Apri il menu principale

Federico Gaio

tennista italiano
Federico Gaio
Gaio WMQ16 (6) (28211175465).jpg
Federico Gaio durante un match
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 84 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 2-6
Titoli vinti 0
Miglior ranking 144° (19 agosto 2019)
Ranking attuale 154° (28 ottobre 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open Q2 (2018)
Francia Roland Garros Q2 (2016)
Regno Unito Wimbledon Q1 (2016, 2017)
Stati Uniti US Open 1T (2018)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0-2
Titoli vinti 0
Miglior ranking 194º (26 novembre 2018)
Ranking attuale 669° (28 ottobre 2019)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 28 ottobre 2019

Federico Gaio (Faenza, 5 marzo 1992) è un tennista italiano.

Professionista dal 2009, in carriera ha vinto 12 tornei di singolare, di cui 3 del circuito Challenger, e 7 di doppio (4 dell'ITF Men's Circuit e 3 Challenger.)[1]

Ha giocato la sua prima gara nel tabellone principale di un torneo ATP World Tour in occasione degli Internazionali d'Italia 2015, quando è stato sconfitto al primo turno da Leonardo Mayer.[2]

CarrieraModifica

2008-2012Modifica

Ha giocato i suoi primi tornei ITF e Challenger nel 2008 quando ottiene prima una Wild Card per il Future Italy F15 di Cesena, dove gioca anche il doppio, poi per il Challenger di Recanati. In Ottobre raggiunge la prima finale di doppio al Future Italy F34 di Quartu Sant'Elena in coppia con Alessandro Giannessi.

Passato tra i Pro, raggiunge la prima semifinale Future nel luglio 2009 a Palazzolo mentre in settembre si affaccia entro i 1000 del ranking ATP e conquista il primo titolo in doppio, sempre con Giannessi, ad Alghero.

Nel 2010 ottiene una Wild Card per le qualificazioni del Masters 1000 di Roma, ma al debutto viene sconfitto per 6-0, 6-4 da Juan Ignacio Chela, nel suo primo match contro un tennista tra i primi cento del mondo (l'argentino era allora numero 55). Durante la stagione vince anche il suoi primi incontro in un torneo Challenger a Reggio Emilia. A livello Futures raggiunge l'unica semifinale in singolare nell’Italy F28 di Frascati; in doppio conquista la finale a Trento, sempre in coppia con Giannessi oltre alle prime due semifinali Challenger a Sanremo e Orbetello. Chiude il 2010 alla posizione 693 in singolare e 535 in doppio.

Nel 2011 nel giro di un mese raggiunge per tre volte la finale in altrettanti tornei Futures: conquista i primi due titoli in carriera a maggio in Kazakhstan, a Taraz e Almaty, conquistando una terza finale a Ashkelon, in Israele. In estate ottiene il suo miglior risultato di stagione in doppio a Recanati (dove pure raggiunge i quarti in singolare), raggiungendo la finale in coppia con l'indiano Purav Raja. A fine anno migliora di molto il suo ranking, chiudendo il 2011 alla posizione 375. La stagione successiva si rivela però più avara di soddisfazioni; sebbene in luglio Gaio conquisti il terzo titolo Futures in carriera, battendo Renzo Olivo al torneo Argentina F18 di Bell Ville, durante il 2012 i risultati sono mediamente peggiori dell'anno precedente: il faentino chiuderà l'anno come 544 del ranking maschile di singolare. Nel doppio l'unico risultato di rilievo è la finale dell’Italy F12 di Parma, persa contro Eremin e Grassi.

2013-2014Modifica

Nei primi mesi del 2013 tenta il salto nel circuito Challenger, ma, partendo dalle qualificazioni, solo a Pereira raggiunge il tabellone principale, perdendo al primo turno. Tornato in Europa disputa alcuni Futures italiani per raggiungere la sua prima finale stagionale a Seedfeld, in Austria, dove viene sconfitto da Ofner in tre set. La prima vittoria in un torneo Challenger arriva a San Marino dove, superati i turni di qualificazione, elimina il tedesco Phau, prima di perdere al secondo turno contro Volandri. A settembre conquista il quarto titolo Futures in carriera a Belconti, in Turchia, battendo in finale il britannico Gabb in tre set; nello stesso torneo si aggiudica anche il trofeo di doppio in coppia con Laurynas Grigelis, bissando il successo nella stessa località la settimana successiva. La nona finale Futures arriva a novembre a Eraklion, in Grecia, dove Gaio cede però il titolo all'austriaco Dennis Novak. Chiude il 2013 alla posizione 445 del ranking di singolare.

Nella prima parte del 2014, oltre ad alcuni Futures, centra la qualificazione al tabellone principale prima a Bergamo poi a Vercelli, arrendendosi però in entrambi i casi al primo turno. Raggiunge per l'ottava volta una finale al Future di Grasse, in Francia, ma perde contro Eysseric per 3-6, 4-6; con lo stesso punteggio viene sconfitto anche nella seconda finale dell'anno, disputata a luglio a Modena contro Daniele Giorgini. Il 3 agosto raggiunge per la prima volta una finale del circuito Challenger a Cortina d'Ampezzo superando tutti avversari di ranking superiore: Ungur, Setkic, Starace e Marcora. In finale affronta il serbo Filip Krajinović al quale deve però cedere il titolo dopo un combattuto match in tre set. Grazie a questo risultato entra per la prima volta in carriera nei primi trecento del mondo. Sul finale di stagione conquista il quinto titolo in singolare al Turckey F36 di Antalya dove batte in finale il giapponese Ehara in rimonta: 1-6, 6-0, 6-4. All'ultima classifica dell'anno Gaio è assestato alla posizione 310 della classifica ATP.

2015Modifica

Il debutto stagionale è nelle qualificazioni dell'ATP 250 di Zagabria, dove perde al debutto contro Bachinger. Disputa quindi alcuni Challenger ma è ancora nei Futures che raccoglie risultati degni di nota. Perde la finale in doppio del Croatia F6 di Rovigno in coppia con Trevisan contro i locali Marcan e Sancic; al successivo Croatia F7 perde la finale in singolare contro Riccardo Bellotti per 4-6, 6-3, 4-6. Vince il sesto titolo Futures in aprile nell'Italy F5 di Santa Margherita di Pula sconfiggendo in finale Stefano Napolitano per 6-2, 6-4.

Il suo debutto nel circuito principale avviene grazie ad una wild card agli Internazionali d'Italia e perde al primo turno dal nº 25 ATP Leonardo Mayer con il punteggio di 6-3, 6-4. Nel successivo Italy F10 di Bergamo viene superato in finale da Trevisan con un duplice 6-4. Nella seconda parte dell'anno Gaio si concentra su tornei Challenger, a fine maggio perde la finale di doppio a Vicenza insieme a Salvatore Caruso contro Pella e Bagnis. In estate viene sconfitto in semifinale a Padova in singolare da Montañés per 6-3, 3-6, 5-7, e nella finale di doppio, di nuovo con Giannessi, da Elgin e Rublëv, che si impongono in due set.

Nelle qualificazioni dell'ATP 250 di Gstaad perde al secondo turno contro Andrea Arnaboldi. Conquista quindi il settimo titolo Futures ad Appiano senza cedere alcun set sconfiggendo in finale Francisco Bahamonde per 6-4, 6-3. In settembre, ancora insieme a Giannessi, perde la finale nel Challenger di Stettino contro Lamasine e Martin. Nelle qualificazioni del torneo ATP di Stoccolma elimina Mridha e Petzschner, ma nel turno decisivo si arrende a Ante Pavić. Chiude l'anno alla posizione 245 in singolare e 231 in doppio, dopo aver raggiunto rispettivamente la 206 e la 229 del ranking ATP.

2016Modifica

Gaio è iscritto per la prima volta nel tabellone cadetto di uno slam, gli Australian Open, ma viene sconfitto al debutto da Aldin Setkic per 6-3, 6-4. Nei restanti mesi partecipa a numerosi Challenger, raggiungendo il miglior risultato a San Luis Potosí con una semifinale persa in tre combattuti set contro Marcelo Arevalo. In primavera tenta la qualificazione all'ATP 250 di Bucarest, vincendo però solo il primo turno contro Lorenzo Giustino per poi perdere al turno finale contro Arnaboldi, e poi agli Internazionali d'Italia dove viene battuto da Kukuškin.

Anche nel secondo Slam dell'anno Gaio è iscritto al torneo di qualificazione: al Roland Garros vince il primo incontro contro Ihnacik ma viene sconfitto nel secondo match da Guido Andreozzi; a Wimbledon viene estromesso dalle qualificazioni da Sidorenko al primo incontro.

Durante l'estate coglie i primi due successi in singolare nel circuito Challenger; a San Benedetto del Tronto, eliminati Jankovic, Giannessi e Mager, vince in tre set la semifinale contro il belga De Greef per approdare poi al match decisivo con il francese Constant Lestienne vinto con il punteggio di 6-2, 1-6, 6-3. Il primo titolo challenger in singolare di Gaio si accompagna anche al primo titolo in doppio: nello stesso torneo infatti, ricevuta una wild card dal torneo di San Benedetto in coppia con Napolitano, vince il titolo battendo in finale Argüello e Galdos per 6-3, 6-4. Soltanto due settimane dopo bissa il successo a Biella dove batte in finale il brasiliano Bellucci numero 52° del mondo per 7-65, 6-2. Grazie a questo successo non solo entra nei primi duecento del mondo ma tocca il suo best ranking raggiungendo la posizione 158.

A settembre partecipa alle qualificazioni dell'ultimo Slam dell'anno, ma anche Flushing Meadows viene battuto al primo match dallo statunitense Dennis Novikov dopo un combattuto incontro in tre set.

A Settembre conquista anche il secondo titolo Challenger della stagione, di nuovo in coppia con Napolitano, vincendo il torneo di Roma grazie alla vittoria in finale contro i croati Marin e Tomislav Draganja.

L'ultimo risultato di rilievo del 2016 arriva dalla Russia: Gaio è infatti iscritto alle qualificazioni dell'ATP 250 di Mosca e, nonostante la sconfitta contro Melzer al turno decisivo, viene ripescato come lucky loser e accede al tabellone principale del torneo, disputando così l'unico incontro nel circuito maggiore della stagione. Il sorteggio lo mette di fronte al numero uno italiano del momento, Paolo Lorenzi, dal quale viene battuto con un duplice 6-4. Chiude l'anno alla posizione 175° della classifica di singolare e alla posizione 296° di doppio.

StatisticheModifica

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (12)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
Futures (9)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 2 maggio 2011   Kazakhstan F3, Taraz Cemento indoor   Takuto Niki 0-6, 6-4, 6-2
2. 9 maggio 2011   Kazakhstan F3, Almaty Cemento indoor   Ilia Starkov 6-0, 7-5
3. 16 luglio 2012   Argentine F18, Bell Ville Terra rossa   Renzo Olivo 7-5, 7-5,
4. 9 settembre 2013   Turkey F36, Belconti Cemento indoor   Richard Gabb 3-6, 7-62, 6-1
5. 13 ottobre 2014   Turkey F36, Antalya Cemento indoor   Hiroyasu Ehara 1-6, 6-0, 6-4
6. 13 aprile 2015   Italy F5, Santa Margherita di Pula Terra rossa   Stefano Napolitano 6-2, 6-4
7. 10 agosto 2015   Italy F22, Appiano Terra rossa   Francisco Bahamonde 6-4, 6-3
8. 17 luglio 2016   San Benedetto Tennis Cup, San Benedetto del Tronto Terra rossa   Constant Lestienne 6–2, 1-6, 6-3
9. 31 luglio 2016   Biella Challenger, Biella Terra rossa   Thomaz Bellucci 7-6, 6-2
10. 17 settembre 2017   Italy F29, Santa Margherita di Pula Terra rossa   Jay Clarke 6-2, 7-5
11. 29 ottobre 2017   Italy F35, Santa Margherita di Pula Terra rossa   Lorenzo Sonego 7-64, 2-6, 6-0
12. 11 agosto 2019   Antonio Savoldi-Marco Cò - Trofeo Dimmidisì, Manerbio Terra rossa   Paolo Lorenzi 6-3, 6-1
Finali perse (10)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
Futures (7)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 4 giugno 2011   Israel F6, Ascalona Cemento indoor   Amir Weintraub 4-6, 2-6
2. 7 luglio 2013   Austria F2, Seefeld Terra rossa   Patrick Ofner 5-7, 6-3, 4-6
3. 3 novembre 2013   Greece F17, Heraklion Cemento outdoor   Dennis Novak 4-6, 2-6
4. 4 maggio 2014   France F9, Grasse Terra rossa   Jonathan Eysseric 3-6, 4-6
5. 20 luglio 2014   Italy F23, Modena Terra rossa   Daniele Giorgini 3-6, 4-6
6. 3 agosto 2014   ATP Challenger Cortina, Cortina d'Ampezzo Terra rossa   Filip Krajinović 6-2, 6-7, 5-7
7. 5 aprile 2015   Croatia F7, Orsera Terra rossa   Riccardo Belotti 4-6, 6-4, 4-6
8. 23 maggio 2015   Italy F10, Bergamo Terra rossa   Matteo Trevisan 4-6, 4-6
9. 29 luglio 2018   Country 2001 Team, Padova Terra rossa   Sergio Gutiérrez Ferrol 2–6, 6-3, 1–6
10. 23 giugno 2019   Internazionali dell'Emilia-Romagna, Parma Terra rossa   Tommy Robredo 6-7, 7-5, 6-7

DoppioModifica

Vittorie (7)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
Futures (4)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 29 settembre 2009   Italy F29, Alghero Cemento indoor   Alessandro Giannessi   Vasek Pospisil
  Marcus Willis
6-2, 7-5
2. 15 settembre 2013   Turkey F36, Belconti Cemento indoor   Laurynas Grigelis   Dekel Bar
  Richard Gabb
1-6, 6-3, 10-8
3. 22 settembre 2013   Turkey F37, Belconti Cemento indoor   Laurynas Grigelis   Alexander Krasnorutskiy
  Anton Manegin
6-3, 7-65
4. 17 luglio 2016   San Benedetto Tennis Cup, San Benedetto del Tronto Terra rossa   Stefano Napolitano   Facundo Argüello
  Sergio Galdos
6-3, 6-4
5. 2 ottobre 2016   BFD Energy Challenger, Roma Terra rossa   Stefano Napolitano   Marin Dragagnja
  Tomislav Draganja
6-7, 6-2, 10-3
6. 23 settembre 2017   Italy F30, Santa Margherita di Pula Terra rossa   Andrea Pellegrino   Matthaias Haim
  Jakob Sude
7-61, 6-1
7. 16 giugno 2018   Città di Caltanissetta, Caltanissetta Terra rossa   Andrea Pellegrino   Blaž Rola
  Jiří Veselý
7-64, 7-65
Finali perse (9)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (5)
Futures (4)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 11 ottobre 2008   Italy F34, Quartu Sant'Elena Cemento indoor   Alessandro Giannessi   Fabio Colangelo
  Matteo Volante
6-77, 1-6
2. 21 marzo 2010   Italy F1, Trento Cemento indoor   Alessandro Giannessi   Nikolai Fidirko
  Nikolaus Moser
4-6, 4-6
3. 31 luglio 2011   Guzzini Challenger, Recanati Cemento indoor   Purav Raja   Frederik Nielsen
  Ken Skupski
3-6, 5-7
4. 9 giugno 2012   Italy F12, Parma Terra rossa   Matteo Volante   Edoardo Eremin
  Claudio Grassi
5-7, 2-6
5. 29 marzo 2015   Croatia F6, Rovigno Terra rossa   Matteo Trevisan   Dino Marcan
  Antonio Sancic
3-6, 5-7
6. 31 maggio 2015   Internazionali Città di Vicenza, Vicenza Terra rossa   Salvatore Caruso   Facundo Bagnis
  Guido Pella
2-6, 4-6
7. 5 luglio 2015   Challenger 2001 Team, Padova Terra rossa   Alessandro Giannessi   Michail Elgin
  Andrej Rublëv
4-6, 64-7
8. 20 settembre 2015   Szczecin Open, Stettino Terra rossa   Alessandro Giannessi   Tristan Lamasine
  Fabrice Martin
3-6, 6-7
9. 13 ottobre 2018   Tashkent Challenger, Tashkent Terra rossa   Andrea Pellegrino   Sanjar Fayziev
  urabek Karimov
6–2, 63–7, 11–9

NoteModifica

  1. ^ (EN) Federico GAIO, su itftennis.com. URL consultato il 25 agosto 2015.
  2. ^ (EN) Federico Gaio 2015 player activity, su atpworldtour.com. URL consultato il 25 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica