Apri il menu principale

Demetrio Albertini

dirigente sportivo ed calciatore italiano
Demetrio Albertini
Demetrio Albertini in 2016.jpg
Albertini nel 2016
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2005 - giocatore
Carriera
Giovanili
1985-1988 Milan
Squadre di club1
1988-1990 Milan 2 (0)
1990-1991 Padova 28 (5)
1991-2002 Milan 291 (21)
2002-2003 Atlético Madrid 28 (2)
2003-2004 Lazio 23 (2)
2004-2005 Atalanta 14 (1)
2005 Barcellona 5 (0)
Nazionale
1989 Italia Italia U-18 7 (0)
1990-1992 Italia Italia U-21 17 (0)
1992 Italia Italia olimpica 5 (2)
1991-2002 Italia Italia 79 (3)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Spagna 1992
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Stati Uniti 1994
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Belgio-Paesi Bassi 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 dicembre 2005

Demetrio Albertini (Besana in Brianza, 23 agosto 1971) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

È stato vicecampione del mondo a Stati Uniti 1994, e vicecampione d'Europa a Belgio-Paesi Bassi 2000.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Albertini è stato un centrocampista completo e tatticamente duttile,[1] in grado di effettuare passaggi e lanci lunghi precisi per i compagni.[2] Giocatore dotato di ottime qualità tecniche ed eccellente visione di gioco, nasce come regista di centrocampo.[3] Era molto abile a creare azioni da gol e a dettare i tempi della squadra; infatti, venne soprannominato "il metronomo"[3] e "il cervello" della nazionale e del Milan.[4] Era inoltre un buon tiratore: abile rigorista,[4] era in grado di tirare le punizioni a giro o di potenza.[5] Calciava bene anche da lontano.[5] Caratteristica dei suoi tiri, in particolare sui calci di rigore, l'assenza quasi totale di rincorsa. Tutti questi attributi gli permisero di diventare uno dei centrocampisti migliori del panorama mondiale degli anni 90.[5]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Albertini al Padova nella stagione 1990-1991

Cresce a Villa Raverio, a pochi chilometri da Milano, e muove i suoi primi passi nella squadra giovanile dell'oratorio locale.

Entra poi nel settore giovanile del Milan, società alla quale resterà legato per la maggior parte della carriera sportiva, e con cui debutta in Serie A nella stagione 1988-1989. Viene poi mandato a farsi le ossa nella stagione 1990-1991 in Serie B nel Padova, in cui ebbe occasione di giocare per la prima volta con continuità, collezionando 28 gare e 5 gol. A fine di quell'annata calcistica, inoltre, il centrocampista venne premiato dalla Diadora in quanto ritenuto la miglior speranza italiana nello sport.[6] Tornato al Milan, giocherà in maglia rossonera dal 1991 al 2002 vincendo cinque scudetti, una Coppa dei Campioni/Champions League, una Supercoppa UEFA e 3 Supercoppe d'Italia.[7] Il suo bilancio al Milan è in totale di 406 presenze e 28 gol.[7]

La sua annata migliore è stata la 1996-1997, in cui ha avuto anche l'opportunità di segnare ben otto reti (record della sua carriera). Non rientrando più nei piani del tecnico Carlo Ancelotti, che gli preferì Andrea Pirlo, venne mandato in Spagna, in prestito all'Atlético Madrid (28 presenze, 2 gol).

L'anno seguente tornò in Italia e venne ceduto in un'operazione di scambio con Pancaro, con grande amarezza del giocatore,[6] alla Lazio, dove collezionò 23 presenze e mise a segno due reti, vincendo anche una Coppa Italia. Per la stagione 2004-2005 si trasferì all'Atalanta;[8] con la squadra bergamasca Albertini giocò 14 partite segnando un gol, all'esordio. Con il mercato di gennaio il centrocampista tornò in Spagna passando al Barcellona, ricevendo per questo alcune critiche dal suo ex tecnico Delio Rossi:[9] in Catalogna giocò cinque partite, che gli permisero di fregiarsi del titolo di Primera División.

 
Albertini in azione al Milan nell'annata 1991-1992

Il 5 dicembre 2005 ha annunciato il suo ritiro dall'attività agonistica.[10] La festa di addio al calcio di Albertini si è svolta il 15 marzo 2006 a San Siro, con una partita celebrativa tra Milan e Barcellona.[11]

NazionaleModifica

Esordisce in Nazionale il 21 dicembre 1991, all'età di 20 anni, nella partita Italia-Cipro (2-0) giocata a Foggia.[12]

 
Albertini in Nazionale nel 1994

Prende parte con gli azzurri al campionato del mondo 1994 negli Stati Uniti, sotto la gestione di Arrigo Sacchi, durante il quale serve un assist decisivo per il gol di Massaro contro il Messico nella fase a gironi, che permette agli azzurri di qualificarsi alla seconda fase del torneo.[13] Nella semifinale con la Bulgaria, serve un altro assist a Roberto Baggio per il gol del momentaneo 2-0, che porta gli azzurri alla finale del torneo.[14] L'Italia verrà sconfitta ai tiri di rigore dal Brasile, nonostante Albertini riesca a segnare il suo tiro dal dischetto.[15]

Due anni dopo è convocato da Sacchi per il campionato d'Europa 1996 in Inghilterra, dove però gli azzurri non superano la prima fase.[16]

Partecipa inoltre al campionato del mondo 1998 in Francia, sotto la gestione di Cesare Maldini, dove nei quarti finale contro i padroni di casa della Francia, l'Italia viene eliminata di nuovo ai rigori, a causa anche di un errore di Albertini;[17] nei tempi supplementari, l'occasione del possibile golden gol azzurro era nato proprio dal piede di Albertini, quando il suo lancio smarcante liberò Roberto Baggio, il quale mandò il pallone di poco a lato della porta di Barthez.[18]

Al successivo campionato d'Europa 2000 organizzato congiuntamente da Belgio e Paesi Bassi, sotto la gestione di Dino Zoff, Albertini risulta il miglior uomo-assist degli azzurri con due passaggi vincenti,[19] fornendo il primo a Francesco Totti nella vittoria contro il Belgio durante la fase a gironi,[20] e il secondo a Filippo Inzaghi nei quarti di finale contro la Romania.[21] Gli azzurri saranno sconfitti in finale per 2-1 dalla Francia, per via del golden gol di Trezeguet.[22]

 
La maglia azzurra di Albertini a Euro 2000

Nonostante fosse titolare sotto la gestione di Giovanni Trapattoni nelle partite di qualificazione al campionato mondiale di calcio 2002, un infortunio al tendine di Achille a pochi mesi dal via della manifestazione gli ha impedito di partecipare alla fase finale i Corea del Sud e Giappone, segnando di fatto la fine della sua carriera in maglia azzurra.[23]

Con la Nazionale, nella quale ha militato dal 1991 al 2002, Albertini ha totalizzato 79 presenze (6 delle quali da capitano[24]) e 3 reti.[12]

DirigenteModifica

Dopo il suo ritiro, attraverso l'Associazione Italiana Calciatori, intraprende la carriera dirigenziale. Nel giugno del 2006, in seguito allo scandalo di Calciopoli e alle successive dimissioni del presidente in carica della FIGC, Franco Carraro, e alla nomina di un commissario straordinario, Guido Rossi, è stato nominato vice commissario straordinario della FIGC. Tuttavia, il 19 settembre dello stesso anno, ha rassegnato le proprie dimissioni.

Dal 2007, con l'inizio della presidenza di Giancarlo Abete è diventato vicepresidente della Federcalcio. È stato confermato vicepresidente il 5 aprile 2013 con 10 voti.[25] Nel maggio del 2014 annuncia che sarà ancora capo-delegazione ai Mondiali dopo il quale si congederà dalla Federcalcio davanti all'impossibilità di arrivare a riforme importanti per il calcio.[26] Il 27 luglio seguente formalizza la propria candidatura alla presidenza della FIGC, dopo averne a lungo ventilato l'idea. L'11 agosto perde la battaglia per la presidenza della FIGC a favore di Carlo Tavecchio,[27] che ottenne in terza votazione il 63,63% delle preferenze. Per Albertini si schierarono invano l'AIC, l'AIAC e l'AIA, le componenti tecniche (calciatori, allenatori e arbitri) della FIGC.

Il 1º aprile 2015, a causa del fallimento del Parma, diventa per nomina giudiziaria coadiutore dei curatori fallimentari del club ducale.[28][29][30]

Dopo il ritiroModifica

Nel 2006 Demetrio Albertini sposa il progetto per la creazione di una Scuola Calcio con il suo nome: “Scuola calcio Demetrio Albertini"[31] che nasce a Selvino (Bg), e si sviluppa a Milano e nel Lecchese coinvolgendo più di 1000 ragazzi.

È managing director di Dema4,[32] agenzia di teamworking e sportmarketing.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1988-1989   Milan A 1 0 - - - - - - - - - 1 0
1989-1990 A 1 0 CI - - CC 0 0 - - - 1 0
set.-ott. 1990 A 0 0 CI 2 0 - - - - - - 2 0
1990-1991   Padova B 28 5 - - - - - - - - - 28 5
1991-1992   Milan A 28 3 CI 5 0 - - - - - - 33 3
1992-1993 A 29 2 CI 6 0 UCL 7 1 SI 1 0 43 3
1993-1994 A 26 3 CI 0 0 UCL 11 1 SI+SU+CInt 1+2+1 0 41 4
1994-1995 A 30 2 CI 4 0 UCL 9 0 SI+SU+CInt 1+2+1 0 47 2
1995-1996 A 30 0 CI 3 0 CU 5 0 - - - 38 0
1996-1997 A 29 8 CI 2 0 UCL 5 1 SI 1 0 37 9
1997-1998 A 28 0 CI 9 2 - - - - - - 37 2
1998-1999 A 29 2 CI 3 0 - - - - - - 32 2
1999-2000 A 26 1 CI 1 0 UCL 5 0 SI 1 0 33 1
2000-2001 A 12 0 CI 2 0 UCL 11 2 - - - 25 2
2001-2002 A 24 0 CI 4 0 CU 8 0 - - - 36 0
Totale Milan[7][33] 293 21 41 2 61 5 11 0 406 28
2002-2003   Atlético Madrid PD 28 2 CR 2 1 - - - - - - 30 3
2003-2004   Lazio A 23 2 CI 4 0 UCL 8 0 - - - 35 2
2004-gen. 2005   Atalanta A 14 1 CI 2 1 - - - - - - 16 2
gen.-giu. 2005   Barcellona PD 5 0 - - - UCL 1 0 - - - 6 0
Totale carriera 391 31 49 4 70 5 11 0 521 40

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
21-12-1991 Foggia Italia   2 – 0   Cipro Qual. Euro 1992 -
9-9-1992 Eindhoven Paesi Bassi   2 – 3   Italia Amichevole -   45’
14-10-1992 Cagliari Italia   2 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 1994 -   71’
18-11-1992 Glasgow Scozia   0 – 0   Italia Qual. Mondiali 1994 -
19-12-1992 La Valletta Malta   1 – 2   Italia Qual. Mondiali 1994 -
20-1-1993 Firenze Italia   2 – 0   Messico Amichevole -   45’
24-2-1993 Oporto Portogallo   1 – 3   Italia Qual. Mondiali 1994 -
24-3-1993 Palermo Italia   6 – 1   Malta Qual. Mondiali 1994 -
14-4-1993 Trieste Italia   2 – 0   Estonia Qual. Mondiali 1994 -
22-9-1993 Tallinn Estonia   0 – 3   Italia Qual. Mondiali 1994 -
17-11-1993 Milano Italia   1 – 0   Portogallo Qual. Mondiali 1994 -   61’
16-2-1994 Napoli Italia   0 – 1   Francia Amichevole -
23-3-1994 Stoccarda Germania   2 – 1   Italia Amichevole -   45’
3-6-1994 Roma Italia   1 – 0   Svizzera Amichevole -   45’
11-6-1994 New Haven Italia   1 – 0   Costa Rica Amichevole -
18-6-1994 New York Italia   0 – 1   Irlanda Mondiali 1994 - 1º turno -
23-6-1994 New York Italia   1 – 0   Norvegia Mondiali 1994 - 1º turno -
28-6-1994 Washington Italia   1 – 1   Messico Mondiali 1994 - 1º turno -
5-7-1994 Boston Nigeria   1 – 2 dts   Italia Mondiali 1994 - Ottavi di finale -
9-7-1994 Boston Italia   2 – 1   Spagna Mondiali 1994 - Quarti di finale -   45’
13-7-1994 New York Italia   2 – 1   Bulgaria Mondiali 1994 - Semifinale -
17-7-1994 Los Angeles Brasile   0 – 0 dts
(3-2 dcr)
  Italia Mondiali 1994 - Finale - 2º posto
7-9-1994 Maribor Slovenia   1 – 1   Italia Qual. Euro 1996 -
8-10-1994 Tallinn Estonia   0 – 2   Italia Qual. Euro 1996 -   84’
16-11-1994 Palermo Italia   1 – 2   Croazia Qual. Euro 1996 -   55’
25-3-1995 Salerno Italia   4 – 1   Estonia Qual. Euro 1996 1
29-3-1995 Kiev Ucraina   0 – 2   Italia Qual. Euro 1996 -
19-6-1995 Losanna Svizzera   0 – 1   Italia Centenario Fed.Svizzera -   45’
21-6-1995 Zurigo Italia   0 – 2   Germania Centenario Fed.Svizzera -
6-9-1995 Udine Italia   1 – 0   Slovenia Qual. Euro 1996 -
8-10-1995 Spalato Croazia   1 – 1   Italia Qual. Euro 1996 1
11-11-1995 Bari Italia   3 – 1   Ucraina Qual. Euro 1996 -
15-11-1995 Reggio Emilia Italia   4 – 0   Lituania Qual. Euro 1996 -
24-1-1996 Terni Italia   3 – 0   Galles Amichevole -
29-5-1996 Cremona Italia   2 – 2   Belgio Amichevole -
1-6-1996 Budapest Ungheria   0 – 2   Italia Amichevole -   70’
11-6-1996 Liverpool Russia   1 – 2   Italia Euro 1996 - 1º turno -
14-6-1996 Liverpool Rep. Ceca   2 – 1   Italia Euro 1996 - 1º turno -
19-6-1996 Manchester Germania   0 – 0   Italia Euro 1996 - 1º turno -
6-11-1996 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina   2 – 1   Italia Amichevole -
22-1-1997 Palermo Italia   2 – 0   Irlanda del Nord Amichevole -
12-2-1997 Londra Inghilterra   0 – 1   Italia Qual. Mondiali 1998 -
29-3-1997 Trieste Italia   3 – 0   Moldavia Qual. Mondiali 1998 -
30-4-1997 Napoli Italia   3 – 0   Polonia Qual. Mondiali 1998 -
4-6-1997 Nantes Italia   0 – 2   Inghilterra Torneo di Francia -
8-6-1997 Lione Italia   3 – 3   Brasile Torneo di Francia 1
11-10-1997 Roma Italia   0 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
29-10-1997 Mosca Russia   1 – 1   Italia Qual. Mondiali 1998 -
15-11-1997 Napoli Italia   1 – 0   Russia Qual. Mondiali 1998 -
22-4-1998 Parma Italia   3 – 1   Paraguay Amichevole -
2-6-1998 Göteborg Svezia   1 – 0   Italia Amichevole -
11-6-1998 Bordeaux Italia   2 – 2   Cile Mondiali 1998 - 1º turno -
17-6-1998 Montpellier Italia   3 – 0   Camerun Mondiali 1998 - 1º turno -   62’
27-6-1998 Marsiglia Italia   1 – 0   Norvegia Mondiali 1998 - Ottavi di finale -   72’
3-7-1998 Parigi Italia   0 – 0 dts
(3-4 dcr)
  Francia Mondiali 1998 - Quarti di finale -   52’
5-9-1998 Liverpool Galles   0 – 2   Italia Qual. Euro 2000 -   66’
10-10-1998 Udine Italia   2 – 0   Svizzera Qual. Euro 2000 -
18-11-1998 Salerno Italia   2 – 2   Spagna Amichevole -   45’
16-12-1998 Roma Italia   6 – 2   World Stars Amichevole -
10-2-1999 Pisa Italia   0 – 0   Norvegia Amichevole -
28-4-1999 Zagabria Croazia   0 – 0   Italia Amichevole -
5-6-1999 Bologna Italia   4 – 0   Galles Qual. Euro 2000 -
9-6-1999 Losanna Svizzera   0 – 0   Italia Qual. Euro 2000 -
8-9-1999 Napoli Italia   2 – 3   Danimarca Qual. Euro 2000 -
13-11-1999 Lecce Italia   1 – 3   Belgio Amichevole -
26-4-2000 Reggio Calabria Italia   2 – 0   Portogallo Amichevole -   45’
3-6-2000 Oslo Norvegia   1 – 0   Italia Amichevole -
11-6-2000 Arnhem Turchia   1 – 2   Italia Euro 2000 - 1º turno -
14-6-2000 Bruxelles Italia   2 – 0   Belgio Euro 2000 - 1º turno -
24-6-2000 Bruxelles Italia   2 – 0   Romania Euro 2000 - Quarti di finale -
29-6-2000 Amsterdam Italia   0 – 0 dts
(3-1 dcr)
  Paesi Bassi Euro 2000 - Semifinale -   77’
2-7-2000 Rotterdam Francia   2 – 1 gg   Italia Euro 2000 - Finale - 2º posto
3-9-2000 Budapest Ungheria   2 – 2   Italia Qual. Mondiali 2002 -
7-10-2000 Milano Italia   3 – 0   Romania Qual. Mondiali 2002 -
11-10-2000 Ancona Italia   2 – 0   Georgia Qual. Mondiali 2002 - cap.
15-11-2000 Torino Italia   1 – 0   Inghilterra Amichevole -   52’
24-3-2001 Bucarest Romania   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 2002 -
6-10-2001 Parma Italia   1 – 0   Ungheria Qual. Mondiali 2002 -   72’
27-3-2002 Leeds Inghilterra   1 – 2   Italia Amichevole -   56’
Totale Presenze (14º posto) 79 Reti 3

PalmarèsModifica

ClubModifica

 
Albertini festeggia lo scudetto del Milan nella stagione 1991-1992

Competizioni nazionaliModifica

Milan: 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1998-1999
Milan: 1992, 1993, 1994
Lazio: 2003-2004
Barcellona: 2004-2005

Competizioni internazionaliModifica

Milan: 1988-1989[34], 1989-1990[34], 1993-1994
Milan: 1989, 1990[34]
Milan: 1989, 1994

NazionaleModifica

1992

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Demetrio Albertini: Metronomo, su magliarossonera.it. URL consultato il 20.7.14.
  2. ^ BBC Sport, Euro 2000 Profile: Demetrio Albertini, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 20.7.14.
  3. ^ a b A.C. Milan Hall of Fame: Demetrio Albertini, su acmilan.com. URL consultato il 20.7.14.
  4. ^ a b Le stelle di Francia 98: da Albertini a Batistuta, su solocalcio.com. URL consultato il 20 luglio 2014.
  5. ^ a b c Kevin Pogorzelski, The Legend of Calcio: Demetrio Albertini, su forzaitalianfootball.com.
  6. ^ a b Albertini alla Lazio: Milan ingrato, in La Repubblica, 22 luglio 2003, p. 45.
  7. ^ a b c Hall of Fame - Demetrio Albertini, acmilan.com. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  8. ^ Filippo di Chiara, Atalanta, ti voglio bella ed esaltante, in Gazzetta dello sport, 12 settembre 2004, p. 14.
  9. ^ Pietro Serina, Rossi sgrida Albertini, in Gazzetta dello sport, 27 gennaio 2005, p. 6.
  10. ^ Albertini si ritira - uefa.com, 5 dicembre 2005.
  11. ^ Addio Albertini, vincono le stelle - tgcom, 15 marzo 2006.
  12. ^ a b Nazionale in cifre: Albertini, Demetrio, FIGC. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  13. ^ Giancarlo Padovan, Massaro, nove minuti di felicità, Il Corriere della Sera, 29 giugno 1994. URL consultato il 20 aprile 2015.
  14. ^ Giancarlo Padovan, Roby Baggio ci porta in Paradiso, Il Corriere della Sera, 14 luglio 1994. URL consultato l'11 maggio 2016.
  15. ^ Gianni Mura, Sconfitti, a testa alta, La Repubblica, 18 luglio 1994. URL consultato il 20 aprile 2015.
  16. ^ Dario Pelizzari, Italia-Germania in 10 partite. Azzurri mai piegati ai Mondiali e agli Europei, su ilsole24ore.com. URL consultato il 20 aprile 2015.
  17. ^ Buccini Goffredo, Costa Alberto, Di Biagio, l'ultima vittima della maledizione del dischetto, Il Corriere della Sera, 4 luglio 1998. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2015).
  18. ^ Gianni Mura, Francia avanti, ancora rigori stregati, La Repubblica, 4 luglio 1998. URL consultato il 20 aprile 2015.
  19. ^ Euro 2000 Goals & Assists, su soccer-europe.com. URL consultato il 20 aprile 2015.
  20. ^ L'Italia non si ferma. Totti illumina, chiude Fiore, La Repubblica, 14 giugno 2000. URL consultato il 20 aprile 2015.
  21. ^ Gli Azzurri non sbagliano contro la Romania, su it.uefa.com, 6 ottobre 2003. URL consultato il 20 aprile 2015.
  22. ^ 2000: Trezeguet oro di Francia, su it.uefa.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 20 aprile 2015.
  23. ^ Andrea Masala, Albertini perde tutto, in Gazzetta dello sport, 17 aprile 2002, p. 9.
  24. ^ Nazionale in cifre - Capitani, su figc.it. URL consultato il 25 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2016).
  25. ^ Figc:Tavecchio-Albertini vicepresidenti tuttomercatoweb.com, 5 aprile 2013.
  26. ^ Luigi Garlando, Albertini lascia, in La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2014, p. 6.
  27. ^ Demetrio Albertini si candida alla presidenza FIGC www.corriere.it, 21 luglio 2014.
  28. ^ Demetrio Albertini in aiuto dei curatori fallimentari www.gazzetta.it, 1º aprile 2015.
  29. ^ Albertini consulente dei curatori fallimentari www.iltempo.it, 2 aprile 2015.
  30. ^ Parma, Albertini al fianco dei curatori fallimentari www.sky.it, 1º aprile 2015.
  31. ^ www.scuolacalcioalbertini.it Archiviato il 2 gennaio 2014 in Internet Archive..
  32. ^ Dema4, su dema4.it. URL consultato il 16 marzo 2018.
  33. ^ (PL) Demetrio Albertini, acmilan.pl. URL consultato il 21 aprile 2009.
  34. ^ a b c In rosa, pur non disputando alcun incontro nella competizione.
  35. ^ a b Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Demetrio Albertini, su quirinale.it. URL consultato il 4 aprile 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica