Danilo Hondo

dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard tedesco
Danilo Hondo
Danilo Hondo, Eschborn-Frankfurt City Loop 2009-15.jpg
Danilo Hondo nel 2009
Nazionalità Germania Germania
Altezza 186 cm
Peso 75 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Termine carriera 2014
Carriera
Squadre di club
1997-1998Agro
1999-2003Deutsche Telekom
2002-2003Telekom
2004-2005Gerolsteiner
2006Team Lamonta
2007Tinkoff
2008Serr. Diquigiovanni
2009PSK Whirlpool
2010-2012Lampre
2013RadioShack
2014Trek
Nazionale
1996-Germania Germania
Carriera da allenatore
2015Svizzera Svizzera Under-23
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su pista
Oro Palermo 1994 Ins. Squadre
Bronzo Manchester 1996 Ins. Squadre
 

Danilo Hondo (Cottbus, 4 gennaio 1974) è un dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard tedesco, professionista dal 1997 al 2014. È stato campione nazionale su strada e campione mondiale su pista nell'inseguimento a squadre. Dal 2015 è manager della selezione svizzera under-23.

BiografiaModifica

Nel 1994 ancora dilettante conquista la medaglia d'oro ai Mondiali su pista di Palermo nella specialità dell'inseguimento a squadre. Due anni dopo a Manchester vince anche la medaglia di bronzo.

Passa professionista nel 1997 con la Agro Adler e si mette subito in luce come velocista centrando subito le prime vittorie. Gli anni successivi corre con grandi squadre come Telekom e Gerolsteiner vincendo tante corse ma la maggior parte non di grande prestigio. I successi più importanti sono il Campionato tedesco in linea e due tappe al Giro d'Italia del 2001, in cui veste anche la maglia ciclamino di leader della classifica a punti e si piazza secondo nella medesima graduatoria davanti a Mario Cipollini. Ha vinto anche tappe al Giro di Polonia, al Giro della Bassa Sassonia, alla Corsa della Pace, Regio-Tour e conquistato diverse classifiche a punti.

Nel corso degli anni passa alla Tinkoff Credit Systems, alla Serramenti PVC Diquigiovanni-Androni Giocattoli e alla PSK Whirlpool-Author. Nel 2010 Alessandro Petacchi lo vuole fortemente come gregario per le volate e la Lampre-Farnese Vini lo mette sotto contratto.

Tra il 2017 e il 2019, è stato selezionatore della nazionale svizzera élite.

DopingModifica

Nel 2005 alla Vuelta a Murcia viene trovato positivo allo stimolante carphedon e squalificato per due anni, ma dopo il ricorso l'originario periodo di squalifica è stato ridotto ad un anno[1].

In seguito alle rivelazioni sul doping del medico Mark Schmidt di Erfurt,[2] Hondo ha confessato di essere stato suo cliente in un'intervista del 12 maggio 2019 resa all'emittente tedesca ARD: ha affermato di aver pagato 30.000 euro per le trasfusioni di sangue nel 2011. È stato successivamente licenziato dalla federazione svizzera.[3]

Nel novembre 2020 durante un procedimento avanti il Tribunale regionale di Monaco di Baviera ha esposto di essersi dopato con Alessandro Petacchi ed ha affermato: "Se hai un rapporto così stretto, quasi fraterno, allora non hai problemi a doparti insieme in una stanza".[4][5]

PalmarèsModifica

PistaModifica

Campionati del mondo, Inseguimento a squadre
Sei giorni di Zurigo (con Robert Bartko)

