Apri il menu principale

Eccellenza 2008-2009

edizione del torneo calcistico
Eccellenza 2008-2009
Competizione Eccellenza
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 18ª
Organizzatore Lega Nazionale Dilettanti
Luogo Italia Italia
Partecipanti 471
Formula 28 gironi all'italiana
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2007-2008 2009-2010 Right arrow.svg

Il campionato italiano di calcio di Eccellenza 2008-2009 è stato il sesto livello del campionato italiano di calcio per la stagione 2008-2009, e il primo di livello regionale. Era costituito da 28 gironi gestiti direttamente dai comitati regionali della Lega Nazionale Dilettanti.

Campionati con play-off regionali e play-out
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Umbria
Campionati con soli play-out (la 2ª accede direttamente ai play-off nazionali)
Emilia-Romagna, Lazio e Veneto
Campionati senza play-off regionali né play-out
Friuli-Venezia Giulia, Liguria e Trentino-Alto Adige

Indice

CampionatiModifica

Quadro riepilogativo nazionaleModifica

Regione/Girone Sqr 1ª classificata e
promossa in Serie D
Altre promozioni
in Serie D
2ª classificata Vincente Coppa
Emilia-Romagna Girone A 18   Dorando Pietri Carpi -   Pallavicino Cesenatico
Emilia-Romagna Girone B 18   Valleverde Riccione -   Del Conca SanCleMorciano
Friuli-Venezia Giulia 16 Manzanese - Monfalcone Muggia
Lazio Girone A 18 Pomezia   FC Latina[1][2]
Aprilia[2][3]
  FC Latina Pomezia
Lazio Girone B 18   Virtus Latina[2] Fondi[4] Fondi
Liguria 16 Borgorosso Arenzano - Loanesi Loanesi
Trentino-Alto Adige 16   Porfido Albiano -   Obermais   Obermais
Veneto Girone A 16   Villafranca Veronese - Legnago   Liapiave
Veneto Girone B 16 Adriese -   Liapiave
Regione/Girone Sqr 1ª classificata e
promossa in Serie D
Altre promozioni
in Serie D
Vincente play-off regionali Vincente Coppa
Abruzzo 18 Miglianico L'Aquila[5]   San Nicola Sulmona (3°) L'Aquila[6]
Basilicata 16 Pisticci - Angelo Cristofaro (2°)   Murese 2000 Aurora
Calabria 16 Sambiase Rossanese[1] Rossanese (3°)   Omega Bagaladi
Campania Girone A 16 Casertana - Atletico Nola (4°)   Forza e Coraggio BN
Campania Girone B 16   Forza e Coraggio BN -   Striano (4°)
Lombardia Girone A 18 Vigevano - Sancolombano (3°)   Cantù San Paolo
Lombardia Girone B 18   Pontisola   Cantù San Paolo[1]   Cantù San Paolo (4°)
Lombardia Girone C 18   Pedrengo   AC Palazzolo[1]   AC Palazzolo (3°)
Marche 18   Bikkembergs Fossombrone Civitanovese[3] Civitanovese (2°) Jesina
Molise 16 Bojano -   Montenero (3°) Termoli
Piemonte Girone A 16 Borgosesia Settimo[3] Settimo (2°) Acqui
Piemonte Girone B 16 Acqui   Aquanera[1]   Aquanera (2°)
Puglia 18 Virtus Casarano Ostuni[1] Ostuni (3°) Virtus Casarano
Sardegna 16 Sanluri Selargius[1] Selargius (5°) Porto Torres
Sicilia Girone A 16 Mazara - Licata (2°) Bagheria
Sicilia Girone B 16 Milazzo - Acireale (2°)
Toscana Girone A 17   Rosignano Sei Rose   Borgo a Buggiano[3]   Borgo a Buggiano (3°)   Castelnuovese
Toscana Girone B 16   Monteriggioni -   Baldaccio Bruni (3°)
Umbria 18 Group Città di Castello   Castel Rigone[7]   Bastia (4°)   Castel Rigone
Tot. Vincente Fase Nazionale Coppa
28 gironi 470 Virtus Casarano

Play-off nazionaliModifica

Squadre qualificateModifica

Squadra Città (provincia) Squadra Città (provincia)
  A.S. Acireale Acireale (CT)   A.C.D. Aquanera Basaluzzo (AL)
  Angelo Cristofaro Oppido Lucano (PZ)   A.S. Baldaccio Bruni Anghiari (AR)
  Bastia Bastia (PG)   U.S. Borgo a Buggiano 1920 Borgo a Buggiano (PT)
  A.C. Cantù G.S. Sanpaolo Cantù (CO)   Civitanovese Calcio SRL Civitanova Marche (MC)
  A.S.D. Del Conca Morciano di Romagna e S.Clemente (RN)   F.C. Fondi 1922 Fondi (LT)
  F.C. Latina Latina (LT)   A.C. Legnago Salus Legnago (VR)
  A.S.D. Liapiave San Polo di Piave (TV)   Licata Licata (AG)
  Loanesi San Francesco Loano (SV)   A.C. Monfalcone Monfalcone (GO)
  U.S. Calcio Montenero Montenero di Bisaccia (CB) Atletico Nola Nola (NA)
  F.C. Obermais / F.C. Maia Alta Merano (BZ)   Ostuni Sport Ostuni (BR)
  A.C. Palazzolo S.r.l. Palazzolo sull'Oglio (BS)   U.S.D. Pallavicino Busseto (PR)
  F.C. Rossanese 1909 A.S.D. Rossano (CS)   A.S. Sancolombano San Colombano al Lambro (MI)
  A.S.D. San Nicola Sulmona Sulmona (AQ)   A.S.D. Selargius Calcio Selargius (CA)
  A.C.D. Settimo Settimo Torinese (TO)   Striano Calcio Striano (NA)

Semifinali e finaliModifica

Semifinali 24-5 e 31-5
Finali 7-6 e 14-6

Semifinali Finale
            
1 Palazzolo 2 3 5
4   Sancolombano 1 2 3
Palazzolo 2 3 5
Settimo 0 0 0
3 Settimo 1 1 2
2   Obermais / Maia Alta 0 2 2
Semifinali Finale
            
1   Liapiave 1 1 2
4   Monfalcone 0 0 0
  Aquanera 1 2 3
  Liapiave 1 1 2
3   Aquanera 1 0 1
2   Legnago Salus 0 0 0
Semifinali Finale
            
1   Cantù Sanpaolo 1 1 2
4   Loanesi San Francesco 1 0 1
  Fondi 1 1 2
  Cantù Sanpaolo 2 2 4
3   Bastia 2 0 2
2   Fondi 3 1 4
Semifinali Finale
            
1   Baldaccio Bruni 1 0 1
4   Borgo a Buggiano 2 1 3
  Borgo a Buggiano 0 1 1
  Latina 1 3 4
3   Latina 3 3 6
2   Del Conca 1 3 4
Semifinali Finale
            
1   San Nicola Sulmona 0 0 0
4 Selargius 3 0 3
Selargius 2 0 2
  Civitanovese 0 0 0
3   Pallavicino 2 0 2
2   Civitanovese 2 1 3
Semifinali Finale
            
1   Striano 1 2 3
4 Licata 1 4 5
Licata 2 0 2
  Rossanese 0 2 2
3   Rossanese 1 1 2
2 Nola 0 2 2
Semifinali Finale
            
1   Angelo Cristofaro 2 0 2
4   Montenero 3 1 4
  Montenero 0 0 0
  Ostuni 0 1 1
3   Ostuni 0 4 4
2 Acireale 1 1 2

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g promossa per aver vinto i Play-Off Nazionali
  2. ^ a b c A fine campionato la Virtus Latina 1ª nel girone B e Football Club Latina 2ª nel girone A e vincitrice dei play-off nazionali, si sono fuse nell'Unione Sportiva Latina e il titolo sportivo del Football Club Latina viene ceduto alla neonata Football Club Rondinelle Latina con sede ad Aprilia, mentre a fine campionato la vecchia A.C.D. Aprilia ha cambiato denominazione in S.S.D. Vigor Cisterna con sede a Cisterna di Latina.
  3. ^ a b c d Promossa per ripescaggio.
  4. ^ Promosso in Serie D grazie al posto libero lasciato dalla fusione tra F.C. Latina e Virtus Latina in U.S. Latina
  5. ^ Il presidente de L'Aquila, Elio Gizzi, ha partecipato a un incontro con il presidente federale Giancarlo Abete, il vicepresidente vicario Figc e presidente della Lega dilettanti Carlo Tavecchio, il vicepresidente Figc Demetrio Albertini, il presidente del Comitato regionale Abruzzo, Daniele Ortolano, e il segretario della Lega dilettanti, Massimo Ciaccolini, nel quale è stato deciso che verrà riconosciuto il diritto alla partecipazione al prossimo campionato di serie D della società, «per motivi di straordinarietà venutisi a verificare a seguito dell'evento sismico».
  6. ^ L'Aquila ha raggiunto i quarti di finale quand'è stata esclusa per i fatti tragici del terremoto. È passato in semifinale senza colpo ferire il Pomezia
  7. ^ Promosso in Serie D come finalista della Coppa Nazionale (la vincitrice Virtus Casarano aveva vinto il proprio campionato).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica