Apri il menu principale
Irlanda del Nord Irlanda del Nord
IrlandadelNordFA.png
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione IFA
Irish Football Association
Confederazione UEFA
Codice FIFA NIR
Soprannome Green & White Army (Esercito bianco-verde)
Selezionatore Irlanda del Nord Michael O'Neill
Record presenze Pat Jennings (119)
Capocannoniere David Healy (36)
Stadio Windsor Park
(20 332 posti)
Ranking FIFA 27° (16 agosto 2018)
Esordio internazionale
Irlanda Irlanda 0 - 13 Inghilterra Inghilterra
Belfast, Regno Unito; 18 febbraio 1882
Migliore vittoria
Irlanda Irlanda 7 - 0 Galles Galles
Belfast, Regno Unito; 1º febbraio 1930
Peggiore sconfitta
Irlanda Irlanda 0 - 13 Inghilterra Inghilterra
Belfast, Regno Unito; 18 febbraio 1882
Campionato del mondo
Partecipazioni 3 (esordio: 1958)
Miglior risultato Quarti di finale nel 1958
Campionato d'Europa
Partecipazioni 1 (esordio: 2016)
Miglior risultato Ottavi di finale nel 2016
Nations League
Partecipazioni 1 (esordio: 2018-2019)
Miglior risultato 12º posto nella Lega B 2018-2019

La nazionale di calcio dell'Irlanda del Nord (in inglese Northern Ireland national football team) è la rappresentativa calcistica dell'Irlanda del Nord ed è posta sotto l'egida della Irish Football Association (IFA).

Nonostante l'esigua porzione autonoma di territorio (un sesto dell'intera isola) e il limitato parco giocatori da cui attingere (circa 1.700.000 atleti, che però possono inoltre scegliere di giocare con l'Eire) la squadra conta 3 partecipazioni alla Coppa del Mondo, al pari della sua controparte, ed una agli Europei, nel 2016. Può vantare la conquista di 8 edizioni del Torneo Interbritannico.

È da notare come il calcio sia uno dei pochi sport in cui la Repubblica d'Irlanda e l'Irlanda del Nord hanno ciascuna una propria rappresentativa nazionale. In altre discipline, per esempio il rugby, le selezioni gareggiano unitamente (escludendo il contenzioso politico).

Fino al 2006, la selezione nordirlandese è stata la rappresentativa dello Stato o territorio meno popoloso al mondo ad essersi qualificata alla fase finale della massima competizione calcistica per nazionali (attualmente è terza, dietro a Islanda e Trinidad e Tobago)[1].

Occupa attualmente il 27º posto nel ranking FIFA.[2]

StoriaModifica

L'Irlanda unita (1882-1922)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nazionale di calcio dell'Irlanda (IFA).

Dal 1882 al 1922 esisteva un'unica nazionale, estintasi per la guerra d'indipendenza irlandese e la nascita di uno stato libero. Dopo la scissione dalla FAI, l'IFA continuava a gestire in autonomia i campionati e la squadra nazionale dell'isola. La compagine mantenne il nome "Irlanda" sino al 1954, convocando giocatori di entrambe le nazionalità: la riduzione territoriale fu imposta dalla FIFA, che le assegnò solamente il territorio del suo stato.

La partecipazione ai Mondiali 1958Modifica

 
L'Irlanda del Nord affronta la Cecoslovacchia ai Mondiali 1958.

Nel 1958 partecipò ai Mondiali svedesi, dopo aver eliminato il Portogallo e l'Italia nelle qualificazioni. Ottenne 3 punti in 3 gare, prima di chiudere il girone con gli Azzurri. L'incontro era in programma al Windsor Park di Belfast il 4 dicembre 1957: l'arbitro Zsolt rimase però bloccato all'aeroporto di Londra per la nebbia.[3] La federazione irlandese propose di giocare ugualmente con un arbitro locale, ma l'Italia rifiutò declassando la gara ad amichevole (il risultato finale fu di 2-2).[3] La partita fu quindi recuperata il 15 gennaio 1958, e vinta per 2-1 dai "verdi" che entrarono nella fase finale.

Il cammino in Svezia terminò nei quarti di finale, con la sconfitta per 4-0 contro la Francia. Fu l'unica edizione dei Mondiali alla cui fase finale parteciparono tutte le Home Nations.

Sino ai Mondiali 2006, con il debutto di Trinidad e Tobago, la squadra rimase la rappresentativa nazionale più piccola ad aver partecipato ad un Mondiale.

L'era di Best e i due Mondiali degli anni OttantaModifica

 
Un murale a Portavogie raffigurante George Best. In basso, ai lati, sono visibili gli stemmi del Manchester United e della Nazionale nordirlandese.

La presenza dello storico giocatore George Best non contribuì ai risultati della Nazionale, che negli anni sessanta e settanta non si qualificò per alcun torneo internazionale.

Solamente nel corso degli anni ottanta la squadra tornò a giocare i Mondiali, partecipando alle edizioni del 1982 e 1986 sotto la guida di Billy Bingham. In Spagna schierò Norman Whiteside, che divenne il calciatore più giovane sceso in campo nella fase finale dei Mondiali (all'età di 17 anni): vinto il proprio girone grazie a due pareggi con Jugoslavia e Honduras e un sorprendente successo sui padroni di casa (rete di Gerry Armstrong), uscì nella seconda fase a gruppi, eliminata dalla Francia. In Messico non superò invece il primo turno, nel quale ottenne un solo punto (pareggio nell'incontro di apertura contro l'Algeria), risultando la peggiore delle terze classificate.

Anni novanta e duemilaModifica

Il declino della Nazionale è proseguito negli anni novanta e nel nuovo millennio, malgrado l'affermazione dell'attaccante David Healy (miglior marcatore nella storia della rappresentativa, con 36 reti).[4] Dal 13 febbraio 2002 al 18 febbraio 2004 subì inoltre una serie negativa di 17 k.o. consecutivi, interrotti da un successo sull'Estonia in amichevole.

 
L'Irlanda del Nord (in divisa bianca) prima di un'amichevole con la Scozia (20 agosto 2008).

Il 7 settembre 2005, nelle qualificazioni ai Mondiali, sconfigge per 1-0 l'Inghilterra con rete di Healy.[5] Un anno dopo, il 6 settembre 2006, batte per 3-2 la Spagna nelle eliminatorie dell'Europeo 2008 con tripletta di Healy[6].

Nel giugno 2007 diventa CT Nigel Worthington al posto di Lawrie Sanchez, passato ad allenare il Fulham. Dopo le qualificazioni a Euro 2008 il contratto del CT è prolungato per altri tre anni. Nell'ottobre 2011, dopo una deludente campagna di qualificazione a Euro 2012, Worthington si dimette.

Il 28 dicembre 2011 assume le redini della nazionale Michael O'Neill, che nel febbraio 2012 perde per 3-0 all'esordio contro la Norvegia. Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2014 la squadra ottiene un pareggio per 1-1 contro il Portogallo in trasferta e una vittoria casalinga per 1-0 contro la Russia.

Nel novembre 2013 O'Neill prolunga il contratto per altri due anni.

L'8 ottobre 2015 l'Irlanda del Nord ottiene la prima qualificazione alla fase finale di un campionato europeo, la prima ad un grande torneo dopo 30 anni, battendo la Grecia per 3-1 a Windsor Park e vincendo il proprio girone di qualificazione con 6 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta in dieci partite[7]. La nazionale nordirlandese esordisce in una fase finale di un campionato europeo con una sconfitta contro la Polonia (1-0). Poi vince contro l'Ucraina (2-0) e perde contro la Germania (1-0), ma si qualifica ugualmente per gli ottavi di finale come una delle quattro migliori terze. Battuta agli ottavi dal Galles per 1-0, è eliminata dall'europeo dopo aver segnato 2 gol e concesso 3 gol in quattro partite.

Controversie e settarismoModifica

La nazionale nordirlandese è l'unica a rappresentare la propria nazione in maniera eclatante, dato che spesso, anche per allentare le tensioni sociali che da sempre alimentano violenza nelle sei contee, le rappresentative negli altri sport, come nell'esempio più evidente del rugby, sono All-Ireland (di tutta l'isola d'Irlanda) o britanniche. In maniera altrettanto controversa, è per la nazionale di calcio nordirlandese che viene utilizzata in maniera formale l'Ulster Banner, bandiera non ufficiale dell'Irlanda del Nord che ormai ha perso ogni significato ed uso se non quello settariale dei gruppi unionisti.

 
Uno dei tipici murali di Belfast che celebra la nazionale nordirlandese e la vittoria contro l'Inghilterra per 1-0

Non è difficile capire come la Nazionale dell'Irlanda del Nord sia più che altro seguita dalla parte unionista della popolazione, preferendo i repubblicani indipendentisti la selezione dell'Eire, anche coerentemente col fatto che questi ultimi ritengono come propria nazione l'Irlanda, non accettando la presenza del Regno Unito se non concependolo come stato occupante. Non è raro comunque che gli uni simpatizzino per l'altra squadra quando non coinvolta nello stesso girone o nella stessa competizione, non essendoci un vero e proprio astio né una grande rivalità (più sentita per entrambe con l'Inghilterra ad esempio).

La nazionale nordirlandese ha sofferto di vari episodi di settarismo, come spesso accade in Irlanda del Nord: frange della sua tifoseria sono state da sempre parte di ambienti ostili al repubblicanismo ed in genere a vari aspetti della già travagliata società nordirlandese. Il picco più aspro si è raggiunto con l'ex calciatore Neil Lennon, spesso oggetto di fischi ed insulti da vari sostenitori mentre la selezione giocava in casa al Windsor Park. Lo stesso Lennon fu vittima di una minaccia di morte per il semplice fatto che giocasse col Celtic, squadra tifata in Irlanda del Nord dagli indipendentisti, ed avesse auspicato di poter giocare un giorno in una nazionale irlandese unita. La situazione è oggi sensibilmente migliorata grazie a vari passi[8] che hanno permesso di registrare notevoli successi[9]. Lennon è stato in poco tempo incoraggiato e la maggioranza dei tifosi allo stadio gli ha dato il suo appoggio[10], questo anche grazie a gente come Stewart MacAfee, vincitore del premio "Football for All" per i suoi impegni[11], che è riuscito insieme ad altri a rendere l'atmosfera dello stadio nazionale molto più avvincente e alla portata di tutti, isolando i gruppi politici e settari.

Lo stesso Lennon ha riconosciuto:

«Persone come Stewart sono eroi non celebrati che hanno avuto il coraggio sufficiente a combattere il settarismo e che hanno attivamente creato un'atmosfera più divertente, sicura e per le famiglie nelle partite internazionali. Tifosi come Stewart hanno fatto in modo che l'atmosfera delle partite dell'Irlanda del Nord negli ultimi anni sia motivo di invidia per altri sostenitori non solo in Europa ma nel Mondo. Dal mio punto di vista vorrei ringraziarli per i loro sforzi.»

Colori e simboliModifica

L'Irlanda del Nord scende in campo da sempre (o almeno da quando non è più Irlanda) in tenuta verde con pantaloncini bianchi e calzettoni verdi. Almeno fino a fine anni ottanta questi erano gli unici due colori che la nazionale vestiva, creando non poche confusioni con la controparte indipendente, anch'essa verde con pantaloncini bianchi. In realtà la vecchia Irlanda storica vestì le sue prime volte in azzurro, adottando il verde solo per non confondersi con la Scozia, ma dalla creazione della nazionale dell'Eire la selezione è stata sempre verde. La situazione è leggermente migliorata soltanto negli ultimi anni, adottando sempre più frequentemente (ma non sempre) un blu notte più o meno vistoso, in concomitanza con l'utilizzo dell'arancione in piccole parti da parte dell'Eire. L'utilizzo del blu è stato più o meno vistoso, da spirali e disegni a quadri piuttosto marcati, a piccoli bordini sulle maniche. Negli ultimi anni in genere vengono resi blu notte o dei tratti sulle spalle o sui lati della maglia.[12]

La seconda divisa è in genere bianca, ma non sono mancate maglie blu, nere o celesti. Attualmente la seconda divisa è tornata ad essere bianca, data la forte tonalità di verde della prima maglia.

Come stemma, almeno fino al 1946 la nazionale ha portato in petto una croce celtica con al centro un'arpa, simboli tipici dell'Irlanda. Ha interrotto, probabilmente per contrastare la Nazionale della FAI che portava lo stesso stemma, soltanto tra il 1946-51 ponendo uno scudo bianco con tre shamrock. Dal 1957 in poi ha sempre utilizzato lo stemma federativo, rimasto pressoché invariato, una croce celtica blu con bordi dorati e shamrock sulla fine dei bracci. Solo nel 1977 ha indossato delle divise senza stemma con al centro una vistosa croce celtica stilizzata.

Evoluzione delle diviseModifica

Classica
1957-64
1965-74
1977-83
1996-98
oggi

Partecipazioni ai tornei internazionaliModifica

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1930 Non partecipante
1934 Non partecipante
1938 Non partecipante
1950 Non qualificata
1954 Non qualificata
1958 Quarti di finale
1962 Non qualificata
1966 Non qualificata
1970 Non qualificata
1974 Non qualificata
1978 Non qualificata
1982 Secondo turno
1986 Primo turno
1990 Non qualificata
1994 Non qualificata
1998 Non qualificata
2002 Non qualificata
2006 Non qualificata
2010 Non qualificata
2014 Non qualificata
2018 Non qualificata
Campionato europeo
Edizione Risultato
1960 Non qualificata
1964 Non qualificata
1968 Non qualificata
1972 Non qualificata
1976 Non qualificata
1980 Non qualificata
1984 Non qualificata
1988 Non qualificata
1992 Non qualificata
1996 Non qualificata
2000 Non qualificata
2004 Non qualificata
2008 Non qualificata
2012 Non qualificata
2016 Ottavi di finale
Giochi olimpici[13]
Edizione Risultato
Confederations Cup
Edizione Risultato
1992 Non invitata
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata
2017 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionaliModifica

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930   Uruguay Non partecipante - - - -
1934   Italia Non partecipante - - - -
1938   Francia Non partecipante - - - -
1950   Brasile Non qualificata - - - -
1954   Svizzera Non qualificata - - - -
1958   Svezia Quarti di finale 2 1 2 6:10
1962   Cile Non qualificata - - - -
1966   Inghilterra Non qualificata - - - -
1970   Messico Non qualificata - - - -
1974   Germania Ovest Non qualificata - - - -
1978   Argentina Non qualificata - - - -
1982   Spagna Secondo turno 1 3 1 5:7
1986   Messico Primo turno 0 1 2 2:6
1990   Italia Non qualificata - - - -
1994   Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998   Francia Non qualificata - - - -
2002   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2006   Germania Non qualificata - - - -
2010   Sudafrica Non qualificata - - - -
2014   Brasile Non qualificata - - - -
2018   Russia Non qualificata - - - -

EuropeiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1960   Francia Non partecipante - - - -
1964   Spagna Non qualificata - - - -
1968   Italia Non qualificata - - - -
1972   Belgio Non qualificata - - - -
1976   Jugoslavia Non qualificata - - - -
1980   Italia Non qualificata - - - -
1984   Francia Non qualificata - - - -
1988   Germania Ovest Non qualificata - - - -
1992   Svezia Non qualificata - - - -
1996   Inghilterra Non qualificata - - - -
2000   Belgio /   Paesi Bassi Non qualificata - - - -
2004   Portogallo Non qualificata - - - -
2008   Austria /   Svizzera Non qualificata - - - -
2012   Polonia /   Ucraina Non qualificata - - - -
2016   Francia Ottavi di finale 1 0 3 2:3

Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1995   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1997   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Non qualificata - - - -
2009   Sudafrica Non qualificata - - - -
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Non qualificata - - - -

Tutte le roseModifica

Record individualiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Nazionale nordirlandese.

Tabella aggiornata al 23 ottobre 2018. L'asterisco indica giocatori ancora in attività.[14]

Record presenze
# Giocatore Periodo Pres. Reti
1 Pat Jennings 1964-1986 119 0
2 Steven Davis 2005-oggi 114 12
3 Aaron Hughes 1998-2019 112 1
4 David Healy 2000-2013 95 36
5 Mal Donaghy 1980-1994 91 0
6 Sammy McIlroy 1972-1987 88 5
6 Maik Taylor 1999-2011 88 0
8 Keith Gillespie 1995-2008 86 2
9 Jonny Evans 2006- 82 3
10 Gareth McAuley 2005-2019 80 9
Record reti
# Giocatore Periodo Reti Pres. Reti/pr.
1 David Healy 2000-2013 36 95 0,38
2 Kyle Lafferty 2006-oggi 20 75 0,27
3 Colin Clarke 1986-1993 13 38 0,34
4 Steven Davis 2005-oggi 12 114 0,11
4 Gerry Armstrong 1977-1986 12 63 0,19
4 Iain Dowie 1990-2000 12 59 0,2
4 Jimmy Quinn 1985-1996 12 46 0,26
8 Johnny Crossan 1960-1968 10 24 0,42
8 Jimmy McIlroy 1951-1965 10 55 0,18
8 Peter McParland 1954-1962 10 34 0,29

Rosa attualeModifica

Elenco dei convocati per la partita amichevole contro il Lussemburgo e la partita valevole per le qualificazioni al campionato europeo di calcio 2020 contro la Germania del 6 settembre 2019

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
12 P Michael McGovern 12 luglio 1984 (35 anni) 30 0   Norwich City
1 P Bailey Peacock-Farrell 29 ottobre 1996 (22 anni) 12 -9   Burnley
23 P Trevor Carson 5 marzo 1988 (31 anni) 5 -5   Motherwell
D Jonny Evans 3 gennaio 1988 (31 anni) 82 3   Leicester City
D Craig Cathcart 6 febbraio 1989 (30 anni) 45 2   Watford
2 D Conor McLaughlin 26 luglio 1991 (28 anni) 36 1   Sunderland
3 D Jamal Lewis 25 gennaio 1998 (21 anni) 11 0   Norwich City
4 D Tom Flanagan 21 ottobre 1991 (27 anni) 3 0   Sunderland
5 D Ciaron Brown 14 gennaio 1998 (21 anni) 1 0   Cardiff City
15 D Bobby Burns 7 ottobre 1999 (20 anni) 0 0   Heart of Midlothian
D Callum Morris 3 febbraio 1990 (29 anni) 0 0   Ross County
8 C Steven Davis 1º gennaio 1985 (34 anni) 114 12   Rangers
7 C Niall McGinn 20 luglio 1987 (32 anni) 56 4   Aberdeen
13 C Corry Evans 17 luglio 1990 (29 anni) 54 2   Blackburn Rovers
C Stuart Dallas 19 aprile 1991 (28 anni) 40 3   Leeds United
11 C Shane Ferguson 12 luglio 1991 (28 anni) 41 1   Millwall
17 C Paddy McNair 27 aprile 1995 (24 anni) 31 1   Middlesbrough
6 C George Saville 1º giugno 1993 (26 anni) 18 0   Middlesbrough
18 C Gavin Whyte 31 gennaio 1996 (23 anni) 7 1   Cardiff City
16 C Jordan Thompson 3 gennaio 1997 (22 anni) 3 0   Blackpool
19 C Liam Donnelly 7 marzo 1996 (23 anni) 2 0   Motherwell
22 C Ethan Galbraith 11 maggio 2001 (18 anni) 1 0   Manchester United
20 C Alfie McCalmont 25 marzo 2000 (19 anni) 1 0   Leeds United
14 C Mark Sykes 4 agosto 1997 (22 anni) 0 0   Oxford United
10 A Kyle Lafferty 16 settembre 1987 (32 anni) 75 20   Sarpsborg 08
21 A Josh Magennis 15 maggio 1990 (29 anni) 45 6   Hull City
A Conor Washington 18 maggio 1992 (27 anni) 21 4   Heart of Midlothian
A Liam Boyce 8 aprile 1991 (28 anni) 19 1   Burton Albion
9 A Shayne Lavery 8 dicembre 1998 (20 anni) 3 0   Linfield

AllenatoriModifica

NoteModifica

  1. ^ La più piccola nazione a essersi mai qualificata ai Mondiali di calcio, su ilpost.it.
  2. ^ (EN) Men's Ranking, su fifa.com.
  3. ^ a b Fabrizio Ponciroli, Tutto Mondiali, Calcio 2000, 2006, p. 12.
  4. ^ Sebastiano Vernazza, Occhio a Healy, uno che sa come segnare alle grandi (La Gazzetta dello Sport), 8 ottobre 2010.
  5. ^ Eriksson sempre più nella bufera la sua Inghilterra sconfitta a Belfast (la Repubblica), 8 settembre 2005.
  6. ^ Qualificazioni Europei 2008 - Gruppo F (Gazzetta.it).
  7. ^ Nord Irlanda e Portogallo qualificate. Germania: festa rinviata (Gazzetta.it), 8 ottobre 2015.
  8. ^ BBC News Star helps in graffiti removal, su news.bbc.co.uk.
  9. ^ Rewarded for uniting fans, su uefa.com.
  10. ^ Lennon hails anti-sectarian drive, su news.bbc.co.uk.
  11. ^ PRAISE FOR IFA'S FOOTBALL FOR ALL AWARDS NIGHT, su irishfa.com.
  12. ^ Ireland 1882-1921 - Historical Football Kits
  13. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.
  14. ^ PLAYERS: international footballers of the North. Ireland national football team - eu-football.info

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica