Cloris Leachman

attrice statunitense

Cloris Leachman (Des Moines, 30 aprile 1926Encinitas, 27 gennaio 2021[1]) è stata un'attrice statunitense.

BiografiaModifica

Nata da genitori con ascendenze anche inglesi e boeme, nel 1946, a vent'anni, fu in lizza per il titolo di Miss America, dopo aver vinto il concorso di Miss Chicago. Dal 1948 apparve in piccole parti in produzioni televisive e seguì i corsi di recitazione di Stella Adler. Dopo una piccola parte non accreditata in Sinfonie eterne (1947) di Edgar G. Ulmer, fece il suo vero esordio nel cinema nel 1955 con il ruolo di una femme fatale nel noir Un bacio e una pistola di Robert Aldrich, divenuto in seguito un cult, cui seguirono Supplizio (1956) di Arnold Laven, con Paul Newman, e Sessualità (1962) di George Cukor. Dopo avere partecipato a numerose serie televisive, quasi mai in ruoli da protagonista, iniziò a recitare con parti di rilievo al cinema tra gli anni sessanta e settanta: di questo periodo si segnalano i film Butch Cassidy (1969) di George Roy Hill, con Paul Newman e Robert Redford, Amanti ed altri estranei (1970) di Cy Howard e Un uomo oggi (1970) di Stuart Rosenberg, ove, con il ruolo dell'amica paralitica della suicida Joanne Woodward, recitò nuovamente accanto a Paul Newman.

Nel 1971 ottenne uno dei suoi più grandi successi con la raffinata interpretazione di Ruth Popper in L'ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich, che l'anno successivo le valse il premio Oscar alla miglior attrice non protagonista. Venne nuovamente diretta da Bogdanovich in Daisy Miller (1974) e Texasville (1990). Nel 1973 fu scritturata da John Milius nel poliziesco Dillinger, per poi recitare nella commedia di produzione disneyana Charley e l'angelo (1973) di Vincent McEveety, accanto a Fred MacMurray.

Si rese indimenticabile a livello internazionale con il ruolo di Frau Blücher nell'esilarante Frankenstein Junior (1974) di Mel Brooks - probabilmente il personaggio più identificativo della sua carriera cinematografica - e con la divertente Nurse Charlotte Diesel (Fratella Diesel, nella versione italiana) in Alta tensione (1977), sempre di Brooks, che la diresse ancora in La pazza storia del mondo (1981). Nel 1980 partecipò a un altro film della Disney, Herbie sbarca in Messico di Vincent McEveety, sequel di una pellicola di successo del 1968 interpretata da Dean Jones. In seguito continuò a recitare in numerosi film, sempre con ruoli da caratterista.

Attiva costantemente in teatro, fu molto popolare anche in televisione con la situation comedy Mary Tyler Moore, in onda tra il 1970 e il 1977, dove interpretava Phyllis Lindstrom: sia il suo ruolo, sia quello di Rhoda, affidato a Valerie Harper, furono molto apprezzati dal pubblico, al punto che diventarono in seguito serie autonome, anche queste di successo. Negli anni 80 svolse per alcune stagioni il ruolo di Beverly Ann Stickle nella sit com L'albero delle mele. Dal 2000 al 2006 partecipò anche alla serie Malcolm in the Middle come madre di Lois. Dal 2010 al 2013 fu tra i protagonisti della serie Aiutami Hope!, dove interpretò il ruolo di Maw Maw, la sconclusionata nonna affetta da demenza senile. Dai primi anni novanta si dedicò anche al doppiaggio. Vincitrice di numerosi premi, nel 1980 ricevette una stella sulla Hollywood Walk of Fame. Insieme a Julia Louis-Dreyfus detiene il record come attrice con più Emmy Awards vinti nella storia, ben otto.

Cloris Leachmann è morta nel gennaio del 2021, per complicazioni da Covid-19 e ictus. [2]

Vita privataModifica

Nel 1953 sposò il regista George Englund, da cui ebbe cinque figli: Adam, Bryan (deceduto nel 1986 per un'overdose di farmaci per l'ulcera), George Jr., Morgan e Dinah. La coppia, separata dal 1974, divorziò nel 1978.

Filmografia parzialeModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

TeatroModifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Cloris Leachman è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Altri progettiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32198391 · ISNI (EN0000 0000 6309 5626 · LCCN (ENn81075524 · GND (DE1061105784 · BNF (FRcb14038296p (data) · BNE (ESXX1363644 (data) · NLA (EN35070468 · WorldCat Identities (ENlccn-n81075524