Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico del Giappone 1991

Giappone GP del Giappone 1991
465º GP della storia del Motomondiale
1ª prova su 15 del 1991
Suzuka circuit map (1987-2002).svg
Data 24 marzo 1991
Nome ufficiale KIBUN Japanese Grand Prix Suzuka 1991
Luogo Suzuka
Percorso 5,859 km
Risultati
Classe 500
420º GP nella storia della classe
Distanza 22 giri, totale 128,898 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Kevin Schwantz Stati Uniti John Kocinski
Suzuki in 2'11.948 Yamaha in 2'11.149
Podio
1. Stati Uniti Kevin Schwantz
Suzuki
2. Australia Mick Doohan
Honda
3. Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha
Classe 250
427º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri, totale 117,180 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Wilco Zeelenberg Italia Luca Cadalora
Honda in 2'16.011 Honda in 2'15.075
Podio
1. Italia Luca Cadalora
Honda
2. Spagna Carlos Cardús
Honda
3. Paesi Bassi Wilco Zeelenberg
Honda
Classe 125
400º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 93,744 km
Pole position Giro veloce
Giappone Noboru Ueda Giappone Noboru Ueda
Honda in 2'24.623 Honda in 2'22.264
Podio
1. Giappone Noboru Ueda
Honda
2. Italia Fausto Gresini
Honda
3. Italia Loris Capirossi
Honda

Il Gran Premio motociclistico del Giappone 1991 è stata la prima prova del motomondiale del 1991.

Kevin Schwantz è stato il vincitore della gara riservata alla classe 500, lo statunitense, autore anche della pole position, ha portato a compimento una gara tiratissima, con Mick Doohan (secondo), Wayne Rainey (terzo) e John Kocinski (quarto ed autore del giro veloce della gara) in lotta per la vittoria fino all'ultimo giro.[1][2]

Nella lista degli iscritti alla classe 500 da riscontrare la presenza di ventinove piloti, di questi però soltanto sedici registrati quali piloti titolari (quindi iscritti a tutte le gare del campionato), i restanti (tredici piloti) erano tutti con lo status di wild card. Tra i piloti partecipanti grazie ad una wild card, da segnalare il rientro in una gara del motomondiale per Kevin Magee dopo la caduta nel GP degli Stati Uniti dello scorso anno, il pilota australiano prese parte a questo GP con il team ufficiale Lucky Strike Suzuki.

Incerta fino alla fine anche la gara della classe 250, con Luca Cadalora che riesce ad avere la meglio di Carlos Cardús, sopravanzandolo sulla linea del traguardo di pochi millesimi. Terzo all'arrivo Wilco Zeelenberg, autore il giorno precedente la gara della sua prima pole position in carriera nel motomondiale.[1][2]

In tutte e tre le classi presenti in questo GP numerossissimi sono stati i piloti di nazionalità giapponese iscritti come wild card, nessuno di essi però è riuscito a raggiungere risultati di rilievo ad eccezione di Noboru Ueda che, all'esordio in una competizione motociclistica mondiale, ottiene subito la vittoria ed anche la pole ed il giro più veloce nella gara della classe 125.[1][2] Proprio grazie alla risonanza ottenuta da questa vittoria, Ueda riesce a trovare dei finanziamenti per poter coprire i costi dell'intera stagione sportiva, iscrivendosi pertanto a tutte le restanti gare in calendario come pilota titolare. Da sottolineare inoltre come l'ultimo pilota giapponese ad ottenere una vittoria nella 125 era stato Yoshimi Katayama al Gran Premio di Germania del 1967.

Dal punto di vista statistico, Doug Chandler in 500 e Gimmi Bosio in 125, hanno fatto segnare i primi punti iridati alla loro gara d'esordio nel motomondiale.

Non prevista la presenza della gara della classe sidecar in questo GP.

Classe 500Modifica

 
Una fase del GP, dove si notano: Doohan (3), Schwantz (34), Kocinski (19) e Rainey (1)

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 22 48'35.747 20
3   Mick Doohan Rothmans Honda Honda NSR 500 22 +0.204 17
1   Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 22 +0.353 15
19   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 22 +0.556 13
5   Wayne Gardner Rothmans Honda Honda NSR 500 22 +35.311 11º 11
7   Eddie Lawson Cagiva Cagiva C591 22 +44.915 10
6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha YZR 500 22 +55.830 9
10   Sito Pons Campsa Honda Honda NSR 500 22 +1'08.316 13º 8
41   Keiichiro Iwahashi Ajinomoto Honda NSR 500 22 +1'08.373 10º 7
10º 12   Alex Barros Cagiva Cagiva C591 22 +1'15.302 6
11º 21   Doug Chandler Roberts Yamaha Castrol Yamaha YZR 500 22 +1'15.595 17º 5
12º 20   Adrien Morillas Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 22 +1'18.928 16º 4
13º 9   Kevin Magee Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 22 +1'20.899 18º 3
14º 27   Didier de Radiguès Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 22 +1'22.472 19º 2
15º 46   Peter Goddard Hayashi Yamaha YZR 500 22 +1'22.696 12º 1
16º 28   Shin'ichi Itō Pentax Honda NSR 500 22 +1'38.831
17º 45   Toshihiko Honma YMO Yamaha YZR 500 22 +1'41.697 24º
18º 37   Kunio Machii Nescafé Yamaha YZR 500 22 +1'41.905 20º
19º 40   Satoshi Tsujimoto S.R.T. Suzuki RGV Γ 500 22 +1'54.952 22º
20º 36   Hikaru Miyagi Ajinomoto Honda NSR 500 22 +1'55.213 21º
21º 25   Tatsuro Arata Itohen Yamaha YZR 500 21 +1 giro 27º
22º 16   Cees Doorakkers HEK-Bauwmachines Honda RS 500 21 +1 giro 28º

RitiratiModifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
17   Eddie Laycock Millar Racing Yamaha YZR 500 17 26º
8   Jean-Philippe Ruggia Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 9
39   Keiji Ohishi Camel Yamaha YZR 500 9 25º
35   Norihiko Fujiwara Kirin Mets Yamaha YZR 500 7 15º
38   Osamu Hiwatashi S.R.T. Suzuki RGV Γ 500 1 23º
44   Tadahiko Taira Y.R.T.R. Yamaha YZR 500 1 14º

Non qualificatoModifica

Pilota Squadra Motocicletta
13   Niggi Schmassman Technotron Honda RS 500

Classe 250Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
3   Luca Cadalora Honda 20 45'23.048 20
2   Carlos Cardús Honda 20 +0.255 17
5   Wilco Zeelenberg Honda 20 +17.876 15
53   Masumitsu Taguchi Honda 20 +21.180 13
55   Nobuatsu Aoki Honda 20 +21.560 11º 11
52   Tetsuya Harada Yamaha 20 +21.570 10
4   Helmut Bradl Honda 20 +22.060 9
7   Masahiro Shimizu Honda 20 +23.103 18º 8
13   Loris Reggiani Aprilia 20 +31.920 15º 7
10º 54   Tsutomu Udagawa Honda 20 +37.366 6
11º 57   Katsuyoshi Kozono Honda 20 +37.953 5
12º 61   Kyoji Nanba Yamaha 20 +40.569 12º 4
13º 8   Jochen Schmid Honda 20 +56.684 17º 3
14º 6   Martin Wimmer Suzuki 20 +56.734 10º 2
15º 56   Toshiyuki Arakaki Honda 20 +57.140 16º 1
16º 59   Osamu Miyazaki Yamaha 20 +58.962 20º
17º 9   Pierfrancesco Chili Aprilia 20 +1'00.083 13º
18º 51   Jean Pierre Jeandat Honda 20 +1'03.334 23º
19º 18   Andreas Preining Aprilia 20 +1'08.539 19º
20º 33   Stefan Prein Honda 20 +1'10.775 21º
21º 16   Alberto Puig Yamaha 20 +1'31.053 26º
22º 58   Takehiko Kurokawa Honda 20 +1'34.951 30º
23º 21   Leon van der Heijden Honda 20 +1'35.323 27º
24º 60   Yoshiaki Katō Yamaha 20 +1'38.026 25º
25º 15   Carlos Lavado Yamaha 20 +1'41.074 31º
26º 17   Paolo Casoli Yamaha 20 +1'48.765 29º
27º 47   Urs Jücker Yamaha 20 +2'07.317 37º
28º 14   Peter Lindén Honda 20 +2'10.769 32º
29º 42   Kevin Mitchell Yamaha 20 +2'13.523 36º
30º 41   Frédéric Protat Aprilia 20 +2'13.687 34º
31º 23   Jim Filice Yamaha 19 +1 giro 24º
32º 32   Bernard Haenggeli Aprilia 19 +1 giro 33º

RitiratiModifica

Pilota Costruttore Giri Griglia
62   Hiroyuki Yamagishi Honda 18 28º
44   Jaime Mariano Aprilia 16 35º
11   Àlex Crivillé JJ Cobas 13 14º
45   Corrado Catalano Honda 6 38º
29   Tadayuki Okada Honda 5
20   Doriano Romboni Honda 1 22º

Non qualificatoModifica

Pilota Costruttore
48   Ian Newton Yamaha

Classe 125Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
56   Noboru Ueda Honda 16 38'26.905 20
7   Fausto Gresini Honda 16 +2.553 17
1   Loris Capirossi Honda 16 +8.676 15
55   Masato Shima Honda 16 +15.917 10º 13
5   Jorge Martínez JJ Cobas 16 +33.737 31º 11
10   Heinz Lüthi Honda 16 +37.389 11º 10
28   Ralf Waldmann Honda 16 +37.546 16º 9
53   Akira Saitō Honda 16 +38.930 12º 8
54   Soichiro Satoh Honda 16 +39.174 15º 7
10º 11   Adi Stadler JJ Cobas 16 +39.327 6
11º 12   Gabriele Debbia Aprilia 16 +39.380 13º 5
12º 51   Nobuyuki Wakai Honda 16 +39.425 4
13º 59   Yosuke Yamakawa Honda 16 +45.178 3
14º 27   Gimmi Bosio Honda 16 +47.160 17º 2
15º 58   Kin'ya Wada Honda 16 +47.506 22º 1
16º 2   Hans Spaan Honda 16 +47.883
17º 60   Masayuki Hirose Honda 16 +48.032 24º
18º 16   Kōji Takada Honda 16 +54.478 26º
19º 20   Hisashi Unemoto Honda 16 +54.555 20º
20º 46   Arie Molenaar Honda 16 +1'03.982 32º
21º 4   Dirk Raudies Honda 16 +1'05.364 40º
22º 17   Steve Patrickson Honda 16 +1'06.647 23º
23º 57   Hideaki Ueno Honda 16 +1'06.674 18º
24º 14   Julián Miralles Caballero JJ Cobas 16 +1'06.892 30º
25º 9   Alessandro Gramigni Aprilia 16 +1'31.032 28º
26º 40   Johnny Wickström Honda 16 +1'30.576 33º
27º 18   Robin Appleyard Honda 16 +1'30.874 27º
28º 15   Maurizio Vitali Gazzaniga 16 +1'30.939 19º
29º 45   Thierry Feuz Honda 16 +1'32.191 35º
30º 47   Oliver Petrucciani Aprilia 16 +1'56.424 37º
31º 29   Peter Galvin Honda 16 +1'56.544 34º
32º 50   Hubert Abold Honda 16 +2'24.346 39º
33º 91   Manuel Herreros JJ Cobas 15 +1 giro 29º

RitiratiModifica

Pilota Costruttore Giri Griglia
6   Ezio Gianola Derbi 13 14º
52   Mokoto Ono Honda 13
42   Herri Torrontegui Honda 9 25º
3   Bruno Casanova Honda 6
19   Alfred Waibel Honda 6 38º
35   Kazuto Sakata Honda 5 21º
34   Emilio Cuppini Gazzaniga 2 36º

Non qualificatiModifica

Pilota Costruttore
44   Alan Patterson Honda
49   René Dünki Honda

NoteModifica

  1. ^ a b c Giancarlo Di Filippo, Cadalora trova subito l'Honda vincente, su archiviolastampa.it, 25 marzo 1991, p. 13.
  2. ^ a b c Carlo Braccini, Vince il <<nuovo>> Cadalora Per Capirossi ultimo podio da minorenne (PDF), su archiviostorico.unita.it, 25 marzo 1991, p. 29 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica