Apri il menu principale
Forest Whitaker alla prima di Two Men in Town (2014)
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior attore 2007

Forest Steven Whitaker (Longview, 15 luglio 1961) è un attore, regista e produttore cinematografico statunitense.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di un assicuratore e di un'insegnante, i genitori lo spinsero verso le discipline sportive, durante il college praticò football americano a ottimi livelli, riuscendo ad ottenere una borsa di studio. Ma la passione per la recitazione e il canto, con un timbro da tenore, lo spinsero a frequentare l'università di San Francisco.

Esordisce nel 1982 nel film Fuori di testa al fianco di Sean Penn, successivamente recita in film come Platoon, Good Morning, Vietnam, Il colore dei soldi, La moglie del soldato e Bird dove interpreta il musicista Charlie Parker. Nel 1995 debutta come regista nel film Donne - Waiting to Exhale con Whitney Houston. Nel 2000 ricevette una nomination per il Razzie Awards nella categoria peggiore attore non protagonista dell'anno per Battaglia per la Terra, film che ha collezionato ben nove Razzie.

Dopo altre interpretazioni in film come Ghost Dog - Il codice del samurai, Smoke, In linea con l'assassino e Panic Room, nel 2007 vinse l'Oscar al miglior attore protagonista, il Golden Globe, e il Bafta per la sua interpretazione del sanguinario dittatore ugandese Idi Amin Dada ne L'ultimo re di Scozia, oltre ai premi di miglior attore delle più importanti associazioni dei critici statunitensi: Chicago, Los Angeles, Boston, Kansas City, Las Vegas e New York.

Tra il 2006 e il 2007 è apparso in alcune puntate delle serie televisive E.R. - Medici in prima linea e The Shield. Nel 2008 è stato la voce narrante di Crips and Bloods: Made in America, un documentario sulle gang afroamericane di Los Angeles. Nel 2013 fonda una casa di produzione che porta il suo nome, la Forest Whitaker's Significant Productions, il cui primo film prodotto è stato Prossima fermata Fruitvale Station. Nel 2015 ebbe un ruolo in Southpaw - L'ultima sfida (film diretto dal noto regista Antoine Fuqua) al fianco di Jake Gyllenhaal e fu candidato al NAACP Image Award come migliore attore non protagonista, che tuttavia alla fine non vinse.

Vita privataModifica

Sul set del film Blown Away - Follia esplosiva conobbe l'attrice Keisha Simone Nash, che ha poi sposato nel 1996 e con cui ha avuto due figlie: Sonnet Noel (1996) e True (1998). Ha anche due altri figli, Ocean (1990) ed Autumn, nati da una sua precedente relazione. È da molti anni un convinto vegetariano (come anche sua figlia True) ed uno strenuo sostenitore dei diritti degli animali[1][2], essendo membro della PETA, per la quale ha anche girato degli spot[3].

È cintura nera di kenpō, oltre ad essere un entusiasta praticante di escrima, cui si allena sotto la supervisione di Dan Inosanto, e yoga[2]. È affetto da ptosi palpebrale all'occhio sinistro, condizione che, al parere dei critici, gli donerebbe un'aria "intrigante", conferendo alla sua recitazione un'impostazione "pigra e contemplativa"[4][5]. L'attore ha spiegato che questa condizione è ereditaria, ed ha più volte considerato la possibilità di un intervento chirurgico correttivo, non per fini estetici, bensì per migliorare la propria vista[6].

FilmografiaModifica

 
Forest Whitaker alla prima di My Own Love Song (2010)

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatoreModifica

RegistaModifica

ProduttoreModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Forest Whitaker è stato doppiato da:

  • Massimo Corvo in Il colore dei soldi, Sorveglianza... speciale, Diario di un killer, Last Light - Storia di un condannato a morte, Smoke, Ghost Dog - Il codice del samurai, Una voce per gridare, Battaglia per la Terra, Mary, Messenger, Even Money, The Shield, E.R. - Medici in prima linea, Ripple Effect, Matrimonio in famiglia, Catch .44, Freelancers, The Last Stand - L'ultima sfida, Arrival, La fine
  • Paolo Marchese in Criminal Minds: Suspect Behavior, The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca, Il fuoco della vendetta - Out of the Furnace, Southpaw - L'ultima sfida, Two Men in Town, Radici, Pawn, Condannato a combattere - The Forgiven, City of Lies - L'ora della verità
  • Paolo Buglioni in La moglie del soldato, L'ultimo re di Scozia, La notte non aspetta, Repentance - Troppo tardi, Taken 3 - L'ora della verità, Empire
  • Angelo Nicotra in Bird, Pronti a tutto, Prêt-à-Porter, Il segreto di Claire, The Air I Breathe, The Experiment, A Dark Truth - Un'oscura verità
  • Roberto Draghetti in The Dragon, American Gun, Criminal Minds, Un Natale speciale a New York
  • Gianluca Tusco in Phenomenon, Il quarto angelo, Repo Men
  • Enzo Avolio in L'occhio gelido del testimone, In linea con l'assassino
  • Stefano Mondini in Prospettive di un delitto, Winged Creatures - Il giorno del destino
  • Roberto Pedicini in Blown Away - Follia esplosiva, Specie mortale
  • Roberto Stocchi in Rogue One: A Star Wars Story, Black Panther
  • Claudio Fattoretto in Fuori di testa
  • Sergio Fiorentini in Platoon
  • Loris Loddi in Good Morning, Vietnam
  • Francesco Pannofino in Johnny il bello
  • Massimo Dapporto in Giochi d'adulti
  • Marcello Cortese in Giustizia criminale
  • Luca Biagini in Articolo 99
  • Eugenio Marinelli in Più in alto di tutti
  • Raffaele Farina in Body Count
  • Riccardo Rossi in Panic Room
  • Massimiliano Lotti in The Great Debaters - Il potere della parola

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ Video di Forest Whitaker sul vegetarismo, su veggietestimonial.peta.org. URL consultato il 21 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2010).
  2. ^ a b Forest Whitaker: The King Of The Oscars?, su cbsnews.com, 31 gennaio 2007.
  3. ^ PSA for PETA PETA TV.
  4. ^ Wloszczyna, Susan. "'Last King' demanded obedience to their craft." USA Today. October 2, 2006.
  5. ^ Zackarek, Stephanie. "Jim Jarmusch adds lyrical violence to a Zen meditation on warriors hip-hop and ancient." Archiviato il 3 ottobre 2009 in Internet Archive. Salon.com. March 9, 2000.
  6. ^ Sager, Mike. "What I've Learned: Forest Whitaker." Esquire. February 26, 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85707023 · ISNI (EN0000 0001 2102 8377 · LCCN (ENn92111558 · GND (DE129591971 · BNF (FRcb13954386h (data) · WorldCat Identities (ENn92-111558