StradaModifica

1ª tappa Tour de l'Ain
4ª tappa Sachsen-Tour International
4ª tappa Vuelta Ciclista de Chile
4ª tappa Giro della Bassa Sassonia
7ª tappa Giro della Bassa Sassonia
8ª tappa Giro della Bassa Sassonia
10ª tappa, 1ª semitappa, Giro della Bassa Sassonia
10ª tappa, 2ª semitappa, Giro della Bassa Sassonia
2ª tappa Corsa della Pace
1ª tappa Sachsen-Tour International
2ª tappa Sachsen-Tour International
1ª tappa Regio-Tour
2ª tappa Giro di Polonia
2ª tappa Hessen-Rundfahrt
1ª tappa Corsa della Pace
4ª tappa Corsa della Pace
5ª tappa Corsa della Pace
1ª tappa Regio-Tour
2ª tappa Corsa della Pace
5ª tappa Corsa della Pace
1ª tappa, 2ª semitappa, Postgirot Open
1ª tappa Tre Giorni di La Panne
Berner Rundfahrt
2ª tappa Giro d'Italia
3ª tappa Giro d'Italia
1ª tappa Giro di Danimarca
5ª tappa Giro dei Paesi Bassi
Campionati tedeschi, Prova in linea
2ª tappa Volta Ciclista a Catalunya
3ª tappa Giro della Bassa Sassonia
2ª tappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt
3ª tappa Hessen-Rundfahrt
1ª tappa Corsa della Pace
2ª tappa Corsa della Pace
1ª tappa Tre Giorni di La Panne
1ª tappa Giro della Bassa Sassonia
2ª tappa Giro della Bassa Sassonia
4ª tappa Giro della Bassa Sassonia
5ª tappa Giro della Bassa Sassonia
5ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque
5ª tappa Vuelta a Catalunya
1ª tappa Tour du Poitou-Charentes
Gran Premio Bruno Beghelli
1ª tappa Vuelta a Murcia (Murcia > Molina de Segura)
2ª tappa Vuelta a Murcia (Alhama de Murcia > Alhama de Murcia) - Cronometro
2ª tappa Corsa della Pace
3ª tappa Corsa della Pace
2ª tappa Circuito Montanes
3ª tappa Circuito Montanes
Neuseen Classics
2ª tappa Sachsen-Tour International
1ª tappa Rothaus Regio-Tour
Omloop van de Vlaamse Scheldeboorden
4ª tappa Tour de Langkawi
5ª tappa Międzynarodowy Wyścig Solidarności i Olimpijczyków
7ª tappa Giro del Portogallo
Praga-Karlovy Vary-Praga
4ª tappa Giro di Sardegna

Altri successiModifica

Classifica punti Giro della Bassa Sassonia
Classifica punti Postgirot Open
Gran Premio di Buchholz
Classifica punti Parigi-Nizza
Gran Premio Entega
Classifica punti Rothaus Regio-Tour
Gran Premio Entega
Classifica punti Quattro Giorni di Dunkerque
Classifica punti Giro della Bassa Sassonia
Classifica punti Giro di Germania
Classifica punti Rheinland-Pfalz Rundfahrt
Circuito di Betzdorf
Krefeld-Rund um die Sparkasse
Gran Premio di Buchholz
Bad Homburg
Regiobahn-Cup
Classifica punti Vuelta a Murcia
Classifica punti Circuito Montanes
Classifica punti Rothaus Regio-Tour
Classifica punti Corsa della Pace
Criterium di Michelstadt
Criterium di Rokytnice
Bad Homburg
Bitburger-City-Nacht Rhede

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

2001: 91º
2002: ritirato
2008: 104º
2010: non partito (19ª tappa)
2011: non partito (13ª tappa)
2013: 96º
2014: 114º
2002: 104º
2004: 106º
2010: 166º
2011: 109º
2012: 86º
1999: 90º
2000: ritirato
2001: 93º
2010: 108º

Classiche monumentoModifica

1999: ritirato
2003: ritirato
2004: 32º
2005: 2º
2008: 68º
2010: 124º
2011: 56º
2012: 58º
2013: 56º
1999: ritirato
2000: 59º
2001: ritirato
2002: 61º
2003: ritirato
2004: 25º
2010: 9º
2011: 16º
2013: 104º
1999: ritirato
2000: 46º
2001: ritirato
2002: ritirato
2010: 40º
2011: 98º
2012: 64º

Competizioni mondialiModifica

NoteModifica

  1. ^ Hondo, che confusione, in http://www.sport.it, 29 marzo 2006. URL consultato il 24 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2012).
  2. ^ (FR) Danilo Hondo : « Je me suis dopé avec le docteur Schmidt », su L'Équipe. URL consultato l'11 novembre 2020.
  3. ^ (FR) L’entraîneur national Danilo Hondo licencié avec effet immédiat, su Swiss-Cycling, 12 maggio 2019. URL consultato l'11 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2020).
  4. ^ Ciclismo, Hondo: "Mi sono dopato con Petacchi", su La Gazzetta dello Sport. URL consultato l'11 novembre 2020.
  5. ^ (DE) Süddeutsche Zeitung, Ex-Radprofi Hondo: Mit Petacchi im Zimmer von Mark S. gedopt, su Süddeutsche.de. URL consultato l'11 novembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica