Apri il menu principale

Sergio Cervato

calciatore e allenatore di calcio italiano
Sergio Cervato
Sergio Cervato.jpg
Cervato alla Fiorentina
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1965 - giocatore
Carriera
Giovanili
1946-1947 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Tombolo
Squadre di club1
1947-1948Bolzano17 (0)
1948-1959Fiorentina316 (31)
1959-1961Juventus62 (7)
1961-1965SPAL91 (7)
Nazionale
1951-1960 Italia Italia 28 (4)
Carriera da allenatore
1966-1967Pescara
1967-1968Vigor Trani
1968-1970Empoli
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sergio Cervato (Carmignano di Brenta, 22 marzo 1929Firenze, 9 ottobre 2005) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo difensore.

Con 466 presenze in Serie A, è venticinquesimo per numero di apparizioni nella massima serie italiana.

Caratteristiche tecnicheModifica

GiocatoreModifica

Fu un difensore avvezzo al gol, tanto che nel suo ruolo risulta secondo solo a Giacinto Facchetti per reti segnate in Serie A (45, contro le 59 del connazionale).[1] Si incaricava spesso della battuta dei calci di rigore, e con 19 gol segnati dal dischetto è il miglior rigorista nella storia della Fiorentina; altri 3 li realizzò con la Juventus e 2 con la SPAL, per un totale di 24 penalty trasformati in campionato (su 32 tentativi): grazie a ciò occupa la nona posizione nella classifica dei calciatori con il maggior numero di rigori finalizzati nella massima serie italiana.[2]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

 
Cervato festeggia il primo scudetto dei gigliati nel 1956

Dopo le prime esperienze calcistiche nelle squadre del paese natale (Lampo di Carmignano e Carmenta), iniziò la carriera di calciatore come terzino sinistro nel Tombolo a 17 anni. Passò tra i dilettanti seguendo le sorti del Bolzano.

Nel 1948 girò l'Italia alla ricerca di una squadra professionistica. Privo del pollice della mano destra, amputato in seguito a un incidente con un attrezzo agricolo in gioventù, fu scartato a un provino della Sampdoria prima di arrivare a Firenze, dove la Fiorentina lo prese. Rimase coi viola fino al 1959 (316 presenze e 31 reti in Serie A, 334 presenze totali). Era infallibile dal dischetto e le sue punizioni a pelo d'erba erano micidiali. Con la squadra toscana conquistò il primo scudetto nella stagione 1955-56, oltre a una Coppa Grasshoppers nella seconda parte del decennio. Giocò inoltre tutte le sette gare della Coppa dei Campioni 1956-1957 persa in finale dai gigliati contro il Real Madrid.

Nel 1959 passò alla Juventus, dove conquistò altri due scudetti giocando da centromediano sistemista – ovvero da centrale in una difesa a tre. Coi piemontesi vinse anche due Coppe Italia, e giocò altre due gare nella Coppa dei Campioni 1960-1961.

 
Cervato (in piedi, secondo da sinistra) con l'Italia nel 1956

Fu anche nazionale, esordendo in maglia azzurra nel 1951, nella partita Portogallo-Italia 1-4. In azzurro accumulò 28 presenze e 4 reti, alle quali si aggiungono altre due gare giocate nel 1955 con la nazionale B. Fu inoltre capitano dell'Italia in 6 gare, oltre a 2 della nazionale B.

Smise l'attività agonistica nel 1965 in Serie B, con la SPAL, squadra a cui era approdato nel 1961 chiamato da Paolo Mazza – convinto, a differenza di altri, che il giocatore non fosse assolutamente finito; Cervato giunse a Ferrara assieme a Dell'Omodarme quale parziale conguaglio della comproprietà di Bozzao; Il patavino diventò l'indiscusso capitano della formazione estense, giocando altri quattro campionati e fermandosi solo per un serio infortunio che ne compromise definitivamente il prosieguo della carriera.

AllenatoreModifica

Si dedicò successivamente all'attività di allenatore partendo proprio dalla formazione De Martino della SPAL, contribuendo a lanciare, tra gli altri, un giovane di sicuro talento, Fabio Capello. Allenò successivamente il Trani, il Pescara e l'Empoli e diresse le giovanili della Fiorentina, quindi si dedicò all'attività di osservatore, continuando la sua opera di talent scout e selezionando alcuni dei migliori giocatori della Fiorentina fino a che una lunga malattia lo costrinse a fermarsi.

StatisticheModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe internazionali Totale
Campionato Presenze Reti Coppa Presenze Reti Coppa Presenze Reti Presenze Reti
1946-1947*   Tombolo PD ? ? ? ?
Totale Tombolo* ? ? ? ?
1947-1948   Bolzano B 17 0 17 0
Totale Bolzano 17 0 17 0
1948-1949   Fiorentina A 18 0 18 0
1949-1950 A 36 2 36 2
1950-1951 A 37 4 37 4
1951-1952 A 28 1 28 1
1952-1953 A 31 2 31 2
1953-1954 A 33 3 33 3
1954-1955 A 18 0 18 0
1955-1956 A 33 5 33 5
1956-1957 A 30 5 CC 7 0 37 5
1957-1958 A 27 4 CI 9 0 36 4
1958-1959 A 25 5 CI 2 0 27 5
Totale Fiorentina 316 31 11 0 7 0 334 31
1959   Juventus A 0 0 CI 2 3 2 3
1959-1960 A 34 6 CI 3 2 37 8
1960-1961 A 28 1 CI 2 1 CC 2 0 32 2
Totale Juventus 62 7 7 6 2 0 71 13
1961-1962   S.P.A.L. A 32 5 32 5
1962-1963 A 29 0 29 0
1963-1964 A 27 2 27 2
1965-1966 B 3 0 3 0
Totale S.P.A.L. 91 7 91 7
Totale carriera** 469 45 18 6 9 0 496 51
  • *Dati non pervenuti.
  • **Dati parziali. Presenze e reti al Tombolo non pervenuti.

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
8-4-1951 Lisbona Portogallo   1 – 4   Italia Amichevole -
6-5-1951 Milano Italia   0 – 0   Jugoslavia Amichevole -
3-6-1951 Genova Italia   4 – 1   Francia Amichevole -
11-11-1951 Firenze Italia   1 – 1   Svezia Amichevole -
24-2-1952 Bruxelles Belgio   2 – 0   Italia Amichevole -
26-10-1952 Stoccolma Svezia   1 – 1   Italia Amichevole -
26-4-1953 Praga Cecoslovacchia   2 – 0   Italia Coppa Internazionale -
17-5-1953 Roma Italia   0 – 3   Ungheria Coppa Internazionale -
13-11-1953 Il Cairo Egitto   1 – 2   Italia Qual. Mondiali 1954 -
13-12-1953 Genova Italia   3 – 0   Cecoslovacchia Coppa Internazionale 1
24-1-1954 Milano Italia   5 – 1   Egitto Qual. Mondiali 1954 -   42’
27-11-1955 Budapest Ungheria   2 – 0   Italia Coppa Internazionale - Cap.
18-12-1955 Roma Italia   2 – 1   Germania Ovest Amichevole -
15-2-1956 Bologna Italia   2 – 0   Francia Amichevole -
25-4-1956 Milano Italia   3 – 0   Brasile Amichevole -
24-6-1956 Buenos Aires Argentina   1 – 0   Italia Amichevole - Cap.
1-7-1956 Rio de Janeiro Brasile   2 – 0   Italia Amichevole - Cap.
9-12-1956 Genova Italia   2 – 1   Austria Coppa Internazionale -
25-4-1957 Roma Italia   1 – 0   Irlanda del Nord Qual. Mondiali 1958 1
12-5-1957 Zagabria Jugoslavia   6 – 1   Italia Coppa Internazionale 1
26-5-1957 Lisbona Portogallo   3 – 0   Italia Qual. Mondiali 1958 -
4-12-1957 Belfast Irlanda del Nord   2 – 2   Italia Amichevole - Cap.
22-12-1957 Milano Italia   3 – 0   Portogallo Qual. Mondiali 1958 - Cap.
9-11-1958 Parigi Francia   2 – 2   Italia Amichevole -
13-12-1958 Genova Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Coppa Internazionale -
1-11-1959 Praga Cecoslovacchia   2 – 1   Italia Coppa Internazionale - Cap.
29-11-1959 Firenze Italia   1 – 1   Ungheria Coppa Internazionale 1
13-3-1960 Barcellona Spagna   3 – 1   Italia Amichevole -
Totale Presenze 28 Reti 4

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Fiorentina:1955-1956
Juventus: 1959-1960, 1960-1961
Juventus: 1958-1959, 1959-1960

Competizioni internazionaliModifica

Fiorentina: 1952-1957

NoteModifica

  1. ^ Luca Taidelli, Samuel, un gol per fare la storia due volte, in La Gazzetta dello Sport, 11 febbraio 2014.
  2. ^ SportWeek (La Gazzetta dello Sport), nº 127, 7 settembre 2002, p. 96.

BibliografiaModifica

  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus - Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 87.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica