Batman Begins

film del 2005 diretto da Christopher Nolan
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Batman Begins (disambigua).
Batman Begins
Batman Begins 2.jpg
Batman (Christian Bale) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2005
Durata140 min
Rapporto2,35:1
Genereazione, poliziesco, thriller, drammatico, avventura
RegiaChristopher Nolan
SoggettoDavid S. Goyer, basato sul personaggio dei fumetti creato da Bob Kane e Bill Finger
SceneggiaturaChristopher Nolan, David S. Goyer
ProduttoreEmma Thomas, Charles Roven, Larry J. Franco
Produttore esecutivoBenjamin Melniker, Michael E. Uslan
Casa di produzioneDC Entertainment, Legendary Pictures, Warner Bros.
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaWally Pfister
MontaggioLee Smith
Effetti specialiChris Corbould, Tim Baier, Huseyin Caner, Stephane Ceretti, Paul L. Franklin, Janek Sirrs, Double Negative, Cutting Edge, Moving Picture Company, Rising Sun Pictures, The Senate Visual Effects, Jim Henson's Creature Shop, Artem, Cine Image Film Opticals, Graphic Nature, Plowman Craven & Associates, Snow Business International, Snow Business, Thousand Monkeys, XYZ-RGB
MusicheHans Zimmer, James Newton Howard
ScenografiaNathan Crowley
CostumiLindy Hemming
TruccoLaura McIntosh, Peter Robb-King, Sue Robb-King
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Batman Begins è un film del 2005 diretto da Christopher Nolan e basato sul supereroe Batman ideato da Bob Kane e Bill Finger. Il film costituisce un reboot della serie cinematografica dedicata all'uomo pipistrello; esso costituisce il primo capitolo di una trilogia completata dai successivi Il cavaliere oscuro (2008) e Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012).

La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso Nolan, in collaborazione con David S. Goyer, che ha curato anche il soggetto.[1]

Il cast principale è composto da Christian Bale, Michael Caine, Liam Neeson, Katie Holmes, Gary Oldman e Morgan Freeman. Tra gli altri membri del cast secondario, figurano anche Cillian Murphy, Tom Wilkinson, Rutger Hauer e Ken Watanabe.[2]

Il film è stato prodotto da Warner Bros., in collaborazione con Legendary Pictures e DC Entertainment, ed è stato distribuito in sala nell'estate del 2005[3], ricevendo ampio consenso da parte del pubblico, tanto da figurare tra i 10 maggiori incassi di quell'anno.[4]

La pellicola, inoltre, è stata accolta positivamente dalla critica, figurando in diverse liste dei migliori film del 2005 e ricevendo svariati premi.[5][6][7]

TramaModifica

Il giovane Bruce Wayne, taciturno e scontroso, è rinchiuso in una prigione del Bhutan, in Asia meridionale. L'uomo, che appare come un vagabondo trasandato, è in realtà un famoso multimiliardario, rimasto orfano da piccolo a causa di una rapina finita in tragedia ad opera di un balordo di nome Joe Chill. Durante la prigionia viene visitato in cella da un certo Henri Ducard, il più fidato aiutante di Ra's al Ghul, leader della Setta delle Ombre, lega di guerrieri nata allo scopo di eliminare ciò che c'è di marcio al mondo e nella società. L’uomo vede in Bruce una scintilla, e gli dice che se riuscisse ad essere inarrestabile, diventerebbe una leggenda. Gli propone così di raccogliere un particolare fiore azzurro e di raggiungere il fortino situato in cima alle montagne. Così facendo, Bruce potrebbe trovare ciò che cerca davvero. Rilasciato dalla prigione, Wayne trova il fiore e viene accolto da Ra’s al Ghul e Ducard; Bruce capisce di stare cercando un modo per usare la paura contro chiunque faccia del male. Viene quindi istruito da Ducard a usare la teatralità come arma e dominare le sue paure. Nella sua mente è infatti sempre vivo il ricordo della morte dei suoi genitori Thomas e Martha Wayne, assieme ad un senso di impotenza e responsabilità per l'accaduto.

Bruce, concluso l'addestramento però, al momento dell'iniziazione si rifiuta di giustiziare un ladro, credendo che questa non sia giustizia e ricordandosi di aver conosciuto la fame e la necessità di rubare per sfamarsi. Scatena così un combattimento che porterà ad un incendio nel tempio e alla morte di Ra's al Ghul, ma Wayne riesce a trarre in salvo, a rischio della propria vita, un Ducard privo di sensi.

Tornato a Gotham City dopo sette anni di assenza, Bruce è armato di nuovi ideali ed è deciso a fare qualcosa di buono per una città così corrotta. Ritrova la sua vecchia amica Rachel, assistente del procuratore distrettuale con le mani legate dalla malavita guidata da Carmine Falcone, il capo mafioso intoccabile che tiene ormai in pugno la città. La Wayne Enterprises, intanto, è sotto il controllo di Bill Earle, un manager senza scrupoli deciso a trasformare la società in una public company, estromettendone il legittimo proprietario Bruce, che per via della sua lunga assenza era stato dichiarato legalmente morto.

Ora Bruce comprende come agire in maniera più efficace di quanto la legge possa permetterlo, ossia non come uomo, ma come simbolo, e grazie all'aiuto di Lucius Fox, un dipendente della Wayne Enterprises, del suo maggiordomo Alfred Pennyworth e dell'incorruttibile sergente della polizia James Gordon, comincia a terrorizzare i malviventi sotto le vesti di Batman, uno spaventoso giustiziere travestito da pipistrello.

Nelle settimane che seguono Earle viene messo al corrente che un emettitore di microonde della Wayne Enterprises è stato rubato per scopi ignoti. Intanto i traffici illegali di Falcone proseguono, ma stavolta Batman è libero di contrastarlo e mettere un freno alla corruzione dilagante. Durante lo sbarco di una nave carica di droga, infatti, interviene mettendo fuori gioco diversi uomini e catturando il mafioso, ma quest’ultimo è più potente di quanto sembri, siccome riesce a guidare i suoi scagnozzi anche dall’interno della prigione.

Lo psichiatra Jonathan Crane, al soldo di un misterioso criminale, si reca al penitenziario dove è detenuto il boss, il quale minaccia Crane di testimoniare sui suoi legami con la malavita, ma il folle dottore, grazie al ricorso di una potente droga in forma aerea e a una terrificante maschera da Spaventapasseri, lo fa impazzire, al fine di impedirgli di parlare, inoltre fa rapire Rachel, altro possibile intralcio. Batman è sulle sue tracce e la libera dall'Arkham Asylum, il manicomio criminale che funge da nascondiglio e copertura per i malviventi che nel frattempo stanno avvelenando l'acqua delle tubature di Gotham con la droga di Crane. Batman porta Rachel in salvo e usa contro Crane la sua stessa medicina, provocandogli forti allucinazioni.

Durante la sua festa di compleanno, a cui partecipano anche Lucius ed Earle, Bruce ritrova Ducard, che si rivela essere il vero Ra's al Ghul, scoprendo che in realtà il capo della Setta delle ombre che credeva di aver ucciso era solo una controfigura usata per proteggere il vero leader della setta, divenuto anche un boss della malavita di Gotham. Il terrorista rivela a Bruce che Crane lavora per lui (pur non sapendo nulla sulla Setta delle ombre) e che questo è il momento buono per sferrare l’attacco finale contro una città ormai corrotta fino all’osso.

Ra’s al Ghul intende usare l'emettitore a microonde rubato dalla Wayne Enterprises per vaporizzare l'acqua satura di droga allucinogena delle tubature idriche di Gotham City usando come mezzo di trasporto la monorotaia cittadina, la quale, arrivando direttamente alla Wayne Tower, lo snodo principale della rete idrica cittadina, potrebbe espandersi per tutta la città. Il piano si compie e per le strade dilaga il panico. Rachel viene circondata dagli uomini ormai impazziti, ma viene portata in salvo da Bruce, indossate nuovamente le vesti di Batman dopo aver rischiato di morire in seguito all’incendio alla Wayne Manor provocato da Ducard. Prima di andarsene, ricorda a Rachel la stessa frase che lei gli aveva detto dopo essersi incontrati in un locale, facendole capire che sotto la maschera si cela il suo amato Bruce. Grazie all'aiuto di Gordon alla guida del potente veicolo Tumbler, Batman riesce a fermare la corsa della monorotaia e, nello scontro finale con il suo vecchio mentore, gli dice che non ha intenzione di ucciderlo, ma nemmeno di salvarlo. Batman infine plana con il suo mantello e lascia precipitare la monorotaia, la quale esplode e uccide un inerme Ra’s al Ghul.

Ora Gotham City è salva. Bruce, dopo aver affidato la guida della Wayne Enterprises a Fox, estromettendo quindi Earle, torna da Rachel, finalmente pronto a vivere felicemente al suo fianco. Ma lei gli dice che ormai quella di Bruce è soltanto una maschera, e che forse sarebbero potuti stare insieme solo quando Gotham non avesse avuto più bisogno di Batman. L’Uomo Pipistrello comincia infatti ad essere un punto fermo per la sicurezza e la giustizia. Gordon, ora promosso a tenente, lo contatta con un riflettore puntato nel cielo, che reca il simbolo del pipistrello. Il giustiziere è pronto ad affrontare la sfida lanciata da un nuovo criminale emergente che, come lui, predilige la teatralità: Joker. Prima di lasciarlo andare via, Gordon gli dice di non averlo mai potuto ringraziare; Batman, con freddezza, risponde che non ne avrà mai bisogno.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Nel 2003 la Warner Bros. assunse il regista Christopher Nolan per dirigere un nuovo film di Batman,[8] mentre David S. Goyer firmò un contratto per scrivere la sceneggiatura della pellicola.[9] Con una carriera in ascesa dopo l'exploit dei suoi primi film Memento e Insomnia, la major inizialmente aveva contattato Nolan per affidargli la regia del kolossal Troy, ma il regista declinò l'offerta e propose invece una sua idea per il rilancio del franchise cinematografico di Batman in chiave moderna e più verosimile.[10] Affascinato dal personaggio e dal suo background Nolan voleva colmare una lacuna lasciata dai precedenti film andando a narrare le origini del Cavaliere Oscuro con un approccio molto simile a quello utilizzato nel Superman di Richard Donner, soprattutto riguardo alla focalizzazione sulla crescita del personaggio. Inoltre, sempre in riferimento al film di Donner, Nolan decise di scegliere per la parte di Batman un attore non molto noto, com'era accaduto per Christopher Reeve, interprete di Superman.[11]

La versione definitiva del copione fu sviluppata insieme al regista, e risultò fortemente debitrice della mini-serie di Miller: Nolan considerava l'opera una solida base per la storia di origini che voleva raccontare (il fumetto è una narrazione contemporanea delle origini di Batman, in cui Bruce Wayne e il tenente di polizia James Gordon ritornano a Gotham City dopo anni di assenza e iniziano la loro crociata contro il crimine e la corruzione). Una delle basi fondamentali per Goyer era quella di dare risalto alla figura di Bruce Wayne tanto quanto a quella del suo alter ego, attraverso un racconto approfondito della vita del miliardario prima della sua decisione di indossare maschera e mantello; ne è un esempio la scena in cui Bruce cade nel pozzo e viene attaccato dai pipistrelli, un chiaro riferimento al fumetto L'uomo che cade.

Riguardo alla presenza di Spaventapasseri come antagonista, Nolan rivelò: "l'abbiamo scelto perché non era ancora stato portato sullo schermo da nessuno, e poi perché il suo personaggio si legava al tema della paura, che era fondamentale per Batman, e che tra l'altro non lo adombrava troppo".[12] Goyer accantonò l'idea di inserire Harvey Dent nel film poiché in quella pellicola non sarebbero «riusciti a rendergli giustizia»; preferì quindi inserire un nuovo personaggio, Rachel Dawes (allora interpretata da Katie Holmes).[13] Il personaggio di Dent sarà poi inserito ne Il cavaliere oscuro, seguito di Batman Begins.[14][15][16] Il concetto della paura dei pipistrelli fu un'idea originale, voluta dallo stesso regista.[senza fonte]

CastModifica

 
Christian Bale alla première del film, Hollywood 2005

Il "nuovo Batman"Modifica

Nel 2005 il regista Christopher Nolan scelse Christian Bale tra i vari contendenti per la parte di Bruce Wayne/Batman nel quinto adattamento cinematografico dedicato al supereroe della DC Comics dichiarando che l'attore possedeva esattamente l'equilibrio tra l'oscurità e la luce che stavano cercando per il personaggio.[17] In lista per il ruolo dell'Uomo Pipistrello figurarono altri attori tra i quali Ashton Kutcher, David Boreanaz, Billy Crudup, Cillian Murphy (che in seguito verrà scelto per interpretare Jonathan Crane/Spaventapasseri), Henry Cavill e Jake Gyllenhaal.

L'attore intraprese così una massacrante trasformazione fisica con l'aiuto del personal trainer Efua Baker.[18] A soli due mesi dal casting per il ruolo, riuscì ad aumentare il suo peso di circa 26 chili[18] grazie all'assunzione di alimenti ricchi di carboidrati come pasta e pane. Gli allenamenti fisici non vennero subito effettuati, dato che l'attore aveva i muscoli atrofizzati[18] per il troppo dimagrimento dovuto al ruolo di Trevor Reznik. Dopo aver ottenuto la parte e consigliato e seguito sempre da Baker, Bale riuscì ad aumentare ancora di 18 chili,[18] integrando alla sua dieta (anche se vegetariano) pollo, tonno e verdure al vapore e cominciò ad allenarsi mettendo massa muscolare con sessioni di peso per tre ore al giorno. Riguardo al suo drastico cambiamento fisico, Efua Baker dichiarò:[18] «ogni mattina appariva diverso da com'era il giorno precedente». Dopo aver ottenuto il ruolo, per comprendere il personaggio di Batman, l'attore lesse diversi volumi del fumetto[19] e durante la promozione del film e nelle interviste accentuava l'accento americano per evitare che il pubblico si confondesse sul fatto che il nuovo Batman avesse un'inflessione britannica.[19]

Gli altri membri del castModifica

Per la parte di Alfred Pennyworth, Nolan scelse l'attore britannico Michael Caine. Gary Oldman, invece, venne scelto per interpretare il tenente James Gordon, capo dell'unità anti crimini della città. Per il ruolo furono considerati anche Kurt Russell e Dennis Quaid. Nolan chiamò Oldman per un'interpretazione calma e misurata di un personaggio così importante e riservato. Inizialmente la produzione fu contraria al destinare la parte a Oldman, poiché l'attore, in precedenza, aveva avuto ruoli quasi esclusivamente da "cattivo".[20] L'attore non aveva mai letto niente di Batman,[21] e rivelò che avrebbe interpretato un Gordon molto più giovane rispetto a quello del fumetto.[22] Katie Holmes venne scelta per il ruolo di Rachel Dawes, un personaggio creato esclusivamente per il film. Durante il casting, per la parte di Rachel si erano presentate anche Sarah Michelle Gellar e Rachel McAdams.[23] L'attrice verrà sostituita da Maggie Gyllenhaal nel sequel Il cavaliere oscuro.[24]

Rispetto alle precedenti pellicole, Nolan fece molta attenzione sulla scelta degli antagonisti di Batman Begins. Infatti il regista voleva che nel film comparissero degli antagonisti mai comparsi nei precedenti adattamenti di Batman. Nolan assunse, dunque, Liam Neeson per il ruolo di Ra's al Ghul, mentore di Batman nonché il più complesso di tutti i criminali dell'uomo pipistrello,[25] Cillian Murphy nel ruolo dello psichiatra Jonathan Crane /Spaventapasseri, ed infine Tom Wilkinson nel ruolo di Carmine Falcone. Tra gli altri attori vennero assunti anche Morgan Freeman nel ruolo di Lucius Fox, dirigente e inventore della Wayne Enterprises e Ken Watanabe, nel ruolo del membro della Setta delle Ombre che si spaccia per Ra's Al Ghul.

RipreseModifica

 
Il ghiacciaio islandese del Vatnajokull dove venne ripresa la scena di allenamento tra Christian Bale e Liam Neeson

Le riprese iniziarono nel marzo 2004 con un budget di 150 milioni di dollari. Come nei suoi primi due film, Nolan rifiutò una seconda unità di ripresa.[26] Il regista voleva girare soprattutto negli Shepperton Studios, in Inghilterra,[27] ma per la parte iniziale del film ambientata nella remota e minuscola nazione asiatica del Bhutan fu costretto a recarsi sul ghiacciaio islandese del Vatnajokull, dove la produzione ebbe molta difficoltà a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli.[26] La scena del duello sul lago ghiacciato è stata la prima del film ad essere girata, senza prove, poiché il ghiaccio si sarebbe sciolto di lì a poco. La batcaverna venne ricostruita in studio con una cascata artificiale progettata dallo scenografo Nathan Crowley.[28]

Le Mentmore Towers nella contea di Buckingham vennero scelte per la Wayne Manor, l'abitazione della famiglia Wayne anche grazie alla presenza dei marmi bianchi presenti nell'edificio che davano l'idea di un mausoleo inospitale. L'Osterley Park House è stata utilizzata, invece, per girare diverse scene in interni che servivano a riprodurre gli interni della Wayne Manor. L'edificio scelto per rappresentare l'Arkham Asylum fu l'istituto nazionale di ricerche mediche di Mill Hill, a nord-ovest di Londra, e per gli interni la stazione ferroviaria di St. Pancras e la stazione di pompaggio di Abbey Mills.[28][29] L'University College di Londra venne utilizzato per le aule del tribunale che compare nel film.[28] Alcune scene vennero girate, invece, a Chicago.[30]

DesignModifica

Per ideare Gotham City, Nolan e lo scenografo Nathan Crowley si ispirarono nel design a Blade Runner. Lo scenografo Nathan Crowley lavorò nel garage di Nolan costruendo in pre-produzione un modellino di Gotham, con elementi estremizzati da New York, Chicago e Tokyo.[31]

Nolan voleva reinventare l'auto di Batman come un veicolo unico nel suo genere ed ideò un incrocio tra una Lamborghini ed una Humvee con parti di bombardieri Stealth e componenti di un fuoristrada Hummer.[32] L'auto venne creata dalla squadra degli effetti visivi di Chris Corbould, la Tumbler, come venne chiamato il veicolo, è larga tre metri e lunga cinque, in grado di raggiungere i 160 km orari, dotata di un tettuccio scorrevole e sedili che si sollevano all'apertura.[32] Dopo alcuni test di prova che si rivelarono un successo, la produzione creò quattro Tumbler tra cui una versione jet ed un modello per resistere ai balzi, come quello che attraversa la cascata della Batcaverna, sequenza per la quale la Tumbler fu sparata con un tubo all'azoto.[32] La vettura di Bruce Wayne invece è una Lamborghini Murciélago; da notare come murciélago in spagnolo significhi pipistrello.

Per quanto riguarda il costume di Batman, esso venne realizzato dalla costumista Lindy Hemming e dal suo staff creativo. Per il film, Nolan chiese che il costume di Batman fosse nerissimo e di un tessuto non riflettente, il più opaco possibile, poiché, secondo lui, doveva attenersi alla filosofia ninja che Bruce aveva imparato. In più, il regista voleva che il costume fosse leggero e permettesse a Bale di muoversi agevolmente.[26]

Colonna sonoraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Batman Begins (colonna sonora).

La colonna sonora del film venne affidata ai compositori Hans Zimmer e James Newton Howard. Nolan originariamente aveva assunto solo Zimmer a comporre la colonna sonora del film, ma poi il compositore convinse il regista ad assumere anche Howard.[33] I due compositori collaborarono su temi distinti per evidenziare la "doppia personalità" di Bruce Wayne e il suo alter ego, Batman.[34] Sia Zimmer che Howard trassero ispirazione per le musiche visitando spesso i set allestiti per la realizzazione del film.[35] Hans Zimmer decise di comporre una colonna sonora che distanziasse dai suoi lavori precedenti, realizzati completamente in orchestrale mischiando stavolta vari elementi della musica classica e della musica elettronica.

L'orchestra utilizzata è composta da novanta elementi provenienti da diverse orchestre di Londra[33] e lo strumento scelto per enfatizzare il più possibile gli stati d'animo del personaggio è il violoncello. Il disco è composto da tracce orchestrali che presentano anche sonorità di musica elettronica e cori. I titoli dei pezzi sono in latino e prendono il nome da varie specie e sottospecie di pipistrelli. Oltre alle tracce orchestrali, nella pellicola è presente un brano tratto dall'opera lirica Mefistofele del compositore Arrigo Boito tratta dal Faust di Goethe.

DistribuzioneModifica

Il film è uscito il 15 giugno 2005 in Italia e in Europa, mentre negli Stati Uniti d'America il 17 giugno 2005.

Edizione ItalianaModifica

Il doppiaggio venne curato dalla SEFIT-CDC e diretto da Marco Mete.

Home VideoModifica

Il film è uscito in DVD nel mercato italiano il 19 ottobre 2005,[36] disponibile nelle edizioni disco singolo e disco doppio quest'ultima contiene più di tre ore di extra. Uscito successivamente in HD DVD, nel 2008 è stato ufficializzato lo standard a favore, invece, del Blu-ray. La pellicola è stata quindi tra le prime ad essere "riconvertita" in quest'ultimo formato (in realtà l'attuale versione in blu-ray disc è stata acquisita direttamente da quella dell'altro formato, e necessita una rimasterizzazione digitale per creare un nuovo master), con tanto di edizione (solo per il mercato statunitense) comprendente lo storyboard, l'edizione a fumetti, ed uno sconto per l'ingresso al cinema per Il cavaliere oscuro.[37]

AccoglienzaModifica

Alla sua uscita nelle sale, la pellicola ottenne subito ottimi riscontri da parte di critica e pubblico e con un buonissimo risultato al botteghino. Il film di Nolan ha segnato il ritorno alle origini necessario all'Uomo-Pipistrello, abbandonando le atmosfere grottesche di Tim Burton e quelle più leggere di Joel Schumacher. Prova dell'ottimo successo è stata la candidatura ricevuta alla 78ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar nella categoria miglior fotografia poi vinta da Memorie di una Geisha.

CriticaModifica

Il film ricevette recensioni molto positive da parte della critica cinematografica. Il sito Rotten Tomatoes riportò che l'85% delle 261 recensioni professionali dette un giudizio positivo sul film, con una media di voto di 7.7 su 10.[38] Per Metacritic, il film ebbe un punteggio di 70 su 100 in base a 41 recensioni.[39]

James Berardinelli applaudì Nolan e Goyer in quanto entrambi riuscirono a rendere più comprensibile le motivazioni che portavano Bruce a diventare Batman, cosa che al film di Burton mancava. Tuttavia, Berardinelli rivelò di non aver trovato convincente l'aspetto romantico del film in quanto, secondo lui, la coppia Bale-Holmes non era in grado di funzionare.[40] Secondo Total Film, Nolan riesce a creare dei personaggi molto forti. Inoltre, il sito, definì "piacevole" la sottotrama romantica tra Christian Bale e Katie Holmes.[41] D. Edwards sul Daily Mirror di Londra descrisse il film come "un film violento e veramente pauroso, decisamente non per bambini. Per i più grandi, invece, potrebbe ben diventare il film sui supereroi definitivo."[42] M. Goodrich su Screen Daily definì la pellicola "un'audace nuova visione del fumetto della DC Comics ed un'ulteriore prova che Christopher Nolan possiede abbondante abilità ed una visione da cineasta di primo piano."[42]

M. Wilington sul Chicago Tribune definisce Batman Begins come "il miglior film su Batman sin da quando Tim Burton ha lasciato, nel 1992: un ritratto violento e che fa accapponare la pelle di un eroe a due facce, motivato dal desiderio di vendetta."[42] R. Ebert, riguardo al film, disse: "Questo è il film su Batman che stavo aspettando; più correttamente, questo è il film che non mi rendevo conto di stare aspettando perché non avevo previsto che più enfasi sulla storia e sui personaggi e meno enfasi sull'azione iper-tecnologica era proprio quello di cui c'era bisogno."[42]

Anche il cast della pellicola venne molto apprezzato ma Bale fu il più acclamato per aver davvero creato un perfetto ritratto di entrambi i personaggi; Batman e Bruce Wayne.[43] J. Matthews del New York Daily News scriss che "Bale è il corpo perfetto per Batman, [...] ha una forte presenza scenica ed è un ottimo attore".[42] Quest'interpretazione valse all'attore il premio Saturn Award come miglior attore 2005[44] (premio per il quale era stato candidato anche nel 2004 per il film L'uomo senza sonno) e il premio Best Hero al MTV Movie Awards 2006.[45] Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2005 una candidatura come peggior attrice non protagonista per Katie Holmes.

IncassiModifica

Batman Begins ha incassato 206852432 $ nel Nord America e 167366241 $ nel resto del mondo, per un incasso globale di 374218673 $.[46] La versione Home video del film ha totalizzato un incasso di $167 milioni.

SequelModifica

Questo film è stato seguito da Il cavaliere oscuro nel 2008 e Il cavaliere oscuro - Il ritorno nel 2012.

InesattezzeModifica

L'ordigno rubato alle Wayne Enterprises è un emettitore di microonde, le quali innalzano la temperatura dell'acqua facendola vaporizzare. Nella pellicola viene utilizzato per far esplodere le tubature, ma molte persone stanno vicine all'apparecchio in funzione senza avere alcun effetto collaterale analogo, nonostante il corpo umano sia composto per la maggior parte di acqua.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Mo-Net s r l Milano-Firenze, Batman Begins (2005), su mymovies.it. URL consultato il 15 dicembre 2020.
  2. ^ MYmovies.it, Batman Begins, su MYmovies.it. URL consultato il 15 dicembre 2020.
  3. ^ Batman Begins - Film (2005), su ComingSoon.it. URL consultato il 13 aprile 2020.
  4. ^ 2005 Worldwide Box Office, su Box Office Mojo. URL consultato il 13 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Total Film 08 December 2005, Top 20 Movies Of 2005, su gamesradar. URL consultato il 13 aprile 2020.
  6. ^ (EN) Top 10 Films of 2005 - IGN. URL consultato il 13 aprile 2020.
  7. ^ (EN) Alex Wiggan, What awards have the Batman movies won?, su I'll Get Drive-Thru, 8 settembre 2019. URL consultato il 10 novembre 2020.
  8. ^ (EN) Michael Fleming, 'Batman' captures director Nolan, in Variety, 27 gennaio 2003. URL consultato il 10 luglio 2012.
  9. ^ (EN) Claude Brodesser, Dunkley, Cathy, Inside Move: WB jump starts Batmobile, Variety, 26 marzo 2003. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2012).
  10. ^ (EN) Marc Graser, Dunkley, Cathy, The bat and the beautiful, Variety, 8 febbraio 2004. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2012).
  11. ^ Adam Smith, (luglio 2005). "The Original American Psycho" (in inglese). Empire: pp. 74–80, 82, 84, 87.
  12. ^ "Batman Begins" Intervista ai protagonisti ed al regista del film. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2011).
  13. ^ Christopher Nolan e David S. Goyer, Prefazione a Absolute Batman: The Long Halloween, 2007. ISBN 978-1-4012-1282-7.
  14. ^ (EN) Dave McNary, Eckhart set as Two-Face, Variety, 15 febbraio 2007. URL consultato il 10 luglio 2012.
  15. ^ (EN) Todd Gilchrist, IGN: The Dark Knight Review, IGN Movies, 30 giugno 2008. URL consultato il 10 luglio 2012.
  16. ^ (EN) Geoff Boucher, Christopher Nolan says his Batman doesn't play well with others, Los Angeles Times, 29 ottobre 2008.
  17. ^ (EN) "Official: Christian Bale is Batman!, Superhero Hype!, 11 settembre 2003. URL consultato il 23 marzo 2010.
  18. ^ a b c d e (EN) Christian Bale's Body of Work: Rail-Thin or Really Ripped, the Batman Actor Morphs His Body for Each New Role, People Magazine, 4 luglio 2005. URL consultato il 26 maggio 2009.
  19. ^ a b (EN) Christian Bale Discusses "Batman Begins" by Rebecca Murray, Movies About.com. URL consultato il 23 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2009).
  20. ^ (EN) Anne Thompson, Dark Knight Review: Nolan Talks Sequel Inflation, in Variety, 6 luglio 2008. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2008).
  21. ^ Parla Gary Oldman, in BadTaste.it, 21 aprile 2008. URL consultato il 1º maggio 2008.
  22. ^ Jim Gordon in Batmobile e due nuove foto, in BadTaste.it, 21 aprile 2008. URL consultato il 1º maggio 2008.
  23. ^ (EN) 'Batman Begins' press conference, part two, su Time Out – New York, 16 giugno 2005. URL consultato il 13 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2008).
  24. ^ (EN) Pamela McClintock, Gyllenhaal joining Batman sequel, in Variety, 08 marzo 2007. URL consultato il 29 luglio 2010.
  25. ^ (EN) Ryan, Tom, In defence of big, expensive films, in The Age, 14 luglio 2005. URL consultato il 26 agosto 2007.
  26. ^ a b c (EN) Batman Begins Production Notes – The Batsuit & Gadgetry, in Warner Bros.. URL consultato il 10 luglio 2012.
  27. ^ (EN) 'Batman Begins' goes to the source, The Kansas City Star, 25 giugno 2004.
  28. ^ a b c Claudia Kalindjian, Batman Begins: The Official Movie Guide (in inglese). Time Warner International, 2005, pp. 144–145 ISBN 1-932273-44-1
  29. ^ (EN) Alex Kasriel, From leafy suburbs to silver screen, Edgware & Mill Hill Times, 16 giugno 2005. URL consultato il 10 luglio 2012.
  30. ^ (EN) 35 East Wacker Drive, in Emporis. URL consultato il 10 luglio 2012.
  31. ^ (EN) Jeff Otto, Interview: Christopher Nolan, in IGN, 5 giugno 2006. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2012).
  32. ^ a b c (EN) Marshall Brain, How the Batmobile Works, in HowStuffWorks. URL consultato il 10 luglio 2012.
  33. ^ a b (EN) Danny Graydon, A Little Knight Music, Empire, luglio 2005, 87.
  34. ^ (EN) D., Spence, Batman Vs. Hans Zimmer & James Newton Howard Part 1, in IGN, 10 giugno 2005. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2006).
  35. ^ (EN) Batman Vs. Hans Zimmer and James Newton Howard Part 2, Ign Music.com, 13 giugno 2005. URL consultato il 2 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2006).
  36. ^ Batman Begins - Edizione Speciale (2005) - dvd, su dvd.castlerock.it. URL consultato il 10 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  37. ^ Batman Begins sarà il primo film a passare dall'HD DVD al Blu-ray, in Gizmodo.it, 17 marzo 2008. URL consultato il 17 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2008).
  38. ^ (EN) Batman Begins - Rotten Tomatoes, in Rotten Tomatoes. URL consultato il 10 luglio 2012.
  39. ^ (EN) Batman Begins Reviews, Ratings, Credits, and More at Metacritic, in Metacritic. URL consultato il 10 luglio 2012.
  40. ^ (EN) Berardinelli, James, Batman Begins, ReelViews. URL consultato il 10 luglio 2012.
  41. ^ (EN) Batman Begins – Film Review, Total Film. URL consultato il 10 luglio 2012.
  42. ^ a b c d e (EN) Roberto Taddeucci, Ottime critiche per Batman Begins, in Fantascienza.com, 20 giugno 2005. URL consultato il 10 luglio 2012.
  43. ^ (EN) Batman role fits Bale, but 'Begins' wears thin, USA Today.com - By Mike Clark, 13 giugno 2005. URL consultato il 23 marzo 2010.
  44. ^ (EN) Past Awards Winner - 2005, Saturn Awards Official Site. URL consultato il 23 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2008).
  45. ^ (EN) MTV Movie Awards Winners By Category - Best Hero 2006, MTV.com. URL consultato il 23 marzo 2010.
  46. ^ (EN) Batman Begins (2005), Box Office Mojo. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  47. ^ (EN) 78th Academy Awards Winners | Oscar Legacy | Academy of Motion Picture Arts and Sciences, su oscars.org. URL consultato il 2 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  48. ^ Top Box Office Films, su ascap.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  49. ^ (EN) 2006 MTV Movie Awards, su mtv.com, MTV. URL consultato il 2 luglio 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN176760887 · LCCN (ENno2005058459 · GND (DE4843127-8 · BNF (FRcb166270395 (data) · BNE (ESXX5628614 (data)