del Nord e i tifosi di Middlesbrough, città operaia del nord dell'Inghilterra, adottarono la Nazionale asiatica e la seguirono a Liverpool per i quarti di finale.[2]

Quarti di finaleModifica

 
La contestata espulsione di Antonio Rattín in Inghilterra-Argentina dei quarti di finale

A dar colore ai quarti di finale ci pensarono Argentina e Inghilterra. A Wembley gli inglesi erano impegnati in una tesa partita contro i sudamericani; si scrisse che dopo mezz'ora c'erano già quattro ammonizioni argentine (Perfumo, Solari, Rattín e Artime), mentre all'inglese Stiles fu concessa ogni tipo di entrata[5], ma in realtà i cartellini furono introdotti a opera di Ken Aston, per la prima volta durante il Mondiale 1970 in Messico.[7] Tuttavia le ammonizioni esistevano da molto tempo prima, anche senza l'uso dei cartellini. Al 33º il capitano argentino Antonio Rattín venne espulso dall'arbitro tedesco Rudolf Kreitlein.[2] Nonostante gli inviti dell'arbitro tedesco a lasciare il campo,[2] l'argentino fece finta di non capire[2] e pretese un interprete. Alla fine lasciò il terreno di gioco e si sedette sul tappeto rosso riservato ai membri della casa reale inglese, prendendo i fischi di tutto lo stadio e ricevendo l'appellativo di "Animale". Facilitata dall'espulsione e contro un avversario esasperato, l'Inghilterra alla fine vinse 1-0, andando in semifinale.[2] L'espulsione di Rattin venne definita in patria come el robo del siglo (il furto del secolo), il giornale sportivo francese L'Équipe intitolò «Lo scandalo è entrato a Wembley» e il suo inviato Jean Cornu scrisse «Scandaloso l'arbitro, Stiles meritava una sanzione più di Rattin...»[5]. In seguito l'arbitro tedesco Rudolf Kreitlein dichiarò di aver espulso Rattìn per una serie di falli scorretti, le continue proteste ad ogni sua decisione e perché, anche se non capiva la lingua del giocatore intuì dalle sue espressioni che lo stava insultando reiteratamente.[8][9]

Al Goodison Park di Liverpool, lo stadio dell'Everton, invece, la Corea del Nord riuscì a portarsi sul 3-0 in poco meno di mezz'ora prima che il Portogallo riuscisse a serrare le file e riorganizzare il gioco.[2] L'ingenuità tattica degli asiatici e l'abilità dei portoghesi fecero poi la differenza e la squadra di Eusébio (quattro gol e un assist in quella partita)[2] vinse 5-3 e raggiunse in semifinale l'Inghilterra.[2]

L'URSS eliminò l'Ungheria 2-1, mentre nella gara Germania Ovest-Uruguay, dopo che l'arbitro inglese Jim Finney negò nei primi minuti un calcio di rigore ai sudamericani per un intervento di mano di Schnellinger in area di rigore su colpo di testa di Rocha,[2] arrivò il vantaggio tedesco all'11° con Helmut Haller; all'inizio del secondo tempo vennero espulsi gli uruguaiani Horacio Troche ed Héctor Silva e, in 11 contro 9, i tedeschi vinsero 4-0, eliminando facilmente l'Uruguay.[2]

SemifinaliModifica

Le due semifinali si giocarono a un giorno di distanza, il 25 e 26 luglio a Liverpool (Germania Ovest-URSS) e a Londra (Inghilterra-Portogallo).

Sotto la direzione dell'italiano Concetto Lo Bello i tedeschi sconfissero i sovietici. A segnare per la Germania Ovest furono Haller e Beckenbauer, ma anche in questa gara ci furono delle critiche rivolte agli arbitri, poiché i sovietici furono costretti a giocare in 9 uomini a causa dell'infortunio di Sabo (all'epoca non si effettuavano cambi) e per l'espulsione dell'attaccante Igor' Čislenko; l'inviato de L'Équipe Robert Vergne scrisse «Contro l'URSS la Germania ha mostrato il peggior calcio di questi mondiali. Chi parla di complotto a favore dei tedeschi e degli inglesi può sostenere questa tesi con le cifre: nelle ultime tre partite disputate la Germania ha giocato contro squadre di dieci e nove giocatori. L'Argentina, nel girone eliminatorio in dieci (uno espulso), l'Uruguay nei quarti, in nove (due espulsi) e l'URSS in semifinale, in nove (uno ferito severamente, uno espulso)»[5].

A Londra, invece, ci vollero due gol di Bobby Charlton per aver ragione di un Portogallo in forma, che tenne aperta la partita fino all'ultimo grazie a un goal di Eusébio su rigore nel finale.

FinaliModifica

Entrambe le finali si disputarono allo stadio londinese di Wembley.[10] Il terzo posto finale del Portogallo, allenato da Otto Glória, rimane tuttora il massimo risultato a livello mondiale conseguito dai lusitani, fatto questo che permise a Eusébio di onorare al meglio il Pallone d'oro vinto l'anno prima grazie ai suoi successi con la maglia del Benfica.

Nella finale per l'assegnazione del titolo, fra i padroni di casa e la Germania Ovest, agli ordini di sir Alf Ramsey scesero in campo per l'Inghilterra Banks, Cohen, J. Charlton; Moore, Stiles, Wilson; Ball, Hunt, Hurst, R. Charlton, Peters. Il CT tedesco Helmut Schön schierò invece Tilkowski, Höttges, Weber; Schnellinger, Schulz, Beckenbauer; Haller, Emmerich, Held, Overath, Seeler. Da notare come l'Inghilterra chiudesse il torneo nello stesso stadio, Wembley, dove aveva giocato tutte le partite.

Haller segnò quasi subito, al 12º, ma il vantaggio tedesco durò solo sei minuti, in quanto Hurst pareggiò al 18°. La partita si svolse su un piano di sostanziale equilibrio finché al 78º Peters realizzò il gol del 2-1 che sembrava aver chiuso l'incontro.[2] Su una contestata azione a palla ferma, Weber riuscì tuttavia a segnare il 2-2 quando ormai mancava un minuto alla fine.[2] Gli inglesi contestarono un fallo di mano del tedesco Schnellinger, ma Dienst convalidò. Al 101°, undici minuti dopo l'inizio dei tempi supplementari, Hurst lasciò partire un tiro che sbatté contro la faccia inferiore della traversa e rimbalzò sulla linea prima di tornare in campo.[2] Le riprese televisive dimostrarono che la palla aveva battuto sulla linea e non aveva, come richiesto dal regolamento, superato completamente la linea di porta.[2][10] Non sapendo cosa decidere, Dienst chiese il parere dell'assistente Tofik Bakhramov, che convalidò la rete.[2]

Il commentatore della BBC Kenneth Wolstenholme si premurò di far sapere che il guardalinee sovietico «parlava solo russo e turco»[11], ragion per cui il dialogo con il direttore di gara poteva avvenire solo a gesti.[10] Inutili le proteste tedesche e l'attacco finale, che durò per tutto il secondo tempo supplementare: proprio allo scadere Hurst segnò il suo terzo gol personale e il quarto per l'Inghilterra, che vinse 4-2 e si laureò campione del mondo per la prima – e tuttora unica – volta nella sua storia. Durante l'azione del 4-2, tre persone invasero il terreno di gioco mentre Hurst stava andando a segnare l'ultima rete,[2] la marcatura sarebbe stata da annullare,[2] ma l'arbitro convalidò ugualmente.[2] Geoff Hurst è attualmente l'unico calciatore ad aver segnato tre gol in una finale di un Campionato del mondo.

RisultatiModifica

Fase a gironiModifica

Gruppo 1Modifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Inghilterra 5 3 2 1 0 4 0 +4
2.   Uruguay 4 3 1 2 0 2 1 +1
3.   Messico 2 3 0 2 1 1 3 -2
4.   Francia 1 3 0 1 2 2 5 -3
RisultatiModifica
Londra
11 luglio 1966, ore 19:30
Inghilterra  0 – 0
referto
  UruguayWembley Stadium (87.148 spett.)
Arbitro:    Zsolt

Londra
13 luglio 1966, ore 19:30
Francia  1 – 1
referto
  MessicoWembley Stadium (69.237 spett.)
Arbitro:    Ashkenazi

Londra
15 luglio 1966, ore 19:30
Uruguay  2 – 1
referto
  FranciaWhite City Stadium (45.662 spett.)
Arbitro:    Galba

Londra
16 luglio 1966, ore 15:00
Inghilterra  2 – 0
referto
  MessicoWembley Stadium (92.570 spett.)
Arbitro:    Lo Bello

Londra
19 luglio 1966, ore 16:30
Messico  0 – 0
referto
  UruguayWembley Stadium (61.112 spett.)
Arbitro:    Lööw

Londra
20 luglio 1966, ore 19:30
Inghilterra  2 – 0
referto
  FranciaWembley Stadium (98.270 spett.)
Arbitro:    Yamasaki

Gruppo 2Modifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Germania Ovest 5 3 2 1 0 7 1 +6
2.   Argentina 5 3 2 1 0 4 1 +3
3.   Spagna 2 3 1 0 2 4 5 -1
4.   Svizzera 0 3 0 0 3 1 9 -8
RisultatiModifica
Sheffield
12 luglio 1966, ore 19:30
Germania Ovest  5 – 0
referto
  SvizzeraHillsborough Stadium (36.000 spett.)
Arbitro:    Phillips

Birmingham
13 luglio 1966, ore 19:30
Argentina  2 – 1
referto
  SpagnaVilla Park (48.000 spett.)
Arbitro:    Rumentchev

Sheffield
15 luglio 1966, ore 19:30
Spagna  2 – 1
referto
  SvizzeraHillsborough Stadium (32.000 spett.)
Arbitro:    Bakhramov

Birmingham
16 luglio 1966, ore 15:00
Germania Ovest  0 – 0
referto
  ArgentinaVilla Park (51.000 spett.)
Arbitro:    Zečević

Sheffield
19 luglio 1966, ore 19:30
Argentina  2 – 0
referto
  SvizzeraHillsborough Stadium (32.000 spett.)
Arbitro:    Campos

Birmingham
20 luglio 1966, ore 19:30
Germania Ovest  2 – 1
referto
  SpagnaVilla Park (51.000 spett.)
Arbitro:    Marques

Gruppo 3Modifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Portogallo 6 3 3 0 0 9 2 +7
2.   Ungheria 4 3 2 0 1 7 5 +2
3.   Brasile 2 3 1 0 2 4 6 -2
4.   Bulgaria 0 3 0 0 3 1 8 -7
RisultatiModifica
Liverpool
12 luglio 1966, ore 19:30
Brasile  2 – 0
referto
  BulgariaGoodison Park (48.000 spett.)
Arbitro:    Tschenscher

Manchester
13 luglio 1966, ore 19:30
Portogallo  3 – 1
referto
  UngheriaOld Trafford (37.000 spett.)
Arbitro:    Callaghan

Liverpool
15 luglio 1966, ore 19:30
Ungheria  3 – 1
referto
  BrasileGoodison Park (52.000 spett.)
Arbitro:    Dagnall

Manchester
16 luglio 1966, ore 15:00
Portogallo  3 – 0
referto
  BulgariaOld Trafford (26.000 spett.)
Arbitro:    Codesal

Liverpool
19 luglio 1966, ore 19:30
Portogallo  3 – 1
referto
  BrasileGoodison Park (62.000 spett.)
Arbitro:    McCabe

Manchester
20 luglio 1966, ore 19:30
Ungheria  3 – 1
referto
  BulgariaOld Trafford (22.000 spett.)
Arbitro:    Goicoechea

Gruppo 4Modifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Unione Sovietica 6 3 3 0 0 6 1 +5
2.   Corea del Nord 3 3 1 1 1 2 4 -2
3.   Italia 2 3 1 0 2 2 2 0
4.   Cile 1 3 0 1 2 2 5 -3
RisultatiModifica
Middlesbrough
12 luglio 1966, ore 19:30
Unione Sovietica  3 – 0
referto
  Corea del NordAyresome Park (22.000 spett.)
Arbitro:    Garay

Sunderland
13 luglio 1966, ore 19:30
Italia  2 – 0
referto
  CileRoker Park (30.000 spett.)
Arbitro:    Dienst

Middlesbrough
15 luglio 1966, ore 19:30
Cile  1 – 1
referto
  Corea del NordAyresome Park (16.000 spett.)
Arbitro:    Kandil

Sunderland
16 luglio 1966, ore 15:00
Unione Sovietica  1 – 0
referto
  ItaliaRoker Park (27.800 spett.)
Arbitro:    Kreitlein

Middlesbrough
19 luglio 1966, ore 19:30
Corea del Nord  1 – 0
referto
  ItaliaAyresome Park (18.000 spett.)
Arbitro:    Schwinte

Sunderland
20 luglio 1966, ore 19:30
Unione Sovietica  2 – 1
referto
  CileRoker Park (22.000 spett.)
Arbitro:    Adair

Fase ad eliminazione direttaModifica

Fase ad eliminazione direttaModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
23 luglio- 15:00
   Inghilterra  1
25 luglio- 19:30
   Argentina  0  
   Inghilterra  2
23 luglio- 15:00
     Portogallo  1  
   Portogallo  5
30 luglio- 15:00
   Corea del Nord  3  
   Inghilterra  4
23 luglio- 15:00
     Germania Ovest  2
   Germania Ovest  4
26 luglio- 19:30
   Uruguay  0  
   Germania Ovest  2 Finale 3º posto
23 luglio- 15:00
     Unione Sovietica  1  
   Unione Sovietica  2    Portogallo  2
   Ungheria  1      Unione Sovietica  1
28 luglio- 19:30

Quarti di finaleModifica

Liverpool
23 luglio 1966, ore 15:00
Portogallo  5 – 3
referto
  Corea del NordGoodison Park (51.780 spett.)
Arbitro:    Ashkenazi

Sheffield
23 luglio 1966, ore 15:00
Germania Ovest  4 – 0
referto
  UruguayHillsborough Stadium (34.000 spett.)
Arbitro:    Finney

Londra
23 luglio 1966, ore 15:00
Inghilterra  1 – 0
referto
  ArgentinaWembley Stadium (90.000 spett.)
Arbitro:    Kreitlein

Sunderland
23 luglio 1966, ore 15:00
Unione Sovietica  2 – 1
referto
  UngheriaRoker Park (21.000 spett.)
Arbitro:    Garay

SemifinaliModifica

Liverpool
25 luglio 1966, ore 19:30
Germania Ovest  2 – 1
referto
  Unione SovieticaGoodison Park (38.300 spett.)
Arbitro:    Lo Bello

Londra
26 luglio 1966, ore 19:30
Inghilterra  2 – 1
referto
  PortogalloWembley Stadium (95.000 spett.)
Arbitro:    Schwinte

Finale 3º postoModifica

Londra
28 luglio 1966, ore 19:30
Portogallo  2 – 1
referto
  Unione SovieticaWembley Stadium (88.000 spett.)
Arbitro:    Dagnall

FinaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato mondiale di calcio 1966.
Londra
30 luglio 1966, ore 15:00
Inghilterra  4 – 2
(d.t.s.)
referto
  Germania OvestWembley Stadium (93.000 spett.)
Arbitro:    Dienst

Classifica marcatoriModifica

9 reti

6 reti

4 reti

3 reti

2 reti

1 rete

Autoreti

NoteModifica

  1. ^ a b c Bortolotti, p. 167.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa Buffa.
  3. ^ Bortolotti, p. 166.
  4. ^ (EN) World Cup fears over North Korea in 1966, in bbc.co.uk, 13 giugno 2010.
  5. ^ a b c d Quando gli arbitri decidono tutto, e anche di più, francorossi.com. URL consultato il 10 giugno 2010.
  6. ^ Rsvn.it - Pomodori all'aeroporto di Genova, su rsvn.it. URL consultato il 9 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2016).
  7. ^ Ken Aston – the inventor of yellow and red cards - fifa.com
  8. ^ (EN) Robin Hackett, Blue is the colour, ESPN, 2011 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2014).
  9. ^ (ES) Inghilterra-Argentina, todoslosmundiales.com.ar. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2008).
  10. ^ a b c Bortolotti, p. 168.
  11. ^ «Yes, yes, yes - no! The linesman says no! The linesman says no… It's a goal! It's a goal! Oh, and the Germans go mad at the referee! This linesman, at the linesman, who can only speak Russian and Turkish…» («Sì… Sì… Sì… No! Il guardalinee ha detto "no"! Il guardalinee ha detto "no"! È gol! È gol! Oh, e i tedeschi stanno assalendo l'arbitro… Questo guardalinee… Questo guardalinee che parla solo russo e turco…»), dalla telecronaca della BBC di Kenneth Wolstenholme.

BibliografiaModifica

  • Adalberto Bortolotti, I campionati mondiali, in AA.VV., Enciclopedia dello Sport - Calcio, Roma, Treccani, 2002.

VideografiaModifica

  • Federico Ferri, Federico Buffa, Storie Mondiali: Football Back Home (1966), Sky Sport, 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN150743816 · LCCN (ENno2013079959 · GND (DE2010941-6 · WorldCat Identities (ENno2013-079959
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio