Horacio Zeballos

tennista argentino

Horacio Zeballos Jr. (Mar del Plata, 27 aprile 1985) è un tennista argentino. Ha ottenuto i migliori risultati in doppio, specialità in cui ha vinto 18 titoli del circuito maggiore, tra cui 5 di categoria Masters 1000, e ha raggiunto due finali del Grande Slam agli US Open 2019 e al torneo di Wimbledon 2021, entrambe in coppia con Marcel Granollers. Vanta inoltre 34 titoli nell'ATP Challenger Tour. Nel settembre 2019 ha raggiunto per la prima volta il 3º posto nella classifica mondiale di doppio, suo miglior ranking.

Horacio Zeballos
Zeballos WM19 (37) (48521679971).jpg
Horacio Zeballos nel 2019
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 188 cm
Peso 84 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 91–133 (40.63%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 39º (4 marzo 2013)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2010, 2013, 2014, 2015, 2017, 2018)
Francia Roland Garros 4T (2017)
Regno Unito Wimbledon 2T (2018)
Stati Uniti US Open 2T (2009, 2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 281–174 (61.76%)
Titoli vinti 19
Miglior ranking 3º (9 settembre 2019)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2022)
Francia Roland Garros SF (2013, 2022)
Regno Unito Wimbledon F (2021)
Stati Uniti US Open F (2019)
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg  Tour Finals SF (2020, 2021)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2020)
Palmarès
Transparent.png World Team Cup
Oro World Team Cup 2010
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 3 ottobre 2022

Si è distinto anche in singolare spingendosi fino al 39º posto del ranking ATP nel marzo 2013, anno in cui ha vinto il suo unico torneo di specialità nell'ATP Tour battendo Rafael Nadal in finale al Chile Open. Ha vinto inoltre in singolare 15 tornei Challenger.

CarrieraModifica

JunioresModifica

Gioca nell'ITF Junior Circuit tra il 2002 e il 2003 senza vincere alcun torneo, i migliori risultati sono le finali raggiunte in singolare e in doppio al Banana Bowl, torneo paraguayano di Grade 1. Nel giugno 2003 consegue il suo miglior ranking da juniores al 71º posto mondiale.[1]

2003-2005, inizi tra i professionisti e primi titoli ITF in doppioModifica

Nel 2003 fa anche le sue prime apparizioni tra i professionisti nell'ITF Men's Circuit. Gioca con maggiore continuità in tale circuito nel 2004 e a settembre disputa la prima finale ITF, persa in singolare al torneo Argentina F5. Nel febbraio 2005 alza il primo trofeo da professionista vincendo in coppia con Agustin Tarantino il torneo di doppio all'ITF Futures Portugal F1. Nel prosieguo della stagione vincerà altri quattro tornei ITF di doppio, mentre in singolare perde le due finali disputate e gioca il suo primo incontro nel circuito Challenger.

2006-2007, primi titoli ITF in singolare e primi titoli Challenger e top 80 in doppioModifica

Dopo aver vinto nel gennaio 2006 un altro torneo di doppio, a maggio vince il primo titolo in singolare all'ITF Futures Argentina F6 sconfiggendo in finale Damian Patriarca, e nello stesso torneo si impone anche in doppio. Chiuderà il 2006 con un totale di 4 titoli ITF in singolare e 4 in doppio. Nella seconda parte della stagione inizia a giocare con regolarità nei tornei Challenger e abbandona i tornei ITF, dopo averne vinti 4 in singolare e 7 in doppio. Nei tornei Challenger di singolare non va oltre i quarti di finale raggiunti al Quito Open, mentre in doppio disputa in agosto la prima finale di categoria al Cidade de Vigo, persa in coppia con Augustin Gensse. Perde altre due finali al Quito Challenger e al Medellin Open e a novembre vince il primo titolo Challenger a Naples in coppia con Pablo Cuevas, risultato con cui entra per la prima volta nella top 200 del ranking di doppio.

Anche nel 2007 in singolare non supera i quarti di finale nei tornei Challenger e in maggio entra per una sola settimana nella top 200. A novembre vince il suo primo incontro nelle qualificazioni di un torneo del circuito maggiore agli US Open e viene eliminato nel match successivo da Fabio Fognini. Quell'anno si afferma definitivamente in doppio nel circuito Challenger disputando diverse finali e vince i sei titoli di Città del Messico, Florianópolis, Torino, Campos do Jordão, Manta e Medellin. A maggio fa il suo ingresso nella top 100 di doppio e a settembre porta il best ranking alla 79ª posizione.

2008, primo titolo Challenger in singolareModifica

All'inizio del 2008 debutta nel circuito maggiore nel torneo di doppio di Viña del Mar e viene eliminato al primo turno in coppia con Hugo Armando. Subisce la stessa sorte nei successivi tornei di Costa do Sauípe e Buenos Aires. Negli stessi tornei vince alcuni incontri nelle qualificazioni di singolare senza riuscire a entrare nel tabellone principale. Il 22 giugno vince il primo titolo Challenger in singolare a Recanati con il successo per 6-3 6-4 in finale su Grega Žemlja, e con alcuni discreti risultati nei Challenger di fine stagione a novembre rientra nella top 200. Nella prima parte del 2008 non consegue risultati di rilievo in doppio e ad aprile esce dalla top 100; a giugno vince l'unico titolo in doppio della stagione in un torneo ITF (il primo disputato dal 2006 e l'ultimo in carriera), e i migliori risultati sono le due finali Challenger raggiunte a settembre.

2009, prima finale ATP, 5 titoli Challenger e 41º del ranking in singolare, 6 titoli Challenger e 71º in doppioModifica

Il 2009 è l'anno della svolta per Zeballos, che torna a primeggiare nei Challenger e ottiene ottimi risultati nel circuito maggiore. Nell'arco della stagione vince in singolare i 5 Challenger di Bucaramanga, Bogotà, Manta, Campos do Jordão e Buenos Aires. Risale velocemente la classifica e a luglio fa il suo esordio in singolare nel circuito maggiore senza passare per le qualificazioni a Newport, e viene subito eliminato. Nel successivo Challenger di Bogotá 2, in cui perde la finale, supera nei quarti l'ex campione olimpico e nº 93 del ranking Nicolas Massu, primo top 100 sconfitto in carriera. Una settimana più tardi entra per la prima volta nella top 100 di singolare.

A fine agosto supera per la prima volta le qualificazioni nel circuito maggiore agli US Open, al suo esordio in una prova del Grande Slam sconfigge Michael Berrer e viene quindi eliminato al quarto set dal nº 18 ATP Tomas Berdych. Eliminato a fine ottobre al primo turno all'ATP di Mosca da Michail Južnyj, al successivo St. Petersburg Open raggiunge la prima finale ATP eliminando nell'ordine Yuri Schukin, Alexandr Dolgopolov, Ernests Gulbis e Igor Kunitsyn, e viene sconfitto da Serhij Stachovs'kyj con il punteggio di 2-6, 7-6, 7-6, risultato con cui sale al 41º posto mondiale, nuovo best ranking.

Anche in doppio raccoglie ottimi risultati che gli fanno risalire la classifica, dopo le due finali Challenger perse a gennaio, a febbraio vince il primo incontro in doppio nel circuito maggiore a Buenos Aires in coppia con Eduardo Schwank e vengono eliminati nei quarti. Tra fine marzo e fine maggio vince i Challenger di doppio a Santiago del Cile, Bogotá, San Luis Potosí e Bordeaux, e rientra nella top 100. Esordisce in una prova del Grande Slam al Roland Garros ed esce di scena al primo turno. All'ATP di Newport si spinge fino in semifinale con Sebastian Prieto e, dopo i trionfi nei Challenger di Bogotá 2 e Cali, a settembre porta il best ranking di doppio alla 71ª posizione. A fine stagione i colleghi ATP gli assegnano il premio per l'esordiente dell'anno.[2]

2010, semifinale agli US Open, primo titolo ATP e 32º nel ranking in doppio, trionfo in World Team CupModifica

Inizia il 2010 con le sconfitte in singolare al primo turno a Auckland, all'Australian Open contro Philipp Kohlschreiber, a Santiago del Cile e al Brasil Open. Invece nel doppio inizia bene: a Auckland gioca con Rogier Wassen ed escono nei quarti dopo aver sconfitto i numeri 1 del mondo Bob e Mike Bryan. Raggiunge poi gli ottavi all'Australian Open con Leonardo Mayer e la prima finale ATP in carriera a Santiago, nella quale in coppia con Potito Starace viene sconfitto da Łukasz Kubot / Oliver Marach. Vince il primo titolo ATP in carriera nel torneo di doppio del successivo Argentina Open insieme a Sebastián Prieto, con il successo in finale per 7-6, 6-3 su Simon Greul / Peter Luczak; nel torneo di singolare esce nei quarti di finale dopo aver eliminato i veterani Gastón Gaudio, ex campione all'Open di Francia, e l'ex numero 1 del mondo Carlos Moyá. A marzo debutta nella squadra argentina di Coppa Davis nella sfida vinta 3-2 contro la Svezia, e si impone in doppio insieme a David Nalbandian. Eliminato al primo turno in singolare a Indian Wells, vince i primi incontri in un Masters 1000 al Miami Open, dove al secondo turno batte il nº 24 del ranking Gilles Simon, e viene poi eliminato dal futuro vincitore Tomáš Berdych. Raggiunge la semifinale a Houston con le vittorie su Taylor Dent, Dudi Sela e Fernando González, e viene eliminato da Juan Ignacio Chela.

Dopo le premature eliminazioni nei primi tornei sulla terra battuta europea, diventa protagonista trionfando con l'Argentina alla World Team Cup di Düsseldorf; nel round-robin batte Filip Krajinovic e vince due dei 3 incontri di doppio disputati, e nella finale vinta 2-1 contro gli Stati Uniti supera Robby Ginepri. Al secondo turno del Roland Garros viene eliminato da Rafael Nadal. A Wimbledon perde al primo turno contro la rivelazione del torneo Lu Yen-Hsun, mentre in doppio esce al secondo turno con Leonardo Mayer dopo aver eliminato le teste di serie nº 5 Łukasz Kubot / Oliver Marach. Nei quarti di finale di Coppa Davis vinti 3-2 contro la Russia a Mosca, si impone in doppio assieme a Eduardo Schwank. Nei tornei sul cemento americano vince in singolare solo un incontro a Washington. Dopo l'eliminazione al primo turno agli US Open si riscatta nel torneo di doppio, gioca con Eduardo Schwank e raggiunge per la prima volta gli ottavi di finale in una prova del Grande Slam battendo le teste di serie nº 4 Mahesh Bhupathi / Maks Mirny e con il successo su Horia Tecău / Robert Lindstedt accedono alla semifinale, nella quale vengono eliminati da Rohan Bopanna / Aisam-ul-Haq Qureshi. Con questo risultato porta il best ranking alla 33ª posizione. Nella semifinale di Coppa Davis perde il doppio con Eduardo Schwank contro Michaël Llodra / Arnaud Clément, la Francia si aggiudica la sfida per 5-0 e accede alla finale che perderà contro la Serbia di Novak Đoković. Un mese dopo perde nei quarti di finale all'ATP di Mosca contro Viktor Troicki, mentre raggiunge la semifinale in doppio e sale alla 32ª posizione mondiale. Viene eliminato al primo turno in singolare a San Pietroburgo, dove era stato finalista l'anno prima, ed esce dalla top 100.

2011, un titolo ATP e 2 Challenger in doppioModifica

Sconfitto in finale di doppio al primo impegno stagionale al Challlenger di San Paolo del Brasile, all'ATP di Santiago sconfigge il nº 16 del mondo David Nalbandian ed esce nei quarti per mano di Potito Starace; nel torneo di doppio perde in semifinale in coppia con Schwank. All'ATP di Buenos Aires elimina Pablo Andújar e viene battuto al secondo turno da Juan Ignacio Chela. Non supera il primo turno nei tornei di singolare e doppio ad Acapulco. Nei Challenger perde contro Andres Molteni la finale in singolare a Salinas e vince quella di doppio a Providencia assieme a Máximo González. Viene eliminato al secondo turno agli U.S. Men's Clay Court Championships di Houston da John Isner e all'ATP di Monaco da Marin Čilić. In quest'ultimo torneo vince con Simone Bolelli il suo secondo titolo ATP in doppio battendo in finale Andreas Beck / Christopher Kas con il punteggio di 7-6, 6-4. Nel periodo successivo gioca quasi esclusivamente nei Challenger, in singolare raggiunge la finale solo a Bordeaux, persa contro Marc Gicquel, mentre in doppio disputa due finali, perde quella assieme a Federico Delbonis al Marburg Open e si impone in quella del Genoa Open in coppia con Dustin Brown. Il trionfo a Genova arriva la settimana dopo l'eliminazione al secondo turno nel torneo di doppio agli US Open, e non compensa i punti persi nello Slam newyorkese dove l'anno prima era giunto in semifinale. Scende così all'85º posto nel ranking di doppio e termina la stagione all'88º, mentre in singolare chiude alla 109ª posizione.

2012Modifica

Horacio nel 2012 affronta per quanto riguarda l'ATP Tour i soliti tornei, cioè il Movistar Open di Santiago del Cile, dove viene battuto ancora una volta da Juan Ignacio Chela dopo aver battuto al primo turno Adrian Ungur per 6-0 7-5, la Copa Claro di Buenos Aires, in cui viene subito eliminato da Stanislas Wawrinka, il Men's Clay Court Championships di Houston uscendo al secondo turno per mano di John Isner. Risultati migliori arrivano nell'ATP Challenger Tour dove ottiene una finale a Barranquilla e i quarti a São Paulo, Bucaramanga, questi ultimi conditi dal successo nel torneo di doppio, e Salinas, prima di tornare al successo in singolare nella prima settimana di maggio a Praga nella cui finale sconfigge lo slovacco Martin Kližan per 1-6, 6-4, 7-66. Successivamente si iscrive come ottava di testa di serie al torneo di qualificazione dell'Open di Francia e, sconfiggendo Stéphane Robert, Peter Polansky e il tedesco Peter Gojowczyk, si guadagna l'accesso al tabellone principale in cui supera al primo turno la wild card Éric Prodon in quattro set prima di soccombere alla 31ª testa di serie Kevin Anderson. Sempre a Parigi nel doppio, insieme a Oliver Marach, batte la coppia composta da Michael Kohlmann e Alexander Waske, l'undicesima doppia del seeding Gonzalez/Kas e agli ottavi Michail Elgin e Denis Istomin, nei quarti riescono a portare al terzo set i fratelli Bryan, uscendo però sconfitti. Quindi salta Wimbledon, per partecipare a due challenger, nei quali ottiene due quarti di finale. Quindi Horacio partecipa allo Swedish Open 2012, dove al primo turno del singolare incontra João Souza, che lo sconfigge 6-4 6-2. Proprio il brasiliano è il suo partner nel torneo di doppio, nel quale al primo turno incontrano Simone Bolelli e Alessandro Giannessi, che sconfiggono 6-4 6-3. Al secondo turno incontrano Paul Hanley e Julian Knowle.

2013Modifica

L'argentino inizia la stagione vincendo il torneo challenger di São Paulo battendo in finale il brasiliano Rogério Dutra da Silva in due set. All'Australian Open viene battuto al primo turno dall'italiano Andreas Seppi. Il 10 febbraio vince il suo primo torneo ATP della carriera battendo in finale il rientrante Rafael Nadal con il punteggio di 6-7, 7-6, 6-4.

2019-2020Modifica

Dal 2019 gioca solo in doppio, specialità nella quale raggiunge il terzo posto mondiale e gioca la finale agli US Open in coppia con Marcel Granollers. Conquistando inoltre tre tornei ATP World Tour Masters 1000.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 10 febbraio 2013   Chile Open, Viña del Mar Terra rossa   Rafael Nadal 6(2)–7, 7–6(6), 6–4

Finali perse (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 1º novembre 2009   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i)   Serhij Stachovs'kyj 6–2, 6(8)–7, 6(7)–7

DoppioModifica

Vittorie (19)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (5)
ATP Tour 500 (3)
ATP Tour 250 (11)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversario in finale Punteggio
1. 21 febbraio 2010   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   Sebastián Prieto   Simon Greul
  Peter Luczak
7–6(3), 6–3
2. 1º maggio 2011   BMW Open, Monaco di Baviera Terra rossa   Simone Bolelli   Andreas Beck
  Christopher Kas
7–6(3), 6–4
3. 27 febbraio 2016   Brasil Open, San Paolo Terra rossa (i)   Julio Peralta   Pablo Carreño Busta
  David Marrero
4–6, 6–1, [10–5]
4. 24 luglio 2016   Swiss Open Gstaad, Gstaad Terra rossa   Julio Peralta   Mate Pavić
  Michael Venus
7–6(2), 6–2
5. 7 agosto 2016   Atlanta Open, Atlanta Cemento   Andrés Molteni   Johan Brunström
  Andreas Siljeström
7–6(2), 6–4
6. 25 settembre 2016   Open de Moselle, Metz Cemento (i)   Julio Peralta   Mate Pavić
  Michael Venus
6–3, 7–6(4)
7. 16 aprile 2017   U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa   Julio Peralta   Dustin Brown
  Frances Tiafoe
4–6, 7–5, [10–6]
8. 18 febbraio 2018   Argentina Open, Buenos Aires (2) Terra rossa   Andrés Molteni   Juan Sebastián Cabal
  Robert Farah
6–3, 5–7, [10–3]
9. 22 luglio 2018   Swedish Open, Båstad Terra rossa   Julio Peralta   Simone Bolelli
  Fabio Fognini
6–3, 6–4
10. 29 luglio 2018   German Open Hamburg, Amburgo Terra rossa   Julio Peralta   Oliver Marach
  Mate Pavić
6–1, 4–6, [10–6]
11. 17 febbraio 2019   Argentina Open, Buenos Aires (3) Terra rossa   Máximo González   Diego Schwartzman
  Dominic Thiem
6–1, 6–1
12. 16 marzo 2019   Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento   Nikola Mektić   Łukasz Kubot
  Marcelo Melo
4–6, 6–4, [10–3]
13. 11 agosto 2019   Canadian Open, Montréal Cemento   Marcel Granollers   Robin Haase
  Wesley Koolhof
7–5, 7–5
14. 16 febbraio 2020   Argentina Open, Buenos Aires (4) Terra rossa   Marcel Granollers   Guillermo Durán
  Juan Ignacio Londero
6–4, 5–7, [18–16]
15. 23 febbraio 2020   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa   Marcel Granollers   Salvatore Caruso
  Federico Gaio
6–4, 5–7, [10–7]
16. 19 settembre 2020   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa   Marcel Granollers   Jérémy Chardy
  Fabrice Martin
6–4, 5–7, [10–8]
17. 9 maggio 2021   Mutua Madrid Open, Madrid Terra rossa   Marcel Granollers   Nikola Mektić
  Mate Pavić
1–6, 6–3, [10–8]
18. 22 agosto 2021   Cincinnati Open, Cincinnati Cemento   Marcel Granollers   Steve Johnson
  Austin Krajicek
7–6(5), 7–6(5)

Finali perse (15)Modifica

Legenda
Grande Slam (2)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (12)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversario in finale Punteggio
1. 7 febbraio 2010   Chile Open, Santiago Terra rossa   Potito Starace   Łukasz Kubot
  Oliver Marach
4–6, 0–6
2. 29 settembre 2013   Malaysian Open, Kuala Lumpur Cemento (i)   Pablo Cuevas   Eric Butorac
  Raven Klaasen
2–6, 4–6
3. 16 febbraio 2014   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   Pablo Cuevas   Marcel Granollers
  Marc López
5–7, 4–6
4. 11 febbraio 2017   Ecuador Open, Quito Terra rossa   Julio Peralta   James Cerretani
  Philipp Oswald
3–6, 1–2 rit.
5. 25 agosto 2017   Winston-Salem Open, Winston-Salem Cemento   Julio Peralta   Jean-Julien Rojer
  Horia Tecău
3–6, 4–6
6. 24 settembre 2017   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i)   Julio Peralta   Roman Jebavý
  Matwé Middelkoop
4–6, 4–6
7. 7 gennaio 2018   Brisbane International, Brisbane Cemento   Leonardo Mayer   Henri Kontinen
  John Peers
6–3, 3–6, [2–10]
8. 10 febbraio 2019   Córdoba Open, Córdoba Terra rossa   Máximo González   Roman Jebavý
  Andrés Molteni
4–6, 6(4)–7
9. 28 giugno 2019   Eastbourne International, Eastbourne Erba   Máximo González   Juan Sebastián Cabal
  Robert Farah
6–3, 6(4)–7, [6–10]
10. 21 luglio 2019   Swedish Open, Båstad Terra rossa   Federico Delbonis   Sander Gillé
  Joran Vliegen
7–6(5), 5–7, [5–10]
11. 6 settembre 2019   US Open, New York Cemento   Marcel Granollers   Juan Sebastián Cabal
  Robert Farah
4–6, 5–7
12. 13 settembre 2020   Austrian Open, Kitzbühel Terra rossa   Marcel Granollers   Austin Krajicek
  Franko Škugor
6(5)–7, 5–7
13. 20 marzo 2021   Open del Messico, Acapulco Cemento   Marcel Granollers   Ken Skupski
  Neal Skupski
6(3)–7, 4–6
14. 10 luglio 2021   Torneo di Wimbledon, Londra Erba   Marcel Granollers   Nikola Mektić
  Mate Pavić
4–6, 6(5)–7, 6–2, 5–7
15. 13 febbraio 2022   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   Fabio Fognini   Santiago González
  Andrés Molteni
1-6, 1-6

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (19)Modifica
Legenda
Challenger (15)
Futures (4)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 22 giugno, 2008   Guzzini Challenger, Recanati Cemento   Grega Žemlja 6–3, 6–4
2. 1º febbraio, 2009   Open Bucaramanga, Bucaramanga Terra rossa   Carlos Salamanca 7–5, 6–2
3. 22 marzo, 2009   Colombia Open, Bogotà Terra rossa   Santiago González 7–6(3), 6–0
4. 26 luglio, 2009   Trofeo Manta Open, Manta Terra rossa   Vincent Millot 3–6, 7–5, 6–3
5. 9 agosto, 2009   Torneio Internacional Campos do Jordão, Campos do Jordão Cemento   Thiago Alves 6(6)–7, 6–4, 6–3
6. 4 ottobre, 2009   Copa Petrobras Argentina, Buenos Aires Terra rossa   Gastón Gaudio 6–2, 3–6, 6–3
7. 13 maggio, 2012   Prague Open, Praga Terra rossa   Martin Kližan 1–6, 6–4, 7–6(6)
8. 4 novembre, 2012   Uruguay Open, Montevideo Terra rossa   Julian Reister 6–3, 6–2
9. 11 novembre, 2012   São Léo Open, São Leopoldo Terra rossa   Paul Capdeville 3–6, 7–5, 7–6(2)
10. 6 gennaio, 2013   Aberto de São Paulo, São Paulo Terra rossa   Rogério Dutra da Silva 7–6(5), 6–2
11. 11 novembre, 2013   Lima Challenger, Lima Terra rossa   Facundo Bagnis 6(4)–7, 6–3, 6–3
12. 29 giugno, 2014   Marburg Open, Marburgo Terra rossa   Thiemo De Bakker 3–6, 6–3, 6–3
13. 20 settembre 2014   Quito Challenger, Quito Terra rossa   Nicolas Jarry 6–4, 7–6(9)
14. 19 giugno 2016   Poprad-Tatry ATP Challenger Tour, Poprad Terra rossa   Gerald Melzer 6–3, 6–4
15. 9 luglio 2016   Båstad Challenger, Båstad Terra rossa   Roberto Carballés Baena 6–3, 6–4
Finali perse (16)Modifica
Legenda
Challenger (12)
Futures (4)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 28 settembre, 2008   Copa Petrobras Bogotá, Bogotà Terra rossa   Marcos Daniel 4–6, 6–4, 4–6
2. 3 maggio, 2009   Open Pereira, Pereira Terra rossa   Alejandro Falla 4–6, 6–4, 2–6
3. 19 luglio, 2009   Open Bogotá, Bogotà Terra rossa   Marcos Daniel 6–4, 6(5)–7, 4–6
4. 20 settembre, 2009   Open Cali, Cali Terra rossa   Alejandro Falla 3–6, 4–6
5. 5 marzo, 2011   Challenger Salinas, Salinas Terra rossa   Andrés Molteni 5–7, 6(4)–7
6. 15 maggio, 2011   Primrose Bordeaux, Bordeaux Terra rossa   Marc Gicquel 2–6, 4–6
7. 1º aprile 2012   Open Barranquilla, Barranquilla Terra rossa   Alejandro Falla 2–6, 4–6
8. 15 luglio 2014   Liberec Open, Liberec Terra rossa   Andrej Martin 6–1, 1–6, 4–6
9. 25 ottobre 2015   Santiago Challenger 2, Santiago del Cile Terra rossa   Rogério Dutra da Silva 5-7, 6-3, 5-7
10. 22 maggio 2016   Venice Challenge Save Cup, Mestre Terra rossa   Gastao Elias 6–7, 2–6
11. 7 novembre 2016   Open Bogotá, Bogota Terra rossa   Facundo Bagnis 6–3, 2–6, 6(4)–7
12. 9 ottobre 2017   Challenger de Buenos Aires, Buenos Aires Terra rossa   Nicolás Kicker 7–6(5), 0–6, 5–7

DoppioModifica

Vittorie (42)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (34)
Futures (8)

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A A A 1T A A 1T 1T Q1 A 1T 1T A 0–5
  Roland Garros, Parigi Q1 A Q2 2T Q1 2T 2T Q2 Q1 1T 4T 2T A 7–6
  Wimbledon, Londra Q1 A Q2 1T A A 1T A 1T 1T 1T 2T A 1–6
  US Open, New York Q2 A 2T 1T 1T Q1 1T Q1 Q1 2T 1T A A 2–6
Vittorie–Sconfitte 0–0 0–0 1–1 1–4 0–1 1–1 1–4 0–1 0–1 1–3 3–4 2–3 0–0 10–23
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici ND A Non disputati A Non disputati A Non disputati 0–0
Vittorie–Sconfitte ND 0–0 Non disputati 0–0 Non disputati 0–0 Non disputati 0–0

DoppioModifica

Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A A A 3T A A 1T 1T 2T A 1T 1T QF 3T 8–8
  Roland Garros, Parigi A A 1T 2T A QF SF 2T 1T 1T QF 2T 1T 3T 15–11
  Wimbledon, Londra Q1 A Q1 2T A A 2T A A 1T 2T 2T 3T ND 6–6
  US Open, New York A A A SF 2T 1T 3T 1T 1T 1T 2T 2T F 1T 14–11
Vittorie–Sconfitte 0–0 0–0 0–1 8–4 1–1 3–2 7–4 1–3 1–3 0–3 5–4 3–4 10–4 4–3 43–36
Torneo di Fine Anno
  ATP Finals, Londra A A A A A A A A A A A A A SF 2–2
Vittorie–Sconfitte 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 0–0 2–2 2–2
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici ND A Non disputati A Non disputati A Non disputati 0–0
Vittorie–Sconfitte ND 0–0 Non disputati 0–0 Non disputati 0–0 Non disputati 0–0

Doppio mistoModifica

Nessuna partecipazione

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica